Île-des-Pins, Nuova Caledonia

L'Isola che si appoggiava al Paradiso


Baie d'Oro in pace
Acqua ferma e nessun segno di gente in una delle baie più frequentate dell'Île-des-Pins.
bagnante della metropolitana
Bagnante "metropolita" (dalla terraferma francese) alle Baie d'Oro
Baia d'Oro
I bagnanti giapponesi fanno snorkeling nell'acquario naturale di Baie d'Oro.
Palizzata “Tiki”
Particolare della palizzata "tiki" espressione etnica del popolo Kunie, predominante nell'île-des-Pins
piroga locale
I vacanzieri salgono a bordo di una piroga tradizionale.
Pura delizia tropicale
I bagnanti si dilettano nell'acqua traslucida di Baie d'Oro
pesce sgargiante
Uno dei tanti pesci colorati che popolano le Baie d'Oro.
Chiesa di Vao
I ciclisti si fermano per riposarsi davanti alla chiesa di Vao.
nativo sorridente
Kunie abitante dell'Île-des-Pins.
Tour tropicale
Il visitatore Metro da Baie d'Oro cammina lungo la sabbia che l'aumento della marea rende sempre più stretta.
nel territorio di Kunie
La ragazza scarabocchi sulla sabbia bagnata davanti alla palizzata "tiki".
sbarco
La famiglia torna a sbarcare sulla spiaggia di Kuto.
Snorkeling divino
Una coppia osserva la colorata vita sottomarina delle Baie d'Oro.
di nuovo al sole
Il visitatore giapponese ritorna alla spiaggia sabbiosa di Kuto.
Tiki
Scultura-palizzata "tiki" di etnia Kunie.
Imbarcati senza fretta
I turisti salgono a fare un giro in una delle tradizionali piroghe dell'Île des Pins.
Twilight sul Pacifico meridionale
Sagoma eccentrica formata da una vasta colonia di Cook Pines a un'estremità dell'Île-des-Pins
Nel 1964, Katsura Morimura ha deliziato il Giappone con una storia d'amore turchese ambientata a Ouvéa. Ma la vicina Île-des-Pins ha conquistato il titolo di "L'isola più vicina al paradiso" e ha estasiato i suoi visitatori.

Intorno ai vent'anni, la giovane scrittrice intraprende un viaggio, visto, all'epoca, come più di un'alternativa.

O Giappone si stava chiaramente riprendendo dalla distruzione e dalla cattiva reputazione con cui la nazione si trovò alle prese dopo il fallito tentativo di conquistare il Pacifico.

Morimura rinunciò a una breve esperienza come redattrice per una rivista femminile. Poco dopo, visitò un arcipelago che i giapponesi non furono mai in grado di catturare, nonostante il loro appetito per le riserve di nichel sull'isola principale di Nuova Caledonia.

Soprattutto, gli interessava l'evasione e l'esotismo tropicale di quel luogo sperduto nel più grande degli oceani.

La romanticizzazione letteraria dell'isola di Ouvéa

Tornato a casa, Morimura ha intrapreso una storia d'amore. Poco dopo lo pubblicò e condivise con i lettori l'avventura vissuta. I giapponesi rimasero impegnati nella rigenerazione della patria, ma desideravano ardentemente piacevoli immaginazioni di ritirata. L'"Isola più vicina al Paradiso" divenne, in breve tempo, a best-seller e rivelò loro l'Eden melanesiano di Ouvéa.

Non avevamo letto il libro quando eravamo lì, ma abbiamo notato la presenza di coppie giapponesi, sedute sui lettini nei pochi resort che fanno snorkeling o camminano mano nella mano sulle adiacenti sabbie gessose.

Snorkeling divino, Baie d'Oro, Île des Pins, Nuova Caledonia

I bagnanti giapponesi fanno snorkeling nell'acquario naturale di Baie d'Oro.

Tuttavia, ci siamo resi conto che Ouvéa ne aveva beneficiato e anche uno stimolo cinematografico. Negli anni '70, Nobuhiko Ôbayashi era un regista emergente che, durante le riprese di alcune pubblicità, Charles Bronson e Kirk Douglas imposero il soprannome di OB, poiché trovavano il suo nome troppo difficile da pronunciare.

