Nha Trang-Doc Let, Vietnam

Il sale della terra vietnamita


Coda vietnamita
I lavoratori delle saline di Hon Khoi trasportano il sale in cumuli precedentemente formati.
doppio sale
Il riflesso di una delle donne si riflette nell'acqua bassa della salina di Hon Khoi.
Un Doc Let blu
La spiaggia di Doc Let, considerata una delle più attraenti del Vietnam.
Una silhouette ben marcata
L'ombra forte di un operaio impressa su un grande mucchio di sale.
barca dell'amore
Coppia asiatica che si diverte nelle calde acque della spiaggia di Doc Let.
di nuovo in pista
Le donne salgono su uno dei sentieri sopraelevati che portano ai cumuli di sale.
Sulla strada per il magazzino
Padre e figli su un carro pieno di buoi, sulla strada tra Nha Trang e Doc Let.
Torre di Po Nagar
Una donna vietnamita cammina attraverso il complesso della torre Cham di Po Nagar, alla periferia di Nha Trang.
Coda vietnamita II
Operai in un altro dei viaggi di andata e ritorno con cui aumentano i cumuli di sale.
Manovre armate
Un battaglione esercita la coreografia militare davanti alla sala concerti di Nha Trang.
Rotta invertita
L'immagine colorata dei lavoratori delle saline si riflette nel sale inzuppato di Hon Khoi.
piteu balneare
I bagnanti asiatici esaminano i frutti di mare venduti da un venditore sulla lunga spiaggia di Nha Trang.
Duplicazione leggera
Riflesso di un lavoratore nell'acqua ipersalata delle saline di Hon Khoi.
Barca o Cestino?
Abitante del lungomare di Doc Let lava l'interno di una barca di bambù rotonda.

Alla ricerca di attraenti coste nella vecchia Indocina, siamo rimasti delusi dall'asprezza della spiaggia di Nha Trang. Ed è nel lavoro femminile ed esotico delle saline di Hon Khoi che troviamo un Vietnam più confortevole.

La nostra determinazione a goderci la costa vietnamita ancora poco conosciuta era tutt'altro che pionieristica. Anche nella sfera immaginaria, ci sono venuti in mente esempi memorabili. In una delle scene più iconiche di "Apocalypse Now", il capitano e veterano delle operazioni speciali Benjamin Willard (Martin Sheen) realizza le folli intenzioni del tenente colonnello Bill Kilgore (Robert Duvall) e, sotto innumerevoli elicotteri, di proiettili obice e altri esplosivi dispositivi, gli chiede: “Sei matto? I fulmini rompono! Non ti sembra un po' rischioso per divertimento?" Al che il pazzo Kilgore risponde: “Se dico che è sicuro fare surf su questa spiaggia, è perché è sicuro fare surf su questa spiaggia! Non ho paura di fare surf su questa spiaggia, vado su tutto questo posto!”. La scena procede a una sequenza di eccentricità militare. Kilgore lascia cadere il megafono che usava per far sentire i suoi comandi, si toglie la maglietta, prende un trasmettitore radio e ordina un bombardamento al napalm della foresta dove si stava rifugiando il nemico. Questo pone fine all'attacco che ha quasi ucciso gli sfortunati soldati che, per suo ordine, stavano surfando le piccole onde del delta circostante.

I nomi che Francis Ford Coppola ha dato al fiume che Willard poi risale alla ricerca del colonnello Walter E. Kurtz (Marlon Brando) e quelli di molti altri luoghi che ha interpretato nelle Filippine erano fittizi. Ma non è stato così a Nha Trang, città del sud del Vietnam che durante la guerra ha ospitato una delle più importanti basi militari americane e che avevamo deciso di visitare anche con l'obiettivo di prendersi anche un solo giorno di riposo balneare .

Siamo arrivati ​​all'alba da un lungo viaggio notturno da Hoi An, a più di 500 km a nord, e ci siamo stabiliti nel pensione dalla compagnia di autobus che ci aveva portato e abbiamo dormito senza svegliarci.

Intorno all'una di pomeriggio ci svegliammo ben carichi, facemmo un'abbondante colazione e uscimmo a dare un'occhiata al lungomare che delimitava la città ad est. In prossimità del Mar Cinese Meridionale, giriamo intorno al grande edificio della Concert Hall. In alto, sventola la bandiera stellata rossa e gialla del Vietnam e, davanti, sfila un battaglione di soldati in uniformi verde truppa vecchio stile.

