Fuerteventura, isole Canarie, Spagna

La (a) Atlantic Ventura de Fuerteventura


Vista dalla cima di El Islote
Playa Cofete divisa in due irresistibili baie viste dalla cima di El Islote.
Scultura di capra di Sicasumbre
Omaggio alle capre majoreras dell'artista dell'isola majorero Juan Miguel Cubas.
passeggiata solitaria
Resident cammina attraverso una vastità inospitale tra il faro di Jandía e Puerto de La Cruz.
Verso Caffè
Strada tortuosa che conduce dalla costa sud-orientale al punto panoramico su Playa Cofete e la costa sud-occidentale di Fuerteventura.
Costa sudoccidentale e spiaggia di Cofete
Uno degli angoli più incontaminati di Fuerteventura, il versante sud-ovest e la lunga spiaggia di Cofete.
El Puertito
Veduta della frazione costiera di Puerto de La Cruz, meglio conosciuta come El Puertito.
pascolo ruvido
Le capre pascolano sulla distesa sassosa di un recinto.
candele negli alisei
I windsurfisti planano sull'Oceano Atlantico turchese al largo di Jandía.
Atlantico occidentale
Le onde si infrangono sulla vasta sabbia di Playa Cofete.
il tessitore
Filipe Marrero Frances, artigiano che mostra l'arte majorera della tessitura nella casa-museo di Santa Maria.
La verde secchezza del Cofete
Uno dei tanti cactus rigogliosi che emergono dal pendio sassoso di Cofete.
I romani conoscevano le Canarie come le isole fortunate. Fuerteventura, conserva molti degli attributi di quel tempo. Le sue spiagge perfette per il windsurf e kitesurf o semplicemente per fare il bagno giustificano successive “invasioni” dei popoli affamati di sole del nord. Nell'interno vulcanico e aspro, resiste il bastione delle culture indigene e coloniali dell'isola. Abbiamo iniziato a svelarlo lungo la sua lunga lunghezza meridionale.

Non abbiamo modo di sfuggirgli. Dal primo momento in cui lasciamo Caleta de Fuste in direzione sud, si ripetono le rotonde che, nel paesaggio arido e aperto, svolgono la loro funzione di far scorrere il traffico insulare.

Siamo in bassa stagione.

Fuerteventura è la seconda isola più grande delle Canarie e la più vicina all'Africa. Il Capo Marocchino di Juby si trova a 100 km dalla sua costa orientale. Alla moda del Sahara, appena a est, il cielo rimane azzurro. Anche al mattino presto, la grande stella riscalda la nostra pelle e attiva le nostre anime come esploratrici.

Abbiamo superato Tarajalejo e La Lajita. Entriamo nel tipo di stivale che chiude Fuerteventura a sud-ovest. La parte superiore della sua canna si scontra con la scena che ci stavamo lasciando alle spalle. È riempito da un istmo sovraccarico di dune e grandi erg che ci impediscono di vedere la costa sopravvento.

Senza che ce lo aspettassimo, la strada FV-2 che stavamo percorrendo finisce in un tratto di autostrada che avanza ai piedi di quel regno di sabbie.

La vastità marina-desertica di Jandia

Qua e là intravediamo i panorami marini delle successive Playas de Jandía. Uno di questi scorci rivela una penisola troppo splendente per essere ignorata. Anche se la prossima uscita ha il nome sospetto di Mal Nombre, lo prendiamo.

Sulla strada litoranea utilizzata prima dell'avvento dell'autostrada, incontriamo il Mirador del Salmo. Da lì, sveliamo una penisola di sabbia quasi piramidale che si dissolve in un mare color smeraldo e, a maggiore distanza e profondità, blu petrolio.

Windsurf, Fuerteventura, Isole Canarie, Spagna

I windsurfisti planano sull'Oceano Atlantico turchese al largo di Jandía.

In lontananza, un'armata zigzagante di windsurfisti e kitesurfisti solcalo. Gli alisei furiosi che il Sahara emette sull'Atlantico ci soffiano, con una tale brutalità che, spesso, i praticanti non li sopportano e cadono a terra con un clamore.

Abbiamo apprezzato quel panorama surreale e il movimento nautico, che il grande oceano e le montagne del nord dell'isola sullo sfondo rendevano ancora più trascurabile. Venti minuti dopo, eravamo di nuovo in strada.

