Centrale idroelettrica binazionale di Itaipu, Brasile

Centrale idroelettrica binazionale di Itaipu: febbre da watt


Il grande idroelettrico
Veduta aerea della centrale idroelettrica di Itaipu
pedalare
Un operaio attraversa in bicicletta la distesa coperta dell'interno della centrale idroelettrica.
Idroelettrico sopra
Il responsabile della diga di Itaipu guida i visitatori in uno degli ascensori della struttura.
discesa senza fine
Un operaio scende un'enorme scalinata all'interno della struttura della diga di Itaipu
strada per Itaipu
Autostrada nelle vicinanze della centrale idroelettrica di Itaipu e Foz de Iguaçu.
Funzionari paraguaiani
I funzionari paraguaiani chiacchierano, uno di loro beve il mate.
Articoli Hidroelectrica-binaciona-itaipu-brasil-paraguai
Caschi sopra gli armadietti in una sala operativa presso la diga di Itaipu.
Idroelettrico Art
Gli amici si fotografano davanti al pannello di Barrageiro.
Destinazione: Itaipu
Un autobus dalla diga di Itaipu viaggia lungo una strada a Foz de Iguaçu.
Macchinari
Macchine che regolano il funzionamento idroelettrico della diga di Itaipu
il lavoro si è moltiplicato
Prospettiva riflessa della sala operatoria.
Sala di controllo
I dipendenti lavorano in una delle sale operative all'interno della diga.
Sorvolo del fiume Paraná
La fotografa Sara Wong sorvola il fiume Paraná a bordo di un deltaplano motorizzato.
Sostituzione delle luci
Un dipendente controlla le lampadine in un corridoio della centrale idroelettrica Binacional de Itaipu.
Ufficio con parcheggio
Il dipendente controlla i dati su un computer, con la sua bicicletta al suo fianco.
Operai rigorosamente attrezzati
Dipendenti della centrale idroelettrica di Itaipu rigorosamente attrezzati per le loro mansioni.
Visita guidata
La guida di Itaipu spiega ai visitatori la storia e il funzionamento della centrale idroelettrica Binacional de Itaipu
Hidroelectrica-binaciona-itaipu-brasil-paraguay
Veduta aerea di parte dell'enorme muro della centrale idroelettrica di Itaipu che inizia in Paraguay e finisce in Brasile.
Nel 1974 migliaia di brasiliani e paraguaiani si sono incontrati nella zona di costruzione della diga più grande del mondo. 30 anni dopo il completamento, Itaipu genera il 90% dell'energia del Paraguay e il 20% di quella brasiliana.

Gli indiani Guarani chiamavano Itaipú un'isola che esisteva nel letto del vecchio fiume Paraná.

Nel loro dialetto la trattavano come “la pietra che canta”. Oggi l'isola è sommersa. Invece della pietra, Itaipú è un mostro muto di ingegneria civile, fatto con abbastanza cemento per costruire 210 stadi Maracanã e ferro e acciaio che raggiungerebbero 380 torri Eiffel.

Mentre esploriamo l'area della Triple Frontier e il Cascate dell'Iguazú, abbiamo scoperto che la diga ha preso il sopravvento molto più di quest'isola e del suo nome.

"Esatto: Guaíra!" "Non ne hai sentito parlare, vero?" ci chiede il tassista Sôr Esquerdinha, stupito, come se fossimo colpevoli della più grande delle eresie. "Era la cosa più bella che abbiamo avuto qui intorno!".

L'approvazione di HidroEléctrica e la fine del Salto Guairá das Sete Quedas

Nel 1973, nonostante la reciproca sfiducia nei confronti dei loro governi dittatoriali, Brasile e Paraguay posero fine a un lungo periodo di dichiarazioni di reciproco interesse e trattative e firmarono un accordo per la costruzione e l'esercizio della centrale idroelettrica.

Due anni dopo, un consorzio formato da un'azienda americana e una italiana iniziò i lavori.

Nel 1982 il lavoro è stato completato. A causa delle forti piogge nella regione, l'enorme serbatoio è stato completamente riempito in soli 14 giorni. Ha lasciato il Salto Guaíra, noto anche come Salto de Sete Quedas, la cascata più grande del mondo in termini di volume, che superava di gran lunga la vicina Iguaçú.

