Ogimashi, Giappone

Un Giappone storico-virtuale


Lena in volo
Il lato oscuro e demoniaco di Higurashi no Naku Koro ni: Lena vola in giro brandendo una mannaia.
sessione spontanea
Satoko, Rena e Keiichii Maebara posano per fotografi d'occasione
Fan e fotografi
I fotografi occasionali realizzano le proprie immagini di personaggi famosi che conoscono da molto tempo.
Rika
Rika si distingue dalla scena shintoista del tempio Hachiman-jinja.
Satoko
Kigurumi di Satoko apre le braccia ai nuovi amici portoghesi.
Creatore e Kigurumi
Kigurumi del personaggio Satoko di Higurashi no Naku Koro ni e uno dei creatori della serie, Chikima.
Mion e Hanyu
Mion e Hanyu kigurumis vicino al tempio di Hachiman a Ogimashi.
kigurumis Mion e Keiichii Maebara-tempio di Hachiman-Ogimashi-Giappone
Mion e Keiichii Maebara parlano vicino a un albero vicino al tempio di Hachiman.
Trio Kigurumi
Satoko, Mion e Keiichii Maebara
Poses
Rena, Satoko, Mion e Keiichii Maebara questo, ultimo, colei che, nella serie, svela la maggior parte dei misteri.
messaggio del tubo
Messaggio lasciato al tempio di Hachiman. da un giovane fan del mango.
Ogimashi
Veduta di Ogimashi al calar della notte.
Mion e Keiichii Maebara
Mion e Keiichii Maebara condividono il fascino del paesaggio autunnale di Ogimashi.
Satoko e Rika
Satoko e Rika parlano sui gradini del tempio di Hachiman a Ogimashi.
"Higurashi no Naku Koro ni” è stata una serie di giochi per computer e di animazione giapponese di enorme successo. A Ogimashi, villaggio di Shirakawa-Go, viviamo con un gruppo di kigurumi dei loro personaggi.

"onikakushi-ken”, il primo titolo elettronico della serie “Higurashi no Naku Koro ni” ("When Cicadas Cry") è stato rilasciato in Giappone nell'agosto 2002 per PC.

È uscito in uno stile di romanzo visivo e basato sul motore NScripter, informazioni che, al giorno d'oggi, diranno qualcosa solo ai programmatori più informati.

L'enigmatica trama di Higurashi no Naku Koro ni.

La storia si è svolta in un villaggio rurale immaginario chiamato Hinamizawa. Il posto sembra essere apparentemente tranquillo e pacifico.

Fino a quando il protagonista appena arrivato Keiichi Maebara scopre che, negli ultimi quattro anni, una persona è morta e un'altra è scomparsa durante il Watanagashi-matsuri (Festival del cotone galleggiante) che rende omaggio al guardiano del villaggio Oyashiro-sama.

Durante i giochi, incuriosita e determinata, l'adolescente indaga sui vari misteri che incontra.

Non soddisfatti della già complessa trama passata alle tavole e ai computer, i creatori si sono presi la briga di sviluppare un contesto storico altrettanto o più esaustivo e sorprendentemente macabro.

È stata questa dicotomia dinamica tra l'aspetto predominante tra i personaggi e il coinvolgimento malevolo dietro di esso che ha attratto e leali fan della serie.

Ryukishi07 il mentore della... serie assetata di sangue

Il suo principale mentore, Ryukishi07 (cavaliere del drago), si è confessato un fan accanito dell'epopea elettronica-giapponese"Final Fantasy”. A proposito, Reina Ryugu di "Higurashi no Naku Koro ni” - uno dei suoi 6 adolescenti - è stato ispirato dall'eroina semi-nominata di quell'altra produzione.

Secondo l'immaginazione di Ryukishi07, secoli prima Watanagashi era conosciuto come il Festival delle budella fluttuanti.

Era usato dagli abitanti del villaggio per purificare i loro peccati con il sangue di un umano torturato usando gli strumenti disponibili nel tempio immaginario di Furude.

Qualcosa che è stato fatto utilizzando un processo meticoloso che prevedeva di piantare chiodi in ciascuna delle nocche della vittima prima che un prete rimuovesse lo stomaco e l'intestino con uno strumento simile a una zappa. Questo è stato seguito da un intricato ballo.

