Fattoria Sao Joao, Miranda, Brasile

Pantanal con il Paraguay in vista


Incrocio tra Alligatori
Tre pantaneiros attraversano la laguna infestata dagli alligatori della fattoria.
Piccolo alligatore mimetizzato
Il rettile più temuto del Pantanal, ricarica le sue energie al sole.
Mandria incuriosita
Mucche sospettose dell'avvicinarsi di estranei al loro pascolo.
Pausa per Mate II
I Pantaneiros vivono insieme in una pausa dai compiti della fattoria.
Mango sulla strada per Maduras
Tubo carico di mango che sarà maturo con l'arrivo della stagione delle piogge.
Moda Pantanal
Pantaneiro in abiti tradizionali al lavoro con il bestiame nel Pantanal.
lucertola mimetizzata
Un altro rettile, semi-mimetizzato sull'erba rigogliosa ai margini della laguna di Fazenda de São João.
fattoria-sao-joao-pantanal-miranda-mato-grosso-sul-brasile-ibises-rosa
Momento Pantanale
Pantaneiro della fattoria in un momento di riposo e conversazione.
Pantanal Pitéus
Il buffet di piatti regionali della Fazenda São João.
Allineamento Ibis
Gli ibis scarlatti volano a bassa quota, tra il verde del Pantanal.
Il cardinale del Pantanal
Uno dei piccoli uccelli più esuberanti del Pantanal.
tramonto nascosto
Il sole scende all'orizzonte, dietro i rami e una fitta nebbia causata dal caldo del pomeriggio.
Il Convivium degli Ara
Gli Ara giacinto vivono all'ombra di un grande albero.
Un tramonto a specchio
Il sole al tramonto indora la laguna di Fazenda de São João.
Sonno dell'Angola
Le faraone dormono sotto una tettoia della fattoria.
Quando l'azienda agricola Passo do Lontra ha deciso di espandere il proprio ecoturismo, ha reclutato l'altra azienda agricola di famiglia, São João. Più lontano dal fiume Miranda, quest'altra proprietà rivela un remoto Pantanal, ai margini del Paraguay. Dal paese e dal fiume omonimo.

Abbiamo la prima sorpresa ancor prima di partire.

La guida incaricata di accompagnarci parlava portoghese. Non il tipico portoghese “brasiliano”, tanto meno quello del Pantanal. Ha parlato in portoghese africano.

Quando gli abbiamo chiesto cosa lo avesse portato in quell'interno del Brasile, così lontano dalla sua Angola, Coutinho ci dice che il fatto che parlasse anche inglese ha aperto la prospettiva di lavorare lì, in fattoria e nel turismo.

L'occasione gli sembrava perfetta, anche perché avrebbe continuato a vivere al caldo.

L'ha afferrato appena ha potuto.

E continuò lì, tra il Passo da Lontra e San Giovanni. Lungo la strada tra i due, seduti sul retro di un camion, abbiamo parlato ancora un po'.

Passo do Lontra a Fazenda São João: viaggio attraverso il cuore rurale del Pantanal

Lo sterrato si rivelò polveroso e rettilineo, ma ricco di piccole salite e discese forzate in luoghi dove, durante la stagione delle piogge e il Pantanal allagato, era necessario evitare l'immersione, soprattutto attorno al grande corso d'acqua più vicino, il Corixo do Cerrado.

Ci siamo imbattuti in iguane e negli immancabili carcarás, una semplice introduzione all'estensione faunistica del Passo do Lontra che troveremmo.

Entriamo nella proprietà verso le undici del mattino, con la calura estiva già inasprita. Le stanze, le amache, tutte le stanze private, infatti, erano occupate.

Ci siamo installati nel dormitorio maschile della fattoria, il che ci ha dato l'idea che c'è molto da usare. Lo abbiamo condiviso con due grandi rane che avevano rivendicato il "bagno" come loro dominio aggiornato.

Mezz'ora dopo, riappare Coutinho. Ci invita per una visita guidata della fattoria, in compagnia di una guida boliviana esterna e dei suoi clienti cileni.

Ser John, il Vecchio e proprietario della fattoria di San Giovanni

Giriamo intorno alla palude nel cuore dell'azienda agricola quando un uomo della sua età ci sorprende ai comandi di un trattore.

