Guanajuato, Messico

La Città che Brilla di Tutti i Colori


cupole
ombra pomeridiana
La Basilica e l'Università
Guanajuato Blues
architettura
Amici delle Bouganvile
Callejón del Beso
El Pipila
Museo del futuro studente
Frida e il Mono
Miniera e Chiesa della Valenciana
Chiesa della Valenzana
Il balcone
Faccia contro schiena
sopra Guanajuato
vecchia miniera
strada di tutti i colori
La casa preziosa
la Quincenera
Vista sul centro
Durante il XNUMX° secolo, è stata la città che ha prodotto più argento al mondo e una delle più opulente del Messico e della Spagna coloniale. Molte delle sue miniere sono ancora attive, ma l'impressionante ricchezza di Guanuajuato risiede nell'eccentricità multicolore della sua storia e del suo patrimonio secolare.

Nel corso del tempo, Guanajuato è diventata una città di rituali.

Ne abbiamo per tutti i gusti. Chi, come noi, vi è entrato di recente, comincia con l'arrendersi all'ascesa-pellegrinaggio al Cerro del Pipila.

La prima delle salite, la facciamo nella funicolare panoramica, partendo dal retro del Teatro Juárez. Avevamo già fatto il giro dei viali, delle strade e dei vicoli, dal quasi confine del Jardin El Contador al centrale e nevralgico Jardin La Unión.

Man mano che la piccola baita si arrampica sul versante occidentale, rivela qualcosa di diverso: la stratificazione delle case di Guanajuato, la forma luminosa ma armoniosa com'era modellata sul capriccioso rilievo della Sierra de San Gregorio, situata in una zona del centro del paese che i messicani lo chiamano Bajio.

Questo, nonostante sia al di sopra dei 2000 m di altitudine.

L'abbagliante multicolore Casario de Guanajuato

Il cambio di prospettiva rivela come le sue piazze e le sue vene urbane siano più intricate di quanto appaiano.

Espone livelli successivi di case ondulate, case sopra case, edifici e altri edifici arroccati, in lizza per i pendii aridi.

Gli indiani Purépecha che abitavano questo cuore del Messico, all'arrivo dei conquistatori spagnoli, lo sapevano per quanax huato, traducibile come collina/e di rana. Gli europei aggiustarono sia la fonetica che l'ortografia.

La cabina è appoggiata al tuo molo. Abbiamo attraversato alcuni corridoi interni. Poi, altri, esterni, puntati all'apice del belvedere.

Quando l'abbiamo conquistata, l'ultima luce del giorno ha dorato tratti alti e fortunati, ora delle case, ora degli aridi pendii.

Ci siamo affacciati al balcone.

Guardavamo da un capo all'altro delle alture della valle, cercando le sacche di colore che l'ombra risparmiava.

Intanto si gonfiava una folla che il crepuscolo rendeva festosa. estranei messicani e gringos a cui si sono dati selfies infinita, con il paesaggio sullo sfondo.

El Pípila, l'eroe dell'indipendenza messicana di Guanajuato

E ad altri che hanno incorniciato la statua imponente di Juan José de los Reyes Martínez, El Pípila.

El Pípila è, per eccellenza, l'eroe dell'indipendenza della città. In un momento in cui il leader del movimento e padre della patria messicana Miguel Hidalgo stava aprendo il ostilità contro la corona spagnola e i lealisti, questi ultimi furono fortificati in un silo di grano.

Le forze di Hidalgo hanno raggiunto il famoso Assedio di Alhondiga.

Tuttavia, i lealisti hanno sparato a chiunque si fosse avvicinato all'edificio. Così è stato, finché il minatore El Pípila non si è legato alla schiena una lastra di pietra.

Protetto all'altezza, sgattaiolò all'ingresso con una giara di catrame e una torcia e diede fuoco alle porte di legno di Alhondiga. Il crollo delle porte aprì la strada alla conquista dell'edificio, della città e dell'indipendenza del Messico.

El Pípila e il coraggio che mostrò sono immortalati nella grande statua di pietra, ornata con il detto “aun hay altri garlics per bruciare".

Intorno al monumento, diviso tra decine di bancarelle, abbondavano diversi fuochi e fumi.

