Isola Keré ad Orango, Bijagos, Guinea Bissau

Alla Ricerca degli Ippopotami Lacustri-Marini e sacri delle Bijagós


Fenicotteri bagnati
Ancora cercando
Formazione
La spiaggia dello sbarco
lavoro dei tessitori
Incrocio di Charco
Il sentiero dell'ippopotamo
Grande Ippo
La Laguna di Anor
Rela Alva
salsa ipos
Anor Anatre
stormo di piovanelli
Dieci ippopotami o più
Sono i mammiferi più letali dell'Africa e, nell'arcipelago di Bijagós, conservati e venerati. A causa della nostra particolare ammirazione, ci siamo uniti a una spedizione nella loro ricerca. Partendo dall'isola di Kéré e arrivando nell'entroterra di Orango.

Non sono ancora le otto del mattino quando Herculano, l'uomo al timone, salpa dall'isola di Kéré.

Saliamo a bordo di un motoscafo metallico che scivola sul mare poco profondo di Bijagós quasi senza ondeggiare. Più avanti, verso ovest e verso l'Atlantico, abbiamo il canale che separa le isole di Carache e Caravela.

Se lo prendessimo, dall'altra parte, saremmo più esposti all'Atlantico. Invece, costeggiamo l'estremità orientale di Carache, dirigendoci verso il canale Pedro Cintra e nel cuore dell'arcipelago.

Si susseguono le palme da olio africane, così caratteristiche di queste parti dell'Africa da essere conosciute anche come palme della Guinea, superate in altezza solo dalle poilões più antiche.

A sud-est, lungo la costa dell'isola di Enu e nell'immediata costa di Uno, ad eccezione di poche zone di mangrovie, il paesaggio mantiene la stessa costanza vegetazionale.

Ci mettiamo tra Uracane e Uno. Ci siamo avvicinati al sottogruppo di isole che formano l'Orango PN.

Paulo Martins, la guida, e Miguel LeCoq, biologo e guida, spiegano un po' gli ecosistemi e la cultura dei Bijagós. Una volta lì, ci avvisano di qualcosa di speciale.

L'Asado Sandbank sul Sentiero di Orango

Si intravede quello che sembra un banco di sabbia lasciato scoperto dal riflusso della marea, occupato da una miriade di uccelli. Quando ci siamo avvicinati a lui, ciò sembrava essere confermato. Diverse specie lo condividono.

Molti degli uccelli hanno spazio solo sul bordo della riva, dove le onde li rinfrescano.

Ci avviciniamo un po'. Ci rendiamo conto che questi ultimi sono trampolieri.

Decine di fenicotteri osservano la nave. A loro si uniscono diverse centinaia di piovanelli, appena arrivati ​​dalla lontana Islanda.

Continuiamo la navigazione. Nonostante la distanza, alcuni uccelli diffidenti giocano sul sicuro. Mentre decollano, incoraggiano gli altri a seguirli.

Generano un caos selvaggio che riesce a confonderci. A poco a poco, mentre girano intorno al banco di sabbia in un giro evasivo, cadono nelle loro formazioni appropriate.

I fenicotteri si liberano dai piovanelli. Da quel momento in poi, abbiamo ammirato, senza interferenze, l'esuberanza dei suoi colori e delle sue forme, la grazia del suo volo sincronizzato.

Mentre ci allontaniamo dal banco di sabbia, i fenicotteri completano la loro ellisse. Ritorno al punto di partenza.

Nel frattempo passiamo dal villaggio di Anônho e, presto, tra questo e quello di Eticoga. Ci fermiamo al molo dell'Orango Hotel. Lì siamo raggiunti da Belmiro Lopes, nativo di Orango e guida di PN Orango, incaricato di portarci a incontrare gli ippopotami.

Herculano e Miguel ti salutano. Ti danno il benvenuto a bordo e ti informano sulle novità, alcune delle quali importanti per la spedizione. Lo fanno in creolo guineano, che, a causa del suo lungo periodo in Guinea Bissau, anche Miguel padroneggia.

Continuiamo lungo la costa di Orango, sul sentiero fino al punto di approdo. In quest'ultimo viaggio siamo vicini al limite dell'arcipelago, più esposto all'oceano.

