eliminare, Gana

Il primo jackpot delle scoperte portoghesi


Sulla Costa d'Oro
Un'onda si dispiega nel Golfo di Guinea, con la fortezza di São Jorge da Mina sullo sfondo.
Senza ritorno
Autista in visita alla fortezza vicino alla porta del non ritorno da dove gli schiavi ghanesi furono inviati nel continente americano.
mare di pescatori
Vista del porto di Elmina dal forte di Coenraadsburg, una fortezza costruita dopo la conquista di São Jorge da Mina e della regione dagli olandesi.
sopra Elmina
Visitatori ghanesi in uno dei cortili attrezzati di cannoni del forte di São Jorge da Mina.
in rete
Pescatori ghanesi al lavoro nel trafficato porto di Elmina.
Il nucleo di Elmina
Interno della fortezza di São Jorge de Mina con il suo cortile alla base di diverse sezioni imponenti.
mercato spontaneo
I venditori di pesce espongono il loro prodotto proprio davanti alla fortezza di São Jorge da Mina
una chiamata storica
Ganês parla al telefono su uno dei balconi all'interno del forte di São Jorge da Mina.
attraccare in delirio
Centinaia di barche da pesca colorate dalle loro vernici e bandierine di vari paesi del mondo, nell'estuario del fiume Benya.
nel secolo XVI, Mina generava più di 310 kg d'oro all'anno per la Corona. Questo profitto ha suscitato l'avidità del Olanda e l'Inghilterra che si succedettero al posto dei portoghesi e favorirono la tratta degli schiavi nelle Americhe. Il paese che lo circonda è ancora conosciuto come Elmina, ma oggi il pesce è la sua ricchezza più evidente.

Le onde dell'Atlantico rompono la sabbia sopra. Si dispiegano, vigorosamente, quasi ad una fila di palme da cocco, tra la soglia della Gold Coast e la strada N1 che abbiamo percorso dalla già lontana Acra.

Ad un certo punto, un meandro nell'asfalto ci offre la visione in lontananza di un castello bianco fiancheggiato da più alti alberi di cocco e che sembra fluttuare tra l'azzurro dell'oceano e il cielo.

Il tracciato del percorso non tarda a nasconderlo, anche se ci avviciniamo, ogni chilometro che passa, al paese circostante.

Sulla Costa d'Oro

Un'onda si dispiega nel Golfo di Guinea, con la fortezza di São Jorge da Mina sullo sfondo.

La strada si arrende nuovamente alla carezza delle onde. Si snoda poi tra piccole calette allagate da folcloristici pescherecci o attraverso una fila di case densamente popolate.

Abbiamo lasciato la macchina. Abbiamo completato il resto del percorso fino alla base della lingua di terra dove sapevamo che il miraggio di pochi minuti fa si sarebbe materializzato. I primi abitanti della zona sono troppo occupati per preoccuparsi della nostra incursione.

L'eredità controversa di Elmina

Finché, con il castello davanti a noi, in comunione tra greggi di capre erranti e una folla frenetica di pescatori e varinas ghanesi, alcuni venditori e aspiranti guide si avvicinano a noi, ognuno con i propri approcci per incantare.

"Da che paese vieni? Portogallo? Questo era tuo, lo sai già, vero? … Hanno trovato la guida giusta per spiegarti come è successo tutto!”

Continuiamo verso il forte per rispondere con la massima pazienza possibile alle proposte concorrenti e persistenti di vendita di servizi e artigianato.

È così, semi-scortati, che si arriva all'ingresso dell'antico castello, isolato da fossati e camuffato nella sua imponente facciata rivolta verso terra, come dovrebbe essere in una fortezza costruita per preservarsi.

una chiamata storica

Ganês parla al telefono su uno dei balconi all'interno del forte di São Jorge da Mina.

