Cascate dell'Iguazù/Iguazù, Brasile/Argentina

Il tuono della grande acqua


Salto San Martino
Le palme dominano le cascate dell'Iguaçu, con l'isola di San Martin sullo sfondo.
Insignificanza
Una donna si affaccia su una delle cascate più potenti delle cascate dell'Iguaçu.
Iguaçu all'interno II
I visitatori si radunano alla fine di una passerella, spruzzati dall'acqua rilasciata dalle cascate circostanti.
Salto San Martino
Un gruppo di visitatori ammira l'imponente cascata di San Martin, una delle più imponenti della sponda argentina del fiume Iguaçu.
navigazione audace
La barca piena di passeggeri resiste a un incidente alla base di Isla San Martin.
dentro iguacu
I visitatori accorrono alla fine di una passerella, accanto a un arcobaleno sfolgorante.
Salto di Naipi
Imponente cascata sul prolungamento laterale della Gola del Diavolo.
torrent a parte
Caduta secondaria, dove acqua e vegetazione dividono la scogliera.
Tucano
Un tucano, uno degli uccelli che abitano la giungla intorno al fiume Iguaçu.
grande acqua
Un gruppo di persone ammira la Garganta do Diabo da una piattaforma sul lato brasiliano delle cascate.
Iguaçu a Pinha
Una folla di visitatori condivide una piattaforma sul fiume Iguaçu.
Fiume Iguazu
Veduta aerea del fiume Iguaçu e delle cascate dell'Iguaçu.
acque bianche
In cima a un salto, davanti allo spazio Naipi.
vista balcone
Una donna ammira il lussureggiante paesaggio verde sul versante argentino delle cascate dell'Iguazú.
sfida
Una barca con potenti motori fa un'incursione spericolata in una delle cascate dell'isola di San Martin.
Sull'acqua
I visitatori camminano lungo una passerella sulle acque del fiume Iguaçu.
Tropicale
Le palme si stagliano sul flusso in caduta del fiume Iguaçu.
Fine giornata tropicale
Il sole tramonta oltre la sponda argentina del fiume Iguaçu.
Dopo un lungo viaggio tropicale, il fiume Iguaçu fa il grande passo. Lì, al confine tra Brasile e Argentina, si formano le cascate più grandi e imponenti sulla faccia della Terra.

All'arrivo a Foz do Iguaçu, quasi direttamente da Curitiba, abbiamo valutato male la situazione. La definiamo una nuova catastrofe meteorologico-fotografica.

Eravamo alla fine di gennaio, il mese più caldo di questa regione del Brasile meridionale e dell'Argentina settentrionale, nota per le temperature massime che superano facilmente i 40º.

Al posto del sole "cocco" che ci si aspettava, la regione era stata, per quattro giorni, ricoperta da un manto di nubi scure e pesanti che scrosciavano continui acquazzoni, accompagnati da forti venti e minacciosi temporali.

Finché qualcosa non è cambiato, quei quattro giorni sono diventati sette. Ci siamo presi il tempo per esplorare Foz (come la chiamano i locali) una città più affascinante che elegante.

Destinazione: ItaipuIl passato enigmatico ed elettrizzante di Foz de Iguaçu

Foz non ha mai smesso di svilupparsi, nei 18 anni di costruzione del Centrale idroelettrica binazionale di Itaipu (condivisa da Brasile e Paraguay) la più grande diga del mondo fino al completamento della diga delle Tre Gole, in Cina.

Da 35.000 abitanti, nel 1973, intorno all'anno 2001, ne accoglieva già 256.000. Questa crescita insostenibile è stata incoraggiata anche dall'uso turistico delle cascate dell'Iguaçu. E non erano solo brasiliani.

Dopo la seconda guerra mondiale, Foz de Iguaçu venne ad ospitare i nazisti fuggitivi. È stata la congiunzione delle comunità italiana, tedesca, libanese, ucraina, argentina e paraguaiana, cinese e giapponese, tra le altre secondarie, a renderla una delle città più multiculturali del mondo.

Ciò è stato rafforzato dall'essere situato sul triplo confine argentino-brasiliano-paraguaiano. Questa è un'area carica di misticismo. Di presunto magnetismo extraterrestre che continua ad attrarre culti religiosi, sette di ogni genere e... gli UFO.

