Fianarantsoa, Madagascar

La città malgascia della buona educazione


Sulla mia strada
Un gruppo di adolescenti cammina lungo un vicolo della città alta di Fianarantsoa.
Una casa nel verde
Casa indipendente tradizionale sotto le case della Città Alta di Fianarantsoa.
ragazzo merina
Merina ragazzo vestito calorosamente in una fresca mattina.
famiglia cristiana
Fedeli discendono da una massa ai piedi della Cidade Alta
Fianar: zona superiore
Case della Città Alta di Fianarantsoa con in evidenza la cattedrale degli Ambozontani, a destra.
Orario della messa
Messa in una delle tante chiese cristiane di Fianarantsoa.
Contemplazione
Abitanti della Città Alta di Fianarantsoa con tempo da contemplare.
L'Alto e Vecchio Fianar
Case nella Città Alta di Fianarantsoa.
Ambozontani
La cattedrale degli Ambonzontani, la chiesa più grande della Città Alta di Fianarantsoa.
la vita di Rova
Momento di vita ai piedi della Città Alta di Fianarantsoa.
In equilibrio sui tipici balconi
Pollo su un balcone tipico della Città Alta e Vecchia di Fianarantsoa.
Linee Fianar
Un pezzo di architettura tradizionale religiosa e residenziale nella Città Alta di Fianarantsoa.
conversazione di giorno
Giovani donne che vivono in un piccolo negozio nel quartiere di Rova.
Biancheria sporca
Le donne lavano i panni in una lavatrice nel quartiere di Rova.
Fianarantsoa fu fondata nel 1831 da Ranavalona Iª, regina dell'allora predominante etnia Merina. Ranavalona I è stato visto dai contemporanei europei come isolazionista, tirannico e crudele. A parte la reputazione del monarca, quando entriamo, la sua antica capitale meridionale rimane il centro accademico, intellettuale e religioso del Madagascar.

Letteralmente, il termine Fianarantsoa può essere tradotto come “la città dove si impara il bene” o “il luogo dove si può imparare qualcosa di buono”. La prima volta che l'abbiamo visto, le case secolari nella sua zona più alta e antica hanno suggerito una Coimbra esotica e agli antipodi, una "lezione di sogni e tradizione malgascia..." che non volevamo perdere.

Come Coimbra, Fianar – quindi è trattato con particolare attenzione – si dispiega lungo il pendio dell'Ivoneana fino alle rive dei fiumi che scorrono attraverso la sua base, lo Tsiandanitra, il Mandanofotsy. Occupava lo spazio di un vecchio villaggio di Betsileo con lo stesso nome, traducibile come “dove sono nascosti i morti”.

Casario, città alta, Fianarantsoa, ​​​​Madagascar

Case nella Città Alta di Fianarantsoa.

Situata a un'altitudine media di 1200 metri, Fianarantsoa rimane divisa in tre livelli storici e urbani facilmente districabili: la Città Alta o Vecchia, cuore della sua origine, dove si concentra la maggior parte degli edifici tradizionali.

La Città Coloniale situata sulla vicina collina di Tsianolondroa e che ospitò quasi tutti gli edifici amministrativi costruiti durante la sovranità francese, tra il 1894 e il 1960. Infine, la Città Bassa, disseminata dall'alternanza di piccole colline e valli intorno ad essa.

Anche se il suo mentore Ranavalona Iª si affermava contraria all'influenza e all'arroganza di Francia e Gran Bretagna - e ancor di più alla cristianizzazione tentata dalla London Missionary Society durante il regno del suo predecessore Radama I - imposizione coloniale (francese) e proselitismo cristiano che venne da lui, presto trionfò.

Cattedrale degli Ambonzontani, Fianarantsoa, ​​Madagascar

La cattedrale degli Ambonzontani, la chiesa più grande della Città Alta di Fianarantsoa.

Scale, chiese e tanta fede

Questo spiega le quasi cinquanta chiese protestanti, luterane e cattoliche che vi esistono, nella più grande concentrazione dell'intera isola del Madagascar e il susseguirsi di fedeli nei loro abiti migliori che troviamo salendo la scala di cemento che porta alle alture del Città Vecchia. , e mentre ci facciamo strada attraverso i vicoli e i vicoli che la servono.

