Gangtok, India

Una vita a mezza china


Himalaya urbano
Veduta delle caratteristiche case della città, dall'alto del suo mercato di Lal.
SOS Nirvana
Un incontro celeste su un ponte sopraelevato nella capitale del Sikkim
uno stupefatto
Il monaco lavora davanti al grande stupa sacro di Do-Drul Chorten
Assortimento di verdure
Venditore di verdure al mercato di Lal a Gangtok
1920 ??
Scena di un film di strada a Gangtok
la dea himalayana
Il sole sorge e illumina il Kanchenjunga, la terza montagna più alta dell'? faccia della terra.jpg
velo buddista
Monastero di Rumtek, uno dei più contesi di tutti i domini buddisti
2° tocco
Un giovane apprendista buddista convoca gli altri alle classi del monastero di Rumtek.
Salone di Kamal
Barbiere nel cuore di Gangktok
passi verso il cielo
Architettura luminosa e tibetana del monastero di Rumtek.
compiti a casa
Apprendisti buddisti in un raro momento di applicazione, in mezzo a molti guai
molta salute
Venditori del mercato Lal a Gangtok al loro alto lavoro.
Bingo!!
Una piccola folla partecipa a un altro pomeriggio di bingo sulla terrazza del mercato di Lal.
contro il cielo
Bandiere di preghiera buddiste sparse nelle vicinanze del tempio indù di Ganesh Tok.
una compagnia soffice
Bambino tra due comparse di un panda rosso, l'animale mascotte della provincia del Sikkim.
divario gol
Banca serve snack di gol gappa (detti anche pani puri) in palline di pasta cava che possono essere servite farcite o inzuppate nei più distinti sapori indiani, dolci o salati.
Himalaya urbano II
Le case di Gangtok, sparse su una delle prime alture della catena montuosa himalayana.
gatti buddha
I gatti camminano su un balcone del monastero buddista di Rumtek, il più grande del Sikkim e dell'India.
Salire, scendere
Vista dal punto di ingresso più basso della funivia di Gangtok.
Casa della Tibetologia
Costruzione del Namgyal Institute of Tibetology, un centro di ricerca per il buddismo tibetano e non solo.
Gangtok è la capitale del Sikkim, un antico regno nella sezione himalayana della Via della Seta, divenuta provincia indiana nel 1975. La città è in equilibrio su un pendio, di fronte al Kanchenjunga, la terza elevazione più alta del mondo che molti indigeni ritengono sia casa in una valle paradisiaca dell'immortalità. La loro ripida e faticosa esistenza buddista mira, lì o altrove, a raggiungerlo.

Gestione spirituale di Wangyal Butia

Sir Wangyal Butia si è rivelato una specie di Winston"Il Lupo"Lupo"Pulp Fiction”. A causa delle diverse differenze, il nostro rapporto con i responsabili del turismo in Sikkim era iniziato bene ma si è rapidamente complicato. Li abbiamo incontrati all'inizio di dicembre. Da dicembre cerchiamo di confermare il nostro itinerario in quella provincia.

Sir Butia non sarebbe stato informato che ci avrebbe ricevuto lì fino al 7 gennaio, due giorni prima del nostro arrivo. In quella data, la maggior parte delle domande rimaneva da sbloccare. Butia li ha risolti tutti con incredibile sottigliezza e umiltà.

"OK. Signore... goditela e basta. Tutto è secondo te. Facciamo fiorire insieme il Sikkim in tutto il mondo” ci garantisce, utilizzando un traduttore automatico e l'atteggiamento più positivo.

Quando l'abbiamo trovato a Rangpo, dove il Bengala occidentale e il Sikkim flirtano, abbiamo subito confermato che Wangyal era lo stesso Zen. Illuminati dalla loro conoscenza e luce spirituale, Gantkok e Sikkim sembravano sempre più radiosi.

Il cicerone ci lega con i fazzoletti Khata, assicurazioni seriche della sincerità e della buona volontà delle tue intenzioni. Da Rangpo, abbiamo risalito il pendio, sperando di vedere il Red Panda Cultural Festival, uno dei più importanti del Sikkim.

L'evento si è svolto, però, in uno stadio. La sua atmosfera artificiale di cemento ed erba sintetica ha annullato ogni interesse fotografico che avremmo potuto avere in esso.

