Lago Enrico, Repubblica Dominicana

Enriquillo: il Grande Lago delle Antille


Luogo d'imbarco
Una guida locale ti prepara a intraprendere un tour del Lago Enriquillo.
Contemplazione II
Guida Ináci a prua di una barca al riparo dal caldo torrido che cuoce il lago Enriquillo.
La Caritas dei Taino
Incisioni rupestri lasciate in eredità dagli indigeni Tainos.
Il giovane Croq
Un giovane coccodrillo si ricarica al sole.
vista incorniciata
Vista del Lago Enriquillo dall'interno di una delle Cueva de Las Caritas Taínas.
Monumento ad Enriquillo
Motociclista e passeggero passano davanti alla statua del capo Taíno Enriquillo.
Alluvione
Alberi uccisi dall'innalzamento delle acque ipersaline del Lago Enriquillo.
fossilizzazione
La prima tappa di un fossile conservato dalle saline del Lago Enriquillo.
Volo dalla gru alle nuvole
La gru lascia il suo trespolo su un albero morto in un cielo pieno di nuvole.
Volo al pascolo della gru
Garzetta vola bassa sulle calde acque del lago Enriquillo.
Volo della gru
Airone decolla da un tronco secco.
Contemplazione
Airone decolla da un tronco secco.
Assedio delle Iguane
Visitatore del Lago Enriquillo circondato da iguane.
i rettili
Due delle tante iguane che proliferano intorno al lago Enriquillo.
Giovani nativi
I bambini guardano i visitatori-fotografi che navigano verso il Lago Enriquillo.
alberi anfibi
Alberi morti e quasi sommersi dalle acque in aumento del lago.
Il possibile sbarco
Una guida scruta la vegetazione morta del Lago Enriquillo dalla cima di un tronco caduto.
Blue Lake, ambiente verde-secco
Scenario del Lago Enriquillo visto dai piedi della collina di Caritas dos Taínos.
Con tra 300 e 400 km2, situato a 44 metri sotto il livello del mare, l'Enriquillo è il lago supremo delle Antille. Anche ipersalina e soffocata da temperature atroci, continua ad aumentare. Gli scienziati hanno difficoltà a spiegare perché.

Quella mattina siamo scesi dalla cima di Casa Bonita al riva del Mar dei Caraibi.

Abbiamo preso la strada costiera 4 verso nord, invece della solita sud. Abbiamo attraversato Santa Cruz de Barahona, la grande città da queste parti. Da Barahona, ci dirigiamo verso l'interno di Hispaniola.

"Cerchiamo di fermarci il meno possibile lungo la strada, vero?" suggerisce la guida e l'autista Carlos. Se vedete qualcosa che vi interessa fotografare, fatemelo sapere e lo memorizzeremo per il ritorno.

Il Lago Enriquillo è un luogo a parte. Se pensi di aver fatto caldo da quando sei atterrato a Santo Domingo, aspetta ancora qualche ora e vedrai!”, e ride come un fiero custode di un mistero. Dall'esperienza e dalla convivialità dei giorni precedenti, compresa un'incursione nell'altra laguna salina, quella di Oviedo - ci si può fidare solo del señor Carlos.

Continuiamo il nostro viaggio, prima verso Laguna del Rincón, dove passiamo dalla provincia di Barahona a quella di Independencia. E, già in prossimità del grande lago che ci spostava, intorno ad un certo Caño del Muerto, ancora da Independencia a Baoruco, a cui apparteneva un vasto settore nord-est dell'Enriquillo.

Abbiamo attraversato Neiba. Poco dopo, Villa Jaragua. Un sabato mattina erano entrambi impegnati in una deliziosa frenesia, mercantile o sportiva.

Piacevole e genuina, la vita domenicana che abbiamo attraversato ci ha lasciato frustrati perché non potevamo interrompere il viaggio. “Tra una ventina di minuti ci fermeremo davvero, ma dimenticate i mercatini. Da Jarágua in poi, questi gruppi di persone non compaiono più".

Abbiamo proseguito lungo la Route 48, trasformata infine in Avenida Joaquín Aybar, una lunga strada costiera che si è adattata alla linea in cima al lago. Abbiamo comunque attraversato Las Clavellinas, Los Rios e Postrer Rio, qualsiasi villaggio, molto più piccolo di Jarágua.