Le viscere e il corpo sarebbero quindi stati gettati nel fiume e avrebbero galleggiato con la corrente, a simboleggiare così l'allontanamento dei peccati delle persone.

Kigurumis Mion e Hanyu, Tempio di Hachiman, Ogimachi, Giappone

Mion e Hanyu kigurumis vicino al tempio di Hachiman a Ogimashi.

In tempi più recenti, l'originale Watanagashi aveva cominciato a essere visto come troppo violento e crudele. Gli abitanti del villaggio adattarono così l'altro significato del prefisso cotone idrofilo (cotone al posto dell'intestino).

Da quel momento in poi contribuirono con vecchi indumenti il ​​cui cotone sarebbe stato tolto e raccolto in un grande futon.

Il sacerdote ha proceduto a sventrare il Futon invece di uno sfortunato umano e spetterebbe a ogni abitante del villaggio rimuovere un pezzo del ripieno per galleggiare nel fiume.

Satoko e Rika, Tempio di Hachiman, Ogimachi, Giappone

Satoko e Rika parlano sui gradini del tempio di Hachiman a Ogimashi.

Higurashi no Naku Koro ni: Più che una serie, una lunga saga

Diversi altri eventi e connessioni passati ravvivano lo svolgersi della saga che segue le formule più inaspettate di suspense psicologica.

Nell'agosto 2006 c'erano già otto partite. "Higurashi no Naku Koro ni" ha avuto un tale successo da giustificare l'uscita di CD animati. Poco dopo, seguì l'adattamento manga, pubblicato sulla rivista “Gangan Powered” con illustrazioni della famosa artista Karin Suzuragi.

Più o meno nello stesso periodo, sono usciti la versione anime "Higurashi no Naku Koro ni Kai" e una serie di animazioni video originali.

Messaggi, Tempio di Hachiman, Ogimashi, Giappone

Messaggio lasciato al tempio di Hachiman da un giovane fan dei manga.

Il successo, sempre più internazionale, non ha mai smesso di crescere e quest'ultima esperienza, in particolare, ha giustificato, nel 2008, l'adattamento cinematografico della serie.

La scoperta storica e virtuale di Shirakawa-Go

L'ultima volta che abbiamo viaggiato attraverso il Giappone, abbiamo sentito lo stesso fascino di Ryukishi07 per Shirakawa-Go, una roccaforte semi-rurale nell'entroterra di Regione di Hida  che l'UNESCO ha classificato come Patrimonio dell'Umanità al fine di tutelarne la cultura.

In particolare le case gassho-zukuri ("mani in preghiera"), perfezionato nel corso dei secoli per resistere alle intemperie in quella che è una delle zone più innevate della terra.

Abbiamo visitato il luogo con grandi aspettative che, nonostante l'eccessivo flusso quasi inevitabile di visitatori sulle isole del Sol Levante, finiscono per essere esaudite.

Siamo giunti alla fine del secondo giorno di esplorazione della zona. Il sole è già scomparso dietro il ripido pendio del monte Hakusan. La notte è annunciata sulla valle di Shokawa.

Ogimachi, Shirakawa go, Giappone

Veduta di Ogimashi al calar della notte.

L'incontro con la serie Kigurumi e l'autore, in Ogimashi

Senza alcun preavviso, l'ambientazione inquietante del tempio di Hachiman-jinja viene invasa da uno stormo di kigurumi (bambole animate da persone).

Le loro figure sgargianti e candide passeggiano lungo la scala irregolare. Insinuano e interagiscono con movimenti e pose così espressive e sentimentali da poter sedurre il più rude degli umani.

Sono perseguiti da un gruppo coordinato di fotografi che rispondono a qualsiasi richiesta, sotto la supervisione rilassata e affabile di Chikima, uno dei creativi sui generis che ha poi sviluppato la serie.

Kigurumis, Tempio di Hachiman, Ogimachi

Rena, Satoko, Mion e Keiichii Maebara questo, ultimo, colei che, nella serie, svela la maggior parte dei misteri.