La combinazione di queste visioni ci riporta ancora una volta all'immaginazione dei tempi bellicosi della nazione e lascia pochi dubbi sull'inaspettato e sacrificato trionfo dell'ex Nord. Vietcong. Soprattutto, avevamo bisogno di un po' più di pace e tranquillità. Abbiamo attraversato l'ultima strada costiera e una notevole foresta di cocco per l'ambiente comunale in cui si trovava. Dall'altro lato, arriviamo ad una spiaggia con più di 6 km di estensione.

È ancora metà pomeriggio, il sole tropicale bruciava come quasi sempre nella stagione secca nel Vietnam meridionale. Le condizioni erano giuste per una marea di bagnanti, ma, come era prevedibile in un'Asia così isolata, solo pochi stranieri occidentali furono sottoposti alla lenta tortura dei raggi ultravioletti.

Intorno a questi veri e propri sciami di massaggiatori, venditori di frutti di mare, amache, artigianato, cd e dvd piratati, protetti dalla grande star fino alla punta delle dita, facevano il possibile per tormentare il loro riposo. Anche se siamo lontani dal centro logistico della spiaggia, non ci vuole molto per attirare l'attenzione ed essere inseriti nella lista dei bersagli.

Per più di un'ora abbiamo rilassato il possibile, avvicinati ogni tre minuti da proposte commerciali abbastanza rifiutabili. Finché un fronte di fitte nuvole non ci porta il sole e, a poco a poco, alcuni giovani bagnanti vietnamiti e da altre parti dell'Asia si riversano sulla spiaggia, soddisfatti di potervi divertire senza infangare le loro pelli sacre.

Abbiamo preso il resto della giornata per riorganizzare il nostro viaggio a sud da Nha Trang.

La mattina seguente, iniziamo visitando il principale patrimonio archeologico della regione, alcune torri conosciute come Po Nagar costruite tra il VII e il XII secolo in onore della dea indù del regno Cham, ma che finì per essere adattate alla fede buddista che, nel frattempo, conquisterebbe la preferenza del popolo viet. Ci siamo presi il tempo necessario per apprezzare la sontuosità storica del luogo e lo scenario fluviale formato dal fiume Cai, proprio accanto.

A quel punto, avevamo già noleggiato una moto e deciso che saremmo andati a Doc Let Beach. Diverse pubblicazioni dedicate ai viaggi sostenevano che fosse la più affascinante del Vietnam. 

Abbiamo percorso strade piene di crateri, in una realtà di gioco per computer che ci ha costretto a schivare innumerevoli volte altre moto sovraccariche di passeggeri, oggetti e animali. Abbiamo anche schivato carri e carri di buoi, cani, anatre, maiali e persino canne di bambù che cadevano da qualsiasi camion.

In Doc Let, sempre con i piedi rinfrescati nel Mar Cinese Meridionale, abbiamo confermato il forte blu turchese di cui avevamo letto e una sabbia così bianca e riflettente da “accecare” i nostri occhi. Abbiamo anche notato che i vietnamiti avevano sostituito parte della foresta di cocco con una specie di cipresso giovanile che, secondo i nostri canoni culturali, dava alla spiaggia un certo aspetto funerario-tropicale.

Facciamo qualche tuffo e carezza e, per una buona mezz'ora, riposiamo le gambe, malandate dal viaggio. Ma sono ancora le 8 del mattino e siamo praticamente gli unici occidentali a Doc Let. Siamo stati presi di mira più e più volte dai venditori, che ora vendono panni e frutta fresca. Non ci è voluto molto per perdere la pazienza.

Ritornammo in moto indicando alcune saline che avevamo superato prima. Quando siamo arrivati, decine di operai hanno camminato lungo le passerelle strapiombanti in file armoniose, portando ciascuno due cesti pieni di sale che hanno bilanciato, alla vietnamita, su un palo a tracolla.

Ci avviciniamo con delicatezza. Mentre esaminiamo ulteriormente la scena, ci rendiamo conto che sono donne. Hanno il corpo e il viso coperti come protezione dall'erosione combinata del sole e del sale. Li guardiamo sopportare l'arduo lavoro con stoicismo, come spesso accade alle donne vietnamite, piuttosto che ai loro mariti, quando si tratta di compiti pesanti. Una volta o l'altra, si toglievano le maschere dai volti per mostrare un sorriso faticoso e far uscire qualsiasi osservazione o domanda che per noi fosse impercettibile.

