Graciosa, Azzorre

Vostra Grazia a Gracious


Il cratere del monte di Ajuda
Cratere del Monte da Ajuda, vicino a Santa Cruz da Graciosa.
Storni a Ponta da Barca
Stormi di storni volano intorno al faro di Ponta da Barca.
Franco Ceralo
La principale espressione vulcanica dell'isola di Graciosa, la sua grande Caldeira.
Baia di Praia o São Mateus
Le case obiettivo del lungomare, con il bordo di Caldeira sopra.
Pascolo illuminato
Mandria di mucche pascola su una collina all'interno di Caldeira da Graciosa.
Tramonto sul Monte da Ajuda
Cappelle del Monte da Ajuda dorate dall'imminente tramonto, a ovest di Graciosa.
pascoli murati
I poderi murati caratteristici delle Azzorre in genere e anche di Graciosa.
nuoto salato
Nuotatori in una piscina marina naturale a Carapacho.
Il tunnel della caldaia II
Luce alla fine del tunnel che conduce all'interno della grande Caldeira da Graciosa.
calpestare il muro
Due passanti si incrociano sulla parete che protegge Praia dalle onde dell'Atlantico.
la grande caldaia
La principale espressione vulcanica dell'isola di Graciosa, la sua grande Caldeira.
Mulini tradizionali
Uno dei tanti mulini tradizionali che macinavano i cereali Graciosa.
Santa Cruz in lontananza
Veduta di Santa Cruz da Graciosa da uno degli Eremi del Monte da Ajuda.
pascolo murato
Le mucche entrano in uno dei tanti pascoli murati sull'isola di Graciosa.
Fine dell'ultimo sole
Uno splendente tramonto a ovest di Ponta da Barca
finiture
I pescatori ridipingono la poppa del "Magda Benjamin".
Torre della Furna
La torre muschiosa che ospita la scalinata che porta in fondo alla Furna do Enxofre.
Un'arena inaspettata
L'arena del Monte da Ajuda, ai piedi dell'omonimo cratere.
grazioso asino
Uno dei settanta e più asini che sopravvivono sull'isola di Graciosa.
Hermitage Srª da Luz
Ermida da Srª da Luz, proprio sopra la spiaggia, o São Mateus.
Infine, sbarchiamo a Graciosa, la nostra nona isola delle Azzorre. Anche se meno drammatica e verde dei suoi vicini, Graciosa conserva un fascino atlantico tutto suo. Coloro che hanno il privilegio di viverla, traggono da quest'isola del gruppo centrale una stima che durerà per sempre.

Erano quasi le otto di sera. Stavamo effettuando il check-in in una delle Casas a Quinta do Fragoso.

Mentre ci avviciniamo, i fari rivelano tre o quattro mucche frisone. Felici di divorare l'erba tenera e umida davanti al giardino, ci hanno bloccato l'accesso alla porta.

Siamo stati costretti a una speciale operazione di espulsione che li ha lasciati muggire di cattivo umore. Sono tornati in pochi minuti e si sono rannicchiati lì per la notte. Troppo stanchi per batterli, abbiamo deciso di goderci la loro compagnia di ruminanti.

Eravamo già venuti da quasi due settimane alle Azzorre. Le mucche erano diventate parte dei nostri giorni, ma questo nuovo modo di averle quasi come un'azienda di divani, è arrivata come una divertente novità.

Veniamo da una sequenza tempestosa in cui abbiamo preso il vento solo l'ultimo giorno di São Jorge.

A Graciosa, fin dal primo mattino, siamo stati deliziati da un delizioso Autunno-Estate Azzorre.

Ancora una volta, le onnipresenti vacche delle Azzorre

Appena scesi dalla radura Quinta do Fragoso alla Strada Nazionale 1-2 che fa il giro dell'isola, siamo tornati a socializzare con le mucche.

Una grande mandria vagava per un tratto di asfalto, dirigendosi verso un sentiero. È stato un viaggio abbastanza lungo per noi per lasciare l'auto e concederci alcune foto e una vivace chiacchierata con i proprietari.

Graciosa, Azzorre, mandria di mucche

Mandria di mucche in fila indiana in cammino verso un pascolo nell'entroterra dell'isola.

Nonostante le attenzioni che il bestiame gli richiedeva, il sig. Humberto e sua moglie ci hanno parlato con tutta la simpatia che Graciosa poteva darci. “Senti, io cammino qui con 70 mucche. L'anno scorso ho dovuto ucciderne venti. Non ci piace, ma ci sono le regole dell'Unione Europea, qui alle Azzorre si produce molto latte. Dov'è il toro?" chiede Mr. Humberto a sua moglie. Di fronte alla sua scomparsa, si scusa e corre lungo il sentiero.

Lo avremmo visto, poco dopo, al volante di un classico trattore John Deere, uno dei nostri marchi preferiti, subito dopo Massey Ferguson con il quale abbiamo condiviso buona parte della nostra infanzia terrena.