L'abbiamo invaso, curiosi di sapere cosa avremmo trovato all'interno, dove ci aspettava Alex Afful, la guida pre-incaricata di presentarci il monumento. Pochi istanti dopo, stavamo già seguendo le sue orme e le sue parole in un viaggio abbagliante nell'epico ma anche rimpianto passato dell'Elmina di oggi.

La Gold Coast come trionfo dell'Africa Discovery Project

L'Infante D. Henrique inviava navigatori per esplorare la costa africana dal 1418, istigato da voci sull'abbondanza di oro, avorio, pietre preziose e altre ricchezze.

Per la volontà di trovare una via alternativa che permettesse di arrivare direttamente alle spezie dell'Asia e scartare così i commercianti arabi, fino ad allora, inevitabili intermediari.

Nell'interesse della chiesa di convertirsi al Cristianesimo i popoli dell'Iberia meridionale.

sopra Elmina

Visitatori ghanesi in uno dei cortili attrezzati di cannoni del forte di São Jorge da Mina.

Dopo cinquant'anni in cui questi navigatori giunsero lungo le coste dell'Africa, nel 1471 giunsero nella zona di Mina. Regia, poi, Afonso V.

Il re ha mostrato scarso interesse nel continuare a sostenere le spedizioni marittime e il commercio della Guinea, che solo di recente avevano iniziato a beneficiare la Corona. Il re affittò l'esplorazione della costa della Guinea, sotto un regime di monopolio commerciale, a un mercante di nome Fernão Gomes.

Giunto nell'area dell'attuale Ghana, Fernão Gomes si imbatté in un commercio d'oro già instaurato tra nativi di diverse etnie e tra loro e i sempre scomodi commercianti arabi e berberi. Fernão Gomes si affrettò a imporre le proprie regole, come era prevedibile, sostenuto dalla Corona.

Con il Trattato di Alcáçovas che garantiva i diritti esclusivi sulla neonata Costa d'Oro, D. João II, il re che seguì, decise che sarebbe stato costruito un nuovo magazzino per proteggere il commercio dell'oro del Portogallo nel Golfo di Guinea.

Il nucleo di Elmina

Interno della fortezza di São Jorge de Mina con il suo cortile alla base di diverse sezioni imponenti.

L'avamposto fortificato di Elmina

Il progetto fu assegnato a un cavaliere dell'Ordine di Aviz, insignito di numerosi elogi e consigliere del re. D. Diogo de Azambuja aveva combattuto fianco a fianco con Afonso V nella conquista di Alcácer-Ceguer. Fu decisivo nella guerra di successione di Castiglia del 1475-1479, in cui il nemico si ferì gravemente alla gamba.

La nuova avventura africana affidatagli dal re João II lo rese ancora più famoso. Nel 1481 Azambuja comandava una flotta di nove caravelle e due navi che trasportavano 600 soldati, 100 muratori e carpentieri e tonnellate di pietra e altri materiali necessari per costruire la fortezza pianificata.

Già un anno dopo Azambuja stava approfittando dei combattimenti tra i potenti gruppi etnici della regione: gli Akan, gli Ashanti, i Fanti e altri. Alleato degli Akani, ottenne il permesso di costruire la fortezza, opera che sarebbe terminata nel 1482.

Ha quindi rimandato la flotta a Lisbona. Rimase a Mina fino al 1484, con 60 soldati - tra cui Cristovão Columbus - e il compito aggiuntivo di approfondire i contatti commerciali con la popolazione autoctona che aumenterebbero i benefici della Corona.

Seguendo Alex Afful, assistiamo alla serietà con cui Azambuja ha svolto la sua missione. Essendo stata costruita su profondi strati di roccia sedimentaria, la fortezza di Mina ha resistito alle onde dell'Atlantico che, come abbiamo visto, continuano a sbatterla.

