ancorare a Homer, EUA

Viaggio fino alla fine dell'autostrada dell'Alaska


ritorno in porto
Barca da pesca in procinto di navigare attraverso la baia di Kachemak, in procinto di entrare nel porto di Homer.
Ala d'affari
Sequenza di palafitte in legno che ospitano diversi negozi.
avventura per due
Casal scende lungo il fiume Kenai, durante la breve estate dell'Alaska, velocissimo e ricco di salmoni.
Ala commerciale 2
Un'altra vista della piattaforma su palafitta che ospita una serie di negozi, vista durante la bassa marea attorno al panhandle di Homer.
stazione di pesatura
Il giovane lavoratore sul molo di Homer pesa un grande halibut appena pescato.
Saloon Dawg salato
Il più famoso e pittoresco dei bar di Homer, con i suoi banconi appesi al soffitto.
Eredità russa
Un visitatore del cimitero "russo" di Ninilchik, un villaggio dell'Alaska di origine russa.
Bush aerei
Due "idrovolanti a cespuglio" dell'Alaska ormeggiati vicino a Homer.
homer-alaska-trip-ancoraggio
homer-alaska-road-travel-ancoraggio-aeroplano
La città più grande dell'Alaska, Anchorage, vista da un aereo.
viale camper
Una riva di Homer's Spit disseminata di veicoli per le vacanze RV (Recreation Vehicle) americani.
Jackpot di Halibut
Panel annuncia una gara di pesca per gli alibot, uno dei pesci più comuni nelle acque al largo dell'Alaska.
Atterraggio del molo uno
I gabbiani occupano il tetto del Pier One Theatre di Homer.
Se Anchorage è diventata la città più grande del 49° stato degli Stati Uniti, Homer, a 350 km di distanza, è la sua strada senza uscita più famosa. I veterani di queste terre considerano questa strana lingua di terra un terreno sacro. Venerano anche il fatto che, da lì, non possono andare da nessuna parte.

Gli indigeni aleutini la chiamavano Alyeska, “la grande terra”.

La nozione di vastità è sempre stata inseparabile da questo remoto dominio del continente americano.

Alcuni numeri e fatti geografici sono responsabili di fugare ogni dubbio. Con 1.717.854 km2, solo diciotto dei paesi del mondo lo superano per dimensioni. A livello nazionale, l'Alaska ha una costa più lunga di tutti gli altri stati degli Stati Uniti messi insieme.

E più di due giganteschi Texas starebbero nel suo spazio immenso e inospitale.

Ma il clima austero tipico dell'alta latitudine – da 51º.20 N a 71º.50 N – e la solitudine geografica rispetto al resto del mondo non sono molto invitanti e non sono bastati né i privilegi finanziari né la dotazione tecnologica delle principali città a sostenere un'immigrazione che, durante le varie corse all'oro, ha temuto eccessivi timori.

Con i suoi 710.000 abitanti, in termini di popolazione, l'Alaska appare quasi in fondo alla classifica di EUA

Kerby “Crazy Donut” è uno degli ultimi profughi di Anchorage, la città più settentrionale del Paese e che, allo stesso tempo, ospita il 40% della popolazione dello stato.

Come ci ha confessato, a un certo punto la sua esistenza nella lussureggiante Los Angeles era diventata insopportabile e la fama della vita genuina e esente da tasse dell'ultima frontiera americana lo ha sedotto più delle luci accecanti di Hollywood e della raffinatezza plastica. in Beverly Hills e Mulholland Drive: “I californiani sono pazzi…” sbotta mentre beve il secondo bicchierino di vodka degli ultimi dieci minuti.

“Anno dopo anno, ho fatto finta che fosse un problema mio, ma non potevo più mentire a me stesso. Quello che conta lì è quello che viene mostrato e tutti vogliono scavalcare tutti gli altri. Ho avuto una relazione che consideravo benedetta finché non ho capito che era solo un'altra bugia.

Era l'ultima cannuccia. Appena mi sono sentito energico mi sono trasferito qui e, anche se non è tutto roseo, mi sto adattando e gli affari vanno bene…”

Anche la città che lo ha accolto prospera. Da un porto e da un magazzino ferroviario, si è sviluppato senza ritorno con l'installazione di diverse basi militari e la scoperta del petrolio a Prudhoe-Bay, sulla costa settentrionale dell'Alaska.