Per la prima volta, l'Atlantico bagna la sabbia con campioni di onde che fanno poco o nulla per disturbare il passaggio alla terraferma.

Sbarca a Orango e cammina attraverso i prati di Anôr

Già sulla sabbia rovente, rilassiamo le gambe da quasi tre ore di motoscafo.

Abbiamo esaminato la vegetazione costiera, bassa, quasi arbustiva, priva delle grandi faraone e delle poleis che si erano succedute fin dall'ormai remoto Isola di Kerè.

Belmiro ci conduce al sentiero su cui avanzeremmo verso l'interno di Orango.

In pochi metri notiamo che attraversa una savana giallastra, e un paesaggio diverso da quelli di Kéré, Caravela e Carache, il trio di oltre ottanta Bijagó che, a quel tempo, avevamo esplorato.

Miguel spiega che, per come l'abbiamo vista, la savana con l'erba alta è diventata dorata con il prolungarsi della stagione secca della regione.

Quando sono arrivate le piogge, quei prati si sono inzuppati e sono diventati verdi, più consoni alla vita anfibia degli ippopotami.

Non a caso, pochi istanti dopo, abbiamo individuato una scia di prati sradicati e terreno sabbioso, creata dai successivi passaggi dei cavalli di fiume.

Abbiamo camminato tra alberi di tambakunda. Con la spremitura a caldo, i suoi frutti illusori e duri come la pietra, ci fanno sognare kiwi succosi.

La ricompensa è diversa.

La prima delle lagune di Anôr

Il sentiero rivela il primo dei tre laghi coperti e la possibilità iniziale di vedere ippopotami.

Belmiro e Miguel scrutano lo specchio d'acqua pieno di ninfee, circondato da erba e su una riva secondaria, acacie e, sì, alcune palme da olio africane.

In questa ricerca, ci imbattiamo in due coccodrilli che ricaricano.

Abbiamo fotografato una prolifica comunità di uccelli: tessitori, autori di un impressionante macramè di nidi di paglia.

E anche anatre, ibis, aironi e altri.

I ripetuti suoni di applausi dei bassi prodotti da Belmiro non riescono a rivelare e ad attrarre gli ippopotami. Le guide li decretano assenti da quella laguna.

Di conseguenza, terminarono il resto e ci avviarono verso il lago che seguì.

Ancora per un po', vagammo nella savana.

A tratti, attraverso un prato così incolto che ci raggiungeva in altezza. Attraversammo corgas fangosi e scuri e pozzanghere, sintomi che ci avvicinavano a ridotte allagate.

La Seconda Laguna di Anôr, ancora alla ricerca

Abbiamo attraversato un'ultima pozza d'acqua nera e rugginosa in una fitta foresta, piena di fronde e liane arricciate. Belmiro annuncia che siamo all'ingresso della seconda laguna.

Ci lascia a distanza di sicurezza, in attesa.

Quindi, avanzare fino al bordo leggermente rialzato. Nascosta dalla boscaglia, recupera le palme risonanti della prima laguna. Una volta. Due. Molti di più.

Per quattro o cinque minuti, senza risultato. Belmiro si porta davanti ad un altro punto dove, attraverso un breve canale, questa laguna aveva un prolungamento. Ecco, torniamo ai tuoi palmi evocativi.

Ci sembra tutto ciò ancora vano.

Infine l'Incontro con gli Ippopotami di Orango

Stiamo voltando le spalle e ci prepariamo per un'altra ora di cammino e per l'ultimo tentativo, quando Belmiro avvisa Miguel. "Sono qui!" conferma il biologo. Ci mettiamo in fila sul bordo, più silenziosi che possiamo.

All'inizio non vediamo alcun segno degli animali. Belmiro lo porta tra i palmi, più intenso ed echeggiante. Alla fine emerge un curioso ippopotamo, con le orecchie e la testa che spuntano dall'acqua ricoperte da una fitta vegetazione. Quindi, un secondo.

Un altro vantaggio. E ancora un altro.

Poco dopo essersi adattati ai contorni del cespuglio e esserne rimasti stupiti, abbiamo contato almeno dieci ippopotami, tutti con la testa fuori dall'acqua, solo dalle narici in su, con le orecchie dritte.