Alla scoperta del Grande Forte in epoca portoghese

Ha attraversato il tempo in modo tale che a malapena sembra essere stato eretto. Rimangono intatti i suoi tre grandi patii: quello principale, quello interno e quello di servizio. Man mano che vi accediamo attraverso ripide scale e ampi adarve, percepiamo il grado di complessità e chiarezza architettonica della struttura. Si intravede l'infinito Atlantico dai suoi bastioni rivolti a ovest.

Siamo saliti nelle stanze costruite sopra la struttura per ospitare il Capitano-Mor. Ci rendiamo subito conto di quanto siano grandi e di come siano ventilati da una brezza permanente proveniente dall'oceano. A differenza delle divisioni attorno al cortile principale che in seguito vennero utilizzate per imprigionare i prigionieri africani.

Alex Afful sottolinea che la tratta degli schiavi convenzionale iniziò solo dopo che i portoghesi persero la loro fortezza a favore degli olandesi.

Anche così, la visita guidata ai suoi angoli più bui viene rapidamente interrotta e ci chiarisce le difficoltà che, tuttavia, verrebbero commesse lì. “E questo era il famoso Porta del non ritorno, simile ad altri forti e baracche lungo la costa africana.

Senza ritorno

Autista in visita alla fortezza vicino alla porta del non ritorno da dove gli schiavi ghanesi furono inviati nel continente americano.

I sotterranei oscuri di Fort con uscita dalla porta di non ritorno

Da qui, da questo oscuro sotterraneo, gli schiavi venivano incatenati e spediti alle barche. Coloro che sono sopravvissuti alla traversata dell'oceano non hanno mai più visto l'Africa". Notiamo diverse ghirlande di fiori deposte dai precedenti visitatori in rimpianto per i loro antenati e, all'ingresso del forte, un testo nero incrostato di marmo bianco che recita:

”In eterna memoria: dall'angoscia dei nostri antenati. Possano coloro che sono morti riposare in pace. Possano coloro che ritornano ritrovare le proprie radici. Possa l'Umanità non perpetrare mai più tale ingiustizia contro l'Umanità. Noi che viviamo, giuriamo che sarà così”.

Siamo saliti su un grande balcone di fronte al villaggio, che abbiamo finito per condividere con un gruppo di ghanesi, alcuni vestiti di jilaba, che si fotografano sui loro iPad mentre reggono una batteria di vecchi cannoni neri. Da questo punto di vista murato si possono apprezzare le case multicolori di Elmina e un altro forte evidenziato sopra il pendio.

La frenesia della pesca del fiume Benya

E, cosa più impressionante di tutte, abbiamo assistito all'incredibile trambusto che si è impadronito della foce del fiume Benya.

Una dopo l'altra decine di barche hanno battuto le onde alla fine dell'estuario e non sono entrate nella foce del fiume, puntando alle banchine da pesca piene di barche e inondate di persone e pesci a cui abbiamo assistito fino ad oggi, in più di quindici anni di viaggi sulla Terra.

attraccare in delirio

Centinaia di barche da pesca colorate dalle loro vernici e bandierine di vari paesi del mondo, nell'estuario del fiume Benya.

Dovremmo guardare più da vicino. Fino ad allora, abbiamo continuato a scoprire gli angoli intriganti e i segreti del forte di São Jorge de Mina.

Al culmine del commercio dell'oro nel 300° secolo, più di 1504 tonnellate d'oro all'anno venivano scambiate con grano, tessuti e vestiti arabi, collane e oggetti in ottone, pentole e vasi da notte, che ebbero un successo molto speciale. Tra il 1582 e il 270.000 più di XNUMX pentole furono scambiate con oro.

Anche gli schiavi portati dal vicino Benin e altrove venivano scambiati con oro. Qualunque fosse la merce di scambio, l'oro era abbondante. Nel 1500, circa il 10% delle riserve auree mondiali.

Corsari francesi e inglesi si precipitarono a tormentare le navi portoghesi che vi ancorate.

in rete

Pescatori ghanesi al lavoro nel trafficato porto di Elmina.