Gangtok sopra, Gangtok sotto

Nonostante il dispiacere dei suoi superiori, Sir Butia comprende le nostre motivazioni e acconsente. Abbiamo definito il Namgyal Institute of Tibetology come la nostra prossima tappa. Questo museo e stabilimento impiega ricercatori della lingua e delle tradizioni del Tibet e del buddismo tibetano.

Edificio dell'Istituto Namgyal di Tibetologia, Gangtok, Sikkim, India

Costruzione del Namgyal Institute of Tibetology, un centro di ricerca per il buddismo tibetano e non solo.

In tempi recenti, anche lo studio e la registrazione informatica della storia dei circa sessanta monasteri del Sikkim e dei loro documenti e opere.

Lì facciamo le nostre indagini che scambiamo solo con altri, nella porta accanto, intorno a Do-Drul Chorten, uno stupa che ospita libri e altre reliquie sacre del buddismo.

Do-Drul Chorten, Gangtok, Sikkim, India

Il monaco lavora davanti al grande stupa sacro di Do-Drul Chorten

Una cerimonia religiosa prevista lì terrà diversi giovani monaci impegnati a tagliare e preparare fiori, mentre i fedeli buddisti faranno girare le 108 ruote della preghiera disposte attorno al monumento.

Qualche tempo dopo, l'apertura del Red Panda Festival era conclusa. Il traffico è tornato a scorrere lungo il pendio principale della città. Anche noi andiamo alla sua altezza.

Dovevamo comprare la frutta per la notte. Wangyal ci conduce all'edificio a più piani del grande mercato di Lal. Quando siamo arrivati ​​alla base, abbiamo riconosciuto una parte delle case della città che avevamo scoperto su Internet e che ci piaceva. Ci dimentichiamo subito di mandarini e uva. Ti preghiamo di portarci sulla terrazza del mercato.

Bancarella del mercato di Lal a Gangtok, Sikkim, India

Venditori del mercato Lal a Gangtok al loro alto lavoro.

Sir Butia guida la corsa mentre saliamo diverse rampe di scale. In cima, viene rivelato un angolo nascosto tra le numerose bancarelle di cibo tipico del Sikkim che fiancheggiavano il bordo dell'edificio.

Da questo angolo, possiamo apprezzare meglio la curva delle case arrotondate, colorate ed emblematiche, pochi minuti prima del tramonto, al suono del bingo comune che centinaia di residenti del Sikkim, compresi gli agenti di polizia, giocano lì ogni sera. .

Palazzi Gangtok, Sikkim, India

Veduta delle caratteristiche case della città, dall'alto del suo mercato di Lal.

La notte non ci mise molto a calare. Eravamo stanchi per il viaggio mattutino da Kalimpong e il prossimo viaggio di esplorazione sarebbe iniziato in orari inappropriati.

L'onnipresente monte Kanchenjunga

La storia ha spinto il Sikkim in una sorta di solco sulla mappa asiatica. Il vecchio regno sorge sotto il Tibete, tra i Nepal e il Bhutan, con il confine tra il vasto subcontinente indiano e il Bangladesh appena al di sotto. L'Himalaya compare anche nel suo territorio. C'è da dire che è una parte esuberante, con protagonista la terza montagna più grande della Cordigliera e del pianeta.

A Gangtok, poiché al di fuori dei mesi dei monsoni, Kanchenjunga è quasi sempre presente. L'abbiamo vista svegliarsi e arrossire per la giornata dalla cima ventosa e ghiacciata di Tashi, uno dei tanti punti panoramici che servono la città.

La temperatura è vicina a 0º. Un gruppo di militari indiani in maglietta approfitta dell'atmosfera spartana e si allena per qualunque corriere stia arrivando. Già il sole emerge, trionfante in partenza, da levante sulle nostre sponde. Per un breve momento, i vari pinnacoli dell'Himalaya rosa e oro.

Montagna Kanchenjunga, Himalaya

Il sole sorge e illumina il Kanchenjunga, la terza montagna più alta della Terra

Li lascia alla frigidità del candore e dell'altezza mentre uno stormo impazzito di corvi segue l'esempio dei militari e gareggia tra loro e contro il vento per i migliori tetti, terrazze e rami dei dintorni.