Siamo entrati in uno dei templi protestanti che hanno ospitato la messa, la chiesa FLM Trinitie Masombahoaka, dal 1859. Lì ci siamo imbattuti in una scena eucaristica che sarebbe stata fin troppo familiare, se i credenti non avessero lasciato libero un ampio fronte dei sedili che li teneva lontani sia dall'altare che dal coro installato alla tua destra.

Messa, Fianarantsoa, ​​Madagascar

Messa in una delle tante chiese cristiane di Fianarantsoa.

La messa si conclude con i fedeli che escono ordinatamente per la navata centrale, scortati dal sacerdote e dagli accoliti che sostano all'uscita del tempio, come per salutare il gregge.

All'esterno, altri fedeli conquistano l'ampia scalinata del Rabaut St. Etienne e i vecchi pavimenti un po' irregolari di Rue du Rova.

La vita quotidiana secolare di Fianarantsoa

Ma la Città Alta di Fianarantsoa non vive di sola fede. Nella stessa direzione, un gruppo di donne in vivace scherno punisce i panni sporchi delle famiglie in un bagno pubblico ai piedi della collina.

Lavadouro, Rova, Fianarantsoa, ​​Madagascar

Le donne lavano i panni in una lavatrice nel quartiere di Rova.

Un giovane residente in una delle tradizionali case in mattoni e gesso dai toni pastello, stende alcuni dei suoi vestiti infilati in una t-shirt aderente CR7 della nazionale portoghese che si abbina a un'imitazione granata delle sneakers All Stars.

Alla base di Cidade Alta e della piramide sociale di Fianarantsoa, ​​i venditori di contadini dei villaggi circostanti cercano di guadagnarsi da vivere in un mercato improvvisato contro uno dei tanti muri di adobe color ocra.

Lì hanno sacchi di riso dell'ultimo raccolto, banane, ananas, arachidi, pomodori e altre verdure. Alcuni di loro condividono le caratteristiche indo-malesi e il tono della pelle caramello che i migranti portarono da quelle parti dell'Asia alla più grande delle isole africane che si credeva fossero intorno al V secolo d.C.

Residenti, Fianarantsoa, ​​​​Madagascar

Abitanti della Città Alta di Fianarantsoa con tempo da contemplare.

I Merinos al vertice del mosaico etnico malgascio

Altri hanno una pelle molto più scura e lineamenti del viso meno raffinati. La differenza, così come il motivo patchwork colorato che usano come una sorta di moda rurale, ci lascia incuriositi dalla loro etnia.

In quel momento, non avevamo la guida e l'autista Lalah Randrianary, lui stesso un merino con la pelle quasi bianca e gli occhi ancora un po' obliqui. A riflettere da soli, un significato per la genetica di quelle persone sarebbe, fin dall'inizio, una missione impossibile.

Preferiamo rassegnarci al fatto che sono diciotto i popoli principali e ufficiali che si dividono tra loro il Madagascar. E che, come ci si aspetterebbe, con il passare del tempo, questi popoli si sono fusi in qualcosa che può essere descritto solo come malgascio.

Abbiamo comprato le banane da due dei venditori, abbiamo chiacchierato un po' su ciò che non sappiamo nemmeno. Abbastanza per essere a loro favore e fotografarli, anche in quei preparativi che – per questo ci avvertirono più e più volte – non erano degni del nostro lavoro.

Sopra e sotto i vicoli ripidi di Rova

Puntiamo di nuovo al top. Nella piazza che fa da preambolo alla rampa che vi conduce, un segno consumato indica la direzione del “Centre de Santé de Base Niveau de Rova”.

Rova-Fianarantsoa-Madagascar

Momento di vita ai piedi della Città Alta di Fianarantsoa.

È preceduto da un parcheggio spontaneo occupato da auto e furgoni dai colori sgargianti, quasi tutti francesi. Lì, due Renault 4L si distinguono per maturità ed esuberanza cromatica, tra cui Clio, Peugeot 205 e simili.

Alcuni ragazzi chiedono soldi che ci dicono per i quaderni di scuola. Nel dubbio sulla destinazione dei soldi, gli abbiamo comprato un set. Così ci siamo arresi al suo piano di avvicinamento, che prevedeva di effettuare il ritiro all'ingresso della cartoleria più vicina e conveniente della zona.

Una giovane madre si affaccia alla porta di un negozio di artigianato con il suo bambino pesante in braccio, tra colorati cappelli di paglia e un cesto di metallo in cui vende uova singole.