Oggi Anchorage si è ripresa dalla devastazione causata dal secondo terremoto più grande mai registrato al mondo (9.2 Richter) – che ha scosso gran parte dell'Alaska un Venerdì Santo del 1964 – e le sue strade sono più larghe, delimitate da alloggiamento prefabbricato con un massimo di tre piani.

In termini di costruzione, solo il "centro" era considerato eccezionale ed è dominato dai grattacieli delle sedi delle multinazionali che vendono oro nero, come la potente BP e ConocoPhilips Alaska e le compagnie aeree multimilionarie che traggono profitto dalla posizione della città. , strategica per diverse rotte che collegano i 48 stati inferiori un destino nevralgiche dell'Asia.

Il successo di Anchorage ha aperto le porte alla raffinatezza della vita notturna e alle distinte espressioni culturali con un esponente formale presso l'Alaska Center for the Performing Arts.

Kerby, lui stesso autodefinito “creatore”, dà il suo contributo e su di esso sussiste. Pittore, designer e artista plastico poliedrico, il suo talento ha impressionato i proprietari di locali e bar e, dal momento in cui ha decorato i primi spazi, è stato spesso richiesto.

Viaggio di Homer in Alaska, Anchorage

La città più grande dell'Alaska, Anchorage, vista da un aereo.

Ma Anchorage è anche un punto di arrivo e di partenza quasi obbligato per i visitatori dell'Alaska che, da giugno a fine agosto, vi terminano i loro viaggi, noleggiano auto e roulotte e fanno gli ultimi acquisti, rilanciando così l'economia locale.

Non deviamo dalla regola.

In due giorni abbiamo terminato i preparativi e si è conclusa l'esplorazione della città che la modernizzazione ha reso meno interessante di altri luoghi dello stato. Poi giriamo per la Seward Highway ea sud del Great North.

Da una strada a otto corsie in uscita da Anchorage, la strada si incanala rapidamente in altre due corsie che si avvicinano al Cook Inlet, un braccio del Golfo dell'Alaska che separa la penisola di Kenai dalla terraferma. Per diverse decine di chilometri siamo rimasti bloccati tra le pendici di montagne ricoperte di conifere e un mare simile a un fiume.

Il blu resiste nel cielo.

Abbiamo sfruttato le oltre 18 ore di luce diurna e, lo stesso pomeriggio, siamo partiti per Omero, luogo tanto emblematico quanto controverso, situato all'estremità quasi occidentale della penisola di Kenai.

Interrompiamo il viaggio ogni volta che gli scenari lo richiedono e per godere della bizzarra vista di un'enorme pesca di salmoni che abbiamo rilevato sulle rive del fiume Russian.

Passando Nikolaevsk e Kasilof, ci fermiamo anche a pochi chilometri dalla nostra destinazione finale, a Ninilchik, villaggio fondato nel 1820, sempre da coloni russi, come suggerisce il nome.

Lì troviamo la sua bianca chiesa ortodossa e l'adiacente cimitero, pieno di croci convenzionali e otto bracci, di lapidi con nomi russi, munite di bandiere americane che formano un monumento postumo alla delicata convivenza dell'Alaska con la Russia.

Ninilchik, Alaska - sulla strada per Homer

Un visitatore del cimitero “russo” di Ninilchik, un villaggio dell'Alaska di origine russa.

Nel 1867, le due nazioni scambiarono l'Alaska per 7.2 milioni di dollari (108 milioni al cambio odierno), l'equivalente di due centesimi per acro.

Dopo solo pochi anni, la portata dell'errore dei russi era già evidente.

Come un miraggio, il lungo (7 km) Spit di Homer invade la baia di Kachemak e segna la fine della strada per quanto riguarda la penisola di Kenai.

Homer, indicazioni, Alaska

Classico di una fine del mondo, l'aggregato di frecce con le direzioni più diverse.

Disprezzato da alcuni (che lo considerano squallido) e idolatrato da altri che lo apprezzano come "Un pittoresco paesino per bere con un problema di pesca”, il villaggio è cambiato poco dalla ripresa dallo tsunami che lo colpì nel 1964. Ogni anno conquista nuovi fan.

Per i veterani dell'Alaska, Homer è una terra consacrata, una sorta di Shangri-La sub-artico che attira credenti come poche altre città. L'atmosfera del luogo è rilassata, favorita dall'imponenza della natura circostante e dal clima privilegiato.

