Islândia

Il calore geotermico dell'isola di ghiaccio


acqua nell'aria
Strokkur Geyser, nella valle geotermica di Haukaladur con eruzioni regolari in meno di 10 minuti.
Eva e Guthrun
Due venditori di sostanze naturali per la cura della pelle al lavoro nella Laguna Blu di Grindavik.
dalle profondità
Acqua calda dalle viscere della Terra, pronta a sgorgare 15, 20 metri o più nell'aria.
Altopiano Hellisheidi
Infrastrutture complementari della centrale geotermica Hellisheidi - la più grande al mondo - mimetizzate nello scenario screziato dell'omonimo altipiano.
Vulcanismo e geotermia
Neve che si scioglie su un prato asciugato dal freddo invernale vicino al cratere del vulcano Hverjall nel Parco Nazionale di Myvatn.
Il più grande del più grande
La Centrale Geotermica di Hellisheidi, la più potente al mondo, con una capacità di produzione di 303 MW di energia elettrica e 400 MW di acqua calda.
mini laghetto
Un piccolo stagno nei dintorni rocciosi della Laguna Blu, con la centrale geotermica di Svartsengi sullo sfondo.
caldaie o qualcosa del genere
Componenti di Hellisheidi Geothermal - il più grande al mondo.
pura delizia
I visitatori della Laguna Blu di Grindavik si sono divertiti con i vari divertimenti balneari e geotermici del luogo.
in difficoltà geotermiche
Bagnanti goffi in un angolo roccioso di Lagoa Azul.
geyser e montagne
Il flusso di vapore identifica la presenza di geyser nelle vicinanze del lago Myvatn.
Una giornata alla Laguna Blu
I bagnanti si rilassano nelle calde acque della Laguna Blu di Grindavik, una delle tante lagune geotermiche in Islanda
La maggior parte dei visitatori apprezza i paesaggi vulcanici islandesi per la loro bellezza. Gli islandesi traggono anche da loro calore ed energia vitale che portano alle porte dell'Artico.

ci avviciniamo mezzanotte.

Quando saliamo direzione agli altopiani lacustri Myvatn, abbiamo dato un'occhiata nello specchietto retrovisore. Notiamo che le nuvole si aprono. Che rivelano un cielo di vari toni infuocati che si estende fino all'oceano Áartico e à superficie gelida della costa settentrionale dell'Islanda.

L'eccentricità boreale di quel tramonto ci invita ad accostare à berma ghiacciata. Ci godiamo il suo dispiegarsi per qualche minuto, finché il vento gelido ci porta nell'illusione del comfort termico imposto dal disfacimento della grande stella.

Prendiamo quello che prendiamo. Presto siamo tornati al caldo riparo dell'auto.

Per un breve periodo. Pochi chilometri più avanti, questa volta veniamo sorpresi da una nuova visione incandescente ciottolato, ancora più splendente nella quasi notte che si era stabilita.

Lo abbiamo studiato ufo posato con la cura che meritava, anche perché un pendio scivoloso e un campo aperto pieno di buche innevate lo separavano dal ciglio della strada.

Un'agricoltura splendente

Serra geotermica in un ambiente innevato tra Husavik e Myvatn.

Le serre di qualcosa di extraterrestre islandese

A pochi metri dall'involucro di vetro smerigliato, si percepisce un contenuto vegetale al 100%. Abbiamo confermato quello che ci era già venuto in mente: era una serra islandese.

Il sole, che in quella primavera invernale durava ancora quasi diciotto ore sopra l'orizzonte, arrivava con raggi così insipidi che facevano ben poco per stimolare la nostra pelle ei nostri sensi.

Stavamo per entrare nei mesi caldi dell'Islanda. Abbiamo calcolato che il clima dei suoi mesi agli antipodi era molto più rigido.

Eppure, con l'eccezione della brevissima durata della luce del giorno, per gran parte dell'anno, l'Islanda quasi artica è persino favorita.

Il clima subartico ancora generoso della terra del ghiaccio

Due correnti oceaniche, il Nord Atlantico e l'Irminger, lo circondano.