Uptown, Fianarantsoa, ​​Madagascar

Case della Città Alta di Fianarantsoa con in evidenza la cattedrale degli Ambozontani, a destra.

Il punto panoramico conveniente dalla cima di Fianarantsoa

In questa ultima salita di rue du Rova, ci siamo imbattuti in più credenti, questa volta provenienti dalla chiesa protestante di FJKM Antranobiriky, puntata alla semibase della collina di Ivoneana, di cui spicca la cattedrale d'Ambozontany, la più grande delle chiese di Fianar, almeno per quanto riguarda il Centro Storico.

Siamo saliti in cima alla collina, sede di un palazzo costruito nel 1830 da Rafaralahindraininaly, uno dei governatori della città, durante Ranavalona Iª.

Un serbatoio d'acqua sigillato ci impedisce di esplorarlo come meritava. Per compensare, la vetta rivela panorami sulla Città Bassa e sulle verdi colline e valli che la circondano.

Casa tipica, Fianarantsoa, ​​​​Madagascar

Casa indipendente tradizionale sotto le case della Città Alta di Fianarantsoa.

La compagnia non ci manca. Una sorta di banda di ragazzini ariosi e ottimisti appare dal nulla. Ci chiedono cosa stiamo facendo lì e ci indicano alcuni dei luoghi laggiù che possono identificare.

Una delle ragazze, probabilmente la più grande, porta in grembo un bambino di un anno e mezzo, due al massimo. «Adesso è il mio bambino, lo sai. I suoi genitori sono scomparsi. Mi prendo cura di lui". Il messaggio, diretto e genuino, di buona giovinezza, ci commuove e ci lascia quasi imbarazzati.

Almeno, finché uno dei giovani amici non intercede e gioca con il bambino e la madre adottiva, con una sensibilità molto più matura di quanto suggerirebbe il suo viso infantile.

Con il passare delle ore e dei successivi contatti, abbiamo cominciato a sentire che la gente di Fianar di tutte le età condivideva la stessa sottigliezza dell'essere, tatto e buon senso con la sua qualità contagiosa. Considerando la storia della città, tali attributi ci sembravano tanto inaspettati quanto spiegabili.

Tipico pollo e balconi, Fianarantsoa, ​​Madagascar

Pollo su un balcone tipico della Città Alta e Vecchia di Fianarantsoa.

Ranavalona Iª – la regina contraria alle interferenze coloniali

Come hanno potuto testimoniare gli emissari francesi e britannici, Ranavalona Iª, la fondatrice di Fianarantsoa, ​​non ha giocato e ha voluto chiarire: “A tutti gli europei, inglesi o francesi, in riconoscimento del bene che hanno fatto per il mio Paese insegnando saggezza e conoscenza, vi esprimo i miei ringraziamenti….

E ti dichiaro che puoi seguire le tue abitudini, non temere perché non ho intenzione di cambiarle…” Ora notate il lettore all'avvertimento che segue: “ma se vedo qualcuno dei miei sudditi voler cambiare qualcosa dalle regole stabilite dai grandi dodici re dei miei antenati, questo non lo permetterò mai…. Quindi, per quanto riguarda la religione, sia la domenica che durante la settimana, i battesimi e le comunioni, proibisco ai miei sudditi di prendervi parte, lasciando voi europei liberi di fare quello che volete”.

Fedeli cristiani, Fianarantsoa, ​​Madagascar.

Fedeli discendono da una massa ai piedi della Cidade Alta

Signora dal naso imperiale, Ranavalona I non tardò a dotare la sua capitale meridionale di istituzioni accademiche che attiravano dal regno sempre più intellettuali, alcuni professori, altri meno. Dopo la sua morte, suo figlio Rakotosehenondradama le successe come re. Radama II.

Per quanto figlio fosse, Radama II disprezzava l'isolazionismo e l'antieuropeismo di sua madre. Si dimostrò un monarca fortemente francofilo che ammise che le scuole e le altre istituzioni accademiche dovrebbero essere affiancate da quelle religiose e culturali che persistono e proliferano in città.

A poco a poco, Fianarantsoa sfolgorò di conoscenza e fede. A cui si aggiunse la non meno francofona briscola di essere diventata il centro enogastronomico della grande isola d'Africa.