Da Alto do Sul, dove eravamo soliti camminare, ci siamo diretti verso il sud meno profondo, sotto il mosaico di piccoli poderi di diverse tonalità in cui si dispiega l'interno dell'isola.

A volte, questo modello agricolo lascia il posto alle case costiere, bifamiliari e multicolori di Carapacho.

Graciosa, Azzorre, Carapacho

Le multicolori case bifamiliari di Carapacho. sorgenti termali e piscine naturali.

Un passaggio rigenerante attraverso il villaggio termale di Carapacho

La località è famosa soprattutto come località balneare e termale. Eravamo, tuttavia, fuori dall'estate, e le terme erano ancora chiuse.

Diamo un'occhiata alle piscine naturali sottostanti. Dal nulla, tre espatriati si presentano, si spogliano e si godono un bagno marino mattutino apparentemente normale.

L'esempio si è rivelato allettante. In tre tempi, mandiamo anche le nostre immersioni, facciamo qualche bracciata, assaporiamo il caldo Atlantico come e finché possiamo.

Graciosa, Azzorre, piscina

Nuotatori in una piscina naturale a Carapacho.

Quando siamo tornati in macchina, il sole che stava ancora sorgendo all'orizzonte ci ha riscaldato e ricaricato le batterie.

Siamo saliti al faro di Carapacho. Il suo promontorio rivela tre scorci molto diversi: davanti, a sud-est, gli isolotti e le rocce e, in fondo, Ponta da Restinga.

Dietro e sotto, da dove eravamo venuti, le case di Carapacho, incastonate tra una ruvida lastra di lava nera e un lungo pendio verde.

Graciosa, Azzorre, Carapacho

Le case di Carapacho sulla soglia di un pendio sotto la Caldeira da Graciosa.

I panorami rivali dal faro di Carapacho

In alto, nell'interno di fronte a Ponta da Restinga, si ergeva l'ampio cono della formazione vulcanica più esuberante di Graciosa, il Massiccio della Caldeira (405 m), abbastanza grande da occupare l'intero terzo sud-orientale dell'isola, disposto attorno a un vasto Boiler, lungo 1600 m di 900 m di larghezza.

Ci saliremmo e scenderemmo nelle sue profondità. Dalle vicinanze del faro ci si limitava a contemplarne il pendio murato, e l'orlo della vetta pettinato da una foresta di cedri. Sembrava custodire la Caldeira un duo di buoi neri con stazza e sguardi intimidatori di tori.

Graciosa, Azzorre, buoi sotto la Caldeira

Due buoi neri sembrano sbarrare l'accesso al bordo della Caldeira, vicino al faro di Carapacho.

Abbiamo indicato il villaggio che è seguito. Ufficialmente chiamata São Mateus, la parrocchia è meglio conosciuta con il suo nome storico di Praia, la cui sede principale è Vila da Praia o Porto da Praia. La realtà che abbiamo trovato lì rende ancora assoluta giustizia a entrambi i battesimi.

São Mateus, o Spiaggia. Un Borgo Elegante e la Spiaggia Seria dell'Isola di Graciosa

Un lungo marginale che segue la curva della baia è delimitato da una casa bianca, di cui spicca la chiesa di São Mateus. Una o due facciate pastello punteggiano le case in armonia con il colore dorato della sabbia.

È consensuale tra i Gracienses che Porto da Praia abbia l'unica spiaggia sabbiosa decente dell'isola. Quando camminiamo sul lungo muro che protegge le case dall'Atlantico, lo vediamo invaso da una marea di alghe fini che si sono accumulate fino a trattenere le onde.

Graciosa, Azzorre, Spiaggia

Le case obiettivo del lungomare, con il bordo di Caldeira sopra.

Camminando fuori, il muro diventa un muro più alto che, oltre al flusso di case, protegge una serie di caffè e spianate, con estensioni a strade e vicoli, infine, a Rua dos Moinhos de Vento, che ospita due di dozzine di copie dell'isola, questi convertiti in peculiari alloggi rurali.

Passiamo sopra il portico che si apre sulla spiaggia. Riveliamo il dominio portuale della città e, dall'alto del molo, la pronunciata rotondità del suo margine e gli intagli del bordo della Caldeira, un piano sopra i tetti del villaggio.

La salita alla grande caldera dell'isola di Graciosa

Era ora di salire alla Caldeira. Lungo il percorso, non facciamo che deviare per l'Ermida da Nª Srª da Saúde, con lo scopo infallibile di rimanere abbagliati dalla prospettiva opposta di Praia: quella del villaggio lontano, imposto dal mare, al di là di un vasto mosaico, murato, solcato da canadas, a volte con pascoli, a volte con altri raccolti e che il sole e le nuvole doravano o ombreggiavano a piacimento.

Graciosa, Azzorre, Spiaggia, São Mateus

Case costiere di Praia, o São Mateus.

Lasciammo la cappella desolata, come l'avevamo trovata. Ritorniamo sulla strada e nella bucolica campagna di Graciosa. Saliamo il pendio a Fonte do Mato. Da dove avanziamo verso il Canada Longa, ai margini della Furna da Maria Encantada. Abbiamo camminato di nuovo.

