Funchal, Madeira

Portale di un Portogallo quasi tropicale


Un mosaico vegetale
Motivi e colori dell'attributo più fotogenico del Giardino Botanico di Funchal.
Mercato degli agricoltori
L'eccentrica facciata del Mercado dos Lavradores do Funchal.
Frutta e ancora frutta
Una bancarella di frutta ben attrezzata nel Mercado de Lavradores di Funchal.
Puro rovere francese
Botti di rovere francese nella cantina Blandys.
Un Forte Bello e Giallo
La fortezza di São Tiago, sul lungomare del centro storico di Funchal.
Palazzo Monte
Tetti a punta del Monte Palace Hotel.
Vedere e Cattedrale
L'architettura mista della Cattedrale di Funchal, vista dal suo lato sud.
Messa Chiesa del Monte
I fedeli partecipano a una messa nella chiesa di Nª Srª do Monte do Funchal.
Anche Frutta Tropicale
Frutta in mostra al Mercado dos Lavradores, alcune delle quali tropicali, come la banana ananas di Madeira.
Isabella
Venditore di fiori in costumi tradizionali di Madeira.
L'estate di San Giacomo
I bagnanti prendono il sole e si divertono sulla spiaggia di São Tiago.
Piazza della Città Benedetta
Piazza dei taxi alla base della Chiesa di São João Evangelista.
Funivia sulla Zona Velha
La funivia passa sopra una delle strade del centro storico di Funchal.
Funivia sulla Zona Velha II
La funivia sta per arrivare alla sua stazione terminale.
Giardino del Palazzo del Monte
Cattedrale
Le forme umanizzano la facciata della Cattedrale di Funchal.
Funchal a Fogo
Case Funchal illuminate da luci artificiali e il tramonto a ovest.
Madeira si trova a meno di 1000 km a nord del Tropico del Cancro. E la lussureggiante esuberanza che le è valsa il soprannome di isola giardino dell'Atlantico emerge in ogni angolo della sua ripida capitale.

Diventa ancora più visibile quando il meteo costringe i sempre delicati atterraggi sulla pista dell'Aeroporto Cristiano Ronaldo ad essere effettuati da ovest verso est, in direzione di Ponta de São Lourenço.

In queste occasioni, sul lato destro della piana, l'approccio rivela l'ampio pendio in cui, nel corso dei secoli, si è allungata Funchal.

Anche fitte, le case della città punteggiano il verde circostante, con le dovute eccezioni, tanto più vivace e intenso quanto più a monte dell'isola.

Uno dei luoghi emblematici e imperdibili di Funchal, il Monte, illustra perfettamente il versante e il tropicalismo predominante.

La collina lussureggiante ma paesaggistica di Monte Palace

Lì ci siamo avventurati nella paesaggistica quasi-giungla del Monte Palace Madeira dove, in un'area di 70.000 m2 in cui si dice che si concentrino e proliferino più di 100.000 specie vegetali provenienti dai quattro angoli del mondo. mondo, di cicadee e proteine ​​da Sud Africa all'erica scozzese.

L'assortimento comprende anche le piante endemiche che compongono la complessa foresta di Madeira Laurissilva: felci, cedri, allori, tegole, fogliame, fichi e molti altri.

Di tutti i popoli indigeni, gli esuberanti massarocos riempiono la nostra misura.

Tra quelle straniere, le eleganti felci arboree (cyatea midollare), naturale da Australia, che da tempo si sono diffusi in tutta la Terra e fanno parte della flora del AzzorreChe Isole Canarie e, naturalmente, da Ilha Jardim.

Monte Palace Garden, Funchal, Madeira

Un visitatore ammira un angolo del Giardino di Palazzo Monte.

Da Charles Murray al comandante Berardo

Il proprietario originario di questa roccaforte, il console britannico Charles Murray (1777-1801), decise di intitolare la proprietà che acquistò alla fine del XNUMX° secolo, “Il piacere immobiliare” (Quinta do Prazer), molto diverso dall'austerità cattolica imposta dalla vicina chiesa di Nª Srª do Monte.

La superbia del santuario non intimidiva del tutto il console e Murray decise di migliorarlo finché poteva. Murray morì nel 1808 a Lisbona.

Nel 1897, Alfredo Guilherme Rodrigues, un commerciante di successo di Câmara de Lobo, decise di premiarsi con l'acquisizione della vecchia fattoria di Murray.