Coutinho ci informa che era João Venturini, il proprietario della proprietà. Come se non bastasse, ho guidato una Massey Ferguson, è stata a lungo la nostra marca di trattori preferita.

Ti chiediamo alcune foto del tuo veicolo da lavoro. Nonostante non sia abituato a questo tipo di attenzione e protagonismo, João Venturini è d'accordo.

Ci siamo posizionati in modo tale da dargli il risalto che meritava ed evitare ostacoli di fondo indesiderati.

Siamo in questo processo quando sentiamo un ardore crescente. Su un piede. Presto nell'altro. Per le caviglie sopra.

Quando ci siamo resi conto di cosa stava succedendo, l'incendio si è trasformato in un'afflizione generalizzata, una specie di fuoco biologico.

Abbiamo fotografato per quasi un minuto su un enorme nido di formiche proiettili (clavato paraponera), così trattato in Brasile perché, con la dovuta esagerazione, il suo morso provoca un dolore paragonabile a quello inflitto dai proiettili.

Sôr João Venturini e Coutinho si sforzano di evitare risate imminenti. Diverse scosse e imprecazioni dopo, anticipiamo la fine del servizio fotografico.

Alla scoperta del Pantanal alla Fazenda São João

Continuiamo ad allontanarci dai fabbricati agricoli, lungo le sponde della sua laguna, che vediamo ricca di vegetazione anfibia, ornata da ninfee, abitata da giovani alligatori, ingrassata dalla profusione di pesci che la siccità offriva loro ogni anno.

Passavamo tra tubi iperbolici, ormai carichi di minuscoli manghi, miniature ancora acerbe del succoso e delizioso frutto che il caldo soffocante della stagione delle piogge avrebbe fatto loro.

Nel frattempo, gli alberi svolgevano un'altra funzione.

Ara, Ibis e tanti altri uccelli del Pantanal

Concedevano luoghi ombrosi e riparati agli stormi di are che svolazzavano in giro, si arrendevano al loro chiacchiericcio stridulo.

Passando sotto uno di questi tubi, ne abbiamo individuati quattro o cinque blu, con i colletti e gli occhielli gialli.

Ci osservano, incuriositi, ma meno preoccupati di quanto ci aspettassimo.

Quando, finalmente, la loro curiosità passa, tornano al boccone conflittuale in cui stavano camminando.

Tutt'intorno stormi di ibis scarlatti, ibis rossi, come preferiscono chiamarli i brasiliani, svolgono le proprie coreografie di volo, quasi sempre ordinate e ben raggruppate.

Prima contro il fogliame tropicale, poi dal cielo che il caldo sembra lavare via.

Dalla comunione degli alberi di mango, ci siamo evoluti in un umido e vasto pascolo, sostentamento e stile di vita per le mandrie di cavalli che l'azienda ha accresciuto e la mandria che è stata la genesi della proprietà.

Fattoria São João, la Fattoria Sorella di Passo do Lontra

Fino alla sua conversione, Fazenda São João rimase il rifugio rurale e zootecnico della famiglia Venturini.

Esisteva come contrappunto al Passo do Lontra, una fattoria fluviale che ha aperto, nel 1979, sulle rive del Miranda per rispondere alla crescente domanda di questo fiume e del Vermelho, da parte degli appassionati di pesca.

Nel tempo, la famiglia ha deciso di offrire agli ospiti del Passo do Lontra una giornata alla scoperta dell'altra loro fattoria.

Quando i visitatori erano deliziati da lei, iniziarono a lamentarsi del fatto che passassero le notti lì. I Venturini aderirono. Hanno adattato la proprietà in modo che corrisponda.

Hanno installato, ad esempio, l'amaca dove non riuscivamo più a trovare un posto libero. E una pittoresca sala da pranzo, in un edificio tondeggiante da cui emerge una delle tante palme del Pantanal, una bocaiuva o, almeno, così ci sembra.

La sempre affascinante gastronomia del Pantanal

In questo rifugio riparato, i cuochi con figure e modi di Dª Benta, dell'antica “Sítio do Pica-Pau Amarelo”, preparano, espongono e servono piatti tipici del Pantanal.