Tra i turisti – storditi dalla profusione di bar e negozi di souvenir – ci sono radicali, artisti e teorici disillusi dalla società in generale e dediti allo scambio permanente di utopie.

C'è anche un teatro – Pier One – che oggi funge soprattutto da approdo per i gabbiani.

Homer, Il peggior teatro dell'Alaska

I gabbiani occupano il tetto del Pier One Theatre di Homer.

Questa decadente sala da concerto è circondata da innumerevoli camper (veicoli ricreativi), le immense roulotte che spesso trainano enormi jeep o SUV, condivisi dalle famiglie che trascorrono le vacanze nel villaggio pescando e mangiando. ippoglosso e patatine.

Homer, Alaska, veicoli RV parcheggiati

Una riva di Homer's Spit disseminata di veicoli per le vacanze RV (Recreation Vehicle) americani.

È l'ultima delle attività a cui ci concediamo al Salty Dawg Saloon, il più eccentrico e venerato dei bar locali. Quando entriamo in quella tana buia dove la luce del sole è forzata attraverso una vecchia finestra di legno, ci sentiamo come degli intrusi.

Homer, Alaska, Salty Dawg Saloon

Il più famoso e pittoresco dei bar di Homer, con i suoi banconi appesi al soffitto.

La ristrettezza dello spazio angusto ci ritrae come il peso delle innumerevoli note appese al soffitto irregolare e delle brevi pareti che lo sorreggono. Comunque, stiamo andando avanti. Abbiamo trovato un trespolo sull'enorme tavola d'oro ricoperta di nomi intagliati che formava un tavolo.

Ordinammo birre e ci immergemmo nell'atmosfera chiassosa di quel covo secolare, installato in una casa costruita nel 1897 e che, nel tempo, serviva un po' di tutto: una stazione di polizia, una stazione ferroviaria, un negozio di alimentari, un ufficio per un estrazione del carbone, tra gli altri.

Sapevamo che, fuori, la luce del sole sarebbe durata, quindi abbiamo assaporato l'ambra dell'Alaska senza fretta.

Da Salty Dawg abbiamo proseguito attraverso il lungo “Spit” senza grandi aspettative. Poche centinaia di metri più avanti troviamo una stazione di pesatura informale per il pesce pescato dai pescatori residenti e per chi arriva durante l'estate dell'Alaska emozionato dalla genuinità dell'hobby.

Lì, un gruppo di impiegati vestiti in modo casual appende e mostra gli esemplari per un po'.

Homer, Alaska, pesa l'ippoglosso

Il giovane lavoratore sul molo di Homer pesa un grande halibut appena pescato.

Sono, per la maggior parte, enormi ippoglossi, pesci poco profondi e voraci che si nutrono di ogni altra specie a cui riescono a mettere la bocca e che gli abitanti dell'Alaska, a loro volta, divorano in quantità industriale anche in tempi di salmone fresco e facile come quello quando eravamo.

I lavori si sono svolti davanti a uno dei numerosi edifici in legno eretti sopra il piano più alto della lingua di terra (alto meno di 6 metri), a forma di palafitta, come la comunità locale trovò per proteggerli dai capricci della le maree. , tempeste e altro ancora.

Homer, Alaska, Spiedo

Un'altra vista della piattaforma su palafitta che ospita una serie di negozi, vista durante la bassa marea attorno al panhandle di Homer.

Come gran parte della costa dell'Alaska, anche Homer ha sofferto dello tsunami generato dal grande terremoto dell'Alaska del 1964.

Il Venerdì Santo di quell'anno, alle sei e venti del pomeriggio, l'area tremò con l'intensità prevista di un terremoto di magnitudo 9.2 Richter, il più potente nella storia del Nord America.

In Omero, in particolare, nessuno perì nella tragedia. Nonostante ciò, lo “spiedo” è affondato di quasi due metri per il cedimento del sottosuolo e si è generata un'onda di otto metri. Il vecchio porto e diversi edifici, tra cui il vecchio Salty Dawg Saloon, non hanno resistito al torrente marino, così come una parte della lingua di terra un tempo più lunga e tutta la sua vegetazione antica.

Quello che resta della punta di avvolgimento è ancora molto. È proseguito in avanti.

Homer, case allo spiedo, Alaska

Sequenza di palafitte in legno che ospitano diversi negozi.