Per capricci della demarcazione delle province domenicane, a Postrer Rio, la strada ci ha restituito alla provincia di Independencia.

La Cueva de las Caritas de Los Indios e la vista sul Lago Enriquillo

«Puoi vedere quelle balaustre lassù. È proprio lì. Seguire il sentiero con attenzione, il pavimento è asciutto e, qua e là, scivola. Se cadranno, sarà un dramma". Ci è voluto un po' per capire perché. Il sentiero era fiancheggiato da una vegetazione collinare tanto verde quanto spinosa.

Siamo arrivati, senza intoppi, a una piattaforma di osservazione. Questa piattaforma, a sua volta, facilitava l'accesso a una grotta incastonata nel pendio della collina, più un grande buco che una grotta, anche se i domenicani la trattavano come un cueva.

Saliamo nel lugubre interno. Da lì, osserviamo il grande lago Enriquillo incorniciato da ombre, allungato tra la foresta piena di cactus ai piedi delle colline e una carovana di nuvole bianche sopra la sponda opposta.

Quello che ci ha accolto è stato uno dei tanti grotte pendio e cime che gli indigeni chiamano “colline della Caritas de los Indios”.

Tenera, il nome derivava dall'abbondanza di facce tondeggianti incise nella roccia porosa.

Gli autori di tali opere furono i Taínos, popolo indigeno che, quando Cristoforo Colombo arrivò nel 1492, dominava gran parte dei Caraibi: le isole di Cuba, Hispaniola, Giamaica, Porto Rico, Bahamas e altre nel nord del Piccolo Antille, almeno queste.

I Taínos sono uno degli antenati genetici più importanti delle attuali popolazioni dei Caraibi.

All'inizio del XVI secolo, Enriquillo, un importante cacicco, guidò una rivolta e una sorta di guerriglia contro gli invasori spagnoli dalle montagne a sud del lago.

La rivolta è durata quanto è durata. Il suo coraggio e la sua determinazione gli valsero il nome di lago più grande delle Antille e una statua prominente sopra l'incrocio Duvergê – Barahona – Neyba.

Lì ci siamo fermati, sulla via del ritorno, determinati a rendergli un dovuto omaggio fotografico.

Ammirato il panorama e le incisioni caritas indigeni, siamo tornati al furgone ea Carlos.

La guida ci porta all'ingresso del Parco Nazionale del Lago Enriquillo e Isla Cabritos, dove avremmo dovuto intraprendere una navigazione di scoperta.

Infine, alla Scoperta dell'Enigmatico Lago Enriquillo

Abbiamo trovato le strutture del parco all'ombra di una foresta ancora più frondosa di quella che avevamo visto dalla cima della cueva.

Quando scendiamo dall'auto, decine di iguane ci si avvicinano, stimiamo che si siano abituate agli spuntini offerti dai visitatori.

Una signora dominicana si sforza di farsi fotografare dal suo ragazzo in compagnia di animali. A poco a poco, questi aumentano di numero e la circondano, sempre più vicino alle sue gambe.

Dapprima divertita, la ragazza va nel panico.

In modo così isterico, da costringere il suo ragazzo a portarle una sedia, sulla quale si rifugia, finché il ranger del parco, incredulo, osa affrontare il caldo e spaventare i rettili.

In questo esilarante nel frattempo, Carlos ci saluta e ci presenta i ragazzi incaricati di mostrarci il giro del lago. Siamo saliti a bordo di un motoscafo senza tettuccio.

“Sarebbe meglio se iniziassimo più tardi”, ci dice uno di loro, mentre indossano abiti a maniche lunghe, con cappelli. "Ma dato che vogliono fare un lungo giro, beh... brindiamo... dobbiamo partire subito."

Non appena abbiamo lasciato la protezione della foresta, a 46 metri sotto il livello del mare, abbiamo sentito in prima persona ciò a cui si riferivano Carlos e i barcaioli.

Il Salato e Atroce Braciere del Lago Enriquillo

Ci ha subito colpito un caldo umido, tra ipersalino (fino a tre volte più salato del mare) e malsano. Ci è voluto del tempo per renderci conto del danno che ci stava facendo, anche perché il movimento della barca ci ha ventilato.

