Baia delle Isole, Nova Zelândia

Nucleo di civiltà della Nuova Zelanda


capricciosa nuova zelanda
Haka Trio
canoa maori secca
vita da pecora
Attraverso Piercy Island
Madre e figlia
Osservazione in prossimità
fila di pecore
piccola insenatura
Un fiume per quelli
La vista da prua
Albero di Waitangi
Waitangi è il luogo chiave dell'indipendenza e della coesistenza di lunga data dei nativi Maori con i coloni britannici. Nella circostante Baia delle Isole si celebra l'idilliaca bellezza marina degli antipodi della Nuova Zelanda, ma anche la complessa e affascinante nazione kiwi.

Siamo in piena estate nell'emisfero sud. Il tempo tiene l'Isola del Nord e la Baia delle Isole. Paihia è emersa come intimità estiva in un modo così accogliente che ci ha tenuti per quasi una settimana.

Lo stesso magnetismo che attirava i visitatori stranieri in catadupa, era responsabile del fatto che buona parte delle grandi case private del villaggio erano ora locande dai nomi irriverenti.

Mattina dopo mattina, quest'orda, per lo più adolescenti, lasciò le baracche e si diresse verso i vicini moli. Abbiamo tutti condiviso un destino: le acque turchesi e le invitanti insenature della Baia delle Isole, dove circa 150 isole ricoperte di prati, qua e là con vegetazione arborea punteggiano una rientranza arrotondata della costa della Nuova Zelanda.

Alla scoperta della Baia delle Isole

A bordo della “R. Tucker Thompson” – un'enorme barca a vela iconica della regione del Northland – ci siamo goduti uno di quei tour ventilati e soleggiati. Ammiriamo la costa erbosa e frastagliata. Facciamo il bagno in insenature divine senz'anima.

branco, Baia delle Isole, Nuova Zelanda

Un gregge di pecore fa la fila per l'ombra su un'isola nella Baia delle Isole

Sbarchiamo in un pittoresco allevamento di pecore sull'estensione di una calheta incuneata tra le colline dove l'azzurro del Pacifico arriva così dolcemente che sembra di fare il bagno per favore. Là, greggi di pecore con sospetto, corrono in fila per i pascoli, cercando l'ombra dei pochi alberi che gli allevatori di bestiame hanno risparmiato.

Con l'avanzare del pomeriggio, più barche a vela ancorano in diverse baie. Successive spedizioni di canoisti solcano il mare calmo in una comunione di scoperta ed evasione che prolunga lo sfogo della Baia delle Isole.

In questi giorni, la navigazione è pacifica e ricreativa. Ma siamo stupiti dall'immaginazione delle navi francesi e britanniche che si confrontano sulle due grandi isole del popolo Maori, poco più di due secoli fa.

Barca a vela, Baia delle Isole, Nuova Zelanda

Barca a vela ormeggiata in una delle tante calette della Baia delle Isole

Russell: una tana d'altri tempi

A metà del XNUMX° secolo, Russell, il villaggio di fronte a Paihia, era noto per il "buco infernale del Pacifico". Ha attirato tutti i detenuti fuggiti dall'Australia, balenieri e marinai che si sono ubriacati finché non hanno perso le tracce di dove erano ormeggiate le loro navi e, presto, i loro sensi.

Quando, nel 1835, Charles Darwin passò di lì, avrebbe dubitato dell'applicabilità della sua Teoria dell'evoluzione, già in fase embrionale. Invece, ha descritto il luogo come contrario a qualsiasi standard sociale.

Al giorno d'oggi, Russell, molto più di Paihia, ha gli edifici più antichi del Nova Zelândia. Sono testimonianze eleganti e ben conservate della perseveranza coloniale britannica, della pazienza e dell'astuzia diplomatica con cui gli inglesi trattarono con il popolo Maori, fino a quando entrambi giunsero a un'intesa che tuttavia sollecitava.

