Cape Coast, Gana

Il Festival della Purificazione Divina


il grande capo
Il capo tribù Meny V Kaya, esalta il suo potere durante il Festival Fetu Afahye di Cape Coast.
trio andino
Acrobati su palafitte sopra Kotokuraba Road. che ospita la grande sfilata del festival Fetu Afahye.
duo di stoffa
Mascherato con le tradizionali maschere di stoffa, in una posa tenera, durante la sfilata del festival Fetu Afahye.
balena alata
I partecipanti della 7a compagnia militare Asafo fanno sfilare una balena simbolica del loro battaglione
Nana Kweku Ennu III
Nana Kweku Ennu III, capo regionale del Ghana, saluta la folla dall'alto del suo palanchino giallo.
Libertà di generazione
I giovani ghanesi posano accanto a un murale contro la schiavitù e la liberazione in un edificio fatiscente di Cape Coast.
78e4260e-1c5e-4e19-ab15-b03396664517
conversazione facile
L'anziano dialoga con un giovane partecipante alla processione del festival Fetu Afahye.
La flotta peschereccia di Cape Coast
Barche da pesca artigianali vicino a Cape Coast Fort, Ghana
Casa Dª Rosa
I partecipanti alla parata del Festival Fetu Afahye passano davanti a un lussureggiante edificio rosa lungo il percorso.
eredità coloniale
Cape Coast Fort, costruito dagli svedesi nel XVII secolo per sostenere la tratta degli schiavi e il commercio in quello che oggi è il Ghana. Successivamente adattato e utilizzato dagli inglesi.
Gli emissari
I rappresentanti regionali allineano Kotokuraba Rd con le loro colorate vesti ghanesi.
Fermata in linea
I partecipanti alla parata del festival Fetu Afahye si sono intrattenuti con smartphone e dispositivi correlati.
coppia
Un ballerino con costumi e motivi audaci viene sfidato a un ballo per due da uno spettatore della sfilata.
Afahye 4G
La pubblicità della società di telecomunicazioni del Ghana sembra far parte della parata del festival Fetu Afahye.
sopra la festa
Partecipante al Fetu Afahye Festival, in alto sopra la folla.
La storia racconta che, a volte, una pestilenza ha devastato la popolazione della Cape Coast di oggi Gana. Solo le preghiere dei sopravvissuti e la purificazione del male operata dagli dei avranno posto fine al flagello. Da allora, i nativi hanno restituito la benedizione delle 77 divinità della tradizionale regione di Oguaa con il frenetico festival Fetu Afahye.

Senza sapere come, ci troviamo in un pasticcio molto africano.

Frank, autista dell'Ente Turismo di Gana, era stato incaricato di lasciarci in un punto strategico della parata, ma durante le festività natalizie, la zona costiera di Cape Coast era tutta una pigna.

Nonostante le suppliche disperate dell'autista, esci dal finestrino o suonando il clacson senza tante cerimonie, tesa in un'imboscata dalla folla che segue il corteo, la berlina con i suoi vetri oscurati si muove a malapena.

Frank si guarda indietro disperato. Sapevo che era tutt'altro che normale lasciarci lì, senza la guida dei padroni di casa, quel giorno, dediti alla propria festa.

Lo contempliamo, per un momento. Facciamo quello che dovevamo fare. eravamo dentro Gana per la prima volta. Non avevamo idea di come sarebbe stato ritrovarci, con le telecamere al collo, in una folla così euforica.

Anche così, abbiamo lasciato l'auto refrigerata e ci siamo tuffati nel fiume di persone che scendeva Kotokuraba Road.

Partecipanti al Festival Fetu Afahye, Accra, Ghana

I partecipanti alla parata del Festival Fetu Afahye passano davanti a un lussureggiante edificio rosa lungo il percorso.

Consegnato alla frenesia di Fetu Afahye

Durante un primo tratto, abbiamo progredito con una presa bagnata e sudata. Presto ci siamo avvicinati alla zona del percorso dove molti spettatori si erano allineati sul ciglio della strada. Molti dei partecipanti alla sfilata erano già indietro.

