Ghiacciaio Mendenhall, Juneau, Alaska

Il ghiacciaio dietro Juneau


camminata scivolosa
Il fronte dentato
Il fronte dell'ablazione
Spaccature Colossali
Superare l'ostacolo
Mendenhall: Il ghiacciaio e il lago
profondità blu
valle estiva
incanala verso l'alto
Ghiaccio croccante
Una coda prudente
Profondità Blu II
Veduta aerea del set di Mendenhall
Dal Centro Visitatori
Sara Wong Blu
Curva stretta
I nativi Tlingit chiamarono questo uno degli oltre 140 ghiacciai del Juneau Icefield. Meglio conosciuto per Mendenhall, negli ultimi tre secoli, il riscaldamento globale ha visto la sua distanza dalla piccola capitale dell'Alaska aumentare di oltre quattro chilometri.

In tre tempi, l'elicottero Temsco decolla dalla base operativa adiacente all'aeroporto di Juneau.

L'improvvisa altezza rivela la vasta Fritz Inlet e il Gastineau Channel in cui, più o meno nel mezzo, si annidava la capitale dell'Alaska.

Sul versante opposto, verso il Nord verso il quale ci stiamo dirigendo, scopriamo la Mendenhall valley, solcata dall'omonimo fiume. Vediamo le montagne più vicine al limite della Boundary Range che, nell'entroterra, separa il Canada dagli Stati Uniti.

A luglio, con l'estate dell'Alaska in pieno svolgimento, rimangono tricolori.

Da un verde stufato, dalla sua base al primo terzo. Poco sopra, una roccia scura chiazzata e striata di neve.

E nell'imminenza delle numerose cime aguzze, ricoperte di un bianco uniforme di nevi eterne.

Dietro queste vette si estende, anch'esso immenso, il campo di ghiaccio di Juneau, il quinto più grande del Nord America, al punto da estendersi negli altopiani canadesi.

In alcune valli secondarie scorrevano fiumi alimentati dallo scioglimento dei ghiacci. Per qualche tempo abbiamo sorvolato la foresta di conifere di Tongass. La foresta si arrende alla barriera del lago Mendenhall e al colossale ghiacciaio che curvava lungo l'omonima vallata, con la parte anteriore semisprofondata nel lago da essa generato.

Nel frattempo, la foresta di Tongass scompare. Sorvoliamo il lago e, in un lampo, il ghiaccio scanalato del ghiacciaio. A bassa quota, l'elicottero segue i suoi meandri.

Ci espone le fessure che si allargano e si inaspriscono sulla curva più accentuata del fiume di ghiaccio.

Atterraggio in un campo di mushing per cani nelle montagne di Juneau

Risaliamo controcorrente. Il pilota insegue un accampamento organizzato sulla neve, composto da capanne per umani e, a una certa distanza, canili per cani, anch'essi bianchi e quindi nascosti.

Atterriamo tra di noi. Benvenuti in campo cane mushing locale, per l'eccitazione generalizzata del husky e malamute, che sanno già cosa rappresenta l'arrivo dell'elicottero.

Ci viene assegnata una squadra di cani. Scivolavamo, a zigzag, attraverso la vastità nevosa di quel picco remoto.

Per la seconda volta in quindici giorni. L'avevamo fatto da vicino Seward, sul ghiacciaio Godwin, quindi, sempre gratificante, l'esperienza mancava del fattore sorpresa.

Apprezziamo, soprattutto, il privilegio panoramico di, dall'aria, per lasciarsi abbagliare dal complesso di Mendenhall: la valle, il lago, le torri, il ghiacciaio e tutto ciò che ha ricevuto quel nome.

Ghiacciaio Mendenhall: Raid di ghiaccio sopra. e sotto

Ok, torniamo a Juneau, abbiamo deciso di esplorarli via terra e in dettaglio. Ci uniamo a una piccola spedizione incentrata sulla scoperta terrestre del ghiacciaio.

Si svolge l'ultimo giorno di luglio, a partire dalle sette del mattino. In sintonia questa volta, la guida che ci guida si chiama Dawn. Camminiamo, prima, per due ore, nella foresta di Tongass, la guida ci dice che attraverso aree che, 90 anni fa, erano sotto il ghiacciaio.