Incuriositi dall'ambasciata che abbiamo dedicato loro.

A poco a poco, si avvicinano a noi.

In modo tale che, pur consapevoli che il piano superiore da cui li osserviamo ci protegge, cominciano a intimidirci.

Li stavamo ammirando da quindici minuti.

Belmiro, riteneva che gli animali si stessero avvicinando troppo e che il tempo fosse scaduto.

Di conseguenza, tornammo indietro attraverso lo stagno scuro, fuori dalla sacca di foresta che avvolgeva la laguna.

"Bene, questo, oggi, è stato davvero fortunato!" dice Belmirò. “Le ultime volte che sono venuto qui, non sono mai riuscito a vederli. Appena arrivi alla seconda laguna, trovi subito un gruppo così!”

L'evoluzione causata dalle sanguisughe

Abbiamo condiviso una giustificata euforia. Colpito solo dalla preoccupazione di esaminare i piedi e le zampe, alla ricerca delle sanguisughe che infestano quella laguna e intorno, come altre di Orango.

Per derivazione della stessa fortuna, non abbiamo portato con noi nemmeno uno di quei parassiti che da tempo approfittano del ippopotamo anfibio das Bijagós e si ritiene che abbiano finito per determinare un comportamento unico dei quasi duecento esemplari stimati nell'Orango PN.

La specie Bijagós è quella comune. In termini ecologici, presenta un'evoluzione resa possibile dal passato geologico della regione.

La probabile spiegazione geologica

Un tempo, l'attuale area del Arcipelago di Bijagos era riempito da un vasto delta del fiume, coperto di acqua dolce. Nel corso dei millenni, l'oceano è avanzato.

Rendilo blu marino.

Gli ippopotami che proliferarono su diverse altre grandi isole dell'arcipelago, Caravela, Formosa e, si sa, anche Bubaque, si adattarono alle nuove condizioni.

Ad un certo punto gli animali hanno appreso che, immergendosi nell'acqua del mare, così vicino ai laghi, si sono sbarazzati delle sanguisughe che gli bucano la pelle.

Quindi, quando le sanguisughe li infastidiscono, vanno nell'oceano. Rimangono in un bagno di sale per un'ora o due. A volte di più. Quando tornano ai laghi dove vivono, sono già purificati.

Gli ippopotami a volte effettuano traversate marittime più lunghe. Molti di loro vivono anche stabilmente in mare, da cui escono per bere acqua fresca e nutrirsi.

Capita, di tanto in tanto, di sbarcare vicino alle Bijagós tabancas, anche al di fuori dell'Orango PN, come è successo sulle isole relativamente lontane di Unhocomo e Unhocomozinho.

In quelle occasioni, la gente dei Bijagós li teme, ma li caccia via.

Dal momento che il popolo Bijagó può ricordare, gli ippopotami sono visti come potenti e quasi sacri e, come tali, protetti.

Trovarli su un'isola in PN Orango, o in qualsiasi altro Bijagó, ha la sensazione di un graal animale.

COME ANDARE: 

volare con euroatlantico , Lisbona-Bissau e Bissau-Lisbona, il venerdì.

PRENOTA LA TUA VACANZA SULL'ISOLA DI KÉRÉ E LE SPEDIZIONI ALLA RICERCA DI IPPOPOTAMI e/o TARTARUGHE BIJAGOS IN:

http://bijagos-kere.fr o per telefono e WhatsApp: +245 966993827

Isola Keré, Bijagos, Guinea Bissau

La piccola Bijagó che ha Ospitato un Grande Sogno

Cresciuto in Costa d'Avorio, il francese Laurent ha trovato, nell'arcipelago delle Bijagós, il luogo che lo ha rapito. L'isola che condivide con la moglie portoghese Sónia li ha accolti e l'affetto che provavano per la Guinea Bissau. Kéré e i Bijagós hanno da tempo incantato i visitatori.
Crociera Africa Princess, 2º Orangozinho, Bijagos, Guinea Bissau

Orangozinho e i Confins del PN Orango

Dopo una prima incursione all'isola di Roxa, salperemo da Canhambaque per concludere la giornata alla scoperta della costa nel vasto e disabitato fondale di Orangozinho. La mattina dopo risalimmo il fiume Canecapane, alla ricerca della grande tabanca dell'isola, Uite.
Bubaque, Bijagos, Guinea Bissau