L'abbiamo camminato attraverso la lunga giornata e quella fine del mondo in Alaska finalmente alle sue ultime agonie. Man mano che raggiungiamo gli ultimi metri, troviamo il mare gelido della baia di Kachemak racchiuso dalle montagne ancora seminevose della penisola di Kenai.

Al porto del villaggio tornarono i successivi pescherecci, piccoli gusci di nodi metallici che si affacciavano sulle acque spesso turbolente dell'Artico.

Omero, Alaska, baia di Kachemak

Barca da pesca in procinto di navigare attraverso la baia di Kachemak, in procinto di entrare nel porto di Homer.

Uno stormo di falchi pescatori appollaiato a terra osservava loro e il mare, desiderosi di cibo.

Un padre e due figli si divertivano a lanciare sassi per saltare quante più volte possibile sull'acqua quasi immobile. Anche se in modo strano, tutto sembrava essere al suo posto quindi non ci abbiamo messo molto a percorrere la strana penisola in direzione opposta.

Negli ultimi tempi, sempre più abitanti del Inferiore 48 nordamericano e persino Anchorage sembra averne avuto abbastanza delle navette estive e si è stabilito definitivamente su Homer, molte delle quali a causa della tranquillità della vita e dell'abbondanza del sole.

“Homer ispira i sogni di chi vuole trasferirsi ma, in cambio, richiede una buona dose di tenacia” dice Asia Freeman, che si è trasferita da San Francisco con i suoi genitori quando aveva appena sei anni. Al momento, lei e suo marito gestiscono una galleria d'arte. “I miei genitori non erano interessati all'arte kitsch che prevale in Alaska.

Invece, hanno invitato artisti di ogni tipo: scrittori, musicisti, poeti. A poco a poco, la città iniziò ad essere desiderata dalle anime più creative.

homer, alaska

Un passante cammina lungo la passerella di legno dello Spiedo.

Ma non tutti possono sopravvivere qui. Mio marito ed io condividiamo cinque lavori. Vendita di opere d'arte, insegnamento, un B&B, costruzione e gestione della proprietà immobiliare.”

Non ci è voluto molto per imbatterci in un altro di questi esempi. Michael - abbiamo appreso solo il suo nome - si stabilì in Alaska per pilotare aerei e mostrare ai pescherecci la posizione dei migliori banchi di pesci.

Homer, Alaska, Jackpot di Halibut

Panel annuncia una gara di pesca per gli alibot, uno dei pesci più comuni nelle acque al largo dell'Alaska.

Durante l'alta stagione di Homer, operò viaggi guidati in aereo verso la costa di Katmai, territorio per eccellenza di orsi grizzly locali.

Ci ha invitato a unirci a un gruppo il giorno successivo, cosa che abbiamo accettato con grande entusiasmo.

Tornammo a Homer sani e salvi e continuammo a esplorare la città.

Homer a Whittier, Alaska

Alla ricerca del furtivo Whittier

Lasciamo Homer, alla ricerca di Whittier, un rifugio costruito durante la seconda guerra mondiale e che ospita circa duecento persone, quasi tutte in un unico edificio.
P.N.Katmai, Alaska

Sulle tracce dell'uomo grizzly

Timothy Treadwell ha trascorso le estati con gli orsi di Katmai. Viaggiando attraverso l'Alaska, abbiamo seguito alcuni dei suoi sentieri ma, a differenza del selvaggio protettore della specie, non siamo mai andati troppo lontano.
Ketchkan, Alaska

Qui inizia l'Alaska

La realtà passa inosservata alla maggior parte del mondo, ma ce ne sono due Alaska. In termini urbanistici, lo Stato si inaugura a sud del suo nascosto cavo di padella, una striscia di terra separata dal resto EUA lungo la costa occidentale del Canada. Ketchikan, è la più meridionale delle città dell'Alaska, la sua capitale della pioggia e la capitale mondiale del salmone.
Monte Denali, Alaska

Il Sacro Soffitto del Nord America

Gli indiani Athabascan lo chiamavano Denali, o il Grande, e ne venerano la superbia. Questa splendida montagna ha suscitato l'avidità degli alpinisti e una lunga serie di salite da record.
sitka, Alaska

Sitka: un viaggio attraverso un'Alaska che una volta era russa

Nel 1867, lo zar Alessandro II dovette vendere l'Alaska russa al Stati Uniti. Nella piccola città di Sitka, troviamo l'eredità russa ma anche i nativi Tlingit che li hanno combattuti.
Juneau, Alaska