L'inevitabile interferenza storica dei Paesi Bassi

Nel contesto della dinastia filippina, la Spagna entrò in conflitto con la Países Baixos. Questi hanno ampliato i loro attacchi ai possedimenti coloniali precedentemente portoghesi sia nel Brasile nord-orientale che nel Golfo di Guinea.

Nel 1637, dopo cinque giorni di resistenza da parte di quaranta uomini che si dichiaravano malati e mal armati, presero la fortezza di São Jorge de Mina, in modo simile a quello che avevano fatto ad altri forti portoghesi sulla costa africana.

Uno dei fatti più affascinanti con cui ci troviamo di fronte è che gli olandesi avevano rinforzi mercenari da varie parti d'Europa. Anche gli indiani Tapuia dal Brasile che si allearono con il conte Maurício de Nassau quando gli olandesi presero il controllo di Pernambuco.

I nuovi signori di Mina ribattezzarono e ampliarono la fortezza. Ma intorno al 1620, l'oro diminuì. È diventato più difficile da ottenere. Gli olandesi hanno reagito.

Adattarono questo e altri forti costruiti dai portoghesi a un commercio che - su una rotta geografica molto diversa da quella usata dai portoghesi - aveva cominciato a generare profitti esorbitanti: la fornitura di schiavi africani alle colonie delle Americhe, questo con il sponsorizzazione degli stessi capi etnici Akan, Ashanti e Fanti che li catturarono dalle tribù rivali e li fornirono agli europei.

La continuità olandese della schiavitù transatlantica

Lo storico ghanese Kwesi Anquandah afferma che solo nel XVII secolo la regione della Gold Coast ha esportato più di 650.000 schiavi nel continente americano. Una parte sostanziale è passata attraverso il Porta del non ritorno da Mina. Tra il 1700 e il 1755 molti furono destinati alla Brasile dove venivano chiamate “miniere”.

Prigionieri di guerra arroganti, si dimostrarono disobbedienti e riluttanti ai lavori forzati. Al Brasile, partecipò alla maggior parte delle rivolte degli schiavi del 1850° secolo e diede origine a numerosi quilombos. Nel XNUMX, gli inglesi bandirono e incoraggiarono la fine della tratta degli schiavi.

Catturarono persino navi di schiavi. Ventitré anni dopo, conquistarono anche il forte di Mina dagli olandesi e presero il controllo di tutto il Ghana. Come abbiamo visto più e più volte, persiste una forte complicità storica, cantata dai nuovi idoli dell'hip-hop e del rap nazionale tra il Ghana e principalmente le Indie occidentali e il STATI UNITI D'AMERICA.

Oltre al loro patrimonio genetico, a differenza della maggior parte dei vicini africani che, ad eccezione della Nigeria, sono di lingua francese, queste nazioni conservano una lingua e una cultura anglofone.

mare di pescatori

Vista del porto di Elmina dal forte di Coenraadsburg, una fortezza costruita dopo la conquista di São Jorge da Mina e della regione dagli olandesi.

Lasciato il forte, che stiamo ancora costeggiando dall'esterno, entriamo sulle sponde del fiume Benya, sbirciati dai varina che si infuriano appena alziamo le nostre macchine fotografiche e, quasi tutti, si affrettano a informarci del prezzo delle loro immagini: “Ti costerà 20 cedi! ".

Quella debole disposizione per la fotografia ci costringe a complesse manovre diplomatiche.

Li mettiamo in pratica con pazienza anche nella pestilenziale e caotica tana delle sponde e dei moli dei pescatori, tra barche con bandiere di centinaia di paesi del mondo.

mercato spontaneo

I venditori di pesce espongono il loro prodotto proprio davanti alla fortezza di São Jorge da Mina

E oggi innumerevoli esemplari appena pescati nell'Atlantico al largo della costa, l'ardua ma assicurata prosperità degli orgogliosi ghanesi di Elmina.

Procediamo in Occidente, alla ricerca del villaggio sul lago di Nzulezu.