Per non parlare delle cellule sudamericane di Al-Qaeda, almeno facendo affidamento sugli allarmi permanenti dei servizi segreti argentini e Israele.

Volo sopra il bacino

Lo scioglimento del fronte freddo e la scoperta delle traboccanti cascate di Iguazu

Come molti dei fronti freddi che hanno colpito l'interno del Sud America in estate, anche questo ha provocato inondazioni improvvise e temporali minacciosi.

Ha lasciato il fiume Iguaçu quasi per traboccare. Finì per sbiadire contro il caldo e l'alta pressione delle latitudini più basse dove camminavamo.

Finalmente il sesto giorno sorse con un cielo cosparso di bianche matasse. Ci ha dato il motto che stavamo aspettando per lasciare Foz de Iguaçu verso la “Grande Acqua”, come sono soliti chiamarla gli indigeni Tupi-Guarani che hanno abitato la regione dei tre confini delle cascate.

Dall'ingresso del Parco Nazionale dell'Iguaçu, ci dirigiamo direttamente nella zona di Naipi. Abbiamo fatto un rapido giro in ascensore fino alla cima della torre di osservazione locale e ci siamo diretti con entusiasmo all'esterno.

Lì troviamo, per la prima volta, il flusso in caduta dell'Iguaçu, colossale, brutale, molto più potente di quanto ci saremmo mai aspettati, ruggendo in modo tale che solo lui potesse essere udito.

Cascate di Naipi, Cascate di Iguacu, Brasile, Argentina

Imponente cascata sul lato del caduta Gola del diavolo.

L'Odissea di Álvar Nuñez, "El Cabeza de Vaca" sull'incrocio delle cascate dell'Iguaçu

Di fronte a questo paesaggio unico, Alvar Núñez Cabeza de Vaca, il caparbio esploratore di Jerez de La Fontera avrà esclamato: “Santa Maria, che bellezza!". Condividiamo il tuo entusiasmo.

Dall'alto di quel supremo terrazzo si può apprezzare l'alveo gonfio dell'Iguaçu, che si infrange su enormi rocce ricoperte d'erba, perso nella fitta nebbia causata dall'impatto dell'acqua e, al confronto, insignificanti, le opposte pareti verdeggianti su cui precipitarono innumerevoli cadute secondarie.

Caduta secondaria, cascate di Iguacu, Brasile, Argentina

Caduta secondaria, dove acqua e vegetazione dividono la scogliera.

È noto che anche il fascino del conquistatore era effimero. Álvar Núñez guidò un piccolo esercito che aveva lasciato l'isola di Santa Catarina, al largo della costa brasiliana, per aiutare l'attuale villaggio paraguaiano di Nuestra Señora de Asunción, circondato da indigeni bellicosi.

Cabeza de Vaca si rese presto conto che avrebbe dovuto attraversare l'infido canyon che accoglie l'Iguaçu con tutto l'armamentario militare che trasportava. Ed è più che probabile che le parole di apprezzamento iniziali abbiano lasciato il posto alle peggiori parolacce a cui potesse pensare.

Le cascate di Iguazu modernizzate dal lato brasiliano

La facilità di esplorazione è oggi, dalla sponda brasiliana del fiume, assoluta, anche alquanto esagerata.

Di nuovo a terra, strutture e piattaforme complementari consentono approcci inaspettati all'estremità aperta dell'enorme Gola del Diavolo e alla base delle verdi scogliere sul versante argentino, con una vista privilegiata sulla vicina Isola di San Martin.

Visitatori di attraversamento pedonale, arcobaleno, cascate di Iguacu, Brasile, Argentina

I visitatori accorrono alla fine di una passerella, accanto a un arcobaleno sfolgorante.

Sono sempre frequentati accessi a vere e proprie docce naturali e che, nelle giornate particolarmente ventose, garantiscono ritorni fradici.

Dallo spazio di Naipi si procede per il Sentiero delle Cascate, un sentiero oscuro che si inerpica lungo il pendio rigoglioso e rivela lembi del profondo letto, attraverso la vegetazione o da punti panoramici conquistati.

