male, Santorini, Grecia

Fira: tra le alture e le profondità di Atlantide


Una Thira del Crepuscolo
Le case sospese di Thira al calar della notte.
Discesa a 2
La coppia scende le scale che collegano la cima di Thira al fondo della città.
in roulotte
Il tassista asino conduce una carovana di animali in cima a Thira.
Taxi d'asino
L'asino-taxi di Thira parcheggiò all'angolo delle scale che portavano in cima alla capitale.
Plaza de Burros-Taxi
Taxi asini parcheggiati sui gradini che collegano Porto Velho alla cima di Thira.
Case, hotel e altri a Thira
Le case in stile architettonico delle Cicladi di Thira.
I fondi di Thira
Il vecchio porto di Thira, nel fondale marino della capitale.
La cupola religiosa di Thira
Il vertice religioso delle case di Thira, la capitale di Santorini.
Terrazza in cima alla caldera
I visitatori godono della pace di Thira su una spianata che domina la caldera di Santorini.
Sfondo di Thira
Il vecchio porto di Thira, visto dall'alto della capitale Santorini.
Video di Santorini
Il visitatore di Thira mostra lo scenario circostante di Santorini a un membro della famiglia durante una videochiamata.
Volkan Thira
Pannello del cinema Volkan con la caldera dell'isola-vulcano Thira sullo sfondo.
Contemplazione
I turisti ammirano la vista dalla cima della scalinata principale che serve Thira.
Thira, quasi notte
Case bianche di Thira evidenziate sulla sommità della caldera dell'omonima isola-vulcano.
Intorno al 1500 aC, una devastante eruzione fece affondare gran parte dell'isola del vulcano Fira nel Mar Egeo e portò al crollo della civiltà minoica, chiamata più volte Atlantide. Qualunque sia il passato, 3500 anni dopo, Thira, l'omonima città, è tanto reale quanto mitica.

La seconda mattinata trascorsa all'ancora a Santorini, abbiamo ripercorso il nostro giro dell'isola al cuore della questione. Una nave appoggio del "Cristallo celeste” ci porta al porto vecchio ai piedi del massiccio pendio su cui era sospesa Fira.

Lì, saliamo a bordo di una tradizionale barca di legno in procinto di salpare Nea Kameni. Lì siamo sbarcati desiderosi di un'esplorazione arricchente del nucleo lavico di quella che un tempo era la caldera del grande vulcano Fira.

Abbiamo raggiunto la vetta fumante di Kameni, abbiamo seguito le spiegazioni storiche e scientifiche della guida e ci siamo goduti l'affascinante scenario dello stretto che separava Nea Kameni da Paleo Kameni.

Torniamo alla barca di legno e la giriamo fino ad Athinios, il porto moderno e vivace che accoglie i traghetti da altre parti dell'Egeo.

Da lì, a quelli in salita, inauguriamo un trafficato itinerario su strada con soste a Spiaggia Rossa e alla stazione archeologica di Akrotiri, a cui ci avvicineremo con la dovuta attenzione. Più tardi nel pomeriggio, l'autista ci lascia all'ingresso di Fira.

L'ingresso serale attraverso i Fondi di Fira

La vicina sovraffollata Oia potrebbe anche continuare a rivendicare il protagonismo fotografico e la celebrità di Santorini in generale. Tuttavia, non potevamo ignorare Fira. Dopotutto, ci trovavamo di fronte alla capitale e alla città più grande dell'isola.

Un pendio ci porta dalle vicinanze della stazione degli autobus, su per le strade, al sentiero Nomikou M. Quando arriviamo a questo ciglio murato, non riusciamo a credere al panorama che abbiamo davanti e intorno a noi.

I turisti ammirano le case di Thira, Santorini, Grecia

I turisti ammirano la vista dalla cima della scalinata principale che serve Fira.

Una cascata di case imbiancate a calce, con terrazze, torri, cupole, balconi e corrispondenti elementi architettonici delle Cicladi, si estende lungo la sommità inclinata del pendio, fino a una soglia con la sua follia che la gravità e l'erosione continuano a tollerare, a 260 m sul livello del mare.