Riso e fagioli, manioca fritta, tortini succulenti e pollo in umido, di tanto in tanto, sacrificato dal gregge di faraone che, a fine giornata, ritroviamo in un sonno comune sulle tavole più alte della stalla .

La notte era annunciata da una perfetta circonferenza del sole, velata da un cielo che il braciere pomeridiano era diventato grigio e, come volevamo nelle nostre fotografie, nascosto dietro i rami di qualche boschetto secco.

La notte era piena di suoni e rumori misteriosi e magici, anche intorno al dormitorio che chiamavamo casa.

Sbuffi di gufi e canti di madri lunari, gracidare delle rane nello stagno, passi furtivi di ocelot e tapiri, strisciare di anaconde. Tutto questo e molto altro c'era da aspettarselo. Fino al risveglio della grande palude.

L'alba porta sollievo dalla fornace e anche un po' di rugiada che resiste alle prime due ore dell'ascensione solare. Nello stagno palustre, le ninfee mostrano una freschezza esuberante che solo l'alba dona loro.

I cowboy del Pantanal della fattoria di São João

Siamo partiti per un'altra passeggiata, tra gli alligatori in piena ricarica, tuiuiús che riparano i loro nidi e lo stesso gregge del giorno prima, incuriositi dalla nuova invasione del loro pascolo.

Sulla via del ritorno, ci imbattiamo in un trio di cowboy paludi agricole di ritorno da un compito che il bestiame aveva costretto loro a svolgere.

Si avvicinano al galoppo dolce. Quando raggiungono la sponda del lago, decidono la scorciatoia e la attraversano.

La traversata inizia senza intoppi.

Finché, in una zona più profonda, un cavallo viene spaventato da un alligatore. Si impenna e costringe il pantaneiro a dominarlo, con la maestria di anni trascorsi in sella.

Gesù e i suoi aiutanti scendono da cavallo nella stalla. Dissellano i cavalli, li premiano con banchetti, si siedono su sedie basse e si godono un riposo mentre sono ancora vestiti.

Dai cappelli e stivali di pelle, ai pantaloni da cowboy. Cintura dotata di coltelli e borse con altri utensili.

Riposa con il gusto di tè Mate

La conversazione si sposta sul duro lavoro di qualche giorno fa e su come lo stesso lavoro abbia generato problemi imprevisti in una fattoria vicina.

Gesù non vuole nemmeno pensare a ciò che sta arrivando. Destinato a liberarsi dal caldo e dalla responsabilità di essere l'esempio da seguire, riempie un corno di mate con acqua bollente.

Sorseggia il tuo tè vitaminico con la leggerezza dello spirito di chi ha attraversato mille tribolazioni come quella.

Terminata la tregua, si ritorna all'ombra della stalla e di un infinito stendibiancheria di cinghie, finimenti, nastri e fibbie, bisacce, speroni e simili.

C'è ancora del lavoro da fare lì, ma il calore e la curiosità degli estranei sono alleati a un giusto pretesto per rimandare il compito.

L'elegante pantaneiro si appoggia invece su una delle travi che fungono da giaciglio per la faraona.

Abbagliato dall'altra sponda dell'Atlantico di cui gli abbiamo parlato, inverte i ruoli.

Ci pone di fronte a due o tre domande-osservazioni che ci lasciano interrogativi, a cui risponde con la sua forma di palude, con i piedi per terra, ma così onesto da vedere. il mondo.

In quei confini quasi paraguaiani del Pantanal, il Brasile aveva più senso.

Passo da Lontra, Miranda, Brasile

Brasile sommerso a un passo dalla lontra

Siamo all'estremità occidentale del Mato Grosso do Sul, ma la boscaglia, da queste parti, è un'altra cosa. In un'estensione di quasi 200.000 km2, la Brasile appare parzialmente sommerso, da fiumi, torrenti, lagune e altre acque disperse in vaste pianure alluvionali. Nemmeno il caldo soffocante della stagione secca prosciuga la vita e la biodiversità dei luoghi e delle fattorie del Pantanal come quella che ci ha accolto sulle rive del fiume Miranda.
Miranda, Brasile

