Virgin Gorda, Ilhas Virgens Britânica

I “Caraibi” divini di Virgin Gorda


Compagni di bordo
Gli amici viaggiano tra Road Town sull'isola di Tortola e Spanish Town sull'isola di Virgin Gorda.
Costa Divina
Vista della costa del Parco Nazionale di Devil's Bay (The Baths).
un quasi fossile
Corallo secco nelle vicinanze di Devil's Bay.
Baia del Diavolo I
Bagnanti a Baia del Diavolo.
Il bagno
Bagnante in una delle formazioni delle Terme, Virgin Gorda.
convivialità del sugo
La famiglia e gli amici socializzano in una delle gallerie di granito di The Baths.
Una (piccola) baia diabolica
Devil's Bay, una delle meravigliose baie del Parco Nazionale di Devil's Bay (The Baths).
Destinazioni opposte
Indicazioni luminose del Parco Nazionale di Devil's Bay (The Baths).
Baia dei Diavoli II
L'onda si stende dolcemente sulla sabbia di Devil's Bay.
Di stagno in stagno
Un bagnante attraversa una delle gallerie di granito delle Terme.
fotografia tra le nuvole
Una fotografia di uno dei massi di granito che punteggiano il Parco Nazionale di Devil's Bay (The Baths).
Silhouette in attesa
Silhouette di un bagnante in un angolo buio delle terme.
3 e BVI
Gli amici posano a un cartello per ONE BVI, appena fuori Spring Bay.
una figura anfibia
Staglia in una delle gallerie invase dal mare di The Baths.
La baia di primavera
Vista panoramica di Spring Bay, una delle due baie più famose del Parco Nazionale di Devil's Bay (The Baths).
Il povero?
Moses Carrier al bar di "The Poor Man's Bar" a Spring Bay.
Di partenza
I passeggeri salgono a bordo di un traghetto Sensation al molo di Spanish Town.
Alla scoperta delle Isole Vergini, sbarchiamo su un seducente mare tropicale punteggiato da enormi rocce granitiche. I bagni sembrano usciti dal Seychelles ma sono uno degli ambienti marini più esuberanti dei Caraibi.

Dopo uno sbarco nel bel mezzo di una domenica in cui ci siamo disperati con gli stabilimenti della capitale Road Town chiusi, arrivati ​​alla fine del pomeriggio, abbiamo scoperto che lunedì sarebbe stato uguale o peggio.

Resta per la storia che, di fronte a queste soste all'inizio della sua seconda incursione nelle Americhe (1493), la flotta di Cristoforo Colombo di diciassette navi e più di mille uomini fu sorpresa da una profusione di piccole isole che non fecero vedi La fine. Al cristiano più devoto Colombo, l'arcipelago ha ricordato la leggenda medievale di Ursula e delle Undicimila Vergini.

La leggenda narra che Ursula e le sue compagne avrebbero dovuto recarsi dal futuro marito di Ursula, il governatore pagano di Armorica.

Ma i viaggiatori decisero di posticipare l'incontro e diedero inizio a un lungo pellegrinaggio europeo che prevedeva una visita al Papa a Roma. La deviazione religiosa è costata loro cara. Ursula e le vergini finirono per essere trucidate a Colonia dagli Unni che stavano allora assediando la città.

Non ci sarebbero state undicimila isole che avremmo avuto intorno a loro, o qualcosa del genere. Delle tante che oggi compongono le Isole Vergini – tanto le vicine americane quanto quelle britanniche, due o tre si sono distinte dalle altre.

Un ritiro quasi forzato alle terme di Virgin Gorda

Di fronte all'inerzia di Road Town, abbiamo semplicemente smesso di voler sapere. Dedichiamo la festa, il giorno di Sant'Orsola, alla seconda isola delle BVI (British Virgin Islands) che, secondo la sua fantasia e il profilo presto tracciato come donna panciuta, Colombo avrebbe battezzato Virgen Gorda.

Passeggeri Sensation Ferry-Isole Vergini britanniche

Gli amici viaggiano tra Road Town sull'isola di Tortola e Spanish Town sull'isola di Virgen Gorda.

Riusciti a svegliarci presto, alle otto del mattino ci imbarchiamo sul traghetto che collega Road Town (capoluogo del territorio e unica città dell'isola di Tortola) a Spanish Town, la città di Virgin Gorda.