Il sorvolo panoramico della Grande Iguaçu

Una volta esaurite le possibilità di esplorazione terrestre e fluviale delle cascate sul versante brasiliano, ci è rimasta l'opzione aerea. Non ci è voluto molto per viverlo a bordo di un elicottero panoramico.

Il volo si conferma breve ma intenso. Ci permette di scoprire l'immensità della giungla brasiliana e argentina. Segue il meandri del fiume Iguaçu e la sua diffusione, nell'area che circonda le cascate, identificabile come l'unica superficie libera in un'infinita area verde circostante.

Vista sul fiume Iguacu, cascate di Iguacu, Brasile, Argentina

Veduta aerea del fiume Iguaçu e delle cascate dell'Iguaçu.

Successivamente sorvoleremo ancora le cascate a bassa quota, lungo la lunga e profonda faglia geologica che le origina. Da lì, l'acqua fangosa cambia da tonalità brunastre a un bianco intenso da cui si alzano enormi colonne di nebbia. A valle delle cascate, questa faglia, fino ad allora alquanto indefinita, rivela le imponenti dimensioni e caratteristiche che giustificano il nome Devil's Throat.

Nella zona di Baixo Iguaçu, l'Argentina è a poche decine di metri dal Brasile. Per quanto riguarda gli spostamenti convenzionali, al di fuori del parco, il passaggio da un paese all'altro richiede un percorso di 23 km da Foz do Iguaçu.

Questo percorso attraversa il ponte Presidente Tancredo Neves, dipinto con i colori delle bandiere argentina e brasiliana. Dopo la complessa logistica di frontiera, entra nella provincia di Missioni lungo la Ruta 12, dove sale al km 5.

Cascate di San Martin, Palme, Cascate di Iguacu, Brasile, Argentina

Le palme dominano le cascate dell'Iguaçu, con l'isola di San Martin sullo sfondo.

Le cascate sono divise in modo non uniforme tra Brasile e Argentina.

Gli argentini detengono la maggior parte del flusso del fiume Iguaçu. D'altra parte, il Parco Nazionale dell'Iguaçu è più grande di quello argentino. Su entrambi i lati del confine la fauna è ricca, compresa l'area delle cascate dove gli animali più facili da vedere sono i coati.

In branco, i coati invadono le aree di appoggio e gli edifici alla ricerca del cibo che sono abituati a chiedere ai turisti. Gli animali rimanenti, principalmente mammiferi, sono solitamente furtivi. Come si suppone, in un ambiente che, come tutte le vere giungle, è denso e oscuro.

Il Parco Nazionale dell'Iguaçu nasconde specie pericolose come puma e giaguari. Ogni volta che dubiti della sua presenza, ricorda che, nel 1997, un giaguaro (come lo chiamano i brasiliani) uccise il figlio di un ranger brasiliano.

Il lato argentino molto più naturale delle cascate dell'Iguazú

All'ingresso del Parque Nacional del Iguazú abbiamo notato un approccio ecologico molto più rispettoso di quello brasiliano. La strategia (preferiamo credere nell'intenzionalità) era quella di cambiare il meno possibile.

visitatori sull'acqua, cascate di iguacu, brasile, argentina

I visitatori camminano lungo una passerella sulle acque del fiume Iguaçu.

Ci imbattiamo in insignificanti edifici di accoglienza in legno. Da lì si percorre un lungo “viale” fiancheggiato da erba alta da cui si diramano i tre principali percorsi esistenti in mezzo alla giungla: il Paseos Inferiores (1.5 km), il Paseos Superiores (1.2 km) e la Gola – ora nella sua versione ispanica – del Diabo.

Si procede lungo una combinazione di binari minimali, qua e là rinforzati da passerelle sospese in ferro.

I Paseos Inferiors ci offrono una vista privilegiata delle cascate Duas Irmãs, Pequeña, Ramirez, Bossetti, Bernabé Méndez, Mbiguá e Adao y Eva, dalle loro basi.

Nel circuito superiore, passiamo dietro queste cascate secondarie in un ambiente aspro di una giungla ancora più fitta volata dai tucani e che suggerisce l'imminenza dei grandi felini screziati o neri – come impone il loro melanismo – che pattugliano queste soste.

Tucano, Cascate dell'Iguazú, Brasile, Argentina

Un tucano, uno degli uccelli che abitano la giungla intorno al fiume e alle cascate di Iguaçu.