Dal libro agli schermi giapponesi

Negli anni '80, Ôbayashi raccolse il romanzo di Morimura e passò da armi e bagagli a Nuova Caledonia. A distinguersi dal cast che aveva scelto c'era una candida e versatile Tomoyo Harada all'inizio della sua carriera.

Il Giappone si è arreso al fascino della protagonista e del suo personaggio Mari Katsuragi. Ma, soprattutto, ai seducenti paesaggi dell'atollo in cui erano state girate le scene.

Molti giapponesi hanno anche fissato, nella loro mente, l'immagine delle comparse indigene Zacaharie Daoumé che, sorprese dall'improvvisa notorietà, sarebbero arrivate a dichiarare alla stampa: "Avevo la mia fotografia affissata sui manifesti di tutto il Giappone ma non ho mai lasciato la mia isola ecco. vai."

Barca per famiglie, Kuto Beach, Ile des Pins, Nuova Caledonia

La famiglia torna a sbarcare sulla spiaggia di Kuto.

La rottura etnico-politica del Prize d'Outages e gli Accordi di Matignon

Nel 1988 Ouvéa è stata teatro di eventi violenti, di grande significato politico ma non in linea con il fascino giapponese.

Di questi, si è distinta la fase del Prize d'outages, in cui gli indipendentisti autoctoni dell'FLNKS hanno ucciso quattro agenti di polizia in un villaggio e preso in ostaggio altri 27, metà dei quali imprigionati in una grotta dell'isola.

Costrinsero così l'intervento dell'esercito della metropoli che finì con la morte di 19 rapitori e 3 soldati e generò un risentimento reciproco che resta da sanare.

Le parti si sono sedute a tavola e hanno firmato gli accordi di Matignon. Hanno assicurato l'amnistia ai responsabili dei rapimenti e una pace temporanea che ha portato allo status di autonomia speciale e provvisoria in cui vivono ancora oggi il territorio e gli indigeni Kanak.

Nativo, abitante di Kunie, Ile des Pins, Nuova Caledonia

Kunie abitante dell'Île-des-Pins.

E, infine, la Fama Turistica di Ouvéa e le Isole Lealdade

Il conflitto si sarebbe già calmato quando, dopo aver letto il libro di Morimura e visto il film di Ôbayashi, un opportunista uomo d'affari giapponese sbarcò sull'isola determinato a costruire un hotel di lusso per attirare una vasta clientela giapponese.

È passato un decennio di negoziazione e burocrazia. Nel 2000, il Paradis d'Ouvéa ha finalmente aperto i battenti, dopo un accordo tra il clan proprietario della terra, le autorità provinciali delle Isole Lealdade e gli investitori giapponesi.

Tuttavia, dopo più di 10 anni, anche se il UNESCO dichiarata la Laguna Blu di Ouvéa Patrimonio dell'Umanità nel 2008, i suoi principali visitatori sono ancora i francesi della metropoli che vivono a Nouméa oi loro familiari.

Chiesa di Vao, Baie d'Oro, île des Pins, Nuova Caledonia

I ciclisti si fermano per riposarsi davanti alla chiesa di Vao.

I giapponesi raggiungono l'ordine di 18.000 all'anno. Di norma, volano dalla capitale dell'arcipelago per trascorrere un giorno o due sull'isola. I matrimoni romantici oi risposati divennero popolari, senza validità ufficiale. Gran parte si svolge a Nouméa.

Dei 300-400 tenuti lì, alcune "uniscono" le coppie più ricche e hanno un esauriente complemento nuziale a Lealdade.

Il Collage al “Paradiso” della vicina Île-des-Pins

Il numero finale risulta essere residuale, anche a causa della concorrenza delle più rinomate isole della Polinesia francese e della recente rivalità della vicina Île-des-Pins che, ad un certo punto del suo percorso promozionale, non ha saputo resistere alla tentazione e pubblicizzare anche come "L'isola più vicina al paradiso".

Il numero di passeggeri giapponesi a bordo del volo su cui siamo arrivati ​​lo dimostra. Ci siamo presto resi conto del perché quest'ultimo si fosse affermato come un concorrente di Ouvéa, almeno, all'altezza del marchio.