La relazione bipolare con Ravanalona Iª ex coloni francesi

Durante gli anni '50, il popolo malgascio ha attraversato il processo di indipendenza comune a tutte le colonie africane.

Nonostante i francesi mantengano la loro impronta storica a Fianar e in Madagascar in genere, ogni volta che la nazione è minacciata da eccessive intrusioni postcoloniali, è comune che i malgasci della città (e non solo) esaltino il riferimento del crudele sovrano Ranavalona Iª, non quella del discendente quasi gallico Radama II.

Questo, nonostante la regina le abbia assicurato il regno di 33 anni e 15 giorni dopo aver ordinato l'uccisione di tutti i reggenti che l'hanno minacciata nella successione del marito recentemente scomparso: altre donne, bambini e persino la stessa madre, per averla torturata e uccisa lei numerosi sudditi malgasci ma anche stranieri.

Giovani residenti, Rova, Fianarantsoa, ​​​​Madagascar

Giovani donne che vivono in un piccolo negozio nel quartiere di Rova.

E molti dissidenti malgasci trattano la sua validità come "amido di mais tany” o “gli anni delle tenebre”.

La mattina seguente, guidati dal nativo Lalah Randrianary, ci siamo imbarcati in un altro dei contributi europei che Ranavalona Iª avrebbe consentito e ringraziato: la ferrovia Fianarantsoa-Côte Est.

Questa ferrovia fu costruita dai francesi in dieci anni (1926 – 1936) per collegare, in 162 km, l'altopiano su cui si espande Fianar alla costa tropicale della costa orientale dell'isola. Il TGV (Treno à Gran Vibrazioni) Il malgascio ha impiegato quasi 40 ore per completare il percorso. Fianarantsoa è quasi entrato in un'altra era.

Fianarantsoa-Manakara, Madagascar

A bordo del TGV malgascio

Partiamo da Fianarantsoa alle 7:3. Solo alle 170 del mattino seguente abbiamo completato i XNUMX km fino a Manakara. Gli indigeni chiamano questo treno quasi secolare Allena grandi vibrazioni. Durante il lungo viaggio, abbiamo sentito fortemente il cuore del Madagascar.
Morondava, Viale dei Baobab, Madagascar

Il sentiero malgascio per stupire

Uscendo dal nulla, una colonia di baobab alta 30 metri e vecchia di 800 anni fiancheggia un tratto di strada di argilla e ocra parallela al Canale del Mozambico e alla costa peschereccia di Morondava. Gli indigeni considerano questi alberi colossali le madri della loro foresta. I viaggiatori li venerano come una specie di corridoio iniziatico.
Case

Case Dolci Case

Poche specie sono più sociali e socievoli degli umani. L'uomo tende a emulare le altre case dolci del mondo. Alcune di queste case sono impressionanti.
ippopotami, parco nazionale di chobe, botswana
Safari
PN Chobe, Botswana

Chobe: un fiume al confine tra vita e morte

Chobe segna il divario tra il Botswana e tre dei suoi paesi vicini, Zambia, Zimbabwe e Namibia. Ma il suo letto capriccioso ha una funzione molto più cruciale di questa delimitazione politica.
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 5° - Ngawal a BragaNepal

Verso Braga. I nepalesi.

Abbiamo trascorso un'altra mattinata di tempo glorioso alla scoperta di Ngawal. Segue un breve viaggio verso Manang, la città principale sulla strada per l'apice del circuito dell'Annapurna. Abbiamo soggiornato a Braga (Braka). Il borgo si sarebbe presto rivelato una delle sue tappe più indimenticabili.
Ombra vs Luce
Architettura & Design
Kyoto, Giappone

Il Tempio di Kyoto risorto dalle ceneri

Il Padiglione d'Oro è stato risparmiato dalla distruzione più volte nel corso della storia, comprese le bombe sganciate dagli Stati Uniti, ma non ha resistito al disturbo mentale di Hayashi Yoken. Quando lo ammiravamo, brillava come non mai.
Mushing completo del cane
Aventura
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.
Fatica nei toni del verde
Cerimonie e Feste
Suzdal, Russia

A Suzdal, Pepino è celebrato per Pepino

Con l'estate e il clima caldo, la città russa di Suzdal si rilassa dalla sua millenaria ortodossia religiosa. Il centro storico è anche famoso per avere i migliori cetrioli della nazione. Quando arriva luglio, trasforma il appena raccolto in una vera festa.
Atene, Grecia, cambio della guardia in piazza Syntagma
Città
Atene, Grecia