La vista di una panchina condivisa da anziani con sgargianti abiti tradizionali indicava che era un luogo privilegiato in cui fermarsi. Riprendiamo fiato.

Capo e soggetto anziano, festival Fetu Afahye, Accra, Ghana

L'anziano dialoga con un giovane partecipante alla processione del festival Fetu Afahye.

Ci siamo immersi nel sudore tropicale che ci ha inzuppato. Abbiamo cercato uno spazio innocuo e ci siamo goduti la frenesia, ora protocollo, ora popolare e gentile, che scorreva in quell'arteria congestionata della città, situata a 150 km a ovest del capitale Accra.

Adagiati su sedie di plastica, protetti dal sole crudele da un grande cappello da sole scarlatto con le falde cadenti, gli anziani della regione di Oguaa (Costa del Capo) si godono spettacoli successivi con contenuto entusiasmo.

Soggetti estatici che elogiano i capi tribali

A monte del corteo emergono clan di personaggi. Arrivati ​​davanti alla panchina, esibiscono le loro danze, i ritmi, i costumi, le loro immagini e le arti tradizionali. I ballerini che portano gli stendardi delle loro regioni volteggiano.

Mascherato con maschere di stoffa tradizionali, festival Fetu Afahye, Cape Coast, Ghana

Mascherato con le tradizionali maschere di stoffa, in una posa tenera, durante la sfilata del festival Fetu Afahye.

E ci sono guerrieri con fili e collane tribali che penzolano da torsi nudi muscolosi e gonfi su gonne a frange vernacolari.

Questi enormi guerrieri, con un'aria che si addice a pochi amici, impugnano le lance con entrambe le mani. Sembrano sostenere l'austerità e il suo eccessivo peso bellicoso.

I musicisti sfilano ancora, suonatori di grandi tamburi elevati sopra la folla da portatori sacrificati.

Balli di strada durante il festival Fetu Afahye, Accra, Ghana

Una ballerina con costumi e motivi audaci viene sfidata a una danza per due da uno spettatore del festival Fetu Afahye.

E duetti o trii di trombe e tromboni che metallizzano l'atmosfera con strane melodie ipnotiche. Tra le comparse e gli artisti, sono continuati i partecipanti casuali popolari, molti dei quali, altrettanto o più motivati ​​a brillare.

Alcuni danzarono per noi in una profonda trance, rapiti dal ritmo dei tamburi e dal fascino soprannaturale degli dei. Altri hanno risposto allo stimolo dell'inaspettato duo di outsider con macchine in aria.

Si sono fermati. Ci fissarono, sorpresi ed esitanti. Poi, mossi dall'alcol e dall'adrenalina comunitaria dell'evento, hanno provato le pose eleganti delle star dell'occasione.

Un festival mistico e cerimoniale

Il festival Fetu Afahye ha molto più da dire dell'ostentazione che abbiamo incontrato lì. Si parte, infatti, in maniera molto contrastata.

Il suo cerimoniale si apre settimane prima, quando Osabarimba Kwesi Atta II, il capo supremo della regione di Oguua, si concede una settimana di reclusione e conferenze con gli dei. Durante questo periodo, nel comune di Cape Coast sono vietati balli, tamburi, rumori e feste in generale.

Pubblico al festival Fetu Afahye, Accra, Ghana

I partecipanti alla parata del festival Fetu Afahye si sono intrattenuti con smartphone e dispositivi correlati.

La laguna di Fosu, che si nasconde nell'entroterra come provvidenziale estensione del Golfo di Guinea e intrappola gli indigeni con cibo facile, è vietata la pesca.

i tuoi guardiani (amichevole) svolgono un rituale di purificazione con l'obiettivo di allontanare gli spiriti maligni, pregando per l'abbondanza di pesce e raccolti favorevoli.

Una data particolare, Amuntumadeze, è riservata alla comunità per pulire il proprio ambiente: raccogliere immondizia, sgombrare le grondaie, dipingere le facciate degli edifici e quant'altro possa contribuire all'igiene e all'abbellimento delle strade.

Questa preoccupazione deriva dal trauma che la popolazione di Oguua subì anche prima del periodo coloniale, quando una pestilenza fulminante decimò la maggior parte dei suoi abitanti e questi, disperati, pregarono gli dei come mai prima d'ora.

