nesbyen a Flamm, Norvegia

Ferrovia Flam: la Norvegia sublime dalla prima all'ultima stazione


incontro dei fratelli
Le composizioni di Flam Railway sono in direzioni opposte.
Fiume di Ghiaccio
Il corso d'acqua alimentato dallo scioglimento dei ghiacci scorre lungo PN Hallingskarvet.
panorama a bordo
I passeggeri della Flam Railway vivono insieme in una delle carrozze.
Dove l'inverno resiste
Scenario innevato di PN Hallingskarvet, in un dominio dell'altopiano che precede Myrdal.
verde specchio
Paesaggio rispecchiato in uno dei tanti laghi tra Nesbyen e Myrdal.
Myrdal – Ti Flam/Rallarvegen
La targa identifica la stazione di Myrdal e la sua altitudine: 866.8 metri.
Malvin Midje al tuo servizio
Malvin Midje, impiegato della Ferrovia Flam.
Il potente Kjosfossen
Kjosfossen, la cascata più intima della Ferrovia Flam.
danza hudra
La ballerina interpreta il ruolo di una huldra, ai margini della cascata di Kjosfossen. Un huldra è una creatura della mitologia norvegese che attira gli uomini nella foresta.
Norvegia per i più piccoli
I passeggeri orientali ammirano le case in miniatura di Myrdal.
nel fiordo
La composizione della Ferrovia Flam entra in uno dei numerosi tunnel della ferrovia.
Velo da sposa norvegese
La cascata scorre dalla cima di un burrone verdeggiante, uno dei luoghi comuni della ferrovia Flam.
Fiamma in vista
Vista panoramica della parte vecchia di Flam, prima della stazione finale di Flam.
danza hudra
Una figura di huldra danza sulla foresta inzuppata vicino alla cascata di Kjosfossen.
incontro tuga
Sara Wong e Marco C. Pereira con João Carvalho, l'impiegato portoghese "spedito" della Ferrovia Flam che fa muovere i passeggeri.
Svincolo ferroviario marittimo Flam
La linea ferroviaria Flam trova il molo dove attraccano le navi da crociera che risalgono il Sognefjord.
Su strada ea bordo della Flam Railway, su una delle linee ferroviarie più ripide del mondo, raggiungiamo Flam e l'ingresso del Sognefjord, il più grande, il più profondo e il più venerato dei fiordi della Scandinavia. Dal punto di partenza all'ultima stazione, questa Norvegia che abbiamo svelato è monumentale.

È solo a Nesbyen, già più sveglio sul binario della locale stazione ferroviaria di Flam, che il viaggio suscita le nostre prime emozioni.

Siamo a giugno. Ha piovuto fin dalla capitale. Mentre attendevamo con impazienza, verso metà mattinata, le nuvole si sono cedute e hanno permesso un imbarco asciutto e ordinato tenendo conto che, in questa prima parte del viaggio, in un treno convenzionale e moderno senza finestrini apribili, i passeggeri sarebbero seguire con posti assegnati.

Anche così, l'ingresso è contestato al centimetro. Alla fine vincono i cinesi, sempre determinati e imbattibili.

Ci siamo messi il più a nostro agio possibile ma, irrequieti, siamo partiti per l'una o l'altra foto in tutta fretta e siamo tornati ai nostri posti, controllando sempre il momento della partenza. Dopo dieci minuti, la composizione inizia con noi dentro, senza problemi.

Lo Scenario Sorprendente che precede quello della Ferrovia Flam

Eravamo convinti che il percorso che portava alla più famigerata Ferrovia Flam si sarebbe rivelato un luogo comune. Non era così. Viaggiavamo quasi sempre lungo il tortuoso corso d'acqua del fiume Hallingdalselva e i laghi vicini immersi in verdi vallate piene di case di campagna.

PN Hallingskarvet, Norvegia

Scenario innevato di PN Hallingskarvet, in un dominio dell'altopiano che precede Myrdal.