Da Playa de Butihondo a sud, aumenta la concentrazione delle località balneari e dell'entroterra lungo la strada costiera.

Morro Jable - Una colonia germanica ai margini dell'asfalto

Le Canarie – e Fuerteventura in particolare – ospitano scambi che per alcuni paesi sono quasi dei campi di villeggiatura. La zona in cui siamo entrati era, senza dubbio, teutonica. "Deutscher Arzt Zahnarzt”, annuncia un cartello sopra una passeggiata sul lungomare, una delle tante altre perché ci siamo incrociati.

Il dominio dell'erg è stato lasciato indietro. Eravamo ai piedi sottovento delle ultime montagne meridionali dell'isola. I tedeschi, ma non solo, vi avevano insediato una quasi conurbazione di resort, hotel, aparthotel e simili che lasciava solo spazio al faro di Matorral e alle vaste sabbie a nord ea sud.

Ad ogni dosso della strada, ad ogni salita e discesa, ci trovavamo di fronte a nuovi complessi alberghieri e residenziali. Alcuni obiettivi. Altri, con colori simili o più vividi di quelli della complessa geologia vulcanica dell'isola: giallo bruno, arancio, ocra e toni caldi di questo tipo.

In ogni caso, abbiamo sempre considerato Morro Jable un semplice riferimento, un punto di passaggio verso la roccaforte costiera che abbiamo stimato nell'immaginario come la più incontaminata e imponente di Fuerteventura.

Strada per Cofete, Fuerteventura, Isole Canarie, Spagna

Strada tortuosa che conduce dalla costa sud-orientale al punto panoramico su Playa Cofete e la costa sud-occidentale di Fuerteventura.

Per arrivarci abbiamo detto addio una volta per tutte a Morro Jable e all'asfalto. Abbiamo seguito una strada di ghiaia e pietra che non ci ha messo molto a girare e salire sulla montagna.

A poco a poco si risale dal livello del mare sottovento fino alla cresta della piccola catena montuosa che divide a metà il fondo dello stivale di Fuerteventura. Abbiamo superato capre nutrite con il loro cibo e nuove colonie di cactus rigidi e verdi.

Un'autocisterna dell'Ayuntamento de Pájara irriga la strada per ammorbidire il pavimento abrasivo e ridurre per qualche tempo la polvere rilasciata.

La vista surreale della costa sud-occidentale e la spiaggia infinita di Cofete

Curva dopo curva, il più velocemente possibile, abbiamo raggiunto l'inconfondibile cima del belvedere Cofete. Da quell'altezza, nuovamente esposti ai furiosi alisei, siamo stati abbagliati dall'asprezza dello scenario protetto del Parco Naturale di Jandia, sul versante opposto a quello da cui eravamo saliti.

Cofete Beach, Fuerteventura, Isole Canarie, Spagna

Uno degli angoli più incontaminati di Fuerteventura, il versante sud-ovest e la lunga spiaggia di Cofete.

Da quel momento in poi, a perdita d'occhio, un lungo pendio striato color ocra scese con inaspettata levigatezza dalle successive cime vulcaniche fino a cedere il posto alla sabbia che lo separava dall'oceano.

Lanciato da nord, questo Atlantico si rivelò molto più selvaggio di quello che bagnava l'isola a sud. Abbiamo ancora intravisto quello che pensavamo fosse il bordo sud-occidentale dell'istmo di sabbia che avevamo attraversato fuori dall'autostrada.

Abbiamo attraversato senza incidenti il ​​tratto più stretto e vertiginoso del sentiero. Quindi scendiamo ai piedi sabbiosi della montagna.

L'intera vasta spiaggia alla base del pendio si chiamava Cofete. Non solo spiaggia.

È stato preceduto da Casas de Cofete, una cittadina metà murata e metà riparata, con soli 25 abitanti – diversi allevatori di capre – fino a un cimitero e – molto più utile per i visitatori provenienti dalla parte urbanizzata dell'isola – un piccolo bar che serviva capelli bianchi, majorero e altre specialità. Ma eravamo lì sulla spiaggia di Cofete.