La piccola capitale della Grande Alaska

Da giugno ad agosto, Juneau scompare dietro le navi da crociera che attraccano al suo molo marginale. Tuttavia, è in questa piccola capitale che si decide il destino del 49° stato nordamericano.
Talkeetna, Alaska

Lo stile di vita dell'Alaska di Talkeetna

Un tempo un semplice avamposto minerario, Talkeetna è stato ringiovanito nel 1950 per servire gli scalatori del Monte McKinley. Il villaggio è di gran lunga il più alternativo e accattivante tra Anchorage e Fairbanks.
Il suono del principe William, Alaska

Viaggio attraverso un'Alaska glaciale

Adagiato contro le montagne Chugach, il Prince William Sound ospita alcuni dei paesaggi stravaganti dell'Alaska. Né potenti terremoti né una devastante marea liscia hanno influenzato il suo splendore naturale.
Valdez, Alaska

Sulla rotta dell'oro nero

Nel 1989 la petroliera Exxon Valdez provocò un enorme disastro ambientale. La nave ha smesso di solcare i mari, ma la città vittimizzata che le ha dato il nome continua sulla rotta del greggio dell'Oceano Artico.
Skagway, Alaska

Una variante della corsa all'oro nel Klondike

L'ultima grande corsa all'oro americana è ormai lontana. Oggi, centinaia di navi da crociera riversano ogni estate migliaia di visitatori benestanti nelle strade piene di negozi di Skagway.
Seward, Alaska

Il 4 luglio più lungo

L'indipendenza degli Stati Uniti viene celebrata a Seward, in Alaska, in modo modesto. Anche così, il 4 luglio e la sua celebrazione sembrano non avere fine.
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.
Ghiacciaio Mendenhall, Juneau, Alaska

Il ghiacciaio dietro Juneau

I nativi Tlingit chiamarono questo uno degli oltre 140 ghiacciai del Juneau Icefield. Meglio conosciuto per Mendenhall, negli ultimi tre secoli, il riscaldamento globale ha visto la sua distanza dalla piccola capitale dell'Alaska aumentare di oltre quattro chilometri.
Parco Nazionale di Amboseli, Monte Kilimangiaro, Collina di Normatior
Safari
P.N. Amboseli, Kenia

Un regalo del Kilimangiaro

Il primo europeo ad avventurarsi in queste terre Masai rimase sbalordito da ciò che trovò. E ancora oggi grandi branchi di elefanti e altri erbivori vagano alla mercé dei pascoli innevati della più grande montagna africana.
Thorong La, Circuito dell'Annapurna, Nepal, foto per i posteri
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 13 - High Camp a Thorong La a Muktinath, Nepal

Al culmine del circuito dell'Annapurnas

A 5416 m di altitudine, il Thorong La Gorge è la grande sfida e la principale causa di ansia dell'itinerario. Dopo aver ucciso 2014 alpinisti nell'ottobre 29, attraversarlo in sicurezza genera un sollievo degno di doppia celebrazione.
Visitatori del Jameos del Agua, Lanzarote, Isole Canarie, Spagna
Architettura & Design
Lanzarote, isole Canarie

A César Manrique ciò che appartiene a César Manrique

Di per sé, Lanzarote sarebbe sempre una Canarie a sé stante, ma è quasi impossibile esplorarla senza scoprire il genio irrequieto e attivista di uno dei suoi figli prodighi. César Manrique è morto quasi trent'anni fa. La prolifica opera che ha lasciato in eredità risplende sulla lava dell'isola vulcanica dove è nato.
Aventura
Vulcani

montagne di fuoco

Rotture più o meno evidenti nella crosta terrestre, i vulcani possono rivelarsi tanto esuberanti quanto capricciosi. Alcune delle sue eruzioni sono delicate, altre si rivelano annientanti.
Cerimonie e Feste
Sosia, Attori e Comparse

Stelle finte

Protagonisti di eventi o sono imprenditori di strada. Incarnano personaggi inevitabili, rappresentano classi sociali o periodi. Anche a miglia di distanza da Hollywood, senza di loro, il mondo sarebbe più noioso.
Cibo della capitale asiatica di Singapore, Basmati Bismi
Città
Singapore