Più avanti entriamo negli altopiani di PN Hallingskarvet, ben al di sopra dei 1000 metri di altitudine. Tutto cambia forma. Anche nel mese di giugno, questo altopiano scolpito dalle successive ere glaciali ha continuato il suo inverno a parte. Il verde comincia ad apparire solo negli spazi e, a un certo punto, lascia il posto a un panorama brunastro e bianco di chiazze di neve che resistono alle intenzioni dell'estate.

Le cascate alimentate dallo scioglimento delle nevicate e dai ghiacciai sovrani scorrono lungo le scogliere e alimentano diversi fiumi, torrenti e laghi: il Tungevatnet, Hestebotnvatnet, Finsevatnet e altri – che vi scorrono. I più seri sono veloci e pieni di rapide, alcuni corrono nella regione di Buskerud, altri, al confine con Hordaland.

Nell'una e nell'altra, come funghi umani, grandi capanne di legno scuro adornano l'altopiano. La fantasia si riempie di deliziosi ritiri divisi tra il lungofiume e il camino.

Presto lasciamo il dominio di Hallingskarvet. Abbiamo continuato a nord-ovest e al di sotto dei 866 metri. All'XNUMX, dopo più di due ore di zigzag, la composizione entra in Myrdal, villaggio disposto intorno all'omonima stazione ferroviaria, ivi presente come snodo delle linee Bergen e Flam.

Scheda della stazione ferroviaria di Myrdal Flam, Norvegia.

La targa identifica la stazione di Myrdal e la sua altitudine: 866.8 metri.

João Carvalho alla guida del Myrdal Transshipment

Dovremmo prendere l'ultimo. Sbarcammo tutti su una piattaforma centrale chiara. Di fronte a due file, alquanto distanti dal piccolo edificio centrale, i passeggeri si arrendono a un momentaneo disorientamento.

Alcuni si spostano da una parte, altri dall'altra, alla ricerca del posto migliore dove stare nella disputa per i posti del treno che è seguito, questo, noto per aver viaggiato attraverso gli scenari più suggestivi della Norvegia e del mondo.

Lo smarrimento non dura a lungo. Ad un certo punto compare uno dei dipendenti della stazione, identificato con un giubbotto verde fluo, che grida forte ma con tono paterno: “Seguitemi figli miei, seguitemi!”. Pertanto, convoca e organizza tutti i passeggeri al suo volante per ascoltare il briefing che doveva comunicare.

Abbiamo scoperto da dove sarebbe venuta la composizione della Ferrovia Flam, in che direzione sarebbe andata e dove ci dovremmo posizionare di fronte alla composizione imminente. Si formano nuove code, con il trambusto previsto. Un passeggero cinese più entusiasta dell'evasione e della competizione investe un altro americano, che ha già una certa età. Solleva un incidente nelle relazioni internazionali che il buon umore degli altri aiuta rapidamente a risolvere.

Nel frattempo, il treno Flam Railway si ferma al binario, guidato da una locomotiva elettrica grigia che traina diverse carrozze molto più vecchie di quelle con cui eravamo arrivati ​​a Myrdal.

Infine, a bordo della rinomata Ferrovia Flam

Questo secondo ed ultimo treno era già al primo dei suoi 20 km di viaggio quando il dipendente che ci aveva guidato tutti alla stazione di partenza si è avvicinato a noi: “Aspetta un attimo, sei portoghese, vero?”, ci chiede intriso di un forte sospettato di averci sentito parlare portoghese.

Sara Wong, Marco C. Pereira e João Carvalho, Flam Railway, Norvegia

Sara Wong e Marco C. Pereira con João Carvalho, l'impiegato portoghese “spedito” della Ferrovia Flam che fa muovere i passeggeri.

Lo confermiamo. Abbiamo seguito una conversazione inaspettata tra connazionali. João Carvalho ci dice che è di Margem Sul, dove abbiamo anche una famiglia. Era nell'ultima di diverse stagioni estive lavorando sulla ferrovia Flam.