Maria dos Jacarés: il Pantanal ospita creature così

Eurides Fátima de Barros è nato nelle campagne della regione di Miranda. 38 anni fa, si stabilì in una piccola attività ai margini della BR262 che attraversa il Pantanal e acquisì affinità con gli alligatori che vivevano alle sue porte. Disgustata dal fatto che le creature lì una volta fossero state massacrate, iniziò a prendersi cura di loro. Oggi conosciuta come Maria dos Jacarés, ha chiamato ciascuno degli animali in onore di un giocatore di football o di un allenatore. Garantisce inoltre che riconoscano le tue chiamate.
Manaus, Brasile

I salti e le sorprese dell'ex capitale mondiale della gomma

Dal 1879 al 1912, solo il bacino del Rio delle Amazzoni ha generato il lattice di cui il mondo aveva bisogno da un momento all'altro e, dal nulla, Manaus è diventata una delle città più avanzate sulla faccia della Terra. Ma un esploratore inglese portò l'albero nel sud-est asiatico e rovinò la produzione dei pionieri. Manaus ha dimostrato ancora una volta la sua elasticità. È la città più grande dell'Amazzonia e la settima del Brasile.
Manaus, Brasile

Al Meeting delle Acque

Il fenomeno non è unico, ma a Manaus ha una bellezza e una solennità speciali. Ad un certo punto i fiumi Negro e Solimões confluiscono nello stesso alveo dell'Amazzonia, ma invece di mescolarsi immediatamente, entrambi i flussi continuano fianco a fianco. Mentre esploriamo queste parti dell'Amazzonia, assistiamo all'insolito confronto dell'Incontro delle Acque.
Pirenópolis, Brasile

cavalcata di fede

Introdotta nel 1819 dai sacerdoti portoghesi, la Festa dello Spirito Santo di Pirenópolis aggrega una complessa rete di celebrazioni religiose e pagane. Dura più di 20 giorni, per lo più trascorsi in sella.
Pirenópolis, Brasile

Crociate brasiliane

Gli eserciti cristiani espulsero le forze musulmane dalla penisola iberica nel XVI secolo. XV ma, a Pirenópolis, nello stato brasiliano di Goiás, continuano a trionfare i sudamericani di Carlo Magno.
Goias Velho, Brasile

Vita e lavoro di uno scrittore al margine

Nata a Goiás, Ana Lins Bretas ha trascorso gran parte della sua vita lontana dalla sua famiglia castrante e dalla città. Tornando alle sue origini, ha continuato a ritrarre la mentalità prevenuta della campagna brasiliana.
Chapada Diamantina, Brasile

Bahía de Gema

Fino alla fine del sec. Nel XNUMX° secolo, Chapada Diamantina era una terra di prospezioni e ambizioni smisurate.Ora che i diamanti sono rari, gli estranei sono ansiosi di scoprirne gli altipiani e le gallerie sotterranee.
Cascate dell'Iguazù/Iguazù, Brasile/Argentina

Il tuono della grande acqua

Dopo un lungo viaggio tropicale, il fiume Iguaçu fa il grande passo. Lì, al confine tra Brasile e Argentina, si formano le cascate più grandi e imponenti sulla faccia della Terra.
Isola Marajó, Brasile

L'isola dei bufali

Una nave che trasporta bufali da India sarà naufragato alla foce del Rio delle Amazzoni. Oggi l'isola di Marajó che li ha accolti ha uno degli armenti più grandi del mondo e il Brasile non può fare a meno di questi bovini.
Brasilia, Brasile

Brasilia: dall'utopia all'arena politica e capitale del Brasile

Fin dai tempi del marchese di Pombal si parlava di trasferire la capitale nell'entroterra. Oggi, la città chimera continua a sembrare surreale ma detta le regole dello sviluppo brasiliano.
Centrale idroelettrica binazionale di Itaipu, Brasile

Centrale idroelettrica binazionale di Itaipu: febbre da watt

Nel 1974 migliaia di brasiliani e paraguaiani si sono incontrati nella zona di costruzione della diga più grande del mondo. 30 anni dopo il completamento, Itaipu genera il 90% dell'energia del Paraguay e il 20% di quella brasiliana.
Curitiba, Brasile

La vita elevata di Curitiba

Non è solo l'altitudine di quasi 1000 metri a cui si trova la città. Cosmopolita e multiculturale, la capitale del Paraná ha un indice di qualità della vita e sviluppo umano che la rendono un caso a sé in Brasile.