Abbiamo raggiunto il Mendenhall Glacier Visitor Center. Lo abbiamo apprezzato da una stanza buia con finestre polarizzate che inquadravano e mettevano in risalto quell'incredibile fenomeno di Natura.

Quindi, siamo avanzati su un lato del fronte di ablazione del ghiacciaio, fino a un margine a un livello inferiore.

Lì, Dawn ci dà caschi, bitte, imbracature e martelli da ghiaccio. Ci siamo attrezzati con una vista privilegiata sul lago, sugli iceberg che vi galleggiavano e sul ghiacciaio principale che li ha liberati.

L'incastonatura del ghiacciaio nel margine terroso ci permette di passare senza difficoltà sopra il ghiaccio. Camminiamo lungo lunghi solchi in superficie che lo scorrere dell'acqua apre e approfondisce.

Saliamo su colline ghiacciate, con vista su infinite vette, creste e altro sculture naturali, fredde, bluastre.

Alcuni, da vicino, sembravano più macchine dentate, pronte a divorare i grossi blocchi di roccia che li sostenevano.

Dal suo interno sgorgavano con urgenza torrenti d'acqua ad allargare il lago.

Frequentatrice del ghiacciaio, a conoscenza dei suoi segreti, Dawn apre la strada a qualcosa di diverso.

E la discesa in una grotta di ghiaccio mozzafiato

Qualche discrepanza tra il ghiaccio e il terreno aveva creato una caverna blu ghiaccio che conduceva alle profondità del colosso, con un aspetto abbastanza solido da consentirci di entrare.

Siamo scesi fin dove potevamo, fino a diventare quasi degli ologrammi immersi nel blu ghiaccio.

Ci fotografiamo in quegli sguardi mistici. Abbiamo bevuto dall'acqua che cadeva dal soffitto, la più pura e fresca che l'Alaska potesse offrirci.

Dawn va un po' più avanti, chiedendo se possiamo continuare a scendere. "No... più in basso non mi sembra una buona idea." informaci.

“Si fa troppo buio. Non riesco nemmeno a distinguere bene i contorni. Inoltre, anche se impercettibile, il ghiacciaio è in movimento e può suscitare qualsiasi sorpresa. Siamo già arrivati ​​qui e devi ammettere che è stato favoloso.

Torniamo di sopra.

Detto fatto. Non avevamo intenzione di sacrificarci per il ghiacciaio Mendenhall.

Prevalenza nella nomenclatura locale di Thomas Corwin Mendenhall

Mendenhall, Thomas Corwin (1841-1924), fisico e meteorologo, dedicò buona parte della sua vita alla definizione di confini esatti nel mensola Alaska, tra Stati Uniti e Canada.

Come abbiamo già visto, la valle, il ghiacciaio, il lago e alcune emblematiche torri rocciose delle montagne sovrastanti, furono nominate in suo onore nel 1892.

Come ci si poteva aspettare, il battesimo dei coloni nordamericani fece ben poco per i nativi Tlingit di queste parti.

Almeno tra loro, continuano a chiamarlo sitaantaago – il ghiacciaio dietro la città – o anche oltre Aak'wtaaksit – il ghiacciaio dietro il laghetto.

In tempi successivi alla sua formazione nel 1929, avrebbe avuto un altro senso considerare piccolo il lago. Dalla sua lunghezza massima registrata a metà del XVIII secolo, il ghiacciaio si è ridotto di oltre 4 km.

Per altezza del ghiacciaio più grande Aak'wtaaksit, il territorio circostante era Tlingit con una presenza permanente di coloni russi che stabilirono avamposti per catturare pellicce, soprattutto lontre marine.

Alaskan Panhadle: dalla presenza russa alla follia di Seward

Dal 1804, nonostante i frequenti conflitti e battaglie contro i Tlingit, i russi fecero Sitka è la capitale dell'Alaska, ha sottoposto i Tlingit a lavorare per loro e ha causato una drastica rottura nel modo di vivere dei nativi.

Tuttavia, i russi non fondarono mai una colonia a Juneau o nei dintorni.

Nel 1867, mentre il business delle pellicce stava cominciando a estinguersi, i russi accettarono di vendere l'Alaska agli Stati Uniti. L'attività divenne nota come "La follia di Sewardin tal modo gli americani trovarono folle il valore che il politico offriva ai russi.