La serie Il passaggio agli schermi cinematografici

Nel tempo che passò, il film ebbe un ottimo ritorno al botteghino. Giustificava la scommessa dello studio su un sequel del film “Higurashi no Naku Koro ni Chikai”, titolo che, alla buona maniera giapponese, esplorava ancora una volta il doppio significato delle parole: naku può significare sia “suoni prodotti da organismi non umani” che “piangere”. .

In ogni episodio della lunga saga, la protagonista scopre che una delle sue amiche è stata demonizzata e ha commesso i crimini. Per finire, le vittime sono solitamente i loro stessi amici: Mion, Shion, Rena, Satoko, Hanyū e Rika.

La storia si sviluppa in capitoli di domande, capitoli di risposte e alcuni extra. Vengono anche creati finali paralleli, alcuni terrificanti, altri più morbidi.

Alla fine del 2009, è stato rilasciato per Playstation "Higurashi no Naku Koro Ni Matsuri: Kakera Asobi".

In questa versione, se i giocatori prendono determinate decisioni, possono generare un finale più terribile o piacevole per due diversi finali della serie: "Miotsukushi-hen" (Drenaggio del Canale) che è, secondo l'autore, il vero finale o il più felice"Matsuribayashi-gallina” (Festival di musica).

La serie prende vita tra i pini e i cipressi di Ogimashi

Quando troviamo i kigurumi, nonostante lo scenario alquanto agghiacciante formato dai pini e dai cipressi giapponesi della foresta di Ogimashi, il gruppo è al sicuro e mostra le sue migliori espressioni di empatia.

Kigurumi Rika, Tempio di Hachiman, Ogimashi, Giappone

Rika si distingue dalla scena shintoista del tempio Hachiman-jinja.

Abbiamo colto l'occasione per entrare, per un attimo, in quell'improbabile convivialità agghindata e ci siamo fatti fotografare in sua compagnia e in compagnia di Chikima senza molte comunicazioni verbali oltre a poche”sugoy” (cool, carino) e “arigato” o non erano quei giapponesi, come la maggior parte, poco abili nell'uso delle lingue straniere e, noi, semplici studenti pigri del loro esigente dialetto.

Chikima e kigurumi, Tempio di Hachiman, Ogimashi, Giappone

Kigurumi del personaggio Satoko di Higurashi no Naku Koro ni e uno dei creatori della serie, Chikima.

Mancano solo pochi minuti perché il buio prenda completamente il controllo della valle e gli spettatori che seguivano l'azione promozionale sono già partiti.

i tetti di gassò emettono fumo bianco con odore di legno proprio accanto al parcheggio di fortuna dove avevamo lasciato l'auto a noleggio, in una specie di cortile pieno di cachi carichi. Lì, assistiamo a un'inaspettata demistificazione della serie.

Troviamo il furgone dell'entourage di Chikima vicino al nostro.

Dopo un'altra giornata di lavoro, i giovani che hanno animato i sette kigurumi si sono tolti i capelli e gli abiti e sono diventati adolescenti in carne e ossa, più ossa che carne, tra l'altro.

In mutande, sotto una temperatura quasi negativa, tremavano per il freddo, volendo cambiare quel finale spiacevole.

Ogimashi, Giappone

Un villaggio fedele al

Ogimashi rivela un'affascinante eredità di adattabilità giapponese. Situato in uno dei luoghi più innevati sulla faccia della Terra, questo villaggio ha perfezionato case con vere e proprie strutture anti-crollo.
Tokyo, Giappone

Foto del passaporto giapponese

Alla fine degli anni '80, due multinazionali giapponesi vedevano già le cabine fotografiche convenzionali come pezzi da museo. Le trasformarono in macchine rivoluzionarie e il Giappone si arrese al fenomeno Purikura.
Kyoto, Giappone

Sopravvivenza: l'ultima Geisha Art

Erano quasi 100 ma i tempi sono cambiati e le geisha sono sull'orlo dell'estinzione. Oggi, i pochi rimasti sono costretti a cedere alla modernità meno sottile ed elegante del Giappone.
Kyoto, Giappone

Una fede combustibile

Durante la celebrazione shintoista di Ohitaki, i fedeli giapponesi raccolgono preghiere incise su tavolette nel tempio di Fushimi. Lì, mentre viene consumato da enormi falò, la sua fede si rinnova.
Tokyo, Giappone

