Île-des-Pins, Nuova Caledonia

L'Isola che si appoggiava al Paradiso


Baie d'Oro in pace
Acqua ferma e nessun segno di gente in una delle baie più frequentate dell'Île-des-Pins.
bagnante della metropolitana
Bagnante "metropolita" (dalla terraferma francese) alle Baie d'Oro
Baia d'Oro
I bagnanti giapponesi fanno snorkeling nell'acquario naturale di Baie d'Oro.
Palizzata “Tiki”
Particolare della palizzata "tiki" espressione etnica del popolo Kunie, predominante nell'île-des-Pins
piroga locale
I vacanzieri salgono a bordo di una piroga tradizionale.
Pura delizia tropicale
I bagnanti si dilettano nell'acqua traslucida di Baie d'Oro
pesce sgargiante
Uno dei tanti pesci colorati che popolano le Baie d'Oro.
Chiesa di Vao
I ciclisti si fermano per riposarsi davanti alla chiesa di Vao.
nativo sorridente
Kunie abitante dell'Île-des-Pins.
Tour tropicale
Il visitatore Metro da Baie d'Oro cammina lungo la sabbia che l'aumento della marea rende sempre più stretta.
nel territorio di Kunie
La ragazza scarabocchi sulla sabbia bagnata davanti alla palizzata "tiki".
sbarco
La famiglia torna a sbarcare sulla spiaggia di Kuto.
Snorkeling divino
Una coppia osserva la colorata vita sottomarina delle Baie d'Oro.
di nuovo al sole
Il visitatore giapponese ritorna alla spiaggia sabbiosa di Kuto.
Tiki
Scultura-palizzata "tiki" di etnia Kunie.
Imbarcati senza fretta
I turisti salgono a fare un giro in una delle tradizionali piroghe dell'Île des Pins.
Twilight sul Pacifico meridionale
Sagoma eccentrica formata da una vasta colonia di Cook Pines a un'estremità dell'Île-des-Pins
Nel 1964, Katsura Morimura ha deliziato il Giappone con una storia d'amore turchese ambientata a Ouvéa. Ma la vicina Île-des-Pins ha conquistato il titolo di "L'isola più vicina al paradiso" e ha estasiato i suoi visitatori.

Intorno ai vent'anni, la giovane scrittrice intraprende un viaggio, visto, all'epoca, come più di un'alternativa.

O Giappone si stava chiaramente riprendendo dalla distruzione e dalla cattiva reputazione con cui la nazione si trovò alle prese dopo il fallito tentativo di conquistare il Pacifico.

Morimura rinunciò a una breve esperienza come redattrice per una rivista femminile. Poco dopo, visitò un arcipelago che i giapponesi non furono mai in grado di catturare, nonostante il loro appetito per le riserve di nichel sull'isola principale di Nuova Caledonia.

Soprattutto, gli interessava l'evasione e l'esotismo tropicale di quel luogo sperduto nel più grande degli oceani.

La romanticizzazione letteraria dell'isola di Ouvéa

Tornato a casa, Morimura ha intrapreso una storia d'amore. Poco dopo lo pubblicò e condivise con i lettori l'avventura vissuta. I giapponesi rimasero impegnati nella rigenerazione della patria, ma desideravano ardentemente piacevoli immaginazioni di ritirata. L'"Isola più vicina al Paradiso" divenne, in breve tempo, a best-seller e rivelò loro l'Eden melanesiano di Ouvéa.

Non avevamo letto il libro quando eravamo lì, ma abbiamo notato la presenza di coppie giapponesi, sedute sui lettini nei pochi resort che fanno snorkeling o camminano mano nella mano sulle adiacenti sabbie gessose.

Snorkeling divino, Baie d'Oro, Île des Pins, Nuova Caledonia

I bagnanti giapponesi fanno snorkeling nell'acquario naturale di Baie d'Oro.

Tuttavia, ci siamo resi conto che Ouvéa ne aveva beneficiato e anche uno stimolo cinematografico. Negli anni '70, Nobuhiko Ôbayashi era un regista emergente che, durante le riprese di alcune pubblicità, Charles Bronson e Kirk Douglas imposero il soprannome di OB, poiché trovavano il suo nome troppo difficile da pronunciare.