Più che una vetta maestosa, il Kanchenjunga fa parte della spiritualità della gente di queste parti. Dei Butia e dei Lepcha. Anche dai nepalesi che costituiscono la maggioranza nella provincia, hanno la loro lingua franca e hanno dato il nome alla nazione vicina. Infine, dei tibetani residenti ai margini settentrionali e orientali della provincia, più vicini al Tibete.

La maggior parte di loro crede in una divinità Dzo-nga – una specie di yeti locale – e nell'esistenza di una Valle dell'Immortalità nascosta nella catena montuosa. Almeno la credenza nel Beyul Dmoshong è così reale che nel 1962 un lama tibetano condusse centinaia di seguaci sugli alti pendii innevati del Kanchenjunga in pellegrinaggio con lo scopo di aprire la strada a quella stessa valle.

Sikkim: dal regno alla provincia indiana

Ma il Sikkim non è solo montagne e roccaforti buddiste. Per lungo tempo indipendente o protettorato, l'antico regno fu incorporato nel India, nel 1975, durante il mandato di Indira Ghandi, dopo forti proteste contro la monarchia Chogyal e un referendum che ha portato all'ingresso nell'Unione del 97.5% di Sì, ma la cui legalità continua a essere contestata.

Oggi, completamente integrata, la provincia del Sikkim ospita ancora un numero crescente di bengalesi, musulmani del Bihar e dei Marwaris, questi ultimi, il trio etnico che vive di scambi commerciali nella regione meridionale del Sikkim ea Gangtok.

Mercato Lal a Gangtok, Sikkim, India

Banca serve snack di gol gappa (detti anche pani puri) in palline di pasta cava che possono essere servite farcite o inzuppate nei più distinti sapori indiani, dolci o salati.

Li ritroviamo ogni volta che torniamo al mercato di Lal per fare rifornimento, installati nelle loro bancarelle a schiera piene di frutta, verdura e altri generi alimentari di stagione durante tutto l'anno.

Anche in altri dove vendono gli innumerevoli vestiti e utensili Made in Cina che, nonostante i cattivi rapporti tra i India e il Dragone, attraversano regolarmente il confine settentrionale e forniscono molto più del Sikkim, l'intero subcontinente.

Con il sole puntato allo zenit, la temperatura diventa sopportabile. Concludiamo la contemplazione e l'adorazione del Kanchenjunga. Torniamo nel cuore di Gangtok bramando l'accogliente porridge che, come bambini, abbiamo implorato Sir Bhutia di sfuggire alle colazioni indianizzate.

Le strade e i vicoli affollati di Gangtok

Quando arriviamo all'arteria principale MG Marg, una statua umile come lo stesso Mahatma Ghandi benedice una folla multietnica, giovane, a volte occidentalizzata ea volte tradizionale, che attraversa in modo molto più ordinato del sud del Subcontinente.

Curvo e diviso in due sezioni a seconda del capriccioso rilievo, MG Marg è il viale di Gangtok per eccellenza. Il Sikkim è orgoglioso del suo status di provincia "più verde", organica e più pulita del mondo. India. MG Marg si conferma almeno l'ultimo dei titoli.

Quando lo percorriamo, tra negozi e piccole botteghe piene di prodotti di marchi famosi ma truffati, agenzie, bar e ristoranti dai look minimamente attenti, ci diamo l'impressione di essere sbarcati in qualche angolo d'Europa, o nell'Asia più civile .

Scena di strada a Gangtok, Sikkim, India

Scena di un film di strada a Gangtok

Da lì, Gangtok si dirama in un'affascinante rete di colline e scale che mantengono forti i residenti.

Saliamo sulla funivia che serve la città e godiamo, da buona distanza panoramica, del garrido e delle case sospese. Un'altra mattina, Wangyal riceve la compagnia di un cognato e una jeep.

Il più delle volte nella piacevole cavaqueira, i due ci portano dall'altra parte del fiume Teesta e al monastero di Rumtek, uno dei più emblematici ma anche controversi di Gangtok.

Monastero di Rumtek nel Sikkim, India

Architettura luminosa e tibetana del monastero di Rumtek.

All'inizio degli anni '90, il diritto di proprietà e amministrazione del monastero, il più grande del Sikkim e il più ricco centro monastico del India generato uno stato d'assedio.

