Bacolod, Filippine

Un festival per ridere della tragedia


Ora di massa di Kara
Brillante coreografia di uno dei gruppi partecipanti al concorso di strada MassKara.
Sulla mia strada
Giovani concorrenti a bordo di un jeepney, il veicolo nazionale delle Filippine.
Andro Massa Kara
Due dei tanti ballerini transgender che, anno dopo anno, animano i festival MassKara di Bacolod.
in stile veneziano
Maschera di un gruppo di stakeholder. In epoca artigianale, le maschere furono influenzate dal Carnevale di Venezia e persino da Rio de Janeiro.
danza e colore
Costume e maschera esuberanti durante un'esibizione di strada MassKara.
solo una prova
Una ragazza prova una delle tante maschere in vendita durante il festival.
un grave svenimento
Un giovane partecipante alla sfilata di strada viene guardato dopo aver avuto le convulsioni per il caldo e l'umidità, entrambi ancora più alti all'interno delle maschere e degli abiti.
In attesa
Maschere e costumi da uno dei barangay partecipanti al concorso.
altre facce
I carabinieri cercano di contenere l'entusiasmo del pubblico che aveva già troppo incanalato il corteo.
In fondo
MassKarado è apparso nel mezzo di una colorata troupe di ballerini pelosi.
Intorno al 1980, il valore dello zucchero, importante fonte di ricchezza sull'isola filippina di Negros, crollò e il traghetto"Don Juan” che la serviva affondò e morirono più di 176 passeggeri, la maggior parte dei quali neri. La comunità locale ha deciso di reagire alla depressione generata da questi drammi. Nasce così MassKara, una festa impegnata a recuperare i sorrisi della popolazione.

Arrivano alle due e mezza di una domenica pomeriggio. Fin dall'alba, il solito bagno turco nella stagione delle piogge si è rinfrescato e l'atmosfera tropicale è diventata più opprimente. Non sapevamo perché, ma era in quel momento caldo che stava per iniziare il MassKara Festival, uno dei festival più recenti nelle Filippine.

MassKara è nata dalla sofferenza. La sofferenza lo attraversò come in tanti altri. Rituali di epurazione spirituale filippini. Bacolod, la capitale secolare di Negros, rimase nella sua modalità sedata. Le strade, rispetto ai giorni di lavoro, erano quasi deserte, finché non abbiamo svoltato un angolo e ci siamo imbattuti nella calma che ha preceduto il temporale.

Un battaglione di MassKarados occupa l'asfalto. È circondato da una folla di sostenitori, familiari e amici, di curiosi desiderosi di addentrarsi nel backstage esposto della sfilata. E per migliorare la tua collezione di selfie.

Emuliamo i movimenti erranti di questi impiccioni. Abbiamo camminato per strada, attenti alle particolarità delle comparse. Un legame comune, più sottile di quanto potessimo immaginare, cattura la nostra attenzione. Le ladyboy filippine abbondavano lì, bakla come li chiama la popolazione, in modo alquanto peggiorativo, partecipanti della locale comunità transgender.

Ballerini transgender, festival di Masskara, Bacolod, Filippine

Due dei tanti ballerini transgender che, anno dopo anno, animano i festival MassKara di Bacolod.

La Bonanza Prima della Tempesta

Mentre camminiamo, esaminiamo i loro volti androgini e i corpi fragili, modellati su precetti femminili e bianchi come potrebbero diventare. In cambio, gli spettatori fissano le nostre lenti con gli occhi persi tra la timidezza e la seduzione del protagonismo, imbronciati e sorrisi birichini, aggiustamenti dell'anca e altre pose di modelle di strada.

In tutto questo strano preambolo, condividono un evidente buonumore, consapevoli che presto dovranno sottostare al soffocamento delle loro maschere e costumi.

La fine di quella strada porta ad una molto più ampia, Lizares. Bacolod era lì al completo, diviso in due fronti contrapposti da funi tese che tenevano libera la passerella asfaltata.

