Ogimashi, Giappone

Un Giappone storico-virtuale


Lena in volo
Il lato oscuro e demoniaco di Higurashi no Naku Koro ni: Lena vola in giro brandendo una mannaia.
sessione spontanea
Satoko, Rena e Keiichii Maebara posano per fotografi d'occasione
Fan e fotografi
I fotografi occasionali realizzano le proprie immagini di personaggi famosi che conoscono da molto tempo.
Rika
Rika si distingue dalla scena shintoista del tempio Hachiman-jinja.
Satoko
Kigurumi di Satoko apre le braccia ai nuovi amici portoghesi.
Creatore e Kigurumi
Kigurumi del personaggio Satoko di Higurashi no Naku Koro ni e uno dei creatori della serie, Chikima.
Mion e Hanyu
Mion e Hanyu kigurumis vicino al tempio di Hachiman a Ogimashi.
kigurumis Mion e Keiichii Maebara-tempio di Hachiman-Ogimashi-Giappone
Mion e Keiichii Maebara parlano vicino a un albero vicino al tempio di Hachiman.
Trio Kigurumi
Satoko, Mion e Keiichii Maebara
Poses
Rena, Satoko, Mion e Keiichii Maebara questo, ultimo, colei che, nella serie, svela la maggior parte dei misteri.
messaggio del tubo
Messaggio lasciato al tempio di Hachiman. da un giovane fan del mango.
Ogimashi
Veduta di Ogimashi al calar della notte.
Mion e Keiichii Maebara
Mion e Keiichii Maebara condividono il fascino del paesaggio autunnale di Ogimashi.
Satoko e Rika
Satoko e Rika parlano sui gradini del tempio di Hachiman a Ogimashi.
"Higurashi no Naku Koro ni” è stata una serie di giochi per computer e di animazione giapponese di enorme successo. A Ogimashi, villaggio di Shirakawa-Go, viviamo con un gruppo di kigurumi dei loro personaggi.

"onikakushi-ken”, il primo titolo elettronico della serie “Higurashi no Naku Koro ni” ("When Cicadas Cry") è stato rilasciato in Giappone nell'agosto 2002 per PC.

È uscito in uno stile di romanzo visivo e basato sul motore NScripter, informazioni che, al giorno d'oggi, diranno qualcosa solo ai programmatori più informati.

L'enigmatica trama di Higurashi no Naku Koro ni.

La storia si è svolta in un villaggio rurale immaginario chiamato Hinamizawa. Il posto sembra essere apparentemente tranquillo e pacifico.

Fino a quando il protagonista appena arrivato Keiichi Maebara scopre che, negli ultimi quattro anni, una persona è morta e un'altra è scomparsa durante il Watanagashi-matsuri (Festival del cotone galleggiante) che rende omaggio al guardiano del villaggio Oyashiro-sama.

Durante i giochi, incuriosita e determinata, l'adolescente indaga sui vari misteri che incontra.

Non soddisfatti della già complessa trama passata alle tavole e ai computer, i creatori si sono presi la briga di sviluppare un contesto storico altrettanto o più esaustivo e sorprendentemente macabro.

È stata questa dicotomia dinamica tra l'aspetto predominante tra i personaggi e il coinvolgimento malevolo dietro di esso che ha attratto e leali fan della serie.

Ryukishi07 il mentore della... serie assetata di sangue

Il suo principale mentore, Ryukishi07 (cavaliere del drago), si è confessato un fan accanito dell'epopea elettronica-giapponese"Final Fantasy”. A proposito, Reina Ryugu di "Higurashi no Naku Koro ni” - uno dei suoi 6 adolescenti - è stato ispirato dall'eroina semi-nominata di quell'altra produzione.

Secondo l'immaginazione di Ryukishi07, secoli prima Watanagashi era conosciuto come il Festival delle budella fluttuanti.

Era usato dagli abitanti del villaggio per purificare i loro peccati con il sangue di un umano torturato usando gli strumenti disponibili nel tempio immaginario di Furude.

Qualcosa che è stato fatto utilizzando un processo meticoloso che prevedeva di piantare chiodi in ciascuna delle nocche della vittima prima che un prete rimuovesse lo stomaco e l'intestino con uno strumento simile a una zappa. Questo è stato seguito da un intricato ballo.