Terra solenne di Waitangi

Meno di 2 km a nord di Paihia, Waitangi traduce questa realtà storica come nessun altro luogo Nova Zelândia. Il Direttore Esecutivo Andy Larsen ci dà il benvenuto lì. Andy ci guida attraverso i motivi del Trattato di Waitangi. Ci presenta tre giovani comparse Maori nello spettacolo che viene mostrato quando vengono venduti abbastanza biglietti.

Ma né gli spettatori avevano aderito allora, né i visitatori abbondavano in quei recinti storici e museali della Baia delle Isole. Considerando la bellezza dei dintorni e il tempo libero che offrivano, non sarebbe sorprendente.

Un curioso Gancio I giovani

Al posto dello spettacolo, il cast accorciato ci dedica una piccola produzione fotografica con diritto a pose ed espressioni paurose di haka, sotto il tetto della casa waka eretto per celebrare la firma del Trattato di Waitangi nel 1840.

Lo fanno accanto a una canoa da guerra cerimoniale Maori, la più grande del mondo, lunga 35 metri, con spazio per un minimo di 76 rematori, sei o dodici tonnellate (a seconda che sia asciutta o fradicia) e un nome da abbinare: Ngatokimatawhaorua.

Apprezziamo i giovani dagli occhi spalancati, con le orbite che scoppiano, le sopracciglia alzate al limite e le lingue scoperte e cadenti, che emulano gli sguardi mostruosi con cui i Maori impressionavano le tribù nemiche, tra cui, dalla metà del XVII secolo, gli invasori europei di le loro terre.

Maori haka, Waitangi Treaty Grounds, Nuova Zelanda

Le comparse maori del Waitangi Treaty Grounds mettono in scena pose ed espressioni haka

Nelle vicinanze, recuperata dal quasi irrecuperabile abbandono e degrado in cui fu vista dal 1882 al 1933, si trova la Treaty House, ex residenza del governatore britannico a Nova Zelândia.

Il suo chalet di legno si trova di fronte a Te Whare Runanga, la Casa dell'Assemblea Maori, scolpita secondo i precetti tradizionali dei nativi ma creata come espressione di un'arte unica, per lo scopo supremo che le è stato assegnato. Insieme, i due edifici simboleggiano la partnership tra i Maori e la Corona britannica.

A pochi metri di distanza, in piedi sul lungomare ai margini di un vasto prato, le tre bandiere che la Nova Zelândia ha avuto per tutto il suo tempo come nazione: fianco a fianco, a un livello inferiore, le United Tribes della Nuova Zelanda e l'Union Jack del Regno Unito; allo zenit, l'attuale neozelandese.

Waitangi Treaty Grounds, Baia delle Isole, Nuova Zelanda

I visitatori esplorano i motivi del Trattato di Waitangi

Infine, una famiglia emerge dal retro del complesso. L'arrivo alla base dell'albero maestro rende omaggio al monumento, consapevole del lungo e toccante percorso storico ivi simboleggiato.

Britanni vs francesi vs maori: una disputa intricata

Nel 1830, disordine e caos erano all'ordine del giorno tra i sudditi di Sua Maestà Nova Zelândia. I francesi rappresentavano una concorrenza sempre più seria alle loro pretese e minacciavano di dichiarare la sovranità sulle isole Maori, cosa che preoccupava sia gli inglesi che i nativi.

Per quanto umiliante fosse stata l'imposizione dei coloni britannici, dopo un primo periodo di guerra, la convivenza sembrava inevitabile. Soprattutto, era necessario combattere l'ulteriore intrusione dei francesi.

La coesistenza di colonizzati britannici e francesi non sarebbe unica. Avevano già colonizzato, ad esempio, in un condominio, l'arcipelago melanesiano di Vanuatu, alla disperazione degli indigeni impotenti.

Di conseguenza, il 28 ottobre 1835, il rappresentante britannico in Nova Zelândia e trentaquattro capi Maori del nord del territorio si incontrarono a Waitangi e firmarono la Dichiarazione di Indipendenza della Nuova Zelanda.

Quattro anni dopo, c'erano già cinquantadue capi firmatari, uniti sotto una confederazione chiamata "Tribù Unite della Nuova Zelanda”. La comprensione non si fermerebbe qui.