La caduta più che diabolica della gola del Diablo

Abbiamo lasciato per la fine l'incursione alla soglia mortale della Garganta del Diablo.

Per arrivarci, prendiamo un pittoresco trenino per Puerto Canoas. Da lì, percorriamo la passerella di 2200 m che attraversa una parte considerevole del letto del fiume Iguaçu, sul lato esterno di una delle estremità del ferro di cavallo.

Possiamo vedere come, grazie alla forza centrifuga a cui è sottoposto il flusso, questo vasto e marginale tratto di alveo sfugga al più ampio precipizio e alimenti le restanti cascate argentine.

La passeggiata si svolge sopra l'acqua, in un ambiente sottratto a una quiete illusoria, arricchito da isolotti ricoperti di vegetazione che compartimentalizzano ulteriormente il fiume.

Andando avanti, come se tutto il resto fosse un mero rituale di iniziazione, la passerella conduce a una nuova piattaforma di osservazione e il ruggito diventa più assordante che in qualsiasi altra zona delle cascate.

Pochi passi in più, siamo di fronte al vuoto. Scopriamo poi come l'Iguaçu si schianta nell'abisso del re (alto circa 150 metri e largo 700 metri) con tale violenza che l'impatto provoca una nuvola permanente alta circa 30 metri.

Big Platform Water, cascate di Iguacu, Brasile, Argentina

Un gruppo di persone ammira la Garganta do Diabo da una piattaforma sul lato brasiliano delle cascate.

E siamo abbagliati dall'andirivieni di innumerevoli rondoni senza paura, in viaggio da e verso i loro nidi nascosti nelle profondità delle scogliere.

Più contenute nella velocità, alcune barche risalgono la gola. Scompaiono anche temporaneamente nella nebbia per mostrare ai passeggeri la Garganta del Diablo nel modo più audace possibile, anche così, ben al di sotto delle imprese inconsce compiute nella prima metà del XX secolo.

Nei primi giorni turistici delle cascate dell'Iguaçu, in assenza di passerelle e piattaforme, era comune per i visitatori impavidi noleggiare una barca a remi e un vogatore. Questo li portò al limite delle cascate e, remando come un matto contro corrente, immobilizzò la barca.

I passeggeri intanto si sono divertiti a spostarsi da un lato all'altro della barca, a scattare foto, a scambiarsi impressioni e qualunque cosa quel momento di assoluto relax li abbia ispirati a fare.

Ma ogni abuso di fortuna ha i suoi limiti e l'inevitabile è accaduto. Nel 1938, la forza del flusso vinse il servizio di vogatore. La barca su cui stava manovrando si è schiantata con a bordo sette tedeschi. Nessuno è sopravvissuto.

barca piena di passeggeri, cascate di iguacu, brasile, argentina

La barca piena di passeggeri resiste a un incidente alla base di Isla San Martin.

Queste folli sfide alla morte furono bandite. Invece barche con motori potenti sfidano il fondo di altri salti secondari.

E l'esclusività del salto è tornata alla grande acqua di Iguaçu.

Tramonto, cascate di Iguacu, Brasile, Argentina

Il sole tramonta oltre la sponda argentina del fiume Iguaçu.

Passo da Lontra, Miranda, Brasile

Brasile sommerso a un passo dalla lontra

Siamo all'estremità occidentale del Mato Grosso do Sul, ma la boscaglia, da queste parti, è un'altra cosa. In un'estensione di quasi 200.000 km2, la Brasile appare parzialmente sommerso, da fiumi, torrenti, lagune e altre acque disperse in vaste pianure alluvionali. Nemmeno il caldo soffocante della stagione secca prosciuga la vita e la biodiversità dei luoghi e delle fattorie del Pantanal come quella che ci ha accolto sulle rive del fiume Miranda.
Manaus, Brasile

I salti e le sorprese dell'ex capitale mondiale della gomma

Dal 1879 al 1912, solo il bacino del Rio delle Amazzoni ha generato il lattice di cui il mondo aveva bisogno da un momento all'altro e, dal nulla, Manaus è diventata una delle città più avanzate sulla faccia della Terra. Ma un esploratore inglese portò l'albero nel sud-est asiatico e rovinò la produzione dei pionieri. Manaus ha dimostrato ancora una volta la sua elasticità. È la città più grande dell'Amazzonia e la settima del Brasile.
Curitiba, Brasile