Playa Cofete, Fuerteventura, Isole Canarie, Spagna

Le onde si infrangono sulla vasta sabbia di Playa Cofete.

Abbiamo parcheggiato. Districhiamo le gambe. Contempliamo la cruda bellezza di quella costa selvaggia. Corriamo al mare, ci tuffiamo e, sulla via del ritorno, ci rilassiamo al sole.

El Islote: Cofette divisa in due metà irresistibili

Poco dopo iniziammo una lunga passeggiata che ci portò quasi all'estremità opposta della spiaggia. Ci siamo fermati solo a El Islote, un grande scoglio ai margini della risacca, accessibile da una striscia di sabbia che segnava un confine. Siamo saliti su quella ruvida isola di Islote.

Dall'alto, possiamo vedere che la lingua di sabbia divideva parte dell'infinito Cofete in due baie quasi simmetriche, arrotondate e seducenti. In uno ondeggiavano acque color smeraldo.

Nell'altro, un mare più turchese. Sdraiato tra loro, un nudista "evaso" e abbronzato si è goduto quel dono del bagno. Negli spazi lunghi passavano coppie che non resistevano al bagno. Questo è quello che abbiamo fatto di nuovo.

Spiaggia di El Cofete dalla cima di El Islote, Fuerteventura, Isole Canarie, Spagna

Playa Cofete divisa in due irresistibili baie viste dalla cima di El Islote.

Con l'avanzare della mattina, abbiamo camminato per 4 km fino alla macchina e siamo tornati sul versante sud. Allunghiamo il percorso fino alla punta dello stivale dell'isola, contrassegnata dal faro di Punta Jandía. Apprezziamo e fotografiamo il persone di Puerto de la Cruz, formato da quelli che potrebbero essere grandi blocchi di lego bianchi.

Porto de la Cruz. il pittoresco porto Bianco

Vedendolo, candido, a cavallo tra l'oceano blu e le montagne vulcaniche dantesche, ci rendiamo conto perché gli abitanti di queste parti lo affezionano così tanto e lo chiamano Puertito.

Puerto de la Cruz, Isole Canarie, Spagna

Veduta della frazione costiera di Puerto de La Cruz, meglio conosciuta come El Puertito.

A quel punto, ci stava raggiungendo dal retro di Fuerteventura. Torniamo a Morro Jable. Rientriamo nel massiccio quasi principale dell'isola. Ci addentriamo nel suo nucleo arido e montuoso, puntando verso Pájara.

Come ci si poteva aspettare, non possiamo arrivarci senza meravigliarci e fermarci di nuovo.

Stavamo risalendo la strada FV-605 verso est quando, in uno di questi meandri, le forme drammatiche del monte Cardón ci prendono d'assalto. Abbiamo parcheggiato nelle vicinanze. Un balcone adiacente rivela un deserto dai toni pastello, scolpito con ves, dossi e depressioni che hanno preceduto una catena montuosa più lontana.

La finestra sullo spazio di Fuerteventura

Dal nulla, un corvo atterra di fronte a noi. Ci strilla, come per rivendicare il possesso dei suoi domini. Chiunque fossero, le autorità di Fuerteventura si erano assicurate di collegarli ad altre galassie.

Crow ai piedi dell'osservatorio spaziale Sicasumbre, Fuerteventura, Isole Canarie, Spagna

Corvo sul ciglio della strada, ai piedi dell'Osservatorio spaziale Sicasumbre.

Un breve sentiero ci porta in cima. In questa cima troviamo il Mirador Astronomico de Sicasumbre, una base terra-terra installata lì perché Fuerteventura fa parte della Starlight Reserve, per avere una delle migliori notti sul Pianeta Blu per osservare le stelle.

Mancavano ancora poche ore al tramonto. Ci accontentiamo di ammirare lo scenario serale, qualcosa di extraterrestre che ci circonda, e le sculture di capre dell'artista. Majorero Juan Miguel Cubas.

Opera presso l'Osservatorio spaziale Sicasumbre, Fuerteventura, Isole Canarie, Spagna

Omaggio alle capre majoreras dell'artista dell'isola majorero Juan Miguel Cubas.