Il Portale dei Bijagós

Sul piano politico, Bolama resta capitale. Nel cuore dell'arcipelago e nella vita di tutti i giorni, Bubaque occupa questo posto. Questa città sull'omonima isola accoglie la maggior parte dei visitatori. A Bubaque sono incantati. Da Bubaque, molti si avventurano verso altri Bijagós.
Crociera Africa Princess, 1º Bijagos, Guinea Bissau

Verso Canhambaque, attraverso la Storia della Guinea Bissau

L'Africa Princess salpa dal porto di Bissau, a valle dell'estuario del Geba. Facciamo una prima sosta sull'isola di Bolama. Dalla vecchia capitale, ci dirigiamo verso il cuore dell'arcipelago di Bijagós.
Tabato, Guinea Bissau

La Tabanca dei Mandinga Poeti Musicisti

Nel 1870, una comunità di musicisti mandingo itineranti si stabilì vicino all'attuale città di Bafatá. Dai Tabatô che hanno fondato, la loro cultura e, in particolare, i loro prodigiosi balafonisti, abbagliano il mondo.
Tabato, Guinea Bissau

Tabatô: al Ritmo di Balafom

Durante la nostra visita alla tabanca, a colpo d'occhio, il djidius (poeti musicisti)  i mandinga sono organizzati. Due dei prodigiosi balafonisti del villaggio prendono il comando, affiancati da bambini che li imitano. Cantanti con megafoni in mano, cantano, ballano e suonano la chitarra. C'è un suonatore di chora e diversi djambe e tamburi. La sua mostra genera successivi brividi.
PN Kaziranga, India

La roccaforte del Monoceros indiano

Situato nello stato dell'Assam, a sud del grande fiume Brahmaputra, PN Kaziranga occupa una vasta area di palude alluvionale. Lì, due terzi del rinoceronte unicornis nel mondo, tra circa 100 tigri, 1200 elefanti e molti altri animali. Pressato dalla vicinanza umana e dall'inevitabile bracconaggio, questo prezioso parco non ha saputo proteggersi dalle iperboliche inondazioni monsoniche e da alcune polemiche.
Miranda, Brasile

Maria dos Jacarés: il Pantanal ospita creature così

Eurides Fátima de Barros è nato nelle campagne della regione di Miranda. 38 anni fa, si stabilì in una piccola attività ai margini della BR262 che attraversa il Pantanal e acquisì affinità con gli alligatori che vivevano alle sue porte. Disgustata dal fatto che le creature lì una volta fossero state massacrate, iniziò a prendersi cura di loro. Oggi conosciuta come Maria dos Jacarés, ha chiamato ciascuno degli animali in onore di un giocatore di football o di un allenatore. Garantisce inoltre che riconoscano le tue chiamate.
Parco Nazionale Gorongosa, Mozambico

Il cuore selvaggio del Mozambico mostra segni di vita

Gorongosa ospitava uno degli ecosistemi più esuberanti dell'Africa, ma dal 1980 al 1992 ha ceduto alla Guerra Civile tra FRELIMO e RENAMO. Greg Carr, il milionario inventore di Voice Mail, ha ricevuto un messaggio dall'ambasciatore mozambicano alle Nazioni Unite che lo sfidava a sostenere il Mozambico. Per il bene del paese e dell'umanità, Carr si impegna a far risorgere lo splendido parco nazionale che il governo coloniale portoghese vi aveva creato.
PN Hwange, Zimbabwe

L'eredità del defunto leone Cecil

Il 1 luglio 2015, Walter Palmer, dentista e cacciatore di trofei del Minnesota, ha ucciso Cecil, il leone più famoso dello Zimbabwe. Il massacro ha generato un'ondata virale di indignazione. Come abbiamo visto in PN Hwange, quasi due anni dopo, i discendenti di Cecil stanno prosperando.
Santa Lucia, Sud Africa