Tuttavia, è arrivato a buon fine.

Pochi anni dopo, due americani - Richard Harris e Joe Juneau - guidati da un capo Tlingit di nome Kowee - trovarono una vena d'oro in quello che sarebbe diventato noto come Gold Creek, intorno all'odierna Juneau.

Ormeggio idrovolante, Juneau la piccola capitale della Grande Alaska

L'idrovolante scivola nel molo di Juneau dopo l'ormeggio nel canale di Gastineau

Sarebbe il primo di molti. In pochi anni di esplorazione della regione, gli americani recuperarono la somma che avevano pagato ai russi e divennero redditizi.

Un flusso migratorio di americani e stranieri ha inondato Juneau di stranieri in cerca di altro oro. La stessa zona del ghiacciaio Mendenhall è stata esaminata.

In modo tale che una delle sue insenature ha ricevuto e mantiene il nome di Nugget Creek (Nugget Creek). È un altro che sfocia nel ghiacciaio Mendenhall.

Mendenhall Glacier e il Secular Retreat più lontano da Juneau

Il ghiacciaio Mendenhall è attualmente lungo quasi 22 km.

Nella ritirata potenziata dagli effetti del riscaldamento globale anche del nord-ovest degli Stati Uniti, ha fatto allargare il lago.

Come, a poco a poco, ha arricchito l'ecosistema da esso dipendente, di cui spiccano diversi tipi di salmoni, salvelini, trote iridee e altre specie di pesci.

Contemporaneamente, nel 2012, il sostanziale ritiro del ghiacciaio ha scoperto un'antica foresta che l'ancestrale avanzata aveva distrutto, ricoperto e ghiacciato.

Gli scienziati sono rimasti stupiti quando, valutando l'antichità dei tronchi, dei ceppi e dei rami rivelati, hanno concluso che avevano tra 1200 e 2000 anni.

Stimano inoltre che, in questa era di temperature sempre più calde, il ritiro del ghiacciaio Mendenhall si intensificherà. Salvo una drastica inversione del modello di riscaldamento, il fiume di ghiaccio si separerà dal lago che irriga.

Andrà più lontano da Fritz Cove.

E cadendo sempre più indietro rispetto al Juneau che ha ispirato il curioso nome Tlingit.

ghiacciai

Pianeta blu-ghiacciato

Si formano ad alte latitudini e/o altitudini. In Alaska o in Nuova Zelanda, in Argentina o in Cile, i fiumi di ghiaccio sono sempre impressionanti visioni di una Terra tanto gelida quanto inospitale.
Juneau, Alaska

La piccola capitale della Grande Alaska

Da giugno ad agosto, Juneau scompare dietro le navi da crociera che attraccano al suo molo marginale. Tuttavia, è in questa piccola capitale che si decide il destino del 49° stato nordamericano.
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.
Skagway, Alaska

Una variante della corsa all'oro nel Klondike

L'ultima grande corsa all'oro americana è ormai lontana. Oggi, centinaia di navi da crociera riversano ogni estate migliaia di visitatori benestanti nelle strade piene di negozi di Skagway.
Valdez, Alaska

Sulla rotta dell'oro nero

Nel 1989 la petroliera Exxon Valdez provocò un enorme disastro ambientale. La nave ha smesso di solcare i mari, ma la città vittimizzata che le ha dato il nome continua sulla rotta del greggio dell'Oceano Artico.
P.N.Katmai, Alaska

Sulle tracce dell'uomo grizzly

Timothy Treadwell ha trascorso le estati con gli orsi di Katmai. Viaggiando attraverso l'Alaska, abbiamo seguito alcuni dei suoi sentieri ma, a differenza del selvaggio protettore della specie, non siamo mai andati troppo lontano.
Il suono del principe William, Alaska

Viaggio attraverso un'Alaska glaciale

Adagiato contro le montagne Chugach, il Prince William Sound ospita alcuni dei paesaggi stravaganti dell'Alaska. Né potenti terremoti né una devastante marea liscia hanno influenzato il suo splendore naturale.
Monte Denali, Alaska

Il Sacro Soffitto del Nord America

Gli indiani Athabascan lo chiamavano Denali, o il Grande, e ne venerano la superbia. Questa splendida montagna ha suscitato l'avidità degli alpinisti e una lunga serie di salite da record.
ancorare a Homer, EUA