Dopo un viaggio all'Esposizione Internazionale di Parigi del 1900, Alfredo Guilherme tornò colpito dalla raffinatezza dei castelli sulle rive del Reno. Di conseguenza, costruì il proprio palazzo, poi trasformato nel Monte Palace Hotel, progetto che la sua famiglia in seguito scartò.

Monte Palace Garden Lake, Funchal, Madeira

Le linee impegnative del giardino di Monte Palace.

Quarantaquattro anni dopo, la proprietà finì in possesso dell'allora milionario, ora indebitato, il madeira José Berardo.

Berardo ha trasformato la fattoria in una specie di museo tropicale. Lo ha arricchito con la collezione di pannelli piastrellati che abbiamo esaminato, attraverso un percorso tortuoso e attraverso i grandi momenti della storia portoghese di seguito.

Lo ha anche dotato di sculture, alcuni dei Buddha e lanterne buddiste. Di stemmi, di nicchie e di laghi abitati da anatre, cigni e carpe nishikigoi.

Nonostante questo corredo, il palazzo continua ad essere il protagonista della tenuta, ben integrato nell'eccentricità vegetale e culturale circostante.

Tetti di Monte Palace, Monte Palace Garden, Funchal, Madeira

Tetti a punta del Monte Palace Hotel.

Alla scoperta degli altopiani di Funchal: Monte

Invece di lasciare lì il giardino, lo abbiamo esplorato in doppio, sul pendio del ritorno al punto di partenza. Lo lasciamo in cima che porta in via Largo da Fonte. Poche decine di metri a sinistra, ci troviamo ai piedi dell'Igreja do Monte.

A quest'ora il movimento alla base delle scale è limitato a quello di alcuni figli di Dio che discutono fuori dal ristorante Belo Monte, in una Madeira così chiusa da farci quasi sentire degli stranieri.

Siamo saliti al tempio. Quando sbirciamo all'interno della navata, ha luogo una messa. Dieci fedeli la seguono, attenti alla parola del Signore, trasmessa dal sacerdote all'altare.

Chiesa del Monte, Funchal, Madera

I fedeli partecipano a una messa nella chiesa di Nª Srª do Monte do Funchal.

Entrano altri due o tre, una suora se ne va. Per rispetto del nostro destino e del passaggio della luce, abbiamo seguito le loro orme, giù per i gradini.

Nel bel mezzo della Pandemia, il solito saliscendi di carri da basket e i loro percorsi lungo il pendio del ferrovia è stato sospeso.

Ai piedi della chiesa, troviamo i cestini immobilizzati, in verticale, nel parcheggio coperto a loro dedicato.

Un giardino botanico anche molto tropicale

Non potendo arrivarci, siamo passati dal rivale naturale del Palazzo Jardim Monte, il Giardino Botanico di Madeira Engº Rui Vieira. Lontano dalle 100.000 specie proclamate di Monte Palace, questo giardino vanta 2000 piante esotiche.

Senza spazio nel programma fotografico per contarli, ammiriamo soprattutto lo splendore del suo mosaico vegetale, al momento, curato da due impegnati giardinieri.

Giardino botanico, Funchal, Madeira

Motivi e colori dell'attributo più fotogenico del Giardino Botanico di Funchal.

Madeira è tutto un giardino che, come sostiene l'immaginario popolare, galleggia sull'Atlantico. Mentre scendiamo a Funchal, quasi al livello dell'oceano, continueremo a beneficiare della maggiore clorofilla della città.

Riprendiamo la nostra esplorazione in Praça do Município, sotto Rua dos Ferreiros, intorno alla Cattedrale e alla statua del nobile João Gonçalves Zarco (1390-1471), eletto dall'Infante D. Henrique a guidare l'insediamento di Madeira e il Porto Santo.

L'orto comunale e le strade boscose attigue

Nelle vicinanze, il Giardino Municipale di Funchal, altrimenti chiamato Jardim Dona Amélia, raccoglie ed espone ancora una volta alberi, piante e fiori dai quattro angoli del mondo. Anche se è il terzo che incrociamo, a Funchal il conteggio degli orti parte sempre dall'inizio.

Quasi in piena estate subtropicale, i fruttiferi in questa zona vendono ancora ciliegie, suggerendo mele candite, frutto della passione e le insolite banane ananas. Rispetto all'abbondanza nel sempre frenetico e sgargiante Mercado dos Lavradores, ciò che esibiscono sono semplici campioni.

Bancarella di frutta al Mercado dos Lavradores, Funchal, Madeira

Una bancarella di frutta ben attrezzata nel Mercado de Lavradores di Funchal.