Sulla via del ritorno a Nha Trang, abbiamo scoperto che queste erano le saline di Hon Khoi responsabili della "salatura" di buona parte del Vietnam. I suoi lavoratori della comune di Ninh Hai si alzavano ogni giorno alle tre del mattino e pedalavano per 4 km per andare al lavoro. Dalle 4 del mattino alle 9 del mattino si ripetevano i viaggi di andata e ritorno, carichi di 20 kg di sale, aumentando così il numero dei cumuli già formati.

Dalle 9 del mattino il sole ha trasformato le saline in una vera fornace che, come loro, non potevamo più sopportare. Da quel momento in poi sono arrivati ​​i camion per distribuire la materia prima in tutto il paese. Non abbiamo aspettato il primo. Siamo risaliti sullo scooter e abbiamo affrontato il doloroso ritorno a Nha Trang con in mente un pranzo vietnamita ben condito.

Hue, Vietnam

L'eredità rossa del Vietnam imperiale

Ha sofferto le peggiori difficoltà della guerra del Vietnam ed è stata disprezzata dal Vietcong per il passato feudale. Le bandiere nazional-comuniste sventolano sulle sue mura ma Hué ritrova il suo splendore.
Professioni Ardue

Il pane impastato dal diavolo

Il lavoro è essenziale per la maggior parte delle vite. Ma alcuni lavori impongono un livello di sforzo, monotonia o pericolo di cui solo pochi eletti sono capaci.
Ho An, Vietnam

Il porto vietnamita che osservava le navi

Hoi An era una delle stazioni commerciali più importanti dell'Asia. I cambiamenti politici e l'insabbiamento del fiume Thu Bon hanno dettato il suo declino e l'hanno preservata come la città più pittoresca del Vietnam.
Hanoi, Vietnam

Sotto l'Ordine del Caos

Hanoi ha ignorato a lungo gli scarsi semafori, altri segnali stradali e segnali decorativi. Vive al suo ritmo e in un ordine di caos irraggiungibile dall'Occidente.
Ijen Vulcano, Indonesia

Schiavi di zolfo del vulcano Ijen

Centinaia di giavanesi si arrendono al vulcano Ijen dove vengono consumati da gas velenosi e carichi che deformano le loro spalle. Ogni turno guadagna meno di 30 euro, ma tutti sono grati per il martirio.
Ho Chi Minh a Angkor, Camboja

La strada tortuosa per Angkor

Dal Vietnam in poi, le strade sconnesse ei campi minati della Cambogia ricordano gli anni del terrore dei Khmer rossi. Sopravviviamo e siamo ricompensati con la vista del più grande tempio religioso
Riserva Masai Mara, Masai Land Trip, Kenya, Masai Convivialità
Safari
Masai Mara, Kenia

Riserva del Masai Mara: Viaggio nella terra dei Masai

La savana di Mara divenne famosa per il confronto tra milioni di erbivori ei loro predatori. Ma, in una sconsiderata comunione con la fauna selvatica, sono gli umani Masai a distinguersi di più.
Monte Lamjung Kailas Himal, Nepal, Mal di montagna, Mountain Prevent Treat, Viaggi
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 2° - Chame a Upper PisangNepal

(I) Eminente Annapurna

Ci siamo svegliati a Chame, ancora sotto i 3000m. Lì abbiamo visto, per la prima volta, le cime innevate e più alte dell'Himalaya. Da lì, siamo partiti per un'altra escursione sul circuito dell'Annapurna attraverso le pendici e le pendici della grande catena montuosa. Verso qualcosa Upper Pisang.
Giardino scultoreo, Edward James, Xilitla, Huasteca Potosina, San Luis Potosi, Messico, Cobra dos Pecados
Architettura & Design
Xilitla, San Luis Potosì, Messico

Il Delirio Messicano di Edward James

Nella foresta pluviale di Xilitla, la mente irrequieta del poeta Edward James ha gemellato un eccentrico giardino domestico. Oggi, Xilitla è lodata come un Eden del surreale.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Aventura
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
portfolio, Got2Globe, Fotografia di viaggio, immagini, migliori fotografie, foto di viaggio, mondo, Terra
Cerimonie e Feste
Cape Coast, Gana

Il Festival della Purificazione Divina

La storia racconta che, a volte, una pestilenza ha devastato la popolazione della Cape Coast di oggi Gana. Solo le preghiere dei sopravvissuti e la purificazione del male operata dagli dei avranno posto fine al flagello. Da allora, i nativi hanno restituito la benedizione delle 77 divinità della tradizionale regione di Oguaa con il frenetico festival Fetu Afahye.
Natale ai Caraibi, presepe a Bridgetown
Città
Bridgetown, Barbados e Granada