Un'Africa selvaggia come Zulu

All'eminenza della costa del Mozambico, la provincia del KwaZulu-Natal ospita un inaspettato Sud Africa. Spiagge deserte costellate di dune, vasti estuari e colline ricoperte di nebbia riempiono questa terra selvaggia bagnata anche dall'Oceano Indiano. È condiviso dai sudditi della sempre orgogliosa nazione Zulu e da una delle faune più prolifiche e diversificate del continente africano.
Savuti, Botswana

L'elefante che mangia i leoni di Savuti

Una parte del deserto del Kalahari si prosciuga o viene irrigata a seconda dei capricci tettonici della regione. A Savuti, i leoni si sono abituati a fare affidamento su se stessi e a depredare gli animali più grandi della savana.
Varela, Guinea Bissau

Costa Abbagliante e Deserta, al confine con il Senegal

Un po' remoto, con un accesso difficile, il tranquillo villaggio di pescatori di Varela compensa coloro che lo raggiungono con la cordialità della sua gente e una delle coste meravigliose, ma a rischio, della Guinea Bissau.
Elalab, Guinea Bissau

Una Tabanca nella Guinea dei Meandri Infiniti

Ci sono innumerevoli affluenti e canali che, a nord del grande fiume Cacheu, si snodano tra le mangrovie e assorbono la terraferma. Contro ogni previsione, persone felici si stabilirono lì e mantennero villaggi prolifici circondati da risaie. Elalab, uno di questi, è diventata una delle tabancas più naturali ed esuberanti della Guinea Bissau.
Serengeti, Great Savanna Migration, Tanzania, gnu nel fiume
Safari
P.N. Serengeti, Tanzania

La grande migrazione della savana infinita

In queste praterie che dicono i Masai siringat (corri per sempre), milioni di gnu e altri erbivori inseguono le piogge. Per i predatori, il loro arrivo e quello del monsone sono la stessa salvezza.
Mandria a Manang, circuito dell'Annapurna, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 8° Manang, Nepal

Manang: l'ultimo acclimatamento nella civiltà

Sei giorni dopo aver lasciato Besisahar siamo finalmente arrivati ​​a Manang (3519 m). Situata ai piedi dei monti Annapurna III e Gangapurna, Manang è la civiltà che coccola e prepara gli escursionisti alla sempre temuta traversata del Thorong La Gorge (5416 m).
Little Big Senglea II
Architettura & Design
Senglea, Malta

La città maltese con più Malta

A cavallo del 8.000° secolo Senglea accoglieva 0.2 abitanti in 2 km3.000, un record europeo, oggi conta “solo” XNUMX cristiani di quartiere. È la più piccola, affollata e genuina delle città maltesi.
Barche sul ghiaccio, isola di Hailuoto, Finlandia
Aventura
A forma di squalo, Finlândia

Un rifugio nel Golfo di Botnia

Durante l'inverno, l'isola di Hailuoto è collegata al resto della Finlandia dalla strada di ghiaccio più lunga del paese. La maggior parte dei suoi 986 abitanti apprezza soprattutto la distanza che l'isola concede loro.
Indiano incoronato
Cerimonie e Feste
Pueblos del Sur, Venezuela

Per alcuni Trás-os-Montes in Venezuela in Fiesta

Nel 1619, le autorità di Mérida dettarono l'insediamento del territorio circostante. Dall'ordine sono derivati ​​19 villaggi remoti, che abbiamo trovato dediti a celebrazioni con caretos e pauliteiros locali.
4 luglio Fireworks-Seward, Alaska, Stati Uniti
Città
Seward, Alaska

Il 4 luglio più lungo

L'indipendenza degli Stati Uniti viene celebrata a Seward, in Alaska, in modo modesto. Anche così, il 4 luglio e la sua celebrazione sembrano non avere fine.
Il focan di Lola, cibo ricco, Costa Rica, Guapiles
cibo
Il Fogon di Lola, Costa Rica

Il gusto della Costa Rica a El Fogón de Lola

Come suggerisce il nome, Fogón de Lola de Guapiles serve piatti preparati sui fornelli e al forno, secondo la tradizione della famiglia costaricana. In particolare, la famiglia di zia Lola.
Occupazione cinese del Tibet, Tetto del mondo, Le forze di occupazione
Cultura
Lhasa, Tibete