Rumtek: un monastero buddista in stato di guerra

Chi pensa che il buddismo sia solo meditazione e spiritualismo si sbaglia. Tra le due fazioni scoppiarono vere e proprie battaglie campali.

Da allora fino ad oggi, il governo indiano ha mantenuto la presenza delle mitragliatrici militari, con l'ordine di disperdere gli attacchi perpetrati dalla parte che cercava di riconquistare il monastero.

L'ambiente è surreale. Siamo quasi ipnotizzati da un mistico tema cerimoniale di corni e cembali, adornato dal gong suonato da un giovane monaco che chiama i suoi colleghi all'apprendimento del giorno.

Gong per le lezioni al monastero di Rumtek, Sikkim, India

Un giovane apprendista buddista convoca gli altri alle classi del monastero di Rumtek.

Al suono di questa colonna sonora, passiamo tra soldati ingombranti e mimetizzati e attraverso il portico principale. I visitatori indiani si divertivano a lanciare monete in aria con lo scopo superstizioso di immobilizzarle in cima al palo centrale della bandiera della pace. Un grande stormo di piccioni vola su di loro.

Cerchiamo un punto di osservazione privilegiato quando ci imbattiamo in un altro gruppo più giovane di apprendisti seduti sul pavimento di una terrazza, consegnati ai loro taccuini. L'adulto che li supervisiona è assente. Immediatamente, sostituiscono i compiti monastici con successive disavventure.

Attira i piccioni con pezzi di chapati lasciato in un angolo del reparto. Ad un certo punto, tutti gli uccelli si avvicinano a loro. Il piccolo religioso li colpiva con sassolini e palline di farina appena prodotti. Spaventati, i piccioni volano sopra di noi, fanno un piccolo giro di ricognizione e tornano a chiedere l'elemosina.

Monaci al monastero di Rumtek, Sikkim, India

Apprendisti buddisti in un raro momento di applicazione, in mezzo a molti guai

Il gioco si ripete fino a quando il tutor non ritorna e li mette in linea con frustate vigorose. Dall'altro lato del cortile, in uno dei tanti strati strutturali del tempio, continuano i corni, i cembali e la cerimonia di omaggio e offerta al 16° Karmapa, che conserva le sue reliquie in uno stupa d'oro e sacro.

Abbiamo lasciato Rumtek alla pace corrotta in cui era caduto. Siamo tornati a Gangktok. All'arrivo, le luci artificiali hanno già illuminato le centomila vite della città. Liberiamo Sir Butia per lui e guardiamo il bingo del mercato di Lal che aliena centinaia di altri.

Bingo a Gangtok, Sikkim, India

Una piccola folla partecipa a un altro pomeriggio di bingo sulla terrazza del mercato di Lal

Gli autori desiderano ringraziare le seguenti entità per il loro supporto nella stesura di questo articolo:  Ambasciata indiana a Lisbona; Ministero del turismo, governo indiano; Turismo del Sikkim

Dawki, India

Dawki, Dawki, Bangladesh in vista

Scendiamo dalle terre alte e montuose di Meghalaya alla pianura a sud e in basso. Lì, il flusso traslucido e verde del Dawki forma il confine tra India e Bangladesh. Sotto un caldo umido che non sentivamo da molto tempo, il fiume attira anche centinaia di indiani e bengalesi dediti a una pittoresca fuga.
Jaisalmer, India

C'è la festa nel deserto del Thar

Non appena il breve inverno finisce, Jaisalmer si abbandona a sfilate, corse di cammelli e gare di turbanti e baffi. Le sue mura, i vicoli e le dune circostanti acquistano più colore che mai. Durante i tre giorni dell'evento, sia i nativi che gli estranei osservano con stupore il vasto e inospitale Thar che finalmente risplende di vita.
Goa, India

L'ultimo rantolo di morte della Portogallo di Goa

L'importante città di Goa ha già giustificato il titolo di "Roma d'Oriente” quando, a metà del XVI secolo, epidemie di malaria e colera votarono per abbandonarlo. Nova Goa (Pangim) con cui è stato scambiato ha raggiunto la sede amministrativa dell'India portoghese ma è stata annessa dall'Unione indiana post-indipendenza. In entrambi, il tempo e la negligenza sono disturbi che ora languono l'eredità coloniale portoghese.
Tawang, India