Eppure, a poco a poco, ci ha cucinato e disidratato senza appello.

Il duo lacustre manovra la barca, tra tronchi d'albero che l'innalzamento delle acque salate aveva lasciato morti, in alcune zone, con quasi solo i rami delle chiome a vista, provvidenziali approdi di decine di inafferrabili aironi bianchi.

Amiamo in altre zone superficiali, quasi secche. In questi sbarchiamo ed esaminiamo la profusione di grandi tronchi crollati, orizzontalmente.

Laggiù, gli ospiti del lago rimangono vigili.

Riescono a localizzare alcuni esemplari giovani di coccodrilli che stavano ricaricando, accanto a ceppi umidi. “Prima vedevamo immenso e ovunque” ci informa Ináci, consapevole che la scarsità e le dimensioni dei rettili ci hanno deluso.

Il rampante aumento del lago Enriquillo

“Ma questo lago continua a diventare più grande, in un modo che colpisce anche i coccodrilli. Si sono accorti che non possono più deporre le uova nei soliti posti perché le sponde cambiano di giorno in giorno.

Si arrampicano invece più in alto sui pendii rocciosi intorno al lago, dove i nidi sono in balia di un po' di tutto. Questo è anche il motivo per cui i coccodrilli sono ora dispersi su un'area molto più ampia".

Tutte le specie che componevano l'ecosistema del lago si trovarono in difficoltà. I corvi delle palme e molti altri uccelli hanno perso il loro habitat negli alberi ormai morti.

Una vasta comunità di iguane ciclora e il rinoceronte Hispaniola furono costretti a migrare dall'isola di Cabritos (quasi sommersa) ea competere con specie rivali per le aree più alte delle coste.

Anche gli abitanti umani hanno sofferto.

Entro la fine del XNUMX° secolo, il lago si era ridotto così tanto che la sua gente era certa che presto sarebbe scomparso. Al contrario, qualche anno dopo, aumentò visibilmente.

Al punto che decine di migliaia di famiglie sono state costrette ad abbandonare le loro case lungo il fiume, sostenute da diverse istituzioni – tra cui l'Unione Europea – che hanno fornito loro i fondi per l'emergenza.

Una salita di dieci metri delle acque in appena un decennio

La domanda non è mai stata se il lago Enriquillo sorgesse. Solo tra il 2006 e il 2016, le sue acque sono salite di oltre undici metri, raddoppiando le dimensioni e sommerse per oltre 160 km.2 di terreno precedentemente seminativo, abitato da contadini di sussistenza.

Ciò che da tempo incuriosisce gli scienziati è il motivo per cui questa crescita, che ha un parallelo, e ha generato un dramma ancora peggiore, nel Lago Azuéi, situato nella vicina Haiti.

La comunità scientifica resta in disaccordo. Parte, sostiene che la responsabilità ricade sul riscaldamento globale e sulle piogge più frequenti e intense.

In un settore discordante, ci sono gli apologisti che il fenomeno sia dovuto ai cambiamenti nel flusso del fiume Yaque del Sur.

Coloro che affermano che ha iniziato a portare al Lago Enriquillo molta più acqua e quindi hanno convalidato i piani del governo dominicano di costruire una diga a monte.

A quel tempo, più che per la situazione idrica della regione, eravamo preoccupati per l'aumento della disidratazione e di un'indisposizione che nemmeno con frequenti sorsi d'acqua potevamo evitare.

Ináci fa accelerare la barca e serpeggia tra le foci dei fiumi La Descoberta e Amada, le cui acque dolci e fresche sostengono la vita di una piccola giungla molto vivace, piena di palme e che contrasta con i cadaveri vegetali più vicini al lago.

Da lì, alcuni adolescenti autoctoni ci salutano, incuriositi dalla domanda masochistica intrapresa in cui ci trovavamo.

La fine anticipata della navigazione sul lago Enriquillo

“Beh, ragazzi, alla portata di questa barca, vi abbiamo già mostrato le aree più interessanti e piene di bagagli.

I coccodrilli, possiamo andare in giro tutto il pomeriggio e non trovarne più. Dicci cosa vuoi fare”.

Il calore della fornace e l'evaporazione del sale hanno continuato a rovinare i nostri organismi a un ritmo veloce, quindi siamo stati costretti ad anticipare il ritorno al parco.