La festa di fine giornata al Cerro del Pípila

Invece di rivoluzione, quelle della gastronomia messicana, della sua spuntini e altri, chapulines (cavallette) fritte al limone e speziate, champagne e atoli (bevande di mais fermentato) aromatizzate con marzapane, arachidi e altri.

E i tacos più banali, gringa e burritos, spinti da una conversazione vivace e dall'inevitabile Michelada.

Aspettiamo la vittoria del crepuscolo. Scendemmo, a piedi, senza una direzione precisa.

Al centro storico sgargiante ed esuberante delimitato dalla Basilica di Nª Srª de Guanajuato, dal Teatro Juárez e dall'Università.

L'affinità che proviamo con Lisbona ammirando la casa anfiteatro dal belvedere, la sentiamo di nuovo quando ci perdiamo tra vicoli e vicoli, consapevoli che, finché il sentiero rimane discendente e ripido, finirebbe nel liscio centro della città. .

Quando arriviamo alla specie di triangolo tagliato al Jardin La Unión, il festa do La collina di El Pipila ha un'estensione.

Musicisti mariachi in lucide magliette nere e gialle interpretano temi popolari di tavola in tavola, fiduciosi nelle generose gratificazioni degli spettatori.

Gli artisti di strada hanno eseguito diversi atti.

Gli studenti, le studentesse ei tonni di Guanajuato

Guanajuato è, allo stesso tempo, una delle principali città accademiche del Messico, paragonabile a Coimbra.

Ospita quasi trentaduemila studenti che seguono il motto “la verità li renderà liberi” e uno degli edifici universitari centrali più peculiari e imponenti del mondo. faccia della terra.

Lì ci siamo fermati ad apprezzare una lunga consegna di diplomi.

Nella stessa strada, i giovani membri degli studenti, stampano i biglietti per i loro famosi callejoneadas.

Ci sono tour turistici, musicali, comici, pittoreschi in cui i padroni di casa guidano i partecipanti e li intrattengono suonando una serie di strumenti e un po' di tutto.

Nelle vicinanze, incontriamo Sebastian, vestito con abiti tradizionali e in compagnia di suo padre José Manuel. Invitaci a entrare.

Per una casa traboccante di trofei, abiti, tonache, strumenti, diplomi, foto di mostre di tonno in altri paesi, un numero infinito di articoli accademici.

“Stiamo facendo le pulizie, non prendetela nel modo sbagliato”, ci confessano. “Se tutto va bene, questo caos darà origine al Museo studentesco di Guanajuato.

Il futuro museo si trova accanto ad un altro luogo emblematico della città, frequentato anche dai callejoneadas.

Il Santuario dell'Amore Simultaneo del Callejon del Beso

O vicolo del bacio è un vicolo stretto, largo solo 68 cm.

Divenne famoso per la passione proibita di una coppia, Ana e Carlos, che le rispettive famiglie proibivano di vedersi.

Dotati della vicinanza dei loro balconi, Ana e Carlos si incontravano e si baciavano spesso. Fino a quando il padre di Ana li ha catturati nel bel mezzo di un bacio e ha ucciso sua figlia con un pugnale nel cuore.

Oggi il vicolo del bacio è visto come un santuario dell'amore.

Per gran parte della giornata, i visitatori si mettono in fila per fotografarsi mentre si baciano.

Eppure, nella sua genesi, Guanajuato aveva poco tempo per il romanticismo e i sentimenti.

Guanajuato e la ricchezza infinita in argento e oro

La città è cresciuta d'argento e d'oro. È migliorato dalla ricchezza da record che la regione nascondeva nelle vene iperboliche, depositate sui pendii.

Quando arrivarono gli spagnoli, nel 1540, gli indigeni li stavano già esplorando senza difficoltà. Le narrazioni pervenute agli invasori affermavano che i nativi trovarono pepite d'oro sulla superficie del terreno.

I giacimenti minerari si sono rivelati così ricchi che i conquistatori si sono precipitati a reclutare difese ed erigere forti.

L'obiettivo era respingere gli attacchi dei feroci indigeni Chichimeca al posto di nuova nomina di Real de Minas de Guanajuato, poco dopo, promosso alla città di Santa Fé de Real de Minas de Guanajuato.