Nel 1840, parti delle due grandi isole stavano per essere conquistate dai francesi. I coloni britannici esercitarono una forte pressione sulla Corona per formalizzare la Nuova Zelanda come colonia britannica. Allo stesso tempo, gli stessi leader Maori rivendicarono protezione dagli inglesi.

Waitangi: il possibile accordo tra britannici e maori

Il Trattato di Waitangi ha finalmente risposto a questa richiesta, ma non solo. Ha conferito agli indigeni una serie di altri diritti che, nonostante le inevitabili insoddisfazioni che affliggono tutte le nazioni, restano in Nova Zelândia. Almeno sulla carta, fu riconosciuta la proprietà dei Maori di molte delle loro terre, foreste e altre proprietà. Furono anche concessi loro i diritti di sudditi britannici.

Canoa Maori, Motivi del Trattato di Waitangi, Nuova Zelanda

Una grande canoa Maori al Waitangi Treaty Grounds celebra la nazione nativa.

Andy Larsen ci aveva lasciato per un momento per esplorare gli edifici e gli altri monumenti del complesso. Quando riprendiamo la conversazione, Andy non sembra contemplare alcuna analogia con la storia coloniale portoghese e spagnola: "Non fraintendetemi, ma non sono nemmeno contesti comparabili" ci assicura che l'integrazione coloniale degli inglesi nel Nova Zelândia era stato molto più liscio e più giusto di quello delle antiche potenze iberiche.

Eravamo consapevoli che i loro sforzi per il Waitangi Treaty Grounds erano volti a rafforzare la coscienza nazionale della Nuova Zelanda. Eppure, per troppi indigeni, l'uguaglianza e l'autodeterminazione che i coloni britannici hanno promesso con il Trattato di Waitangi rimangono insoddisfatte.

Come avveniva in tutta Aotearoa – il termine con cui i nazionalisti maori rispondevano al “Nova Zelândia” risultante dall'originale Nieuw Zeeland dello scopritore olandese Abel Tasman: molte delle terre della Baia delle Isole che ci hanno incantato, le loro baie e colline paradisiache, hanno sollevato contestazioni. Soprattutto perché passarono precocemente al possesso di grandi proprietari terrieri discendenti da coloni o addirittura al governo della Corona. È così che rimangono, o qualsiasi altra cosa, in contesti simili.

Un'altra mattina, quando ci siamo goduti la Baia delle Isole, abbiamo sorvolato la costa lungo l'Isola del Nord fino al limite settentrionale della Nuova Zelanda a Cape Reinga. Durante il volo abbiamo visto quanto quel susseguirsi di dune, spiagge deserte, prati, brughiere, promontori e penisole marine glorificasse il conteso dominio agli antipodi.

Idee sbagliate difficili da superare

Le differenze tra le versioni maori e inglese del Trattato di Waitangi per quanto riguarda la proprietà e la resa della sovranità hanno portato a disaccordi a livello nazionale. I successivi governi della Corona credevano che il Trattato avesse concesso loro la sovranità sui Maori.

Tra i Maori il concetto di proprietà fondiaria assoluta non ha mai avuto alcun senso. Questi, ancora oggi, continuano a credere di essersi limitati a concedere agli inglesi l'uso delle loro terre.

Numerose controversie sulla proprietà portarono alle guerre di Nova Zelândia e che, per tutto il XIX secolo, i Maori persero le terre che avevano controllato per secoli. Ciò si rivela, ancora oggi, una delle spine nel fianco della convivenza tra Maori e neozelandesi di discendenza coloniale.

Nel 1975 le autorità politiche della nazione kiwi finalmente tornarono in sé. Fu istituita la Corte Waitangi che decise molti dei ricorsi con indennizzo concesso alle tribù Maori. Anche se permangono diversi disaccordi sui termini del trattato di Waitangi, il trattato è considerato il documento fondativo della Nova Zelândia.