La mistica valle della profonda discordia

All'estremità settentrionale della provincia indiana dell'Arunachal Pradesh, Tawang ospita paesaggi montuosi spettacolari, villaggi etnici Mompa e maestosi monasteri buddisti. Anche se dal 1962 i rivali cinesi non lo trafiggono, Pechino guarda questo dominio come parte del tuo Tibete. Di conseguenza, religiosità e spiritualismo hanno da tempo condiviso un forte militarismo.
Guwahati, India

La città che adora Kamakhya e la fertilità

Guwahati è la città più grande dello stato dell'Assam e dell'India nord-orientale. È anche uno dei più veloci al mondo. Per gli indù e i devoti credenti nel Tantra, non sarà un caso che Kamakhya, la dea madre della creazione, sia adorata lì.
porte, India

Alle porte dell'Himalaya

Siamo arrivati ​​alla soglia settentrionale del Bengala occidentale. Il subcontinente è ceduto a una vasta pianura alluvionale piena di piantagioni di tè, giungla, fiumi che il monsone fa traboccare su infinite risaie e villaggi che scoppiano a crepapelle. Al confine con la più grande delle catene montuose e il regno montuoso del Bhutan, per l'evidente influenza coloniale britannica, l'India chiama questa splendida regione con Dooars.
Meghalaya, India

Ponti di popoli che mettono radici

L'imprevedibilità dei fiumi nella regione più umida della terra non ha mai scoraggiato Khasi e Jaintia. Di fronte all'abbondanza di alberi ficus elastico nelle loro valli queste etnie si abituavano a modellare rami e ceppi. Dalla loro tradizione perduta nel tempo, hanno lasciato in eredità centinaia di abbaglianti ponti di radici alle generazioni future.
Ooty, India

Nella cornice quasi ideale di Bollywood

Il conflitto con il Pakistan e la minaccia del terrorismo hanno reso le riprese in Kashmir e Uttar Pradesh un dramma. In Ooty, possiamo vedere come questa ex stazione coloniale britannica abbia assunto il ruolo di primo piano.

Hampi, India

Alla Scoperta dell'Antico Regno de Bisnaga

Nel 1565, l'impero indù di Vijayanagar soccombette agli attacchi nemici. 45 anni prima era già stata vittima della portoghesi del suo nome da parte di due avventurieri portoghesi che lo rivelarono all'Occidente.

Goa, India

A Goa, Veloce e Forte

Un'improvvisa voglia di eredità tropicale indo-portoghese ci fa viaggiare con vari mezzi di trasporto ma quasi senza soste, da Lisbona alla famosa spiaggia di Anjuna. Solo lì, a caro prezzo, potremmo riposare.
Shillong, India

Selfie di Natale in una fortezza cristiana in India

Arriva dicembre. Con una popolazione in gran parte cristiana, lo stato di Meghalaya sincronizza la sua Natività con quella occidentale ed è in contrasto con il sovraffollato subcontinente indù e musulmano. Shillong, la capitale, brilla di fede, felicità, jingle bells e illuminazione brillante. Per l'abbagliamento dei vacanzieri indiani di altre parti e fedi.
Siliguri a Darjeeling, India

Il trenino himalayano funziona ancora seriamente

Né la forte pendenza di alcuni tratti né la modernità lo fermano. Da Siliguri, alle pendici tropicali della grande catena montuosa asiatica, a Darjeeling, con le sue cime in vista, il più famoso dei trenini indiani regala, giorno dopo giorno, un arduo viaggio da sogno. Percorrendo la zona, ci imbarchiamo e ci lasciamo incantare.
Maguri Bill, India

Un Pantanal ai confini dell'India nord-orientale

Il Maguri Bill occupa un'area anfibia nelle vicinanze assamesi del fiume Brahmaputra. È lodato come un habitat incredibile, soprattutto per gli uccelli. Quando lo navighiamo in modalità gondola, ci imbattiamo in molta (ma molta) più vita della semplice asada.
Jaisalmer, India

La vita duratura al Forte d'Oro di Jaisalmer

La fortezza di Jaisalmer fu costruita dal 1156 in poi per ordine di Rawal Jaisal, sovrano di un potente clan proveniente dalle propaggini indiane del deserto del Thar. Più di otto secoli dopo, nonostante la continua pressione del turismo, condividono il vasto e intricato interno dell'ultimo forte abitato dell'India, quasi quattromila discendenti degli abitanti originari.
Guwahati a Passo Sela, India