Dal libro agli schermi giapponesi

Negli anni '80, Ôbayashi raccolse il romanzo di Morimura e passò da armi e bagagli a Nuova Caledonia. A distinguersi dal cast che aveva scelto c'era una candida e versatile Tomoyo Harada all'inizio della sua carriera.

Il Giappone si è arreso al fascino della protagonista e del suo personaggio Mari Katsuragi. Ma, soprattutto, ai seducenti paesaggi dell'atollo in cui erano state girate le scene.

Molti giapponesi hanno anche fissato, nella loro mente, l'immagine delle comparse indigene Zacaharie Daoumé che, sorprese dall'improvvisa notorietà, sarebbero arrivate a dichiarare alla stampa: "Avevo la mia fotografia affissata sui manifesti di tutto il Giappone ma non ho mai lasciato la mia isola ecco. vai."

Barca per famiglie, Kuto Beach, Ile des Pins, Nuova Caledonia

La famiglia torna a sbarcare sulla spiaggia di Kuto.

La rottura etnico-politica del Prize d'Outages e gli Accordi di Matignon

Nel 1988 Ouvéa è stata teatro di eventi violenti, di grande significato politico ma non in linea con il fascino giapponese.

Di questi, si è distinta la fase del Prize d'outages, in cui gli indipendentisti autoctoni dell'FLNKS hanno ucciso quattro agenti di polizia in un villaggio e preso in ostaggio altri 27, metà dei quali imprigionati in una grotta dell'isola.

Costrinsero così l'intervento dell'esercito della metropoli che finì con la morte di 19 rapitori e 3 soldati e generò un risentimento reciproco che resta da sanare.

Le parti si sono sedute a tavola e hanno firmato gli accordi di Matignon. Hanno assicurato l'amnistia ai responsabili dei rapimenti e una pace temporanea che ha portato allo status di autonomia speciale e provvisoria in cui vivono ancora oggi il territorio e gli indigeni Kanak.

Nativo, abitante di Kunie, Ile des Pins, Nuova Caledonia

Kunie abitante dell'Île-des-Pins.

E, infine, la Fama Turistica di Ouvéa e le Isole Lealdade

Il conflitto si sarebbe già calmato quando, dopo aver letto il libro di Morimura e visto il film di Ôbayashi, un opportunista uomo d'affari giapponese sbarcò sull'isola determinato a costruire un hotel di lusso per attirare una vasta clientela giapponese.

È passato un decennio di negoziazione e burocrazia. Nel 2000, il Paradis d'Ouvéa ha finalmente aperto i battenti, dopo un accordo tra il clan proprietario della terra, le autorità provinciali delle Isole Lealdade e gli investitori giapponesi.

Tuttavia, dopo più di 10 anni, anche se il UNESCO dichiarata la Laguna Blu di Ouvéa Patrimonio dell'Umanità nel 2008, i suoi principali visitatori sono ancora i francesi della metropoli che vivono a Nouméa oi loro familiari.

Chiesa di Vao, Baie d'Oro, île des Pins, Nuova Caledonia

I ciclisti si fermano per riposarsi davanti alla chiesa di Vao.

I giapponesi raggiungono l'ordine di 18.000 all'anno. Di norma, volano dalla capitale dell'arcipelago per trascorrere un giorno o due sull'isola. I matrimoni romantici oi risposati divennero popolari, senza validità ufficiale. Gran parte si svolge a Nouméa.

Dei 300-400 tenuti lì, alcune "uniscono" le coppie più ricche e hanno un esauriente complemento nuziale a Lealdade.

Il Collage al “Paradiso” della vicina Île-des-Pins

Il numero finale risulta essere residuale, anche a causa della concorrenza delle più rinomate isole della Polinesia francese e della recente rivalità della vicina Île-des-Pins che, ad un certo punto del suo percorso promozionale, non ha saputo resistere alla tentazione e pubblicizzare anche come "L'isola più vicina al paradiso".

Il numero di passeggeri giapponesi a bordo del volo su cui siamo arrivati ​​lo dimostra. Ci siamo presto resi conto del perché quest'ultimo si fosse affermato come un concorrente di Ouvéa, almeno, all'altezza del marchio.

Imbarco in canoa, Baie d'Oro, Ile des Pins, Nuova Caledonia

I turisti salgono a fare un giro in una delle tradizionali piroghe dell'Île des Pins.