Nzulezu, Gana

Un villaggio a galla in Ghana

Partiamo dalla località balneare di Busua, verso l'estremità occidentale della costa atlantica del Ghana. A Beyin, deviiamo a nord verso il lago Amansuri. Lì troviamo Nzulezu, uno dei villaggi lacustri più antichi e genuini dell'Africa occidentale.
Cape Coast, Gana

Il Festival della Purificazione Divina

La storia racconta che, a volte, una pestilenza ha devastato la popolazione della Cape Coast di oggi Gana. Solo le preghiere dei sopravvissuti e la purificazione del male operata dagli dei avranno posto fine al flagello. Da allora, i nativi hanno restituito la benedizione delle 77 divinità della tradizionale regione di Oguaa con il frenetico festival Fetu Afahye.
Montagna della Tavola, Sud Africa

Al tavolo di Adamastore

Dai tempi primordiali delle Scoperte fino ai giorni nostri, Table Mountain si è sempre distinta al di sopra dell'immensità sudafricano e gli oceani che lo circondano. Passarono i secoli e Città del Capo sdraiato ai suoi piedi. Sia il capetoniani poiché gli estranei in visita si sono abituati a contemplare, salire e venerare questo imponente e mitico altopiano.
Isola di Ibo, Mozambico

Isola di un Mozambico scomparso

Fu fortificato nel 1791 dai portoghesi che cacciarono gli arabi dalle Quirimba e si impadronirono delle loro rotte commerciali. Divenne il 2° entrepot portoghese sulla costa orientale dell'Africa e, in seguito, capoluogo della provincia di Cabo Delgado, Mozambico. Con la fine della tratta degli schiavi all'inizio del XX secolo e il passaggio della capitale a Porto Amélia, l'isola di Ibo si è trovata nell'affascinante ristagno in cui si trova.
Isola del Mozambico, Mozambico  

L'isola di Ali Musa Bin Bique. Scusa, dal Mozambico

Con l'arrivo di Vasco da Gama nell'estremo sud-est dell'Africa, i portoghesi si impossessarono di un'isola precedentemente governata da un emiro arabo, di cui finirono per alterare il nome. L'emiro perse territorio e ufficio. Il Mozambico - il nome sagomato - sopravvive sull'isola splendente dove tutto ebbe inizio e diede anche il nome alla nazione che finì per formare la colonizzazione portoghese.
Capo di Buona Speranza - Capo di Buona Speranza NP, Sud Africa

Ai confini della vecchia fine del mondo

Arrivammo dove la grande Africa cedette ai domini del “Mostrengo” Adamastor ei navigatori portoghesi tremarono come bastoni. Là, dove la Terra era, dopotutto, tutt'altro che finita, le speranze dei marinai di capovolgere il tenebroso Capo furono sfidate dalle stesse tempeste che continuano a imperversare lì.
Acra, Gana

La Capitale alla Culla della Gold Coast

Do sbarco dei navigatori portoghesi indipendenza nel 1957, le potenze che dominavano la regione del Golfo di Guinea si succedettero. Dopo il XNUMX° secolo, Accra, l'attuale capitale del Ghana, è stata costruita attorno a tre forti coloniali costruiti da Gran Bretagna, Olanda e Danimarca. A quel tempo, crebbe da un semplice sobborgo a una delle megalopoli più fiorenti dell'Africa.
Mactan, Cebu, Filippine

La quaglia di Magellano

Erano trascorsi quasi 19 mesi di navigazione pionieristica e travagliata intorno al mondo quando l'esploratore portoghese ha commesso l'errore della sua vita. Nelle Filippine, il boia Datu Lapu Lapu conserva gli onori di eroe. In Mactan, una statua in bronzo del suo supereroe tribale sembra sovrapposta alla palude di mangrovie della tragedia.