Appena sotto ci sono i burroni frastagliati e frastagliati della vecchia caldera. Si dispiegano in una tavolozza di marroni, verdi e ocra che levigano il passaggio al blu petrolio dell'Egeo sottostante, in cui il “Cristallo celeste".

Come si suppone in un'isola e in una città cristiana, le chiese coronano le case. Di particolare rilievo è la Cattedrale Metropolitana Ortodossa, sede della diocesi di Fira, Amorgos e le Isole, sicuramente uno dei santuari con le migliori viste sulla terra.

E, sopra dove abbiamo guardato, la gialla Cattedrale di San Giovanni Battista, la principale chiesa cattolica di Santorini, non meno dotata in termini di panorami.

Vertice religioso di Thira, Santorini, Grecia

Il vertice religioso delle case a Fira, la capitale di Santorini.

In un solo momento contemplativo, siamo stati benedetti con il privilegio di esplorare e vivere in un'isola così, senza dubbio, la più eccentrica del vasto territorio ellenico, così dettarono gli eventi geologici che l'hanno sventrata.

Nomikou M. e Ipapantis. Due dei Sentieri con le Migliori Viste del Mediterraneo

Abbiamo ripetuto il saliscendi di Nomikou M. e Ipapantis che lo hanno seguito verso sud, un pellegrinaggio che ci ha stancato ma che, più si andava avanti, più diventava divino.

Da quelle vene confinanti della città, ammiriamo centinaia di altre anime in una simile delizia. Coppie innamorate sedute su terrazze galleggianti.

Gruppi di amici in vacanza che sospiravano alla sontuosità dei paesaggi, installati in altre sedi altrettanto o più surreali: quella del Cinema Volkan al Centro Culturale Nomikos, addobbata con manifesti che annunciavano un programma cinefilo intorno al tema ellenico: “I greci si rivolgono per sposarsi” una commedia romantica del 2002 con protagonista Tom Hanks.

E nonostante sia stato girato in gran parte a Vis, in Croazia, il musical “Mamma Mia".

Cinema Volkan, Thira, Santorini, Grecia

Pannello del cinema Volkan con sullo sfondo la caldera dell'isola-vulcano Fira.

Capita spesso a chi visita Fira nelle crociere sempre frettolose di soggiornare ai livelli superiori dell'isola e dei paesini. A metà giugno, quando le giornate sono più lunghe, ci siamo trovati con il tempo per incursioni negli strati bassi della capitale.

I diversi accessi alle alture di Fira

A Fira ci sono tre modi per salire dal Porto Velho della città alle sue alture: il più semplice, la funivia che assicura un viaggio lineare di 3 minuti ogni mezz'ora o ogni 20 minuti, a seconda della stagione. .

Una scala in cemento soddisfa lo stesso collegamento in una versione a zigzag composta da 587 gradini impegnativi. Chi vuole risparmiare sul costo della funivia sale a piedi.

La terza alternativa, l'asino-taxi cittadino, ha un costo molto più alto della funivia.

Asini taxi a Thira, Santorini, Grecia

Il tassista asino conduce una carovana di animali in cima a Fira.

Perché, con o senza intenzione, chi percorre la lunga scalinata capita di imbattersi in carovane di asini. Consapevoli delle origini tradizionali dei mezzi di trasporto, abbiamo iniziato posizionandoci in luoghi strategici per fotografarli in movimento.

Come spesso accade, volevamo di più. Abbiamo chiacchierato con i loro proprietari e autisti, ci hanno chiesto di fotografarli con più attenzione. Senza capire né come né perché, abbiamo provocato una discussione tra i proprietari che si è trascinata per quasi un'ora.

La polemica intorno agli Asini-Taxi di Fira

Tutto è iniziato quando quello di cui abbiamo chiesto la foto, vestito con abiti più tipici, ha immediatamente rifiutato la nostra sfida. Un altro che, a differenza di lui, parlava un inglese molto goffo, ha cercato di giustificare il suo collega. In un primo momento, ci è sembrato che volesse comunicare che se volevamo fotografarlo, dovevamo assumere i suoi servizi.