Lo abbiamo elogiato per la facilità e l'efficienza con cui ha guidato i passeggeri e abbiamo chiesto se i funzionari norvegesi trattassero anche loro con quel compito. "Buono da trattare... trattano ma non lo fanno come me." ci dice di confermare quello che, in ogni caso, non avevamo più grandi dubbi: la disinvoltura mediterranea di João era unica e preziosa.

Cerchiamo la mente. Abbiamo l'impressione di averlo già visto in un documentario francese o tedesco su quella ferrovia. “È del tutto possibile, conferma João. Sono venuti lì per girare così tante volte!” Ci scambiamo contatti. João, torna alle sue faccende, esce in carrozza.

Ferrovia Flam: una ferrovia provvidenziale conquistata dai fiordi

Ci siamo arresi alle finestre che avevamo conquistato. Ci siamo dedicati a contemplare e registrare i paesaggi su entrambi i lati della linea, una propaggine della linea di Bergen, completata nel 1941, dopo 20 anni di costruzione, nella valle di Flamsdalen per aprire un accesso cruciale al Sognefjord, noto come il Re dei Fiordi e il più ampio e profondo della Norvegia.

La Flam Line ha 20 km, 10 tunnel e un ponte. Si snoda per 863 metri fino ai 59 metri di altitudine di Flam. Con una pendenza del 5,5%, è una delle linee più ripide sulla faccia della Terra. Di conseguenza, i vari carrelli sono dotati di diversi freni atti a fermare l'intera composizione.

Cascata, Ferrovia Flam, Norvegia

La cascata scorre dalla cima di un burrone verdeggiante, uno dei luoghi comuni della ferrovia Flam.

Su questo percorso, le finestre delle carrozze offrono panorami incredibili: alcune cime innevate e scogliere ma, soprattutto, anfratti e canyon di un verde intenso con il retro decorato da case di legno rosse, alcune gialle. Dalla cima di questi burroni cadono delle cascate, molto più lunghe e capricciose di quelle di PN Hallingskarvet.

L'incontro mitologico con la cascata di Kjosfossen

Uno di loro, Kjosfossen, si tuffa per 90 metri tra la cima nascosta del grande lago Reinungavatnet e il corso del fiume Flamselvi che avremmo seguito fino all'ultima stagione.

Cade così voluminoso, furioso e vicino al treno che sembra allagarlo da un momento all'altro. Passa invece sotto la piattaforma lì installata perché la composizione si fermi e offra ai passeggeri una rapida e ben spruzzata contemplazione. Dalla cascata. Ma non solo.

Kjosfossen, linea ferroviaria Flam, Norvegia

Kjosfossen, la cascata più intima della Ferrovia Flam.

All'improvviso, dall'alto delle rovine di una vecchia casa, appare una misteriosa donna bionda in abito rosso. Danza. Si muove e continua a ballare per la casa e poi attraverso la foresta bagnata adiacente, a suon di musica. popolare norvegese

Poiché la Ferrovia Flam era, a un certo punto, dedicata ai turisti stranieri, pagata a prezzi ragionevoli, è stata completata con un atto da parte degli studenti della Norwegian Ballet School. Lì, per molto tempo, hanno incarnato l'Huldra, una creatura spirituale (ma anche un'intera razza o specie) che sfugge alla mitologia norvegese.

La mitologia scandinava stabilisce che queste creature attirino gli uomini nella foresta per sedurli. E che sono particolarmente gentili con i carbonai, che sono abituati a guardare quando riposano e mentre le loro braci ardenti si raffreddano.

danza hudra

La ballerina incarna il ruolo di una huldra ai margini della cascata di Kjosfossen, una huldra è una creatura della mitologia norvegese che attrae gli uomini nella foresta.