Una canzone dal ritmo elettronico accelerato e convulso funge da separatore per una serie di altre, un po' meno angosciate, cantate in tagalog, il dialetto nazionale filippino. Serve a compartimentalizzare diverse fasi del corteo che, nel frattempo, era partito qualche decina di metri a monte di dove ci trovavamo.

MassKara Festival, Bacolod City, Filippine

Brillante coreografia di uno dei gruppi partecipanti al concorso di strada MassKara.

A colpo d'occhio, ondate successive di ballerini in diversi costumi eccentrici, sgargianti, pelosi o tanti altri tipi di costumi appaiono danzanti lungo la strada.

Siamo guidati da uno o più coreografi di danza esperti. Alcuni, premiati, sono contestati. Anno dopo anno, si sforzano di fare il loro barangay (quartieri), aziende o scuole vincono il concorso di strada. Di conseguenza, reagiscono con rabbia a ogni interferenza dannosa del pubblico o dei fotografi.

Secondo Jesus Panoy Cabalcar: The Coreographer King of the MassKara Festival

Secondo Gesù"Pany" Cabalcar, uno di loro, meglio conosciuto come "Sir Panoidetiene il record di trionfi al MassKara Festival. Non ci sono più o meno di ventuno vittorie, divise tra diverse barangay e scuole: 29, Estefania, Pahanocoy, Villamonte, Alijis, Mandalagan, 17, 16. A lui si deve anche il trionfo della scuola elementare ETCS3.

Ballerino al festival MassKara, Bacolod, Filippine

Costume e maschera esuberanti durante un'esibizione di strada MassKara.

L'intera isola ha i suoi ballerini e coreografi in grande considerazione. A loro rende omaggio anno dopo anno, per la dedizione incondizionata che dimostrano – tanti sin dal loro debutto – e per il merito di aver reso il festival il grande momento iconico di Bacolod.

La processione che abbiamo seguito è solo uno degli eventi del MassKara Festival. Ha anche la concorrenza gemella dell'arena.

E con MassKara Beauty Queens e gare di ballo, gare di batteria e gastronomia, concerti di musica, eventi sportivi e persino una fiera agricola.

Una banda di fotografi e videografi filippini precede il corteo. Ci uniamo al clan. Come loro, ci dedichiamo a registrare l'azione nel miglior modo possibile senza interferire con il suo flusso.

Coreografia del Festival MassKara, Bacolod, Negros, Filippine

MassKarado è apparso nel mezzo di una colorata troupe di ballerini pelosi.

Per quasi due ore, l'abbiamo fatto al contrario. Ci siamo goduti la coreografia che ci attendeva, evitando di inciampare nella folla che attraversava il corteo o lo anticipava.

La commozione di MassKara e l'inevitabile soffocamento tropicale

Tutta questa agitazione e quell'attrito umano sembravano riscaldare sempre di più l'aria già satura. Quelli che hanno sofferto sono stati i manifestanti. Dopo un po', alcuni di loro sono apparsi lamentarsi e persino barcollando. Alcuni coreografi e assistenti più cauti si sono spruzzati il ​​viso attraverso le maschere e li hanno aiutati a ventilare.

Non tutti i ballerini hanno ricevuto questa cura. Uno di loro, androgino come tanti altri, ha le convulsioni proprio davanti a noi.

Svenimento dei partecipanti al Festival MassKara, Bacolod, Filippine

Il giovane partecipante alla sfilata di strada viene guardato dopo essere entrato in convulsioni a causa del caldo e dell'umidità, entrambi ancora più alti all'interno delle maschere e delle tute

I familiari e i membri del suo gruppo lo aiutano. Innanzitutto, all'interno di un furgone di supporto per eventi. Fino a quando i soccorritori non si rendono conto che l'interno soffocante del furgone non fa che esacerbare la sua angoscia e lo trasferiscono sul sedile di un triciclo adibiti al ritiro di tute e mascherine.