Abbiamo trascorso un momento seduti su ciò che stava accadendo e ciò che ci stava dicendo. Non ci è voluto molto per scoprire che il nocciolo del problema era un altro: “Vieni qui per fotografare e scattare le immagini per pubblicarle, vero? ci ha spiegato.

"E poi escono non so quanti altri articoli da rifilare alle persone che gli animali sono ridotti in schiavitù, vittime di abusi e cose del genere".

Asino a Thira, Santorini, Grecia

L'asino-taxi di Fira parcheggiato all'angolo delle scale che portano in cima alla capitale.

A dire il vero, non ci eravamo avvicinati a loro con tale intenzione. Comunque sia, in un'era di sensazionalismo e social in cui tutto precipita nello scandalo e nell'esagerazione, difensori e pseudodifensori dei diritti degli animali avevano denunciato lo sfruttamento sistematico degli asini per trasporti non necessari vista l'esistenza della scala e della proprietà .funivia più economica.

Hanno allertato il mondo, in particolare, della violenza degli animali che trasportano turisti obesi su un percorso, nonostante lo zigzag, piuttosto ripido, proprio per vivere un'esperienza cosiddetta pittoresca.

Adesso la polemica ha scosso la tradizionale sintonia e professionalità in cui operavano i proprietari di asini, che hanno anche un sito online con tutte le informazioni, gli itinerari, i prezzi e anche la possibilità di effettuare prenotazioni e lasciare caparre.

Anche il numero di passeggeri che hanno sostenuto la propria vita sarà notevolmente diminuito.

I nomi prolifici e le lunghe storie di Santorini e Fira

Le case di Fira si estendono a nord fino ai dintorni dell'isola di Firofistani e Imerovigli. A una buona mezz'ora di cammino dal centro di Fira, Imerovigli segna il punto più alto ai margini della caldera, ma anche l'estremo, per via del grappolo di case.

Da lì, il sentiero passa tra hotel, resort e ristoranti a schiera.

Poi si arrende a una regione a volte rocciosa, a volte rurale e si snoda fino alla punta occidentale di Oia, l'unico villaggio di dimensioni comparabili, l'unico che oscura lo splendore urbano di Fira e al quale, uno di questi giorni , dedicheremo un proprio articolo. .

Thira edifici, Santorini, Grecia

Le case in stile architettonico delle Cicladi di Fira.

Secondo gli scritti di Erodoto, l'isola-vulcano venne chiamata Strogyle per la sua forma rotonda. Fira (Thira, Thera) fu il nome successivamente adattato dai Dori di Sparta, in onore del loro re Theras.

L'ancora molto più popolare Santorini si diffuse durante l'Impero Latino (1204 - 1261) in vigore durante le Crociate, come contrazione di Sant'Irine, la santa che aveva una cappella in suo onore nella zona dell'odierna Perissa e perché i coloni veneziani dell'Egeo si abituarono a trattare l'isola.

Di questi nomi, in un certo periodo geologico dal 1500 aC in poi, Strogyle cessò di avere un senso.

L'eruzione distruttiva e dirompente dell'isola del vulcano Fira

L'isola-vulcano è entrata in un processo eruttivo relativamente lungo che avrebbe permesso agli abitanti di rifugiarsi su altre isole. In questo processo, la grande esplosione si è conclusa con una potenza brutale, si ritiene molte volte superiore alla famosa esplosione del vulcano indonesiano da Krakatoa.

Mentre ha fatto esplodere un cratere di 20 km2, quello del vulcano Fira è crollato un cratere di oltre 80 km2.

Alcune teorie sostengono che l'attuale configurazione di Santorini fosse il risultato di una sequenza di eventi geologici precipitati dall'eruzione: prima il cedimento del nucleo.

Coppia a Thira, Santorini, Grecia

Coppia scende la scalinata che collega la cima di Fira al fondo della città.

Poi, il diffondersi di quell'abbattimento fino all'apertura di un canale nord-ovest che permise l'invasione del mare. Ben presto, l'intensa erosione causata da questa invasione finì per far scomparire quasi l'intera sezione occidentale della caldera, ma vide emergere l'isola centrale del vulcano Kameni.

Akrotiri e l'eredità in rovina dell'eruzione

Poco più di undici chilometri a sud del capoluogo Fira, in fondo al “grande croissant” su cui si basa oggi Santorini, troviamo Akrotiri.