Rallarvegen e la discesa a Breikvam

Un nuovo avviso suona per rivendicare il reimbarco. La composizione riprende la sua discesa. Pochi chilometri più avanti, quasi a metà, ci troviamo di fronte a un'altra scena impressionante: Rallarvegen. Il tratto di una stretta strada sterrata si snoda venti volte dalla base di una nuova cascata alla sua sommità.

In origine, questa strada fu costruita lì per facilitare i lavori erculei della Ferrovia Flam, guidata dal grattugiare (ingegneri di navigazione). Conclude un percorso di oltre 120 km che, come abbiamo scoperto in seguito, proviene dalle alture di Hol, nella contea di Buskerud.

Oggi è utilizzato principalmente dagli appassionati di mountain bike. Ogni anno, nel breve periodo in cui non fa freddo – tra luglio e settembre – più di 20.000 ciclisti la percorrono, desiderosi di rinnovare l'adrenalina.

Attraversiamo successivi villaggi lungo il fiume, armoniosamente installati su entrambi i lati del fiume Flamselvi. Le loro case di legno sembrano fragili, insignificanti, in quello scenario fatto di pareti di roccia ricoperte in parte da alberi che superano la gravità.

I villaggi sono benedetti con piccole chiese luterane. Hanno case di città con orgogliose bandiere norvegesi. Da lì a Flam, divergono poco dallo standard normativo rosso-bianco-giallo.

Al tempo di Breikvam, la linea ferroviaria Flam è divisa in due, in modo che i treni che viaggiano in direzioni opposte non debbano fermarsi. Ci dirigiamo quasi fuori e assistiamo a uno di quegli incontri in cui i due treni sembrano specchi l'uno dell'altro.

Old Flam, Ferrovia Flam, Norvegia

Vista panoramica della parte vecchia di Flam, prima della stazione finale di Flam.

Fiamma. E il Sognefjord in vista

Ben presto la pendenza della linea si addolcisce e si apre la Val Flamselvi. Siamo riusciti a intravedere il vecchio Flam, anche con la prevista disposizione e organizzazione norvegese, e una minuscola chiesa di legno scuro a pochi metri dal letto del fiume.

Il convoglio vince un altro meandro. Dall'altra parte, già oltre la foce del Flamselvi, si entra nella moderna Flam, giustificata dalla sempre più trafficata confluenza della Ferrovia Flam e della banchina Flam, alle soglie del maestoso Sognefjord.

Impiegato ferroviario Flam, Flam, Norvegia

Malvin Midje, impiegato della Ferrovia Flam.

La composizione rallenta dai meno di 40 km/ha che seguiva e si ferma. I passeggeri recuperano i loro bagagli. A poco a poco, scendono all'ultima delle stazioni.

Proprio lì, a pochi metri di distanza, aspettiamo i meritati soggiorni negli hotel del villaggio, o l'imbarco sulle navi che percorrono il Sognefiordo.

La linea ferroviaria Flam arriva a Flam, in Norvegia

La linea ferroviaria Flam trova il molo dove attraccano le navi da crociera che risalgono il Sognefjord.

Intorno alle tre e mezza del pomeriggio, salimmo a bordo di uno dei Crociere sui fiordi tra Flam e Bergen, verso l'ancora distante seconda città più grande della Norvegia. Quel pomeriggio, però, navigammo solo fino a Balestrand, dove avemmo il privilegio di pernottare. Balestrand e Bergen, sono per i prossimi capitoli.

 

Maggiori informazioni e prenotazioni per il treno Flam Railway e Tours “Sognefjord in poche parole" nel www.fjordtours.com.