Viaggio fino alla fine dell'autostrada dell'Alaska

Se Anchorage è diventata la città più grande del 49° stato degli Stati Uniti, Homer, a 350 km di distanza, è la sua strada senza uscita più famosa. I veterani di queste terre considerano questa strana lingua di terra un terreno sacro. Venerano anche il fatto che, da lì, non possono andare da nessuna parte.
Perito Moreno, Argentina

Il ghiacciaio che resiste

Il riscaldamento dovrebbe essere globale, ma non va dappertutto. In Patagonia alcuni fiumi di ghiaccio resistono, di tanto in tanto l'avanzata del Perito Moreno provoca frane che bloccano l'Argentina
Ketchkan, Alaska

Qui inizia l'Alaska

La realtà passa inosservata alla maggior parte del mondo, ma ce ne sono due Alaska. In termini urbanistici, lo Stato si inaugura a sud del suo nascosto cavo di padella, una striscia di terra separata dal resto EUA lungo la costa occidentale del Canada. Ketchikan, è la più meridionale delle città dell'Alaska, la sua capitale della pioggia e la capitale mondiale del salmone.
Laguna di Jökursarlon, Ghiacciaio Vatnajökull, Islândia

Il ghiacciaio King of Europe sta già vacillando

Solo in Groenlandia e in Antartide esistono ghiacciai paragonabili al Vatnajökull, il ghiacciaio supremo del vecchio continente. Eppure, anche questo colosso che dà più significato al termine terra di ghiaccio si sta arrendendo all'assedio inesorabile del riscaldamento globale.
sitka, Alaska

Sitka: un viaggio attraverso un'Alaska che una volta era russa

Nel 1867, lo zar Alessandro II dovette vendere l'Alaska russa al Stati Uniti. Nella piccola città di Sitka, troviamo l'eredità russa ma anche i nativi Tlingit che li hanno combattuti.
Talkeetna, Alaska

Lo stile di vita dell'Alaska di Talkeetna

Un tempo un semplice avamposto minerario, Talkeetna è stato ringiovanito nel 1950 per servire gli scalatori del Monte McKinley. Il villaggio è di gran lunga il più alternativo e accattivante tra Anchorage e Fairbanks.
Seward, Alaska

Il 4 luglio più lungo

L'indipendenza degli Stati Uniti viene celebrata a Seward, in Alaska, in modo modesto. Anche così, il 4 luglio e la sua celebrazione sembrano non avere fine.
Homer a Whittier, Alaska

Alla ricerca del furtivo Whittier

Lasciamo Homer, alla ricerca di Whittier, un rifugio costruito durante la seconda guerra mondiale e che ospita circa duecento persone, quasi tutte in un unico edificio.
Delta dell'Okavango, Non tutti i fiumi raggiungono il mare, Mokoros
Safari
Delta dell'Okavango, Botswana

Non tutti i fiumi raggiungono il mare

Terzo fiume più lungo dell'Africa meridionale, l'Okavango nasce negli altopiani angolani di Bié e percorre 1600 km a sud-est. Perditi nel deserto del Kalahari, dove irriga una splendida zona umida brulicante di fauna selvatica.
Circuito dell'Annapurna, da Manang a Yak-kharka
Annapurna (circuito)
10° Circuito dell'Annapurna: Manang lo Yak Kharka, Nepal

Verso gli altopiani (superiori) dell'Annapurna

Dopo una pausa di acclimatamento nella civiltà quasi urbana di Manang (3519 m), riprendiamo l'ascesa allo zenit di Thorong La (5416 m). Quel giorno abbiamo raggiunto il villaggio di Yak Kharka, a 4018 m, un buon punto di partenza per i campi alla base della grande gola.
Chiesa coloniale di San Francesco d'Assisi, Taos, New Mexico, USA
Architettura & Design
Taos, EUA

Il Nord America ancestrale di Taos

Viaggiando attraverso il New Mexico, siamo rimasti abbagliati dalle due versioni di Taos, quella del villaggio indigeno di adobe di Taos Pueblo, uno dei villaggi della EUA abitato più a lungo e continuamente. E quella di Taos, la città che i conquistatori spagnoli lasciarono in eredità alla Messicoo Messico cedette a Stati Uniti e che una comunità creativa di discendenti nativi e artisti migranti migliora e continua a lodare.
Totem, villaggio di Botko, Malekula, Vanuatu
Aventura
Malekula, Vanuatu

Cannibalismo di carne e ossa

Fino all'inizio del XX secolo, i mangiatori di uomini banchettavano ancora nell'arcipelago di Vanuatu. Nel villaggio di Botko scopriamo perché i coloni europei avevano così paura dell'isola di Malekula.
Cerimonie e Feste
Pueblos del Sur, Venezuela

I Pauliteiros de Mérida, le loro danze e Co.