Lì, ammiriamo il complesso di rovine che, dal 1967, gli archeologi hanno portato alla luce sotto un grande strato di cenere vulcanica e rivelato al mondo.

Il crollo dell'allora minoica Akrotiri avvenne senza il dramma umano di Pompei, dove gli abitanti furono sorpresi da un inesorabile flusso piroclastico durante il sonno.

Ad Akrotiri non sono stati trovati gioielli, oggetti di valore, tanto meno scheletri, ossa umane o corpi fossili. Le ceneri conservavano affreschi, vasi e molti altri manufatti e utensili.

Questa realtà post-eruzione ci ha permesso di concludere che gli abitanti di Akrotiri e di altri luoghi di Santorini avranno avuto il tempo di rifugiarsi nelle isole vicine, probabilmente in Creta, l'isola madre della civiltà minoica.

Nel 360 aC, nella sua opera “dialoghi”, Platone fa avvicinare Crizia e rivela a Timateo i dettagli di una città perduta situata entro un certo raggio da Atene e che Atene venne a sconfiggere.

Diversi studiosi hanno concordato sulla possibilità che Atlantide fosse la civiltà minoica che controllava Thera, Creta e altre isole circostanti.

Thira, Santorini, Grecia

Case bianche di Fira evidenziate sulla sommità della caldera dell'omonima isola-vulcano.

Questa civiltà proliferò e si evolse proprio fino alla catastrofica eruzione del vulcano e alla travolgente ondata di marea che ne seguì.

Alcuni scienziati stimano che le onde generate misurassero fino a 60 metri. Con una tale dimensione, trattata da Minoan o da atlantide, non c'è da stupirsi che l'abbiano affondata e l'abbiano rovinata per sempre.

 

COME VISITARE:

CELESTYAL CRUISES OPERA CROCIERE NEL MAR EGIO E MEDITERRANEO DA MARZO A NOVEMBRE, DA € 539. PRENOTAZIONI IN www.celestyalcruises.com e per tel.: +30 2164009600.

Iraklio, CretaGrecia

Da Minos a Meno

Arriviamo ad Iraklio e, per quanto riguarda le grandi città, la Grecia si ferma lì. Per quanto riguarda la storia e la mitologia, la capitale di Creta è infinitamente ramificata. Minosse, figlio di Europa, aveva sia il suo palazzo che il labirinto in cui era rinchiuso il minotauro. Gli arabi, i bizantini, i veneziani e gli ottomani passarono per Iraklio. I Greci che lo abitano non gli danno il dovuto.
Mikonos, Grecia

L'isola greca dove il mondo festeggia l'estate

Durante il 1960° secolo, Mykonos era solo un'isola povera, ma intorno al XNUMX, i venti di cambiamento delle Cicladi l'hanno trasformata. In primo luogo, nel migliore rifugio per gay del Mediterraneo. Poi, nell'affollata, cosmopolita e bohémien vanity fair che troviamo quando visitiamo.
Senglea, Malta

La città maltese con più Malta

A cavallo del 8.000° secolo Senglea accoglieva 0.2 abitanti in 2 km3.000, un record europeo, oggi conta “solo” XNUMX cristiani di quartiere. È la più piccola, affollata e genuina delle città maltesi.
Valletta, Malta

I capitelli non si misurano con i palmi

Al momento della sua fondazione, l'Ordine dei Cavalieri Ospitalieri lo soprannominò "il più umile". Nel corso dei secoli, il titolo cessò di servirlo. Nel 2018, La Valletta è stata la più piccola Capitale Europea della Cultura di sempre e una delle più ricche di storia e straordinarie che si ricordino.