Sempre sull'Av. Arriaga e su Rua do Aljube, una foresta di jacaranda e tipuana in fiore profuma l'atmosfera e ci regala un'ombra provvidenziale.

Cattedrale di Funchal. La fede in tutta la sua insulare grandezza

A miscuglio architettonico della Cattedrale, che D. Manuel fece costruire tra il 1510 e il 1515, dai tratti prevalentemente gotici ma anche barocchi, rococò, manieristi, mudéjar, alcuni definiti anche manuelini, ci incuriosisce.

Cattedrale, Funchal, Madera

Le forme umanizzano la facciata della Cattedrale di Funchal.

Per lo meno, come ci stupisce la famosa pala d'altare del suo presbiterio, complesso, dettagliato di intagli dorati e ricco di sculture lavorate da mani meticolose, dipinti ad olio su legno, sotto un soffitto realizzato interamente con legno di Madeira.

Incantati, in particolare, dalla prospettiva meridionale della chiesa, tropicalizzata da una palma proiettata da un atrio, ci siamo ostinati a trovare un punto di vista alto che ci rivelasse il tutto.

Cattedrale, Funchal, Madera

L'architettura mista della Cattedrale di Funchal, vista dal suo lato sud.

La persistenza ci affascina con un'incursione nella costruzione della Direzione delle informazioni geografiche e dei servizi catastali. Ci guida Marlene Pereira, “molto abituata alle visite di fotografi e giornalisti che lavorano a Funchal”, come ci assicura sotto forma di preambolo a un chiacchiericcio a cui ci concediamo senza riserve.

Abbiamo fotografato la cattedrale e i tetti, inizialmente appollaiati su un muro di terrazza. Poi dalle finestre dei piani sottostanti.

Orgogliosa della sua isola, Marlene insiste nel consigliarci i luoghi che più ammira e ci invita per un suo breve servizio fotografico, realizzato principalmente nel nebbioso nord di Fanal. Pochi giorni dopo, lì ci saremmo persi e abbagliati sul posto.

Fino ad allora, continuiamo a camminare lungo la tradizionale pavimentazione di Madeira, fatta di ciottoli di basalto nero, combinati con pietre bianche e persino rosa, intrecciate con un leggero rilievo, invece che su una superficie liscia, come si usa sulla terraferma.

In modo tale che, in uno dei giorni, contando 17.5 km di cammino intorno a Funchal, ci siamo resi conto che questa tenue asperità era anche responsabile di inaspettate vesciche ai piedi.

L'esclusivo vino di Madeira della famiglia Blandy

A metà del suo processo di gestazione, entriamo nella storica cantina Blandy's, l'unica famiglia dell'isola che, sette generazioni e più di due secoli dopo (1811), continua a possedere le destinazioni dell'azienda e la produzione ed esportazione dei suoi prodotti in tutto il mondo rinomato vino di Madeira.

Lì ci siamo arresi a una generosa degustazione dei nettari di Blandy, dal secco al più dolce, una scala in cui, arresi alla fetta di torta al miele inclusa, abbiamo finito per mescolare.

E lì ci siamo goduti l'atmosfera triste e l'aroma della quercia francese invecchiata e del verdelho dalle botti e dalla sala delle botti.

Adega Pipas Blandy, Funchal, Madera

Botti di rovere francese nella cantina Blandys.

Per molto tempo, a parte la fama extraplanetaria del fenomeno CR7, il vino di Madeira ha fatto maturare la notorietà dell'isola. Tuttavia, nella sua sfera popolare, la socializzazione del liquore dipende da un'altra bevanda.

Il poncha è il risultato di una miscela migliorata di brandy di canna da zucchero, scorza di limone e succo.

Con il tempo iniziò ad essere consumato in una miriade di varianti sempre più lontane dalla ricetta usata dai pescatori per riscaldarsi durante le fatiche e le notti fredde.

E l'onnipresente Poncha nella Città Vecchia e in tutta Funchal

Oggi, il settore di Funchal con la maggiore concentrazione di bar, taverne e, naturalmente, brocche di poncha rimane il suo centro storico, disposto attorno al luogo che accolse il villaggio alle origini della città.

Città Vecchia, Funchal, Madera

La funivia passa sopra una delle strade del centro storico di Funchal.

È in Zona Velha che incontriamo una coppia di amici in vacanza.

Ed è nelle taverne e nei bar del centro storico, intorno al nucleo religioso della secolare Capela do Corpo Santo e avanti e indietro lungo Rua de Santa Maria, che celebriamo questa riunione, con gol e brindisi di poncha.