Florianopolis, Brasile

L'eredità delle Azzorre dell'Atlantico meridionale

Durante il XNUMX° secolo, migliaia di isolani portoghesi perseguirono una vita migliore nella parte meridionale del Brasile. Negli insediamenti da loro fondati abbondano tracce di affinità con le origini.

Morro de São Paulo, Brasile

Una costa divina di Bahia

Tre decenni fa, non era altro che un remoto e umile villaggio di pescatori. Fino a quando alcune comunità post-hippie non hanno rivelato al mondo il ritiro di Morro e lo hanno promosso a una sorta di santuario sulla spiaggia.
Lenzuola Bahia, Brasile

La libertà paludosa di Quilombo do Remanso

Gli schiavi fuggiaschi sopravvissero per secoli in una zona umida della Chapada Diamantina. Oggi il quilombo di Remanso è simbolo della loro unione e resistenza, ma anche dell'esclusione a cui sono stati votati.
Ilhabela, Brasile

Ilhabela: Dopo l'orrore, la bellezza atlantica

Il novanta per cento della foresta atlantica preservata, cascate idilliache e spiagge dolci e selvagge sono all'altezza del suo nome. Ma, se andiamo indietro nel tempo, sveliamo anche l'orribile aspetto storico di Ilhabela.
Ilhabela, Brasile

A Ilhabela, sulla Via Bonete

Una comunità di caiçaras discendenti dai pirati fondò un villaggio in un angolo di Ilhabela. Nonostante il difficile accesso, Bonete è stata scoperta e considerata una delle dieci migliori spiagge del Brasile.
Goias Velho, Brasile

Un'eredità della corsa all'oro

Due secoli dopo il periodo d'oro della prospezione, persa nel tempo e nella vastità dell'altopiano centrale, Goiás apprezza la sua ammirevole architettura coloniale, la sorprendente ricchezza che resta da scoprire.
Lenzuola Bahia, Brasile

Lenzuola da Bahia: nemmeno i diamanti sono eterni

Nel XNUMX° secolo, Lençóis divenne il più grande fornitore mondiale di diamanti. Ma il commercio di gemme non è durato quanto previsto. Oggi, l'architettura coloniale che ha ereditato è il suo bene più prezioso.
Parco Nazionale di Amboseli, Monte Kilimangiaro, Collina di Normatior
Safari
P.N. Amboseli, Kenia

Un regalo del Kilimangiaro

Il primo europeo ad avventurarsi in queste terre Masai rimase sbalordito da ciò che trovò. E ancora oggi grandi branchi di elefanti e altri erbivori vagano alla mercé dei pascoli innevati della più grande montagna africana.
Aurora illumina la Pisang Valley, Nepal.
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 3°- Upper Pisang, Nepal

Un'inaspettata alba nevosa

Ai primi accenni di luce, la vista del manto bianco che aveva ricoperto durante la notte il paese ci abbaglia. Con una delle escursioni più dure sul circuito dell'Annapurna in vista, abbiamo posticipato la partenza il più a lungo possibile. Infastiditi, abbiamo lasciato Upper Pisang per Ngawal quando l'ultima neve se n'era andata.
Architettura & Design
Fortezze

Il mondo da difendere – Castelli e fortezze che resistono

Sotto la minaccia dei nemici dalla fine dei tempi, i capi dei villaggi e delle nazioni hanno costruito castelli e fortezze. Un po' ovunque, monumenti militari come questi continuano a resistere.
Aventura
Vulcani

montagne di fuoco

Rotture più o meno evidenti nella crosta terrestre, i vulcani possono rivelarsi tanto esuberanti quanto capricciosi. Alcune delle sue eruzioni sono delicate, altre si rivelano annientanti.
Isola di Miyajima, Shintoismo e Buddismo, Giappone, Porta dell'Isola Santa
Cerimonie e Feste
Miyajima, Giappone