La battuta d'arresto si è rivelata insignificante, considerando i danni causati dal lago Enriquillo incontrollato negli ultimi decenni.

Laguna de Oviedo, Repubblica Dominicana

Il (Nulla) Mar Morto della Repubblica Dominicana

L'ipersalinità della Laguna de Oviedo varia a seconda dell'evaporazione e dell'acqua fornita dalla pioggia e scorre dalla vicina catena montuosa del Bahoruco. Gli indigeni della regione stimano che, di regola, abbia un livello di sale marino tre volte superiore. Lì scopriamo prolifiche colonie di fenicotteri e iguane, tra le molte altre specie che compongono questo uno degli ecosistemi più esuberanti dell'isola di Hispaniola.
Mar Morto, Israele

Sopra l'acqua, nelle profondità della Terra

È il luogo più basso della superficie del pianeta e teatro di numerosi racconti biblici. Ma il Mar Morto è speciale anche per la concentrazione di sale che rende la vita impossibile ma sostiene chi vi si bagna.
Puerto Plata, Repubblica Dominicana

Argento della casa domenicana

Puerto Plata è il risultato dell'abbandono di La Isabela, il secondo tentativo di una colonia ispanica nelle Americhe. Quasi mezzo millennio dopo lo sbarco di Colombo, inaugurò l'inesorabile fenomeno turistico della nazione. In un lampo attraverso la provincia, vediamo come il mare, le montagne, la gente e il sole dei Caraibi la fanno splendere.
Penisola di Samaná, PN Los Haitises, Repubblica Dominicana

Dalla penisola di Samana agli haitiani dominicani

Nell'angolo nord-est della Repubblica Dominicana, dove ancora trionfa la natura caraibica, ci troviamo di fronte a un Atlantico molto più vigoroso del previsto da queste parti. Lì cavalchiamo in regime comunitario fino alla famosa cascata di Limón, attraversiamo la baia di Samaná e ci immergiamo nella remota ed esuberante "terra delle montagne" che la racchiude.
Barahona, Repubblica Dominicana

Repubblica Dominicana Fare il bagno a Barahona

Sabato dopo sabato, l'angolo sud-ovest della Repubblica Dominicana entra in modalità di decompressione. A poco a poco, le sue seducenti spiagge e lagune accolgono una marea di persone euforiche che si arrendono a un peculiare partito anfibio.
Laguna di Oviedo a Bahia de las Águilas, Repubblica Dominicana

Alla ricerca della spiaggia dominicana immacolata

Contro ogni previsione, una delle coste dominicane più incontaminate è anche una delle più remote. Alla scoperta della provincia di Pedernales, ammiriamo il Parco Nazionale semidesertico di Jaragua e la purezza caraibica di Bahia de las Águilas.
Mare d'Aral, Uzbekistan

Il lago assorbito dal cotone

Nel 1960, il Lago d'Aral era uno dei quattro laghi più grandi del mondo, ma i progetti di irrigazione hanno prosciugato gran parte dell'acqua e dello stile di vita dei pescatori. In cambio, l'URSS ha inondato l'Uzbekistan di oro bianco vegetale.

Lago Cocibolca, Nicaragua

mare, dolce mare

Gli indiani del Nicaragua curarono il lago più grande dell'America centrale dal Cocibolca. Sull'isola vulcanica di Ometepe, capiamo perché il termine che gli spagnoli convertirono in Mar Dulce avesse perfettamente senso.

Wanaka, Nova Zelândia

Quanto è buono nel Campo dos Antipodes

Se la Nuova Zelanda è nota per la sua tranquillità e intimità con la natura, Wanaka supera ogni immaginazione. Situato in un ambiente idilliaco tra il lago omonimo e il mistico Monte Aspirante, è diventato luogo di culto. Molti kiwi aspirano a cambiare la loro vita lì.
Nzulezu, Gana

Un villaggio a galla in Ghana

Partiamo dalla località balneare di Busua, verso l'estremità occidentale della costa atlantica del Ghana. A Beyin, deviiamo a nord verso il lago Amansuri. Lì troviamo Nzulezu, uno dei villaggi lacustri più antichi e genuini dell'Africa occidentale.
Vágar, Isole Faroe