Le viscere e il corpo sarebbero quindi stati gettati nel fiume e avrebbero galleggiato con la corrente, a simboleggiare così l'allontanamento dei peccati delle persone.

Kigurumis Mion e Hanyu, Tempio di Hachiman, Ogimachi, Giappone

Mion e Hanyu kigurumis vicino al tempio di Hachiman a Ogimashi.

In tempi più recenti, l'originale Watanagashi aveva cominciato a essere visto come troppo violento e crudele. Gli abitanti del villaggio adattarono così l'altro significato del prefisso cotone idrofilo (cotone al posto dell'intestino).

Da quel momento in poi contribuirono con vecchi indumenti il ​​cui cotone sarebbe stato tolto e raccolto in un grande futon.

Il sacerdote ha proceduto a sventrare il Futon invece di uno sfortunato umano e spetterebbe a ogni abitante del villaggio rimuovere un pezzo del ripieno per galleggiare nel fiume.

Satoko e Rika, Tempio di Hachiman, Ogimachi, Giappone

Satoko e Rika parlano sui gradini del tempio di Hachiman a Ogimashi.

Higurashi no Naku Koro ni: Più che una serie, una lunga saga

Diversi altri eventi e connessioni passati ravvivano lo svolgersi della saga che segue le formule più inaspettate di suspense psicologica.

Nell'agosto 2006 c'erano già otto partite. "Higurashi no Naku Koro ni" ha avuto un tale successo da giustificare l'uscita di CD animati. Poco dopo, seguì l'adattamento manga, pubblicato sulla rivista “Gangan Powered” con illustrazioni della famosa artista Karin Suzuragi.

Più o meno nello stesso periodo, sono usciti la versione anime "Higurashi no Naku Koro ni Kai" e una serie di animazioni video originali.

Messaggi, Tempio di Hachiman, Ogimashi, Giappone

Messaggio lasciato al tempio di Hachiman da un giovane fan dei manga.

Il successo, sempre più internazionale, non ha mai smesso di crescere e quest'ultima esperienza, in particolare, ha giustificato, nel 2008, l'adattamento cinematografico della serie.

La scoperta storica e virtuale di Shirakawa-Go

L'ultima volta che abbiamo viaggiato attraverso il Giappone, abbiamo sentito lo stesso fascino di Ryukishi07 per Shirakawa-Go, una roccaforte semi-rurale nell'entroterra di Regione di Hida  che l'UNESCO ha classificato come Patrimonio dell'Umanità al fine di tutelarne la cultura.

In particolare le case gassho-zukuri ("mani in preghiera"), perfezionato nel corso dei secoli per resistere alle intemperie in quella che è una delle zone più innevate della terra.

Abbiamo visitato il luogo con grandi aspettative che, nonostante l'eccessivo flusso quasi inevitabile di visitatori sulle isole del Sol Levante, finiscono per essere esaudite.

Siamo giunti alla fine del secondo giorno di esplorazione della zona. Il sole è già scomparso dietro il ripido pendio del monte Hakusan. La notte è annunciata sulla valle di Shokawa.

Ogimachi, Shirakawa go, Giappone

Veduta di Ogimashi al calar della notte.

L'incontro con la serie Kigurumi e l'autore, in Ogimashi

Senza alcun preavviso, l'ambientazione inquietante del tempio di Hachiman-jinja viene invasa da uno stormo di kigurumi (bambole animate da persone).

Le loro figure sgargianti e candide passeggiano lungo la scala irregolare. Insinuano e interagiscono con movimenti e pose così espressive e sentimentali da poter sedurre il più rude degli umani.

Sono perseguiti da un gruppo coordinato di fotografi che rispondono a qualsiasi richiesta, sotto la supervisione rilassata e affabile di Chikima, uno dei creativi sui generis che ha poi sviluppato la serie.

Kigurumis, Tempio di Hachiman, Ogimachi

Rena, Satoko, Mion e Keiichii Maebara questo, ultimo, colei che, nella serie, svela la maggior parte dei misteri.