Veduta aerea della centrale idroelettrica di Itaipu

A discrezione del governo militare brasiliano, il Parco Nazionale della Guaíra è stato distrutto e la base di rocce su cui sono state fatte esplodere le cascate, per facilitare la navigazione.

Questa particolare misura ha messo fine a ogni speranza di ripresa futura. Consapevoli della perdita, pochi mesi prima del riempimento del bacino, centinaia di persone si sono radunate per salutare il fenomeno naturale.

Ottanta di loro hanno perso la vita quando il ponte sovraffollato che li sosteneva ha ceduto.

La celebrazione internazionale della Binacional HidroEléctrica de Itaipu

Oggi, questa tragedia e il sacrificio di Guaíra hanno poca o nessuna importanza nelle voci delle guide Itaipú Binacional. Mentre gli autobus turistici viaggiano lungo la base del muro alto 196 metri, viene evidenziata la magnificenza e l'imponenza della struttura, una delle più costose al mondo e una delle sue meraviglie moderne.

Da quando è entrata in funzione la diga cinese delle Tre Gole, spicca soprattutto quello che resta il grande primato di Itaipu, come riassume André, l'eloquente ospite del gruppo. “Ecco fatto, amici miei, Itaipu continua ad essere la centrale idroelettrica più produttiva.

Dipendenti della centrale idroelettrica di Itaipu rigorosamente attrezzati per le loro mansioni.

Grazie al clima tropicale qui presente – che mantiene pressoché stabile il flusso del fiume Paraná – Itaipu mantiene una capacità di generazione annua addirittura superiore a quella del Diga delle Tre Gole".

Nel 94.7 erano 2008 GW, il massimo raggiunto. E ci sono 14 GW di capacità di generazione installata, attualmente suddivisa in 20 unità, ciascuna da 700 KW. Di questi, dieci generano 50 Hz per il Paraguay e gli altri dieci generano 60 Hz per il Brasile.

Per produrre il totale utilizzando la generazione termoelettrica, sarebbero necessari 434.000 barili di petrolio al giorno. Anche così, la condivisione fin dalla tenera età ha dispiaciuto il Paraguay, che, dopo lunghe insistenze, è riuscito a rinegoziare nel 2009.

È stato quindi concesso dal Brasile un pagamento migliore per l'elettricità paraguaiana in eccesso e il permesso di venderla direttamente alle società brasiliane.

In termini di spazio, la divisione della struttura non ha sollevato molte polemiche. ci autorizzano ad entrare in sala operatoria, che vediamo attraversata a metà da una linea gialla.

I dipendenti lavorano in una delle sale operative all'interno della Centrale Idroelettrica di Itaipu

Il confine concreto che separa (e unisce) Brasile e Paraguay

Da un lato, il territorio è il Paraguay. In silenzio, i dipendenti assaporano io terer (infusione di tè mate con altre erbe o limone). Siamo invece in Brasile. C'è un'accesa disputa sulla prestazione dei Canarinhos in Copa América.

I funzionari paraguaiani chiacchierano, uno di loro beve il mate.

Pannelli, pulsanti e infiniti display spiccano. Formano un insieme tecnologico visivamente obsoleto, tipico della Guerra Fredda o del classico Kubrickiano “2010, Odissea nello spazio”. Fanno parte di aree con illuminazione fluorescente che risaltano nell'immensità e che i lavoratori percorrono in bicicletta.

La fotografa Sara Wong sorvola il fiume Paraná a bordo di un deltaplano motorizzato.

Dopo aver sorvolato la centrale idroelettrica del deltaplano, ci siamo preparati per esplorare altre roccaforti in cemento, altrettanto degne di fantascienza. Senza preavviso, la sicurezza di Itaipu Binacional ci ha fermato.

Sospetti infondati

Nonostante l'accreditamento rilasciato dal Segretario al Turismo di Foz de Iguaçu, le autorità sconsiderate non riescono a capire perché, essendo semplici Patricios, abbiamo già visitato le strutture due volte e perché vogliamo farlo una terza volta.

Un operaio scende un'enorme scalinata all'interno della struttura della centrale idroelettrica di Itaipu

È strano che, per di più, chiediamo di rivedere le aree tecnologiche nevralgiche. Sono anche sospettosi del "calibro" delle nostre fotocamere e teleobiettivi.