La notizia dell'abbondanza di oro e argento ha viaggiato attraverso il Messico. Presto arrivarono in Spagna. Immigrati dalla Spagna, creoli, meticci e lavoratori autoctoni fecero crescere la città.

Con più mani da cercare, si trovarono altre vene e si aprirono nuove miniere.

Miniere e altre miniere intorno a una città ricca

San Barnabé è stato seguito da Raias. Alcune miniere hanno originato rispettivi quartieri: Cata, La Pastita, San Luisito e Valenciana.

La miniera pioniera, quella di San Barnabé, ha prodotto quasi mezzo millennio, fino al 1928.

Altri, più recenti, si sono rivelati ancora più redditizi e continuano a generare ricchezza.

È il caso della Valenciana, operativa dal 1774 e che, fino all'inizio del XIX secolo, produceva due terzi dell'argento mondiale.

In uno dei giorni dedicati a Guanajuato, l'abbiamo visitato. Contrariamente alle aspettative, il breve viaggio si compone di pendii, verso la sommità settentrionale della città, dove le case sfiorano quasi il cielo.

Abbiamo superato chiese maestose, commissionate con finanziamenti dalle famiglie proprietarie delle miniere, in segno di gratitudine al divino per la loro buona fortuna.

Qui spicca la chiesa. churrigueresco (stile barocco messicano) de La Valenciana, costruita nel XNUMX° secolo accanto all'apertura dell'omonima miniera.

Con la sua torre destra ancora incompiuta, a differenza delle mura e del bastione che, più in basso, permetteva di difendere le ricchezze dai briganti.

Scendiamo a una profondità di 70 m da uno dei pozzi. Lì si sentiva l'atmosfera claustrofobica in cui circa 3500 indigeni continuavano a lavorare, a volte per più di quindici ore al giorno.

Come spiegato dalla guida Edgar, vene di metalli preziosi e miniere a cielo aperto sono apparse dappertutto.

Non tutti gli scavi in ​​città furono effettuati per il motivo diretto dell'oro e dell'argento.

Guanajuato, la città dei tunnel

Guanajuato si basa su una vasta e intricata rete di vecchi tunnel, con quasi 9 km, se si aggiungono le lunghezze di El Pípila, El Minero, La Galereña e il resto.

Questi tunnel sono stati aperti per un motivo principale: la stagione delle piogge fulminante in queste parti del Messico e le inondazioni generate dall'ispessimento del fiume Guanajuato.

Formano uno strano mondo sotterraneo che, negli spazi, si apre al cielo e da cui emergono nuovamente case ed edifici con lego postcoloniali. Guanajuato ha tutte queste dimensioni e colori.

In quasi cinquecento anni di storia e di una ricca colonizzazione, ne nasconde molti di più.

Copper Canyon, Chihuahua, Messico

Il profondo Messico delle Barrancas del Cobre

Senza preavviso, gli altopiani del Chihuahua lasciano il posto a infiniti burroni. Sessanta milioni di anni geologici li hanno scavati e li hanno resi inospitali. Gli indigeni Rarámuri continuano a chiamarli a casa.
chihuahua, Messico

Oh Chihuahua!

I messicani adattarono l'espressione come una delle loro espressioni preferite di sorpresa. Quando scopriamo la capitale dell'omonimo stato del Nordovest, lo esclamiamo spesso.
Real de Catorce, San Luis Potosì, Messico

Dalla Nuova Spagna Lode al Pueblo Magico messicano

All'inizio del XIX secolo era una delle città minerarie che garantiva più argento alla corona spagnola. Un secolo dopo, l'argento era stato svalutato in modo tale che il Real de Catorce fu abbandonato. La sua storia e gli scenari peculiari filmati da Hollywood ne hanno fatto uno dei borghi più preziosi del Messico.
Real de Catorce, San Luis Potosì, Messico

Il deprezzamento dell'argento che ha portato a quello del Pueblo (Parte II)

Con l'inizio del XX secolo, il valore del metallo prezioso ha toccato il fondo. Da città prodigiosa, Real de Catorce è diventato un fantasma. Sempre alla scoperta, esploriamo le rovine delle miniere alla loro origine e il fascino del Pueblo risorto.
Yucatan, Messico