L'imperatore senza impero

Dopo la capitolazione nella seconda guerra mondiale, il Giappone si sottomise a una costituzione che pose fine a uno degli imperi più lunghi della storia. L'imperatore giapponese è, oggi, l'unico monarca a regnare senza un impero.
Tokyo, Giappone

Moda di Tokyo

Nel Giappone ultra popoloso e ipercodificato, c'è sempre spazio per più raffinatezza e creatività. Che siano nazionali o importati, è nella capitale che iniziano a sfilare i nuovi look giapponesi.
Tokyo, Giappone

Il mercato del pesce che ha perso freschezza

In un anno, ogni giapponese mangia più del suo peso di pesce e crostacei. Dal 1935 una parte considerevole è stata lavorata e venduta nel più grande mercato ittico del mondo. Tsukiji è stato terminato nell'ottobre 2018 e sostituito da Toyosu's.
Tokyo, Giappone

Le fusa usa e getta

Tokyo è la più grande delle metropoli, ma nei suoi angusti appartamenti non c'è posto per le mascotte. Gli uomini d'affari giapponesi hanno rilevato il divario e hanno lanciato un "allevamento" in cui gli affetti felini sono pagati a ore.
Hiroshima, Giappone

Hiroshima: una città arresa alla pace

Il 6 agosto 1945 Hiroshima soccombette all'esplosione della prima bomba atomica usata in guerra. Dopo 70 anni, la città si batte per la memoria della tragedia e per lo sradicamento delle armi nucleari entro il 2020.
Giappone

L'impero delle macchine per bevande

Ci sono più di 5 milioni di scatole luminose ultra-tecnologiche sparse in tutto il paese e molte altre lattine e bottiglie esuberanti di bevande invitanti. I giapponesi hanno smesso da tempo di resistergli.
Magome Tsumago, Giappone

Da Magome a Tsumago: il percorso sovraffollato per il Giappone medievale

Nel 1603 lo shogun Tokugawa dettò il rinnovamento di un antico sistema stradale. Oggi, il tratto più famoso della strada che collegava Edo a Kyoto è attraversato da una folla desiderosa di fuggire.
Nikko, Giappone

La processione finale dello Shogun Tokugawa

Nel 1600, Ieyasu Tokugawa inaugurò uno shogunato che unì il Giappone per 250 anni. In suo onore, Nikko rievoca, ogni anno, il trasferimento medievale del generale nel sontuoso mausoleo di Toshogu.
Kyoto, Giappone

Il Tempio di Kyoto risorto dalle ceneri

Il Padiglione d'Oro è stato risparmiato dalla distruzione più volte nel corso della storia, comprese le bombe sganciate dagli Stati Uniti, ma non ha resistito al disturbo mentale di Hayashi Yoken. Quando lo ammiravamo, brillava come non mai.
Okinawa, Giappone

Danze Ryukyu: sono vecchie di secoli. Non hanno molta fretta.

Il regno di Ryukyu prosperò fino al XNUMX° secolo come stazione commerciale Cina e dal Giappone. L'estetica culturale sviluppata dalla sua aristocrazia cortese includeva vari stili di danza lenta.
Miyajima, Giappone

Shintoismo e buddismo al gusto delle maree

I visitatori del tori di Itsukushima ammirano una delle tre ambientazioni più venerate del Giappone. Nell'isola di Miyajima, la religiosità giapponese si fonde con la Natura e si rinnova con il flusso del Mare Interno di Seto.
Iriomote, Giappone

Iriomote, una piccola amazzone del Giappone tropicale

Le foreste pluviali e le impenetrabili mangrovie riempiono Iriomote sotto il clima di una pentola a pressione. Qui, i visitatori stranieri sono rari come il yamaneko, un'inafferrabile lince endemica.
Nara, Giappone

La colossale culla del buddismo giapponese

Nara ha cessato da tempo di essere la capitale e il suo tempio Todai-ji è stato retrocesso. Ma la Sala Grande rimane il più grande edificio antico in legno del mondo. E ospita il più grande buddha di bronzo vairocano.
Takayama, Giappone