E, soprattutto, il cognome Wong e il look orientale del giornalista. Solo dopo le esaurienti spiegazioni dei nostri difensori siamo liberati dallo spionaggio Cina e possiamo procedere con la scoperta del complesso.

Caschi sugli armadietti in una sala operatoria della centrale idroelettrica di Itaipu.

Nelle sale museali della centrale idroelettrica si capisce come, in termini urbanistici ed economici, Itaipu si sia rivelata rivoluzionaria per il territorio.

Quando la centrale idroelettrica è stata costruita, migliaia di persone da ogni angolo del Brasile e anche dall'estero hanno aumentato la popolazione di Foz do Iguaçu, la città brasiliana più vicina.

La rivoluzione sociale creata da HidroEléctrica de Itaipu

In questi giorni, circa cinquemila persone di Iguaçu continuano a beneficiare, direttamente o indirettamente, della diga, che dispone di mezzi pubblici diretti dal centro e dintorni alle sue strutture.

L'autobus destinato alla centrale idroelettrica di Itaipu viaggia lungo una strada a Foz de Iguaçu.

Dall'altra parte del Ponte dell'Amicizia e del fiume Paraná, l'importanza della centrale idroelettrica si è rivelata simile per la già marginale Ciudad del Este, la porta del Paraguay.

Veduta aerea di parte dell'enorme muro della centrale idroelettrica di Itaipu che inizia in Paraguay e finisce in Brasile.

Allo stesso tempo, il risarcimento pagato ad alcuni dei 42.000 proprietari terrieri o lavoratori brasiliani espropriati ha permesso loro di acquistare nuova terra. Ma la terra sul lato paraguaiano del lago creato è rimasta più economica.

Consapevoli della promozione, migliaia di brasiliani sono emigrati in Paraguay. Lì hanno creato lo strano fenomeno sociale della comunità brasile.

Nel frattempo, i più disagiati si sono rifugiati nella città di Medianeira. Alcuni di loro si unirono ai ranghi del sempre più potente MST, il Landless Rural Workers Movement.

È a livello nazionale che sono stati potenziati sia i reali benefici “compensatori” di Itaipu, sia la dipendenza legata all'energia idroelettrica.

Il blackout che allertò Brasile e Paraguay sull'importanza di Itaipu

Alle 22:13 del 10 novembre 2009, presumibilmente a causa di una tempesta che ha risparmiato apparecchiature di generazione ma ha danneggiato tre linee ad alta tensione, tutto il Paraguay ha subito un blackout di quindici minuti. Lo stesso è accaduto con una parte consistente del Brasile.

Un dipendente controlla le luci in un corridoio della centrale idroelettrica Binacional de Itaipu.

Rio de Janeiro e San Paolo sono rimaste all'oscuro per più di due ore e lo stato di Espírito Santo, all'interno del Rio Grande do Sul, Santa Catarina, Mato Grosso e Mato Grosso do Sul, Bahia e Pernambuco sono stati privati ​​dell'elettricità durante il notte e il mattino successivo.

C'è stato poi l'unico periodo “secco” degno di nota in una già lunga storia di “estrazione” elettrica con l'enorme attenuazione dell'origine che si è confermata esterna.

Dal 5 maggio 1984, quando ha iniziato ad operare, Itaipu è sempre stata, per il Brasile e il Paraguay, una vera miniera.

Passo da Lontra, Miranda, Brasile

Brasile sommerso a un passo dalla lontra

Siamo all'estremità occidentale del Mato Grosso do Sul, ma la boscaglia, da queste parti, è un'altra cosa. In un'estensione di quasi 200.000 km2, la Brasile appare parzialmente sommerso, da fiumi, torrenti, lagune e altre acque disperse in vaste pianure alluvionali. Nemmeno il caldo soffocante della stagione secca prosciuga la vita e la biodiversità dei luoghi e delle fattorie del Pantanal come quella che ci ha accolto sulle rive del fiume Miranda.
Manaus, Brasile

I salti e le sorprese dell'ex capitale mondiale della gomma

Dal 1879 al 1912, solo il bacino del Rio delle Amazzoni ha generato il lattice di cui il mondo aveva bisogno da un momento all'altro e, dal nulla, Manaus è diventata una delle città più avanzate sulla faccia della Terra. Ma un esploratore inglese portò l'albero nel sud-est asiatico e rovinò la produzione dei pionieri. Manaus ha dimostrato ancora una volta la sua elasticità. È la città più grande dell'Amazzonia e la settima del Brasile.
Curitiba, Brasile