La risposta religiosa a un grave disastro

Il nome dell'evento ha avuto origine lì. “Fetu” è un adattamento di “finisci tu” che si traduce in dialetto Fante come “sbarazzarsi dello sporco” o “sbarazzarsi del male”.

Pochi giorni dopo l'Amuntumadeze, il popolo si riversa in laguna dove, di notte, sacerdoti e sacerdotesse invocano gli dei, accompagnati da balli popolari al suono dei tamburi.

Altri rituali si svolgono in un santuario locale. Osabarimba Kwesi Atta II offre da bere agli dei e riapre ufficialmente la laguna, gettando lui stesso una rete per tre volte nell'acqua. Se la rete cattura molti pesci, questo è un segno di pesca e raccolti abbondanti nel prossimo anno.

Mentre la settimana volge al termine, più indigeni arrivano dall'area di Cape Coast ma anche da parti lontane del Gana.

I capi di Oguua li accolgono, dopodiché si incontrano in un durbar diplomatico allo scopo di dirimere le controversie che si stanno trascinando.

Segue una cerimonia di evocazione degli spiriti ancestrali, il rituale Bakatue che prevede lo sparo solenne dei moschetti.

Infine, il sacrificio di un toro dello stesso Osabarimba Kwesi Atta II in onore di Nana Paprata – una delle divinità centrali della Terra – convalida le celebrazioni festive e la semipazza parata del sabato in cui abbiamo continuato ad approfondire.

Torna alla folla inquieta di Kotokuraba Road

Avanziamo e ci ritiriamo su Kotokuraba Road. alla ricerca senza fiato dei motivi più eccentrici della processione.

Un enorme pupazzo di balena nera a bocca aperta viene spinto dai partecipanti di uno degli asafos, le organizzazioni militari del sottogruppo etnico Fante ghanese che contribuiscono alla sicurezza e alla pace dell'area tradizionale di Oguua: i Bantsir, gli Anaafo , il Ntsin, il Nkum, Abrofomba, Akrampa e Amanful.

7a Compagnia Militare Asafo, Fetu Afahye, Accra, Ghana

I partecipanti della 7a compagnia militare Asafo fanno sfilare una balena simbolica del loro battaglione

La migrazione su ruote di quella replica di cetacei lungo la strada ha esposto alla comunità di Cape Coast la forza della compagnia militare che l'ha adottato come simbolo e il concetto storico che, per quanta evoluzione tecnologica raggiunga l'uomo, il mondo naturale sarà sempre più potente dell'umano.

Negli spazi, la processione è animata anche dal miracoloso passaggio dei capi di diverse regioni del Ghana. Appaiono avvolti in esuberanti abiti nobiliarchici: corone, bracciali, enormi anelli d'oro, tessuti lucidi e altri accessori altrettanto o più vistosi.

Chef regionali ghanesi, festival Fetu Afahye, Accra, Ghana

I rappresentanti regionali allineano Kotokuraba Rd con le loro colorate vesti ghanesi

Salutano il popolo dall'alto della sua sovranità, sdraiato su palanchini con forme da qualche parte tra divani e vasche da bagno e che decine di sudditi tengono in aria.

Il popolo esulta per la vicinanza dei leader. Gridano i diminutivi dei loro lunghi nomi dinastici e sventolano fazzoletti o magliette arrotolate in segno di gratitudine.

Tutto questo trambusto raggiunge un culmine molto udibile con l'ingresso in scena dell'attuale Omanhen Osabarimba Kwesi Atta II, come si suppone, sontuoso e maestoso da raddoppiare e, per sfilare in casa ed essere il supremo, molto più lodato dei suoi omologhi .

I capi di Cape Coast non erano sempre in grado di esporre il loro potere in questo modo, controllare il loro destino e quello della loro gente, o fornire loro l'idolatrato Fetu Afahye.

portfolio, Got2Globe, Fotografia di viaggio, immagini, migliori fotografie, foto di viaggio, mondo, Terra

Il capo tribù Meny V Kaya, esalta il suo potere durante il Festival Fetu Afahye di Cape Coast.