La vita elevata di Curitiba

Non è solo l'altitudine di quasi 1000 metri a cui si trova la città. Cosmopolita e multiculturale, la capitale del Paraná ha un indice di qualità della vita e sviluppo umano che la rendono un caso a sé in Brasile.
Esteros del Iberá, Argentina

Il Pantanal della Pampa

Sulla mappa del mondo, a sud di famosa zona umida brasiliana, emerge una regione allagata poco conosciuta ma quasi altrettanto vasta e ricca di biodiversità. L'espressione guaranì e sarà la definisce “acque splendenti”. L'aggettivo si adatta più della sua forte luminanza.
Cascate

Cascate del mondo: impressionanti fiumi verticali

Dai quasi 1000 metri di altezza del salto danzante di Angel alla potenza fulminante di Iguaçu o Victoria dopo piogge torrenziali, cascate di ogni tipo scendono sulla Terra.
Islândia

Isola di fuoco, ghiaccio, cascate e cascate

La cascata suprema d'Europa si precipita in Islanda. Ma non è l'unico. In quest'isola boreale, con pioggia o neve costante e nel mezzo della battaglia tra vulcani e ghiacciai, cadono infiniti torrenti.
Cascate di Kalandula, Angola

Angola a Cascata

Considerate le seconde più grandi in Africa, le cascate di Kalandula bagnano la già grandiosa Angola di maestosità naturale. Fin dai tempi coloniali, quando furono battezzati in onore di re D. Pedro V, duca di Bragança, molto fiume Lucala e la storia sono passati attraverso di loro.
P.N. Canaima, Venezuela

Kerepakupai, Angel Jump: Il fiume che cade dal cielo

Nel 1937, Jimmy Angel fece atterrare un aereo su un altopiano sperduto nella giungla venezuelana. L'avventuriero americano non trovò l'oro ma conquistò il battesimo della cascata più lunga sulla faccia della Terra
Victoria Falls, zimbabwe

Dono tonante di Livingstone

L'esploratore stava cercando una rotta per l'Oceano Indiano quando gli indigeni lo portarono a un salto del fiume Zambesi. Le cascate che trovò erano così maestose che decise di nominarle in onore della sua regina.
San Ignacio Mini, Argentina

Le Impossibili Missioni dei Gesuiti di San Ignacio Mini

nel secolo Nel XNUMX° secolo, i Gesuiti ampliarono un dominio religioso nel cuore del Sud America in cui convertirono gli indiani Guarani in missioni dei Gesuiti. Ma le Corone Iberiche hanno rovinato l'utopia tropicale della Compagnia di Gesù.
Penisola di Samaná, PN Los Haitises, Repubblica Dominicana

Dalla penisola di Samana agli haitiani dominicani

Nell'angolo nord-est della Repubblica Dominicana, dove ancora trionfa la natura caraibica, ci troviamo di fronte a un Atlantico molto più vigoroso del previsto da queste parti. Lì cavalchiamo in regime comunitario fino alla famosa cascata di Limón, attraversiamo la baia di Samaná e ci immergiamo nella remota ed esuberante "terra delle montagne" che la racchiude.
Miranda, Brasile

Maria dos Jacarés: il Pantanal ospita creature così

Eurides Fátima de Barros è nato nelle campagne della regione di Miranda. 38 anni fa, si stabilì in una piccola attività ai margini della BR262 che attraversa il Pantanal e acquisì affinità con gli alligatori che vivevano alle sue porte. Disgustata dal fatto che le creature lì una volta fossero state massacrate, iniziò a prendersi cura di loro. Oggi conosciuta come Maria dos Jacarés, ha chiamato ciascuno degli animali in onore di un giocatore di football o di un allenatore. Garantisce inoltre che riconoscano le tue chiamate.

Florianopolis, Brasile

L'eredità delle Azzorre dell'Atlantico meridionale

Durante il XNUMX° secolo, migliaia di isolani portoghesi perseguirono una vita migliore nella parte meridionale del Brasile. Negli insediamenti da loro fondati abbondano tracce di affinità con le origini.