Ci imbattiamo nella piccola città storica di Pájara nel bel mezzo del pomeriggio e con poca vita. Abbiamo dedicato un quarto d'ora all'insolita facciata tripartita della sua Iglésia de la Virgen de Regla e alla piazza con giardino che la circondava. Non appena abbiamo potuto, ci siamo diretti a Betancuria.

Quando i crociati normanni sono qui per restare

I primi abitanti delle Canarie e di Fuerteventura arrivarono dal Nord Africa. Dopo diverse spedizioni portoghesi e spagnole nelle isole nel XIV secolo, Fuerteventura accolse due regni tribali Guanche (popoli indigeni di origine berbera) divisi da un muro di 6 km. Il regno meridionale di Jandía arrivò fino a La Pared. Maxorata, il rivale, occupò il resto dell'isola.

Nel 1402 arrivarono i Normanni Jean de Béthencourt e Gadifer de la Salle, al comando di appena 63 marinai che resistevano a una diserzione e alterarono l'antico ordine. Hanno fatto di Lanzarote la loro base. Da Lanzarote, occupò altre isole. Fuerteventura era la più vicina.

Superate alcune difficoltà iniziali, ottennero l'appoggio della Castiglia e, nel 1405, completarono la conquista. Fondarono quindi, sulla costa occidentale, Betancuria, il primo insediamento europeo sull'isola.

Betancuria, Fuerteventura, Isole Canarie, Spagna

Case bianche e per lo più secolari a Betancuria, la prima capitale di Fuerteventura.

Dopo una complessa convalida pontificia, fu attuato il dominio coloniale europeo di Fuerteventura. La popolazione aumentò ma le fortificazioni contro i nemici berberi ei pirati si rivelarono insufficienti.

Nel 1593 un'invasione berbera devastò la città. Anche parzialmente ricostruita, nel 1834 Betancuria perse lo status di capitale a favore di Puerto del Rosario. È entrato in una fase di stasi e decadimento da cui si è ripreso solo di recente.

"Quello è quasi tutto tedesco!" poi ci assicura la receptionist dell'Ecomuseo de la Alcogida. “Fu lui che si interessò, acquistò e recuperò la maggior parte degli edifici e fece della città l'attrazione che è oggi”.

Betancuria: la genesi coloniale di Fuerteventura

Infatti, i visitatori di Fuerteventura che sono veramente interessati alla sua storia e cultura hanno solo una strada da percorrere: passare per Betancuria. Nel momento in cui entriamo, la piazza della Chiesa Madre di Santa Maria ed i vicoli intorno sono investiti da un dolce sole. Tenendo presente il normale flusso delle ore di punta, in alta stagione rimangono molto percorribili.

Chiesa cattedrale di Santa Maria in Betancuria, Fuerteventura, Isole Canarie, Spagna

Una coppia cammina sul sagrato della cattedrale di Santa Maria, a Betancuria.

Entriamo nella casa-museo di Santa Maria. Ci siamo goduti un video che mostra la fatica di un allevatore di capre nel duro ambiente in cui vive e le raduna. Accanto, Felipe, un uomo della sua età, lavora al telaio. Lo guardiamo e chiediamo se possiamo fotografarlo.

All'inizio è timido, ma appena iniziamo la conversazione sprigioniamo una disinvoltura reciproca e un chiacchiericcio intricato quasi quanto i fili e i lacci della coperta del parroco majorera che, secondo lui, ci sarebbero voluti venti giorni per essere completata. “Sai che ho insegnato a un'attrice del film "Esodo" (Ridley Scott, 2014) chi è stato filmato mentre tessere qui?"

Tessitore della casa-museo di Santa Maria, Betancuria, Fuerteventura, Isole Canarie, Spagna

Filipe Marrero Frances, artigiano che mostra l'arte majorera della tessitura nella casa-museo di Santa Maria.

"Sul serio? Quella era la tua missione biblica!” gli abbiamo risposto, anche se siamo rimasti stupiti da quello che ci diceva, in tono semi-scherzoso, e abbiamo generato una risata condivisa. “Dovevi essere lì nella mia terra (Tuinaje) era il 13 ottobre.

Stavano andando a vedere una vera festa! Organizziamo la Fiesta Jurada lì, sai?

Abbiamo messo in scena quella volta in cui i pirati ci hanno attaccato e abbiamo resistito con tutti i mezzi e poi con alcuni”. Non è solo questa tua sfida che ci spinge a tornare.