Missionari contro credenze locali, una resa dei conti duratura

Dalla fine del XV secolo in poi, le potenze coloniali europee riuscirono a controllare questa parte della costa africana del Golfo di Guinea, controllando il commercio dell'oro e, quindi, degli schiavi che si affrettarono a sfruttare.

Nel 1482 i portoghesi fondarono il forte di Sao Jorge de Mina, a poco più di 10 km da dove ci trovavamo e, allo stesso tempo, sua redditizia colonia sulla Gold Coast.

Nel corso dei secoli seguirono altri forti e avamposti, alcuni provenienti da nazioni occupanti meno attese e famigerate in Africa, come Svezia e Danimarca.

Durante questo periodo di intensa rivalità europea, le autorità coloniali di Cape Coast iniziarono a considerare Fetu Afahye come una sorta di Black Christmas, una malvagia celebrazione tradizionale che comprometteva i valori cristiani portati dal Vecchio Mondo. Lo hanno bandito per molto tempo.

Il festival riprenderà solo dopo la contestazione di diversi leader e sacerdoti della regione tradizionale di Oguua. Nel 1948, appena nove anni prima della dichiarazione di indipendenza del Ghana dal dominio britannico.

Verso l'altra estremità di Kotokuraba Road.

La processione sabbatica del Fetu Afahye è proseguita senza sosta né pietà.

Ad un certo punto, con la sensazione di vertigine conferita da una troupe di acrobati su palafitte, che camminava sopra i passanti e si fermava a chiacchierare con gli spettatori sui balconi più alti del percorso.

Acrobati su palafitte sopra Kotokuraba Rd, Fetu Afahye festival, Accra, Ghana

Acrobati su palafitte sopra Kotokuraba Road. che ospita la grande sfilata del festival Fetu Afahye.

Ci stavamo avvicinando all'estremità meridionale della strada, alla Piazza della Cappella e al Palazzo del Capo, dove doveva concludersi la sfilata. Prima di allora, ha persino attraversato una piazza che si è trasformata in un'effimera festa di strada animata da una bancarella che suonava musica ad alto volume e attirava ballerini casuali verso la celebrità.

Lì fummo stupiti da una pescivendola che si contorceva con incredibile grazia africana senza mai far cadere in testa la tavola bilanciata.

Il corteo raggiunge gli ultimi meandri. Ci spostiamo lungo Royal Lane e arriviamo al Victoria Park, il luogo prestabilito per il nuovo Durbar, la celebrazione ufficiale di chiusura che riunisce i boss.

La Fine del Festival lascia il posto alla Celebrazione della Notte

L'azione lascia il posto a un lungo protocollo pieno di diplomazia e voce fuori campo. Osabarimba Kwesi Atta II circola con sfarzo, riceve saluti e saluti dai visitatori. Quindi siediti e dai il benvenuto all'oratore ospite.

L'Omanhen ei suoi capi ricambiano le congratulazioni dell'oratore ospite e poi il capo supremo di Ouguua inaugura il più apprezzato dei discorsi.

La battaglia verbale ha ancora un'ultima risposta da parte dell'oratore ospite. Finché, finalmente – con più che probabile sollievo di molti dei presenti – le compagnie Asafo prendono il comando e, con le loro acrobazie, chiudono il Durbar.

Forte di Cape Coast, Ghana

Cape Coast Fort, costruito dagli svedesi nel XVII secolo per sostenere la tratta degli schiavi e il commercio in quello che oggi è il Ghana. Successivamente adattato e utilizzato dagli inglesi.

La folla si accalca nei diversi locali notturni sparsi per la città. Un nucleo più paziente precede il pellegrinaggio bohémien al Cape Coast Castle, un altro dei forti costruiti dagli europei sulla costa di Gana, questo degli opportunisti svedesi. Ci uniamo a questo pellegrinaggio.

Dopo che abbiamo già visitato il Sao Jorge de Mina, abbiamo appreso lì quanto drammatico sia stato il periodo della tratta degli schiavi che ha devastato la nazione del Ghana. Dall'alto delle sue mura veniamo abbagliati dal colore e dal vigore della tradizionale flotta peschereccia che riempie gran parte della sabbia della caletta adiacente.