El Calafate, Argentina

I Nuovi Gaucho della Patagonia

Intorno a El Calafate, al posto dei soliti pastori a cavallo, incontriamo allevatori equestri gauchos e altri che esibiscono, per la gioia dei visitatori, la vita tradizionale della pampa dorata.
Morro de São Paulo, Brasile

Una costa divina di Bahia

Tre decenni fa, non era altro che un remoto e umile villaggio di pescatori. Fino a quando alcune comunità post-hippie non hanno rivelato al mondo il ritiro di Morro e lo hanno promosso a una sorta di santuario sulla spiaggia.
Salta e Jujuy, Argentina

Attraverso le Highlands dell'Argentina Deep

Un tour delle province di Salta e Jujuy ci porta alla scoperta di un paese senza segni di pampa. Immerse nella vastità andina, anche queste estremità dell'Argentina nord-occidentale furono perse nel tempo.
Lenzuola Bahia, Brasile

La libertà paludosa di Quilombo do Remanso

Gli schiavi fuggiaschi sopravvissero per secoli in una zona umida della Chapada Diamantina. Oggi il quilombo di Remanso è simbolo della loro unione e resistenza, ma anche dell'esclusione a cui sono stati votati.
Ilhabela, Brasile

Ilhabela: Dopo l'orrore, la bellezza atlantica

Il novanta per cento della foresta atlantica preservata, cascate idilliache e spiagge dolci e selvagge sono all'altezza del suo nome. Ma, se andiamo indietro nel tempo, sveliamo anche l'orribile aspetto storico di Ilhabela.
Ilhabela, Brasile

A Ilhabela, sulla Via Bonete

Una comunità di caiçaras discendenti dai pirati fondò un villaggio in un angolo di Ilhabela. Nonostante il difficile accesso, Bonete è stata scoperta e considerata una delle dieci migliori spiagge del Brasile.
Mendoza, Argentina

Viaggio attraverso Mendoza, la grande provincia vinicola argentina

I missionari spagnoli si resero conto, nel XVI secolo, che l'area era destinata alla produzione del “sangue di Cristo”. Oggi la provincia di Mendoza è al centro della più grande regione vinicola dell'America Latina.
Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, leoni
Safari
Parco Nazionale Gorongosa, Mozambico

Il cuore selvaggio del Mozambico mostra segni di vita

Gorongosa ospitava uno degli ecosistemi più esuberanti dell'Africa, ma dal 1980 al 1992 ha ceduto alla Guerra Civile tra FRELIMO e RENAMO. Greg Carr, il milionario inventore di Voice Mail, ha ricevuto un messaggio dall'ambasciatore mozambicano alle Nazioni Unite che lo sfidava a sostenere il Mozambico. Per il bene del paese e dell'umanità, Carr si impegna a far risorgere lo splendido parco nazionale che il governo coloniale portoghese vi aveva creato.
Aurora illumina la Pisang Valley, Nepal.
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 3°- Upper Pisang, Nepal

Un'inaspettata alba nevosa

Ai primi accenni di luce, la vista del manto bianco che aveva ricoperto durante la notte il paese ci abbaglia. Con una delle escursioni più dure sul circuito dell'Annapurna in vista, abbiamo posticipato la partenza il più a lungo possibile. Infastiditi, abbiamo lasciato Upper Pisang per Ngawal quando l'ultima neve se n'era andata.
Incisioni, Tempio di Karnak, Luxor, Egitto
Architettura & Design
Luxor, Egitto

Da Luxor a Tebe: viaggio nell'antico Egitto

Tebe fu eretta come nuova capitale suprema dell'Impero Egizio, sede di Amon, il Dio degli Dei. La moderna Luxor ha ereditato il Tempio di Karnak e la sua sontuosità. Tra l'uno e l'altro scorrono il sacro Nilo e millenni di storia mozzafiato.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Aventura
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
buon consiglio buddista
Cerimonie e Feste
Chiang Mai, Thailandia

300 Watt di energia spirituale e culturale

I thailandesi chiamano ogni tempio buddista wat e la loro capitale settentrionale li ha in evidente abbondanza. Consegnata a eventi successivi tenuti tra santuari, Chiang Mai non si spegne mai del tutto.
Patriota marzo
Città
Taiwan