Viaggio banale alla gola sacra di Sela

Per 25 ore abbiamo viaggiato lungo la NH13, una delle strade più alte e pericolose dell'India. Abbiamo viaggiato dal bacino del fiume Brahmaputra alla contesa Himalaya della provincia di Arunachal Pradesh. In questo articolo descriviamo il tratto fino a 4170 m di quota del Passo Sela che ci ha portato Città buddista tibetana di Tawang.
PN Kaziranga, India

La roccaforte del Monoceros indiano

Situato nello stato dell'Assam, a sud del grande fiume Brahmaputra, PN Kaziranga occupa una vasta area di palude alluvionale. Lì, due terzi del rinoceronte unicornis nel mondo, tra circa 100 tigri, 1200 elefanti e molti altri animali. Pressato dalla vicinanza umana e dall'inevitabile bracconaggio, questo prezioso parco non ha saputo proteggersi dalle iperboliche inondazioni monsoniche e da alcune polemiche.
Majuli, India

Un conto alla rovescia dell'isola

Majuli è la più grande isola fluviale dell'India e sarebbe ancora una delle più grandi sulla faccia della terra se non fosse per l'erosione del fiume Brahmaputra che lo ha ridotto per secoli. Se, come si teme, più di un'isola verrà sommersa entro vent'anni, una roccaforte culturale e paesaggistica davvero mistica del Subcontinente scomparirà.
Chandor, Goa, India

Una casa goano-portoghese, di sicuro

Un palazzo con influenze architettoniche portoghesi, Casa Menezes Bragança si distingue dalle case di Chandor, a Goa. Forma l'eredità di una delle famiglie più potenti dell'ex provincia. Sia dalla sua ascesa in un'alleanza strategica con l'amministrazione portoghese sia dal successivo nazionalismo di Goa.
ippopotami, parco nazionale di chobe, botswana
Safari
PN Chobe, Botswana

Chobe: un fiume al confine tra vita e morte

Chobe segna il divario tra il Botswana e tre dei suoi paesi vicini, Zambia, Zimbabwe e Namibia. Ma il suo letto capriccioso ha una funzione molto più cruciale di questa delimitazione politica.
Adoratori accendono candele, tempio della Grotta di Milarepa, circuito dell'Annapurna, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: dal 9° Manang a Grotta di Milarepa, Nepal

Una passeggiata tra acclimatamento e pellegrinaggio

In toto Circuito dell'Annapurna, arriviamo finalmente a Manang (3519 m). abbiamo ancora bisogno acclimatarsi per i tratti più alti che sono seguiti, abbiamo iniziato un altrettanto spirituale viaggio verso una grotta nepalese a Milarepa (4000 m), rifugio di un siddha (saggio) e santo buddista.
Architettura & Design
Fortezze

Il mondo da difendere – Castelli e fortezze che resistono

Sotto la minaccia dei nemici dalla fine dei tempi, i capi dei villaggi e delle nazioni hanno costruito castelli e fortezze. Un po' ovunque, monumenti militari come questi continuano a resistere.
Aventura
Viaggi in barca

Per coloro che si stancano di navigare in rete

Sali a bordo e lasciati trasportare da imperdibili gite in barca come l'arcipelago filippino di Bacuit e il mare ghiacciato del Golfo di Botnia finlandese.
Cerimonie e Feste
Apia, Samoa Occidentali

Fia Fia – Folclore Polinesiano ad Alta Velocità

Dalla Nuova Zelanda all'Isola di Pasqua e da qui alle Hawaii, ci sono molte varianti di danze polinesiane. Le notti samoane di Fia Fia, in particolare, sono allietate da uno degli stili più frenetici.
accogliente Las Vegas
Città
Las Vegas, EUA

Capitale mondiale del matrimonio contro Sin City

L'avidità del gioco d'azzardo, la lussuria della prostituzione e l'ostentazione diffusa fanno tutti parte di Las Vegas. Come le cappelle che non hanno né occhi né orecchie e promuovono matrimoni eccentrici, veloci ed economici.
Distributori di bevande, Giappone
cibo
Giappone