Un Natale caraibico

Viaggiando, da cima a fondo, attraverso le Piccole Antille, il periodo natalizio ci coglie alle Barbados e a Grenada. Con le famiglie dall'altra parte dell'oceano, ci siamo adattati al caldo e alle feste in spiaggia dei Caraibi.
Cibo della capitale asiatica di Singapore, Basmati Bismi
cibo
Singapore

La capitale asiatica del cibo

C'erano 4 gruppi etnici a Singapore, ognuno con la propria tradizione culinaria. A ciò si aggiunse l'influenza di migliaia di immigrati ed espatriati su un'isola grande la metà di Londra. Si è affermata come la nazione con la più grande diversità gastronomica d'Oriente.
Indiano incoronato
Cultura
Pueblos del Sur, Venezuela

Per alcuni Trás-os-Montes in Venezuela in Fiesta

Nel 1619, le autorità di Mérida dettarono l'insediamento del territorio circostante. Dall'ordine sono derivati ​​19 villaggi remoti, che abbiamo trovato dediti a celebrazioni con caretos e pauliteiros locali.
sportivo
concorsi

L'uomo, una specie sempre in prova

È nei nostri geni. Per il piacere di partecipare, per titoli, onore o denaro, i concorsi danno un senso al mondo. Alcuni sono più eccentrici di altri.
Devils Marbles, da Alice Springs a Darwin, Stuart hwy, Top End Way
In viaggio
Alice Springs a Darwin, Australia

Stuart Road, sulla strada per il Top End australiano

Do Red Center fino al tropicale Top End, la Stuart Highway corre per oltre 1.500 chilometri solitari attraverso l'Australia. Lungo il percorso, il Territorio del Nord cambia radicalmente aspetto ma rimane fedele alla sua anima ruvida.
I musicisti di Karanga si uniscono alle rovine del Grande Zimbabwe, Zimbabwe
Etnico
Grande ZimbabweZimbabwe

Grande Zimbabwe, Piccola Danza Bira

I nativi Karanga del villaggio di KwaNemamwa mostrano le tradizionali danze Bira ai visitatori privilegiati delle rovine del Grande Zimbabwe. Il luogo più iconico dello Zimbabwe, quella che, dopo la proclamazione dell'indipendenza della Rhodesia coloniale, ispirò il nome della nuova e problematica nazione.  
fotografia di luce solare, sole, luci
Portfolio fotografico Got2Globe
Luce Naturale (parte 2)

Un Sole, Tante Luci

La maggior parte delle foto di viaggio vengono scattate alla luce del sole. La luce del sole e il tempo formano un'interazione capricciosa. Scopri come prevederlo, rilevarlo e utilizzarlo al meglio.
tarsio, bohol, filippine, ultraterreno
Storia
Bohol, Filippine

Una Filippine dall'altro mondo

L'arcipelago filippino si estende per oltre 300.000 km² di Oceano Pacifico. Parte del sub-arcipelago delle Visayas, Bohol ospita piccoli primati dall'aspetto alieno e le colline soprannaturali delle Chocolate Hills.
Donne a Messa. Bora Bora, Isole della Società, Polinesia, francese
Isole
Bora Bora, Raiatea, Huahine, Polinesia Francese

Un intrigante trio di società

Nel cuore idilliaco del vasto Oceano Pacifico, l'Arcipelago della Società, parte della Polinesia francese, abbellisce il pianeta come una creazione quasi perfetta della Natura. L'abbiamo esplorato per un po' di tempo da Tahiti. Gli ultimi giorni sono stati dedicati a Bora Bora, Huahine e Raiatea.
lago ala juumajarvi, parco nazionale di oulanka, finlandia
bianco inverno
Kuusamo ao P.N. Oulanka, Finlândia

Sotto il freddo incantesimo dell'Artico

Siamo al 66º nord e alle porte della Lapponia. Da queste parti il ​​paesaggio bianco è di tutti e di nessuno come gli alberi innevati, il freddo atroce e la notte senza fine.
Cove, Big Sur, California, Stati Uniti
Letteratura
Big Sur, EUA

La costa di tutti i rifugiati

Lungo 150 km, la costa californiana è soggetta a una vastità di montagne, oceano e nebbia. In questa ambientazione epica, centinaia di anime tormentate seguono le orme di Jack Kerouac e Henri Miller.
Lago Tinquilco in PN Huerquehue, Pucón, La Araucania, Cile
Natura
Pucón, Cile