Fuerteventura si è rivelata un vecchio mondo insulare in cui abbiamo lasciato quasi tutto da scoprire.

 

BINTER CANÁRIAS OPERA VOLI DIRETTI DA LISBONA A TENERIFE E GRAN CANARIA IL GIOVEDI' E LA DOMENICA. DA QUESTE ISOLE PUOI VOLARE CON BINTER CANARIES A FUERTEVENTURA O ALTRE ISOLE DELL'ARCIPELAGO CANARIE.

Fuerteventura, Isole Canarie

Fuerteventura - Isole Canarie e Time Raft

Una breve traversata in traghetto e sbarchiamo a Corralejo, nell'angolo nord-est di Fuerteventura. Con Marocco e Africa a soli 100 km di distanza, ci perdiamo nella meraviglia di scenari desertici, vulcanici e postcoloniali unici.
Vegueta, Gran canaria, Isole Canarie

Intorno al cuore delle Canarie reali

L'antico e maestoso quartiere di Vegueta de Las Palmas spicca nella lunga e complessa ispanizzazione delle Isole Canarie. Dopo un lungo periodo di spedizioni signorili, vi iniziò la conquista finale di Gran Canaria e delle altre isole dell'arcipelago, sotto il comando dei monarchi di Castiglia e Aragona.
Gran canaria, Isole Canarie

Gran (diosa) Canaria (s)

È solo la terza isola più grande dell'arcipelago. Ha impressionato così tanto i navigatori e i coloni europei che si sono abituati a considerarlo supremo.
Santa Cruz La Palma, Isole Canarie

Un viaggio nella storia di Santa Cruz de La Palma

Iniziò come una semplice Villa del Apurón. Secolo è arrivato. Nel XVI secolo, la città non solo aveva superato le sue difficoltà, ma era già la terza città portuale più grande d'Europa. Erede di questa benedetta prosperità, Santa Cruz de La Palma è diventata una delle capitali più eleganti delle Isole Canarie.
La Graciosa, isole Canarie

La più graziosa delle Isole Canarie

Fino al 2018, la più piccola delle Canarie abitate non contava nell'arcipelago. Sbarcati a La Graciosa, scopriamo il fascino insulare dell'ormai ottava isola.
La Palma, Isole Canarie

L'Isla Bonita delle Canarie

Nel 1986, Madonna Louise Ciccone pubblicò un successo che rese popolare l'attrazione esercitata da a isola immaginario. Ambergris Caye, Belize, ha raccolto benefici. Da questa parte dell'Atlantico, il Palmeros ecco come vedono la loro vera e abbagliante Canaria.
El Hierro, Isole Canarie

L'orlo vulcanico delle Canarie e il Vecchio Mondo

Fino all'arrivo di Colombo nelle Americhe, El Hierro era visto come la soglia del mondo conosciuto e, per un certo periodo, il meridiano che lo delimitava. Mezzo millennio dopo, l'ultima isola occidentale delle Canarie ribolle di esuberante vulcanismo.
PN Timanfaya, Lanzarote, Isole Canarie

PN Timanfaya e le montagne di fuoco di Lanzarote

Tra il 1730 e il 1736, dal nulla, decine di vulcani a Lanzarote eruttarono in successione. L'enorme quantità di lava che rilasciarono seppellì diversi villaggi e costrinse quasi la metà degli abitanti ad emigrare. L'eredità di questo cataclisma è l'attuale scenario marziano dell'esuberante PN Timanfaya.
Tenerife, Isole Canarie

A est dell'isola di White Mountain

La quasi triangolare Tenerife ha il suo centro dominato dal maestoso vulcano Teide. Alla sua estremità orientale, c'è un altro aspro dominio, tuttavia, sede della capitale dell'isola e di altre città inevitabili, foreste misteriose e incredibili coste scoscese.
Lanzarote, isole Canarie

A César Manrique ciò che appartiene a César Manrique

Di per sé, Lanzarote sarebbe sempre una Canarie a sé stante, ma è quasi impossibile esplorarla senza scoprire il genio irrequieto e attivista di uno dei suoi figli prodighi. César Manrique è morto quasi trent'anni fa. La prolifica opera che ha lasciato in eredità risplende sulla lava dell'isola vulcanica dove è nato.
La Palma, Isole CanarieSpagna

Il più mediatico dei cataclismi che accadrà

La BBC ha riferito che il crollo di un pendio vulcanico sull'isola della Palma potrebbe generare un mega tsunami. Ogni volta che l'attività vulcanica nell'area aumenta, i media colgono l'occasione per spaventare il mondo.