Oslo, Norvegia

A (sopra) Capitale Capitalizzato

Uno dei problemi della Norvegia è stato decidere come investire i miliardi di euro nel suo fondo sovrano da record. Ma nemmeno le risorse eccessive salvano Oslo dalle sue incongruenze sociali.
Fiordland, Nova Zelândia

I fiordi degli antipodi

Una stranezza geologica ha reso la regione del Fiordland la più cruda e imponente della Nuova Zelanda. Anno dopo anno, molte migliaia di visitatori adorano il sottodominio patchwork tra Te Anau e Milford Sound.
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
Ushuaia, Argentina

Ultima stagione: Fine del mondo

Fino al 1947 i Tren del Fin del Mundo fecero innumerevoli viaggi per far tagliare legna da ardere ai detenuti del carcere di Ushuaia. Oggi i passeggeri sono diversi ma nessun altro treno passa più a sud.
Veicoli Ferroviari

Viaggio in treno: il meglio del mondo su Carris

Nessun modo di viaggiare è ripetitivo e arricchente come viaggiare su rotaia. Sali a bordo di queste diverse carrozze e composizioni e goditi lo scenario più bello del mondo su Rails.
Fianarantsoa-Manakara, Madagascar

A bordo del TGV malgascio

Partiamo da Fianarantsoa alle 7:3. Solo alle 170 del mattino seguente abbiamo completato i XNUMX km fino a Manakara. Gli indigeni chiamano questo treno quasi secolare Allena grandi vibrazioni. Durante il lungo viaggio, abbiamo sentito fortemente il cuore del Madagascar.
Siliguri a Darjeeling, India

Il trenino himalayano funziona ancora seriamente

Né la forte pendenza di alcuni tratti né la modernità lo fermano. Da Siliguri, alle pendici tropicali della grande catena montuosa asiatica, a Darjeeling, con le sue cime in vista, il più famoso dei trenini indiani regala, giorno dopo giorno, un arduo viaggio da sogno. Percorrendo la zona, ci imbarchiamo e ci lasciamo incantare.
Tokyo, Giappone

Gli ipno-passeggeri di Tokyo

Il Giappone è servito da milioni di dirigenti massacrati con ritmi di lavoro infernali e vacanze scarse. Ogni minuto di tregua sulla strada per andare al lavoro oa casa serve al loro scopo. inemuri, dormire in pubblico.
Magma Geoparco, Norvegia

Un qualcosa di lunare Norvegia

Se tornassimo ai confini geologici del tempo, troveremmo la Norvegia sudoccidentale piena di enormi montagne e un magma fiammeggiante che i ghiacciai successivi avrebbero plasmato. Gli scienziati hanno scoperto che il minerale predominante è più comune sulla Luna che sulla Terra. Molti degli scenari che abbiamo esplorato nel vasto Magma Geopark della regione sembrano presi dal nostro grande satellite naturale.
Flamm a Balestrand, Norvegia

Dove le montagne cedono ai fiordi

La stazione finale della Ferrovia Flam segna la fine della vertiginosa discesa ferroviaria dagli altopiani di Hallingskarvet alle pianure di Flam. In questo villaggio troppo piccolo per la sua fama, lasciamo il treno e navighiamo lungo il fiordo di Aurland verso il prodigioso Balestrand.
Stavanger, Norvegia

Motor City della Norvegia

L'abbondanza di petrolio e gas naturale offshore e le sedi delle società incaricate di esplorarli hanno promosso Stavanger da capitale della riserva a capitale energetica norvegese. Questa città non era conforme. Con una prolifica eredità storica, alle porte di un maestoso fiordo, il cosmopolita Stavanger ha a lungo spinto la Terra del Sole di Mezzanotte.
Bergen, Norvegia

Il grande porto anseatico della Norvegia

Già popolata all'inizio dell'XI secolo, Bergen divenne la capitale, monopolizzò il commercio della Norvegia settentrionale e, fino al 1830, rimase una delle città più grandi della Scandinavia. In data odierna, Oslo guida la nazione. Bergen continua a distinguersi per la sua esuberanza architettonica, urbana e storica.
Balestrand, Norvegia

Balestrand: una vita tra i fiordi

I villaggi sulle pendici dei canyon in Norvegia sono comuni. Balestrand è all'ingresso delle tre. Le sue ambientazioni si distinguono dal resto in modo tale da aver attratto pittori famosi e continuano a sedurre viaggiatori incuriositi.
Preikestolen - Pulpito Rock, Norvegia