Il traghetto porta il nome di “Sensazione”. Poco dopo aver salpato, il sedile ventoso sul suo ponte superiore ci impegna con successive ricompense sensoriali: il massaggio degli alisei sui nostri volti. Il dondolio nel sereno Mar dei Caraibi.

La costa frastagliata e verdeggiante evidenziata dall'alzavola. Le fregate che svolazzavano contro il cielo sopra. E la vivace conversazione di un gruppo di amici di Tortola condita da un forte accento caraibico.

Sbarco nella città britannica di Spanish Town

Dopo tre quarti d'ora di navigazione, attracchiamo al porto di destinazione. A Spanish Town, come avevamo visto in diverse zone di Tortola, abbiamo trovato un nuovo grande cimitero per yacht, catamarani e altre imbarcazioni catturate dagli uragani Irma e Maria che, tra il 30 agosto e il 2 ottobre 2017, hanno devastato le Isole Vergini, Porto ricco , il Repubblica Dominicana e molte delle Piccole Antille circostanti.

Da allora, le BVI, in particolare, hanno fatto di tutto per riprendersi, per essere all'altezza delle ambientazioni e dell'accoglienza che le avevano rese famose e desiderate, in una lunga era pre-ecatombe.

Dodo, l'autista di un furgone-taxi con cabina aperta adattato per trasportare pochi buoni visitatori alla volta, ha fatto la sua parte. "Stai andando alle terme?" ci chiede con un accento ancora più denso di quello dei compincha a bordo del “Sensazione".

Abbiamo risposto che sì, che avevamo già quel piccolo viaggio acquistato da Road Town. "Ok, potrei portarti lì.Il condizionale che impiega ci lascia sul filo. Più chiacchiere, meno chiacchiere ci siamo resi conto che questo era solo un altro degli innumerevoli “modi” grammaticali dei Caraibi.

Parco Nazionale di Devil's Bay (The Baths), Virgen Gorda, Isole Vergini Britanniche

Vista della costa del Parco Nazionale di Devil's Bay (The Baths).

Che l'uomo, oltre ad essere pigro con la nostra reticenza, era in buona fede e più che disposto a confermare il servizio.

Sulla strada per il Parco Nazionale di Devil's Bay (The Baths).

Siamo gli unici passeggeri a bordo del furgone. Certamente per effetto dell'Irmaria, è così che gli indigeni trattano la coppia di uragani che coesistevano nel tempo e che, per buona parte della loro vita, hanno condiviso la stessa traiettoria di devastazione caraibica.

Dodo ci lascia alla biglietteria del Parco nazionale dei bagni. In punta di piedi, esitando per paura di inciampare e cadere nella foresta di cactus che fiancheggia il sentiero, gli anziani delle navi da crociera che attraccano a Road Town hanno ritardato le visite programmate in modalità ad anello e sono fuggiti a Virgin Gorda.

Anche padroni dei nostri giorni, proviamo la stessa ansia di scambiare quel labirinto di vegetazione penetrante con le misteriose calette e sentieri delle Terme.

Bagnanti, Parco Nazionale di Devil's Bay (The Baths), Virgen Gorda, Isole Vergini Britanniche

Bagnanti a Baia del Diavolo.

Il bagliore caraibico di Devil's Bay

Completando un ultimo meandro sabbioso, entriamo in una cosiddetta Baia del Diavolo e, almeno nella nostra immaginazione, un'estensione dell'emisfero occidentale dell'isola di Seychelles. La Digue.

Un mare dolce a metà tra smeraldo e turchese erutta in linee curve attraverso enormi massi di granito levigati e ingialliti dal tempo. Mossa dagli alisei, una carovana di nebulose sculture li sorvola e – ci diverte pensarlo – rinnova un'invidia millenaria nelle pietre prigioniere.

Da lì, possiamo vedere solo una piccola parte della colonia di rocce affini che, per capriccio geologico, occupava la costa occidentale di Virgin Gorda.

Devil's Bay, Parco Nazionale di Devil's Bay (The Baths), Virgen Gorda, Isole Vergini Britanniche

L'onda si stende dolcemente sulla sabbia di Devil's Bay.

Attenti ai movimenti di una delle guide locali durante le crociere, abbiamo imparato a scalare una delle scogliere. Dall'alto, in formato panoramico, possiamo capire meglio come due penisole più vicine ai ciottoli chiudessero la cala contro un'abbondante sabbia corallina.

Non ci è voluto molto per accorgerci che al tipico complesso caraibico mancava un elemento: un tempo palme da cocco secolari si proiettavano in cielo in mezzo alle rocce.