Istanbul, Turchia

Dove l'oriente incontra l'occidente, la Turchia cerca una via

Una metropoli emblematica e grandiosa, Istanbul vive a un bivio. Poiché la Turchia in generale, divisa tra laicità e islam, tradizione e modernità, non sa ancora che strada prendere

Praslin, Seychelles

 

L'Eden degli enigmatici Coconuts-of-the-Sea

Per secoli, i marinai arabi ed europei hanno creduto che il seme più grande del mondo, che hanno trovato sulle coste dell'Oceano Indiano a forma di fianchi voluttuosi di una donna, provenisse da un albero mitico sul fondo degli oceani. L'isola sensuale che li ha sempre generati ci ha lasciato estasiati.
Nea Kameni, Santorini, Grecia

Il nucleo vulcanico di Santorini

Erano trascorsi circa tre millenni dall'eruzione minoica che disintegrava il più grande vulcano dell'isola dell'Egeo. Gli abitanti delle cime delle scogliere osservarono la terra emergere al centro della caldera allagata. Nasce Nea Kameni, il cuore ardente di Santorini.
Chania ad Elafonisi, Creta, Grecia

Gita in spiaggia in stile Creta

Alla scoperta dell'ovest del Cretan, lasciamo Chania, viaggiamo attraverso la gola di Topolia e attraverso gole meno marcate. Pochi chilometri dopo, raggiungiamo un angolo mediterraneo di acquarello e sogno, l'isola di Elafonisi e la sua laguna.
Chania, Creta, Grecia

Chania: dal tramonto della storia di Creta

Chania era minoica, romana, bizantina, araba, veneziana e ottomana. È arrivata nell'attuale nazione ellenica come la città più seducente di Creta.
Balos a Seitan Limani, Creta, Grecia

L'olimpo balneare di Chania

Non è solo Chania, la polis secolare, immersa nella storia mediterranea, nell'estremo nord-est di Creta ad abbagliare. Rinfrescandola, i suoi abitanti e visitatori, Balos, Stavros e Seitan, tre delle coste più esuberanti della Grecia.

Atene, Grecia

La Città che Perpetua la Metropoli

Dopo tre millenni e mezzo, Atene resiste e prospera. Da belligerante città-stato, divenne la capitale della vasta nazione ellenica. Modernizzato e sofisticato, conserva, in un nucleo roccioso, l'eredità della sua gloriosa Era Classica.
Riserva Masai Mara, Masai Land Trip, Kenya, Masai Convivialità
Safari
Masai Mara, Kenia

Riserva del Masai Mara: Viaggio nella terra dei Masai

La savana di Mara divenne famosa per il confronto tra milioni di erbivori ei loro predatori. Ma, in una sconsiderata comunione con la fauna selvatica, sono gli umani Masai a distinguersi di più.
Mandria a Manang, circuito dell'Annapurna, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 8° Manang, Nepal

Manang: l'ultimo acclimatamento nella civiltà

Sei giorni dopo aver lasciato Besisahar siamo finalmente arrivati ​​a Manang (3519 m). Situata ai piedi dei monti Annapurna III e Gangapurna, Manang è la civiltà che coccola e prepara gli escursionisti alla sempre temuta traversata del Thorong La Gorge (5416 m).
hacienda mucuyche, Yucatan, Messico, canale
Architettura & Design
Yucatan, Messico

Tra Haciendas e Cenotes, attraverso la storia dello Yucatan

In giro per la capitale Merida, per ogni anziana henequenera hacienda coloniale per almeno uno cenote. Spesso coesistono e, come con la semi-recuperata Hacienda Mucuyché, in duo, danno vita ad alcuni dei luoghi più sublimi del sud-est del Messico.

lagune e fumarole, vulcani, PN tongaro, nuova zelanda
Aventura
Tongariro, Nova Zelândia

I vulcani di tutte le discordie

Alla fine del XIX secolo, un capo indigeno cedette i vulcani del PN Tongariro alla corona britannica. Oggi, una parte significativa del popolo Maori rivendica le proprie montagne di fuoco dai coloni europei.
Processione ortodossa
Cerimonie e Feste
Suzdal, Russia

Secoli di devozione a un devoto monaco

Eutimio era un asceta russo del XIV secolo che si diede anima e corpo a Dio. La sua fede ha ispirato la religiosità di Suzdal. I fedeli della città lo venerano come il santo che è diventato.
Viaggio nella storia di Santa Cruz de La Palma, Isole Canarie, Balconi Avenida Marítima
Città
Santa Cruz La Palma, Isole Canarie