La demolizione della campana del tetto del mondo

Qualsiasi dibattito sulla sovranità è accessorio e una perdita di tempo. Chiunque voglia lasciarsi abbagliare dalla purezza, dall'affabilità e dall'esotismo della cultura tibetana dovrebbe visitare il territorio il prima possibile. L'avidità della civiltà Han che muove la Cina non impiegherà molto a seppellire il Tibet millenario.
arbitro di combattimento, combattimento di galli, filippine
sportivo
Filippine

Quando solo i combattimenti di galli risvegliano le Filippine

Banditi in gran parte del Primo Mondo, i combattimenti di galli prosperano nelle Filippine dove spostano milioni di persone e pesos. Nonostante i suoi problemi eterni è il Sabong che più stimola la nazione.
estate scarlatta
In viaggio

Da Valencia a Xativa, Spagna

Dall'altra parte dell'Iberia

Lasciando da parte la modernità di Valencia, esploriamo gli ambienti naturali e storici che la "comunidad" condivide con il Mediterraneo. Più viaggiamo, più siamo sedotti dalla sua vita sfarzosa.

Moa su una spiaggia di Rapa Nui/Isola di Pasqua
Etnico
isola di Pasqua, Cile

Il decollo e la caduta del culto dell'uomo uccello

Fino al XVI secolo, i nativi di isola di Pasqua scolpito e adorato enormi divinità di pietra. Da un momento all'altro, hanno cominciato a far cadere il loro moai. La venerazione di perizoma manu, un leader per metà umano e per metà sacro, messo in scena dopo una drammatica competizione per un uovo.
portfolio, Got2Globe, Fotografia di viaggio, immagini, migliori fotografie, foto di viaggio, mondo, Terra
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il migliore al mondo: il portfolio Got2Globe

Bridgetown, città del ponte e capitale delle Barbados, spiaggia
Storia
Bridgetown, Barbados

La città (del ponte) delle Barbados

Originariamente fondata come "Indian Bridge", accanto a una palude maleodorante, la capitale delle Barbados si è evoluta nella capitale delle British Windward Isles. I barbadiani lo chiamano "The City"”. È la città natale della ben più famosa Rihanna.
Santo Antão, Capo Verde, Porto Novo a Ribeira Grande, Morro do Tubarão
Isole
Santo Antão, Capo Verde

Da Porto Novo a Ribeira Grande attraverso il Sentiero del Mare

Sbarcati e stabiliti a Porto Novo de Santo Antão, abbiamo subito trovato due strade per raggiungere il secondo villaggio più grande dell'isola. Già arresi al monumentale saliscendi dell'Estrada da Corda, siamo abbagliati dal dramma vulcanico e atlantico dell'alternativa costiera.
costa, fiordo, Seydisfjordur, Islanda
bianco inverno
Seydisfjörður, Islândia

Dall'arte della pesca all'arte della pesca

Quando gli armatori di Reykjavik acquistarono la flotta peschereccia da Seydisfjordur, il villaggio dovette adattarsi. Oggi cattura i discepoli dell'arte di Dieter Roth e altre anime bohémien e creative.
Sulla corsia delitto e castigo, San Pietroburgo, Russia, Vladimirskaya
Letteratura
San Pietroburgo, Russia

Sulle tracce di “Delitto e castigo”

A San Pietroburgo non abbiamo potuto fare a meno di indagare sull'ispirazione dei personaggi vili del romanzo più famoso di Fëdor Dostoevskij: i suoi stessi rimpianti e le miserie di alcuni concittadini.
Spiaggia di El Cofete dalla cima di El Islote, Fuerteventura, Isole Canarie, Spagna
Natura
Fuerteventura, isole Canarie, Spagna

La (a) Atlantic Ventura de Fuerteventura

I romani conoscevano le Canarie come le isole fortunate. Fuerteventura, conserva molti degli attributi di quel tempo. Le sue spiagge perfette per il windsurf e kitesurf o semplicemente per fare il bagno giustificano successive “invasioni” dei popoli affamati di sole del nord. Nell'interno vulcanico e aspro, resiste il bastione delle culture indigene e coloniali dell'isola. Abbiamo iniziato a svelarlo lungo la sua lunga lunghezza meridionale.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Scogliere sopra la Valle della Desolazione, vicino a Graaf Reinet, Sud Africa
Parchi Naturali
Graaf Reinet, Sud Africa