Mantengono l'oceano circostante privo di ghiaccio e ammorbidiscono le temperature invernali che altrimenti sarebbero molto più estreme della normale media di 0ºC nelle pianure della costa meridionale e di -10ºC negli altopiani dell'interno.

Geotermico, calore islandese, terra di ghiaccio, geotermico, geyser e montagne

Il flusso di vapore identifica la presenza di geyser nelle vicinanze del lago Myvatn.

In una dimensione localizzata, l'intensa attività vulcanica contribuisce a riscaldare e preservare vaste aree dell'isola meno ghiacciate.

Questo è il caso dei vulcani, fumarole e geyser intorno al lago Myvatn, che presto esploreremo.

Nel corso del tempo, gli islandesi hanno imparato come nessun altro a convivere con la loro delicata geologia.

E per manipolare la concentrazione dei vulcani a favore della generazione di energia geotermica, riscaldamento e una certa produzione di elettricità.

Alta Tensionem

Cavi elettrici in una pianura sulla costa meridionale dell'Islanda. Una parte significativa dell'energia del Paese (compresa l'elettricità) proviene da fonti geotermiche.

Competenza geotermica islandese

Ci sono cinque grandi impianti geotermici che producono un quarto dell'energia dell'Islanda.

Quasi il 90% degli edifici del Paese è dotato di riscaldamento geotermico e acqua calda.

Tenendo presente che il 75% dell'elettricità del Paese proviene dall'acqua, è comprensibile che gli islandesi credano che la loro nazione smetterà di dipendere dai combustibili fossili e il meno possibile da tutti i tipi di importazioni.

Più tardi, ci saremmo resi conto che l'eccentrica serra che stavamo esaminando era solo una delle tante, tenuta al caldo dalle profondità dell'isola.

Faceva parte di un piano di sostenibilità così ambizioso.

mini laghetto

Un piccolo stagno nei dintorni rocciosi della Laguna Blu, con la centrale geotermica di Svartsengi sullo sfondo.

Produzione di ortaggi in serra che abbassa a malapena i prezzi

A causa del breve periodo primaverile-estivo, solo i tuberi e le verdure più resistenti al freddo, come patate, rape, carote e cavoli, possono essere coltivati ​​all'aperto.

Serre come quelle stavano aumentando di numero prima che si vedessero gli occhi in luoghi strategici del paese. Hanno permesso di generare, in quantità sempre meno limitate, pomodori, cetrioli, peperoni, fiori, piante e persino banane, uva e un'altra prelibatezza tropicale.

Poiché potremmo soffrire sulla pelle, la produzione in serra ha ancora appena cambiato il prezzo dell'isola e dell'isolamento settentrionale in Islanda:

“Sono 3500, o 3700 o 4000 corone (24, 25 o 27€)” siamo stati gentilmente informati dai cassieri del supermercato dove abbiamo fatto scorta mentre giravamo l'isola.

"Paghi in contanti o con carta?" Ogni volta che abbiamo ascoltato il totale, quello era il problema di cui eravamo meno preoccupati.

Invariabilmente, guardavamo il canestro e cercavamo di capire se avessimo messo qualcosa per errore o esagerando. Ma no. Solo il poco che volevamo è stato confermato.

Abbiamo riempito la borsa, abbiamo voltato le spalle. Abbiamo continuato il nostro viaggio rassegnati e sempre emozionati dalla grandezza geologica calda e fredda di quei luoghi.

Fumarole, geyser e altre sorgenti geotermiche

Dopo aver girato l'isola, ci siamo stabiliti a Reykjavik. Dalla capitale siamo partiti per incursioni strategiche nelle imperdibili aree circostanti.

In uno di essi ci siamo fermati nella valle di Haukaladur. Ci sono altre tre valli con lo stesso nome in Islanda. Solo questa ospita una vasta area geotermica che i coloni vichinghi riferirono, nel 1294, che si era formata poco prima, per azione sismica.