Con le dovute proporzioni, il disagio e la scena vissuta da quel giovane effeminato ci hanno fatto ricordare il passato per Cristo durante la Via Crucis. E questo è un altro evento che i filippini – l'unica grande nazione cattolica in Asia – si impegnano a rievocare in tutto il Paese, Settimana Santa dopo Settimana Santa. Ma era ottobre. Questo mese, i negri hanno riposto tutta la loro fiducia negli effetti terapeutici del Festival MassKara.

Dal naufragio di MV Don Giovanni  al doloroso contro-picco dello zucchero

Sono trascorsi trentasette anni dalla notte in cui il traghetto MV Don Juan si è scontrato con la petroliera Città del Monte Tacloban nel cuore dello stretto di Tablas e affondò, buona parte dei parenti delle vittime si sarà ripresa dal dolore.

Di volta in volta vengono alla luce problematiche legate alla vendita dello zucchero prodotto nell'isola. Perché il prezzo della materia prima scende a livelli sopportabili e perché la popolazione dei negri ha difficoltà a ingoiarla.

Test della maschera durante il MassKara Festival, Bacolod, Filippine

Una ragazza prova una delle tante maschere in vendita durante il festival.

Dall'inizio del 2017, produttori e lavoratori di canna da zucchero hanno protestato contro il fatto che la Coca-Cola sull'isola di Negros ha iniziato a utilizzare sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio nelle sue bevande invece dello zucchero locale. Cindy Rojas, consigliere comunale, ha portato ulteriormente questa insoddisfazione.

Ha ripetuto un provvedimento già adottato in precedenti eventi culturali neri: ha approvato il boicottaggio dei prodotti della multinazionale.

Non c'era quasi bisogno di Coca-Cola e simili. Il MassKara Festival è andato avanti, addolcito e addolcito dalla caffeina dall'eccitazione che ha generato. Con l'intensificarsi della fornace e dell'entusiasmo popolare, l'organizzazione dell'evento ha avuto difficoltà a controllare la folla che le corde già trattenevano a malapena. Gli agenti di polizia in moto e alcuni soldati entrano in azione.

Controllo della polizia del pubblico del Festival di Masskara, Bacolod, Filippine

I carabinieri cercano di contenere l'entusiasmo del pubblico che aveva già troppo incanalato il corteo.

I pescherecci da traino necessari e le maschere MassKara Parada

I rinforzi garantiscono il ritiro delle persone nelle zone più strette della strada. I guardiani di ogni troupe partecipante hanno iniziato a spingere le corde longitudinali che hanno aperto la strada ai MassKarados con raddoppiata determinazione. Questo stretto controllo finisce per trascinare via alcuni spettatori, fotografi e persino elementi dell'organizzazione.

A noi capita, più di una volta, di vedere le mascherine dal basso verso l'alto. E quanto fossero magici e impressionanti.

In un primo momento, i volti sorridenti che oggi continuano ad illustrare e animare la festa avevano sembianze autoctone filippine, dipinte a mano e decorate con perline e piume tipiche della regione. Negli anni alla tradizione si sono sovrapposte influenze del Carnevale di Venezia e anche di quello di Rio de Janeiro.

Maschera del Festival di Masskara, Bacolod, Negros, Filippine

Maschera di un gruppo di stakeholder. In epoca artigianale, le maschere furono influenzate dal Carnevale di Venezia e persino da Rio de Janeiro.

Sono state accettate moderne maschere di plastica, perline lucenti, con le piume più grandi ed esuberanti che i responsabili del design e della coreografia potessero inventare.

Sorrisi strappati nella città dei sorrisi

L'elemento centrale del festival, il sorriso aperto, è rimasto lo stesso nel tempo nei tanti volti che compongono il MassKara Festival. Il festival è composto da una folla di facce ridenti. Il filo conduttore dell'evento coincide, inoltre, con il motto anglofono di Bacolod: “La città del sorriso".