Baia delle Isole vista dall'aria, Nuova Zelanda

Veduta aerea della Baia delle Isole con le sue baie e rientranze a volte boscose ea volte erbose.

I Maori. I discendenti dei coloni. Quella degli emigranti dalle isole del Pacifico che vi giungono carichi di sogni. Quella dei entusiasti visitatori europei che stanno pensando di trasferirsi lì. Nel bene e nel male, di tutti.

Maggiori informazioni su Waitangi e la Baia delle Isole sul rispettivo sito web del UNESCO.

Nelson a Wharariki, PN Abele Tasman, Nova Zelândia

La costa Maori dove gli europei hanno dato la costa

Abel Janszoon Tasman ha esplorato di più delle nuove mappe e dei mitici "Terra australis" quando un errore ha inasprito i contatti con i nativi di un'isola sconosciuta. L'episodio ha inaugurato la storia coloniale di Nova Zelândia. Oggi, sia la costa divina su cui è avvenuto l'episodio, sia i mari che la circondano, evocano il navigatore olandese.
Wanaka, Nova Zelândia

Quanto è buono nel Campo dos Antipodes

Se la Nuova Zelanda è nota per la sua tranquillità e intimità con la natura, Wanaka supera ogni immaginazione. Situato in un ambiente idilliaco tra il lago omonimo e il mistico Monte Aspirante, è diventato luogo di culto. Molti kiwi aspirano a cambiare la loro vita lì.
Isola del nord, Nova Zelândia

Viaggio lungo il sentiero della maggioranza

La Nuova Zelanda è uno dei paesi in cui i discendenti di coloni e nativi si rispettano di più. Mentre esploravamo la sua Isola del Nord, abbiamo appreso della maturazione interetnica di questa nazione Repubblica come maori e polinesiano.
Penisola di Banks, Nova Zelândia

Il frammento della terra divina della penisola di Banks

Dall'alto, il rigonfiamento più evidente sulla costa orientale dell'Isola del Sud sembra essere imploso più e più volte. Vulcanica ma verdeggiante e bucolica, la Banks Peninsula racchiude nella sua geomorfologia quasi a ruota dentata l'essenza della vita sempre invidiabile della Nuova Zelanda.
napier, Nova Zelândia

Ritorno agli anni '30 - Tour del Calhambeque

In una città ricostruita in stile Art Déco e con un'atmosfera da "anni folli" e oltre, il mezzo di trasporto appropriato sono le eleganti auto d'epoca di quell'epoca. A Napier sono ovunque.
Christchurch, Nova Zelândia

Il maledetto stregone della Nuova Zelanda

Nonostante la sua notorietà agli antipodi, Ian Channell, lo stregone della Nuova Zelanda, non fu in grado di prevedere o prevenire diversi terremoti che colpirono Christchurch. A 88 anni, dopo 23 anni di contratto con il Comune, rilascia dichiarazioni troppo controverse e finisce per essere licenziato.
Tongariro, Nova Zelândia

I vulcani di tutte le discordie

Alla fine del XIX secolo, un capo indigeno cedette i vulcani del PN Tongariro alla corona britannica. Oggi, una parte significativa del popolo Maori rivendica le proprie montagne di fuoco dai coloni europei.
Nova Zelândia  

Quando contare le pecore fa dormire

20 anni fa, la Nuova Zelanda aveva 18 pecore per ogni abitante. Per ragioni politiche ed economiche, la media si è dimezzata. Agli antipodi, molti allevatori sono preoccupati per il loro futuro.
Mount Cook, Nova Zelândia

Nubi del Monte Fura

Aoraki/Mount Cook può essere molto al di sotto del tetto del mondo, ma è la montagna più imponente e più alta della Nuova Zelanda.
Napier, Nova Zelândia

Ritorno agli anni '30

Devastato da un terremoto, Napier è stato ricostruito in un Art Deco quasi al piano terra e vive fingendo di essersi fermato negli anni Trenta. I suoi visitatori si arrendono all'atmosfera del Grande Gatsby che trasuda la città.
Fiordland, Nova Zelândia