La serie Il passaggio agli schermi cinematografici

Nel tempo che passò, il film ebbe un ottimo ritorno al botteghino. Giustificava la scommessa dello studio su un sequel del film “Higurashi no Naku Koro ni Chikai”, titolo che, alla buona maniera giapponese, esplorava ancora una volta il doppio significato delle parole: naku può significare sia “suoni prodotti da organismi non umani” che “piangere”. .

In ogni episodio della lunga saga, la protagonista scopre che una delle sue amiche è stata demonizzata e ha commesso i crimini. Per finire, le vittime sono solitamente i loro stessi amici: Mion, Shion, Rena, Satoko, Hanyū e Rika.

La storia si sviluppa in capitoli di domande, capitoli di risposte e alcuni extra. Vengono anche creati finali paralleli, alcuni terrificanti, altri più morbidi.

Alla fine del 2009, è stato rilasciato per Playstation "Higurashi no Naku Koro Ni Matsuri: Kakera Asobi".

In questa versione, se i giocatori prendono determinate decisioni, possono generare un finale più terribile o piacevole per due diversi finali della serie: "Miotsukushi-hen" (Drenaggio del Canale) che è, secondo l'autore, il vero finale o il più felice"Matsuribayashi-gallina” (Festival di musica).

La serie prende vita tra i pini e i cipressi di Ogimashi

Quando troviamo i kigurumi, nonostante lo scenario alquanto agghiacciante formato dai pini e dai cipressi giapponesi della foresta di Ogimashi, il gruppo è al sicuro e mostra le sue migliori espressioni di empatia.

Kigurumi Rika, Tempio di Hachiman, Ogimashi, Giappone

Rika si distingue dalla scena shintoista del tempio Hachiman-jinja.

Abbiamo colto l'occasione per entrare, per un attimo, in quell'improbabile convivialità agghindata e ci siamo fatti fotografare in sua compagnia e in compagnia di Chikima senza molte comunicazioni verbali oltre a poche”sugoy” (cool, carino) e “arigato” o non erano quei giapponesi, come la maggior parte, poco abili nell'uso delle lingue straniere e, noi, semplici studenti pigri del loro esigente dialetto.

Chikima e kigurumi, Tempio di Hachiman, Ogimashi, Giappone

Kigurumi del personaggio Satoko di Higurashi no Naku Koro ni e uno dei creatori della serie, Chikima.

Mancano solo pochi minuti perché il buio prenda completamente il controllo della valle e gli spettatori che seguivano l'azione promozionale sono già partiti.

i tetti di gassò emettono fumo bianco con odore di legno proprio accanto al parcheggio di fortuna dove avevamo lasciato l'auto a noleggio, in una specie di cortile pieno di cachi carichi. Lì, assistiamo a un'inaspettata demistificazione della serie.

Troviamo il furgone dell'entourage di Chikima vicino al nostro.

Dopo un'altra giornata di lavoro, i giovani che hanno animato i sette kigurumi si sono tolti i capelli e gli abiti e sono diventati adolescenti in carne e ossa, più ossa che carne, tra l'altro.

In mutande, sotto una temperatura quasi negativa, tremavano per il freddo, volendo cambiare quel finale spiacevole.

Ogimashi, Giappone

Un villaggio fedele al

Ogimashi rivela un'affascinante eredità di adattabilità giapponese. Situato in uno dei luoghi più innevati sulla faccia della Terra, questo villaggio ha perfezionato case con vere e proprie strutture anti-crollo.
Tokyo, Giappone

Foto del passaporto giapponese

Alla fine degli anni '80, due multinazionali giapponesi vedevano già le cabine fotografiche convenzionali come pezzi da museo. Le trasformarono in macchine rivoluzionarie e il Giappone si arrese al fenomeno Purikura.
Kyoto, Giappone

Sopravvivenza: l'ultima Geisha Art

Erano quasi 100 ma i tempi sono cambiati e le geisha sono sull'orlo dell'estinzione. Oggi, i pochi rimasti sono costretti a cedere alla modernità meno sottile ed elegante del Giappone.
Kyoto, Giappone

Una fede combustibile

Durante la celebrazione shintoista di Ohitaki, i fedeli giapponesi raccolgono preghiere incise su tavolette nel tempio di Fushimi. Lì, mentre viene consumato da enormi falò, la sua fede si rinnova.
Tokyo, Giappone