Il lago che aleggia sull'Atlantico settentrionale

Per un capriccio geologico, Sorvagsvatn è molto più del lago più grande delle Isole Faroe. Scogliere con tra i trenta ei centoquaranta metri delimitano l'estremità meridionale del suo letto. Da certi punti di vista, dà l'idea di essere sospeso sull'oceano.
Esteros del Iberá, Argentina

Il Pantanal della Pampa

Sulla mappa del mondo, a sud di famosa zona umida brasiliana, emerge una regione allagata poco conosciuta ma quasi altrettanto vasta e ricca di biodiversità. L'espressione guaranì e sarà la definisce “acque splendenti”. L'aggettivo si adatta più della sua forte luminanza.
Santo Domingo, Repubblica Dominicana

L'antico coloniale più longevo delle Americhe

Santo Domingo è la colonia abitata più lunga del Nuovo Mondo. Fondata nel 1498 da Bartolomeo Colombo, la capitale della Repubblica Dominicana conserva intatto un vero tesoro di resilienza storica.
Isola di Saona, Repubblica Dominicana

Una Savona nelle Antille

Durante il suo secondo viaggio nelle Americhe, Colombo sbarcò su un'incantevole isola esotica. La chiamò Savona, in onore di Michele da Cuneo, marinaio sabaudo che la vedeva come un elemento di spicco della maggiore Hispaniola. Oggi chiamata Saona, quest'isola è uno degli amati eden tropicali della Repubblica Dominicana.

Montana Redonda e Rancho Salto Yanigua, Repubblica Dominicana

Da Montaña Redonda al Rancho Salto Yanigua

Alla scoperta del nord-ovest dominicano, saliamo alla Montaña Redonda de Miches, recentemente trasformata in un insolito picco di fuga. Dalla cima indichiamo Bahia de Samaná e Los Haitises, passando per il pittoresco ranch Salto Yanigua.
Leone, elefanti, PN Hwange, Zimbabwe
Safari
PN Hwange, Zimbabwe

L'eredità del defunto leone Cecil

Il 1 luglio 2015, Walter Palmer, dentista e cacciatore di trofei del Minnesota, ha ucciso Cecil, il leone più famoso dello Zimbabwe. Il massacro ha generato un'ondata virale di indignazione. Come abbiamo visto in PN Hwange, quasi due anni dopo, i discendenti di Cecil stanno prosperando.
Monte Lamjung Kailas Himal, Nepal, Mal di montagna, Mountain Prevent Treat, Viaggi
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 2° - Chame a Upper PisangNepal

(I) Eminente Annapurna

Ci siamo svegliati a Chame, ancora sotto i 3000m. Lì abbiamo visto, per la prima volta, le cime innevate e più alte dell'Himalaya. Da lì, siamo partiti per un'altra escursione sul circuito dell'Annapurna attraverso le pendici e le pendici della grande catena montuosa. Verso qualcosa Upper Pisang.
Case tradizionali, Bergen, Norvegia
Architettura & Design
Bergen, Norvegia

Il grande porto anseatico della Norvegia

Già popolata all'inizio dell'XI secolo, Bergen divenne la capitale, monopolizzò il commercio della Norvegia settentrionale e, fino al 1830, rimase una delle città più grandi della Scandinavia. In data odierna, Oslo guida la nazione. Bergen continua a distinguersi per la sua esuberanza architettonica, urbana e storica.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Aventura
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
Corsa di cammelli, Festival del deserto, Dune di Sam Sam, Rajasthan, India
Cerimonie e Feste
Jaisalmer, India

C'è la festa nel deserto del Thar

Non appena il breve inverno finisce, Jaisalmer si abbandona a sfilate, corse di cammelli e gare di turbanti e baffi. Le sue mura, i vicoli e le dune circostanti acquistano più colore che mai. Durante i tre giorni dell'evento, sia i nativi che gli estranei osservano con stupore il vasto e inospitale Thar che finalmente risplende di vita.
piazza della registrazione, via della seta, samarcanda, uzbekistan
Città
Samarcanda, Uzbekistan

Un'eredità monumentale della Via della Seta

A Samarcanda, il cotone è ora la merce più scambiata e Lada e Chevrolet hanno sostituito i cammelli. Oggi, invece delle roulotte, Marco Polo troverebbe i peggiori guidatori in Uzbekistan.
giovane commessa, nazione, pane, uzbekistan
cibo
Valle di Fergana, Uzbekistan