Un ripido sentiero a zigzag ci conduce a una specie di portico aperto dalla lava che traboccava dal bordo del cratere durante la giovinezza vulcanica dell'isola.

Graciosa, Azzorre, Caldeira

La principale espressione vulcanica dell'isola di Graciosa, la sua grande Caldeira.

All'interno, abbiamo notato che la crescita degli alberi aveva bloccato gran parte della vista intorno alla caldera. Al contrario, il cinguettio degli uccelli risuonava e risuonava con agghiacciante intensità.

Ti ascoltiamo. Ci lasciamo incantare dalla sua inaspettata sinfonia.

Isola Graciosa, Azzorre, Grotta Maria Incantata

Indicazione per una torre panoramica ai margini di Caldeira da Graciosa.

Poi siamo tornati all'esterno. Abbiamo aggirato il bordo della caldera, sempre salendo, fino a una torre di osservazione che rivelava la vastità meridionale dell'isola.

Abbiamo potuto vedere Ponta Branca, Luz e Alto do Sul, dove avevamo iniziato la giornata. E, come era accaduto dall'Ermida da Nª Srª da Saúde, nuove e graziose piccole fattorie e case a Gracios.

L'ingresso alla Caldeira e la discesa alle profondità enigmatiche di Furna do Enxofre

Ma era necessaria una vera incursione nella Caldeira. Torniamo alla macchina. Attraversiamo il ruvido tunnel arancione che dà accesso al suo nucleo e completiamo la strada che costeggia la laguna interna dello Stige.

Graciosa, Azzorre, Tunnel della Caldeira

Il tunnel che conduce all'interno della grande Caldeira da Graciosa.

L'ingresso al complesso Furna do Enxofre ci ferma. Era il più mistico degli abissi della Caldeira. Si è resa quindi necessaria una nuova passeggiata, passando per l'edificio del Centro Visita, considerato la sede della Riserva della Biosfera e del Parco Naturale della Graciosa.

Questo nuovo sentiero ci lascia in cima ad una scala a chiocciola (con 183 gradini), chiusa da una torre muschiosa, con una finestra ad ogni livello.

Ognuna delle finestre ha una visione più profonda della grande grotta di lava in cui stavamo entrando.

Graciosa, Azzorre, Furna do Enxofre

I visitatori danno un'occhiata all'ingresso della grotta Furna do Enxofre.

Infine, in fondo, intravediamo una laguna in cui galleggiava una barca a remi. Si scopre che questo stagno nasconde una fumarola che può rilasciare anidride carbonica in concentrazioni pericolose. Sarà il motivo principale per cui troviamo recintato l'accesso alle sponde della laguna.

Ammiriamo il paesaggio giuliano circostante, con un fascino particolarmente visivo. Non tanto quello scientifico che portò naturalisti e ricercatori francesi in cui fu detto al principe Alberto di Monaco di esplorare la grotta proprio agli albori dell'Ottocento.

Da Porto Afonso a Socializzare con Franco Ceraolo e la sua Associazione Asini di Graciosa

Dalla grotta di Furna do Enxofre e la grande Caldeira da Graciosa, si passa a quelle minuscole di Porto Afonso, immerse nella scogliera rossastra della cala dai pescatori che hanno a lungo riparato i loro piccoli pescherecci dalle tempeste e dalle onde distruttive.

Graciosa, Azzorre, Porto Afonso

Uno dei pescherecci artigianali custoditi in una delle grotte di Porto Afonso.

Nella risacca che aveva travolto il gruppo centrale, il mare restava mosso. Un solo visitatore solitario ha osservato lo stato del mare dal molo del porto.

Graciosa, Azzorre, Porto Afonso

Un residente di Graciosa gode del mare nella baia di Porto Afonso.

Così, nelle vicinanze, abbiamo deciso di andare a Esperança Velha e di dare un'occhiata alla fattoria di Franco Ceraolo. Franco è un italiano di Roma, la capitale dove ha lavorato come scenografo con registi con la notorietà e l'opera di Frederico Fellini, Bernardo Bertolucci e Martin Scorsese.

Quando andò in pensione, Franco decise che voleva vivere su un'isola. Quelli nel Mediterraneo italiano erano già troppo turistici. Finì per leggere delle Azzorre e, in seguito, visitare tutte le isole dell'arcipelago. Decise di acquistare una fattoria e stabilirsi a Graciosa. Lo stesso agriturismo dove ci ha accolto.

Franco è arrivato a Graciosa nel 2007. Ha scoperto che il numero degli asini e la loro utilità sull'isola stava diminuendo, anche perché quasi tutti avevano proprietari avanzati.

Come ci racconta Franco nel suo portoghese quasi perfetto, mentre lega alcuni dei suoi asini con delle carote, “Sono arrivato qui interessato ad allevare animali, in fondo eravamo alle Azzorre ea Graciosa. Ma quali animali? mucche? C'erano troppe mucche.