Essendo antica, l'intera zona è stata ringiovanita con la serie di dipinti di strada che la decorano sempre più: Amália, il Piccolo Principe, un tuareg, pescatori di Madeira ai tavoli delle taverne, chissà se da lì.

Forse a metà della mattina dopo, con le spianate ancora chiuse, passeremo di nuovo di lì.

La Fortezza e la Spiaggia di São Tiago

Ad un certo punto, Rua de Santa Maria svela Rua Portão de São Tiago. E questa, la porta di una fortezza gialla difesa da quattro jalopie alla porta.

Abbiamo conquistato la vista dagli adarve sopra.

Su un'estensione marina, a volte di lastre di cemento, a volte di ciottoli naturali di Praia São Tiago.

Lì abbiamo potuto vedere la gente di Funchal che si è arresa alla benedizione del bagno nell'Atlantico, uno svago estivo non in linea con le difficoltà vissute lì nel corso della storia di Funchal.

Forte e spiaggia di São Tiago, Funchal, Madeira

La fortezza di São Tiago, sul lungomare del centro storico di Funchal.

Gravi battute d'arresto nella storia di Funchal

Più di ogni altra battuta d'arresto, l'attacco di 1566 corsari francesi, compiuto nel XNUMX, in seguito al saccheggio dell'isola di Madeira, terrorizzò i Madeirani. Porto Santo.

In questa occasione i Galli affrontarono una resistenza quasi simbolica. Senza troppi sforzi, presero il controllo di Funchal per quindici giorni e iniziarono a saccheggiare la città.

Così si comprende l'urgenza della costruzione del bel forte giallo che abbiamo continuato ad esaminare, inaugurato pochi anni dopo, nel pieno della dinastia filippina, completato nel 1614 e rinforzato con la fortezza che domina São João Baptista do Pico, dominando Pico dos Frias.

E il primo forte dell'isola, São Lourenço, ora trasformato in un palazzo-museo.

Poche dozzine di metri più in basso ea sud, il lungomare portuale attorno al porto turistico è stato dotato anche di nuovi spazi verdi e tropicali di cui gli abitanti di Funchal possono approfittare ogni volta che possono.

Là li superiamo, impegnati in corse e passeggiate accelerate, alcune delle quali sono così prolungate che usano il lungo molo di Pontinha come prolunga e punto di ritorno verso una terra più solida.

In uno di questi giorni, è da Pontinha che ci imbarchiamo per il Porto Santo.

Mentre il “Lobo Marinho” navigava nella baia, abbiamo ammirato l'arte con cui il tramonto e il crepuscolo hanno trasformato Funchal in una città verdeggiante in fiamme.

Crepuscolo su Funchal, Madeira

Case Funchal illuminate da luci artificiali e il tramonto a ovest.

Pico do Arieiro - Pico Ruivo, legno, Portogallo

Da Pico Arieiro a Pico Ruivo, sopra un mare di nuvole

Il viaggio inizia con un'alba sfolgorante a 1818 m, sopra il mare di nuvole che abbraccia l'Atlantico. Segue un'escursione tortuosa, in saliscendi che termina all'apice dell'isola lussureggiante di Pico Ruivo, a 1861 metri.
Ponta de São Lourenço, Madeira, Portogallo

L'East End, qualcosa di extraterrestre a Madeira

inospitale, dai toni ocra e dalla terra cruda, Ponta de São Lourenço appare spesso come la prima vista di Madeira. Quando la percorriamo, rimaniamo abbagliati soprattutto da ciò che non è la più tropicale delle isole portoghesi.
Paul do Mar a Ponta do Pargo a Achadas da Cruz, Madeira, Portogallo

Alla scoperta del Finisterre di Madeira

Curva dopo curva, tunnel dopo tunnel, arriviamo al soleggiato e festoso sud di Paul do Mar. Ci viene la pelle d'oca con la discesa verso il vertiginoso rifugio di Achadas da Cruz. Saliamo di nuovo e ammiriamo il promontorio finale di Ponta do Pargo. Tutto questo, nella parte occidentale di Madeira.
Ilheu de Cima, Porto Santo, Portogallo

La prima luce di coloro che navigano dall'alto

Fa parte del gruppo di sei isolotti intorno all'isola di Porto Santo, ma è ben lungi dall'essere solo uno in più. Nonostante sia la soglia orientale dell'arcipelago di Madeira, è l'isolotto più vicino alla popolazione di Porto. Di notte fa anche il tifoso che conferma la giusta rotta per le navi provenienti dall'Europa.
Porto Santo, Portogallo