Pellegrinaggio al pulpito di roccia in Norvegia

Non mancano scenari grandiosi negli infiniti fiordi della Norvegia. Al centro del fiordo di Lyse, la cima distaccata, liscia e quasi squadrata di una scogliera di oltre 600 metri forma un inaspettato pulpito roccioso. Salire sulle sue vette, sbirciare i precipizi e godersi i panorami circostanti è molto rivelatore.
Esteros del Iberá, Pantanal Argentina, Alligatore
Safari
Esteros del Iberá, Argentina

Il Pantanal della Pampa

Sulla mappa del mondo, a sud di famosa zona umida brasiliana, emerge una regione allagata poco conosciuta ma quasi altrettanto vasta e ricca di biodiversità. L'espressione guaranì e sarà la definisce “acque splendenti”. L'aggettivo si adatta più della sua forte luminanza.
Monte Lamjung Kailas Himal, Nepal, Mal di montagna, Mountain Prevent Treat, Viaggi
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 2° - Chame a Upper PisangNepal

(I) Eminente Annapurna

Ci siamo svegliati a Chame, ancora sotto i 3000m. Lì abbiamo visto, per la prima volta, le cime innevate e più alte dell'Himalaya. Da lì, siamo partiti per un'altra escursione sul circuito dell'Annapurna attraverso le pendici e le pendici della grande catena montuosa. Verso qualcosa Upper Pisang.
Giardino scultoreo, Edward James, Xilitla, Huasteca Potosina, San Luis Potosi, Messico, Cobra dos Pecados
Architettura & Design
Xilitla, San Luis Potosì, Messico

Il Delirio Messicano di Edward James

Nella foresta pluviale di Xilitla, la mente irrequieta del poeta Edward James ha gemellato un eccentrico giardino domestico. Oggi, Xilitla è lodata come un Eden del surreale.
Il piccolo faro di Kallur, evidenziato nel capriccioso rilievo del nord dell'isola di Kalsoy.
Aventura
Kalsoy, Isole Faroe

Un faro alla fine del mondo faroese

Kalsoy è una delle isole più isolate dell'arcipelago delle Faroe. Detta anche “il flauto” per la sua forma longilinea e per i numerosi cunicoli che la servono, è abitata da soli 75 abitanti. Molto meno degli estranei che la visitano ogni anno, attratti dal bagliore boreale del suo faro di Kallur.
Processione ortodossa
Cerimonie e Feste
Suzdal, Russia

Secoli di devozione a un devoto monaco

Eutimio era un asceta russo del XIV secolo che si diede anima e corpo a Dio. La sua fede ha ispirato la religiosità di Suzdal. I fedeli della città lo venerano come il santo che è diventato.
patpong, go go bar, bangkok, mille e una notte, thailandia
Città
bangkok, Thailandia

Mille e una notte perduta

Nel 1984 Murray Head cantava la magica e notturna bipolarità della capitale thailandese in "Una notte a Bangkok". Diversi anni, colpi di stato e manifestazioni dopo, Bangkok rimane insonne.
cibo
Cibo del Mondo

Gastronomia Senza Frontiere né Pregiudizi

Ogni popolo, le sue ricette e prelibatezze. In certi casi, gli stessi che deliziano intere nazioni ne disgustano molti altri. Per chi viaggia per il mondo, l'ingrediente più importante è una mente molto aperta.
Tesori, Las Vegas, Nevada, Città del peccato e del perdono
Cultura
Las Vegas, EUA

Dove il peccato perdona sempre

Proiettata dal deserto del Mojave come un miraggio al neon, la capitale nordamericana del gioco e dell'intrattenimento è vissuta come una scommessa al buio. Lussureggiante e avvincente, Vegas non impara né si pente.
Spettatore, Melbourne Cricket Ground-Regole di calcio, Melbourne, Australia
sportivo
Melbourne, Australia