Graciosa, Azzorre, Franco Ceraolo

Franco Ceraolo in compagnia di due degli asini di cui si prende cura nella sua fattoria.

Gli asini, a differenza delle mucche, erano sulla via dell'estinzione. Nel 1926 l'isola contava 6000 abitanti e 1600 asini, tanto che Graciosa era conosciuta come la Isola degli asini. Decise di promuovere la conservazione e la certificazione dell'asino nano dell'isola di Graciosa. Scopo superiore per il quale formò un'associazione di allevatori con un gruppo di amici.

Ora, gli abitanti di Graciosa sono poco più di 4000 persone e i loro asini nani sono solo circa 70. Di quelli che vengono qui in fattoria sono solo 17”.

Nel frattempo, Franco e l'associazione hanno ottenuto il riconoscimento della razza autoctona Graciosa in Portogallo. Recuperare il numero di asini significa anche proteggere quelli che sono sparsi su altre isole delle Azzorre, come la vicina São Jorge. E per iscrivere in un libro genealogico gli esemplari con le caratteristiche che li rendono graciosa asini nani.

E c'è da vedere che i piccoli asinelli di Graciosa – possono misurare meno di un metro di altezza –, originari del Nord Africa, possono recuperare il grande uso che avevano un tempo. In campagna, a sostegno del lavoro agricolo. E anche come agenti turistici. Sono molto mansueti, facili da controllare e ideali per brevi passeggiate, purché il ciclista non pesi troppo.

“Qui a Graciosa, ne ho organizzati stupidità (tour di gruppo) molto divertente con loro. I bambini li adorano".

Ci siamo seduti per un caffè con Franco e sua moglie Sandra a Lisbona. Abbiamo parlato un po' di più della produzione vinicola dell'isola. E del valore di preservare il patrimonio architettonico storico-tradizionale di Graciosa e non solo, che la coppia ha apprezzato quanto noi.

Col tempo poi e sempre breve, li ringraziammo per la loro gentilezza e ci salutammo, con apparente dispiacere degli asini che si erano messi in fila per vederci partire, incuriositi dalla brevità di una simile ambasciata.

La vetta panoramica e benedetta del Monte da Ajuda

Mentre il pomeriggio volge al termine, attraversiamo la capitale dell'isola, Santa Cruz. Da una delle sue strade si sale al panoramico e dominato Monte da Ajuda (130 m).

Fu ai piedi di questo cono vulcanico che, dal 1450 in poi, si insediarono i pionieri di Graciosa. Da quei tempi remoti in poi, il villaggio si espanse fino alle case vaste e armoniose dell'odierna Santa Cruz.

Graciosa, Azzorre, Città di Santa Cruza

Le eleganti case di Santa Cruz da Graciosa, capoluogo di quest'isola nel Gruppo Centrale delle Azzorre.

E, quando abbiamo raggiunto la vetta, abbiamo scoperto che, già Santa, la città è stata benedetta per triplicare dal trio di eremi di São João, São Salvador e Nª Srª da Ajuda.

In basso, occupando il centro del cratere e contrastando con la sacralità del luogo, spicca il bianco e il rosso dell'arena locale, ancora in uso, soprattutto ad agosto, durante la fiera della corrida a Santa Cruz.

Isola di Graciosa, Azzorre, Monte da Ajuda

Veduta aerea del Monte da Ajuda, sopra la capitale Santa Cruz da Graciosa.

Una passeggiata cullata dall'Atlantico di Santa Cruz da Graciosa

Scendiamo e ci dedichiamo alla capitale. Camminiamo per la piazza e la sua peculiare laguna, da dove le torri della Parrocchia e della Chiesa della Misericordia sporgono sopra i tetti dei fedeli.

Isola Graciosa, Azzorre

Il sole quasi al tramonto indora la Chiesa Parrocchiale di Santa Cruz da Graciosa.

Anche senza vederlo, siamo stati ancora una volta intimiditi dal oceano Atlantico furioso.

Il fragore delle sue onde finì per attirarci verso il marginale murato e il mare lavico che chiudeva il centro della città. Lì, mentre ci avvicinavamo all'Ermida do Corpo Santo, il fragore delle onde sui moli e sui muri produceva esuberanti esplosioni di mare che ci alienavano dagli altri scenari.

Santa Cruz da Graciosa, Azzorre

Le onde si infrangono con fragore contro uno dei moli del lungomare di Santa Cruz da Graciosa.

Altre onde, determinate a modo loro, hanno scalato le rampe delle banchine e hanno quasi preso il sopravvento sull'asfalto su cui camminavamo.

Lungo la strada, siamo incuriositi dalla mega-installazione d'arte che è diventata la collezione di boe e altri accessori nautici a prua di una casa d'angolo tra la rampa d'imbarco più vicina e Rua do Corpo Santo.

Graciosa, Azzorre, Santa Cruz da Graciosa

Forti onde fanno sì che l'Atlântico raggiunga quasi Rua do Corpo Santo.