L'imperatore senza impero

Dopo la capitolazione nella seconda guerra mondiale, il Giappone si sottomise a una costituzione che pose fine a uno degli imperi più lunghi della storia. L'imperatore giapponese è, oggi, l'unico monarca a regnare senza un impero.
Tokyo, Giappone

Moda di Tokyo

Nel Giappone ultra popoloso e ipercodificato, c'è sempre spazio per più raffinatezza e creatività. Che siano nazionali o importati, è nella capitale che iniziano a sfilare i nuovi look giapponesi.
Tokyo, Giappone

Il mercato del pesce che ha perso freschezza

In un anno, ogni giapponese mangia più del suo peso di pesce e crostacei. Dal 1935 una parte considerevole è stata lavorata e venduta nel più grande mercato ittico del mondo. Tsukiji è stato terminato nell'ottobre 2018 e sostituito da Toyosu's.
Tokyo, Giappone

Le fusa usa e getta

Tokyo è la più grande delle metropoli, ma nei suoi angusti appartamenti non c'è posto per le mascotte. Gli uomini d'affari giapponesi hanno rilevato il divario e hanno lanciato un "allevamento" in cui gli affetti felini sono pagati a ore.
Hiroshima, Giappone

Hiroshima: una città arresa alla pace

Il 6 agosto 1945 Hiroshima soccombette all'esplosione della prima bomba atomica usata in guerra. Dopo 70 anni, la città si batte per la memoria della tragedia e per lo sradicamento delle armi nucleari entro il 2020.
Giappone

L'impero delle macchine per bevande

Ci sono più di 5 milioni di scatole luminose ultra-tecnologiche sparse in tutto il paese e molte altre lattine e bottiglie esuberanti di bevande invitanti. I giapponesi hanno smesso da tempo di resistergli.
Magome Tsumago, Giappone

Da Magome a Tsumago: il percorso sovraffollato per il Giappone medievale

Nel 1603 lo shogun Tokugawa dettò il rinnovamento di un antico sistema stradale. Oggi, il tratto più famoso della strada che collegava Edo a Kyoto è attraversato da una folla desiderosa di fuggire.
Nikko, Giappone

La processione finale dello Shogun Tokugawa

Nel 1600, Ieyasu Tokugawa inaugurò uno shogunato che unì il Giappone per 250 anni. In suo onore, Nikko rievoca, ogni anno, il trasferimento medievale del generale nel sontuoso mausoleo di Toshogu.
Kyoto, Giappone

Il Tempio di Kyoto risorto dalle ceneri

Il Padiglione d'Oro è stato risparmiato dalla distruzione più volte nel corso della storia, comprese le bombe sganciate dagli Stati Uniti, ma non ha resistito al disturbo mentale di Hayashi Yoken. Quando lo ammiravamo, brillava come non mai.
Okinawa, Giappone

Danze Ryukyu: sono vecchie di secoli. Non hanno molta fretta.

Il regno di Ryukyu prosperò fino al XNUMX° secolo come stazione commerciale Cina e dal Giappone. L'estetica culturale sviluppata dalla sua aristocrazia cortese includeva vari stili di danza lenta.
Miyajima, Giappone

Shintoismo e buddismo al gusto delle maree

I visitatori del tori di Itsukushima ammirano una delle tre ambientazioni più venerate del Giappone. Nell'isola di Miyajima, la religiosità giapponese si fonde con la Natura e si rinnova con il flusso del Mare Interno di Seto.
Iriomote, Giappone

Iriomote, una piccola amazzone del Giappone tropicale

Le foreste pluviali e le impenetrabili mangrovie riempiono Iriomote sotto il clima di una pentola a pressione. Qui, i visitatori stranieri sono rari come il yamaneko, un'inafferrabile lince endemica.
Nara, Giappone

La colossale culla del buddismo giapponese

Nara ha cessato da tempo di essere la capitale e il suo tempio Todai-ji è stato retrocesso. Ma la Sala Grande rimane il più grande edificio antico in legno del mondo. E ospita il più grande buddha di bronzo vairocano.
Takayama, Giappone