Calcio dove gli australiani regolano le regole

Sebbene praticato dal 1841, il football australiano conquistò solo una parte della grande isola. L'internazionalizzazione non è mai andata oltre la carta, frenata dalla concorrenza del rugby e del calcio classico.
Tramonto, Viale dei Baobab, Madagascar
In viaggio
Morondava, Viale dei Baobab, Madagascar

Il sentiero malgascio per stupire

Uscendo dal nulla, una colonia di baobab alta 30 metri e vecchia di 800 anni fiancheggia un tratto di strada di argilla e ocra parallela al Canale del Mozambico e alla costa peschereccia di Morondava. Gli indigeni considerano questi alberi colossali le madri della loro foresta. I viaggiatori li venerano come una specie di corridoio iniziatico.
Barrancas del Cobre, Chihuahua, donna Rarámuri
Etnico
Copper Canyon, Chihuahua, Messico

Il profondo Messico delle Barrancas del Cobre

Senza preavviso, gli altopiani del Chihuahua lasciano il posto a infiniti burroni. Sessanta milioni di anni geologici li hanno scavati e li hanno resi inospitali. Gli indigeni Rarámuri continuano a chiamarli a casa.
portfolio, Got2Globe, Fotografia di viaggio, immagini, migliori fotografie, foto di viaggio, mondo, Terra
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il migliore al mondo: il portfolio Got2Globe

Passage, Tanna, Vanuatu in Occidente, Meet the Natives
Storia
Tanna, Vanuatu

Da qui Vanuatu è stato portato in Occidente

Lo show televisivo "Soddisfare , il nativi” ha portato i rappresentanti tribali di Tanna a visitare la Gran Bretagna e gli Stati Uniti Visitando la loro isola, ci siamo resi conto del perché niente li entusiasmava di più del tornare a casa.
Visitatori del Jameos del Agua, Lanzarote, Isole Canarie, Spagna
Isole
Lanzarote, isole Canarie

A César Manrique ciò che appartiene a César Manrique

Di per sé, Lanzarote sarebbe sempre una Canarie a sé stante, ma è quasi impossibile esplorarla senza scoprire il genio irrequieto e attivista di uno dei suoi figli prodighi. César Manrique è morto quasi trent'anni fa. La prolifica opera che ha lasciato in eredità risplende sulla lava dell'isola vulcanica dove è nato.
Cavalli sotto bufera di neve, Islanda Fuoco senza fine dell'isola di neve
bianco inverno
Husavik a Myvatn, Islândia

Neve infinita sull'isola di Fogo

Quando, a metà maggio, l'Islanda ha già il tepore del sole ma il freddo ma il freddo e la neve persistono, gli abitanti cedono a un'affascinante ansia estiva.
Vista dalla cima del monte Vaea e la tomba, il villaggio di Vailima, Robert Louis Stevenson, Upolu, Samoa
Letteratura
Upolu, Samoa

L'isola del tesoro di Stevenson

All'età di 30 anni, lo scrittore scozzese iniziò a cercare un posto che lo salvasse dal suo corpo maledetto. Ad Upolu e nei Samoani trovò un accogliente rifugio al quale diede il suo cuore e la sua anima.
Scenario marziano del deserto bianco, Egitto
Natura
Deserto Bianco, Egitto

La scorciatoia egiziana per Marte

In un momento in cui la conquista del vicino del sistema solare è diventata un'ossessione, una parte orientale del deserto del Sahara ospita un vasto paesaggio correlato. Invece dei 150-300 giorni stimati necessari per raggiungere Marte, decollamo dal Cairo e, in poco più di tre ore, facciamo i primi passi nell'Oasi di Bahariya. Intorno, quasi tutto ci fa sentire il tanto agognato Pianeta Rosso.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Fuga da Seljalandsfoss
Parchi Naturali
Islândia