La capitale asiatica del cibo

C'erano 4 gruppi etnici a Singapore, ognuno con la propria tradizione culinaria. A ciò si aggiunse l'influenza di migliaia di immigrati ed espatriati su un'isola grande la metà di Londra. Si è affermata come la nazione con la più grande diversità gastronomica d'Oriente.
Obeso residente a Tupola Tapaau, una piccola isola delle Samoa occidentali.
cibo
Tonga, Samoa Occidentali, Polinesia

Pacifico XXL

Per secoli, gli indigeni delle isole polinesiane sono vissuti per terra e per mare. Fino all'intrusione delle potenze coloniali e alla successiva introduzione di grossi pezzi di carne, fast food e le bevande zuccherate hanno generato una piaga di diabete e obesità. Oggi, mentre gran parte del PIL nazionale di Tonga, Samoa Occidentali e i vicini si sprecano con questi “veleni occidentali”, i pescatori riescono a malapena a vendere il loro pesce.
Cultura
Spettacoli

Il mondo in scena

In tutto il mondo, ogni nazione, regione o città e persino quartiere ha la sua cultura. Quando si viaggia, niente è più gratificante che ammirarli, dal vivo e in loco, che li rende unici.
Spettatore, Melbourne Cricket Ground-Regole di calcio, Melbourne, Australia
sportivo
Melbourne, Australia

Calcio dove gli australiani regolano le regole

Sebbene praticato dal 1841, il football australiano conquistò solo una parte della grande isola. L'internazionalizzazione non è mai andata oltre la carta, frenata dalla concorrenza del rugby e del calcio classico.
Sale molto grosso
In viaggio
Salta e Jujuy, Argentina

Attraverso le Highlands dell'Argentina Deep

Un tour delle province di Salta e Jujuy ci porta alla scoperta di un paese senza segni di pampa. Immerse nella vastità andina, anche queste estremità dell'Argentina nord-occidentale furono perse nel tempo.
Coba, Viaggio alle rovine Maya, Pac Chen, ora Maya
Etnico
Coba a Pac Chen, Messico

Dalle rovine ai Lares Maya

Nella penisola dello Yucatan, la storia del secondo popolo indigeno messicano più grande si intreccia con la loro vita quotidiana e si fonde con la modernità. A Cobá siamo passati dalla cima di una delle sue antiche piramidi al cuore di un villaggio dei nostri tempi.
tunnel di ghiaccio, percorso dell'oro nero, Valdez, Alaska, USA
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Sensazioni vs Impressioni

Missioni, San Ignacio Mini, Argentina
Storia
San Ignacio Mini, Argentina

Le Impossibili Missioni dei Gesuiti di San Ignacio Mini

nel secolo Nel XNUMX° secolo, i Gesuiti ampliarono un dominio religioso nel cuore del Sud America in cui convertirono gli indiani Guarani in missioni dei Gesuiti. Ma le Corone Iberiche hanno rovinato l'utopia tropicale della Compagnia di Gesù.
Vanuatu, crociera a Wala
Isole
Wala, Vanuatu

Cruzeiro à Vista, la Fiera Settles Arraiais

In gran parte di Vanuatu, i giorni dei "nobili selvaggi" del popolo sono alle spalle. In tempi incompresi e trascurati, il denaro ha guadagnato valore. E quando le grandi navi con i turisti arrivano al largo di Malekuka, i nativi si concentrano su Wala e sulla fatturazione.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
bianco inverno
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Lago Manyara, Parco Nazionale, Ernest Hemingway, Giraffe
Letteratura
PN Lago Manyara, Tanzania

L'Africa preferita di Hemingway

Situato all'estremità occidentale della Rift Valley, il Parco Nazionale del Lago Manyara è uno dei più piccoli ma incantevoli e ricchi di animali selvatici dalla Tanzania. Nel 1933, tra caccia e discussioni letterarie, Ernest Hemingway le dedicò un mese della sua travagliata vita. Raccontati questi avventurosi giorni di safari in "Le verdi colline dell'Africa".
Scogliere sopra la Valle della Desolazione, vicino a Graaf Reinet, Sud Africa
Natura
Graaf Reinet, Sud Africa

Una lancia boera in Sud Africa

All'inizio del periodo coloniale, esploratori e coloni olandesi erano terrorizzati dal Karoo, una regione di grande caldo, grande freddo, grandi inondazioni e grandi siccità. Fino a quando la Compagnia olandese delle Indie orientali non fondò lì Graaf-Reinet. Da allora, la quarta città più antica del nazione arcobaleno prosperò in un affascinante crocevia della sua storia.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Parchi Naturali
Nelson a Wharariki, PN Abele Tasman, Nova Zelândia