Un viaggio nella storia di Santa Cruz de La Palma

Iniziò come una semplice Villa del Apurón. Secolo è arrivato. Nel XVI secolo, la città non solo aveva superato le sue difficoltà, ma era già la terza città portuale più grande d'Europa. Erede di questa benedetta prosperità, Santa Cruz de La Palma è diventata una delle capitali più eleganti delle Isole Canarie.
Il focan di Lola, cibo ricco, Costa Rica, Guapiles
cibo
Il Fogon di Lola, Costa Rica

Il gusto della Costa Rica a El Fogón de Lola

Come suggerisce il nome, Fogón de Lola de Guapiles serve piatti preparati sui fornelli e al forno, secondo la tradizione della famiglia costaricana. In particolare, la famiglia di zia Lola.
Cultura
Mercati

Un'economia di mercato

La legge della domanda e dell'offerta determina la loro proliferazione. Che siano generici o specifici, coperti o all'aperto, questi spazi dedicati alla compravendita e allo scambio sono espressioni di vita e di salute finanziaria.
arbitro di combattimento, combattimento di galli, filippine
sportivo
Filippine

Quando solo i combattimenti di galli risvegliano le Filippine

Banditi in gran parte del Primo Mondo, i combattimenti di galli prosperano nelle Filippine dove spostano milioni di persone e pesos. Nonostante i suoi problemi eterni è il Sabong che più stimola la nazione.
Treno Fianarantsoa a Manakara, TGV malgascio, locomotiva
In viaggio
Fianarantsoa-Manakara, Madagascar

A bordo del TGV malgascio

Partiamo da Fianarantsoa alle 7:3. Solo alle 170 del mattino seguente abbiamo completato i XNUMX km fino a Manakara. Gli indigeni chiamano questo treno quasi secolare Allena grandi vibrazioni. Durante il lungo viaggio, abbiamo sentito fortemente il cuore del Madagascar.
Corsa di cammelli, Festival del deserto, Dune di Sam Sam, Rajasthan, India
Etnico
Jaisalmer, India

C'è la festa nel deserto del Thar

Non appena il breve inverno finisce, Jaisalmer si abbandona a sfilate, corse di cammelli e gare di turbanti e baffi. Le sue mura, i vicoli e le dune circostanti acquistano più colore che mai. Durante i tre giorni dell'evento, sia i nativi che gli estranei osservano con stupore il vasto e inospitale Thar che finalmente risplende di vita.
tunnel di ghiaccio, percorso dell'oro nero, Valdez, Alaska, USA
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Sensazioni vs Impressioni

Kolmanskop, deserto del Namib, Namibia
Storia
kolmanskop, Namibia

Generato dai Diamanti di Namibe, Abbandonato nelle loro Sabbie

Fu la scoperta di un generoso giacimento di diamanti nel 1908 che diede origine alla fondazione di Kolmanskop e all'opulenza surreale. Meno di 50 anni dopo, le pietre preziose si esaurirono. Gli abitanti lasciarono il villaggio nel deserto.
Singapore, Isola del Successo e Monotonia
Isole
Singapore

L'isola del successo e della monotonia

Abituata a pianificare e vincere, Singapore seduce e recluta persone ambiziose da tutto il mondo. Allo stesso tempo, sembra annoiare a morte alcuni dei suoi abitanti più creativi.
Geotermico, calore islandese, terra di ghiaccio, geotermico, laguna blu
bianco inverno
Islândia

Il calore geotermico dell'isola di ghiaccio

La maggior parte dei visitatori apprezza i paesaggi vulcanici islandesi per la loro bellezza. Gli islandesi traggono anche da loro calore ed energia vitale che portano alle porte dell'Artico.
Ombra vs Luce
Letteratura
Kyoto, Giappone

Il Tempio di Kyoto risorto dalle ceneri

Il Padiglione d'Oro è stato risparmiato dalla distruzione più volte nel corso della storia, comprese le bombe sganciate dagli Stati Uniti, ma non ha resistito al disturbo mentale di Hayashi Yoken. Quando lo ammiravamo, brillava come non mai.
Cove, Big Sur, California, Stati Uniti
Natura
Big Sur, EUA