La Città che Perpetua la Metropoli

Dopo tre millenni e mezzo, Atene resiste e prospera. Da belligerante città-stato, divenne la capitale della vasta nazione ellenica. Modernizzato e sofisticato, conserva, in un nucleo roccioso, l'eredità della sua gloriosa Era Classica.
cibo
Mercati

Un'economia di mercato

La legge della domanda e dell'offerta determina la loro proliferazione. Che siano generici o specifici, coperti o all'aperto, questi spazi dedicati alla compravendita e allo scambio sono espressioni di vita e di salute finanziaria.
Garranos galoppa attraverso l'altopiano sopra Castro Laboreiro, PN Peneda-Gerês, Portogallo
Cultura
Castro Laboreiro, Portogallo  

Da Castro de Laboreiro a Raia da Serra Peneda – Gerês

Siamo arrivati ​​a (i) l'eminenza della Galizia, a 1000 m di altitudine e anche oltre. Castro Laboreiro e i paesi circostanti si stagliano contro la monumentalità granitica delle montagne e del Planalto da Peneda e Laboreiro. Così come le sue persone resilienti che, a volte affidate a Brandas a volte a Inverneiras, chiamano ancora casa questi paesaggi mozzafiato.
Nuoto, Western Australia, Aussie Style, Alba negli occhi
sportivo
Busselton, Australia

2000 metri in stile australiano

Nel 1853 Busselton fu dotata di uno dei pontoni più lunghi del mondo. mondo. Quando la struttura è crollata, i residenti hanno deciso di aggirare il problema. Dal 1996 lo fanno ogni anno. nuoto.
murale extraterrestre, Wycliffe Wells, Australia
In viaggio
Wycliff Wells, Australia

I piccoli file segreti di Wycliffe Wells

Residenti, esperti di UFO e visitatori sono stati testimoni di avvistamenti intorno a Wycliffe Wells per decenni. Qui Roswell non ha mai dato l'esempio e ogni nuovo fenomeno viene comunicato al mondo.
Vista da John Ford Point, Monument Valley, Nacao Navajo, Stati Uniti
Etnico
Monument Valley, EUA

Indiani o Cowboy?

I produttori iconici di western come John Ford hanno immortalato quello che è il più grande territorio dei nativi americani negli Stati Uniti. Oggi, nella Navajo Nation, i Navajo vivono anche nei panni di vecchi nemici.
tunnel di ghiaccio, percorso dell'oro nero, Valdez, Alaska, USA
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Sensazioni vs Impressioni

Cacao, Cioccolato, Sao Tome Principe, Fattoria Água Izé
Storia
São Tome e Principe

Orti di cacao, Corallo e la Fabbrica di Cioccolato

All'inizio del sec Nel XNUMX° secolo, São Tomé e Príncipe hanno generato più cacao di qualsiasi altro territorio. Grazie alla dedizione di alcuni imprenditori, la produzione persiste ed entrambe le isole degustano il miglior cioccolato.
Cattedrale, Funchal, Madera
Isole
Funchal, Madeira

Portale di un Portogallo quasi tropicale

Madeira si trova a meno di 1000 km a nord del Tropico del Cancro. E la lussureggiante esuberanza che le è valsa il soprannome di isola giardino dell'Atlantico emerge in ogni angolo della sua ripida capitale.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
bianco inverno
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
José Saramago a Lanzarote, Isole Canarie, Spagna, Glorieta de Saramago
Letteratura
Lanzarote, Isole Canarie, Spagna

La Zattera di Basalto di José Saramago

Nel 1993, frustrato dal disprezzo del governo portoghese per il suo lavoro “Il Vangelo secondo Gesù Cristo”, Saramago si trasferì con la moglie Pilar del Río a Lanzarote. Di ritorno in questa isola delle Canarie un po' extraterrestre, abbiamo ritrovato la nostra casa. E il rifugio dalla censura a cui lo scrittore si trovò condannato.
Jeep attraversa Damaraland, Namibia
Natura
Damaraland, Namibia