Tra gli alberi di Araucaria di La Araucania

Ad una certa latitudine del Cile longitudinale, entriamo nell'Araucanía. Questo è un Cile aspro, pieno di vulcani, laghi, fiumi, cascate e foreste di conifere che hanno dato il nome alla regione. Ed è il cuore del pinolo della più grande etnia indigena del Paese: i Mapuche.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Cumbre Vieja, La Palma, Eruzione, Tsunami, Apocalisse televisiva
Parchi Naturali
La Palma, Isole CanarieSpagna

Il più mediatico dei cataclismi che accadrà

La BBC ha riferito che il crollo di un pendio vulcanico sull'isola della Palma potrebbe generare un mega tsunami. Ogni volta che l'attività vulcanica nell'area aumenta, i media colgono l'occasione per spaventare il mondo.
Colonia del Sacramento, Uruguay
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Colonia di Sacramento, Uruguay

Colonia del Sacramento: l'eredità uruguaiana di una navetta storica

La fondazione della Colónia do Sacramento da parte dei portoghesi ha generato conflitti ricorrenti con i rivali ispanici. Fino al 1828, questa piazza fortificata, oggi sedativa, cambiò lato innumerevoli volte.
In kimono con ascensore, Osaka, Giappone
personaggi
Osaka, Giappone

Alla compagnia di Mayu

La notte giapponese è un affare multimiliardario. Ad Osaka, un'enigmatica hostess che fa couchsurfing ci accoglie, a metà strada tra la geisha e l'escort di lusso.
Il pescatore manovra la barca vicino alla spiaggia di Bonete, Ilhabela, Brasile
Spiagge
Ilhabela, Brasile

A Ilhabela, sulla Via Bonete

Una comunità di caiçaras discendenti dai pirati fondò un villaggio in un angolo di Ilhabela. Nonostante il difficile accesso, Bonete è stata scoperta e considerata una delle dieci migliori spiagge del Brasile.
Mandria a Manang, circuito dell'Annapurna, Nepal
Religione
Circuito dell'Annapurna: 8° Manang, Nepal

Manang: l'ultimo acclimatamento nella civiltà

Sei giorni dopo aver lasciato Besisahar siamo finalmente arrivati ​​a Manang (3519 m). Situata ai piedi dei monti Annapurna III e Gangapurna, Manang è la civiltà che coccola e prepara gli escursionisti alla sempre temuta traversata del Thorong La Gorge (5416 m).
Una storia di trenino
Veicoli Ferroviari
Siliguri a Darjeeling, India

Il trenino himalayano funziona ancora seriamente

Né la forte pendenza di alcuni tratti né la modernità lo fermano. Da Siliguri, alle pendici tropicali della grande catena montuosa asiatica, a Darjeeling, con le sue cime in vista, il più famoso dei trenini indiani regala, giorno dopo giorno, un arduo viaggio da sogno. Percorrendo la zona, ci imbarchiamo e ci lasciamo incantare.
San Cristobal de Las Casas, Chiapas, Zapatismo, Messico, Cattedrale di San Nicolau
Società
San Cristobal de Las Casas, Messico

La dolce casa della coscienza sociale messicana

Maya, di razza mista e ispanica, zapatista e turistica, rurale e cosmopolita, San Cristobal ha le mani piene. In esso, i visitatori zaino in spalla e gli attivisti politici messicani ed espatriati condividono la stessa richiesta ideologica.
Visitatori a Talisay Ruins, Negros Island, Filippine
Vita quotidiana
Talisay città, Filippine

Monumento a un Amore Luso-Filippino

Alla fine del 11° secolo, Mariano Lacson, un contadino filippino, e Maria Braga, una donna portoghese di Macao, si innamorarono e si sposarono. Durante la gravidanza di quello che sarebbe diventato il suo undicesimo figlio, Maria ha ceduto a una caduta. Distrutto, Mariano costruì un palazzo in suo onore. Nel bel mezzo della seconda guerra mondiale, il palazzo fu bruciato, ma le eleganti rovine sopravvissute perpetuano la loro tragica relazione.
Tartaruga appena nata, PN Tortuguero, Costa Rica
Animali selvatici
P.N. Tortuguero, Costa Rica

Una notte all'asilo nido Tortuguero

Il nome della regione del Tortuguero ha una ragione evidente e antica. Le tartarughe marine dell'Atlantico e dei Caraibi si sono riversate a lungo sulle spiagge di sabbia nera della sua stretta costa per deporre le uova. In una delle notti trascorse a Tortuguero, abbiamo assistito alle loro nascite frenetiche.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.