La costa di tutti i rifugiati

Lungo 150 km, la costa californiana è soggetta a una vastità di montagne, oceano e nebbia. In questa ambientazione epica, centinaia di anime tormentate seguono le orme di Jack Kerouac e Henri Miller.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Fiume Matukituki, Nuova Zelanda
Parchi Naturali
Wanaka, Nova Zelândia

Quanto è buono nel Campo dos Antipodes

Se la Nuova Zelanda è nota per la sua tranquillità e intimità con la natura, Wanaka supera ogni immaginazione. Situato in un ambiente idilliaco tra il lago omonimo e il mistico Monte Aspirante, è diventato luogo di culto. Molti kiwi aspirano a cambiare la loro vita lì.
Una storia di trenino
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Siliguri a Darjeeling, India

Il trenino himalayano funziona ancora seriamente

Né la forte pendenza di alcuni tratti né la modernità lo fermano. Da Siliguri, alle pendici tropicali della grande catena montuosa asiatica, a Darjeeling, con le sue cime in vista, il più famoso dei trenini indiani regala, giorno dopo giorno, un arduo viaggio da sogno. Percorrendo la zona, ci imbarchiamo e ci lasciamo incantare.
aggie grey, samoa, pacifico meridionale, Marlon Brando Fale
personaggi
Apia, Samoa Occidentali

La padrona di casa del Pacifico meridionale

venduto hamburger ai GI nella seconda guerra mondiale e ha aperto un hotel che ha accolto Marlon Brando e Gary Cooper. Aggie Grey è morta nel 2, ma la sua eredità di ospitalità sopravvive nel Pacifico meridionale.
Tombolo e Punta Catedral, Parco Nazionale Manuel Antonio, Costa Rica
Spiagge
PN Manuel Antonio, Costa Rica

Il Parco Nazionale Little-Big del Costa Rica

Le ragioni degli under 28 sono ben note. parchi nazionali I costaricani sono diventati i più popolari. La fauna e la flora di PN Manuel António proliferano in un minuscolo ed eccentrico pezzo di giungla. Come se non bastasse, si limita a quattro delle migliori spiagge tipiche.
Promettere?
Religione
Goa, India

A Goa, Veloce e Forte

Un'improvvisa voglia di eredità tropicale indo-portoghese ci fa viaggiare con vari mezzi di trasporto ma quasi senza soste, da Lisbona alla famosa spiaggia di Anjuna. Solo lì, a caro prezzo, potremmo riposare.
Chepe Express, Ferrovia Chihuahua Al Pacifico
Veicoli Ferroviari
Cantra a Los Mochis, Messico

Barrancas de Cobre, Ferrovia

Il rilievo della Sierra Madre Occidental ha trasformato il sogno in un incubo di costruzione durato sei decenni. Nel 1961, finalmente, il prodigioso Ferrovia Chihuahua al Pacifico era aperto. I suoi 643 km attraversano alcuni dei paesaggi più spettacolari del Messico.
Vulcano Ijen, schiavi di zolfo, Java, Indonesia
Società
Ijen Vulcano, Indonesia

Schiavi di zolfo del vulcano Ijen

Centinaia di giavanesi si arrendono al vulcano Ijen dove vengono consumati da gas velenosi e carichi che deformano le loro spalle. Ogni turno guadagna meno di 30 euro, ma tutti sono grati per il martirio.
Restituzione nella stessa valuta
Vita quotidiana
Dawki, India

Dawki, Dawki, Bangladesh in vista

Scendiamo dalle terre alte e montuose di Meghalaya alla pianura a sud e in basso. Lì, il flusso traslucido e verde del Dawki forma il confine tra India e Bangladesh. Sotto un caldo umido che non sentivamo da molto tempo, il fiume attira anche centinaia di indiani e bengalesi dediti a una pittoresca fuga.
Serengeti, Great Savanna Migration, Tanzania, gnu nel fiume
Animali selvatici
P.N. Serengeti, Tanzania

La grande migrazione della savana infinita

In queste praterie che dicono i Masai siringat (corri per sempre), milioni di gnu e altri erbivori inseguono le piogge. Per i predatori, il loro arrivo e quello del monsone sono la stessa salvezza.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.