Takayama dell'antico Giappone e dell'Hida medievale

In tre delle sue strade, Takayama conserva un'architettura tradizionale in legno e concentra vecchi negozi e produttori di sake. Intorno si avvicina a 100.000 abitanti e si arrende alla modernità.
Okinawa, Giappone

Il piccolo impero del sole

Risorta dalla devastazione causata dalla seconda guerra mondiale, Okinawa ha riacquistato l'eredità della sua secolare civiltà Ryukyu. Oggi, questo arcipelago a sud di Kyushu ospita a Giappone sulla riva, circondato da un Oceano Pacifico turchese e ispirato a un peculiare tropicalismo giapponese.
Kyoto, Giappone

Un Giappone millenario quasi perduto

Kyoto era nella lista dei colpi della bomba atomica degli Stati Uniti ed era più di un capriccio del destino a preservarla. Salvata da un Segretario alla Guerra americano innamorato della sua ricchezza storico-culturale e della sontuosità orientale, la città è stata sostituita all'ultimo minuto da Nagasaki nell'atroce sacrificio del secondo cataclisma nucleare.
Jabula Beach, Kwazulu Natal, Sud Africa
Safari
Santa Lucia, Sud Africa

Un'Africa selvaggia come Zulu

All'eminenza della costa del Mozambico, la provincia del KwaZulu-Natal ospita un inaspettato Sud Africa. Spiagge deserte costellate di dune, vasti estuari e colline ricoperte di nebbia riempiono questa terra selvaggia bagnata anche dall'Oceano Indiano. È condiviso dai sudditi della sempre orgogliosa nazione Zulu e da una delle faune più prolifiche e diversificate del continente africano.
Bandiere di preghiera a Ghyaru, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 4° – Upper Pisang a Ngawal, Nepal

Da incubo a Dazzle

A nostra insaputa, siamo di fronte a un'ascesa che ci porta alla disperazione. Abbiamo spinto le nostre forze al limite e abbiamo raggiunto Ghyaru dove ci siamo sentiti più vicini che mai all'Annapurna. Il resto della strada per Ngawal sembrava una sorta di estensione della ricompensa.
Architettura & Design
Cimiteri

L'ultima dimora

Dalle grandiose tombe di Novodevichy, a Mosca, alle ossa Maya inscatolate di Pomuch, nella provincia messicana di Campeche, ogni popolo vanta il suo modo di vivere. Anche nella morte.
Mushing completo del cane
Aventura
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.
La crocifissione ad Helsinki
Cerimonie e Feste
Helsinki, Finlândia

Una Via Crucis gelida e accademica

Quando arriva la Settimana Santa, Helsinki mostra la sua fede. Nonostante il freddo gelido, attori mal vestiti mettono in scena una sofisticata rievocazione della Via Crucis attraverso strade piene di spettatori.
Concorso del boscaiolo dell'Alaska, Ketchikan, Alaska, Stati Uniti
Città
Ketchkan, Alaska

Qui inizia l'Alaska

La realtà passa inosservata alla maggior parte del mondo, ma ce ne sono due Alaska. In termini urbanistici, lo Stato si inaugura a sud del suo nascosto cavo di padella, una striscia di terra separata dal resto EUA lungo la costa occidentale del Canada. Ketchikan, è la più meridionale delle città dell'Alaska, la sua capitale della pioggia e la capitale mondiale del salmone.
Cacao, Cioccolato, Sao Tome Principe, Fattoria Água Izé
cibo
São Tome e Principe

Orti di cacao, Corallo e la Fabbrica di Cioccolato

All'inizio del sec Nel XNUMX° secolo, São Tomé e Príncipe hanno generato più cacao di qualsiasi altro territorio. Grazie alla dedizione di alcuni imprenditori, la produzione persiste ed entrambe le isole degustano il miglior cioccolato.
Uno contro tutti, Monastero di Sera, Sacro Dibattito, Tibet
Cultura
Lhasa, Tibete

Sera, il Monastero del Sacro Dibattito

In pochi posti al mondo si usa un dialetto con la stessa veemenza del monastero di Sera. Lì, centinaia di monaci si impegnano in intensi e chiassosi dibattiti sugli insegnamenti del Buddha in tibetano.
Spettatore, Melbourne Cricket Ground-Regole di calcio, Melbourne, Australia
sportivo
Melbourne, Australia