La vita elevata di Curitiba

Non è solo l'altitudine di quasi 1000 metri a cui si trova la città. Cosmopolita e multiculturale, la capitale del Paraná ha un indice di qualità della vita e sviluppo umano che la rendono un caso a sé in Brasile.
Brasilia, Brasile

Brasilia: dall'utopia all'arena politica e capitale del Brasile

Fin dai tempi del marchese di Pombal si parlava di trasferire la capitale nell'entroterra. Oggi, la città chimera continua a sembrare surreale ma detta le regole dello sviluppo brasiliano.
Cascate dell'Iguazù/Iguazù, Brasile/Argentina

Il tuono della grande acqua

Dopo un lungo viaggio tropicale, il fiume Iguaçu fa il grande passo. Lì, al confine tra Brasile e Argentina, si formano le cascate più grandi e imponenti sulla faccia della Terra.
Miranda, Brasile

Maria dos Jacarés: il Pantanal ospita creature così

Eurides Fátima de Barros è nato nelle campagne della regione di Miranda. 38 anni fa, si stabilì in una piccola attività ai margini della BR262 che attraversa il Pantanal e acquisì affinità con gli alligatori che vivevano alle sue porte. Disgustata dal fatto che le creature lì una volta fossero state massacrate, iniziò a prendersi cura di loro. Oggi conosciuta come Maria dos Jacarés, ha chiamato ciascuno degli animali in onore di un giocatore di football o di un allenatore. Garantisce inoltre che riconoscano le tue chiamate.

Florianopolis, Brasile

L'eredità delle Azzorre dell'Atlantico meridionale

Durante il XNUMX° secolo, migliaia di isolani portoghesi perseguirono una vita migliore nella parte meridionale del Brasile. Negli insediamenti da loro fondati abbondano tracce di affinità con le origini.

Morro de São Paulo, Brasile

Una costa divina di Bahia

Tre decenni fa, non era altro che un remoto e umile villaggio di pescatori. Fino a quando alcune comunità post-hippie non hanno rivelato al mondo il ritiro di Morro e lo hanno promosso a una sorta di santuario sulla spiaggia.
Lenzuola Bahia, Brasile

La libertà paludosa di Quilombo do Remanso

Gli schiavi fuggiaschi sopravvissero per secoli in una zona umida della Chapada Diamantina. Oggi il quilombo di Remanso è simbolo della loro unione e resistenza, ma anche dell'esclusione a cui sono stati votati.
Ilhabela, Brasile

Ilhabela: Dopo l'orrore, la bellezza atlantica

Il novanta per cento della foresta atlantica preservata, cascate idilliache e spiagge dolci e selvagge sono all'altezza del suo nome. Ma, se andiamo indietro nel tempo, sveliamo anche l'orribile aspetto storico di Ilhabela.
Ilhabela, Brasile

A Ilhabela, sulla Via Bonete

Una comunità di caiçaras discendenti dai pirati fondò un villaggio in un angolo di Ilhabela. Nonostante il difficile accesso, Bonete è stata scoperta e considerata una delle dieci migliori spiagge del Brasile.
Goias Velho, Brasile

Un'eredità della corsa all'oro

Due secoli dopo il periodo d'oro della prospezione, persa nel tempo e nella vastità dell'altopiano centrale, Goiás apprezza la sua ammirevole architettura coloniale, la sorprendente ricchezza che resta da scoprire.
Lenzuola Bahia, Brasile

Lenzuola da Bahia: nemmeno i diamanti sono eterni

Nel XNUMX° secolo, Lençóis divenne il più grande fornitore mondiale di diamanti. Ma il commercio di gemme non è durato quanto previsto. Oggi, l'architettura coloniale che ha ereditato è il suo bene più prezioso.
Isola Marajó, Brasile

L'isola dei bufali

Una nave che trasporta bufali da India sarà naufragato alla foce del Rio delle Amazzoni. Oggi l'isola di Marajó che li ha accolti ha uno degli armenti più grandi del mondo e il Brasile non può fare a meno di questi bovini.
Chapada Diamantina, Brasile