Infatti, i terremoti continuano ad attivare e disattivare queste sorgenti, come avveniva alternativamente nel luglio 2000.

dalle profondità

Acqua calda dalle viscere della Terra, pronta a sgorgare 15, 20 metri o più nell'aria.

Abbiamo letto in anticipo che si trattava di due dei geyser più famosi della valle, lo Strokkur e un altro, il Geysir (termine derivato dal verbo norreno geysa to gush).

Geysir si è rivelato il primo geyser noto agli europei moderni, descritto in opere stampate e alla fine adattato come nomenclatura mondiale per il fenomeno.

Ora, ci siamo presto resi conto che era tanto famoso quanto capriccioso. Di norma, scoppiava solo in quattro o cinque occasioni solenni al giorno. Non abbiamo esitato, quindi, a dedicarci al più socievole Strokkur.

Lo abbiamo visto germogliare cinque o sei volte in meno di un'ora, a più di 20 metri di altezza, e siamo stati persino battezzati dagli spruzzi della sua acqua bollente e sulfurea.

acqua nell'aria

Strokkur Geyser, nella valle geotermica di Haukaladur con eruzioni regolari in meno di 10 minuti.

Alla fine di quel pomeriggio, siamo tornati nella capitale.

Ci sorprende lo scenario screziato dell'altopiano Hellisheidi, innevato ma non troppo, colorato da macchie di terra vulcanica bruna che il nuovo tramonto del sole ha trasformato in ocra.

Altopiano Hellisheidi

Infrastrutture complementari della centrale geotermica di Hellisheidi – la più grande al mondo – mimetizzate nello scenario screziato dell'omonimo altipiano.

Ci conduciamo in uno dei punti più alti di questo altopiano.

Da lì abbiamo potuto apprezzare come il crepuscolo si stesse impadronendo dell'omonima centrale geotermica – la più grande del mondo –, situata accanto al vulcano Hengill. E come ha dato origine a un nuovo paesaggio extraterrestre.

Geotermico, calore islandese, terra di ghiaccio, geotermico, Hellisheidi centrale

La Centrale Geotermica di Hellisheidi, la più potente al mondo, con una capacità di produzione di 303 MW di energia elettrica e 400 MW di acqua calda.

Né la quasi fantascienza geotermica né quella islandese si fermerebbero qui.

"Se non ti piace il tempo in Islanda, aspetta un minuto", afferma uno dei detti più popolari della nazione.

La Blue Lagoon Amornado Delight e la stazione geotermica di Svartsengi

Ma erano trascorse molte più ore di quelle che eravamo disposti a concedere. Una delle attrazioni dell'isola che meglio poteva compensare il maltempo era ancora a nostra disposizione.

Gli dedichiamo l'intera mattinata successiva.

Attraversiamo il sofisticato portale del vostro ricevimento e saliamo sulla terrazza panoramica.

Da quella cima, rimaniamo stupiti dalla visione surreale di centinaia di bagnanti in pura delizia, immersi nell'acqua di Bláa Lonid, la laguna blu di Grindavik.

affondato nella nebbia

I bagnanti della Laguna Blu di Grindavik si perdono nel vapore generato dalla differenza di temperatura tra l'acqua termale e l'atmosfera boreale.

In lontananza, all'estremità opposta della laguna, isolata da lastre laviche abrasive, si intravede la quarta stazione geotermica più grande d'Islanda, quella di Svartsengi.

In piena attività, i camini di questa centrale elettrica rilasciavano nuvole di vapore che si univano a quelle celesti.

Vista panoramica della Laguna Blu di Grindavik con la centrale geotermica di Svartsengi (la quarta più grande d'Islanda) sullo sfondo.

Scendemmo negli spogliatoi e ci unimmo a una folla internazionale e anfibia.

La temperatura dell'acqua oscilla a seconda della distanza dalle sorgenti che la rilasciano.

Di norma è perfetto, ma di tanto in tanto alcune caldaie surriscaldano determinate sezioni.