Calcio dove gli australiani regolano le regole

Sebbene praticato dal 1841, il football australiano conquistò solo una parte della grande isola. L'internazionalizzazione non è mai andata oltre la carta, frenata dalla concorrenza del rugby e del calcio classico.
Da Chiang Khong a Luang Prabang, Laos, lungo il Mekong
In viaggio
Chiang Hong - Luang Prabang, Laos

Barca lenta, fiume Mekong sotto

La bellezza e il basso costo del Laos sono buoni motivi per navigare tra Chiang Khong e Luang Prabang. Ma questa lunga discesa del fiume Mekong può essere estenuante quanto pittoresca.
Totem, villaggio di Botko, Malekula, Vanuatu
Etnico
Malekula, Vanuatu

Cannibalismo di carne e ossa

Fino all'inizio del XX secolo, i mangiatori di uomini banchettavano ancora nell'arcipelago di Vanuatu. Nel villaggio di Botko scopriamo perché i coloni europei avevano così paura dell'isola di Malekula.
fotografia di luce solare, sole, luci
Portfolio fotografico Got2Globe
Luce Naturale (parte 2)

Un Sole, Tante Luci

La maggior parte delle foto di viaggio vengono scattate alla luce del sole. La luce del sole e il tempo formano un'interazione capricciosa. Scopri come prevederlo, rilevarlo e utilizzarlo al meglio.
royal de Catorce, San Luis Potosi, Messico, ombre
Storia
Real de Catorce, San Luis Potosì, Messico

Dalla Nuova Spagna Lode al Pueblo Magico messicano

All'inizio del XIX secolo era una delle città minerarie che garantiva più argento alla corona spagnola. Un secolo dopo, l'argento era stato svalutato in modo tale che il Real de Catorce fu abbandonato. La sua storia e gli scenari peculiari filmati da Hollywood ne hanno fatto uno dei borghi più preziosi del Messico.
Fedeli cristiani che lasciano una chiesa, Upolu, Samoa occidentali
Isole
Upolu, Samoa  

Nel cuore spezzato della Polinesia

L'immagine dell'idilliaco Sud Pacifico è indiscutibile a Samoa, ma la sua bellezza tropicale non paga i conti né per la nazione né per gli abitanti. Chiunque visiti questo arcipelago trova un popolo combattuto tra l'assoggettarsi alla tradizione e alla stasi finanziaria o lo sradicarsi in paesi con orizzonti più ampi.
Barche sul ghiaccio, isola di Hailuoto, Finlandia
bianco inverno
A forma di squalo, Finlândia

Un rifugio nel Golfo di Botnia

Durante l'inverno, l'isola di Hailuoto è collegata al resto della Finlandia dalla strada di ghiaccio più lunga del paese. La maggior parte dei suoi 986 abitanti apprezza soprattutto la distanza che l'isola concede loro.
Cove, Big Sur, California, Stati Uniti
Letteratura
Big Sur, EUA

La costa di tutti i rifugiati

Lungo 150 km, la costa californiana è soggetta a una vastità di montagne, oceano e nebbia. In questa ambientazione epica, centinaia di anime tormentate seguono le orme di Jack Kerouac e Henri Miller.
Adoratori accendono candele, tempio della Grotta di Milarepa, circuito dell'Annapurna, Nepal
Natura
Circuito dell'Annapurna: dal 9° Manang a Grotta di Milarepa, Nepal

Una passeggiata tra acclimatamento e pellegrinaggio

In toto Circuito dell'Annapurna, arriviamo finalmente a Manang (3519 m). abbiamo ancora bisogno acclimatarsi per i tratti più alti che sono seguiti, abbiamo iniziato un altrettanto spirituale viaggio verso una grotta nepalese a Milarepa (4000 m), rifugio di un siddha (saggio) e santo buddista.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Repubblica Dominicana, Spiaggia Bahia de Las Águilas, Pedernales. Parco Nazionale di Jaragua, Spiaggia
Parchi Naturali
Laguna di Oviedo a Bahia de las Águilas, Repubblica Dominicana