Takayama dell'antico Giappone e dell'Hida medievale

In tre delle sue strade, Takayama conserva un'architettura tradizionale in legno e concentra vecchi negozi e produttori di sake. Intorno si avvicina a 100.000 abitanti e si arrende alla modernità.
Okinawa, Giappone

Il piccolo impero del sole

Risorta dalla devastazione causata dalla seconda guerra mondiale, Okinawa ha riacquistato l'eredità della sua secolare civiltà Ryukyu. Oggi, questo arcipelago a sud di Kyushu ospita a Giappone sulla riva, circondato da un Oceano Pacifico turchese e ispirato a un peculiare tropicalismo giapponese.
Kyoto, Giappone

Un Giappone millenario quasi perduto

Kyoto era nella lista dei colpi della bomba atomica degli Stati Uniti ed era più di un capriccio del destino a preservarla. Salvata da un Segretario alla Guerra americano innamorato della sua ricchezza storico-culturale e della sontuosità orientale, la città è stata sostituita all'ultimo minuto da Nagasaki nell'atroce sacrificio del secondo cataclisma nucleare.
Riserva Masai Mara, Masai Land Trip, Kenya, Masai Convivialità
Safari
Masai Mara, Kenia

Riserva del Masai Mara: Viaggio nella terra dei Masai

La savana di Mara divenne famosa per il confronto tra milioni di erbivori ei loro predatori. Ma, in una sconsiderata comunione con la fauna selvatica, sono gli umani Masai a distinguersi di più.
Yak Kharka a Thorong Phedi, circuito dell'Annapurna, Nepal, yak
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna 11º: yak karkha a Thorong Phedi, Nepal

Arrivo ai piedi della gola

In poco più di 6 km saliamo da 4018m a 4450m, alla base del Thorong La Gorge. Lungo la strada, ci siamo chiesti se quelli che sentivamo fossero i primi problemi di Altitude Evil. Non è mai stato un falso allarme.
Architettura & Design
Cimiteri

L'ultima dimora

Dalle grandiose tombe di Novodevichy, a Mosca, alle ossa Maya inscatolate di Pomuch, nella provincia messicana di Campeche, ogni popolo vanta il suo modo di vivere. Anche nella morte.
Totem, villaggio di Botko, Malekula, Vanuatu
Aventura
Malekula, Vanuatu

Cannibalismo di carne e ossa

Fino all'inizio del XX secolo, i mangiatori di uomini banchettavano ancora nell'arcipelago di Vanuatu. Nel villaggio di Botko scopriamo perché i coloni europei avevano così paura dell'isola di Malekula.
Parata dei nativi americani, Pow Pow, Albuquerque, New Mexico, Stati Uniti
Cerimonie e Feste
Albuquerque, EUA

Il suono dei tamburi, gli indiani resistono

Con oltre 500 tribù presenti, il pow wow "Gathering of the Nations" celebra la sacralità delle culture dei nativi americani. Ma rivela anche il danno inflitto dalla civiltà colonizzatrice.
São Tomé, città, São Tomé e Príncipe, Rua do Forte
Città
São Tomé (città), São Tome e Principe

La capitale dei tropici santomei

Fondata dai portoghesi nel 1485, São Tomé prosperò per secoli, come la città, perché le merci in entrata e in uscita passavano attraverso l'omonima isola. L'indipendenza dell'arcipelago lo ha confermato come la capitale indaffarata in cui giravamo, sempre sudati.
Il focan di Lola, cibo ricco, Costa Rica, Guapiles
cibo
Il Fogon di Lola, Costa Rica

Il gusto della Costa Rica a El Fogón de Lola

Come suggerisce il nome, Fogón de Lola de Guapiles serve piatti preparati sui fornelli e al forno, secondo la tradizione della famiglia costaricana. In particolare, la famiglia di zia Lola.
Casa Menezes Braganca, Chandor, Goa, India
Cultura
Chandor, Goa, India