Bahía de Gema

Fino alla fine del sec. Nel XNUMX° secolo, Chapada Diamantina era una terra di prospezioni e ambizioni smisurate.Ora che i diamanti sono rari, gli estranei sono ansiosi di scoprirne gli altipiani e le gallerie sotterranee.
Goias Velho, Brasile

Vita e lavoro di uno scrittore al margine

Nata a Goiás, Ana Lins Bretas ha trascorso gran parte della sua vita lontana dalla sua famiglia castrante e dalla città. Tornando alle sue origini, ha continuato a ritrarre la mentalità prevenuta della campagna brasiliana.
Pirenópolis, Brasile

Crociate brasiliane

Gli eserciti cristiani espulsero le forze musulmane dalla penisola iberica nel XVI secolo. XV ma, a Pirenópolis, nello stato brasiliano di Goiás, continuano a trionfare i sudamericani di Carlo Magno.
Pirenópolis, Brasile

cavalcata di fede

Introdotta nel 1819 dai sacerdoti portoghesi, la Festa dello Spirito Santo di Pirenópolis aggrega una complessa rete di celebrazioni religiose e pagane. Dura più di 20 giorni, per lo più trascorsi in sella.
Manaus, Brasile

Al Meeting delle Acque

Il fenomeno non è unico, ma a Manaus ha una bellezza e una solennità speciali. Ad un certo punto i fiumi Negro e Solimões confluiscono nello stesso alveo dell'Amazzonia, ma invece di mescolarsi immediatamente, entrambi i flussi continuano fianco a fianco. Mentre esploriamo queste parti dell'Amazzonia, assistiamo all'insolito confronto dell'Incontro delle Acque.
Pirenópolis, Brasile

Una Polis nei Pirenei sudamericani

Le miniere di Nossa Senhora do Rosário da Meia Ponte furono costruite da pionieri portoghesi, nel periodo di massimo splendore del ciclo dell'oro. Per nostalgia, probabilmente gli emigranti catalani chiamavano le montagne intorno ai Pirenei. Nel 1890, già in un'era di indipendenza e di innumerevoli ellenizzazioni delle loro città, i brasiliani battezzarono questa città coloniale Pirenópolis.
savuti, botswana, leoni mangiatori di elefanti
Safari
Savuti, Botswana

L'elefante che mangia i leoni di Savuti

Una parte del deserto del Kalahari si prosciuga o viene irrigata a seconda dei capricci tettonici della regione. A Savuti, i leoni si sono abituati a fare affidamento su se stessi e a depredare gli animali più grandi della savana.
Braga o Braka o Brakra in Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 6° – Braga, Nepal

In un Nepal più antico del Monastero di Braga

Quattro giorni di cammino dopo, abbiamo dormito a 3.519 metri a Braga (Braka). All'arrivo, solo il nome ci è familiare. Di fronte al fascino mistico della città, che si articola intorno a uno dei più antichi e venerati monasteri buddisti del circuito dell'Annapurna, acclimatamento con salita all'Ice Lake (4620m).
Scirocco, Arabia, Helsinki
Architettura & Design
Helsinki, Finlândia

Il design che è venuto dal freddo

Con gran parte del territorio sopra il Circolo Polare Artico, i finlandesi rispondono al clima con soluzioni efficienti e un'ossessione per l'arte, l'estetica e il modernismo ispirati dalla vicina Scandinavia.
Mushing completo del cane
Aventura
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.
cowboy dell'Oceania, Rodeo, El Caballo, Perth, Australia
Cerimonie e Feste
Perth, Australia

Cowboy dell'Oceania

Il Texas è dall'altra parte del mondo, ma nel paese dei koala e dei canguri non mancano i cowboy. I rodei dell'entroterra ricreano la versione originale e 8 secondi durano non meno nell'Australia occidentale.
Selfie, Hida del Giappone antico e medievale
Città
Takayama, Giappone

Takayama dell'antico Giappone e dell'Hida medievale

In tre delle sue strade, Takayama conserva un'architettura tradizionale in legno e concentra vecchi negozi e produttori di sake. Intorno si avvicina a 100.000 abitanti e si arrende alla modernità.
Mercato del pesce di Tsukiji, tokyo, giappone
cibo
Tokyo, Giappone