Namibia sulle rocce

Centinaia di chilometri a nord di Swakopmund, molte altre delle iconiche dune di Swakopmund Sossuvlei, Damaraland ospita deserti intervallati da colline di roccia rossastra, la montagna più alta e l'antica arte rupestre della giovane nazione. i coloni sudafricani ha chiamato questa regione in onore dei Damara, uno dei gruppi etnici della Namibia. Solo questi e altri abitanti dimostrano che rimane sulla Terra.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Adoratori accendono candele, tempio della Grotta di Milarepa, circuito dell'Annapurna, Nepal
Parchi Naturali
Circuito dell'Annapurna: dal 9° Manang a Grotta di Milarepa, Nepal

Una passeggiata tra acclimatamento e pellegrinaggio

In toto Circuito dell'Annapurna, arriviamo finalmente a Manang (3519 m). abbiamo ancora bisogno acclimatarsi per i tratti più alti che sono seguiti, abbiamo iniziato un altrettanto spirituale viaggio verso una grotta nepalese a Milarepa (4000 m), rifugio di un siddha (saggio) e santo buddista.
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Nikko, Giappone

Nikko, Toshogu: Il Santuario e il Mausoleo dello Shogun Tokugawa

Tesoro storico e architettonico essenziale del Giappone, il Santuario Toshogu di Nikko onora il più importante degli shogun giapponesi, mentore della nazione giapponese: Tokugawa Ieyasu.
La maschera di Zorro in mostra durante una cena presso la Pousada Hacienda del Hidalgo, El Fuerte, Sinaloa, Messico
personaggi
El Fuerte, Sinaloa, Messico

La Culla di Zorro

El Fuerte è una città coloniale nello stato messicano di Sinaloa. Nella sua storia verrà ricordata la nascita di Don Diego de La Vega, si dice che in un palazzo del paese. Nella sua lotta contro le ingiustizie del giogo spagnolo, Don Diego si trasformò in un sfuggente uomo mascherato. A El Fuerte avrà sempre luogo il leggendario “El Zorro”.
Vista del monte Teurafaatiu, Maupiti, Isole della Società, Polinesia francese
Spiagge
Maupiti, Polinesia Francese

Una società al margine

All'ombra della fama quasi planetaria della vicina Bora Bora, Maupiti è remota, scarsamente abitata e anche meno sviluppata. I suoi abitanti si sentono abbandonati ma chi la visita è grato per l'abbandono.
Rostov Veliki Cremlino, Russia
Religione
Rostov Velikij, Russia

Sotto le cupole dell'anima russa

È una delle città medievali più antiche e importanti, fondata durante le origini ancora pagane della nazione degli Zar. Alla fine del XV secolo, inglobato nel Granducato di Mosca, divenne un imponente centro di religiosità ortodossa. Oggi, solo lo splendore del Cremlino Mosca batte quella della tranquilla e pittoresca cittadella di Rostov Velikij.
White pass yukon train, Skagway, Gold route, Alaska, USA
Veicoli Ferroviari
Skagway, Alaska

Una variante della corsa all'oro nel Klondike

L'ultima grande corsa all'oro americana è ormai lontana. Oggi, centinaia di navi da crociera riversano ogni estate migliaia di visitatori benestanti nelle strade piene di negozi di Skagway.
Fedeli cristiani che lasciano una chiesa, Upolu, Samoa occidentali
Società
Upolu, Samoa  

Nel cuore spezzato della Polinesia

L'immagine dell'idilliaco Sud Pacifico è indiscutibile a Samoa, ma la sua bellezza tropicale non paga i conti né per la nazione né per gli abitanti. Chiunque visiti questo arcipelago trova un popolo combattuto tra l'assoggettarsi alla tradizione e alla stasi finanziaria o lo sradicarsi in paesi con orizzonti più ampi.
Vita quotidiana
Professioni Ardue

Il pane impastato dal diavolo

Il lavoro è essenziale per la maggior parte delle vite. Ma alcuni lavori impongono un livello di sforzo, monotonia o pericolo di cui solo pochi eletti sono capaci.
Serengeti, Great Savanna Migration, Tanzania, gnu nel fiume
Animali selvatici
P.N. Serengeti, Tanzania

La grande migrazione della savana infinita

In queste praterie che dicono i Masai siringat (corri per sempre), milioni di gnu e altri erbivori inseguono le piogge. Per i predatori, il loro arrivo e quello del monsone sono la stessa salvezza.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.