I fiordi degli antipodi

Una stranezza geologica ha reso la regione del Fiordland la più cruda e imponente della Nuova Zelanda. Anno dopo anno, molte migliaia di visitatori adorano il sottodominio patchwork tra Te Anau e Milford Sound.
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
Rhino, PN Kaziranga, Assam, India
Safari
PN Kaziranga, India

La roccaforte del Monoceros indiano

Situato nello stato dell'Assam, a sud del grande fiume Brahmaputra, PN Kaziranga occupa una vasta area di palude alluvionale. Lì, due terzi del rinoceronte unicornis nel mondo, tra circa 100 tigri, 1200 elefanti e molti altri animali. Pressato dalla vicinanza umana e dall'inevitabile bracconaggio, questo prezioso parco non ha saputo proteggersi dalle iperboliche inondazioni monsoniche e da alcune polemiche.
Braga o Braka o Brakra in Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 6° – Braga, Nepal

In un Nepal più antico del Monastero di Braga

Quattro giorni di cammino dopo, abbiamo dormito a 3.519 metri a Braga (Braka). All'arrivo, solo il nome ci è familiare. Di fronte al fascino mistico della città, che si articola intorno a uno dei più antichi e venerati monasteri buddisti del circuito dell'Annapurna, acclimatamento con salita all'Ice Lake (4620m).
Incisioni, Tempio di Karnak, Luxor, Egitto
Architettura & Design
Luxor, Egitto

Da Luxor a Tebe: viaggio nell'antico Egitto

Tebe fu eretta come nuova capitale suprema dell'Impero Egizio, sede di Amon, il Dio degli Dei. La moderna Luxor ha ereditato il Tempio di Karnak e la sua sontuosità. Tra l'uno e l'altro scorrono il sacro Nilo e millenni di storia mozzafiato.
Barche sul ghiaccio, isola di Hailuoto, Finlandia
Aventura
A forma di squalo, Finlândia

Un rifugio nel Golfo di Botnia

Durante l'inverno, l'isola di Hailuoto è collegata al resto della Finlandia dalla strada di ghiaccio più lunga del paese. La maggior parte dei suoi 986 abitanti apprezza soprattutto la distanza che l'isola concede loro.
MassKara Festival, Bacolod City, Filippine
Cerimonie e Feste
Bacolod, Filippine

Un festival per ridere della tragedia

Intorno al 1980, il valore dello zucchero, importante fonte di ricchezza sull'isola filippina di Negros, crollò e il traghetto"Don Juan” che la serviva affondò e morirono più di 176 passeggeri, la maggior parte dei quali neri. La comunità locale ha deciso di reagire alla depressione generata da questi drammi. Nasce così MassKara, una festa impegnata a recuperare i sorrisi della popolazione.
In kimono con ascensore, Osaka, Giappone
Città
Osaka, Giappone

Alla compagnia di Mayu

La notte giapponese è un affare multimiliardario. Ad Osaka, un'enigmatica hostess che fa couchsurfing ci accoglie, a metà strada tra la geisha e l'escort di lusso.
Mercato del pesce di Tsukiji, tokyo, giappone
cibo
Tokyo, Giappone

Il mercato del pesce che ha perso freschezza

In un anno, ogni giapponese mangia più del suo peso di pesce e crostacei. Dal 1935 una parte considerevole è stata lavorata e venduta nel più grande mercato ittico del mondo. Tsukiji è stato terminato nell'ottobre 2018 e sostituito da Toyosu's.
Tequila, città di Jalisco, Messico, Jima
Cultura
Tequila, JaliscoMessico

Tequila: la distillazione del Ovest de Messico che Anima il Mondo

Disillusi dalla mancanza di vino e brandy, i conquistadores del Messico migliorarono la millenaria attitudine indigena alla produzione di alcolici. Nel XNUMX° secolo, gli spagnoli furono soddisfatti del loro pinga e iniziarono ad esportarlo. Da Tequila, il persone, oggi, centro di una regione delimitata. E il nome per cui è diventato famoso.
Corsa di renne, Kings Cup, Inari, Finlandia
sportivo
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
Coppia gotica
In viaggio

Matarraña ad Alcanar, Spagna

Una Spagna medievale

Percorrendo le terre di Aragona e Valencia, incontriamo torri e merli sottolineati da case che riempiono i pendii. Miglio dopo miglio, questi luoghi si stanno rivelando tanto anacronistici quanto affascinanti.