L'impero delle macchine per bevande

Ci sono più di 5 milioni di scatole luminose ultra-tecnologiche sparse in tutto il paese e molte altre lattine e bottiglie esuberanti di bevande invitanti. I giapponesi hanno smesso da tempo di resistergli.
Controllo corrispondenza
Cultura
Rovaniemi, Finlândia

Dalla Lapponia finlandese all'Artico, Visita alla Terra di Babbo Natale

Stanchi di aspettare che il vecchio barbuto scendesse dal camino, abbiamo ribaltato la storia. Abbiamo approfittato di un viaggio nella Lapponia finlandese e siamo passati davanti alla sua casa nascosta.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
sportivo
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
Barca e timoniere, Cayo Los Pájaros, Los Haitises, Repubblica Dominicana
In viaggio
Penisola di Samaná, PN Los Haitises, Repubblica Dominicana

Dalla penisola di Samana agli haitiani dominicani

Nell'angolo nord-est della Repubblica Dominicana, dove ancora trionfa la natura caraibica, ci troviamo di fronte a un Atlantico molto più vigoroso del previsto da queste parti. Lì cavalchiamo in regime comunitario fino alla famosa cascata di Limón, attraversiamo la baia di Samaná e ci immergiamo nella remota ed esuberante "terra delle montagne" che la racchiude.
tatuaggio sulla terra
Etnico
matmata, Tataouine:  Tunisia

La base terrestre di Star Wars

Per motivi di sicurezza, il pianeta Tatooine di "Il risveglio della forza" è stato girato ad Abu Dhabi. Torniamo indietro nel calendario cosmico e rivisitiamo alcuni dei luoghi tunisini di maggior impatto della saga.  
Veduta dell'isola di Fa, Tonga, ultima monarchia polinesiana
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Segni esotici di vita

Roça Bombaim, Roça Monte Café, isola di São Tomé, bandiera
Storia
Centro São Tomé, São Tome e Principe

Da Roça a Roça, verso il Cuore Tropicale di São Tomé

Sulla strada tra Trindade e Santa Clara, ci imbattiamo nel terrificante passato coloniale di Batepá. Passando per i campi Bombaim e Monte Café, la storia dell'isola sembra essersi diluita nel tempo e nell'atmosfera intrisa di clorofilla della giungla santomea.
Pecore ed escursionisti a Mykines, Isole Faroe
Isole
Mykines, Isole Faroe

Nell'estremo ovest delle Faroe

Mykines stabilisce il confine occidentale dell'arcipelago delle Faroe. Ospitò 179 persone ma la durezza del ritiro ebbe la meglio. Oggi, lì sopravvivono solo nove anime. Quando la visitiamo, troviamo l'isola dedita alle sue mille pecore e alle inquiete colonie di pulcinelle di mare.
Barche sul ghiaccio, isola di Hailuoto, Finlandia
bianco inverno
A forma di squalo, Finlândia

Un rifugio nel Golfo di Botnia

Durante l'inverno, l'isola di Hailuoto è collegata al resto della Finlandia dalla strada di ghiaccio più lunga del paese. La maggior parte dei suoi 986 abitanti apprezza soprattutto la distanza che l'isola concede loro.
silhouette e poesia, cora coralina, old goias, brasile
Letteratura
Goias Velho, Brasile

Vita e lavoro di uno scrittore al margine

Nata a Goiás, Ana Lins Bretas ha trascorso gran parte della sua vita lontana dalla sua famiglia castrante e dalla città. Tornando alle sue origini, ha continuato a ritrarre la mentalità prevenuta della campagna brasiliana.
Escursionisti sull'Ice Lake Trail, circuito dell'Annapurna, Nepal
Natura
Circuito dell'Annapurna: 7° - Braga - Ice Lake, Nepal

Circuito dell'Annapurna - Il doloroso acclimatamento del lago di ghiaccio

Sulla salita al villaggio di Ghyaru, abbiamo avuto un primo e inaspettato assaggio di quanto possa essere esaltante il circuito dell'Annapurna. Nove chilometri dopo, a Braga, per la necessità di acclimatarsi, si sale dai 3.470 m di Braga ai 4.600 m del lago Kicho Tal. Sentiamo solo la stanchezza prevista e il gonfiore del fascino per la catena montuosa dell'Annapurna.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Svasso contro il tramonto, Rio Miranda, Pantanal, Brasile
Parchi Naturali
Passo da Lontra, Miranda, Brasile