Barche da pesca, Cape Coast, Ghana

Barche da pesca artigianali vicino a Cape Coast Fort, Ghana

Nell'entroterra, dalle sponde della città al suo cuore, Cape Coast trasuda spiritualità e libertà. Ed era ubriaco al momento della chiusura del suo Fetu Afahye.

Maggiori informazioni sul Fetu Afahye Festival, nella rispettiva pagina del wikipedia.

Nzulezu, Gana

Un villaggio a galla in Ghana

Partiamo dalla località balneare di Busua, verso l'estremità occidentale della costa atlantica del Ghana. A Beyin, deviiamo a nord verso il lago Amansuri. Lì troviamo Nzulezu, uno dei villaggi lacustri più antichi e genuini dell'Africa occidentale.
Jaisalmer, India

C'è la festa nel deserto del Thar

Non appena il breve inverno finisce, Jaisalmer si abbandona a sfilate, corse di cammelli e gare di turbanti e baffi. Le sue mura, i vicoli e le dune circostanti acquistano più colore che mai. Durante i tre giorni dell'evento, sia i nativi che gli estranei osservano con stupore il vasto e inospitale Thar che finalmente risplende di vita.
Bacolod, Filippine

Un festival per ridere della tragedia

Intorno al 1980, il valore dello zucchero, importante fonte di ricchezza sull'isola filippina di Negros, crollò e il traghetto"Don Juan” che la serviva affondò e morirono più di 176 passeggeri, la maggior parte dei quali neri. La comunità locale ha deciso di reagire alla depressione generata da questi drammi. Nasce così MassKara, una festa impegnata a recuperare i sorrisi della popolazione.
Acra, Gana

La Capitale alla Culla della Gold Coast

Do sbarco dei navigatori portoghesi indipendenza nel 1957, le potenze che dominavano la regione del Golfo di Guinea si succedettero. Dopo il XNUMX° secolo, Accra, l'attuale capitale del Ghana, è stata costruita attorno a tre forti coloniali costruiti da Gran Bretagna, Olanda e Danimarca. A quel tempo, crebbe da un semplice sobborgo a una delle megalopoli più fiorenti dell'Africa.
eliminare, Gana

Il primo jackpot delle scoperte portoghesi

nel secolo XVI, Mina generava più di 310 kg d'oro all'anno per la Corona. Questo profitto ha suscitato l'avidità del Olanda e l'Inghilterra che si succedettero al posto dei portoghesi e favorirono la tratta degli schiavi nelle Americhe. Il paese che lo circonda è ancora conosciuto come Elmina, ma oggi il pesce è la sua ricchezza più evidente.
Pueblos del Sur, Venezuela

I Pauliteiros de Mérida, le loro danze e Co.

Dall'inizio del XVII secolo, con i coloni ispanici e, più recentemente, con gli emigranti portoghesi, usi e costumi ben noti nella penisola iberica e, in particolare, nel nord del Portogallo si sono consolidati nei Pueblos del Sur.
Pueblos del Sur, Venezuela

Per alcuni Trás-os-Montes in Venezuela in Fiesta

Nel 1619, le autorità di Mérida dettarono l'insediamento del territorio circostante. Dall'ordine sono derivati ​​19 villaggi remoti, che abbiamo trovato dediti a celebrazioni con caretos e pauliteiros locali.
Suzdal, Russia

A Suzdal, Pepino è celebrato per Pepino

Con l'estate e il clima caldo, la città russa di Suzdal si rilassa dalla sua millenaria ortodossia religiosa. Il centro storico è anche famoso per avere i migliori cetrioli della nazione. Quando arriva luglio, trasforma il appena raccolto in una vera festa.
Pirenópolis, Brasile

Crociate brasiliane

Gli eserciti cristiani espulsero le forze musulmane dalla penisola iberica nel XVI secolo. XV ma, a Pirenópolis, nello stato brasiliano di Goiás, continuano a trionfare i sudamericani di Carlo Magno.
Pirenópolis, Brasile

cavalcata di fede

Introdotta nel 1819 dai sacerdoti portoghesi, la Festa dello Spirito Santo di Pirenópolis aggrega una complessa rete di celebrazioni religiose e pagane. Dura più di 20 giorni, per lo più trascorsi in sella.
San Francisco, EUA