Shintoismo e buddismo al gusto delle maree

I visitatori del tori di Itsukushima ammirano una delle tre ambientazioni più venerate del Giappone. Nell'isola di Miyajima, la religiosità giapponese si fonde con la Natura e si rinnova con il flusso del Mare Interno di Seto.
Porto e città di Fremantle nell'Australia occidentale, amiche in posa
Città
Fremantle, Australia

Il porto boemo dell'Australia occidentale

Una volta che la destinazione principale per i detenuti britannici banditi in Australia, Fremantle si è sviluppata nel grande porto occidentale della grande isola. E allo stesso tempo, un paradiso per gli artisti Australiani ed espatriati in cerca di vite fuori dagli schemi.
cibo
Cibo del Mondo

Gastronomia Senza Frontiere né Pregiudizi

Ogni popolo, le sue ricette e prelibatezze. In certi casi, gli stessi che deliziano intere nazioni ne disgustano molti altri. Per chi viaggia per il mondo, l'ingrediente più importante è una mente molto aperta.
Kiomizudera, Kyoto, un Giappone millenario quasi perduto
Cultura
Kyoto, Giappone

Un Giappone millenario quasi perduto

Kyoto era nella lista dei colpi della bomba atomica degli Stati Uniti ed era più di un capriccio del destino a preservarla. Salvata da un Segretario alla Guerra americano innamorato della sua ricchezza storico-culturale e della sontuosità orientale, la città è stata sostituita all'ultimo minuto da Nagasaki nell'atroce sacrificio del secondo cataclisma nucleare.
4 luglio Fireworks-Seward, Alaska, Stati Uniti
sportivo
Seward, Alaska

Il 4 luglio più lungo

L'indipendenza degli Stati Uniti viene celebrata a Seward, in Alaska, in modo modesto. Anche così, il 4 luglio e la sua celebrazione sembrano non avere fine.
Scenario marziano del deserto bianco, Egitto
In viaggio
Deserto Bianco, Egitto

La scorciatoia egiziana per Marte

In un momento in cui la conquista del vicino del sistema solare è diventata un'ossessione, una parte orientale del deserto del Sahara ospita un vasto paesaggio correlato. Invece dei 150-300 giorni stimati necessari per raggiungere Marte, decollamo dal Cairo e, in poco più di tre ore, facciamo i primi passi nell'Oasi di Bahariya. Intorno, quasi tutto ci fa sentire il tanto agognato Pianeta Rosso.
Etnico
Pueblos del Sur, Venezuela

I Pauliteiros de Mérida, le loro danze e Co.

Dall'inizio del XVII secolo, con i coloni ispanici e, più recentemente, con gli emigranti portoghesi, usi e costumi ben noti nella penisola iberica e, in particolare, nel nord del Portogallo si sono consolidati nei Pueblos del Sur.
portfolio, Got2Globe, Fotografia di viaggio, immagini, migliori fotografie, foto di viaggio, mondo, Terra
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il migliore al mondo: il portfolio Got2Globe

L'inevitabile pesca
Storia

Florianopolis, Brasile

L'eredità delle Azzorre dell'Atlantico meridionale

Durante il XNUMX° secolo, migliaia di isolani portoghesi perseguirono una vita migliore nella parte meridionale del Brasile. Negli insediamenti da loro fondati abbondano tracce di affinità con le origini.

Isola di Alcatraz, California, Stati Uniti
Isole
Alcatraz, San Francisco, EUA

Ritorno alla roccia

A quarant'anni dalla fine della sua pena, l'ex prigione di Alcatraz riceve più visitatori che mai. Pochi minuti del suo isolamento spiegano perché l'immaginazione di The Rock ha fatto rabbrividire i peggiori criminali.
Cavalli sotto bufera di neve, Islanda Fuoco senza fine dell'isola di neve
bianco inverno
Husavik a Myvatn, Islândia

Neve infinita sull'isola di Fogo

Quando, a metà maggio, l'Islanda ha già il tepore del sole ma il freddo ma il freddo e la neve persistono, gli abitanti cedono a un'affascinante ansia estiva.
Baie d'Oro, Ile des Pins, Nuova Caledonia
Letteratura
Île-des-Pins, Nuova Caledonia