Isola di fuoco, ghiaccio, cascate e cascate

La cascata suprema d'Europa si precipita in Islanda. Ma non è l'unico. In quest'isola boreale, con pioggia o neve costante e nel mezzo della battaglia tra vulcani e ghiacciai, cadono infiniti torrenti.
Donne a Jaisalmer Fort, Rajasthan, India
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Jaisalmer, India

La vita duratura al Forte d'Oro di Jaisalmer

La fortezza di Jaisalmer fu costruita dal 1156 in poi per ordine di Rawal Jaisal, sovrano di un potente clan proveniente dalle propaggini indiane del deserto del Thar. Più di otto secoli dopo, nonostante la continua pressione del turismo, condividono il vasto e intricato interno dell'ultimo forte abitato dell'India, quasi quattromila discendenti degli abitanti originari.
Coppia in visita a Mikhaylovskoe, il villaggio dove lo scrittore Alexander Pushkin aveva una casa
personaggi
San Pietroburgo e Michaylovskoe, Russia

Lo scrittore che ha ceduto alla sua stessa trama

Alexander Pushkin è lodato da molti come il più grande poeta russo e il fondatore della moderna letteratura russa. Ma Pushkin ha anche dettato un epilogo quasi tragicomico alla sua vita prolifica.
Cargo Cabo Santa Maria, Isola di Boa Vista, Capo Verde, Sal, Evocando il Sahara
Spiagge
Isola di Boa Vista, Capo Verde

Isola di Boa Vista: Atlantic Waves, Dunas do Sara

Boa Vista non è solo l'isola capoverdiana più vicina alla costa africana e al suo grande deserto. Dopo alcune ore di scoperta, ci convince che si tratta di un lembo del Sahara alla deriva nel Nord Atlantico.
Gelato, Moriones Festival, Marinduque, Filippine
Religione
Marinduque, Filippine

Quando i romani invadono le Filippine

Anche l'Impero d'Oriente non è andato così lontano. Durante la Settimana Santa, migliaia di centurioni si impadroniscono di Marinduque. Lì vengono rievocati gli ultimi giorni di Longino, legionario convertito al cristianesimo.
White pass yukon train, Skagway, Gold route, Alaska, USA
Veicoli Ferroviari
Skagway, Alaska

Una variante della corsa all'oro nel Klondike

L'ultima grande corsa all'oro americana è ormai lontana. Oggi, centinaia di navi da crociera riversano ogni estate migliaia di visitatori benestanti nelle strade piene di negozi di Skagway.
accogliente Las Vegas
Società
Las Vegas, EUA

Capitale mondiale del matrimonio contro Sin City

L'avidità del gioco d'azzardo, la lussuria della prostituzione e l'ostentazione diffusa fanno tutti parte di Las Vegas. Come le cappelle che non hanno né occhi né orecchie e promuovono matrimoni eccentrici, veloci ed economici.
Casario, città alta, Fianarantsoa, ​​​​Madagascar
Vita quotidiana
Fianarantsoa, Madagascar

La città malgascia della buona educazione

Fianarantsoa fu fondata nel 1831 da Ranavalona Iª, regina dell'allora predominante etnia Merina. Ranavalona I è stato visto dai contemporanei europei come isolazionista, tirannico e crudele. A parte la reputazione del monarca, quando entriamo, la sua antica capitale meridionale rimane il centro accademico, intellettuale e religioso del Madagascar.
Parco Nazionale Bwabwata, Namibia, giraffe
Animali selvatici
PN Bwabwata, Namibia

Un Parco Namibiano che Vale Tre

Una volta consolidata l'indipendenza della Namibia nel 1990, per semplificarne la gestione, le autorità raggrupparono un trio di parchi e riserve sulla striscia di Caprivi. Il risultante PN Bwabwata ospita una straordinaria immensità di ecosistemi e fauna selvatica, sulle rive dei fiumi Cubango (Okavango) e Cuando.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.