Fine della giornata Grazioso ma anche drammatico a Ponta da Barca

Coerentemente con il tema marino, con il sole che sta per sprofondare nell'Atlantico, ci dirigiamo verso Ponta da Barca e l'omonimo faro.

Lì, mentre un residente del faro dava da mangiare ai suoi polli, abbiamo cercato un punto più alto con una vista simultanea del faro, della baia sottostante e dell'Ilhéu da Baleia in lontananza.

Graciosa, Azzorre, Ponta da Barca

Uno splendente tramonto a ovest di Ponta da Barca

L'abbiamo trovato già in modalità urgente. E abbiamo concluso la lunga giornata alla scoperta dell'isola più che arresi a Graciosa. Voi Azzorre sono sempre i Azzorre.

Non ci aspettavamo altro.

Isola Pico, Azzorre

Isola Pico: il vulcano delle Azzorre con l'Atlantico ai suoi piedi

Per un semplice capriccio vulcanico, la più giovane macchia delle Azzorre è proiettata all'altezza della roccia e della lava del territorio portoghese. L'isola di Pico ospita la sua montagna più alta e affilata. Ma non solo. È una testimonianza della resilienza e dell'ingegnosità delle Azzorre che hanno domato questa splendida isola e l'oceano che la circonda.
São Miguel, Azzorre

Isola di São Miguel: splendide Azzorre, per Natura

Una biosfera immacolata che le viscere della Terra modellano e riscaldano è esposta, a São Miguel, in formato panoramico. São Miguel è la più grande delle isole portoghesi. Ed è un'opera d'arte della Natura e dell'Uomo piantata nel mezzo del Nord Atlantico.
Di Santa Maria, Azzorre

Santa Maria: Isola Madre delle Azzorre Ce n'è solo una

Fu il primo dell'arcipelago ad emergere dal fondo dei mari, il primo ad essere scoperto, il primo e unico a ricevere Cristoforo Colombo e un Concorde. Questi sono alcuni degli attributi che rendono speciale Santa Maria. Quando l'abbiamo visitato, ne abbiamo trovati molti di più.
Isola Terceira, Azzorre

Isola di Terceira: viaggio attraverso un arcipelago delle Azzorre

Fu chiamata l'Isola di Gesù Cristo e da tempo irradia il culto del Divino Spirito Santo. È sede di Angra do Heroísmo, la città più antica e splendida dell'arcipelago. Ci sono solo due esempi. Gli attributi che rendono unica l'isola di Terceira sono impareggiabili.
Isola di Flores, Azzorre

I confini atlantici delle Azzorre e del Portogallo

Laddove, a ovest, anche sulla mappa le Americhe sembrano remote, Ilha das Flores ospita l'ultimo idilliaco-drammatico dominio delle Azzorre e quasi quattromila Florian si sono arresi all'abbagliante fine del mondo che li ha accolti.
Horta, Azzorre

La città che dà il nord all'Atlantico

La comunità mondiale dei velisti è ben consapevole del sollievo e della felicità di vedere la montagna di Pico e, quindi, Faial e l'accoglienza della baia di Horta e Peter Café Sport. La gioia non si ferma qui. Dentro e intorno alla città, ci sono case imbiancate a calce e un'ondata verdeggiante e vulcanica che abbaglia chiunque sia arrivato così lontano.
Vulcano Capelinhos, Faial, Azzorre

Sulla pista del mistero di Capelinhos

Da una costa dell'isola all'altra, attraverso le nebbie, le macchie di pascolo e le foreste tipiche delle Azzorre, sveliamo Faial e il Mistero del suo vulcano più imprevedibile.
Paul do Mar a Ponta do Pargo a Achadas da Cruz, Madeira, Portogallo

Alla scoperta del Finisterre di Madeira

Curva dopo curva, tunnel dopo tunnel, arriviamo al soleggiato e festoso sud di Paul do Mar. Ci viene la pelle d'oca con la discesa verso il vertiginoso rifugio di Achadas da Cruz. Saliamo di nuovo e ammiriamo il promontorio finale di Ponta do Pargo. Tutto questo, nella parte occidentale di Madeira.
Pico do Arieiro - Pico Ruivo, legno, Portogallo

Da Pico Arieiro a Pico Ruivo, sopra un mare di nuvole

Il viaggio inizia con un'alba sfolgorante a 1818 m, sopra il mare di nuvole che abbraccia l'Atlantico. Segue un'escursione tortuosa, in saliscendi che termina all'apice dell'isola lussureggiante di Pico Ruivo, a 1861 metri.
Sentiero Terra Chã e Pico Branco, Porto Santo

Pico Branco, Terra Chã e altri capricci di Ilha Dourada

Nel suo angolo nord-est, Porto Santo è qualcos'altro. Con le spalle rivolte a sud e verso la sua ampia spiaggia, scopriamo una costa montuosa, ripida e persino boscosa, piena di isolotti che punteggiano un Atlantico ancora più blu.
Porto Santo, Portogallo