L'Isola che si appoggiava al Paradiso

Nel 1964, Katsura Morimura ha deliziato il Giappone con una storia d'amore turchese ambientata a Ouvéa. Ma la vicina Île-des-Pins ha conquistato il titolo di "L'isola più vicina al paradiso" e ha estasiato i suoi visitatori.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Natura
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Bocca incandescente, Big Island Hawaii, Parco Nazionale dei Vulcani, fiumi di lava
Parchi Naturali
Big Island, Havai

Big Island delle Hawaii: Alla ricerca dei fiumi di lava

Ci sono cinque vulcani che fanno aumentare di giorno in giorno la grande isola delle Hawaii. Kilauea, la più attiva sulla faccia della Terra, rilascia costantemente lava. Nonostante questo, viviamo una sorta di epopea per intravederla.
Solovetsky, Isole, Arcipelago, Russia, Autunno, UAZ, strada d'autunno
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Bolshoi Soloveckij, Russia

Una celebrazione dell'autunno russo della vita

Ai margini dell'Oceano Artico, a metà settembre, il fogliame boreale risplende d'oro. Accolti da generosi ciceroni, lodiamo i nuovi tempi umani della grande isola di Solovetsky, famosa per aver ospitato il primo dei campi di prigionia dei Gulag sovietici.
femmina e vitello, Grizzly Steps, Katmai National Park, Alaska
personaggi
P.N.Katmai, Alaska

Sulle tracce dell'uomo grizzly

Timothy Treadwell ha trascorso le estati con gli orsi di Katmai. Viaggiando attraverso l'Alaska, abbiamo seguito alcuni dei suoi sentieri ma, a differenza del selvaggio protettore della specie, non siamo mai andati troppo lontano.
Sesimbra, Vila, Portogallo, vista dall'alto
Spiagge
Sesimbra, Portogallo

Un villaggio toccato da Midas

Non sono solo Praia da California e Praia do Ouro a chiuderla a sud. Al riparo dalle furie dell'Atlantico occidentale, dotata di altre insenature immacolate e dotata di fortificazioni secolari, Sesimbra è oggi un prezioso paradiso per la pesca e la balneazione.
Preghiera che brucia, Festival di Ohitaki, Tempio di Fushimi, Kyoto, Giappone
Religione
Kyoto, Giappone

Una fede combustibile

Durante la celebrazione shintoista di Ohitaki, i fedeli giapponesi raccolgono preghiere incise su tavolette nel tempio di Fushimi. Lì, mentre viene consumato da enormi falò, la sua fede si rinnova.
Di nuovo al sole. Funivie di San Francisco, alti e bassi della vita
Veicoli Ferroviari
San Francisco, EUA

Funivie di San Francisco: una vita di alti e bassi

Un macabro incidente di carro ha ispirato la saga della funivia di San Francisco. Oggi, queste reliquie funzionano come un'affascinante operazione della città della nebbia, ma hanno anche i loro rischi.
Magome a Tsumago, Nakasendo, Way Medieval Japan
Società
Magome Tsumago, Giappone

Da Magome a Tsumago: il percorso sovraffollato per il Giappone medievale

Nel 1603 lo shogun Tokugawa dettò il rinnovamento di un antico sistema stradale. Oggi, il tratto più famoso della strada che collegava Edo a Kyoto è attraversato da una folla desiderosa di fuggire.
mandria, afta epizootica, carne debole, colonia pellegrini, argentina
Vita quotidiana
Colonia Pellegrini, Argentina

Quando la carne è debole

Il sapore inconfondibile della carne argentina è noto. Ma questa ricchezza è più vulnerabile di quanto si possa pensare. La minaccia dell'afta epizootica, in particolare, infiamma le autorità ei produttori.
Barca e timoniere, Cayo Los Pájaros, Los Haitises, Repubblica Dominicana
Animali selvatici
Penisola di Samaná, PN Los Haitises, Repubblica Dominicana

Dalla penisola di Samana agli haitiani dominicani

Nell'angolo nord-est della Repubblica Dominicana, dove ancora trionfa la natura caraibica, ci troviamo di fronte a un Atlantico molto più vigoroso del previsto da queste parti. Lì cavalchiamo in regime comunitario fino alla famosa cascata di Limón, attraversiamo la baia di Samaná e ci immergiamo nella remota ed esuberante "terra delle montagne" che la racchiude.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.