La fine della fine del mondo

Il giorno annunciato passò ma la fine del mondo insistette per non arrivare. In America Centrale, i Maya di oggi osservavano e sopportavano increduli tutta l'isteria attorno al loro calendario.
Campeche, Messico

200 anni di gioco con la fortuna

Alla fine del XNUMX° secolo, Campechanos si arrese a un gioco introdotto per raffreddare la febbre per i bancomat. Oggi, giocato quasi solo da Abuelitas, un lotteria il posto è poco più che intrattenimento.
San Cristobal de las Casas a Campeche, Messico

Una staffetta di fede

Equivalente cattolico della sig. di Fatima, Nostra Signora di Guadalupe si muove e muove il Messico. I suoi fedeli si incrociano sulle strade del Paese, determinati a portare la prova della loro fede alla patrona delle Americhe.
Champoton, Messico

Rodeo sotto i sombreri

Champoton, a Campeche, ospita una fiera in onore della Virgén de La Concepción. o rodeo Il messicano sotto i sombreri locali rivela l'eleganza e l'esperienza dei cowboy della regione.

Città del Messico, Messico

anima messicana

Con oltre 20 milioni di abitanti in una vasta area metropolitana, questa megalopoli segna, dal suo nucleo zocalo, il polso spirituale di una nazione da sempre vulnerabile e drammatica.

San Cristobal de Las Casas, Messico

La dolce casa della coscienza sociale messicana

Maya, di razza mista e ispanica, zapatista e turistica, rurale e cosmopolita, San Cristobal ha le mani piene. In esso, i visitatori zaino in spalla e gli attivisti politici messicani ed espatriati condividono la stessa richiesta ideologica.
Coba a Pac Chen, Messico

Dalle rovine ai Lares Maya

Nella penisola dello Yucatan, la storia del secondo popolo indigeno messicano più grande si intreccia con la loro vita quotidiana e si fonde con la modernità. A Cobá siamo passati dalla cima di una delle sue antiche piramidi al cuore di un villaggio dei nostri tempi.
Tulum, Messico

Le rovine Maya più caraibiche

Costruita in riva al mare come un eccezionale avamposto decisivo per la prosperità della nazione Maya, Tulum fu una delle ultime città a soccombere all'occupazione ispanica. Alla fine del XNUMX° secolo, i suoi abitanti l'abbandonarono al tempo ea una costa impeccabile della penisola dello Yucatan.
izamal, Messico

La città messicana, Babbo Natale, Bela e Amarela

Fino all'arrivo dei conquistatori spagnoli, Izamal era un centro di culto del supremo dio Maya Itzamná e Kinich Kakmó, il sole. A poco a poco, gli invasori hanno raso al suolo le varie piramidi dei nativi. Al suo posto costruirono un grande convento francescano e una prolifica casa coloniale, con lo stesso tono solare in cui risplende la città ora cattolica.
Campeche, Messico

Campeche A proposito di Can Pech

Come accadde in tutto il Messico, arrivarono, videro e conquistarono i conquistadores. Can Pech, la città Maya, contava quasi 40 abitanti, palazzi, piramidi e un'architettura urbana esuberante, ma nel 1540 sopravvissero meno di 6 indigeni. Sulle rovine gli spagnoli costruirono Campeche, una delle città coloniali più imponenti delle Americhe.
Merida, Messico

Il più esuberante di Meridas

Nel 25 aC i romani fondarono Emerita Augusta, capitale della Lusitania. L'espansione spagnola ha generato altre tre Mérida nel mondo. Delle quattro, la capitale dello Yucatan è la più colorata e vivace, risplendente dell'eredità coloniale ispanica e della vita multietnica.
Campeche, Messico

Un Bingo così divertente che giochi con le bambole

Il venerdì sera, un gruppo di signore occupa i tavoli del Parque Independencia e scommette sulle sciocchezze. I piccoli premi escono in combinazioni di gatti, cuori, comete, maracas e altre icone.
Yucatan, Messico

La legge siderale di Murphy che condannava i dinosauri

Gli scienziati che studiano il cratere causato dall'impatto di un meteorite 66 milioni di anni fa sono giunti a una conclusione radicale: si è verificato esattamente su una sezione del 13% della superficie terrestre soggetta a tale devastazione. È una zona di confine della penisola messicana dello Yucatan che un capriccio dell'evoluzione della specie ci ha permesso di visitare.
Uxmal, Yucatan, Messico