Donne con i capelli lunghi di Huang Luo, Guangxi, Cina
Etnico
Longsheng, Cina

Huang Luo: il villaggio cinese dai capelli più lunghi

In una regione multietnica ricoperta di risaie terrazzate, le donne di Huang Luo si sono arrese alla stessa ossessione capillare. Consentono ai capelli più lunghi del mondo di crescere, per anni, fino a una lunghezza media di 170-200 cm. Per quanto strano possa sembrare, per mantenerli belli e lucenti, usano solo acqua e riso.
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Vita fuori

Kiomizudera, Kyoto, un Giappone millenario quasi perduto
Storia
Kyoto, Giappone

Un Giappone millenario quasi perduto

Kyoto era nella lista dei colpi della bomba atomica degli Stati Uniti ed era più di un capriccio del destino a preservarla. Salvata da un Segretario alla Guerra americano innamorato della sua ricchezza storico-culturale e della sontuosità orientale, la città è stata sostituita all'ultimo minuto da Nagasaki nell'atroce sacrificio del secondo cataclisma nucleare.
Bangkas sull'isola di Coron, Filippine
Isole
Coron, Busuanga, Filippine

La segreta ma piccola armata giapponese

Nella seconda guerra mondiale, una flotta giapponese non riuscì a nascondersi al largo di Busuanga e fu affondata da aerei statunitensi. Oggi i suoi relitti sottomarini attirano migliaia di subacquei.
costa, fiordo, Seydisfjordur, Islanda
bianco inverno
Seydisfjörður, Islândia

Dall'arte della pesca all'arte della pesca

Quando gli armatori di Reykjavik acquistarono la flotta peschereccia da Seydisfjordur, il villaggio dovette adattarsi. Oggi cattura i discepoli dell'arte di Dieter Roth e altre anime bohémien e creative.
Ombra vs Luce
Letteratura
Kyoto, Giappone

Il Tempio di Kyoto risorto dalle ceneri

Il Padiglione d'Oro è stato risparmiato dalla distruzione più volte nel corso della storia, comprese le bombe sganciate dagli Stati Uniti, ma non ha resistito al disturbo mentale di Hayashi Yoken. Quando lo ammiravamo, brillava come non mai.
Monte Denali, McKinley, Sacro Tetto Alaska, America del Nord, Ridge, Mal di montagna, Mal di montagna, Prevenire, Trattare
Natura
Monte Denali, Alaska

Il Sacro Soffitto del Nord America

Gli indiani Athabascan lo chiamavano Denali, o il Grande, e ne venerano la superbia. Questa splendida montagna ha suscitato l'avidità degli alpinisti e una lunga serie di salite da record.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Monte Lamjung Kailas Himal, Nepal, Mal di montagna, Mountain Prevent Treat, Viaggi
Parchi Naturali
Circuito dell'Annapurna: 2° - Chame a Upper PisangNepal

(I) Eminente Annapurna

Ci siamo svegliati a Chame, ancora sotto i 3000m. Lì abbiamo visto, per la prima volta, le cime innevate e più alte dell'Himalaya. Da lì, siamo partiti per un'altra escursione sul circuito dell'Annapurna attraverso le pendici e le pendici della grande catena montuosa. Verso qualcosa Upper Pisang.
La Repubblica Dominicana Balneario de Barahona, Balneario Los Patos
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Barahona, Repubblica Dominicana

Repubblica Dominicana Fare il bagno a Barahona

Sabato dopo sabato, l'angolo sud-ovest della Repubblica Dominicana entra in modalità di decompressione. A poco a poco, le sue seducenti spiagge e lagune accolgono una marea di persone euforiche che si arrendono a un peculiare partito anfibio.
La maschera di Zorro in mostra durante una cena presso la Pousada Hacienda del Hidalgo, El Fuerte, Sinaloa, Messico
personaggi
El Fuerte, Sinaloa, Messico