Il mercato del pesce che ha perso freschezza

In un anno, ogni giapponese mangia più del suo peso di pesce e crostacei. Dal 1935 una parte considerevole è stata lavorata e venduta nel più grande mercato ittico del mondo. Tsukiji è stato terminato nell'ottobre 2018 e sostituito da Toyosu's.
Maiko durante la mostra culturale a Nara, Geisha, Nara, Giappone
Cultura
Kyoto, Giappone

Sopravvivenza: l'ultima Geisha Art

Erano quasi 100 ma i tempi sono cambiati e le geisha sono sull'orlo dell'estinzione. Oggi, i pochi rimasti sono costretti a cedere alla modernità meno sottile ed elegante del Giappone.
sportivo
concorsi

L'uomo, una specie sempre in prova

È nei nostri geni. Per il piacere di partecipare, per titoli, onore o denaro, i concorsi danno un senso al mondo. Alcuni sono più eccentrici di altri.
Omero, Alaska, baia di Kachemak
In viaggio
ancorare a Homer, EUA

Viaggio fino alla fine dell'autostrada dell'Alaska

Se Anchorage è diventata la città più grande del 49° stato degli Stati Uniti, Homer, a 350 km di distanza, è la sua strada senza uscita più famosa. I veterani di queste terre considerano questa strana lingua di terra un terreno sacro. Venerano anche il fatto che, da lì, non possono andare da nessuna parte.
Dune dell'isola di Bazaruto, Mozambico
Etnico
bazaruto, Mozambico

Il miraggio invertito del Mozambico

A soli 30 km dalla costa orientale dell'Africa, un improbabile ma imponente erg sorge dal mare traslucido. Bazaruto ripara paesaggi e persone che hanno vissuto a lungo separate. Chiunque atterri su questa lussureggiante isola sabbiosa si ritrova rapidamente in una tempesta di stupore.
Portfolio, Got2Globe, migliori immagini, fotografia, immagini, Cleopatra, Dioscorides, Delos, Grecia
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il Mondano e il Celeste

Ulugh Beg, Astronomo, Samarcanda, Uzbekistan, Un matrimonio nello spazio
Storia
Samarcanda, Uzbekistan

L'astronomo Sultano

Nipote di uno dei grandi conquistatori dell'Asia centrale, Ulugh Beg preferiva le scienze. Nel 1428 costruì un osservatorio spaziale a Samarcanda. I suoi studi sulle stelle gli diedero il nome di un cratere sulla Luna.
Elafonisi, Creta, Grecia
Isole
Chania ad Elafonisi, Creta, Grecia

Gita in spiaggia in stile Creta

Alla scoperta dell'ovest del Cretan, lasciamo Chania, viaggiamo attraverso la gola di Topolia e attraverso gole meno marcate. Pochi chilometri dopo, raggiungiamo un angolo mediterraneo di acquarello e sogno, l'isola di Elafonisi e la sua laguna.
Aurora boreale, Laponia, Rovaniemi, Finlandia, Fire Fox
bianco inverno
Lapponia, Finlândia

Alla ricerca della volpe di fuoco

L'aurora boreale o australis, fenomeni luminosi generati dai brillamenti solari, sono unici per le altezze della Terra. Voi sami nativo dalla Lapponia si credeva fosse una volpe infuocata che diffondeva scintillii nel cielo. Qualunque cosa siano, nemmeno i quasi 30 gradi sotto zero che si sono fatti sentire nell'estremo nord della Finlandia non hanno potuto impedirci di ammirarli.
silhouette e poesia, cora coralina, old goias, brasile
Letteratura
Goias Velho, Brasile

Vita e lavoro di uno scrittore al margine

Nata a Goiás, Ana Lins Bretas ha trascorso gran parte della sua vita lontana dalla sua famiglia castrante e dalla città. Tornando alle sue origini, ha continuato a ritrarre la mentalità prevenuta della campagna brasiliana.
Bagnante, The Baths, Parco Nazionale di Devil's Bay (The Baths), Virgin Gorda, Isole Vergini Britanniche
Natura
Virgin Gorda, Ilhas Virgens Britânica

I “Caraibi” divini di Virgin Gorda

Alla scoperta delle Isole Vergini, sbarchiamo su un seducente mare tropicale punteggiato da enormi rocce granitiche. I bagni sembrano usciti dal Seychelles ma sono uno degli ambienti marini più esuberanti dei Caraibi.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Aurora illumina la Pisang Valley, Nepal.
Parchi Naturali
Circuito dell'Annapurna: 3°- Upper Pisang, Nepal