Matarraña ad Alcanar, Spagna

Una Spagna medievale

Percorrendo le terre di Aragona e Valencia, incontriamo torri e merli sottolineati da case che riempiono i pendii. Miglio dopo miglio, questi luoghi si stanno rivelando tanto anacronistici quanto affascinanti.

Da Valencia a Xativa, Spagna

Dall'altra parte dell'Iberia

Lasciando da parte la modernità di Valencia, esploriamo gli ambienti naturali e storici che la "comunidad" condivide con il Mediterraneo. Più viaggiamo, più siamo sedotti dalla sua vita sfarzosa.

Tenerife, Isole Canarie

Il vulcano che infesta l'Atlantico

A 3718 m, El Teide è il tetto delle Canarie e della Spagna. Non solo. Se misurato dal fondo dell'oceano (7500 m), solo due montagne sono più pronunciate. Gli indigeni Guanche la consideravano la dimora di Guayota, il loro diavolo. Chiunque viaggi a Tenerife sa che il vecchio Teide è ovunque.
Lanzarote, Isole Canarie, Spagna

La Zattera di Basalto di José Saramago

Nel 1993, frustrato dal disprezzo del governo portoghese per il suo lavoro “Il Vangelo secondo Gesù Cristo”, Saramago si trasferì con la moglie Pilar del Río a Lanzarote. Di ritorno in questa isola delle Canarie un po' extraterrestre, abbiamo ritrovato la nostra casa. E il rifugio dalla censura a cui lo scrittore si trovò condannato.
Esteros del Iberá, Pantanal Argentina, Alligatore
Safari
Esteros del Iberá, Argentina

Il Pantanal della Pampa

Sulla mappa del mondo, a sud di famosa zona umida brasiliana, emerge una regione allagata poco conosciuta ma quasi altrettanto vasta e ricca di biodiversità. L'espressione guaranì e sarà la definisce “acque splendenti”. L'aggettivo si adatta più della sua forte luminanza.
Bandiere di preghiera a Ghyaru, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 4° – Upper Pisang a Ngawal, Nepal

Da incubo a Dazzle

A nostra insaputa, siamo di fronte a un'ascesa che ci porta alla disperazione. Abbiamo spinto le nostre forze al limite e abbiamo raggiunto Ghyaru dove ci siamo sentiti più vicini che mai all'Annapurna. Il resto della strada per Ngawal sembrava una sorta di estensione della ricompensa.
Teatro musicale e sala espositiva, Tbilisi, Georgia
Architettura & Design
Tbilisi, Georgia

Georgia ancora con Perfume the Rose Revolution

Nel 2003, una rivolta politico-popolare ha causato l'inclinazione della sfera di potere in Georgia da est a ovest. Da allora, la capitale Tbilisi non ha rinnegato i suoi secoli di storia sovietica, né il suo presupposto rivoluzionario di integrazione in Europa. Quando visitiamo, siamo abbagliati dall'affascinante mix delle loro vite passate.
Barche sul ghiaccio, isola di Hailuoto, Finlandia
Aventura
A forma di squalo, Finlândia

Un rifugio nel Golfo di Botnia

Durante l'inverno, l'isola di Hailuoto è collegata al resto della Finlandia dalla strada di ghiaccio più lunga del paese. La maggior parte dei suoi 986 abitanti apprezza soprattutto la distanza che l'isola concede loro.
Processione ortodossa
Cerimonie e Feste
Suzdal, Russia

Secoli di devozione a un devoto monaco

Eutimio era un asceta russo del XIV secolo che si diede anima e corpo a Dio. La sua fede ha ispirato la religiosità di Suzdal. I fedeli della città lo venerano come il santo che è diventato.
Forte di San Louis, Fort de France-Martinique, Antihas francese
Città
Fort-de-France, Martinique