Molto probabilmente James Cook è stato il primo occidentale a vedere l'Île-des-Pins. Durante il suo secondo viaggio in Nuova Zelanda, nonostante le ridotte dimensioni dell'isola (solo 14 km per 18 km), il navigatore rilevò del fumo che attribuì alla presenza umana.

Notò anche la strana abbondanza di pini Araucaria colonnaris che si stagliava dall'orizzonte lontano. Nonostante fosse un assiduo frequentatore degli arcipelaghi tropicali del Pacifico, Cook non era indifferente all'eccentrica bellezza dell'Île-des-Pins.

Tiki, etnia Kunie, Ile des Pins, Nuova Caledonia

Particolare della palizzata “tiki”, espressione etnica del popolo Kunie, predominante nell'île-des-Pins

Come potremmo, né i vacanzieri giapponesi che ci imbattiamo nell'immacolata costa verde-azzurra turchese della baia di Kuto o nella peculiare Baie d'Oro che la marea invade e riempie come un acquario naturale, delimitato da una fiera siepe di pini Cook, come si chiamavano nel frattempo.

Baie d'Oro, Ile des Pins, Nuova Caledonia

I bagnanti si dilettano nell'acqua traslucida di Baie d'Oro

Li vediamo entrare e uscire dall'acqua con i loro lo snorkeling, entusiasta di un contatto così facile e intimo con l'ecosistema sottomarino dell'isola. O condividere, in coppia, la gioia assoluta ma effimera che ci regala quel luogo surreale.

Os Santuari di matchmaking da Ouvéa e dall'Île-des-Pins

A immagine di Ouvéa, i promotori turistici dell'Île-des-Pins non hanno tardato a promuovere la celebrazione del matrimonio nelle strutture dei loro hotel e sulle spiagge dell'isola. Un sito web, in particolare, mette in evidenza con orgoglio un recente emendamento alla legge francese che impone agli stranieri di risiedere sul territorio francese per almeno un mese.

“Ora è sufficiente che i visitatori siano maggiorenni, presentino prova dello stato civile o che non siano già coniugati, oltre alla prova della residenza”. E, poiché nulla può fallire in una cerimonia nuziale da favola, "è previsto un traduttore certificato affinché i voti vengano scambiati nella lingua madre".

Il matrimonio giapponese online ha anche diritto a uno speciale video di presentazione che include le immagini della cerimonia in una piccola cappella di vetro quasi sulla sabbia e una sessione fotografica con gli sposi sull'idilliaco mare del Sud Pacifico.

Katsura Morimura è stata sposata due volte, ma mai a casa Nuova Caledonia. Dopo il suo secondo matrimonio, cadde in una depressione cronica. Muore nel 2004 in un ospedale di Nagano. Le cause ufficiali indicavano il suicidio.

Oggi, la maggior parte dei giapponesi che visitano l'arcipelago non passano attraverso l'ambientazione del suo romanzo. Invece, si diletta nell'altra isola più vicina al paradiso.

Crepuscolo, pini, Île des Pins, Nuova Caledonia

Sagoma eccentrica formata da una vasta colonia di Cook Pines a un'estremità dell'Île-des-Pins

Lifou, Isole della Lealtà

La più grande fedeltà

Lifou è l'isola centrale delle tre che formano l'arcipelago semifrancese al largo della Nuova Caledonia. Col tempo, i nativi Kanak decideranno se vogliono che il loro paradiso sia indipendente dalla lontana metropoli.

Praslin, Seychelles

 

L'Eden degli enigmatici Coconuts-of-the-Sea

Per secoli, i marinai arabi ed europei hanno creduto che il seme più grande del mondo, che hanno trovato sulle coste dell'Oceano Indiano a forma di fianchi voluttuosi di una donna, provenisse da un albero mitico sul fondo degli oceani. L'isola sensuale che li ha sempre generati ci ha lasciato estasiati.
Tahiti, Polinesia Francese

Tahiti oltre il cliché

Le vicine Bora Bora e Maupiti hanno uno scenario eccezionale, ma Tahiti è stata a lungo conosciuta come il paradiso e c'è di più da vivere sull'isola più grande e popolosa della Polinesia francese, il suo millenario cuore culturale.
Honiara e Gizo, Isole Salomone

Il Tempio sconsacrato delle Isole Salomone

Li nominò un navigatore spagnolo, desideroso di ricchezze come quelle del re biblico. Devastate dalla seconda guerra mondiale, da conflitti e disastri naturali, le Isole Salomone sono lontane dalla prosperità.
Morro de São Paulo, Brasile