Isola di Goreia, Senegal

Un'isola schiava della schiavitù

Erano diversi milioni o solo migliaia di schiavi di passaggio da Gorea diretti alle Americhe? Qualunque sia la verità, questa minuscola isola senegalese non si libererà mai dal giogo del suo simbolismo.

Volta, Gana

Un giro del Volta

In epoca coloniale, la grande regione africana del Volta era tedesca, britannica e francese. Oggi, l'area ad est di questo maestoso fiume dell'Africa occidentale e il lago in cui si riversa formano una provincia omonima. È un angolo montuoso, lussureggiante e mozzafiato del Ghana.
Kumasi a Kpetoe, Gana

Una celebrazione del viaggio della moda tradizionale ghanese

Dopo qualche tempo nella grande capitale del Ghana Ashanti abbiamo attraversato il paese fino al confine con il Togo. Le ragioni di questo lungo viaggio sono state le alla città, un tessuto così venerato in Ghana che diversi capi tribù gli dedicano ogni anno un sontuoso festival.
Rhino, PN Kaziranga, Assam, India
Safari
PN Kaziranga, India

La roccaforte del Monoceros indiano

Situato nello stato dell'Assam, a sud del grande fiume Brahmaputra, PN Kaziranga occupa una vasta area di palude alluvionale. Lì, due terzi del rinoceronte unicornis nel mondo, tra circa 100 tigri, 1200 elefanti e molti altri animali. Pressato dalla vicinanza umana e dall'inevitabile bracconaggio, questo prezioso parco non ha saputo proteggersi dalle iperboliche inondazioni monsoniche e da alcune polemiche.
Thorong La, Circuito dell'Annapurna, Nepal, foto per i posteri
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 13 - High Camp a Thorong La a Muktinath, Nepal

Al culmine del circuito dell'Annapurnas

A 5416 m di altitudine, il Thorong La Gorge è la grande sfida e la principale causa di ansia dell'itinerario. Dopo aver ucciso 2014 alpinisti nell'ottobre 29, attraversarlo in sicurezza genera un sollievo degno di doppia celebrazione.
Architettura & Design
Cimiteri

L'ultima dimora

Dalle grandiose tombe di Novodevichy, a Mosca, alle ossa Maya inscatolate di Pomuch, nella provincia messicana di Campeche, ogni popolo vanta il suo modo di vivere. Anche nella morte.
Totem, villaggio di Botko, Malekula, Vanuatu
Aventura
Malekula, Vanuatu

Cannibalismo di carne e ossa

Fino all'inizio del XX secolo, i mangiatori di uomini banchettavano ancora nell'arcipelago di Vanuatu. Nel villaggio di Botko scopriamo perché i coloni europei avevano così paura dell'isola di Malekula.
ombra di successo
Cerimonie e Feste
Champoton, Messico

Rodeo sotto i sombreri

Champoton, a Campeche, ospita una fiera in onore della Virgén de La Concepción. o rodeo Il messicano sotto i sombreri locali rivela l'eleganza e l'esperienza dei cowboy della regione.
Forte di São Filipe, Città Vecchia, Isola di Santiago, Capo Verde
Città
Cidade Velha, Capo Verde

Cidade Velha: l'antica città delle città tropico-coloniali

Fu il primo insediamento fondato dagli europei al di sotto del Tropico del Cancro. In un momento cruciale per l'espansione portoghese in Africa e in Sud America e per la tratta degli schiavi che l'accompagnò, Cidade Velha divenne un'eredità toccante ma inevitabile di origini capoverdiane.