Questi imponenti comparse vegetali sono stati anche strappati via dal potere distruttivo degli uragani, nel caos generato dalle basse pressioni record, pochi indigeni saranno in grado di dire se da Irma o Maria.

Una linea di boe stabilisce una soglia proibitiva per i proprietari di barche a vela delle vicine Isole Vergini. Non c'è fretta, apprezziamo i tuoi trasferimenti accurati. Dalle piccole barche, alle minuscole barche che si legano alle boe per completare il percorso acquatico per eccellenza, con zaini e borse impermeabili sulla schiena.

Bagnante-The Baths-Virgen Gorda-Isole Vergini britanniche

Bagnante in una delle formazioni delle Terme, Virgin Gorda.

L'ora dei bagni

Scendiamo in spiaggia, installiamo la nostra attrezzatura, al riparo dalle onde e ci sottoponiamo a una prima talassoterapia salata e sacra di quel santuario marino. Quando ci sentiamo ricaricati, ci prosciughiamo. Quindi, abbiamo puntato a nord e verso il sentiero anfibio che portava alle Terme stesse.

Serpeggiamo tra le rocce piantate sul mare e la vegetazione che le accompagna, sempre alla portata delle onde attutite dal susseguirsi dei ciottoli.

Scale in legno e corrimano in corda ci danno accesso a veri e propri tunnel, anticamere e camere di granito in cui scopriamo piscine naturali che vengono costantemente rifornite.

Incrociamo i percorsi con i nativi di Spanish Town e Road Town deliziandoci di quegli immacolati momenti di evasione.

Silhouette, le terme, il Parco Nazionale di Devil's Bay (The Baths), Virgen Gorda, Isole Vergini Britanniche

Staglia in una delle gallerie invase dal mare di The Baths.

Cammina attraverso le gallerie balneari successive

Scendemmo una nuova scala, entrammo in una grande camera e ascoltammo l'eco di voci diverse. In mezzo al cuore balneare-granitico delle Terme, adagiati nell'acqua turchese che l'oscillazione dei raggi solari sembrava irradiare, donne e bambini di un'unica famiglia chiacchieravano e giocavano in assoluta gioia.

Abbiamo chiesto a due uomini che, fuori e all'asciutto, hanno condiviso un'altra conversazione e una bottiglia di whisky di tenere i nostri zaini. Siamo tornati nell'interno oscuro e ci siamo crogiolati nell'acqua, deliziati dalla ricchezza spirituale sia della grotta-stagno che della fraternizzazione piena di affetto che vi è avvenuta.

Convivium-The Baths-Virgen Gorda-British Virgin Islands

La famiglia e gli amici socializzano in una delle gallerie di granito di The Baths.

Tornati sulla lingua di sabbia dove avevamo lasciato i nostri zaini, abbiamo ringraziato i due uomini. Avevamo già notato che, come loro, una delle donne della laguna aveva sembianze indiane. Curiosi di una probabile relazione, abbiamo iniziato una conversazione.

Le risposte di Vicky e Roj chiariscono i nostri sospetti. “Siamo nati in Guyana ma ci siamo trasferiti qui a Tortola circa diciotto anni fa. Dentro, sono tutta la nostra famiglia. Perché ci siamo trasferiti?? le cose lì dentro Guyana andato di male in peggio.

L'economia, la sicurezza... Abbiamo approfittato di un'occasione per venire qui a lavorare ed è stato confermato che guadagnavamo molto di più e vivevamo una vita più tranquilla. Siamo rimasti e abbiamo aperto la nostra attività. Ora stiamo davvero meglio.

Comunque, quando ci mancano i bei tempi, la Guyana non è poi così lontana. Saliamo su un aereo e andiamo lì".

Fotografia imminente, Spring Bay, The Baths-Virgen Gorda, Isole Vergini britanniche

Una fotografia di uno dei massi di granito che punteggiano il Parco Nazionale di Devil's Bay (The Baths).

Agli Antipodi di Devi's Bay: la Spring Bay più frequentata

Ci salutiamo. Riprendiamo il sentiero che dalle Terme continuava a snodarsi verso l'imboccatura di una Spring Bay, paragonabile a Devil's Bay ma, ai piedi del sentiero principale del parco, molto più frequentata e accogliente.

Nascosto nel tuo pittoresco"Il bar dei poveri”, Moses Carrier e la sua famiglia servono punch al rum dopo punch al rum a un gruppo di clienti seduti a un tavolo all'ombra.