Verso la fine dell'arteria e la lunga sosta, abbiamo notato come diverse aziende emblematiche nelle Filippine hanno approfittato della folla di persone e hanno partecipato alla festa per promuoversi. Il Jollybee: una specie di MacDonald Pinoy (equivalente filippino di Tuga) - era rappresentato dalla sua piccola ape gialla e rossa.

La mascotte inizia salutando i fan a bordo strada con la promessa di qualche dolcetto ma la cosa non dura. Quando lo notiamo, una folla estatica di bambini si precipita verso la bambola pelosa e litiga selvaggiamente per loro. Quest'ultima fase del corteo, più commerciale ed egoistica, non segnò però la fine della festa.

Svoltiamo via Lizares in Avenida Araneta. Lì, in assenza di ballerini ufficiali e dei carri allegorici o aziendali che li succedono e delle bibite Coca Cola, le persone si divertono a modo loro. Alcuni musicisti dotati di batteria e altri strumenti di base impostano il ritmo.

I partecipanti al MassKara Festival a jeepney, Bacolod, Filippine

Giovani concorrenti a bordo di un jeepney, il veicolo nazionale delle Filippine.

Alcuni spettatori si abbandonano a un delizioso stimolo creativo alcolico. Ballano senza cerimonie o costrizioni, per la gioia degli altri che non possono resistere a unirsi a loro. Il Festival di MassKara era tutt'altro che finito. A quel punto, come sempre accadeva, aveva più che mantenuto la sua promessa di riportare la felicità ai negri.

Articolo realizzato con il supporto di Turismo filippino e l'Ambasciata delle Filippine in Portogallo.

Cape Coast, Gana

Il Festival della Purificazione Divina

La storia racconta che, a volte, una pestilenza ha devastato la popolazione della Cape Coast di oggi Gana. Solo le preghiere dei sopravvissuti e la purificazione del male operata dagli dei avranno posto fine al flagello. Da allora, i nativi hanno restituito la benedizione delle 77 divinità della tradizionale regione di Oguaa con il frenetico festival Fetu Afahye.
Jaisalmer, India

C'è la festa nel deserto del Thar

Non appena il breve inverno finisce, Jaisalmer si abbandona a sfilate, corse di cammelli e gare di turbanti e baffi. Le sue mura, i vicoli e le dune circostanti acquistano più colore che mai. Durante i tre giorni dell'evento, sia i nativi che gli estranei osservano con stupore il vasto e inospitale Thar che finalmente risplende di vita.
Bhaktapur, Nepal

Le maschere della vita nepalesi

Gli indigeni Newar della valle di Kathmandu attribuiscono grande importanza alla religiosità indù e buddista che li unisce tra loro e con la Terra. Di conseguenza, benedice i loro riti di passaggio con danze Newar di uomini mascherati da divinità. Anche se ripetute a lungo dalla nascita alla reincarnazione, queste danze ancestrali non sfuggono alla modernità e iniziano a vedere una fine.
Grande ZimbabweZimbabwe

Grande Zimbabwe, Piccola Danza Bira

I nativi Karanga del villaggio di KwaNemamwa mostrano le tradizionali danze Bira ai visitatori privilegiati delle rovine del Grande Zimbabwe. Il luogo più iconico dello Zimbabwe, quella che, dopo la proclamazione dell'indipendenza della Rhodesia coloniale, ispirò il nome della nuova e problematica nazione.  
Pueblos del Sur, Venezuela

I Pauliteiros de Mérida, le loro danze e Co.

Dall'inizio del XVII secolo, con i coloni ispanici e, più recentemente, con gli emigranti portoghesi, usi e costumi ben noti nella penisola iberica e, in particolare, nel nord del Portogallo si sono consolidati nei Pueblos del Sur.
Pueblos del Sur, Venezuela

Per alcuni Trás-os-Montes in Venezuela in Fiesta

Nel 1619, le autorità di Mérida dettarono l'insediamento del territorio circostante. Dall'ordine sono derivati ​​19 villaggi remoti, che abbiamo trovato dediti a celebrazioni con caretos e pauliteiros locali.
San Pietroburgo, Russia