Sia lodata l'Isola di Porto Santo

Scoperta durante una mareggiata in tempesta, Porto Santo resta un provvidenziale rifugio. Numerosi aerei che il tempo devia dalla vicina Madeira ne garantiscono l'atterraggio. Come ogni anno, migliaia di vacanzieri si arrendono alla morbidezza e all'immensità della spiaggia dorata e all'esuberanza del paesaggio vulcanico.
Castro Laboreiro, Portogallo  

Da Castro de Laboreiro a Raia da Serra Peneda - Gerês

Siamo arrivati ​​a (i) l'eminenza della Galizia, a 1000 m di altitudine e anche oltre. Castro Laboreiro e i paesi circostanti si stagliano contro la monumentalità granitica delle montagne e del Planalto da Peneda e Laboreiro. Così come le sue persone resilienti che, a volte affidate a Brandas a volte a Inverneiras, chiamano ancora casa questi paesaggi mozzafiato.
Sistelo, Peneda-Gerês, Portogallo

Dal "Piccolo Tibet portoghese" alle fortezze del mais

Lasciamo le scogliere di Srª da Peneda, ci dirigiamo ad Arcos de ValdeVez e ai villaggi che un erroneo immaginario ha chiamato Piccolo Tibet portoghese. Da questi villaggi terrazzati si passa ad altri famosi per custodire, come tesori d'oro e sacri, le spighe che raccolgono. Il percorso stravagante rivela la natura splendente e la fertilità verde di queste terre di Peneda-Gerês.
Gerês Fields -Terras de Bouro, Portogallo

Attraverso Campos do Gerês e Terras de Bouro

Continuiamo in un lungo tour a zigzag attraverso i domini di Peneda-Gerês e Bouro, dentro e fuori il nostro Parco Nazionale unico. In questa una delle zone più idolatrate del nord del Portogallo.
Montalegre, Portogallo

Attraverso Alto do Barroso, Cima di Trás-os-Montes

ci muoviamo da Terras de Bouro per quelli di Barroso. Con sede a Montalegre, partiamo alla scoperta di Paredes do Rio, Tourém, Pitões das Júnias e del suo monastero, splendidi villaggi in cima al confine di Portogallo. Se è vero che Barroso aveva già più abitanti, i visitatori non dovrebbero mancare.
Corvo, Azzorre

L'incredibile rifugio atlantico sull'isola di Corvo

17 km2 di un vulcano sommerso in una caldera verde. Un villaggio solitario basato su una fajã. Quattrocentotrenta anime accoccolate dalla piccolezza della loro terra e dallo sguardo del prossimo Flores. Benvenuti nella più impavida delle isole Azzorre.
São Jorge, Azzorre

Da Fajã a Fajã

Nelle Azzorre abbondano lembi di terra abitabile ai piedi di grandi scogliere. Nessun'altra isola ha tante fajãs come le oltre 70 della snella ed elevata São Jorge. Fu in loro che si stabilirono i jorgenses. Le loro indaffarate vite atlantiche si basano su di loro.
Funchal, Madeira

Portale di un Portogallo quasi tropicale

Madeira si trova a meno di 1000 km a nord del Tropico del Cancro. E la lussureggiante esuberanza che le è valsa il soprannome di isola giardino dell'Atlantico emerge in ogni angolo della sua ripida capitale.
Ponta de São Lourenço, Madeira, Portogallo

L'East End, qualcosa di extraterrestre a Madeira

inospitale, dai toni ocra e dalla terra cruda, Ponta de São Lourenço appare spesso come la prima vista di Madeira. Quando la percorriamo, rimaniamo abbagliati soprattutto da ciò che non è la più tropicale delle isole portoghesi.
Valle del Furna, São Miguel

Il caldo delle Azzorre della Valle del Furnas

Siamo rimasti sorpresi, nell'isola più grande delle Azzorre, da una caldera tagliata da piccole fattorie, massiccia e profonda al punto da ospitare due vulcani, un'enorme laguna e quasi duemila abitanti di San Paolo. Pochi luoghi nell'arcipelago sono, allo stesso tempo, grandiosi e accoglienti come la verde e fumosa Vale das Furnas.
Jabula Beach, Kwazulu Natal, Sud Africa
Safari
Santa Lucia, Sud Africa

Un'Africa selvaggia come Zulu

All'eminenza della costa del Mozambico, la provincia del KwaZulu-Natal ospita un inaspettato Sud Africa. Spiagge deserte costellate di dune, vasti estuari e colline ricoperte di nebbia riempiono questa terra selvaggia bagnata anche dall'Oceano Indiano. È condiviso dai sudditi della sempre orgogliosa nazione Zulu e da una delle faune più prolifiche e diversificate del continente africano.
I giovani camminano lungo la strada principale di Chame, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 1° - Pokhara a ChameNepal

Finalmente in cammino

Dopo diversi giorni di preparazione a Pokhara, siamo partiti verso l'Himalaya. Il percorso pedonale può essere iniziato solo a Chame, a 2670 metri di altitudine, con le cime innevate della catena montuosa dell'Annapurna già in vista. Fino ad allora, abbiamo completato un preambolo doloroso ma necessario attraverso la sua base subtropicale.
Una città perduta e ritrovata
Architettura & Design
Machu Picchu, Perù