Uzbekistan, la nazione a cui non manca il pane

Pochi paesi usano cereali come l'Uzbekistan. In questa repubblica dell'Asia centrale, il pane gioca un ruolo vitale e sociale. Gli uzbeki lo producono e lo consumano con devozione e in abbondanza.
I musicisti di Karanga si uniscono alle rovine del Grande Zimbabwe, Zimbabwe
Cultura
Grande ZimbabweZimbabwe

Grande Zimbabwe, Piccola Danza Bira

I nativi Karanga del villaggio di KwaNemamwa mostrano le tradizionali danze Bira ai visitatori privilegiati delle rovine del Grande Zimbabwe. Il luogo più iconico dello Zimbabwe, quella che, dopo la proclamazione dell'indipendenza della Rhodesia coloniale, ispirò il nome della nuova e problematica nazione.  
Nuoto, Western Australia, Aussie Style, Alba negli occhi
sportivo
Busselton, Australia

2000 metri in stile australiano

Nel 1853 Busselton fu dotata di uno dei pontoni più lunghi del mondo. mondo. Quando la struttura è crollata, i residenti hanno deciso di aggirare il problema. Dal 1996 lo fanno ogni anno. nuoto.
Braga o Braka o Brakra in Nepal
In viaggio
Circuito dell'Annapurna: 6° – Braga, Nepal

In un Nepal più antico del Monastero di Braga

Quattro giorni di cammino dopo, abbiamo dormito a 3.519 metri a Braga (Braka). All'arrivo, solo il nome ci è familiare. Di fronte al fascino mistico della città, che si articola intorno a uno dei più antichi e venerati monasteri buddisti del circuito dell'Annapurna, acclimatamento con salita all'Ice Lake (4620m).
Etnico
Nelson a Wharariki, PN Abele Tasman, Nova Zelândia

La costa Maori dove gli europei hanno dato la costa

Abel Janszoon Tasman ha esplorato di più delle nuove mappe e dei mitici "Terra australis" quando un errore ha inasprito i contatti con i nativi di un'isola sconosciuta. L'episodio ha inaugurato la storia coloniale di Nova Zelândia. Oggi, sia la costa divina su cui è avvenuto l'episodio, sia i mari che la circondano, evocano il navigatore olandese.
portfolio, Got2Globe, Fotografia di viaggio, immagini, migliori fotografie, foto di viaggio, mondo, Terra
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il migliore al mondo: il portfolio Got2Globe

Coppia gotica
Storia

Matarraña ad Alcanar, Spagna

Una Spagna medievale

Percorrendo le terre di Aragona e Valencia, incontriamo torri e merli sottolineati da case che riempiono i pendii. Miglio dopo miglio, questi luoghi si stanno rivelando tanto anacronistici quanto affascinanti.

batteria e tatuaggi
Isole
Tahiti, Polinesia Francese

Tahiti oltre il cliché

Le vicine Bora Bora e Maupiti hanno uno scenario eccezionale, ma Tahiti è stata a lungo conosciuta come il paradiso e c'è di più da vivere sull'isola più grande e popolosa della Polinesia francese, il suo millenario cuore culturale.
Corsa di renne, Kings Cup, Inari, Finlandia
bianco inverno
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
Cove, Big Sur, California, Stati Uniti
Letteratura
Big Sur, EUA

La costa di tutti i rifugiati

Lungo 150 km, la costa californiana è soggetta a una vastità di montagne, oceano e nebbia. In questa ambientazione epica, centinaia di anime tormentate seguono le orme di Jack Kerouac e Henri Miller.
Salto Negao, Chapada Diamantina, Bahia Gemma, Brasile
Natura
Chapada Diamantina, Brasile

Bahía de Gema

Fino alla fine del sec. Nel XNUMX° secolo, Chapada Diamantina era una terra di prospezioni e ambizioni smisurate.Ora che i diamanti sono rari, gli estranei sono ansiosi di scoprirne gli altipiani e le gallerie sotterranee.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Aurora illumina la Pisang Valley, Nepal.
Parchi Naturali
Circuito dell'Annapurna: 3°- Upper Pisang, Nepal