Distributori di bevande, Giappone
cibo
Giappone

L'impero delle macchine per bevande

Ci sono più di 5 milioni di scatole luminose ultra-tecnologiche sparse in tutto il paese e molte altre lattine e bottiglie esuberanti di bevande invitanti. I giapponesi hanno smesso da tempo di resistergli.
Intersezione trafficata di Tokyo, Giappone
Cultura
Tokyo, Giappone

La notte infinita della capitale del Sol Levante

Dillo Tokyo non dormire è dire poco. In una delle città più grandi e sofisticate sulla faccia della Terra, il crepuscolo segna solo il rinnovamento della frenetica vita quotidiana. E ci sono milioni delle loro anime che o non trovano posto al sole, o hanno più senso nei cambiamenti "oscuri" e oscuri che seguono.
Corsa di renne, Kings Cup, Inari, Finlandia
sportivo
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
Cove, Big Sur, California, Stati Uniti
In viaggio
Big Sur, EUA

La costa di tutti i rifugiati

Lungo 150 km, la costa californiana è soggetta a una vastità di montagne, oceano e nebbia. In questa ambientazione epica, centinaia di anime tormentate seguono le orme di Jack Kerouac e Henri Miller.
Cibo della capitale asiatica di Singapore, Basmati Bismi
Etnico
Singapore

La capitale asiatica del cibo

C'erano 4 gruppi etnici a Singapore, ognuno con la propria tradizione culinaria. A ciò si aggiunse l'influenza di migliaia di immigrati ed espatriati su un'isola grande la metà di Londra. Si è affermata come la nazione con la più grande diversità gastronomica d'Oriente.
portfolio, Got2Globe, Fotografia di viaggio, immagini, migliori fotografie, foto di viaggio, mondo, Terra
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il migliore al mondo: il portfolio Got2Globe

Pescatori in canoa, fiume Volta, Ghana
Storia
Volta, Gana

Un giro del Volta

In epoca coloniale, la grande regione africana del Volta era tedesca, britannica e francese. Oggi, l'area ad est di questo maestoso fiume dell'Africa occidentale e il lago in cui si riversa formano una provincia omonima. È un angolo montuoso, lussureggiante e mozzafiato del Ghana.
Maui, Hawaii, Polinesia,
Isole
Maui, Havai

Maui: le divine Hawaii che hanno ceduto al fuoco

Maui è un ex capo ed eroe delle immagini religiose e tradizionali hawaiane. Nella mitologia di questo arcipelago, il semidio prende al laccio il sole, alza il cielo ed esegue una serie di altre imprese per conto degli umani. L'isola omonima, che i nativi credono di aver creato nel Pacifico settentrionale, è essa stessa prodigiosa.
lago ala juumajarvi, parco nazionale di oulanka, finlandia
bianco inverno
Kuusamo ao P.N. Oulanka, Finlândia

Sotto il freddo incantesimo dell'Artico

Siamo al 66º nord e alle porte della Lapponia. Da queste parti il ​​paesaggio bianco è di tutti e di nessuno come gli alberi innevati, il freddo atroce e la notte senza fine.
Coppia in visita a Mikhaylovskoe, il villaggio dove lo scrittore Alexander Pushkin aveva una casa
Letteratura
San Pietroburgo e Michaylovskoe, Russia

Lo scrittore che ha ceduto alla sua stessa trama

Alexander Pushkin è lodato da molti come il più grande poeta russo e il fondatore della moderna letteratura russa. Ma Pushkin ha anche dettato un epilogo quasi tragicomico alla sua vita prolifica.
Iguana a Tulum, Quintana Roo, Messico
Natura
Yucatan, Messico

La legge siderale di Murphy che condannava i dinosauri

Gli scienziati che studiano il cratere causato dall'impatto di un meteorite 66 milioni di anni fa sono giunti a una conclusione radicale: si è verificato esattamente su una sezione del 13% della superficie terrestre soggetta a tale devastazione. È una zona di confine della penisola messicana dello Yucatan che un capriccio dell'evoluzione della specie ci ha permesso di visitare.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Ribeiro Frio, Madera, Vereda dos Balcões,
Parchi Naturali
Parco Forestale di Ribeiro Frio, Madeira