Una costa divina di Bahia

Tre decenni fa, non era altro che un remoto e umile villaggio di pescatori. Fino a quando alcune comunità post-hippie non hanno rivelato al mondo il ritiro di Morro e lo hanno promosso a una sorta di santuario sulla spiaggia.
Grande Terre, Nuova Caledonia

Il grande sassolino del Pacifico meridionale

James Cook chiamò così la lontana Nuova Caledonia perché gli ricordava la Scozia di suo padre, mentre i coloni francesi erano meno romantici. Dotati di una delle più grandi riserve di nichel al mondo, chiamarono Le Caillou l'isola madre dell'arcipelago. Nemmeno la sua attività mineraria gli impedisce di essere uno dei pezzi di terra più belli dell'Oceania.
Guadalupe, Antille Francesi

Guadalupa: un delizioso Caraibi, in Butterfly Counter-Effetto

La Guadalupa ha la forma di una falena. Basta un giro delle Antille per capire perché la popolazione è guidata dal motto Pas Ni Problem e alza il numero minimo di onde, nonostante le tante battute d'arresto.
Papeete, Polinesia Francese

Il Terzo Sesso di Tahiti

Eredi dell'antica cultura polinesiana, i Mahu conservare un ruolo insolito nella società. Persi da qualche parte tra i due sessi, questi uomini-donne continuano a lottare per il senso delle loro vite.
Isole del mais-Isole del mais, Nicaragua

puro caraibico

Ambienti tropicali perfetti e la vita genuina degli abitanti sono gli unici lussi disponibili nelle cosiddette Corn Islands o Corn Islands, un arcipelago sperduto nelle propaggini centroamericane del Mar dei Caraibi.
Maupiti, Polinesia Francese

Una società al margine

All'ombra della fama quasi planetaria della vicina Bora Bora, Maupiti è remota, scarsamente abitata e anche meno sviluppata. I suoi abitanti si sentono abbandonati ma chi la visita è grato per l'abbandono.
Ouvea, Nuova Caledonia

Tra lealtà e libertà

La Nuova Caledonia ha sempre messo in discussione l'integrazione nella lontana Francia. Sull'isola di Ouvéa, arcipelago di Lealdade, troviamo una storia di resistenza ma anche nativi che prediligono la cittadinanza e i privilegi francofoni.
Serengeti, Great Savanna Migration, Tanzania, gnu nel fiume
Safari
P.N. Serengeti, Tanzania

La grande migrazione della savana infinita

In queste praterie che dicono i Masai siringat (corri per sempre), milioni di gnu e altri erbivori inseguono le piogge. Per i predatori, il loro arrivo e quello del monsone sono la stessa salvezza.
I giovani camminano lungo la strada principale di Chame, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 1° - Pokhara a ChameNepal

Finalmente in cammino

Dopo diversi giorni di preparazione a Pokhara, siamo partiti verso l'Himalaya. Il percorso pedonale può essere iniziato solo a Chame, a 2670 metri di altitudine, con le cime innevate della catena montuosa dell'Annapurna già in vista. Fino ad allora, abbiamo completato un preambolo doloroso ma necessario attraverso la sua base subtropicale.
Bertie a Jalopy, Napier, Nuova Zelanda
Architettura & Design
Napier, Nova Zelândia

Ritorno agli anni '30

Devastato da un terremoto, Napier è stato ricostruito in un Art Deco quasi al piano terra e vive fingendo di essersi fermato negli anni Trenta. I suoi visitatori si arrendono all'atmosfera del Grande Gatsby che trasuda la città.
Totem, villaggio di Botko, Malekula, Vanuatu
Aventura
Malekula, Vanuatu

Cannibalismo di carne e ossa

Fino all'inizio del XX secolo, i mangiatori di uomini banchettavano ancora nell'arcipelago di Vanuatu. Nel villaggio di Botko scopriamo perché i coloni europei avevano così paura dell'isola di Malekula.
Australia Day, Perth, bandiera australiana
Cerimonie e Feste
Perth, Australia