La Russia va controcorrente. segui la marina

La Russia dedica l'ultima domenica di luglio alle sue forze navali. Quel giorno, una folla visita grandi barche ormeggiate nel fiume Neva mentre marinai annegati nell'alcol prendono il controllo della città.
Suzdal, Russia

A Suzdal, Pepino è celebrato per Pepino

Con l'estate e il clima caldo, la città russa di Suzdal si rilassa dalla sua millenaria ortodossia religiosa. Il centro storico è anche famoso per avere i migliori cetrioli della nazione. Quando arriva luglio, trasforma il appena raccolto in una vera festa.
El Nido, Filippine

El Nido, Palawan: l'ultima frontiera filippina

Uno dei paesaggi marini più affascinanti del mondo, i vasti e aspri isolotti di Bacuit nascondono sgargianti barriere coralline, piccole spiagge e lagune idilliache. Per scoprirlo, basta bangka.
Ungherese, Filippine

Filippine in stile country

I GI sono partiti con la fine della seconda guerra mondiale ma la musica delle campagne americane che stavano ascoltando anima ancora la Cordillera de Luzon. È in triciclo e al tuo ritmo che visitiamo le terrazze di riso di Hungduan.
Filippine

I proprietari della strada filippina

Con la fine della seconda guerra mondiale, i filippini consegnarono migliaia di jeep americane abbandonate e crearono il sistema di trasporto nazionale. Oggi, l'esuberante jeepneys sono per le curve
Vigan, Filippine

Vigan, il più ispanico dell'Asia

I coloni spagnoli se ne andarono ma le loro dimore sono intatte e le kalesas circolano. Quando Oliver Stone stava cercando i set messicani per "Born on the 4th of July" li ha trovati in questa ciudad fernandina
Camiguin, Filippine

Un'isola di fuoco si arrese all'acqua

Con più di venti coni sopra i 100 metri, il brusco e lussureggiante, Camiguin ha la più alta concentrazione di vulcani di qualsiasi altra delle 7641 isole filippine o del pianeta. Ma, negli ultimi tempi, nemmeno il fatto che uno di questi vulcani sia attivo ha turbato la quiete della sua vita rurale, di pescatori e, per la gioia degli estranei, di fare una forte balneazione.
Talisay città, Filippine

Monumento a un Amore Luso-Filippino

Alla fine del 11° secolo, Mariano Lacson, un contadino filippino, e Maria Braga, una donna portoghese di Macao, si innamorarono e si sposarono. Durante la gravidanza di quello che sarebbe diventato il suo undicesimo figlio, Maria ha ceduto a una caduta. Distrutto, Mariano costruì un palazzo in suo onore. Nel bel mezzo della seconda guerra mondiale, il palazzo fu bruciato, ma le eleganti rovine sopravvissute perpetuano la loro tragica relazione.
Mactan, Cebu, Filippine

La quaglia di Magellano

Erano trascorsi quasi 19 mesi di navigazione pionieristica e travagliata intorno al mondo quando l'esploratore portoghese ha commesso l'errore della sua vita. Nelle Filippine, il boia Datu Lapu Lapu conserva gli onori di eroe. In Mactan, una statua in bronzo del suo supereroe tribale sembra sovrapposta alla palude di mangrovie della tragedia.
Boracay, Filippine

La spiaggia filippina di tutti i sogni

È stato svelato dai viaggiatori zaino in spalla occidentali e dalla troupe cinematografica di "Heroes Are Born". Seguirono centinaia di resort e migliaia di vacanzieri orientali più bianchi della sabbia gessosa.
Marinduque, Filippine

Quando i romani invadono le Filippine

Anche l'Impero d'Oriente non è andato così lontano. Durante la Settimana Santa, migliaia di centurioni si impadroniscono di Marinduque. Lì vengono rievocati gli ultimi giorni di Longino, legionario convertito al cristianesimo.
Marinduque, Filippine