Moses Carrier, "The Poor Man's Bar", Spring Bay, Parco Nazionale di Devil's Bay (The Baths), Virgen Gorda, Isole Vergini Britanniche

Moses Carrier al bar di "The Poor Man's Bar" a Spring Bay.

In un buon modo caraibico, questi ospiti chiacchierano a un volume così alto e con toni così seri che sembrano sul punto di iniziare una rissa tra ubriachi.

Quando abbiamo camminato tra il bar e il mare, quasi sulla brace, molto dispiaciuti di averlo iniziato a piedi nudi, abbiamo sgomberato il tavolo del gruppo rumoroso.

Li abbiamo scrutati con l'attenzione che meritavano e abbiamo scoperto che sono gli stessi con cui avevamo condiviso il ponte superiore del "Sensazione”, che il rum e l'eccesso di testosterone temperato dal sole e l'assenza di compagni erano diventati stridenti per triplicare, come o più indifferenti al disagio che la loro discussione stava causando.

Spring Bay, Parco Nazionale di Devil's Bay (The Baths), Virgen Gorda, Isole Vergini Britanniche

Vista panoramica di Spring Bay, una delle due baie più famose del Parco Nazionale di Devil's Bay (The Baths).

Spring Bay in modalità esclusiva

Il parco chiude alle quattro del pomeriggio. Un'ora dopo, il traghetto salpò per l'ultimo viaggio della giornata verso Road Town. Quel gruppo in apparente pre-ruckus si è già sciolto tra quelli. Ci lasciamo stare un po' più a lungo.

Abbiamo scalato una nuova scogliera panoramica e nuotato tra massi adiacenti. Quindi, abbiamo scalato il sentiero del parco a metà alla ricerca di panorami di altre insenature.

Sullo stesso percorso, abbiamo superato una serie di lettere blu poste alla base di una scogliera con la scritta "One BVI". Lì abbiamo finito per fotografare tre amici deliziati dal ruolo inaspettato delle modelle.

Friends at Sign ONE BVI, una fotografia su uno dei massi di granito che punteggiano il Parco Nazionale di Devil's Bay (The Baths), Virgen Gorda, Parco Nazionale di Devil's Bay (The Baths), Virgen Gorda, Isole Vergini Britanniche

Gli amici posano a un cartello per ONE BVI, appena fuori Spring Bay.

La Metamorfosi Inaspettata “ONE BVI – BOVINE”

Scendiamo di nuovo alla baia per un ultimo bagno. Quando abbiamo ripreso il sentiero in salita, forse già in ritardo per la riunione con Dodo e per salire a bordo della “Sensation”, abbiamo scoperto che i visitatori ben disposti del parco si erano fermati e si erano divertiti con un gioco malizioso di Scarabeo. Invece di "One BVI", il testo ora recita "Bovine".

Il "Sensazione” salpò con quaranta minuti di ritardo, già in pieno crepuscolo. Siamo arrivati ​​a Road Town tardi e in tempi difficili, ma con l'assoluta certezza di aver trascorso uno dei giorni di balneazione più belli della nostra vita.

Spanish Town Dock, Virgen Gorda, Isole Vergini Britanniche

I passeggeri salgono a bordo di un traghetto Sensation al molo di Spanish Town.

La Digue, Seychelles

Granito tropicale monumentale

Le spiagge nascoste da una giungla lussureggiante, fatte di sabbia corallina bagnata da un mare turchese-smeraldo, sono tutt'altro che rare nell'Oceano Indiano. La Digue si è ricreata. Intorno alla sua costa spuntano massicci scogli che l'erosione ha scolpito come un eccentrico e solido omaggio del tempo al Natura.
Riserva Masai Mara, Masai Land Trip, Kenya, Masai Convivialità
Safari
Masai Mara, Kenia

Riserva del Masai Mara: Viaggio nella terra dei Masai

La savana di Mara divenne famosa per il confronto tra milioni di erbivori ei loro predatori. Ma, in una sconsiderata comunione con la fauna selvatica, sono gli umani Masai a distinguersi di più.
Braga o Braka o Brakra in Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 6° – Braga, Nepal

In un Nepal più antico del Monastero di Braga

Quattro giorni di cammino dopo, abbiamo dormito a 3.519 metri a Braga (Braka). All'arrivo, solo il nome ci è familiare. Di fronte al fascino mistico della città, che si articola intorno a uno dei più antichi e venerati monasteri buddisti del circuito dell'Annapurna, acclimatamento con salita all'Ice Lake (4620m).
Case tradizionali, Bergen, Norvegia
Architettura & Design
Bergen, Norvegia