Imbarco in canoa, Baie d'Oro, Ile des Pins, Nuova Caledonia

I turisti salgono a fare un giro in una delle tradizionali piroghe dell'Île des Pins.

Molto probabilmente James Cook è stato il primo occidentale a vedere l'Île-des-Pins. Durante il suo secondo viaggio in Nuova Zelanda, nonostante le ridotte dimensioni dell'isola (solo 14 km per 18 km), il navigatore rilevò del fumo che attribuì alla presenza umana.

Notò anche la strana abbondanza di pini Araucaria colonnaris che si stagliava dall'orizzonte lontano. Nonostante fosse un assiduo frequentatore degli arcipelaghi tropicali del Pacifico, Cook non era indifferente all'eccentrica bellezza dell'Île-des-Pins.

Tiki, etnia Kunie, Ile des Pins, Nuova Caledonia

Particolare della palizzata “tiki”, espressione etnica del popolo Kunie, predominante nell'île-des-Pins

Come potremmo, né i vacanzieri giapponesi che ci imbattiamo nell'immacolata costa verde-azzurra turchese della baia di Kuto o nella peculiare Baie d'Oro che la marea invade e riempie come un acquario naturale, delimitato da una fiera siepe di pini Cook, come si chiamavano nel frattempo.

Baie d'Oro, Ile des Pins, Nuova Caledonia

I bagnanti si dilettano nell'acqua traslucida di Baie d'Oro

Li vediamo entrare e uscire dall'acqua con i loro lo snorkeling, entusiasta di un contatto così facile e intimo con l'ecosistema sottomarino dell'isola. O condividere, in coppia, la gioia assoluta ma effimera che ci regala quel luogo surreale.

Os Santuari di matchmaking da Ouvéa e dall'Île-des-Pins

A immagine di Ouvéa, i promotori turistici dell'Île-des-Pins non hanno tardato a promuovere la celebrazione del matrimonio nelle strutture dei loro hotel e sulle spiagge dell'isola. Un sito web, in particolare, mette in evidenza con orgoglio un recente emendamento alla legge francese che impone agli stranieri di risiedere sul territorio francese per almeno un mese.

“Ora è sufficiente che i visitatori siano maggiorenni, presentino prova dello stato civile o che non siano già coniugati, oltre alla prova della residenza”. E, poiché nulla può fallire in una cerimonia nuziale da favola, "è previsto un traduttore certificato affinché i voti vengano scambiati nella lingua madre".

Il matrimonio giapponese online ha anche diritto a uno speciale video di presentazione che include le immagini della cerimonia in una piccola cappella di vetro quasi sulla sabbia e una sessione fotografica con gli sposi sull'idilliaco mare del Sud Pacifico.

Katsura Morimura è stata sposata due volte, ma mai a casa Nuova Caledonia. Dopo il suo secondo matrimonio, cadde in una depressione cronica. Muore nel 2004 in un ospedale di Nagano. Le cause ufficiali indicavano il suicidio.

Oggi, la maggior parte dei giapponesi che visitano l'arcipelago non passano attraverso l'ambientazione del suo romanzo. Invece, si diletta nell'altra isola più vicina al paradiso.

Crepuscolo, pini, Île des Pins, Nuova Caledonia

Sagoma eccentrica formata da una vasta colonia di Cook Pines a un'estremità dell'Île-des-Pins

Lifou, Isole della Lealtà

La più grande fedeltà

Lifou è l'isola centrale delle tre che formano l'arcipelago semifrancese al largo della Nuova Caledonia. Col tempo, i nativi Kanak decideranno se vogliono che il loro paradiso sia indipendente dalla lontana metropoli.