Con la testa sulla luna

Arriva settembre e i cinesi di tutto il mondo celebrano i raccolti, l'abbondanza e l'unione. L'enorme sino-comunità di San Francisco si dà anima e corpo al più grande Festival della Luna della California.
Albuquerque, EUA

Il suono dei tamburi, gli indiani resistono

Con oltre 500 tribù presenti, il pow wow "Gathering of the Nations" celebra la sacralità delle culture dei nativi americani. Ma rivela anche il danno inflitto dalla civiltà colonizzatrice.
Volta, Gana

Un giro del Volta

In epoca coloniale, la grande regione africana del Volta era tedesca, britannica e francese. Oggi, l'area ad est di questo maestoso fiume dell'Africa occidentale e il lago in cui si riversa formano una provincia omonima. È un angolo montuoso, lussureggiante e mozzafiato del Ghana.
Kumasi a Kpetoe, Gana

Una celebrazione del viaggio della moda tradizionale ghanese

Dopo qualche tempo nella grande capitale del Ghana Ashanti abbiamo attraversato il paese fino al confine con il Togo. Le ragioni di questo lungo viaggio sono state le alla città, un tessuto così venerato in Ghana che diversi capi tribù gli dedicano ogni anno un sontuoso festival.
Delta dell'Okavango, Non tutti i fiumi raggiungono il mare, Mokoros
Safari
Delta dell'Okavango, Botswana

Non tutti i fiumi raggiungono il mare

Terzo fiume più lungo dell'Africa meridionale, l'Okavango nasce negli altopiani angolani di Bié e percorre 1600 km a sud-est. Perditi nel deserto del Kalahari, dove irriga una splendida zona umida brulicante di fauna selvatica.
Bandiere di preghiera a Ghyaru, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 4° – Upper Pisang a Ngawal, Nepal

Da incubo a Dazzle

A nostra insaputa, siamo di fronte a un'ascesa che ci porta alla disperazione. Abbiamo spinto le nostre forze al limite e abbiamo raggiunto Ghyaru dove ci siamo sentiti più vicini che mai all'Annapurna. Il resto della strada per Ngawal sembrava una sorta di estensione della ricompensa.
Architettura & Design
Fortezze

Il mondo da difendere – Castelli e fortezze che resistono

Sotto la minaccia dei nemici dalla fine dei tempi, i capi dei villaggi e delle nazioni hanno costruito castelli e fortezze. Un po' ovunque, monumenti militari come questi continuano a resistere.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Aventura
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.
ombra di successo
Cerimonie e Feste
Champoton, Messico

Rodeo sotto i sombreri

Champoton, a Campeche, ospita una fiera in onore della Virgén de La Concepción. o rodeo Il messicano sotto i sombreri locali rivela l'eleganza e l'esperienza dei cowboy della regione.
Crepuscolo al Parco Itzamna, Izamal, Messico
Città
izamal, Messico

La città messicana, Babbo Natale, Bela e Amarela

Fino all'arrivo dei conquistatori spagnoli, Izamal era un centro di culto del supremo dio Maya Itzamná e Kinich Kakmó, il sole. A poco a poco, gli invasori hanno raso al suolo le varie piramidi dei nativi. Al suo posto costruirono un grande convento francescano e una prolifica casa coloniale, con lo stesso tono solare in cui risplende la città ora cattolica.
Il focan di Lola, cibo ricco, Costa Rica, Guapiles
cibo
Il Fogon di Lola, Costa Rica

Il gusto della Costa Rica a El Fogón de Lola

Come suggerisce il nome, Fogón de Lola de Guapiles serve piatti preparati sui fornelli e al forno, secondo la tradizione della famiglia costaricana. In particolare, la famiglia di zia Lola.
mini snorkeling
Cultura
Isole Phi Phi, Thailandia