Il grande porto anseatico della Norvegia

Già popolata all'inizio dell'XI secolo, Bergen divenne la capitale, monopolizzò il commercio della Norvegia settentrionale e, fino al 1830, rimase una delle città più grandi della Scandinavia. In data odierna, Oslo guida la nazione. Bergen continua a distinguersi per la sua esuberanza architettonica, urbana e storica.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Aventura
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.
ombra di successo
Cerimonie e Feste
Champoton, Messico

Rodeo sotto i sombreri

Champoton, a Campeche, ospita una fiera in onore della Virgén de La Concepción. o rodeo Il messicano sotto i sombreri locali rivela l'eleganza e l'esperienza dei cowboy della regione.
Colonia del Sacramento, Uruguay
Città
Colonia di Sacramento, Uruguay

Colonia del Sacramento: l'eredità uruguaiana di una navetta storica

La fondazione della Colónia do Sacramento da parte dei portoghesi ha generato conflitti ricorrenti con i rivali ispanici. Fino al 1828, questa piazza fortificata, oggi sedativa, cambiò lato innumerevoli volte.
Mercato del pesce di Tsukiji, tokyo, giappone
cibo
Tokyo, Giappone

Il mercato del pesce che ha perso freschezza

In un anno, ogni giapponese mangia più del suo peso di pesce e crostacei. Dal 1935 una parte considerevole è stata lavorata e venduta nel più grande mercato ittico del mondo. Tsukiji è stato terminato nell'ottobre 2018 e sostituito da Toyosu's.
Donne con i capelli lunghi di Huang Luo, Guangxi, Cina
Cultura
Longsheng, Cina

Huang Luo: il villaggio cinese dai capelli più lunghi

In una regione multietnica ricoperta di risaie terrazzate, le donne di Huang Luo si sono arrese alla stessa ossessione capillare. Consentono ai capelli più lunghi del mondo di crescere, per anni, fino a una lunghezza media di 170-200 cm. Per quanto strano possa sembrare, per mantenerli belli e lucenti, usano solo acqua e riso.
Spettatore, Melbourne Cricket Ground-Regole di calcio, Melbourne, Australia
sportivo
Melbourne, Australia

Calcio dove gli australiani regolano le regole

Sebbene praticato dal 1841, il football australiano conquistò solo una parte della grande isola. L'internazionalizzazione non è mai andata oltre la carta, frenata dalla concorrenza del rugby e del calcio classico.
Fuga da Seljalandsfoss
In viaggio
Islândia

Isola di fuoco, ghiaccio, cascate e cascate

La cascata suprema d'Europa si precipita in Islanda. Ma non è l'unico. In quest'isola boreale, con pioggia o neve costante e nel mezzo della battaglia tra vulcani e ghiacciai, cadono infiniti torrenti.
Verdure, Little India, Sari Singapore, Singapore
Etnico
Little India, Singapore

Piccola India. La Singapore di Sari

Ci sono poche migliaia di abitanti invece degli 1.3 miliardi della madrepatria, ma Little India, un quartiere della minuscola Singapore, non manca di anima. Né soul né odore di curry e musica di Bollywood.
Veduta dell'isola di Fa, Tonga, ultima monarchia polinesiana
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Segni esotici di vita

Viaggio nella storia di Santa Cruz de La Palma, Isole Canarie, Balconi Avenida Marítima
Storia
Santa Cruz La Palma, Isole Canarie

Un viaggio nella storia di Santa Cruz de La Palma

Iniziò come una semplice Villa del Apurón. Secolo è arrivato. Nel XVI secolo, la città non solo aveva superato le sue difficoltà, ma era già la terza città portuale più grande d'Europa. Erede di questa benedetta prosperità, Santa Cruz de La Palma è diventata una delle capitali più eleganti delle Isole Canarie.
Seixal, isola di Madeira, piscina
Isole
Seixal, Madeira, Portogallo

L'isola di Madeira di Cuore

I visitatori di Madeira sono incantati dal suo dramma quasi tropicale. In questo caso, l'autore deve confessare che fu la meta dei suoi primi tre viaggi in aereo. Che ha un amico di lì, che lo ha fatto essere un po' di lì. Da Madeira verso l'infinito Nord. Dall'impavido e accogliente Seixal.
Geotermico, calore islandese, terra di ghiaccio, geotermico, laguna blu
bianco inverno
Islândia