La capitale Maya che si è accumulata fino al collasso

Il termine Uxmal significa costruito tre volte. Nella lunga epoca preispanica della disputa nel mondo Maya, la città ebbe il suo apogeo, corrispondente alla sommità della Piramide dell'Indovina nel suo cuore. Sarà stato abbandonato prima della conquista spagnola dello Yucatan. Le sue rovine sono tra le più intatte della penisola dello Yucatan.
Cantra a Los Mochis, Messico

Barrancas de Cobre, Ferrovia

Il rilievo della Sierra Madre Occidental ha trasformato il sogno in un incubo di costruzione durato sei decenni. Nel 1961, finalmente, il prodigioso Ferrovia Chihuahua al Pacifico era aperto. I suoi 643 km attraversano alcuni dei paesaggi più spettacolari del Messico.
Chichen Itza, Yucatan, Messico

Ai margini del Cenote, nel cuore della civiltà Maya

Tra il IX e il XIII secolo d.C., Chichen Itza si distinse come la città più importante della penisola dello Yucatan e del vasto impero Maya. Se la conquista spagnola ne ha accelerato il declino e l'abbandono, la storia moderna ha consacrato le sue rovine a Patrimonio dell'Umanità e Meraviglia del Mondo.
savuti, botswana, leoni mangiatori di elefanti
Safari
Savuti, Botswana

L'elefante che mangia i leoni di Savuti

Una parte del deserto del Kalahari si prosciuga o viene irrigata a seconda dei capricci tettonici della regione. A Savuti, i leoni si sono abituati a fare affidamento su se stessi e a depredare gli animali più grandi della savana.
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 5° - Ngawal a BragaNepal

Verso Braga. I nepalesi.

Abbiamo trascorso un'altra mattinata di tempo glorioso alla scoperta di Ngawal. Segue un breve viaggio verso Manang, la città principale sulla strada per l'apice del circuito dell'Annapurna. Abbiamo soggiornato a Braga (Braka). Il borgo si sarebbe presto rivelato una delle sue tappe più indimenticabili.
costa, fiordo, Seydisfjordur, Islanda
Architettura & Design
Seydisfjörður, Islândia

Dall'arte della pesca all'arte della pesca

Quando gli armatori di Reykjavik acquistarono la flotta peschereccia da Seydisfjordur, il villaggio dovette adattarsi. Oggi cattura i discepoli dell'arte di Dieter Roth e altre anime bohémien e creative.
Mushing completo del cane
Aventura
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.
Dragon Dance, Moon Festival, Chinatown-San Francisco-Stati Uniti d'America
Cerimonie e Feste
San Francisco, EUA

Con la testa sulla luna

Arriva settembre e i cinesi di tutto il mondo celebrano i raccolti, l'abbondanza e l'unione. L'enorme sino-comunità di San Francisco si dà anima e corpo al più grande Festival della Luna della California.
Teatro di Manaus
Città
Manaus, Brasile

I salti e le sorprese dell'ex capitale mondiale della gomma

Dal 1879 al 1912, solo il bacino del Rio delle Amazzoni ha generato il lattice di cui il mondo aveva bisogno da un momento all'altro e, dal nulla, Manaus è diventata una delle città più avanzate sulla faccia della Terra. Ma un esploratore inglese portò l'albero nel sud-est asiatico e rovinò la produzione dei pionieri. Manaus ha dimostrato ancora una volta la sua elasticità. È la città più grande dell'Amazzonia e la settima del Brasile.
Obeso residente a Tupola Tapaau, una piccola isola delle Samoa occidentali.
cibo
Tonga, Samoa Occidentali, Polinesia

Pacifico XXL

Per secoli, gli indigeni delle isole polinesiane sono vissuti per terra e per mare. Fino all'intrusione delle potenze coloniali e alla successiva introduzione di grossi pezzi di carne, fast food e le bevande zuccherate hanno generato una piaga di diabete e obesità. Oggi, mentre gran parte del PIL nazionale di Tonga, Samoa Occidentali e i vicini si sprecano con questi “veleni occidentali”, i pescatori riescono a malapena a vendere il loro pesce.
Kiomizudera, Kyoto, un Giappone millenario quasi perduto
Cultura
Kyoto, Giappone