Torna a Danny Boyle Beach

Sono passati 15 anni dal debutto del classico autostoppista tratto dal romanzo di Alex Garland. Il film ha reso popolari i luoghi in cui è stato girato. Poco dopo, alcuni di loro scomparvero temporaneamente ma letteralmente dalla mappa, ma oggi la loro controversa fama rimane intatta.
Spettatore, Melbourne Cricket Ground-Regole di calcio, Melbourne, Australia
sportivo
Melbourne, Australia

Calcio dove gli australiani regolano le regole

Sebbene praticato dal 1841, il football australiano conquistò solo una parte della grande isola. L'internazionalizzazione non è mai andata oltre la carta, frenata dalla concorrenza del rugby e del calcio classico.
Assuan, Egitto, fiume Nilo incontra l'Africa Nera, Isola Elefantina
In viaggio
Assuan, Egitto

Dove il Nilo accoglie l'Africa nera

1200 km a monte del suo delta, il Nilo non è più navigabile. L'ultima delle grandi città egiziane segna la fusione tra territorio arabo e nubiano. Fin dalla sua sorgente nel Lago Vittoria, il fiume ha dato vita a innumerevoli popoli africani dalla carnagione scura.
Tetti grigi, Lijiang, Yunnan, Cina
Etnico
Lijiang, Cina

Una città grigia ma piccola

Viste da lontano, le sue vaste case sono lugubri, ma i secolari marciapiedi e canali di Lijiang sono più popolari che mai. Una volta, questa città brillava come la grande capitale del popolo Naxi. Oggi, inondazioni di visitatori cinesi competono per il quasi parco a tema che è diventato una tempesta.
Veduta dell'isola di Fa, Tonga, ultima monarchia polinesiana
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Segni esotici di vita

Thingvelir, Origins Democracy Islanda, Oxará
Storia
PN Thingvellir, Islândia

Sulle origini della remota democrazia vichinga

Le basi del governo popolare che mi vengono in mente sono quelle elleniche. Ma quello che si ritiene essere il primo parlamento al mondo fu inaugurato a metà del X secolo, nella gelida campagna islandese.
Soccorso bagnante a Boucan Canot, Isola della Reunion
Isole
Reunion Island

Il melodramma balneare della riunione

Non tutte le coste tropicali sono ritiri piacevoli e corroboranti. Battuto da violente onde, minato da correnti insidiose e, peggio, teatro dei più frequenti attacchi di squali sulla faccia della Terra, quello di Isola della Riunione non riesce a garantire ai suoi bagnanti la pace e il piacere che bramano.
Oulu Finlandia, il passaggio del tempo
bianco inverno
Oulu, Finlândia

Oulu: un'ode all'inverno

Situata nella parte nord-orientale del Golfo di Botnia, Oulu è una delle città più antiche della Finlandia e la sua capitale settentrionale. A soli 220 km dal Circolo Polare Artico, anche nei mesi più freddi offre una prodigiosa vita all'aria aperta.
José Saramago a Lanzarote, Isole Canarie, Spagna, Glorieta de Saramago
Letteratura
Lanzarote, Isole Canarie, Spagna

La Zattera di Basalto di José Saramago

Nel 1993, frustrato dal disprezzo del governo portoghese per il suo lavoro “Il Vangelo secondo Gesù Cristo”, Saramago si trasferì con la moglie Pilar del Río a Lanzarote. Di ritorno in questa isola delle Canarie un po' extraterrestre, abbiamo ritrovato la nostra casa. E il rifugio dalla censura a cui lo scrittore si trovò condannato.
Incontro delle acque, Manaus, Amazonas, Brasile
Natura
Manaus, Brasile

Al Meeting delle Acque

Il fenomeno non è unico, ma a Manaus ha una bellezza e una solennità speciali. Ad un certo punto i fiumi Negro e Solimões confluiscono nello stesso alveo dell'Amazzonia, ma invece di mescolarsi immediatamente, entrambi i flussi continuano fianco a fianco. Mentre esploriamo queste parti dell'Amazzonia, assistiamo all'insolito confronto dell'Incontro delle Acque.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Viaggiatore sopra la laguna ghiacciata di Jökursarlón, Islanda
Parchi Naturali
Laguna di Jökursarlon, Ghiacciaio Vatnajökull, Islândia