La passione filippina di Cristo

Nessuna nazione circostante è cattolica, ma molti filippini non si lasciano intimidire. Durante la Settimana Santa si arrendono alla fede ereditata dai coloni spagnoli e l'autoflagellazione diventa una sanguinosa prova di fede.
Filippine

Quando solo i combattimenti di galli risvegliano le Filippine

Banditi in gran parte del Primo Mondo, i combattimenti di galli prosperano nelle Filippine dove spostano milioni di persone e pesos. Nonostante i suoi problemi eterni è il Sabong che più stimola la nazione.
Coron, Busuanga, Filippine

La segreta ma piccola armata giapponese

Nella seconda guerra mondiale, una flotta giapponese non riuscì a nascondersi al largo di Busuanga e fu affondata da aerei statunitensi. Oggi i suoi relitti sottomarini attirano migliaia di subacquei.
Serengeti, Great Savanna Migration, Tanzania, gnu nel fiume
Safari
P.N. Serengeti, Tanzania

La grande migrazione della savana infinita

In queste praterie che dicono i Masai siringat (corri per sempre), milioni di gnu e altri erbivori inseguono le piogge. Per i predatori, il loro arrivo e quello del monsone sono la stessa salvezza.
Circuito dell'Annapurna, da Manang a Yak-kharka
Annapurna (circuito)
10° Circuito dell'Annapurna: Manang lo Yak Kharka, Nepal

Verso gli altopiani (superiori) dell'Annapurna

Dopo una pausa di acclimatamento nella civiltà quasi urbana di Manang (3519 m), riprendiamo l'ascesa allo zenit di Thorong La (5416 m). Quel giorno abbiamo raggiunto il villaggio di Yak Kharka, a 4018 m, un buon punto di partenza per i campi alla base della grande gola.
hacienda mucuyche, Yucatan, Messico, canale
Architettura & Design
Yucatan, Messico

Tra Haciendas e Cenotes, attraverso la storia dello Yucatan

In giro per la capitale Merida, per ogni anziana henequenera hacienda coloniale per almeno uno cenote. Spesso coesistono e, come con la semi-recuperata Hacienda Mucuyché, in duo, danno vita ad alcuni dei luoghi più sublimi del sud-est del Messico.

Angel Falls, fiume che cade dal cielo, Angel Falls, PN Canaima, Venezuela
Aventura
P.N. Canaima, Venezuela

Kerepakupai, Angel Jump: Il fiume che cade dal cielo

Nel 1937, Jimmy Angel fece atterrare un aereo su un altopiano sperduto nella giungla venezuelana. L'avventuriero americano non trovò l'oro ma conquistò il battesimo della cascata più lunga sulla faccia della Terra
Salto in avanti, Naghol di Pentecoste, Bungee Jumping, Vanuatu
Cerimonie e Feste
Pentecoste, Vanuatu

Pentecoste Naghol: Bungee Jumping per uomini seri

Nel 1995, il popolo di Pentecoste minacciò di citare in giudizio le società di sport estremi per aver rubato loro il rituale di Naghol. In termini di audacia, l'imitazione elastica è molto inferiore all'originale.
Ingresso alla città di Dunhuang delle sabbie, Cina
Città
Dunhuang, Cina

Un'oasi nella Cina delle Sabbie

Migliaia di chilometri a ovest di Pechino, la Grande Muraglia ha la sua estremità occidentale e la Cina e altro. Un'inaspettata spruzzata di verde vegetale rompe l'arida vastità circostante. Annuncia Dunhuang, ex avamposto cruciale della Via della Seta, oggi una città intrigante ai piedi delle dune più grandi dell'Asia.
giovane commessa, nazione, pane, uzbekistan
cibo
Valle di Fergana, Uzbekistan

Uzbekistan, la nazione a cui non manca il pane

Pochi paesi usano cereali come l'Uzbekistan. In questa repubblica dell'Asia centrale, il pane gioca un ruolo vitale e sociale. Gli uzbeki lo producono e lo consumano con devozione e in abbondanza.
Kigurumi Satoko, Tempio di Hachiman, Ogimashi, Giappone
Cultura
Ogimashi, Giappone