Una casa goano-portoghese, di sicuro

Un palazzo con influenze architettoniche portoghesi, Casa Menezes Bragança si distingue dalle case di Chandor, a Goa. Forma l'eredità di una delle famiglie più potenti dell'ex provincia. Sia dalla sua ascesa in un'alleanza strategica con l'amministrazione portoghese sia dal successivo nazionalismo di Goa.
Corsa di renne, Kings Cup, Inari, Finlandia
sportivo
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
Treno Fianarantsoa a Manakara, TGV malgascio, locomotiva
In viaggio
Fianarantsoa-Manakara, Madagascar

A bordo del TGV malgascio

Partiamo da Fianarantsoa alle 7:3. Solo alle 170 del mattino seguente abbiamo completato i XNUMX km fino a Manakara. Gli indigeni chiamano questo treno quasi secolare Allena grandi vibrazioni. Durante il lungo viaggio, abbiamo sentito fortemente il cuore del Madagascar.
Incontro delle acque, Manaus, Amazonas, Brasile
Etnico
Manaus, Brasile

Al Meeting delle Acque

Il fenomeno non è unico, ma a Manaus ha una bellezza e una solennità speciali. Ad un certo punto i fiumi Negro e Solimões confluiscono nello stesso alveo dell'Amazzonia, ma invece di mescolarsi immediatamente, entrambi i flussi continuano fianco a fianco. Mentre esploriamo queste parti dell'Amazzonia, assistiamo all'insolito confronto dell'Incontro delle Acque.
fotografia di luce solare, sole, luci
Portfolio fotografico Got2Globe
Luce Naturale (parte 2)

Un Sole, Tante Luci

La maggior parte delle foto di viaggio vengono scattate alla luce del sole. La luce del sole e il tempo formano un'interazione capricciosa. Scopri come prevederlo, rilevarlo e utilizzarlo al meglio.
Estancia Harberton, Terra del Fuoco, Argentina
Storia
Terra di Fuoco, Argentina

Una fattoria alla fine del mondo

Nel 1886 Thomas Bridges, un orfano inglese portato dalla sua famiglia di missionari adottivi negli angoli più remoti dell'emisfero meridionale, fondò l'antica fattoria della Terra del Fuoco. Bridges e i suoi discendenti si sono arresi alla fine del mondo. Oggi, il tuo Estancia harberton è un abbagliante monumento argentino alla determinazione e alla resilienza umana.
Cilaos, Isola della Riunione, Casario Piton des Neiges
Isole
Cilaos, Reunion Island

Rifugio sotto il tetto dell'Oceano Indiano

Cilaos appare in una delle antiche caldere verdi dell'isola della Riunione. Inizialmente era abitato da schiavi fuggiaschi che credevano che sarebbero stati al sicuro a quell'estremità del mondo. Una volta reso accessibile, né la posizione remota del cratere impediva il rifugio di un villaggio ora peculiare e lusingato.
Maksim, popolo Sami, Inari, Finlandia-2
bianco inverno
Inari, Finlândia

I Guardiani del Nord Europa

A lungo discriminato dai coloni scandinavi, finlandesi e russi, il popolo Sami riacquista la propria autonomia ed è orgoglioso della propria nazionalità.
silhouette e poesia, cora coralina, old goias, brasile
Letteratura
Goias Velho, Brasile

Vita e lavoro di uno scrittore al margine

Nata a Goiás, Ana Lins Bretas ha trascorso gran parte della sua vita lontana dalla sua famiglia castrante e dalla città. Tornando alle sue origini, ha continuato a ritrarre la mentalità prevenuta della campagna brasiliana.
Cahuita National Park, Costa Rica, Caraibi, Punta Cahuita vista aerea
Natura
Cahuita, Costa Rica

Un Costarica di Rasta

Viaggiando attraverso l'America Centrale, abbiamo esplorato una costa del Costa Rica che è afro come i Caraibi. In Cahuita, Pura Vida è ispirata da un'eccentrica fede in Jah e da un'esasperante devozione alla cannabis.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Geotermico, calore islandese, terra di ghiaccio, geotermico, laguna blu
Parchi Naturali
Islândia

Il calore geotermico dell'isola di ghiaccio

La maggior parte dei visitatori apprezza i paesaggi vulcanici islandesi per la loro bellezza. Gli islandesi traggono anche da loro calore ed energia vitale che portano alle porte dell'Artico.
PN Timanfaya, Montagne di fuoco, Lanzarote, Caldera del Corazoncillo
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
PN Timanfaya, Lanzarote, Isole Canarie