Giornata dell'Australia: in onore della Mourning Invasion Foundation

26/1 è una data controversa in Australia. Mentre i coloni britannici lo celebrano con barbecue e tanta birra, gli aborigeni celebrano il fatto di non essere stati completamente spazzati via.
Chania Creta Grecia, porto veneziano
Città
Chania, Creta, Grecia

Chania: dal tramonto della storia di Creta

Chania era minoica, romana, bizantina, araba, veneziana e ottomana. È arrivata nell'attuale nazione ellenica come la città più seducente di Creta.
cibo
Cibo del Mondo

Gastronomia Senza Frontiere né Pregiudizi

Ogni popolo, le sue ricette e prelibatezze. In certi casi, gli stessi che deliziano intere nazioni ne disgustano molti altri. Per chi viaggia per il mondo, l'ingrediente più importante è una mente molto aperta.
Uno contro tutti, Monastero di Sera, Sacro Dibattito, Tibet
Cultura
Lhasa, Tibete

Sera, il Monastero del Sacro Dibattito

In pochi posti al mondo si usa un dialetto con la stessa veemenza del monastero di Sera. Lì, centinaia di monaci si impegnano in intensi e chiassosi dibattiti sugli insegnamenti del Buddha in tibetano.
4 luglio Fireworks-Seward, Alaska, Stati Uniti
sportivo
Seward, Alaska

Il 4 luglio più lungo

L'indipendenza degli Stati Uniti viene celebrata a Seward, in Alaska, in modo modesto. Anche così, il 4 luglio e la sua celebrazione sembrano non avere fine.
Iguana a Tulum, Quintana Roo, Messico
In viaggio
Yucatan, Messico

La legge siderale di Murphy che condannava i dinosauri

Gli scienziati che studiano il cratere causato dall'impatto di un meteorite 66 milioni di anni fa sono giunti a una conclusione radicale: si è verificato esattamente su una sezione del 13% della superficie terrestre soggetta a tale devastazione. È una zona di confine della penisola messicana dello Yucatan che un capriccio dell'evoluzione della specie ci ha permesso di visitare.
Tabatô, Guinea Bissau, tabanca Mandingo musicisti. Baidi
Etnico
Tabato, Guinea Bissau

La Tabanca dei Mandinga Poeti Musicisti

Nel 1870, una comunità di musicisti mandingo itineranti si stabilì vicino all'attuale città di Bafatá. Dai Tabatô che hanno fondato, la loro cultura e, in particolare, i loro prodigiosi balafonisti, abbagliano il mondo.
portfolio, Got2Globe, Fotografia di viaggio, immagini, migliori fotografie, foto di viaggio, mondo, Terra
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il migliore al mondo: il portfolio Got2Globe

I sosia dei fratelli Earp e l'amico Doc Holliday a Tombstone, USA
Storia
Lapide, EUA

Lapide: la città è troppo dura per morire

I lodi d'argento scoperti alla fine del XIX secolo hanno reso Tombstone un fiorente e conflittuale centro minerario alla frontiera degli Stati Uniti. Stati Uniti a Messico. Lawrence Kasdan, Kurt Russell, Kevin Costner e altri registi e attori di Hollywood hanno reso famosi i fratelli Earp e il loro duello sanguinario.OK Corral”. La lapide che nel tempo tante vite hanno reclamato è qui per durare.
Pico Island, Monte Vulcano delle Azzorre, ai piedi dell'Atlantico
Isole
Isola Pico, Azzorre

Isola Pico: il vulcano delle Azzorre con l'Atlantico ai suoi piedi

Per un semplice capriccio vulcanico, la più giovane macchia delle Azzorre è proiettata all'altezza della roccia e della lava del territorio portoghese. L'isola di Pico ospita la sua montagna più alta e affilata. Ma non solo. È una testimonianza della resilienza e dell'ingegnosità delle Azzorre che hanno domato questa splendida isola e l'oceano che la circonda.
Cavalli sotto bufera di neve, Islanda Fuoco senza fine dell'isola di neve
bianco inverno
Husavik a Myvatn, Islândia

Neve infinita sull'isola di Fogo

Quando, a metà maggio, l'Islanda ha già il tepore del sole ma il freddo ma il freddo e la neve persistono, gli abitanti cedono a un'affascinante ansia estiva.
Vista dalla cima del monte Vaea e la tomba, il villaggio di Vailima, Robert Louis Stevenson, Upolu, Samoa
Letteratura
Upolu, Samoa