Praslin, Seychelles

 

L'Eden degli enigmatici Coconuts-of-the-Sea

Per secoli, i marinai arabi ed europei hanno creduto che il seme più grande del mondo, che hanno trovato sulle coste dell'Oceano Indiano a forma di fianchi voluttuosi di una donna, provenisse da un albero mitico sul fondo degli oceani. L'isola sensuale che li ha sempre generati ci ha lasciato estasiati.
Tahiti, Polinesia Francese

Tahiti oltre il cliché

Le vicine Bora Bora e Maupiti hanno uno scenario eccezionale, ma Tahiti è stata a lungo conosciuta come il paradiso e c'è di più da vivere sull'isola più grande e popolosa della Polinesia francese, il suo millenario cuore culturale.
Honiara e Gizo, Isole Salomone

Il Tempio sconsacrato delle Isole Salomone

Li nominò un navigatore spagnolo, desideroso di ricchezze come quelle del re biblico. Devastate dalla seconda guerra mondiale, da conflitti e disastri naturali, le Isole Salomone sono lontane dalla prosperità.
Morro de São Paulo, Brasile

Una costa divina di Bahia

Tre decenni fa, non era altro che un remoto e umile villaggio di pescatori. Fino a quando alcune comunità post-hippie non hanno rivelato al mondo il ritiro di Morro e lo hanno promosso a una sorta di santuario sulla spiaggia.
Grande Terre, Nuova Caledonia

Il grande sassolino del Pacifico meridionale

James Cook chiamò così la lontana Nuova Caledonia perché gli ricordava la Scozia di suo padre, mentre i coloni francesi erano meno romantici. Dotati di una delle più grandi riserve di nichel al mondo, chiamarono Le Caillou l'isola madre dell'arcipelago. Nemmeno la sua attività mineraria gli impedisce di essere uno dei pezzi di terra più belli dell'Oceania.
Guadalupe, Antille Francesi

Guadalupa: un delizioso Caraibi, in Butterfly Counter-Effetto

La Guadalupa ha la forma di una falena. Basta un giro delle Antille per capire perché la popolazione è guidata dal motto Pas Ni Problem e alza il numero minimo di onde, nonostante le tante battute d'arresto.
Papeete, Polinesia Francese

Il Terzo Sesso di Tahiti

Eredi dell'antica cultura polinesiana, i Mahu conservare un ruolo insolito nella società. Persi da qualche parte tra i due sessi, questi uomini-donne continuano a lottare per il senso delle loro vite.
Isole del mais-Isole del mais, Nicaragua

puro caraibico

Ambienti tropicali perfetti e la vita genuina degli abitanti sono gli unici lussi disponibili nelle cosiddette Corn Islands o Corn Islands, un arcipelago sperduto nelle propaggini centroamericane del Mar dei Caraibi.
Maupiti, Polinesia Francese

Una società al margine

All'ombra della fama quasi planetaria della vicina Bora Bora, Maupiti è remota, scarsamente abitata e anche meno sviluppata. I suoi abitanti si sentono abbandonati ma chi la visita è grato per l'abbandono.
Ouvea, Nuova Caledonia

Tra lealtà e libertà

La Nuova Caledonia ha sempre messo in discussione l'integrazione nella lontana Francia. Sull'isola di Ouvéa, arcipelago di Lealdade, troviamo una storia di resistenza ma anche nativi che prediligono la cittadinanza e i privilegi francofoni.
Riserva Masai Mara, Masai Land Trip, Kenya, Masai Convivialità
Safari
Masai Mara, Kenia

Riserva del Masai Mara: Viaggio nella terra dei Masai

La savana di Mara divenne famosa per il confronto tra milioni di erbivori ei loro predatori. Ma, in una sconsiderata comunione con la fauna selvatica, sono gli umani Masai a distinguersi di più.
Thorong La, Circuito dell'Annapurna, Nepal, foto per i posteri
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 13 - High Camp a Thorong La a Muktinath, Nepal

Al culmine del circuito dell'Annapurnas

A 5416 m di altitudine, il Thorong La Gorge è la grande sfida e la principale causa di ansia dell'itinerario. Dopo aver ucciso 2014 alpinisti nell'ottobre 29, attraversarlo in sicurezza genera un sollievo degno di doppia celebrazione.
Visitatori del Jameos del Agua, Lanzarote, Isole Canarie, Spagna
Architettura & Design
Lanzarote, isole Canarie

A César Manrique ciò che appartiene a César Manrique

Di per sé, Lanzarote sarebbe sempre una Canarie a sé stante, ma è quasi impossibile esplorarla senza scoprire il genio irrequieto e attivista di uno dei suoi figli prodighi. César Manrique è morto quasi trent'anni fa. La prolifica opera che ha lasciato in eredità risplende sulla lava dell'isola vulcanica dove è nato.
Mushing completo del cane
Aventura
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.
ombra di successo
Cerimonie e Feste
Champoton, Messico