Ci siamo fatti ancora una bella risata per la fuga precipitosa di un gruppo di signore, afflitte da una cucina immaginaria.

in difficoltà geotermiche

Bagnanti goffi in un angolo roccioso di Lagoa Azul.

Nonostante l'acqua appena sopra la vita, due bagnini si godono semplicemente la situazione, che è ricorrente e poco preoccupante.

Eva e Guthrun, rappresentanti della laguna, con indosso anche maschere di argilla o simili e muniti di vassoi con tazze, si avvicinano ai bagnanti.

Ci convincono a testare sostanze che sicuramente abbelliranno qualsiasi pelle.

"Prova questo!" metterci a disagio. È una specie di botox naturale islandese!”

Eva e Guthrun

Due venditori di sostanze naturali per la cura della pelle al lavoro nella Laguna Blu di Grindavik.

Intanto una raffica fulminante espelle dal brodo vulcanico noi, le giovani commesse e gli altri bagnanti.

La tempesta si rivela di breve durata.

Stava ancora cadendo un minuscolo nevischio quando i primi islandesi iniziarono a tornare alle loro famose coccole geotermiche.

Geotermico, calore islandese, terra di ghiaccio, geotermico, laguna blu

I bagnanti si rilassano nelle calde acque della Laguna Blu di Grindavik, una delle tante lagune geotermiche in Islanda

Laguna di Jökursarlon, Ghiacciaio Vatnajökull, Islândia

Il ghiacciaio King of Europe sta già vacillando

Solo in Groenlandia e in Antartide esistono ghiacciai paragonabili al Vatnajökull, il ghiacciaio supremo del vecchio continente. Eppure, anche questo colosso che dà più significato al termine terra di ghiaccio si sta arrendendo all'assedio inesorabile del riscaldamento globale.
PN Thingvellir, Islândia

Sulle origini della remota democrazia vichinga

Le basi del governo popolare che mi vengono in mente sono quelle elleniche. Ma quello che si ritiene essere il primo parlamento al mondo fu inaugurato a metà del X secolo, nella gelida campagna islandese.
Laguna di Jokülsárlón, Islândia

La canzone e il ghiaccio

Creato dalle acque dell'Oceano Artico e dallo scioglimento del ghiacciaio più grande d'Europa, Jokülsárlón forma un dominio gelido e imponente. Gli islandesi la venerano e le rendono sorprendente omaggio.
Islândia

Isola di fuoco, ghiaccio, cascate e cascate

La cascata suprema d'Europa si precipita in Islanda. Ma non è l'unico. In quest'isola boreale, con pioggia o neve costante e nel mezzo della battaglia tra vulcani e ghiacciai, cadono infiniti torrenti.
Vulcano Capelinhos, Faial, Azzorre

Sulla pista del mistero di Capelinhos

Da una costa dell'isola all'altra, attraverso le nebbie, le macchie di pascolo e le foreste tipiche delle Azzorre, sveliamo Faial e il Mistero del suo vulcano più imprevedibile.
Husavik a Myvatn, Islândia

Neve infinita sull'isola di Fogo

Quando, a metà maggio, l'Islanda ha già il tepore del sole ma il freddo ma il freddo e la neve persistono, gli abitanti cedono a un'affascinante ansia estiva.
Seydisfjörður, Islândia

Dall'arte della pesca all'arte della pesca

Quando gli armatori di Reykjavik acquistarono la flotta peschereccia da Seydisfjordur, il villaggio dovette adattarsi. Oggi cattura i discepoli dell'arte di Dieter Roth e altre anime bohémien e creative.
Valle della Morte, EUA

Risorto dal posto più caldo

Dal 1921 Al Aziziyah, in Libia, era considerato il luogo più caldo del pianeta. Ma la controversia intorno al 58° misurato lì fece sì che, 99 anni dopo, il titolo fosse restituito alla Death Valley.
Chã das Caldeiras, Isola del fuoco Capo Verde