Un'inaspettata alba nevosa

Ai primi accenni di luce, la vista del manto bianco che aveva ricoperto durante la notte il paese ci abbaglia. Con una delle escursioni più dure sul circuito dell'Annapurna in vista, abbiamo posticipato la partenza il più a lungo possibile. Infastiditi, abbiamo lasciato Upper Pisang per Ngawal quando l'ultima neve se n'era andata.
Fort Galle, Sri Lanka, Taprobana leggendaria di Ceylon
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Galle, Sri Lanka

Né Beyond né Short del leggendario Taprobane

Camões ha immortalato Ceylon come un punto di riferimento indelebile delle Scoperte dove Galle fu una delle prime fortezze controllate e cedute dai portoghesi. Passarono cinque secoli e Ceylon lasciò il posto allo Sri Lanka. Galle resiste e continua a sedurre esploratori dai quattro angoli della Terra.
ora dall'alto della scala, mago della nuova zelanda, christchurch, nuova zelanda
personaggi
Christchurch, Nova Zelândia

Il maledetto stregone della Nuova Zelanda

Nonostante la sua notorietà agli antipodi, Ian Channell, lo stregone della Nuova Zelanda, non fu in grado di prevedere o prevenire diversi terremoti che colpirono Christchurch. A 88 anni, dopo 23 anni di contratto con il Comune, rilascia dichiarazioni troppo controverse e finisce per essere licenziato.
Varela Guinea Bissau, spiaggia di Nhiquim
Spiagge
Varela, Guinea Bissau

Costa Abbagliante e Deserta, al confine con il Senegal

Un po' remoto, con un accesso difficile, il tranquillo villaggio di pescatori di Varela compensa coloro che lo raggiungono con la cordialità della sua gente e una delle coste meravigliose, ma a rischio, della Guinea Bissau.
La sposa entra in macchina, il matrimonio tradizionale, il tempio Meiji, Tokyo, Giappone
Religione
Tokyo, Giappone

Un santuario del matchmaking

Il Tempio Meiji di Tokyo è stato costruito per onorare gli spiriti divinizzati di una delle coppie più influenti della storia giapponese. Nel tempo si è specializzata nella celebrazione dei matrimoni tradizionali.
I dirigenti dormono sedile della metropolitana, dormono, dormono, metropolitana, treno, Tokyo, Giappone
Veicoli Ferroviari
Tokyo, Giappone

Gli ipno-passeggeri di Tokyo

Il Giappone è servito da milioni di dirigenti massacrati con ritmi di lavoro infernali e vacanze scarse. Ogni minuto di tregua sulla strada per andare al lavoro oa casa serve al loro scopo. inemuri, dormire in pubblico.
In kimono con ascensore, Osaka, Giappone
Società
Osaka, Giappone

Alla compagnia di Mayu

La notte giapponese è un affare multimiliardario. Ad Osaka, un'enigmatica hostess che fa couchsurfing ci accoglie, a metà strada tra la geisha e l'escort di lusso.
Visitatori a Talisay Ruins, Negros Island, Filippine
Vita quotidiana
Talisay città, Filippine

Monumento a un Amore Luso-Filippino

Alla fine del 11° secolo, Mariano Lacson, un contadino filippino, e Maria Braga, una donna portoghese di Macao, si innamorarono e si sposarono. Durante la gravidanza di quello che sarebbe diventato il suo undicesimo figlio, Maria ha ceduto a una caduta. Distrutto, Mariano costruì un palazzo in suo onore. Nel bel mezzo della seconda guerra mondiale, il palazzo fu bruciato, ma le eleganti rovine sopravvissute perpetuano la loro tragica relazione.
Lago Manyara, Parco Nazionale, Ernest Hemingway, Giraffe
Animali selvatici
PN Lago Manyara, Tanzania

L'Africa preferita di Hemingway

Situato all'estremità occidentale della Rift Valley, il Parco Nazionale del Lago Manyara è uno dei più piccoli ma incantevoli e ricchi di animali selvatici dalla Tanzania. Nel 1933, tra caccia e discussioni letterarie, Ernest Hemingway le dedicò un mese della sua travagliata vita. Raccontati questi avventurosi giorni di safari in "Le verdi colline dell'Africa".
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.