Dall'inizio del XVII secolo, con i coloni ispanici e, più recentemente, con gli emigranti portoghesi, usi e costumi ben noti nella penisola iberica e, in particolare, nel nord del Portogallo si sono consolidati nei Pueblos del Sur.
Medina, Malta, città silenziosa, architettura
Città
Mdina, Malta

La città silenziosa e straordinaria di Malta

Mdina fu la capitale di Malta fino al 1530. Anche dopo che i Cavalieri Ospitalieri l'avevano retrocessa, fu attaccata e fortificata per adattarsi. Oggi è la costa e l'imponente Valletta a guidare i destini dell'isola. Mdina si adatta alla tranquillità della sua monumentalità.
Il focan di Lola, cibo ricco, Costa Rica, Guapiles
cibo
Il Fogon di Lola, Costa Rica

Il gusto della Costa Rica a El Fogón de Lola

Come suggerisce il nome, Fogón de Lola de Guapiles serve piatti preparati sui fornelli e al forno, secondo la tradizione della famiglia costaricana. In particolare, la famiglia di zia Lola.
Cultura
Cimiteri

L'ultima dimora

Dalle grandiose tombe di Novodevichy, a Mosca, alle ossa Maya inscatolate di Pomuch, nella provincia messicana di Campeche, ogni popolo vanta il suo modo di vivere. Anche nella morte.
arbitro di combattimento, combattimento di galli, filippine
sportivo
Filippine

Quando solo i combattimenti di galli risvegliano le Filippine

Banditi in gran parte del Primo Mondo, i combattimenti di galli prosperano nelle Filippine dove spostano milioni di persone e pesos. Nonostante i suoi problemi eterni è il Sabong che più stimola la nazione.
Natale in Australia, Platipus = ornitorinco
In viaggio
Altopiano di Atherton, Australia

Le miglia del Natale (parte II)

Il 25 dicembre esploriamo la campagna alta, bucolica ma tropicale del Queensland settentrionale. Ignoriamo il luogo in cui si trova la maggior parte degli abitanti e siamo sorpresi dall'assoluta assenza del periodo natalizio.
Spaventoso
Etnico

Ambergris Caye, Belize

Parco giochi del Belize

Madonna l'ha cantata come La Isla Bonita e ha rafforzato il motto. Oggi, né gli uragani né i litigi politici scoraggiano i VIP e i vacanzieri benestanti dal godersi questa vacanza tropicale.

Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Vita fuori

Dominica, Soufrière e Scotts Head, sullo sfondo dell'isola
Storia
Soufrière e Scotts Head, Dominica

La Vita che Pende dall'Isola Caraibica della Natura

Ha la reputazione di essere l'isola più selvaggia dei Caraibi e, avendo raggiunto il suo fondo, continuiamo a confermarlo. Da Soufriére al confine meridionale abitato di Scotts Head, Dominica rimane estrema e difficile da domare.
Isole
Viti Levu, Fiji

L'improbabile condivisione dell'isola di Viti Levu

Nel mezzo del Pacifico meridionale, una vasta comunità di discendenti indiani reclutati da ex coloni britannici e dalla popolazione indigena melanesiana ha diviso a lungo l'isola principale delle Fiji.
lago ala juumajarvi, parco nazionale di oulanka, finlandia
bianco inverno
Kuusamo ao P.N. Oulanka, Finlândia

Sotto il freddo incantesimo dell'Artico

Siamo al 66º nord e alle porte della Lapponia. Da queste parti il ​​paesaggio bianco è di tutti e di nessuno come gli alberi innevati, il freddo atroce e la notte senza fine.
Ombra vs Luce
Letteratura
Kyoto, Giappone