Brasile sommerso a un passo dalla lontra

Siamo all'estremità occidentale del Mato Grosso do Sul, ma la boscaglia, da queste parti, è un'altra cosa. In un'estensione di quasi 200.000 km2, la Brasile appare parzialmente sommerso, da fiumi, torrenti, lagune e altre acque disperse in vaste pianure alluvionali. Nemmeno il caldo soffocante della stagione secca prosciuga la vita e la biodiversità dei luoghi e delle fattorie del Pantanal come quella che ci ha accolto sulle rive del fiume Miranda.
Bocca incandescente, Big Island Hawaii, Parco Nazionale dei Vulcani, fiumi di lava
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Big Island, Havai

Big Island delle Hawaii: Alla ricerca dei fiumi di lava

Ci sono cinque vulcani che fanno aumentare di giorno in giorno la grande isola delle Hawaii. Kilauea, la più attiva sulla faccia della Terra, rilascia costantemente lava. Nonostante questo, viviamo una sorta di epopea per intravederla.
Vista dalla cima del monte Vaea e la tomba, il villaggio di Vailima, Robert Louis Stevenson, Upolu, Samoa
personaggi
Upolu, Samoa

L'isola del tesoro di Stevenson

All'età di 30 anni, lo scrittore scozzese iniziò a cercare un posto che lo salvasse dal suo corpo maledetto. Ad Upolu e nei Samoani trovò un accogliente rifugio al quale diede il suo cuore e la sua anima.
Soccorso bagnante a Boucan Canot, Isola della Reunion
Spiagge
Reunion Island

Il melodramma balneare della riunione

Non tutte le coste tropicali sono ritiri piacevoli e corroboranti. Battuto da violente onde, minato da correnti insidiose e, peggio, teatro dei più frequenti attacchi di squali sulla faccia della Terra, quello di Isola della Riunione non riesce a garantire ai suoi bagnanti la pace e il piacere che bramano.
Capo Espichel, Santuario di Senhora do Cabo, Sesimbra,
Religione
Lagoa de Albufeira ao Capo Espichel, Sesimbra, Portogallo

Pellegrinaggio a un Capo di Culto

Dall'alto dei suoi 134 metri di altezza, Cabo Espichel rivela una costa atlantica tanto drammatica quanto sbalorditiva. Partendo dalla Lagoa de Albufeira verso nord, sotto la costa dorata, ci avventuriamo attraverso più di 600 anni di mistero, misticismo e venerazione del suo aparecida Nossa Senhora do Cabo.
Treno della Serra do Mar, Paraná, vista ariosa
Veicoli Ferroviari
Curitiba a Morretes, Paraná, Brasile

Paraná sotto, a bordo del Treno Serra do Mar

Per più di due secoli, solo una strada tortuosa e stretta collegava Curitiba alla costa. Finché, nel 1885, una società francese inaugurò una ferrovia di 110 km. L'abbiamo percorsa fino a Morretes, l'ultima stazione per i passeggeri oggi. A 40 km dal capolinea costiero originale di Paranaguá.
Pachinko Hall, Dipendenza da video, Giappone
Società
Tokyo, Giappone

Pachinko: Il video – Dipendenza che deprime il Giappone

All'inizio era un giocattolo, ma l'appetito di profitto del Giappone ha rapidamente trasformato il pachinko in un'ossessione nazionale. Oggi, 30 milioni di giapponesi si sono arresi a queste macchine da gioco alienanti.
Commercianti di frutta, Swarm, Mozambico
Vita quotidiana
Enxame, Mozambico

Area di servizio in stile mozambicano

Si ripete in quasi tutte le tappe nei paesi di Mozambico degno di apparire sulle mappe. o tubo tubolare (autobus) si ferma ed è circondato da una folla di impazienti uomini d'affari. I prodotti offerti possono essere universali, come acqua o biscotti, oppure tipici della zona. In questa regione, a pochi chilometri da Nampula, le vendite di frutta sono state successive, sempre piuttosto intense.
Parco Nazionale Etosha Namibia, pioggia
Animali selvatici
PN Etosha, Namibia

La vita lussureggiante della Namibia bianca

Una vasta distesa salata squarcia il nord della Namibia. Il Parco Nazionale Etosha che lo circonda si rivela un habitat arido ma provvidenziale per innumerevoli specie selvatiche africane.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.