Una lancia boera in Sud Africa

All'inizio del periodo coloniale, esploratori e coloni olandesi erano terrorizzati dal Karoo, una regione di grande caldo, grande freddo, grandi inondazioni e grandi siccità. Fino a quando la Compagnia olandese delle Indie orientali non fondò lì Graaf-Reinet. Da allora, la quarta città più antica del nazione arcobaleno prosperò in un affascinante crocevia della sua storia.
Zanzibar, Isole Africane, Spezie, Tanzania, dhow
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Zanzibar, Tanzania

Le Isole delle Spezie Africane

Vasco da Gama aprì l'Oceano Indiano all'impero portoghese. Nel XNUMX° secolo l'arcipelago di Zanzibar divenne il maggior produttore di chiodi di garofano e le spezie disponibili si diversificarono, così come i popoli che si batterono per loro.
aggie grey, samoa, pacifico meridionale, Marlon Brando Fale
personaggi
Apia, Samoa Occidentali

La padrona di casa del Pacifico meridionale

venduto hamburger ai GI nella seconda guerra mondiale e ha aperto un hotel che ha accolto Marlon Brando e Gary Cooper. Aggie Grey è morta nel 2, ma la sua eredità di ospitalità sopravvive nel Pacifico meridionale.
Tombolo e Punta Catedral, Parco Nazionale Manuel Antonio, Costa Rica
Spiagge
PN Manuel Antonio, Costa Rica

Il Parco Nazionale Little-Big del Costa Rica

Le ragioni degli under 28 sono ben note. parchi nazionali I costaricani sono diventati i più popolari. La fauna e la flora di PN Manuel António proliferano in un minuscolo ed eccentrico pezzo di giungla. Come se non bastasse, si limita a quattro delle migliori spiagge tipiche.
Candia, Dente di Buddha, Ceylon, lago
Religione
Kandy, Sri Lanka

Incursione nella Radice Dentale del Buddismo Singalese

Situata nel cuore montuoso dello Sri Lanka, alla fine del XV secolo Kandy divenne la capitale del regno dell'antico Ceylon, che resistette ai successivi tentativi coloniali di conquista. Divenne anche il suo nucleo buddista, a cui continua a contribuire il fatto che conservi un sacro dente del Buddha.
I dirigenti dormono sedile della metropolitana, dormono, dormono, metropolitana, treno, Tokyo, Giappone
Veicoli Ferroviari
Tokyo, Giappone

Gli ipno-passeggeri di Tokyo

Il Giappone è servito da milioni di dirigenti massacrati con ritmi di lavoro infernali e vacanze scarse. Ogni minuto di tregua sulla strada per andare al lavoro oa casa serve al loro scopo. inemuri, dormire in pubblico.
Walter Peak, Queenstown, Nuova Zelanda
Società
Nova Zelândia  

Quando contare le pecore fa dormire

20 anni fa, la Nuova Zelanda aveva 18 pecore per ogni abitante. Per ragioni politiche ed economiche, la media si è dimezzata. Agli antipodi, molti allevatori sono preoccupati per il loro futuro.
Donne con i capelli lunghi di Huang Luo, Guangxi, Cina
Vita quotidiana
Longsheng, Cina

Huang Luo: il villaggio cinese dai capelli più lunghi

In una regione multietnica ricoperta di risaie terrazzate, le donne di Huang Luo si sono arrese alla stessa ossessione capillare. Consentono ai capelli più lunghi del mondo di crescere, per anni, fino a una lunghezza media di 170-200 cm. Per quanto strano possa sembrare, per mantenerli belli e lucenti, usano solo acqua e riso.
Rifugio Gandoca Manzanillo, Bahia
Animali selvatici
Gandoca-Manzanillo (rifugio della fauna selvatica), Costa Rica

Il Rifugio Caraibico di Gandoca-Manzanillo

In fondo alla sua costa sud-orientale, alla periferia di Panama, la nazione “Tica” protegge un lembo di giungla, paludi e il Mar dei Caraibi. Oltre a un provvidenziale rifugio per la fauna selvatica, Gandoca-Manzanillo è uno splendido Eden tropicale.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.