Un Giappone storico-virtuale

"Higurashi no Naku Koro ni” è stata una serie di giochi per computer e di animazione giapponese di enorme successo. A Ogimashi, villaggio di Shirakawa-Go, viviamo con un gruppo di kigurumi dei loro personaggi.
4 luglio Fireworks-Seward, Alaska, Stati Uniti
sportivo
Seward, Alaska

Il 4 luglio più lungo

L'indipendenza degli Stati Uniti viene celebrata a Seward, in Alaska, in modo modesto. Anche così, il 4 luglio e la sua celebrazione sembrano non avere fine.
Cambogia, Angkor, Ta Phrom
In viaggio
Ho Chi Minh a Angkor, Camboja

La strada tortuosa per Angkor

Dal Vietnam in poi, le strade sconnesse ei campi minati della Cambogia ricordano gli anni del terrore dei Khmer rossi. Sopravviviamo e siamo ricompensati con la vista del più grande tempio religioso
Chiesa coloniale di San Francesco d'Assisi, Taos, New Mexico, USA
Etnico
Taos, EUA

Il Nord America ancestrale di Taos

Viaggiando attraverso il New Mexico, siamo rimasti abbagliati dalle due versioni di Taos, quella del villaggio indigeno di adobe di Taos Pueblo, uno dei villaggi della EUA abitato più a lungo e continuamente. E quella di Taos, la città che i conquistatori spagnoli lasciarono in eredità alla Messicoo Messico cedette a Stati Uniti e che una comunità creativa di discendenti nativi e artisti migranti migliora e continua a lodare.
fotografia di luce solare, sole, luci
Portfolio fotografico Got2Globe
Luce Naturale (parte 2)

Un Sole, Tante Luci

La maggior parte delle foto di viaggio vengono scattate alla luce del sole. La luce del sole e il tempo formano un'interazione capricciosa. Scopri come prevederlo, rilevarlo e utilizzarlo al meglio.
Totem, Sitka, Alaska Viaggio una volta dalla Russia
Storia
sitka, Alaska

Sitka: un viaggio attraverso un'Alaska che una volta era russa

Nel 1867, lo zar Alessandro II dovette vendere l'Alaska russa al Stati Uniti. Nella piccola città di Sitka, troviamo l'eredità russa ma anche i nativi Tlingit che li hanno combattuti.
Lifou, Isole della Lealtà, Nuova Caledonia, Mme Moline popinée
Isole
Lifou, Isole della Lealtà

La più grande fedeltà

Lifou è l'isola centrale delle tre che formano l'arcipelago semifrancese al largo della Nuova Caledonia. Col tempo, i nativi Kanak decideranno se vogliono che il loro paradiso sia indipendente dalla lontana metropoli.
lago ala juumajarvi, parco nazionale di oulanka, finlandia
bianco inverno
Kuusamo ao P.N. Oulanka, Finlândia

Sotto il freddo incantesimo dell'Artico

Siamo al 66º nord e alle porte della Lapponia. Da queste parti il ​​paesaggio bianco è di tutti e di nessuno come gli alberi innevati, il freddo atroce e la notte senza fine.
silhouette e poesia, cora coralina, old goias, brasile
Letteratura
Goias Velho, Brasile

Vita e lavoro di uno scrittore al margine

Nata a Goiás, Ana Lins Bretas ha trascorso gran parte della sua vita lontana dalla sua famiglia castrante e dalla città. Tornando alle sue origini, ha continuato a ritrarre la mentalità prevenuta della campagna brasiliana.
Natale in Australia, Platipus = ornitorinco
Natura
Altopiano di Atherton, Australia

Le miglia del Natale (parte II)

Il 25 dicembre esploriamo la campagna alta, bucolica ma tropicale del Queensland settentrionale. Ignoriamo il luogo in cui si trova la maggior parte degli abitanti e siamo sorpresi dall'assoluta assenza del periodo natalizio.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Iguana a Tulum, Quintana Roo, Messico
Parchi Naturali
Yucatan, Messico