Un clan "francese" alla Misericordia del Fuoco

Nel 1870 si fermò un conte nato a Grenoble in viaggio verso l'esilio brasiliano Capo Verde dove le bellezze autoctone lo imprigionarono nell'isola di Fogo. Due dei suoi figli si stabilirono nel mezzo del cratere del vulcano e continuarono a creare prole lì. Nemmeno la distruzione causata dalle recenti eruzioni ha spostato i prolifici Montronds dalla “contea” da loro fondata a Chã das Caldeiras.    
São Miguel, Azzorre

Isola di São Miguel: splendide Azzorre, per Natura

Una biosfera immacolata che le viscere della Terra modellano e riscaldano è esposta, a São Miguel, in formato panoramico. São Miguel è la più grande delle isole portoghesi. Ed è un'opera d'arte della Natura e dell'Uomo piantata nel mezzo del Nord Atlantico.
El Tátio, Cile

El Tatio Geyser - Tra il ghiaccio e il caldo dell'Atacama

Circondato da vulcani supremi, il campo geotermico di El Tatio deserto di Atacama appare come un miraggio dantesco di zolfo e vapore a una quota ghiacciata di 4200 m. I suoi geyser e le sue fumarole attirano orde di viaggiatori.
Nea Kameni, Santorini, Grecia

Il nucleo vulcanico di Santorini

Erano trascorsi circa tre millenni dall'eruzione minoica che disintegrava il più grande vulcano dell'isola dell'Egeo. Gli abitanti delle cime delle scogliere osservarono la terra emergere al centro della caldera allagata. Nasce Nea Kameni, il cuore ardente di Santorini.
Rhino, PN Kaziranga, Assam, India
Safari
PN Kaziranga, India

La roccaforte del Monoceros indiano

Situato nello stato dell'Assam, a sud del grande fiume Brahmaputra, PN Kaziranga occupa una vasta area di palude alluvionale. Lì, due terzi del rinoceronte unicornis nel mondo, tra circa 100 tigri, 1200 elefanti e molti altri animali. Pressato dalla vicinanza umana e dall'inevitabile bracconaggio, questo prezioso parco non ha saputo proteggersi dalle iperboliche inondazioni monsoniche e da alcune polemiche.
Thorong La, Circuito dell'Annapurna, Nepal, foto per i posteri
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 13 - High Camp a Thorong La a Muktinath, Nepal

Al culmine del circuito dell'Annapurnas

A 5416 m di altitudine, il Thorong La Gorge è la grande sfida e la principale causa di ansia dell'itinerario. Dopo aver ucciso 2014 alpinisti nell'ottobre 29, attraversarlo in sicurezza genera un sollievo degno di doppia celebrazione.
Architettura & Design
Fortezze

Il mondo da difendere – Castelli e fortezze che resistono

Sotto la minaccia dei nemici dalla fine dei tempi, i capi dei villaggi e delle nazioni hanno costruito castelli e fortezze. Un po' ovunque, monumenti militari come questi continuano a resistere.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Aventura
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.
La crocifissione ad Helsinki
Cerimonie e Feste
Helsinki, Finlândia

Una Via Crucis gelida e accademica

Quando arriva la Settimana Santa, Helsinki mostra la sua fede. Nonostante il freddo gelido, attori mal vestiti mettono in scena una sofisticata rievocazione della Via Crucis attraverso strade piene di spettatori.
Via San Pedro Atacama, Cile
Città
San Pedro de Atacama, Cile

San Pedro de Atacama: La vita ad Adobe nel più arido dei deserti

I conquistatori spagnoli erano partiti e il convoglio ha deviato il bestiame e le carovane di nitrati. San Pedro stava riguadagnando la pace, ma un'orda di stranieri alla scoperta del Sud America invase il pueblo.
Distributori di bevande, Giappone
cibo
Giappone

L'impero delle macchine per bevande

Ci sono più di 5 milioni di scatole luminose ultra-tecnologiche sparse in tutto il paese e molte altre lattine e bottiglie esuberanti di bevande invitanti. I giapponesi hanno smesso da tempo di resistergli.
sagome islamiche
Cultura