Bello ma non sicuro

I navigatori portoghesi non potevano immaginare l'imbroglio riservato a Formosa. Quasi 500 anni dopo, anche se non è sicura del suo futuro, Taiwan è fiorente. Da qualche parte tra indipendenza e integrazione nella grande Cina.
Mercato del pesce di Tsukiji, tokyo, giappone
cibo
Tokyo, Giappone

Il mercato del pesce che ha perso freschezza

In un anno, ogni giapponese mangia più del suo peso di pesce e crostacei. Dal 1935 una parte considerevole è stata lavorata e venduta nel più grande mercato ittico del mondo. Tsukiji è stato terminato nell'ottobre 2018 e sostituito da Toyosu's.
Fatica nei toni del verde
Cultura
Suzdal, Russia

A Suzdal, Pepino è celebrato per Pepino

Con l'estate e il clima caldo, la città russa di Suzdal si rilassa dalla sua millenaria ortodossia religiosa. Il centro storico è anche famoso per avere i migliori cetrioli della nazione. Quando arriva luglio, trasforma il appena raccolto in una vera festa.
arbitro di combattimento, combattimento di galli, filippine
sportivo
Filippine

Quando solo i combattimenti di galli risvegliano le Filippine

Banditi in gran parte del Primo Mondo, i combattimenti di galli prosperano nelle Filippine dove spostano milioni di persone e pesos. Nonostante i suoi problemi eterni è il Sabong che più stimola la nazione.
DMZ, Corea del Sud, Linea di non ritorno
In viaggio
ZDM, Dora - Corea del Sud

La linea del non ritorno

Una nazione e migliaia di famiglie furono divise dall'armistizio nella guerra di Corea. Oggi, mentre i turisti curiosi visitano la DMZ, molte delle fughe dei nordcoreani oppressi finiscono in tragedia.
Etnico
Viti Levu, Fiji

L'improbabile condivisione dell'isola di Viti Levu

Nel mezzo del Pacifico meridionale, una vasta comunità di discendenti indiani reclutati da ex coloni britannici e dalla popolazione indigena melanesiana ha diviso a lungo l'isola principale delle Fiji.
Tramonto, Viale dei Baobab, Madagascar
Portfolio fotografico Got2Globe

Giorni come tanti altri

I cavalieri attraversano il ponte Carmo, Pirenópolis, Goiás, Brasile
Storia
Pirenópolis, Brasile

Una Polis nei Pirenei sudamericani

Le miniere di Nossa Senhora do Rosário da Meia Ponte furono costruite da pionieri portoghesi, nel periodo di massimo splendore del ciclo dell'oro. Per nostalgia, probabilmente gli emigranti catalani chiamavano le montagne intorno ai Pirenei. Nel 1890, già in un'era di indipendenza e di innumerevoli ellenizzazioni delle loro città, i brasiliani battezzarono questa città coloniale Pirenópolis.
El Nido, Palawan l'ultima frontiera filippina
Isole
El Nido, Filippine

El Nido, Palawan: l'ultima frontiera filippina

Uno dei paesaggi marini più affascinanti del mondo, i vasti e aspri isolotti di Bacuit nascondono sgargianti barriere coralline, piccole spiagge e lagune idilliache. Per scoprirlo, basta bangka.
Controllo corrispondenza
bianco inverno
Rovaniemi, Finlândia

Dalla Lapponia finlandese all'Artico, Visita alla Terra di Babbo Natale

Stanchi di aspettare che il vecchio barbuto scendesse dal camino, abbiamo ribaltato la storia. Abbiamo approfittato di un viaggio nella Lapponia finlandese e siamo passati davanti alla sua casa nascosta.
silhouette e poesia, cora coralina, old goias, brasile
Letteratura
Goias Velho, Brasile

Vita e lavoro di uno scrittore al margine

Nata a Goiás, Ana Lins Bretas ha trascorso gran parte della sua vita lontana dalla sua famiglia castrante e dalla città. Tornando alle sue origini, ha continuato a ritrarre la mentalità prevenuta della campagna brasiliana.
Lago Sorvatsvagn, Vágar, Isole Faroe
Natura
Vágar, Isole Faroe