Libertà, Bipolarità e Tropicalità

Nella capitale della Martinica si conferma un'affascinante estensione caraibica del territorio francese. Lì, i rapporti tra i coloni ei discendenti indigeni degli schiavi danno ancora origine a piccole rivoluzioni.
Mercato del pesce di Tsukiji, tokyo, giappone
cibo
Tokyo, Giappone

Il mercato del pesce che ha perso freschezza

In un anno, ogni giapponese mangia più del suo peso di pesce e crostacei. Dal 1935 una parte considerevole è stata lavorata e venduta nel più grande mercato ittico del mondo. Tsukiji è stato terminato nell'ottobre 2018 e sostituito da Toyosu's.
Efate, Vanuatu, trasferimento a "Congoola/Lady of the Seas"
Cultura
Efate, Vanuatu

L'isola sopravvissuta "Survivor"

Gran parte di Vanuatu vive in uno stato benedetto post-selvaggio. Forse per questo, Reality show in cui competono aspiranti candidati Robinson Crusoe si stabilirono uno dopo l'altro sulla loro isola più accessibile e famigerata. Già un po' stordita dal fenomeno del turismo convenzionale, anche Efate ha dovuto resistergli.
Spettatore, Melbourne Cricket Ground-Regole di calcio, Melbourne, Australia
sportivo
Melbourne, Australia

Calcio dove gli australiani regolano le regole

Sebbene praticato dal 1841, il football australiano conquistò solo una parte della grande isola. L'internazionalizzazione non è mai andata oltre la carta, frenata dalla concorrenza del rugby e del calcio classico.
metodi di pagamento in viaggio, shopping all'estero
In viaggio
Viaggiare non costa

Il prossimo viaggio, non far volare i tuoi soldi

Non solo il periodo dell'anno e l'anticipo con cui prenotiamo voli, soggiorni, ecc. influiscono sul costo di un viaggio. I metodi di pagamento che utilizziamo in tutte le destinazioni possono fare una grande differenza.
Isola del nord, Nuova Zelanda, Maori, Meteo surf
Etnico
Isola del nord, Nova Zelândia

Viaggio lungo il sentiero della maggioranza

La Nuova Zelanda è uno dei paesi in cui i discendenti di coloni e nativi si rispettano di più. Mentre esploravamo la sua Isola del Nord, abbiamo appreso della maturazione interetnica di questa nazione Repubblica come maori e polinesiano.
Veduta dell'isola di Fa, Tonga, ultima monarchia polinesiana
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Segni esotici di vita

Promettere?
Storia
Goa, India

A Goa, Veloce e Forte

Un'improvvisa voglia di eredità tropicale indo-portoghese ci fa viaggiare con vari mezzi di trasporto ma quasi senza soste, da Lisbona alla famosa spiaggia di Anjuna. Solo lì, a caro prezzo, potremmo riposare.
Solostsky autunnale
Isole
Isole Soloveckie, Russia

L'Isola Madre dell'Arcipelago Gulag

Ospitò uno dei più potenti domini religiosi ortodossi in Russia, ma Lenin e Stalin lo trasformarono in un gulag. Con la caduta dell'URSS, Solotsky ritrova pace e spiritualità.
Controllo corrispondenza
bianco inverno
Rovaniemi, Finlândia

Dalla Lapponia finlandese all'Artico, Visita alla Terra di Babbo Natale

Stanchi di aspettare che il vecchio barbuto scendesse dal camino, abbiamo ribaltato la storia. Abbiamo approfittato di un viaggio nella Lapponia finlandese e siamo passati davanti alla sua casa nascosta.
Vista dalla cima del monte Vaea e la tomba, il villaggio di Vailima, Robert Louis Stevenson, Upolu, Samoa
Letteratura
Upolu, Samoa

L'isola del tesoro di Stevenson

All'età di 30 anni, lo scrittore scozzese iniziò a cercare un posto che lo salvasse dal suo corpo maledetto. Ad Upolu e nei Samoani trovò un accogliente rifugio al quale diede il suo cuore e la sua anima.
Calderone dell'isola di Corvo, Azzorre,
Natura
Corvo, Azzorre