Sia lodata l'Isola di Porto Santo

Scoperta durante una mareggiata in tempesta, Porto Santo resta un provvidenziale rifugio. Numerosi aerei che il tempo devia dalla vicina Madeira ne garantiscono l'atterraggio. Come ogni anno, migliaia di vacanzieri si arrendono alla morbidezza e all'immensità della spiaggia dorata e all'esuberanza del paesaggio vulcanico.
Sentiero Terra Chã e Pico Branco, Porto Santo

Pico Branco, Terra Chã e altri capricci di Ilha Dourada

Nel suo angolo nord-est, Porto Santo è qualcos'altro. Con le spalle rivolte a sud e verso la sua ampia spiaggia, scopriamo una costa montuosa, ripida e persino boscosa, piena di isolotti che punteggiano un Atlantico ancora più blu.
Isola Pico, Azzorre

Isola Pico: il vulcano delle Azzorre con l'Atlantico ai suoi piedi

Per un semplice capriccio vulcanico, la più giovane macchia delle Azzorre è proiettata all'altezza della roccia e della lava del territorio portoghese. L'isola di Pico ospita la sua montagna più alta e affilata. Ma non solo. È una testimonianza della resilienza e dell'ingegnosità delle Azzorre che hanno domato questa splendida isola e l'oceano che la circonda.
São Miguel, Azzorre

Isola di São Miguel: splendide Azzorre, per Natura

Una biosfera immacolata che le viscere della Terra modellano e riscaldano è esposta, a São Miguel, in formato panoramico. São Miguel è la più grande delle isole portoghesi. Ed è un'opera d'arte della Natura e dell'Uomo piantata nel mezzo del Nord Atlantico.
Di Santa Maria, Azzorre

Santa Maria: Isola Madre delle Azzorre Ce n'è solo una

Fu il primo dell'arcipelago ad emergere dal fondo dei mari, il primo ad essere scoperto, il primo e unico a ricevere Cristoforo Colombo e un Concorde. Questi sono alcuni degli attributi che rendono speciale Santa Maria. Quando l'abbiamo visitato, ne abbiamo trovati molti di più.
Isola Terceira, Azzorre

Isola di Terceira: viaggio attraverso un arcipelago delle Azzorre

Fu chiamata l'Isola di Gesù Cristo e da tempo irradia il culto del Divino Spirito Santo. È sede di Angra do Heroísmo, la città più antica e splendida dell'arcipelago. Ci sono solo due esempi. Gli attributi che rendono unica l'isola di Terceira sono impareggiabili.
Isola di Flores, Azzorre

I confini atlantici delle Azzorre e del Portogallo

Laddove, a ovest, anche sulla mappa le Americhe sembrano remote, Ilha das Flores ospita l'ultimo idilliaco-drammatico dominio delle Azzorre e quasi quattromila Florian si sono arresi all'abbagliante fine del mondo che li ha accolti.
Horta, Azzorre

La città che dà il nord all'Atlantico

La comunità mondiale dei velisti è ben consapevole del sollievo e della felicità di vedere la montagna di Pico e, quindi, Faial e l'accoglienza della baia di Horta e Peter Café Sport. La gioia non si ferma qui. Dentro e intorno alla città, ci sono case imbiancate a calce e un'ondata verdeggiante e vulcanica che abbaglia chiunque sia arrivato così lontano.
Castro Laboreiro, Portogallo  

Da Castro de Laboreiro a Raia da Serra Peneda - Gerês

Siamo arrivati ​​a (i) l'eminenza della Galizia, a 1000 m di altitudine e anche oltre. Castro Laboreiro e i paesi circostanti si stagliano contro la monumentalità granitica delle montagne e del Planalto da Peneda e Laboreiro. Così come le sue persone resilienti che, a volte affidate a Brandas a volte a Inverneiras, chiamano ancora casa questi paesaggi mozzafiato.
Sistelo, Peneda-Gerês, Portogallo

Dal "Piccolo Tibet portoghese" alle fortezze del mais

Lasciamo le scogliere di Srª da Peneda, ci dirigiamo ad Arcos de ValdeVez e ai villaggi che un erroneo immaginario ha chiamato Piccolo Tibet portoghese. Da questi villaggi terrazzati si passa ad altri famosi per custodire, come tesori d'oro e sacri, le spighe che raccolgono. Il percorso stravagante rivela la natura splendente e la fertilità verde di queste terre di Peneda-Gerês.
Gerês Fields -Terras de Bouro, Portogallo