Ribeiro Frio in Cima, sul Sentiero dei Balcões

Questa regione dell'interno alto di Madeira si occupa da molto tempo del ripopolamento della trota iridea dell'isola. Tra i vari sentieri e levadas che convergono nei suoi vivai, il Parque Florestal Ribeiro Frio nasconde panorami grandiosi su Pico Arieiro, Pico Ruivo e la valle della Ribeira da Metade che si estende fino alla costa settentrionale.
Thingvelir, Origins Democracy Islanda, Oxará
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
PN Thingvellir, Islândia

Sulle origini della remota democrazia vichinga

Le basi del governo popolare che mi vengono in mente sono quelle elleniche. Ma quello che si ritiene essere il primo parlamento al mondo fu inaugurato a metà del X secolo, nella gelida campagna islandese.
ora dall'alto della scala, mago della nuova zelanda, christchurch, nuova zelanda
personaggi
Christchurch, Nova Zelândia

Il maledetto stregone della Nuova Zelanda

Nonostante la sua notorietà agli antipodi, Ian Channell, lo stregone della Nuova Zelanda, non fu in grado di prevedere o prevenire diversi terremoti che colpirono Christchurch. A 88 anni, dopo 23 anni di contratto con il Comune, rilascia dichiarazioni troppo controverse e finisce per essere licenziato.
Promettere?
Spiagge
Goa, India

A Goa, Veloce e Forte

Un'improvvisa voglia di eredità tropicale indo-portoghese ci fa viaggiare con vari mezzi di trasporto ma quasi senza soste, da Lisbona alla famosa spiaggia di Anjuna. Solo lì, a caro prezzo, potremmo riposare.
Monte Lamjung Kailas Himal, Nepal, Mal di montagna, Mountain Prevent Treat, Viaggi
Religione
Circuito dell'Annapurna: 2° - Chame a Upper PisangNepal

(I) Eminente Annapurna

Ci siamo svegliati a Chame, ancora sotto i 3000m. Lì abbiamo visto, per la prima volta, le cime innevate e più alte dell'Himalaya. Da lì, siamo partiti per un'altra escursione sul circuito dell'Annapurna attraverso le pendici e le pendici della grande catena montuosa. Verso qualcosa Upper Pisang.
Composizione ferroviaria Flam sotto una cascata, Norvegia
Veicoli Ferroviari
nesbyen a Flamm, Norvegia

Ferrovia Flam: la Norvegia sublime dalla prima all'ultima stazione

Su strada ea bordo della Flam Railway, su una delle linee ferroviarie più ripide del mondo, raggiungiamo Flam e l'ingresso del Sognefjord, il più grande, il più profondo e il più venerato dei fiordi della Scandinavia. Dal punto di partenza all'ultima stazione, questa Norvegia che abbiamo svelato è monumentale.
Erika Mae
Società
Filippine

I proprietari della strada filippina

Con la fine della seconda guerra mondiale, i filippini consegnarono migliaia di jeep americane abbandonate e crearono il sistema di trasporto nazionale. Oggi, l'esuberante jeepneys sono per le curve
Saksun, Isole Faroe, Streymoy, avviso
Vita quotidiana
Saksun, StreymoyIsole Faroe

Il villaggio faroese che non vuole essere Disneyland

Saksun è uno dei tanti splendidi piccoli villaggi delle Isole Faroe che sempre più estranei visitano. Si distingue per l'avversione ai turisti del suo principale proprietario rurale, autore di ripetute antipatie e attacchi contro gli invasori della sua terra.
PN Tortuguero, Costa Rica, battello pubblico
Animali selvatici
P.N. Tortuguero, Costa Rica

Costa Rica e Tortuguero allagati

Il Mar dei Caraibi e i bacini di numerosi fiumi bagnano il nord-est della nazione tica, una delle zone più umide e ricche di fauna e flora dell'America centrale. Così chiamato perché nelle sue sabbie nere nidificano le tartarughe verdi, Tortuguero si estende, da lì nell'entroterra, per 312 km.2 della splendida giungla acquatica.
Mushing completo del cane
Voli panoramici
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.