Rodeo sotto i sombreri

Champoton, a Campeche, ospita una fiera in onore della Virgén de La Concepción. o rodeo Il messicano sotto i sombreri locali rivela l'eleganza e l'esperienza dei cowboy della regione.
Scogliere sopra la Valle della Desolazione, vicino a Graaf Reinet, Sud Africa
Città
Graaf Reinet, Sud Africa

Una lancia boera in Sud Africa

All'inizio del periodo coloniale, esploratori e coloni olandesi erano terrorizzati dal Karoo, una regione di grande caldo, grande freddo, grandi inondazioni e grandi siccità. Fino a quando la Compagnia olandese delle Indie orientali non fondò lì Graaf-Reinet. Da allora, la quarta città più antica del nazione arcobaleno prosperò in un affascinante crocevia della sua storia.
cibo
Margilan, Uzbekistan

Un capofamiglia dell'Uzbekistan

In uno dei tanti panifici di Margilan, sfinito dal calore intenso del forno tandyr, il fornaio Maruf'Jon lavora a metà come i diversi pani tradizionali venduti in tutto l'Uzbekistan
khinalik, villaggio dell'Azerbaigian nel Caucaso, Khinalig
Cultura
cinese, Azerbaijan

Il villaggio in cima all'Azerbaigian

Installato a 2300 metri ghiacciati e accidentati del Grande Caucaso, il popolo Khinalig è solo una delle numerose minoranze nella regione. Rimase isolata per millenni. Fino a quando, nel 2006, una strada l'ha resa accessibile alle vecchie Lada sovietiche.
arbitro di combattimento, combattimento di galli, filippine
sportivo
Filippine

Quando solo i combattimenti di galli risvegliano le Filippine

Banditi in gran parte del Primo Mondo, i combattimenti di galli prosperano nelle Filippine dove spostano milioni di persone e pesos. Nonostante i suoi problemi eterni è il Sabong che più stimola la nazione.
Treno Fianarantsoa a Manakara, TGV malgascio, locomotiva
In viaggio
Fianarantsoa-Manakara, Madagascar

A bordo del TGV malgascio

Partiamo da Fianarantsoa alle 7:3. Solo alle 170 del mattino seguente abbiamo completato i XNUMX km fino a Manakara. Gli indigeni chiamano questo treno quasi secolare Allena grandi vibrazioni. Durante il lungo viaggio, abbiamo sentito fortemente il cuore del Madagascar.
Etnico
Spettacoli

Il mondo in scena

In tutto il mondo, ogni nazione, regione o città e persino quartiere ha la sua cultura. Quando si viaggia, niente è più gratificante che ammirarli, dal vivo e in loco, che li rende unici.
Veduta dell'isola di Fa, Tonga, ultima monarchia polinesiana
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Segni esotici di vita

Celebrazione nahuatl
Storia

Città del Messico, Messico

anima messicana

Con oltre 20 milioni di abitanti in una vasta area metropolitana, questa megalopoli segna, dal suo nucleo zocalo, il polso spirituale di una nazione da sempre vulnerabile e drammatica.

Navala, Viti Levu, Figi
Isole
Navala, Fiji

L'urbanistica tribale delle Figi

Le Fiji si sono adattate all'afflusso di viaggiatori con hotel e resort occidentalizzati. Ma negli altopiani di Viti Levu, Navala mantiene le sue capanne accuratamente allineate.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
bianco inverno
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Sulla corsia delitto e castigo, San Pietroburgo, Russia, Vladimirskaya
Letteratura
San Pietroburgo, Russia

Sulle tracce di “Delitto e castigo”

A San Pietroburgo non abbiamo potuto fare a meno di indagare sull'ispirazione dei personaggi vili del romanzo più famoso di Fëdor Dostoevskij: i suoi stessi rimpianti e le miserie di alcuni concittadini.
Natura
Laguna di Jokülsárlón, Islândia

La canzone e il ghiaccio

Creato dalle acque dell'Oceano Artico e dallo scioglimento del ghiacciaio più grande d'Europa, Jokülsárlón forma un dominio gelido e imponente. Gli islandesi la venerano e le rendono sorprendente omaggio.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
La Gran Sabana
Parchi Naturali

Gran Sabana, Venezuela

Un vero parco giurassico

Solo la solitaria strada EN-10 si avventura nella selvaggia punta meridionale del Venezuela. Da lì, sveliamo scenari ultraterreni, come la savana piena di dinosauri nella saga di Spielberg.