Attraverso Campos do Gerês e Terras de Bouro

Continuiamo in un lungo tour a zigzag attraverso i domini di Peneda-Gerês e Bouro, dentro e fuori il nostro Parco Nazionale unico. In questa una delle zone più idolatrate del nord del Portogallo.
Montalegre, Portogallo

Attraverso Alto do Barroso, Cima di Trás-os-Montes

ci muoviamo da Terras de Bouro per quelli di Barroso. Con sede a Montalegre, partiamo alla scoperta di Paredes do Rio, Tourém, Pitões das Júnias e del suo monastero, splendidi villaggi in cima al confine di Portogallo. Se è vero che Barroso aveva già più abitanti, i visitatori non dovrebbero mancare.
Graciosa, Azzorre

Vostra Grazia a Gracious

Infine, sbarchiamo a Graciosa, la nostra nona isola delle Azzorre. Anche se meno drammatica e verde dei suoi vicini, Graciosa conserva un fascino atlantico tutto suo. Coloro che hanno il privilegio di viverla, traggono da quest'isola del gruppo centrale una stima che durerà per sempre.
Corvo, Azzorre

L'incredibile rifugio atlantico sull'isola di Corvo

17 km2 di un vulcano sommerso in una caldera verde. Un villaggio solitario basato su una fajã. Quattrocentotrenta anime accoccolate dalla piccolezza della loro terra e dallo sguardo del prossimo Flores. Benvenuti nella più impavida delle isole Azzorre.
São Jorge, Azzorre

Da Fajã a Fajã

Nelle Azzorre abbondano lembi di terra abitabile ai piedi di grandi scogliere. Nessun'altra isola ha tante fajãs come le oltre 70 della snella ed elevata São Jorge. Fu in loro che si stabilirono i jorgenses. Le loro indaffarate vite atlantiche si basano su di loro.
Valle del Furna, São Miguel

Il caldo delle Azzorre della Valle del Furnas

Siamo rimasti sorpresi, nell'isola più grande delle Azzorre, da una caldera tagliata da piccole fattorie, massiccia e profonda al punto da ospitare due vulcani, un'enorme laguna e quasi duemila abitanti di San Paolo. Pochi luoghi nell'arcipelago sono, allo stesso tempo, grandiosi e accoglienti come la verde e fumosa Vale das Furnas.
savuti, botswana, leoni mangiatori di elefanti
Safari
Savuti, Botswana

L'elefante che mangia i leoni di Savuti

Una parte del deserto del Kalahari si prosciuga o viene irrigata a seconda dei capricci tettonici della regione. A Savuti, i leoni si sono abituati a fare affidamento su se stessi e a depredare gli animali più grandi della savana.
Muktinath a Kagbeni, Circuito dell'Annapurna, Nepal, Kagbeni
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna 14 ° - Muktinath a Kagbeni, Nepal

Dall'altro lato della gola

Dopo l'impegnativa traversata del Thorong La, ci ritroviamo nell'accogliente villaggio di Muktinath. La mattina dopo siamo scesi. Sulla strada per l'antico regno dell'Alto Mustang e il villaggio di Kagbeni che funge da porta di accesso.
Architettura & Design
Cimiteri

L'ultima dimora

Dalle grandiose tombe di Novodevichy, a Mosca, alle ossa Maya inscatolate di Pomuch, nella provincia messicana di Campeche, ogni popolo vanta il suo modo di vivere. Anche nella morte.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
Aventura
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Controllo corrispondenza
Cerimonie e Feste
Rovaniemi, Finlândia

Dalla Lapponia finlandese all'Artico, Visita alla Terra di Babbo Natale

Stanchi di aspettare che il vecchio barbuto scendesse dal camino, abbiamo ribaltato la storia. Abbiamo approfittato di un viaggio nella Lapponia finlandese e siamo passati davanti alla sua casa nascosta.
Particolare del tempio di Kamakhya a Guwahati, Assam, India
Città
Guwahati, India

La città che adora Kamakhya e la fertilità

Guwahati è la città più grande dello stato dell'Assam e dell'India nord-orientale. È anche uno dei più veloci al mondo. Per gli indù e i devoti credenti nel Tantra, non sarà un caso che Kamakhya, la dea madre della creazione, sia adorata lì.
cibo
Margilan, Uzbekistan