La costa Maori dove gli europei hanno dato la costa

Abel Janszoon Tasman ha esplorato di più delle nuove mappe e dei mitici "Terra australis" quando un errore ha inasprito i contatti con i nativi di un'isola sconosciuta. L'episodio ha inaugurato la storia coloniale di Nova Zelândia. Oggi, sia la costa divina su cui è avvenuto l'episodio, sia i mari che la circondano, evocano il navigatore olandese.
Armenia Culla Cristianesimo, Monte Aratat
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Armenia

La culla del cristianesimo ufficiale

A soli 268 anni dalla morte di Gesù, una nazione sarà diventata la prima ad abbracciare la fede cristiana per decreto reale. Questa nazione conserva ancora la propria Chiesa Apostolica e alcuni dei più antichi templi cristiani del mondo. Viaggiando attraverso il Caucaso, li visitiamo sulle orme di Gregorio l'Illuminatore, il patriarca che ispira la vita spirituale dell'Armenia.
La maschera di Zorro in mostra durante una cena presso la Pousada Hacienda del Hidalgo, El Fuerte, Sinaloa, Messico
personaggi
El Fuerte, Sinaloa, Messico

La Culla di Zorro

El Fuerte è una città coloniale nello stato messicano di Sinaloa. Nella sua storia verrà ricordata la nascita di Don Diego de La Vega, si dice che in un palazzo del paese. Nella sua lotta contro le ingiustizie del giogo spagnolo, Don Diego si trasformò in un sfuggente uomo mascherato. A El Fuerte avrà sempre luogo il leggendario “El Zorro”.
Varela Guinea Bissau, spiaggia di Nhiquim
Spiagge
Varela, Guinea Bissau

Costa Abbagliante e Deserta, al confine con il Senegal

Un po' remoto, con un accesso difficile, il tranquillo villaggio di pescatori di Varela compensa coloro che lo raggiungono con la cordialità della sua gente e una delle coste meravigliose, ma a rischio, della Guinea Bissau.
Funivia di Sanahin, Armenia
Religione
Alaverdi, Armenia

Una funivia chiamata Ensejo

La parte superiore della gola del fiume Debed nasconde i monasteri armeni di Sanahin e Haghpat e condomini sovietici a schiera. Il suo fondo ospita la miniera di rame e la fonderia che sostiene la città. A collegare questi due mondi è una provvidenziale cabina sospesa in cui gli alaverdi si aspettano di viaggiare in compagnia di Dio.
Composizione ferroviaria Flam sotto una cascata, Norvegia
Veicoli Ferroviari
nesbyen a Flamm, Norvegia

Ferrovia Flam: la Norvegia sublime dalla prima all'ultima stazione

Su strada ea bordo della Flam Railway, su una delle linee ferroviarie più ripide del mondo, raggiungiamo Flam e l'ingresso del Sognefjord, il più grande, il più profondo e il più venerato dei fiordi della Scandinavia. Dal punto di partenza all'ultima stazione, questa Norvegia che abbiamo svelato è monumentale.
Nissan, Moda, Tokyo, Giappone
Società
Tokyo, Giappone

Moda di Tokyo

Nel Giappone ultra popoloso e ipercodificato, c'è sempre spazio per più raffinatezza e creatività. Che siano nazionali o importati, è nella capitale che iniziano a sfilare i nuovi look giapponesi.
Intersezione trafficata di Tokyo, Giappone
Vita quotidiana
Tokyo, Giappone

La notte infinita della capitale del Sol Levante

Dillo Tokyo non dormire è dire poco. In una delle città più grandi e sofisticate sulla faccia della Terra, il crepuscolo segna solo il rinnovamento della frenetica vita quotidiana. E ci sono milioni delle loro anime che o non trovano posto al sole, o hanno più senso nei cambiamenti "oscuri" e oscuri che seguono.
Tartaruga appena nata, PN Tortuguero, Costa Rica
Animali selvatici
P.N. Tortuguero, Costa Rica

Una notte all'asilo nido Tortuguero

Il nome della regione del Tortuguero ha una ragione evidente e antica. Le tartarughe marine dell'Atlantico e dei Caraibi si sono riversate a lungo sulle spiagge di sabbia nera della sua stretta costa per deporre le uova. In una delle notti trascorse a Tortuguero, abbiamo assistito alle loro nascite frenetiche.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.