Istanbul, Turchia

Dove l'oriente incontra l'occidente, la Turchia cerca una via

Una metropoli emblematica e grandiosa, Istanbul vive a un bivio. Poiché la Turchia in generale, divisa tra laicità e islam, tradizione e modernità, non sa ancora che strada prendere

sportivo
concorsi

L'uomo, una specie sempre in prova

È nei nostri geni. Per il piacere di partecipare, per titoli, onore o denaro, i concorsi danno un senso al mondo. Alcuni sono più eccentrici di altri.
murale extraterrestre, Wycliffe Wells, Australia
In viaggio
Wycliff Wells, Australia

I piccoli file segreti di Wycliffe Wells

Residenti, esperti di UFO e visitatori sono stati testimoni di avvistamenti intorno a Wycliffe Wells per decenni. Qui Roswell non ha mai dato l'esempio e ogni nuovo fenomeno viene comunicato al mondo.
Etnico
Nelson a Wharariki, PN Abele Tasman, Nova Zelândia

La costa Maori dove gli europei hanno dato la costa

Abel Janszoon Tasman ha esplorato di più delle nuove mappe e dei mitici "Terra australis" quando un errore ha inasprito i contatti con i nativi di un'isola sconosciuta. L'episodio ha inaugurato la storia coloniale di Nova Zelândia. Oggi, sia la costa divina su cui è avvenuto l'episodio, sia i mari che la circondano, evocano il navigatore olandese.
Portfolio, Got2Globe, migliori immagini, fotografia, immagini, Cleopatra, Dioscorides, Delos, Grecia
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il Mondano e il Celeste

Khiva, Uzbekistan, Fortezza, Via della Seta,
Storia
Khiva, Uzbekistan

La fortezza della Via della Seta che l'Unione Sovietica Velluta

Negli anni '80, i leader sovietici rinnovarono Khiva in una versione ammorbidita, che, nel 1990, l'UNESCO dichiarò Patrimonio dell'Umanità. L'URSS si disintegrò l'anno successivo. Khiva ha conservato il suo nuovo splendore.
Lago Sorvatsvagn, Vágar, Isole Faroe
Isole
Vágar, Isole Faroe

Il lago che aleggia sull'Atlantico settentrionale

Per un capriccio geologico, Sorvagsvatn è molto più del lago più grande delle Isole Faroe. Scogliere con tra i trenta ei centoquaranta metri delimitano l'estremità meridionale del suo letto. Da certi punti di vista, dà l'idea di essere sospeso sull'oceano.
Maksim, popolo Sami, Inari, Finlandia-2
bianco inverno
Inari, Finlândia

I Guardiani del Nord Europa

A lungo discriminato dai coloni scandinavi, finlandesi e russi, il popolo Sami riacquista la propria autonomia ed è orgoglioso della propria nazionalità.
Lago Manyara, Parco Nazionale, Ernest Hemingway, Giraffe
Letteratura
PN Lago Manyara, Tanzania

L'Africa preferita di Hemingway

Situato all'estremità occidentale della Rift Valley, il Parco Nazionale del Lago Manyara è uno dei più piccoli ma incantevoli e ricchi di animali selvatici dalla Tanzania. Nel 1933, tra caccia e discussioni letterarie, Ernest Hemingway le dedicò un mese della sua travagliata vita. Raccontati questi avventurosi giorni di safari in "Le verdi colline dell'Africa".
Cascata Tamul, Aquismón, Huasteca Potosina, San Luis Potosi, Messico
Natura
Aquismon, San Luis Potosì, Messico

L'acqua che gli dei versano dai barattoli

Nessuna cascata a Huasteca Potosina è paragonabile a quella di Tamul, la terza più alta del Messico, alta 105 metri e, nella stagione delle piogge, larga quasi 300 metri. Visitando la regione, siamo partiti alla ricerca del salto del fiume che gli indigeni consideravano divino.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Parchi Naturali
Vulcani

montagne di fuoco

Rotture più o meno evidenti nella crosta terrestre, i vulcani possono rivelarsi tanto esuberanti quanto capricciosi. Alcune delle sue eruzioni sono delicate, altre si rivelano annientanti.
Moai, Rano Raraku, Isola di Pasqua, Rapa Nui, Cile
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Rapa Nui - Isola di Pasqua, Cile