Un Giappone millenario quasi perduto

Kyoto era nella lista dei colpi della bomba atomica degli Stati Uniti ed era più di un capriccio del destino a preservarla. Salvata da un Segretario alla Guerra americano innamorato della sua ricchezza storico-culturale e della sontuosità orientale, la città è stata sostituita all'ultimo minuto da Nagasaki nell'atroce sacrificio del secondo cataclisma nucleare.
arbitro di combattimento, combattimento di galli, filippine
sportivo
Filippine

Quando solo i combattimenti di galli risvegliano le Filippine

Banditi in gran parte del Primo Mondo, i combattimenti di galli prosperano nelle Filippine dove spostano milioni di persone e pesos. Nonostante i suoi problemi eterni è il Sabong che più stimola la nazione.
Bark Europa, Canale di Beagle, Evolution, Darwin, Ushuaia nella Terra del Fuoco
In viaggio
Canale di Beagle, Argentina

Darwin e il Canale di Beagle: Sulla strada per l'evoluzione

Nel 1833 Charles Darwin salpò a bordo della "Beagle" attraverso i canali della Terra del Fuoco. Il suo passaggio attraverso questi confini meridionali ha plasmato la teoria rivoluzionaria da lui formulata della Terra e delle sue specie
Etnico
Pueblos del Sur, Venezuela

I Pauliteiros de Mérida, le loro danze e Co.

Dall'inizio del XVII secolo, con i coloni ispanici e, più recentemente, con gli emigranti portoghesi, usi e costumi ben noti nella penisola iberica e, in particolare, nel nord del Portogallo si sono consolidati nei Pueblos del Sur.
fotografia di luce solare, sole, luci
Portfolio fotografico Got2Globe
Luce Naturale (parte 2)

Un Sole, Tante Luci

La maggior parte delle foto di viaggio vengono scattate alla luce del sole. La luce del sole e il tempo formano un'interazione capricciosa. Scopri come prevederlo, rilevarlo e utilizzarlo al meglio.
Storia
Nelson a Wharariki, PN Abele Tasman, Nova Zelândia

La costa Maori dove gli europei hanno dato la costa

Abel Janszoon Tasman ha esplorato di più delle nuove mappe e dei mitici "Terra australis" quando un errore ha inasprito i contatti con i nativi di un'isola sconosciuta. L'episodio ha inaugurato la storia coloniale di Nova Zelândia. Oggi, sia la costa divina su cui è avvenuto l'episodio, sia i mari che la circondano, evocano il navigatore olandese.
Ilha do Mel, Paraná, Brasile, spiaggia
Isole
Ilha do Mel, Paraná, Brasile

Il Paraná Zuccherato di Ilha do Mel

Situata all'ingresso della vasta baia di Paranaguá, Ilha do Mel è apprezzata per la sua riserva naturale e per le migliori spiagge dello stato brasiliano del Paraná. In uno di essi, una fortezza costruita da D. José I resiste al tempo e alle maree.
Geotermico, calore islandese, terra di ghiaccio, geotermico, laguna blu
bianco inverno
Islândia

Il calore geotermico dell'isola di ghiaccio

La maggior parte dei visitatori apprezza i paesaggi vulcanici islandesi per la loro bellezza. Gli islandesi traggono anche da loro calore ed energia vitale che portano alle porte dell'Artico.
Coppia in visita a Mikhaylovskoe, il villaggio dove lo scrittore Alexander Pushkin aveva una casa
Letteratura
San Pietroburgo e Michaylovskoe, Russia

Lo scrittore che ha ceduto alla sua stessa trama

Alexander Pushkin è lodato da molti come il più grande poeta russo e il fondatore della moderna letteratura russa. Ma Pushkin ha anche dettato un epilogo quasi tragicomico alla sua vita prolifica.
Statue di elefanti dal fiume Li, la collina della proboscide dell'elefante, Guilin, Cina
Natura
Guilin, Cina

La porta del regno di pietra cinese

L'immensità delle aspre colline calcaree che lo circondano è così maestosa che le autorità di Pechino stampalo sul retro di banconote da 20 yuan. Chi lo esplora passa quasi sempre per Guilin. E anche se questa città nella provincia del Guangxi è diversa dalla natura esuberante che la circonda, abbiamo anche trovato il suo fascino.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Donna di Atacama, Vita sull'orlo, Deserto di Atacama, Cile
Parchi Naturali
deserto di Atacama, Cile