La legge siderale di Murphy che condannava i dinosauri

Gli scienziati che studiano il cratere causato dall'impatto di un meteorite 66 milioni di anni fa sono giunti a una conclusione radicale: si è verificato esattamente su una sezione del 13% della superficie terrestre soggetta a tale devastazione. È una zona di confine della penisola messicana dello Yucatan che un capriccio dell'evoluzione della specie ci ha permesso di visitare.
municipio, capitale, oslo, norvegia
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Oslo, Norvegia

A (sopra) Capitale Capitalizzato

Uno dei problemi della Norvegia è stato decidere come investire i miliardi di euro nel suo fondo sovrano da record. Ma nemmeno le risorse eccessive salvano Oslo dalle sue incongruenze sociali.
Visitatori della casa di Ernest Hemingway, Key West, Florida, Stati Uniti
personaggi
Key West, Stati Uniti

Parco giochi caraibico di Hemingway

Espansivo come sempre, Ernest Hemingway ha definito Key West "il posto migliore in cui sia mai stato...". Nelle profondità tropicali degli Stati Uniti contigui, ha trovato l'evasione e un divertimento folle e ubriaco. E l'ispirazione per scrivere con intensità da abbinare.
batteria e tatuaggi
Spiagge
Tahiti, Polinesia Francese

Tahiti oltre il cliché

Le vicine Bora Bora e Maupiti hanno uno scenario eccezionale, ma Tahiti è stata a lungo conosciuta come il paradiso e c'è di più da vivere sull'isola più grande e popolosa della Polinesia francese, il suo millenario cuore culturale.
Chiesa, Madonna, Vergine, Guadalupe, Messico
Religione
San Cristobal de las Casas a Campeche, Messico

Una staffetta di fede

Equivalente cattolico della sig. di Fatima, Nostra Signora di Guadalupe si muove e muove il Messico. I suoi fedeli si incrociano sulle strade del Paese, determinati a portare la prova della loro fede alla patrona delle Americhe.
White pass yukon train, Skagway, Gold route, Alaska, USA
Veicoli Ferroviari
Skagway, Alaska

Una variante della corsa all'oro nel Klondike

L'ultima grande corsa all'oro americana è ormai lontana. Oggi, centinaia di navi da crociera riversano ogni estate migliaia di visitatori benestanti nelle strade piene di negozi di Skagway.
mini snorkeling
Società
Isole Phi Phi, Thailandia

Torna a Danny Boyle Beach

Sono passati 15 anni dal debutto del classico autostoppista tratto dal romanzo di Alex Garland. Il film ha reso popolari i luoghi in cui è stato girato. Poco dopo, alcuni di loro scomparvero temporaneamente ma letteralmente dalla mappa, ma oggi la loro controversa fama rimane intatta.
Intersezione trafficata di Tokyo, Giappone
Vita quotidiana
Tokyo, Giappone

La notte infinita della capitale del Sol Levante

Dillo Tokyo non dormire è dire poco. In una delle città più grandi e sofisticate sulla faccia della Terra, il crepuscolo segna solo il rinnovamento della frenetica vita quotidiana. E ci sono milioni delle loro anime che o non trovano posto al sole, o hanno più senso nei cambiamenti "oscuri" e oscuri che seguono.
Scogliere sopra la Valle della Desolazione, vicino a Graaf Reinet, Sud Africa
Animali selvatici
Graaf Reinet, Sud Africa

Una lancia boera in Sud Africa

All'inizio del periodo coloniale, esploratori e coloni olandesi erano terrorizzati dal Karoo, una regione di grande caldo, grande freddo, grandi inondazioni e grandi siccità. Fino a quando la Compagnia olandese delle Indie orientali non fondò lì Graaf-Reinet. Da allora, la quarta città più antica del nazione arcobaleno prosperò in un affascinante crocevia della sua storia.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.