L'incredibile rifugio atlantico sull'isola di Corvo

17 km2 di un vulcano sommerso in una caldera verde. Un villaggio solitario basato su una fajã. Quattrocentotrenta anime accoccolate dalla piccolezza della loro terra e dallo sguardo del prossimo Flores. Benvenuti nella più impavida delle isole Azzorre.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Parco nazionale delle Everglades, Florida, Stati Uniti, volo sopra i canali delle Everglades
Parchi Naturali
PN delle Everglades, Florida, EUA

Il Grande Fiume di Erba della Florida

Chiunque voli sopra il sud del 27° stato rimane stupito dalla vastità verde, liscia e fradicia che contrasta con i toni oceanici circostanti. Questo esclusivo ecosistema di praterie e paludi degli Stati Uniti ospita una fauna prolifica dominata da 200 degli 1.25 milioni di alligatori della Florida.
Cambogia, Angkor, Ta Phrom
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Ho Chi Minh a Angkor, Camboja

La strada tortuosa per Angkor

Dal Vietnam in poi, le strade sconnesse ei campi minati della Cambogia ricordano gli anni del terrore dei Khmer rossi. Sopravviviamo e siamo ricompensati con la vista del più grande tempio religioso
Monumento a Heroes Acre, Zimbabwe
personaggi
Harare, zimbabwe

L'ultimo sonaglio del surreale Mugabué

Nel 2015, la first lady dello Zimbabwe Grace Mugabe disse che il presidente, allora 91enne, avrebbe governato fino all'età di 100 anni, su una sedia a rotelle speciale. Poco dopo, iniziò a insinuarsi nella sua successione. Ma nei giorni scorsi i generali hanno finalmente accelerato la rimozione di Robert Mugabe che hanno sostituito con l'ex vicepresidente Emmerson Mnangagwa.
Bagni insoliti
Spiagge

a sud di Belize

La strana vita nel sole nero dei Caraibi

Sulla strada per il Guatemala, vediamo come l'esistenza proscritta del popolo Garifuna, discendente degli schiavi africani e degli indiani Arawak, contrasti con quella di diverse roccaforti balneari molto più ariose.

Barca sul fiume Giallo, Gansu, Cina
Religione
Bingling Sì, Cina

La gola dei mille Buddha

Per più di un millennio e almeno sette dinastie, i devoti cinesi hanno esaltato le loro credenze religiose con l'eredità di sculture in uno stretto stretto del fiume Giallo. Coloro che sbarcano alla Gola dei Mille Buddha, potrebbero non trovare tutte le sculture ma trovare uno splendido santuario buddista.
Treno Kuranda, Cairns, Queensland, Australia
Veicoli Ferroviari
Cairns-Kuranda, Australia

Treno per il mezzo della giungla

Costruita a Cairns per salvare i minatori isolati nella foresta pluviale dalla fame a causa delle inondazioni, nel tempo la ferrovia del Kuranda è diventata il pane quotidiano di centinaia di australiani alternativi.
cabina affollata
Società
Saariselka, Finlândia

Il delizioso caldo artico

Si dice che i finlandesi abbiano creato SMS in modo da non dover parlare. L'immaginazione dei freddi nordici si perde nella nebbia delle loro amate saune, vere e proprie sedute di terapia fisica e sociale.
Commercianti di frutta, Swarm, Mozambico
Vita quotidiana
Enxame, Mozambico

Area di servizio in stile mozambicano

Si ripete in quasi tutte le tappe nei paesi di Mozambico degno di apparire sulle mappe. o tubo tubolare (autobus) si ferma ed è circondato da una folla di impazienti uomini d'affari. I prodotti offerti possono essere universali, come acqua o biscotti, oppure tipici della zona. In questa regione, a pochi chilometri da Nampula, le vendite di frutta sono state successive, sempre piuttosto intense.
Ross Bridge, Tasmania, Australia
Animali selvatici
alla Scoperta di Tassiè, Parte 3, Tasmania, Australia

Tasmania dall'alto al basso

Da tempo la vittima preferita degli aneddoti australiani, il Tasmania non ha mai perso l'orgoglio per strada aussie più rude essere. Tassie rimane avvolta nel mistero e nel misticismo in una sorta di retro degli antipodi. In questo articolo raccontiamo il peculiare viaggio da Hobart, la capitale situata nell'improbabile sud dell'isola, fino alla costa nord, la svolta verso il continente australiano.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.