La Culla di Zorro

El Fuerte è una città coloniale nello stato messicano di Sinaloa. Nella sua storia verrà ricordata la nascita di Don Diego de La Vega, si dice che in un palazzo del paese. Nella sua lotta contro le ingiustizie del giogo spagnolo, Don Diego si trasformò in un sfuggente uomo mascherato. A El Fuerte avrà sempre luogo il leggendario “El Zorro”.
Atterraggio in aereo, spiaggia di Maho, Sint Maarten
Spiagge
Maho Beach, Sint Maarten

La spiaggia caraibica a propulsione a reazione

A prima vista, l'aeroporto internazionale Princess Juliana sembra essere solo un altro dei vasti Caraibi. I successivi atterraggi poco profondi sulla spiaggia di Maho che ne precede la pista, i decolli di jet che distorcono i volti dei bagnanti e li proiettano in mare, ne fanno un caso speciale.
Palazzi Gangtok, Sikkim, India
Religione
Gangtok, India

Una vita a mezza china

Gangtok è la capitale del Sikkim, un antico regno nella sezione himalayana della Via della Seta, divenuta provincia indiana nel 1975. La città è in equilibrio su un pendio, di fronte al Kanchenjunga, la terza elevazione più alta del mondo che molti indigeni ritengono sia casa in una valle paradisiaca dell'immortalità. La loro ripida e faticosa esistenza buddista mira, lì o altrove, a raggiungerlo.
Composizione ferroviaria Flam sotto una cascata, Norvegia
Veicoli Ferroviari
nesbyen a Flamm, Norvegia

Ferrovia Flam: la Norvegia sublime dalla prima all'ultima stazione

Su strada ea bordo della Flam Railway, su una delle linee ferroviarie più ripide del mondo, raggiungiamo Flam e l'ingresso del Sognefjord, il più grande, il più profondo e il più venerato dei fiordi della Scandinavia. Dal punto di partenza all'ultima stazione, questa Norvegia che abbiamo svelato è monumentale.
Tabatô, Guinea Bissau, tabanca Mandingo musicisti. Baidi
Società
Tabato, Guinea Bissau

La Tabanca dei Mandinga Poeti Musicisti

Nel 1870, una comunità di musicisti mandingo itineranti si stabilì vicino all'attuale città di Bafatá. Dai Tabatô che hanno fondato, la loro cultura e, in particolare, i loro prodigiosi balafonisti, abbagliano il mondo.
Visitatori a Talisay Ruins, Negros Island, Filippine
Vita quotidiana
Talisay città, Filippine

Monumento a un Amore Luso-Filippino

Alla fine del 11° secolo, Mariano Lacson, un contadino filippino, e Maria Braga, una donna portoghese di Macao, si innamorarono e si sposarono. Durante la gravidanza di quello che sarebbe diventato il suo undicesimo figlio, Maria ha ceduto a una caduta. Distrutto, Mariano costruì un palazzo in suo onore. Nel bel mezzo della seconda guerra mondiale, il palazzo fu bruciato, ma le eleganti rovine sopravvissute perpetuano la loro tragica relazione.
Maria Jacarés, Pantanal Brasile
Animali selvatici
Miranda, Brasile

Maria dos Jacarés: il Pantanal ospita creature così

Eurides Fátima de Barros è nato nelle campagne della regione di Miranda. 38 anni fa, si stabilì in una piccola attività ai margini della BR262 che attraversa il Pantanal e acquisì affinità con gli alligatori che vivevano alle sue porte. Disgustata dal fatto che le creature lì una volta fossero state massacrate, iniziò a prendersi cura di loro. Oggi conosciuta come Maria dos Jacarés, ha chiamato ciascuno degli animali in onore di un giocatore di football o di un allenatore. Garantisce inoltre che riconoscano le tue chiamate.
Mushing completo del cane
Voli panoramici
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.