Un capofamiglia dell'Uzbekistan

In uno dei tanti panifici di Margilan, sfinito dal calore intenso del forno tandyr, il fornaio Maruf'Jon lavora a metà come i diversi pani tradizionali venduti in tutto l'Uzbekistan
casco capillare
Cultura
Viti Levu, Fiji

Cannibalismo e capelli, vecchi passatempi di Viti Levu, Isole Fiji

Per 2500 anni, l'antropofagia ha fatto parte della vita quotidiana alle Fiji. Nei secoli più recenti, la pratica è stata adornata da un affascinante culto dei capelli. Per fortuna rimangono solo le vestigia dell'ultima moda.
arbitro di combattimento, combattimento di galli, filippine
sportivo
Filippine

Quando solo i combattimenti di galli risvegliano le Filippine

Banditi in gran parte del Primo Mondo, i combattimenti di galli prosperano nelle Filippine dove spostano milioni di persone e pesos. Nonostante i suoi problemi eterni è il Sabong che più stimola la nazione.
In viaggio
Lago Inle, Myanmar

Una piacevole sosta forzata

Nella seconda delle forature che abbiamo durante un giro intorno al Lago Inlé, aspettiamo che ci venga portata la bici con la gomma rattoppata. Al negozio lungo la strada che ci accoglie e ci aiuta, la quotidianità non si ferma.
Scenario marziano del deserto bianco, Egitto
Etnico
Deserto Bianco, Egitto

La scorciatoia egiziana per Marte

In un momento in cui la conquista del vicino del sistema solare è diventata un'ossessione, una parte orientale del deserto del Sahara ospita un vasto paesaggio correlato. Invece dei 150-300 giorni stimati necessari per raggiungere Marte, decollamo dal Cairo e, in poco più di tre ore, facciamo i primi passi nell'Oasi di Bahariya. Intorno, quasi tutto ci fa sentire il tanto agognato Pianeta Rosso.
arcobaleno nel Grand Canyon, un esempio di luce fotografica prodigiosa
Portfolio fotografico Got2Globe
Luce Naturale (parte 1)

E c'era Luce sulla Terra. Sapere come usarlo.

Il tema della luce in fotografia è inesauribile. In questo articolo, ti diamo alcune nozioni di base sul suo comportamento, per cominciare, solo e solo in termini di geolocalizzazione, ora del giorno e anno.
Garranos galoppa attraverso l'altopiano sopra Castro Laboreiro, PN Peneda-Gerês, Portogallo
Storia
Castro Laboreiro, Portogallo  

Da Castro de Laboreiro a Raia da Serra Peneda – Gerês

Siamo arrivati ​​a (i) l'eminenza della Galizia, a 1000 m di altitudine e anche oltre. Castro Laboreiro e i paesi circostanti si stagliano contro la monumentalità granitica delle montagne e del Planalto da Peneda e Laboreiro. Così come le sue persone resilienti che, a volte affidate a Brandas a volte a Inverneiras, chiamano ancora casa questi paesaggi mozzafiato.
Semina, Lombok, Mare di Bali, Isola della Sonda, Indonesia
Isole
Chili, Indonesia

Lombok. Il mare di Bali merita una sonda come questa

A lungo coperto dalla fama dell'isola vicina, resta da svelare lo scenario esotico di Lombok, sotto la sacra protezione del guardiano Gunung Rinjani, il secondo vulcano più grande dell'Indonesia.
lago ala juumajarvi, parco nazionale di oulanka, finlandia
bianco inverno
Kuusamo ao P.N. Oulanka, Finlândia

Sotto il freddo incantesimo dell'Artico

Siamo al 66º nord e alle porte della Lapponia. Da queste parti il ​​paesaggio bianco è di tutti e di nessuno come gli alberi innevati, il freddo atroce e la notte senza fine.
Lago Manyara, Parco Nazionale, Ernest Hemingway, Giraffe
Letteratura
PN Lago Manyara, Tanzania

L'Africa preferita di Hemingway

Situato all'estremità occidentale della Rift Valley, il Parco Nazionale del Lago Manyara è uno dei più piccoli ma incantevoli e ricchi di animali selvatici dalla Tanzania. Nel 1933, tra caccia e discussioni letterarie, Ernest Hemingway le dedicò un mese della sua travagliata vita. Raccontati questi avventurosi giorni di safari in "Le verdi colline dell'Africa".
I giovani camminano lungo la strada principale di Chame, Nepal
Natura
Circuito dell'Annapurna: 1° - Pokhara a ChameNepal