Acri, Fortezza dei Templari, Israele, Caramelle croccanti
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
San Giovanni d'Acri, Israele

La fortezza che ha resistito a tutto

Era un obiettivo frequente delle Crociate e fu preso e riconquistato più e più volte. Oggi, israeliano, Acri è condiviso da arabi ed ebrei. Vive in tempi molto più sereni e stabili di quelli che ha vissuto.
femmina e vitello, Grizzly Steps, Katmai National Park, Alaska
personaggi
P.N.Katmai, Alaska

Sulle tracce dell'uomo grizzly

Timothy Treadwell ha trascorso le estati con gli orsi di Katmai. Viaggiando attraverso l'Alaska, abbiamo seguito alcuni dei suoi sentieri ma, a differenza del selvaggio protettore della specie, non siamo mai andati troppo lontano.
Balandra Beach, Messico, Baja California, vista aerea
Spiagge
Spiaggia di Balandra e Il Tecolote, Baja California Sur, Messico

Tesori balneari del Mare di Cortes

Spesso proclamata la spiaggia più bella del Messico, la troviamo nella caletta frastagliata di spiaggia Balandra è un grave caso di esotismo paesaggistico. In duo con il vicino spiaggia Tecolote, risulta essere uno dei beachfront davvero imperdibili della vasta Baja California.
Celebrazione di Newar, Bhaktapur, Nepal
Religione
Bhaktapur, Nepal

Le maschere della vita nepalesi

Gli indigeni Newar della valle di Kathmandu attribuiscono grande importanza alla religiosità indù e buddista che li unisce tra loro e con la Terra. Di conseguenza, benedice i loro riti di passaggio con danze Newar di uomini mascherati da divinità. Anche se ripetute a lungo dalla nascita alla reincarnazione, queste danze ancestrali non sfuggono alla modernità e iniziano a vedere una fine.
Treno della fine del mondo, Terra del Fuoco, Argentina
Veicoli Ferroviari
Ushuaia, Argentina

Ultima stagione: Fine del mondo

Fino al 1947 i Tren del Fin del Mundo fecero innumerevoli viaggi per far tagliare legna da ardere ai detenuti del carcere di Ushuaia. Oggi i passeggeri sono diversi ma nessun altro treno passa più a sud.
Donne con i capelli lunghi di Huang Luo, Guangxi, Cina
Società
Longsheng, Cina

Huang Luo: il villaggio cinese dai capelli più lunghi

In una regione multietnica ricoperta di risaie terrazzate, le donne di Huang Luo si sono arrese alla stessa ossessione capillare. Consentono ai capelli più lunghi del mondo di crescere, per anni, fino a una lunghezza media di 170-200 cm. Per quanto strano possa sembrare, per mantenerli belli e lucenti, usano solo acqua e riso.
Saksun, Isole Faroe, Streymoy, avviso
Vita quotidiana
Saksun, StreymoyIsole Faroe

Il villaggio faroese che non vuole essere Disneyland

Saksun è uno dei tanti splendidi piccoli villaggi delle Isole Faroe che sempre più estranei visitano. Si distingue per l'avversione ai turisti del suo principale proprietario rurale, autore di ripetute antipatie e attacchi contro gli invasori della sua terra.
Mandria di bufali asiatici, Maguri Beel, Assam, India
Animali selvatici
Maguri Bill, India

Un Pantanal ai confini dell'India nord-orientale

Il Maguri Bill occupa un'area anfibia nelle vicinanze assamesi del fiume Brahmaputra. È lodato come un habitat incredibile, soprattutto per gli uccelli. Quando lo navighiamo in modalità gondola, ci imbattiamo in molta (ma molta) più vita della semplice asada.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.