Il ghiacciaio King of Europe sta già vacillando

Solo in Groenlandia e in Antartide esistono ghiacciai paragonabili al Vatnajökull, il ghiacciaio supremo del vecchio continente. Eppure, anche questo colosso che dà più significato al termine terra di ghiaccio si sta arrendendo all'assedio inesorabile del riscaldamento globale.
Big Platform Water, cascate di Iguacu, Brasile, Argentina
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Cascate dell'Iguazù/Iguazù, Brasile/Argentina

Il tuono della grande acqua

Dopo un lungo viaggio tropicale, il fiume Iguaçu fa il grande passo. Lì, al confine tra Brasile e Argentina, si formano le cascate più grandi e imponenti sulla faccia della Terra.
aggie grey, samoa, pacifico meridionale, Marlon Brando Fale
personaggi
Apia, Samoa Occidentali

La padrona di casa del Pacifico meridionale

venduto hamburger ai GI nella seconda guerra mondiale e ha aperto un hotel che ha accolto Marlon Brando e Gary Cooper. Aggie Grey è morta nel 2, ma la sua eredità di ospitalità sopravvive nel Pacifico meridionale.
La Digue, Seychelles, Anse d'Argent
Spiagge
La Digue, Seychelles

Granito tropicale monumentale

Le spiagge nascoste da una giungla lussureggiante, fatte di sabbia corallina bagnata da un mare turchese-smeraldo, sono tutt'altro che rare nell'Oceano Indiano. La Digue si è ricreata. Intorno alla sua costa spuntano massicci scogli che l'erosione ha scolpito come un eccentrico e solido omaggio del tempo al Natura.
Monastero di Tawang, Arunachal Pradesh, India
Religione
Tawang, India

La mistica valle della profonda discordia

All'estremità settentrionale della provincia indiana dell'Arunachal Pradesh, Tawang ospita paesaggi montuosi spettacolari, villaggi etnici Mompa e maestosi monasteri buddisti. Anche se dal 1962 i rivali cinesi non lo trafiggono, Pechino guarda questo dominio come parte del tuo Tibete. Di conseguenza, religiosità e spiritualismo hanno da tempo condiviso un forte militarismo.
Composizione ferroviaria Flam sotto una cascata, Norvegia
Veicoli Ferroviari
nesbyen a Flamm, Norvegia

Ferrovia Flam: la Norvegia sublime dalla prima all'ultima stazione

Su strada ea bordo della Flam Railway, su una delle linee ferroviarie più ripide del mondo, raggiungiamo Flam e l'ingresso del Sognefjord, il più grande, il più profondo e il più venerato dei fiordi della Scandinavia. Dal punto di partenza all'ultima stazione, questa Norvegia che abbiamo svelato è monumentale.
Isola di Sentosa, Singapore, Famiglia sulla spiaggia artificiale di Sentosa
Società
Sentosa, Singapore

L'evasione e il divertimento di Singapore

Era una roccaforte in cui i giapponesi uccisero prigionieri alleati e ospitarono truppe che inseguivano sabotatori indonesiani. Oggi l'isola di Sentosa combatte la monotonia che si è impadronita del paese.
Commercianti di frutta, Swarm, Mozambico
Vita quotidiana
Enxame, Mozambico

Area di servizio in stile mozambicano

Si ripete in quasi tutte le tappe nei paesi di Mozambico degno di apparire sulle mappe. o tubo tubolare (autobus) si ferma ed è circondato da una folla di impazienti uomini d'affari. I prodotti offerti possono essere universali, come acqua o biscotti, oppure tipici della zona. In questa regione, a pochi chilometri da Nampula, le vendite di frutta sono state successive, sempre piuttosto intense.
Scimmia urlatrice, PN Tortuguero, Costa Rica
Animali selvatici
P.N. Tortuguero, Costa Rica

Tortuguero: dalla giungla allagata al Mar dei Caraibi

Dopo due giorni di stallo a causa di piogge torrenziali, siamo partiti alla scoperta del Parco Nazionale del Tortuguero. Canale dopo canale, ammiriamo la ricchezza naturale e l'esuberanza di questo ecosistema fluviale in Costa Rica.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.