Il lago che aleggia sull'Atlantico settentrionale

Per un capriccio geologico, Sorvagsvatn è molto più del lago più grande delle Isole Faroe. Scogliere con tra i trenta ei centoquaranta metri delimitano l'estremità meridionale del suo letto. Da certi punti di vista, dà l'idea di essere sospeso sull'oceano.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Lago Tinquilco in PN Huerquehue, Pucón, La Araucania, Cile
Parchi Naturali
Pucón, Cile

Tra gli alberi di Araucaria di La Araucania

Ad una certa latitudine del Cile longitudinale, entriamo nell'Araucanía. Questo è un Cile aspro, pieno di vulcani, laghi, fiumi, cascate e foreste di conifere che hanno dato il nome alla regione. Ed è il cuore del pinolo della più grande etnia indigena del Paese: i Mapuche.
Delta dell'Okavango, Non tutti i fiumi raggiungono il mare, Mokoros
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Delta dell'Okavango, Botswana

Non tutti i fiumi raggiungono il mare

Terzo fiume più lungo dell'Africa meridionale, l'Okavango nasce negli altopiani angolani di Bié e percorre 1600 km a sud-est. Perditi nel deserto del Kalahari, dove irriga una splendida zona umida brulicante di fauna selvatica.
aggie grey, samoa, pacifico meridionale, Marlon Brando Fale
personaggi
Apia, Samoa Occidentali

La padrona di casa del Pacifico meridionale

venduto hamburger ai GI nella seconda guerra mondiale e ha aperto un hotel che ha accolto Marlon Brando e Gary Cooper. Aggie Grey è morta nel 2, ma la sua eredità di ospitalità sopravvive nel Pacifico meridionale.
Dune dell'isola di Bazaruto, Mozambico
Spiagge
bazaruto, Mozambico

Il miraggio invertito del Mozambico

A soli 30 km dalla costa orientale dell'Africa, un improbabile ma imponente erg sorge dal mare traslucido. Bazaruto ripara paesaggi e persone che hanno vissuto a lungo separate. Chiunque atterri su questa lussureggiante isola sabbiosa si ritrova rapidamente in una tempesta di stupore.
Solostsky autunnale
Religione
Isole Soloveckie, Russia

L'Isola Madre dell'Arcipelago Gulag

Ospitò uno dei più potenti domini religiosi ortodossi in Russia, ma Lenin e Stalin lo trasformarono in un gulag. Con la caduta dell'URSS, Solotsky ritrova pace e spiritualità.
Veicoli Ferroviari
Veicoli Ferroviari

Viaggio in treno: il meglio del mondo su Carris

Nessun modo di viaggiare è ripetitivo e arricchente come viaggiare su rotaia. Sali a bordo di queste diverse carrozze e composizioni e goditi lo scenario più bello del mondo su Rails.
patpong, go go bar, bangkok, mille e una notte, thailandia
Società
bangkok, Thailandia

Mille e una notte perduta

Nel 1984 Murray Head cantava la magica e notturna bipolarità della capitale thailandese in "Una notte a Bangkok". Diversi anni, colpi di stato e manifestazioni dopo, Bangkok rimane insonne.
Visitatori a Talisay Ruins, Negros Island, Filippine
Vita quotidiana
Talisay città, Filippine

Monumento a un Amore Luso-Filippino

Alla fine del 11° secolo, Mariano Lacson, un contadino filippino, e Maria Braga, una donna portoghese di Macao, si innamorarono e si sposarono. Durante la gravidanza di quello che sarebbe diventato il suo undicesimo figlio, Maria ha ceduto a una caduta. Distrutto, Mariano costruì un palazzo in suo onore. Nel bel mezzo della seconda guerra mondiale, il palazzo fu bruciato, ma le eleganti rovine sopravvissute perpetuano la loro tragica relazione.
PN Tortuguero, Costa Rica, battello pubblico
Animali selvatici
P.N. Tortuguero, Costa Rica

Costa Rica e Tortuguero allagati

Il Mar dei Caraibi e i bacini di numerosi fiumi bagnano il nord-est della nazione tica, una delle zone più umide e ricche di fauna e flora dell'America centrale. Così chiamato perché nelle sue sabbie nere nidificano le tartarughe verdi, Tortuguero si estende, da lì nell'entroterra, per 312 km.2 della splendida giungla acquatica.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.