La città perduta nel mistero degli Incas

Mentre vaghiamo per Machu Picchu, troviamo un significato nelle spiegazioni più accettate per la sua fondazione e abbandono. Ma ogni volta che il complesso viene chiuso, le rovine sono lasciate ai loro enigmi.
Angel Falls, fiume che cade dal cielo, Angel Falls, PN Canaima, Venezuela
Aventura
P.N. Canaima, Venezuela

Kerepakupai, Angel Jump: Il fiume che cade dal cielo

Nel 1937, Jimmy Angel fece atterrare un aereo su un altopiano sperduto nella giungla venezuelana. L'avventuriero americano non trovò l'oro ma conquistò il battesimo della cascata più lunga sulla faccia della Terra
autoflagellazione, passione di cristo, filippine
Cerimonie e Feste
Marinduque, Filippine

La passione filippina di Cristo

Nessuna nazione circostante è cattolica, ma molti filippini non si lasciano intimidire. Durante la Settimana Santa si arrendono alla fede ereditata dai coloni spagnoli e l'autoflagellazione diventa una sanguinosa prova di fede.
Magome a Tsumago, Nakasendo, Way Medieval Japan
Città
Magome Tsumago, Giappone

Da Magome a Tsumago: il percorso sovraffollato per il Giappone medievale

Nel 1603 lo shogun Tokugawa dettò il rinnovamento di un antico sistema stradale. Oggi, il tratto più famoso della strada che collegava Edo a Kyoto è attraversato da una folla desiderosa di fuggire.
Mercato del pesce di Tsukiji, tokyo, giappone
cibo
Tokyo, Giappone

Il mercato del pesce che ha perso freschezza

In un anno, ogni giapponese mangia più del suo peso di pesce e crostacei. Dal 1935 una parte considerevole è stata lavorata e venduta nel più grande mercato ittico del mondo. Tsukiji è stato terminato nell'ottobre 2018 e sostituito da Toyosu's.
Cultura
Lhasa, Tibete

Quando il Buddismo si stanca della meditazione

Non solo con il silenzio e il ritiro spirituale si cerca il Nirvana. Al Monastero di Sera, i giovani monaci perfezionano la loro conoscenza buddista con accesi confronti dialettici e applausi scoppiettanti.
Nuoto, Western Australia, Aussie Style, Alba negli occhi
sportivo
Busselton, Australia

2000 metri in stile australiano

Nel 1853 Busselton fu dotata di uno dei pontoni più lunghi del mondo. mondo. Quando la struttura è crollata, i residenti hanno deciso di aggirare il problema. Dal 1996 lo fanno ogni anno. nuoto.
Treno Fianarantsoa a Manakara, TGV malgascio, locomotiva
In viaggio
Fianarantsoa-Manakara, Madagascar

A bordo del TGV malgascio

Partiamo da Fianarantsoa alle 7:3. Solo alle 170 del mattino seguente abbiamo completato i XNUMX km fino a Manakara. Gli indigeni chiamano questo treno quasi secolare Allena grandi vibrazioni. Durante il lungo viaggio, abbiamo sentito fortemente il cuore del Madagascar.
Contadino, Majuli, Assam, India
Etnico
Majuli, India

Un conto alla rovescia dell'isola

Majuli è la più grande isola fluviale dell'India e sarebbe ancora una delle più grandi sulla faccia della terra se non fosse per l'erosione del fiume Brahmaputra che lo ha ridotto per secoli. Se, come si teme, più di un'isola verrà sommersa entro vent'anni, una roccaforte culturale e paesaggistica davvero mistica del Subcontinente scomparirà.
portfolio, Got2Globe, Fotografia di viaggio, immagini, migliori fotografie, foto di viaggio, mondo, Terra
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il migliore al mondo: il portfolio Got2Globe

Frederikstad-Saint-Croix-America-Vergine-Isole-Libertà
Storia
Frederiksted, Saint Croix, Isole Vergini Americane

La città dell'emancipazione delle Indie occidentali danesi

Se Christiansted si affermò come capitale e principale centro commerciale dell'isola di Saint Croix, la “sorella” della parte sottovento, Frederiksted ebbe il suo apogeo di civiltà quando ci fu la rivolta e la successiva liberazione degli schiavi che assicurarono la prosperità della colonia.
La Digue, Seychelles, Anse d'Argent
Isole
La Digue, Seychelles

Granito tropicale monumentale

Le spiagge nascoste da una giungla lussureggiante, fatte di sabbia corallina bagnata da un mare turchese-smeraldo, sono tutt'altro che rare nell'Oceano Indiano. La Digue si è ricreata. Intorno alla sua costa spuntano massicci scogli che l'erosione ha scolpito come un eccentrico e solido omaggio del tempo al Natura.
Barche sul ghiaccio, isola di Hailuoto, Finlandia
bianco inverno
A forma di squalo, Finlândia