Alla ricerca della spiaggia dominicana immacolata

Contro ogni previsione, una delle coste dominicane più incontaminate è anche una delle più remote. Alla scoperta della provincia di Pedernales, ammiriamo il Parco Nazionale semidesertico di Jaragua e la purezza caraibica di Bahia de las Águilas.
Isola di Robben Island, Apartheid, Sud Africa, Portico
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Isola di Robben, Sud Africa

L'Isola dell' Apartheid

Bartolomeu Dias fu il primo europeo ad intravedere Robben Island, attraversando il Capo delle Tempeste. Nel corso dei secoli i coloni lo trasformarono in manicomio e prigione. Nelson Mandela se ne andò nel 1982 dopo diciotto anni di carcere. Dodici anni dopo, divenne il primo presidente nero del Sudafrica.
Vista dalla cima del monte Vaea e la tomba, il villaggio di Vailima, Robert Louis Stevenson, Upolu, Samoa
personaggi
Upolu, Samoa

L'isola del tesoro di Stevenson

All'età di 30 anni, lo scrittore scozzese iniziò a cercare un posto che lo salvasse dal suo corpo maledetto. Ad Upolu e nei Samoani trovò un accogliente rifugio al quale diede il suo cuore e la sua anima.
Bagni insoliti
Spiagge

a sud di Belize

La strana vita nel sole nero dei Caraibi

Sulla strada per il Guatemala, vediamo come l'esistenza proscritta del popolo Garifuna, discendente degli schiavi africani e degli indiani Arawak, contrasti con quella di diverse roccaforti balneari molto più ariose.

Isola di Djerba in Tunisia, Amazigh e i suoi cammelli
Religione
Djerba, Tunisia

L'Isola Tunisina della Convivenza

L'isola più grande del Nord Africa ha accolto a lungo persone che non hanno resistito. Nel tempo, Fenici, Greci, Cartaginesi, Romani, Arabi la chiamarono casa. Oggi, le comunità musulmane, cristiane ed ebraiche continuano un'insolita condivisione di Djerba con i suoi nativi berberi.
Treno Fianarantsoa a Manakara, TGV malgascio, locomotiva
Veicoli Ferroviari
Fianarantsoa-Manakara, Madagascar

A bordo del TGV malgascio

Partiamo da Fianarantsoa alle 7:3. Solo alle 170 del mattino seguente abbiamo completato i XNUMX km fino a Manakara. Gli indigeni chiamano questo treno quasi secolare Allena grandi vibrazioni. Durante il lungo viaggio, abbiamo sentito fortemente il cuore del Madagascar.
Walter Peak, Queenstown, Nuova Zelanda
Società
Nova Zelândia  

Quando contare le pecore fa dormire

20 anni fa, la Nuova Zelanda aveva 18 pecore per ogni abitante. Per ragioni politiche ed economiche, la media si è dimezzata. Agli antipodi, molti allevatori sono preoccupati per il loro futuro.
Visitatori a Talisay Ruins, Negros Island, Filippine
Vita quotidiana
Talisay città, Filippine

Monumento a un Amore Luso-Filippino

Alla fine del 11° secolo, Mariano Lacson, un contadino filippino, e Maria Braga, una donna portoghese di Macao, si innamorarono e si sposarono. Durante la gravidanza di quello che sarebbe diventato il suo undicesimo figlio, Maria ha ceduto a una caduta. Distrutto, Mariano costruì un palazzo in suo onore. Nel bel mezzo della seconda guerra mondiale, il palazzo fu bruciato, ma le eleganti rovine sopravvissute perpetuano la loro tragica relazione.
Lago Manyara, Parco Nazionale, Ernest Hemingway, Giraffe
Animali selvatici
PN Lago Manyara, Tanzania

L'Africa preferita di Hemingway

Situato all'estremità occidentale della Rift Valley, il Parco Nazionale del Lago Manyara è uno dei più piccoli ma incantevoli e ricchi di animali selvatici dalla Tanzania. Nel 1933, tra caccia e discussioni letterarie, Ernest Hemingway le dedicò un mese della sua travagliata vita. Raccontati questi avventurosi giorni di safari in "Le verdi colline dell'Africa".
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.