PN Timanfaya e le montagne di fuoco di Lanzarote

Tra il 1730 e il 1736, dal nulla, decine di vulcani a Lanzarote eruttarono in successione. L'enorme quantità di lava che rilasciarono seppellì diversi villaggi e costrinse quasi la metà degli abitanti ad emigrare. L'eredità di questo cataclisma è l'attuale scenario marziano dell'esuberante PN Timanfaya.
La maschera di Zorro in mostra durante una cena presso la Pousada Hacienda del Hidalgo, El Fuerte, Sinaloa, Messico
personaggi
El Fuerte, Sinaloa, Messico

La Culla di Zorro

El Fuerte è una città coloniale nello stato messicano di Sinaloa. Nella sua storia verrà ricordata la nascita di Don Diego de La Vega, si dice che in un palazzo del paese. Nella sua lotta contro le ingiustizie del giogo spagnolo, Don Diego si trasformò in un sfuggente uomo mascherato. A El Fuerte avrà sempre luogo il leggendario “El Zorro”.
Balandra Beach, Messico, Baja California, vista aerea
Spiagge
Spiaggia di Balandra e Il Tecolote, Baja California Sur, Messico

Tesori balneari del Mare di Cortes

Spesso proclamata la spiaggia più bella del Messico, la troviamo nella caletta frastagliata di spiaggia Balandra è un grave caso di esotismo paesaggistico. In duo con il vicino spiaggia Tecolote, risulta essere uno dei beachfront davvero imperdibili della vasta Baja California.
Armenia Culla Cristianesimo, Monte Aratat
Religione
Armenia

La culla del cristianesimo ufficiale

A soli 268 anni dalla morte di Gesù, una nazione sarà diventata la prima ad abbracciare la fede cristiana per decreto reale. Questa nazione conserva ancora la propria Chiesa Apostolica e alcuni dei più antichi templi cristiani del mondo. Viaggiando attraverso il Caucaso, li visitiamo sulle orme di Gregorio l'Illuminatore, il patriarca che ispira la vita spirituale dell'Armenia.
White pass yukon train, Skagway, Gold route, Alaska, USA
Veicoli Ferroviari
Skagway, Alaska

Una variante della corsa all'oro nel Klondike

L'ultima grande corsa all'oro americana è ormai lontana. Oggi, centinaia di navi da crociera riversano ogni estate migliaia di visitatori benestanti nelle strade piene di negozi di Skagway.
Graffiti della dea inquietante, Haight Ashbury, San Francisco, USA, Stati Uniti d'America
Società
L'Haight, San Francisco, EUA

Orfani dell'estate dell'amore

Anticonformismo e creatività sono ancora presenti nel vecchio quartiere Flower Power. Ma quasi 50 anni dopo, la generazione hippie ha lasciato il posto a giovani senzatetto, incontrollati e persino aggressivi.
Visitatori a Talisay Ruins, Negros Island, Filippine
Vita quotidiana
Talisay città, Filippine

Monumento a un Amore Luso-Filippino

Alla fine del 11° secolo, Mariano Lacson, un contadino filippino, e Maria Braga, una donna portoghese di Macao, si innamorarono e si sposarono. Durante la gravidanza di quello che sarebbe diventato il suo undicesimo figlio, Maria ha ceduto a una caduta. Distrutto, Mariano costruì un palazzo in suo onore. Nel bel mezzo della seconda guerra mondiale, il palazzo fu bruciato, ma le eleganti rovine sopravvissute perpetuano la loro tragica relazione.
Rottnest Island, Wadjemup, Australia, Quokka
Animali selvatici
Wadjemup, isola di Rottnest, Australia

Tra i Quokka e altri Spiriti Aborigeni

Nel XNUMX° secolo, un capitano olandese soprannominò quest'isola circondata da un turchese Oceano Indiano, “Rottnest, un nido di topi”. I quokka che gli sfuggivano erano, tuttavia, marsupiali, considerati sacri dagli aborigeni Whadjuk Noongar dell'Australia occidentale. Come l'isola edenica su cui i coloni britannici li martirizzarono.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.