Un rifugio nel Golfo di Botnia

Durante l'inverno, l'isola di Hailuoto è collegata al resto della Finlandia dalla strada di ghiaccio più lunga del paese. La maggior parte dei suoi 986 abitanti apprezza soprattutto la distanza che l'isola concede loro.
Coppia in visita a Mikhaylovskoe, il villaggio dove lo scrittore Alexander Pushkin aveva una casa
Letteratura
San Pietroburgo e Michaylovskoe, Russia

Lo scrittore che ha ceduto alla sua stessa trama

Alexander Pushkin è lodato da molti come il più grande poeta russo e il fondatore della moderna letteratura russa. Ma Pushkin ha anche dettato un epilogo quasi tragicomico alla sua vita prolifica.
Natura
Nelson a Wharariki, PN Abele Tasman, Nova Zelândia

La costa Maori dove gli europei hanno dato la costa

Abel Janszoon Tasman ha esplorato di più delle nuove mappe e dei mitici "Terra australis" quando un errore ha inasprito i contatti con i nativi di un'isola sconosciuta. L'episodio ha inaugurato la storia coloniale di Nova Zelândia. Oggi, sia la costa divina su cui è avvenuto l'episodio, sia i mari che la circondano, evocano il navigatore olandese.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Amaca a Palmeiras, Uricao Beach-Mar dei Caraibi, Venezuela
Parchi Naturali
P.N. Henri Pittier, Venezuela

PN Henri Pittier: tra il Mar dei Caraibi e la Catena Costiera

Nel 1917, il botanico Henri Pittier si appassiona alla giungla delle montagne sottomarine del Venezuela. I visitatori del parco nazionale che questo svizzero vi ha creato sono oggi più di quanti ne avesse mai desiderati.
Grand Canyon, Arizona, Viaggio in Nord America, Abysmal, Hot Shadows
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Grand Canyon, EUA

Viaggio attraverso l'abisso del Nord America

Il fiume Colorado e gli affluenti iniziarono a confluire nell'omonimo altopiano 17 milioni di anni fa, esponendo metà del passato geologico della Terra. Hanno anche scolpito una delle sue viscere più sbalorditive.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
personaggi
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Mangrovie tra Ibo e Quirimba Island-Mozambico
Spiagge
Isola di Ibo a Isola QuirimbaMozambico

Ibo a Quirimba al Sapore della Marea

Per secoli, gli indigeni hanno viaggiato dentro e fuori le mangrovie tra le isole di Ibo e Quirimba, nel tempo che dà loro il travolgente viaggio di andata e ritorno dell'Oceano Indiano. Alla scoperta della regione, incuriositi dall'eccentricità del percorso, ne seguiamo i passi anfibi.
Rostov Veliki Cremlino, Russia
Religione
Rostov Velikij, Russia

Sotto le cupole dell'anima russa

È una delle città medievali più antiche e importanti, fondata durante le origini ancora pagane della nazione degli Zar. Alla fine del XV secolo, inglobato nel Granducato di Mosca, divenne un imponente centro di religiosità ortodossa. Oggi, solo lo splendore del Cremlino Mosca batte quella della tranquilla e pittoresca cittadella di Rostov Velikij.
I dirigenti dormono sedile della metropolitana, dormono, dormono, metropolitana, treno, Tokyo, Giappone
Veicoli Ferroviari
Tokyo, Giappone

Gli ipno-passeggeri di Tokyo

Il Giappone è servito da milioni di dirigenti massacrati con ritmi di lavoro infernali e vacanze scarse. Ogni minuto di tregua sulla strada per andare al lavoro oa casa serve al loro scopo. inemuri, dormire in pubblico.
Tokyo, Giappone allevamenti, clienti e sphynx cat
Società
Tokyo, Giappone

Le fusa usa e getta

Tokyo è la più grande delle metropoli, ma nei suoi angusti appartamenti non c'è posto per le mascotte. Gli uomini d'affari giapponesi hanno rilevato il divario e hanno lanciato un "allevamento" in cui gli affetti felini sono pagati a ore.
L'abbandono, lo stile di vita dell'Alaska, Talkeetna
Vita quotidiana
Talkeetna, Alaska

Lo stile di vita dell'Alaska di Talkeetna

Un tempo un semplice avamposto minerario, Talkeetna è stato ringiovanito nel 1950 per servire gli scalatori del Monte McKinley. Il villaggio è di gran lunga il più alternativo e accattivante tra Anchorage e Fairbanks.
Devils Marbles, da Alice Springs a Darwin, Stuart hwy, Top End Way
Animali selvatici
Alice Springs a Darwin, Australia

Stuart Road, sulla strada per il Top End australiano

Do Red Center fino al tropicale Top End, la Stuart Highway corre per oltre 1.500 chilometri solitari attraverso l'Australia. Lungo il percorso, il Territorio del Nord cambia radicalmente aspetto ma rimane fedele alla sua anima ruvida.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.