L'isola del tesoro di Stevenson

All'età di 30 anni, lo scrittore scozzese iniziò a cercare un posto che lo salvasse dal suo corpo maledetto. Ad Upolu e nei Samoani trovò un accogliente rifugio al quale diede il suo cuore e la sua anima.
Natura
ghiacciai

Pianeta blu-ghiacciato

Si formano ad alte latitudini e/o altitudini. In Alaska o in Nuova Zelanda, in Argentina o in Cile, i fiumi di ghiaccio sono sempre impressionanti visioni di una Terra tanto gelida quanto inospitale.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Geotermico, calore islandese, terra di ghiaccio, geotermico, laguna blu
Parchi Naturali
Islândia

Il calore geotermico dell'isola di ghiaccio

La maggior parte dei visitatori apprezza i paesaggi vulcanici islandesi per la loro bellezza. Gli islandesi traggono anche da loro calore ed energia vitale che portano alle porte dell'Artico.
valle profonda, terrazze di riso, batad, filippine
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Familiare, Filippine

Le terrazze che sostengono le Filippine

Oltre 2000 anni fa, ispirati dal loro dio del riso, il popolo Ifugao si sviluppò sulle pendici di Luzon. Il cereale che vi coltivano gli indigeni nutre ancora una parte significativa del paese.
aggie grey, samoa, pacifico meridionale, Marlon Brando Fale
personaggi
Apia, Samoa Occidentali

La padrona di casa del Pacifico meridionale

venduto hamburger ai GI nella seconda guerra mondiale e ha aperto un hotel che ha accolto Marlon Brando e Gary Cooper. Aggie Grey è morta nel 2, ma la sua eredità di ospitalità sopravvive nel Pacifico meridionale.
Santa Marta, Tayrona, Simón Bolivar, Ecohabs del Parco Nazionale Tayrona
Spiagge
Santa Marta e PN Tayrona, Colombia

Il paradiso da cui partì Simón Bolívar

Alle porte di PN Tayrona, Santa Marta è la più antica città ispanica abitata continua in Colombia. In esso, Simón Bolívar iniziò a diventare l'unica figura del continente venerata quasi quanto Gesù Cristo e la Vergine Maria.
corteo sfarzoso
Religione
Suzdal, Russia

Mille anni di Russia antiquata

Era una capitale sontuosa quando Mosca era solo un villaggio rurale. Lungo il percorso perse rilevanza politica ma accumulò la più grande concentrazione di chiese, monasteri e conventi nel paese degli zar. Oggi, sotto le sue innumerevoli cupole, Suzdal è tanto ortodossa quanto monumentale.
Di nuovo al sole. Funivie di San Francisco, alti e bassi della vita
Veicoli Ferroviari
San Francisco, EUA

Funivie di San Francisco: una vita di alti e bassi

Un macabro incidente di carro ha ispirato la saga della funivia di San Francisco. Oggi, queste reliquie funzionano come un'affascinante operazione della città della nebbia, ma hanno anche i loro rischi.
Kogi, PN Tayrona, Guardiani del mondo, Colombia
Società
PN Tayrona, Colombia

Chi protegge i guardiani del mondo?

Gli indigeni della Sierra Nevada de Santa Marta credono che la loro missione sia salvare il Cosmo dai “Fratelli Minori”, che siamo noi. Ma la vera domanda sembra essere: "Chi li protegge?"
Intersezione trafficata di Tokyo, Giappone
Vita quotidiana
Tokyo, Giappone

La notte infinita della capitale del Sol Levante

Dillo Tokyo non dormire è dire poco. In una delle città più grandi e sofisticate sulla faccia della Terra, il crepuscolo segna solo il rinnovamento della frenetica vita quotidiana. E ci sono milioni delle loro anime che o non trovano posto al sole, o hanno più senso nei cambiamenti "oscuri" e oscuri che seguono.
Tartaruga appena nata, PN Tortuguero, Costa Rica
Animali selvatici
P.N. Tortuguero, Costa Rica

Una notte all'asilo nido Tortuguero

Il nome della regione del Tortuguero ha una ragione evidente e antica. Le tartarughe marine dell'Atlantico e dei Caraibi si sono riversate a lungo sulle spiagge di sabbia nera della sua stretta costa per deporre le uova. In una delle notti trascorse a Tortuguero, abbiamo assistito alle loro nascite frenetiche.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.