Il Tempio di Kyoto risorto dalle ceneri

Il Padiglione d'Oro è stato risparmiato dalla distruzione più volte nel corso della storia, comprese le bombe sganciate dagli Stati Uniti, ma non ha resistito al disturbo mentale di Hayashi Yoken. Quando lo ammiravamo, brillava come non mai.
Angel Falls, fiume che cade dal cielo, Angel Falls, PN Canaima, Venezuela
Natura
P.N. Canaima, Venezuela

Kerepakupai, Angel Jump: Il fiume che cade dal cielo

Nel 1937, Jimmy Angel fece atterrare un aereo su un altopiano sperduto nella giungla venezuelana. L'avventuriero americano non trovò l'oro ma conquistò il battesimo della cascata più lunga sulla faccia della Terra
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Parco Nazionale di Amboseli, Monte Kilimangiaro, Collina di Normatior
Parchi Naturali
P.N. Amboseli, Kenia

Un regalo del Kilimangiaro

Il primo europeo ad avventurarsi in queste terre Masai rimase sbalordito da ciò che trovò. E ancora oggi grandi branchi di elefanti e altri erbivori vagano alla mercé dei pascoli innevati della più grande montagna africana.
Cattedrale di St Paul, Vigan, Asia Hispanica, Filippine
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Vigan, Filippine

Vigan, il più ispanico dell'Asia

I coloni spagnoli se ne andarono ma le loro dimore sono intatte e le kalesas circolano. Quando Oliver Stone stava cercando i set messicani per "Born on the 4th of July" li ha trovati in questa ciudad fernandina
aggie grey, samoa, pacifico meridionale, Marlon Brando Fale
personaggi
Apia, Samoa Occidentali

La padrona di casa del Pacifico meridionale

venduto hamburger ai GI nella seconda guerra mondiale e ha aperto un hotel che ha accolto Marlon Brando e Gary Cooper. Aggie Grey è morta nel 2, ma la sua eredità di ospitalità sopravvive nel Pacifico meridionale.
Magnifiche giornate atlantiche
Spiagge
Morro de São Paulo, Brasile

Una costa divina di Bahia

Tre decenni fa, non era altro che un remoto e umile villaggio di pescatori. Fino a quando alcune comunità post-hippie non hanno rivelato al mondo il ritiro di Morro e lo hanno promosso a una sorta di santuario sulla spiaggia.
Capo Espichel, Santuario di Senhora do Cabo, Sesimbra,
Religione
Lagoa de Albufeira ao Capo Espichel, Sesimbra, Portogallo

Pellegrinaggio a un Capo di Culto

Dall'alto dei suoi 134 metri di altezza, Cabo Espichel rivela una costa atlantica tanto drammatica quanto sbalorditiva. Partendo dalla Lagoa de Albufeira verso nord, sotto la costa dorata, ci avventuriamo attraverso più di 600 anni di mistero, misticismo e venerazione del suo aparecida Nossa Senhora do Cabo.
Treno della fine del mondo, Terra del Fuoco, Argentina
Veicoli Ferroviari
Ushuaia, Argentina

Ultima stagione: Fine del mondo

Fino al 1947 i Tren del Fin del Mundo fecero innumerevoli viaggi per far tagliare legna da ardere ai detenuti del carcere di Ushuaia. Oggi i passeggeri sono diversi ma nessun altro treno passa più a sud.
L'imperatore Akihito Waves, Imperatore senza Impero, Tokyo, Giappone
Società
Tokyo, Giappone

L'imperatore senza impero

Dopo la capitolazione nella seconda guerra mondiale, il Giappone si sottomise a una costituzione che pose fine a uno degli imperi più lunghi della storia. L'imperatore giapponese è, oggi, l'unico monarca a regnare senza un impero.
Vita quotidiana
Professioni Ardue

Il pane impastato dal diavolo

Il lavoro è essenziale per la maggior parte delle vite. Ma alcuni lavori impongono un livello di sforzo, monotonia o pericolo di cui solo pochi eletti sono capaci.
ippopotami, parco nazionale di chobe, botswana
Animali selvatici
PN Chobe, Botswana

Chobe: un fiume al confine tra vita e morte

Chobe segna il divario tra il Botswana e tre dei suoi paesi vicini, Zambia, Zimbabwe e Namibia. Ma il suo letto capriccioso ha una funzione molto più cruciale di questa delimitazione politica.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.