Un'inaspettata alba nevosa

Ai primi accenni di luce, la vista del manto bianco che aveva ricoperto durante la notte il paese ci abbaglia. Con una delle escursioni più dure sul circuito dell'Annapurna in vista, abbiamo posticipato la partenza il più a lungo possibile. Infastiditi, abbiamo lasciato Upper Pisang per Ngawal quando l'ultima neve se n'era andata.
Solovetsky, Isole, Arcipelago, Russia, Autunno, UAZ, strada d'autunno
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Bolshoi Soloveckij, Russia

Una celebrazione dell'autunno russo della vita

Ai margini dell'Oceano Artico, a metà settembre, il fogliame boreale risplende d'oro. Accolti da generosi ciceroni, lodiamo i nuovi tempi umani della grande isola di Solovetsky, famosa per aver ospitato il primo dei campi di prigionia dei Gulag sovietici.
Ooty, Tamil Nadu, Scenario di Bollywood, Look da rubacuori
personaggi
Ooty, India

Nella cornice quasi ideale di Bollywood

Il conflitto con il Pakistan e la minaccia del terrorismo hanno reso le riprese in Kashmir e Uttar Pradesh un dramma. In Ooty, possiamo vedere come questa ex stazione coloniale britannica abbia assunto il ruolo di primo piano.
La Repubblica Dominicana Balneario de Barahona, Balneario Los Patos
Spiagge
Barahona, Repubblica Dominicana

Repubblica Dominicana Fare il bagno a Barahona

Sabato dopo sabato, l'angolo sud-ovest della Repubblica Dominicana entra in modalità di decompressione. A poco a poco, le sue seducenti spiagge e lagune accolgono una marea di persone euforiche che si arrendono a un peculiare partito anfibio.
Glamour vs Fede
Religione
Goa, India

L'ultimo rantolo di morte della Portogallo di Goa

L'importante città di Goa ha già giustificato il titolo di "Roma d'Oriente” quando, a metà del XVI secolo, epidemie di malaria e colera votarono per abbandonarlo. Nova Goa (Pangim) con cui è stato scambiato ha raggiunto la sede amministrativa dell'India portoghese ma è stata annessa dall'Unione indiana post-indipendenza. In entrambi, il tempo e la negligenza sono disturbi che ora languono l'eredità coloniale portoghese.
White pass yukon train, Skagway, Gold route, Alaska, USA
Veicoli Ferroviari
Skagway, Alaska

Una variante della corsa all'oro nel Klondike

L'ultima grande corsa all'oro americana è ormai lontana. Oggi, centinaia di navi da crociera riversano ogni estate migliaia di visitatori benestanti nelle strade piene di negozi di Skagway.
Vulcano Ijen, schiavi di zolfo, Java, Indonesia
Società
Ijen Vulcano, Indonesia

Schiavi di zolfo del vulcano Ijen

Centinaia di giavanesi si arrendono al vulcano Ijen dove vengono consumati da gas velenosi e carichi che deformano le loro spalle. Ogni turno guadagna meno di 30 euro, ma tutti sono grati per il martirio.
mandria, afta epizootica, carne debole, colonia pellegrini, argentina
Vita quotidiana
Colonia Pellegrini, Argentina

Quando la carne è debole

Il sapore inconfondibile della carne argentina è noto. Ma questa ricchezza è più vulnerabile di quanto si possa pensare. La minaccia dell'afta epizootica, in particolare, infiamma le autorità ei produttori.
Mandria di bufali asiatici, Maguri Beel, Assam, India
Animali selvatici
Maguri Bill, India

Un Pantanal ai confini dell'India nord-orientale

Il Maguri Bill occupa un'area anfibia nelle vicinanze assamesi del fiume Brahmaputra. È lodato come un habitat incredibile, soprattutto per gli uccelli. Quando lo navighiamo in modalità gondola, ci imbattiamo in molta (ma molta) più vita della semplice asada.
I suoni, Parco Nazionale di Fiordland, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Fiordland, Nova Zelândia

I fiordi degli antipodi

Una stranezza geologica ha reso la regione del Fiordland la più cruda e imponente della Nuova Zelanda. Anno dopo anno, molte migliaia di visitatori adorano il sottodominio patchwork tra Te Anau e Milford Sound.