Sotto lo sguardo dei Moai

Rapa Nui fu scoperta dagli europei il giorno di Pasqua del 1722. Ma se il nome cristiano Isola di Pasqua ha un senso, la civiltà che l'ha colonizzata dagli osservatori moai rimane avvolta nel mistero.
aggie grey, samoa, pacifico meridionale, Marlon Brando Fale
personaggi
Apia, Samoa Occidentali

La padrona di casa del Pacifico meridionale

venduto hamburger ai GI nella seconda guerra mondiale e ha aperto un hotel che ha accolto Marlon Brando e Gary Cooper. Aggie Grey è morta nel 2, ma la sua eredità di ospitalità sopravvive nel Pacifico meridionale.
Bagnante, The Baths, Parco Nazionale di Devil's Bay (The Baths), Virgin Gorda, Isole Vergini Britanniche
Spiagge
Virgin Gorda, Ilhas Virgens Britânica

I “Caraibi” divini di Virgin Gorda

Alla scoperta delle Isole Vergini, sbarchiamo su un seducente mare tropicale punteggiato da enormi rocce granitiche. I bagni sembrano usciti dal Seychelles ma sono uno degli ambienti marini più esuberanti dei Caraibi.
Santo Sepolcro, Gerusalemme, chiese cristiane, sacerdote con stolto
Religione
Basilica del Santo Sepolcro, Gerusalemme, Israele

Il Tempio Supremo delle Chiese Antiche Cristiane

Fu costruito dall'imperatore Costantino sul luogo della crocifissione e risurrezione di Gesù e un antico tempio di Venere. Nella sua genesi, opera bizantina, la Basilica del Santo Sepolcro è oggi condivisa e contesa da diverse confessioni cristiane come il grande edificio unificatore della cristianità.
Una storia di trenino
Veicoli Ferroviari
Siliguri a Darjeeling, India

Il trenino himalayano funziona ancora seriamente

Né la forte pendenza di alcuni tratti né la modernità lo fermano. Da Siliguri, alle pendici tropicali della grande catena montuosa asiatica, a Darjeeling, con le sue cime in vista, il più famoso dei trenini indiani regala, giorno dopo giorno, un arduo viaggio da sogno. Percorrendo la zona, ci imbarchiamo e ci lasciamo incantare.
Kogi, PN Tayrona, Guardiani del mondo, Colombia
Società
PN Tayrona, Colombia

Chi protegge i guardiani del mondo?

Gli indigeni della Sierra Nevada de Santa Marta credono che la loro missione sia salvare il Cosmo dai “Fratelli Minori”, che siamo noi. Ma la vera domanda sembra essere: "Chi li protegge?"
il proiezionista
Vita quotidiana
Sainte-Luce, Martinique

Un sano proiezionista

Dal 1954 al 1983 Gérard Pierre ha proiettato molti dei famosi film che sono arrivati ​​in Martinica. A 30 anni dalla chiusura della stanza dove lavorava, era ancora difficile per questo nativo nostalgico cambiare bobina.
Rifugio Gandoca Manzanillo, Bahia
Animali selvatici
Gandoca-Manzanillo (rifugio della fauna selvatica), Costa Rica

Il Rifugio Caraibico di Gandoca-Manzanillo

In fondo alla sua costa sud-orientale, alla periferia di Panama, la nazione “Tica” protegge un lembo di giungla, paludi e il Mar dei Caraibi. Oltre a un provvidenziale rifugio per la fauna selvatica, Gandoca-Manzanillo è uno splendido Eden tropicale.
I suoni, Parco Nazionale di Fiordland, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Fiordland, Nova Zelândia

I fiordi degli antipodi

Una stranezza geologica ha reso la regione del Fiordland la più cruda e imponente della Nuova Zelanda. Anno dopo anno, molte migliaia di visitatori adorano il sottodominio patchwork tra Te Anau e Milford Sound.