La vita ai margini del deserto di Atacama

Quando meno previsto, il luogo più arido del mondo svela nuovi scenari extraterrestri al confine tra l'inospitale e l'accogliente, lo sterile e il fertile che i nativi sono abituati ad attraversare.
benedetto riposo
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Ho An, Vietnam

Il porto vietnamita che osservava le navi

Hoi An era una delle stazioni commerciali più importanti dell'Asia. I cambiamenti politici e l'insabbiamento del fiume Thu Bon hanno dettato il suo declino e l'hanno preservata come la città più pittoresca del Vietnam.
I sosia dei fratelli Earp e l'amico Doc Holliday a Tombstone, USA
personaggi
Lapide, EUA

Lapide: la città è troppo dura per morire

I lodi d'argento scoperti alla fine del XIX secolo hanno reso Tombstone un fiorente e conflittuale centro minerario alla frontiera degli Stati Uniti. Stati Uniti a Messico. Lawrence Kasdan, Kurt Russell, Kevin Costner e altri registi e attori di Hollywood hanno reso famosi i fratelli Earp e il loro duello sanguinario.OK Corral”. La lapide che nel tempo tante vite hanno reclamato è qui per durare.
Repubblica Dominicana, Spiaggia Bahia de Las Águilas, Pedernales. Parco Nazionale di Jaragua, Spiaggia
Spiagge
Laguna di Oviedo a Bahia de las Águilas, Repubblica Dominicana

Alla ricerca della spiaggia dominicana immacolata

Contro ogni previsione, una delle coste dominicane più incontaminate è anche una delle più remote. Alla scoperta della provincia di Pedernales, ammiriamo il Parco Nazionale semidesertico di Jaragua e la purezza caraibica di Bahia de las Águilas.
Casario, città alta, Fianarantsoa, ​​​​Madagascar
Religione
Fianarantsoa, Madagascar

La città malgascia della buona educazione

Fianarantsoa fu fondata nel 1831 da Ranavalona Iª, regina dell'allora predominante etnia Merina. Ranavalona I è stato visto dai contemporanei europei come isolazionista, tirannico e crudele. A parte la reputazione del monarca, quando entriamo, la sua antica capitale meridionale rimane il centro accademico, intellettuale e religioso del Madagascar.
I dirigenti dormono sedile della metropolitana, dormono, dormono, metropolitana, treno, Tokyo, Giappone
Veicoli Ferroviari
Tokyo, Giappone

Gli ipno-passeggeri di Tokyo

Il Giappone è servito da milioni di dirigenti massacrati con ritmi di lavoro infernali e vacanze scarse. Ogni minuto di tregua sulla strada per andare al lavoro oa casa serve al loro scopo. inemuri, dormire in pubblico.
patpong, go go bar, bangkok, mille e una notte, thailandia
Società
bangkok, Thailandia

Mille e una notte perduta

Nel 1984 Murray Head cantava la magica e notturna bipolarità della capitale thailandese in "Una notte a Bangkok". Diversi anni, colpi di stato e manifestazioni dopo, Bangkok rimane insonne.
mandria, afta epizootica, carne debole, colonia pellegrini, argentina
Vita quotidiana
Colonia Pellegrini, Argentina

Quando la carne è debole

Il sapore inconfondibile della carne argentina è noto. Ma questa ricchezza è più vulnerabile di quanto si possa pensare. La minaccia dell'afta epizootica, in particolare, infiamma le autorità ei produttori.
Rhino, PN Kaziranga, Assam, India
Animali selvatici
PN Kaziranga, India

La roccaforte del Monoceros indiano

Situato nello stato dell'Assam, a sud del grande fiume Brahmaputra, PN Kaziranga occupa una vasta area di palude alluvionale. Lì, due terzi del rinoceronte unicornis nel mondo, tra circa 100 tigri, 1200 elefanti e molti altri animali. Pressato dalla vicinanza umana e dall'inevitabile bracconaggio, questo prezioso parco non ha saputo proteggersi dalle iperboliche inondazioni monsoniche e da alcune polemiche.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.