Finalmente in cammino

Dopo diversi giorni di preparazione a Pokhara, siamo partiti verso l'Himalaya. Il percorso pedonale può essere iniziato solo a Chame, a 2670 metri di altitudine, con le cime innevate della catena montuosa dell'Annapurna già in vista. Fino ad allora, abbiamo completato un preambolo doloroso ma necessario attraverso la sua base subtropicale.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Ribeiro Frio, Madera, Vereda dos Balcões,
Parchi Naturali
Parco Forestale di Ribeiro Frio, Madeira

Ribeiro Frio in Cima, sul Sentiero dei Balcões

Questa regione dell'interno alto di Madeira si occupa da molto tempo del ripopolamento della trota iridea dell'isola. Tra i vari sentieri e levadas che convergono nei suoi vivai, il Parque Florestal Ribeiro Frio nasconde panorami grandiosi su Pico Arieiro, Pico Ruivo e la valle della Ribeira da Metade che si estende fino alla costa settentrionale.
Scala del palazzo di Itamaraty, Brasilia, Utopia, Brasile
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Brasilia, Brasile

Brasilia: dall'utopia all'arena politica e capitale del Brasile

Fin dai tempi del marchese di Pombal si parlava di trasferire la capitale nell'entroterra. Oggi, la città chimera continua a sembrare surreale ma detta le regole dello sviluppo brasiliano.
Ooty, Tamil Nadu, Scenario di Bollywood, Look da rubacuori
personaggi
Ooty, India

Nella cornice quasi ideale di Bollywood

Il conflitto con il Pakistan e la minaccia del terrorismo hanno reso le riprese in Kashmir e Uttar Pradesh un dramma. In Ooty, possiamo vedere come questa ex stazione coloniale britannica abbia assunto il ruolo di primo piano.
Daytona Beach Portico, la spiaggia più famosa dell'anno, in Florida
Spiagge
Daytona Beach, Florida, Stati Uniti

La Cosiddetta Spiaggia più Famosa del Mondo

Se la sua notorietà deriva principalmente dalle gare NASCAR, a Daytona Beach troviamo una peculiare località balneare e una spiaggia vasta e compatta che, in tempi passati, veniva utilizzata per le prove di velocità delle auto.
Candia, Dente di Buddha, Ceylon, lago
Religione
Kandy, Sri Lanka

Incursione nella Radice Dentale del Buddismo Singalese

Situata nel cuore montuoso dello Sri Lanka, alla fine del XV secolo Kandy divenne la capitale del regno dell'antico Ceylon, che resistette ai successivi tentativi coloniali di conquista. Divenne anche il suo nucleo buddista, a cui continua a contribuire il fatto che conservi un sacro dente del Buddha.
Una storia di trenino
Veicoli Ferroviari
Siliguri a Darjeeling, India

Il trenino himalayano funziona ancora seriamente

Né la forte pendenza di alcuni tratti né la modernità lo fermano. Da Siliguri, alle pendici tropicali della grande catena montuosa asiatica, a Darjeeling, con le sue cime in vista, il più famoso dei trenini indiani regala, giorno dopo giorno, un arduo viaggio da sogno. Percorrendo la zona, ci imbarchiamo e ci lasciamo incantare.
Magome a Tsumago, Nakasendo, Way Medieval Japan
Società
Magome Tsumago, Giappone

Da Magome a Tsumago: il percorso sovraffollato per il Giappone medievale

Nel 1603 lo shogun Tokugawa dettò il rinnovamento di un antico sistema stradale. Oggi, il tratto più famoso della strada che collegava Edo a Kyoto è attraversato da una folla desiderosa di fuggire.
il proiezionista
Vita quotidiana
Sainte-Luce, Martinique

Un sano proiezionista

Dal 1954 al 1983 Gérard Pierre ha proiettato molti dei famosi film che sono arrivati ​​in Martinica. A 30 anni dalla chiusura della stanza dove lavorava, era ancora difficile per questo nativo nostalgico cambiare bobina.
Rhino, PN Kaziranga, Assam, India
Animali selvatici
PN Kaziranga, India

La roccaforte del Monoceros indiano

Situato nello stato dell'Assam, a sud del grande fiume Brahmaputra, PN Kaziranga occupa una vasta area di palude alluvionale. Lì, due terzi del rinoceronte unicornis nel mondo, tra circa 100 tigri, 1200 elefanti e molti altri animali. Pressato dalla vicinanza umana e dall'inevitabile bracconaggio, questo prezioso parco non ha saputo proteggersi dalle iperboliche inondazioni monsoniche e da alcune polemiche.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.