Il calore geotermico dell'isola di ghiaccio

La maggior parte dei visitatori apprezza i paesaggi vulcanici islandesi per la loro bellezza. Gli islandesi traggono anche da loro calore ed energia vitale che portano alle porte dell'Artico.
silhouette e poesia, cora coralina, old goias, brasile
Letteratura
Goias Velho, Brasile

Vita e lavoro di uno scrittore al margine

Nata a Goiás, Ana Lins Bretas ha trascorso gran parte della sua vita lontana dalla sua famiglia castrante e dalla città. Tornando alle sue origini, ha continuato a ritrarre la mentalità prevenuta della campagna brasiliana.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Natura
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Monte Denali, McKinley, Sacro Tetto Alaska, America del Nord, Ridge, Mal di montagna, Mal di montagna, Prevenire, Trattare
Parchi Naturali
Monte Denali, Alaska

Il Sacro Soffitto del Nord America

Gli indiani Athabascan lo chiamavano Denali, o il Grande, e ne venerano la superbia. Questa splendida montagna ha suscitato l'avidità degli alpinisti e una lunga serie di salite da record.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Ooty, Tamil Nadu, Scenario di Bollywood, Look da rubacuori
personaggi
Ooty, India

Nella cornice quasi ideale di Bollywood

Il conflitto con il Pakistan e la minaccia del terrorismo hanno reso le riprese in Kashmir e Uttar Pradesh un dramma. In Ooty, possiamo vedere come questa ex stazione coloniale britannica abbia assunto il ruolo di primo piano.
batteria e tatuaggi
Spiagge
Tahiti, Polinesia Francese

Tahiti oltre il cliché

Le vicine Bora Bora e Maupiti hanno uno scenario eccezionale, ma Tahiti è stata a lungo conosciuta come il paradiso e c'è di più da vivere sull'isola più grande e popolosa della Polinesia francese, il suo millenario cuore culturale.
Golden Rock di Kyaikhtiyo, Buddismo, Myanmar, Birmania
Religione
Monte Kyaiktiyo, Myanmar

La roccia dorata ed equilibrata del Buddha

Stavamo andando alla scoperta di Rangoon quando abbiamo scoperto il fenomeno Rocha Dourada. Abbagliati dal suo equilibrio dorato e sacro, ci uniamo al già secolare pellegrinaggio dei birmani al monte Kyaiktyo.
Treno Kuranda, Cairns, Queensland, Australia
Veicoli Ferroviari
Cairns-Kuranda, Australia

Treno per il mezzo della giungla

Costruita a Cairns per salvare i minatori isolati nella foresta pluviale dalla fame a causa delle inondazioni, nel tempo la ferrovia del Kuranda è diventata il pane quotidiano di centinaia di australiani alternativi.
Mahu, Terzo sesso della Polinesia, Papeete, Tahiti
Società
Papeete, Polinesia Francese

Il Terzo Sesso di Tahiti

Eredi dell'antica cultura polinesiana, i Mahu conservare un ruolo insolito nella società. Persi da qualche parte tra i due sessi, questi uomini-donne continuano a lottare per il senso delle loro vite.
il proiezionista
Vita quotidiana
Sainte-Luce, Martinique

Un sano proiezionista

Dal 1954 al 1983 Gérard Pierre ha proiettato molti dei famosi film che sono arrivati ​​in Martinica. A 30 anni dalla chiusura della stanza dove lavorava, era ancora difficile per questo nativo nostalgico cambiare bobina.
Lago Manyara, Parco Nazionale, Ernest Hemingway, Giraffe
Animali selvatici
PN Lago Manyara, Tanzania

L'Africa preferita di Hemingway

Situato all'estremità occidentale della Rift Valley, il Parco Nazionale del Lago Manyara è uno dei più piccoli ma incantevoli e ricchi di animali selvatici dalla Tanzania. Nel 1933, tra caccia e discussioni letterarie, Ernest Hemingway le dedicò un mese della sua travagliata vita. Raccontati questi avventurosi giorni di safari in "Le verdi colline dell'Africa".
I suoni, Parco Nazionale di Fiordland, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Fiordland, Nova Zelândia

I fiordi degli antipodi

Una stranezza geologica ha reso la regione del Fiordland la più cruda e imponente della Nuova Zelanda. Anno dopo anno, molte migliaia di visitatori adorano il sottodominio patchwork tra Te Anau e Milford Sound.