El Nido, Filippine

El Nido, Palawan: l'ultima frontiera filippina


atterraggio in ritardo
Il pescatore prepara la sua bangka dopo essersi ancorato su una spiaggia fuori El Nido.
Snake Island
I passeggeri di una bangka fanno snorkeling a Snake Island.
atterraggio manuale
Una guida turistica tiene la tua barca tradizionale su una spiaggia a Matinloc.
orizzonte maculato
Sagome delle scogliere dell'arcipelago Bacuit che si ergono dal Mar Cinese Meridionale.
rete familiare
Le sorelle si divertono su un'amaca a El Nido.
immersione poco profonda
La guida nativa indaga sui fondali marini della remota isola di Matinloc.
ancoraggio tropicale
Una bangka parcheggiata su una spiaggia idilliaca a Miniloc.
Scooter Sky Lark
Il piccolo triciclo lascia l'aeroporto di El Nido.
snorkeling
La guida riposa in un momento di snorkeling poco profondo in una laguna nascosta di Matinloc.
salto in stile capriola
Kid esibisce acrobazie acquatiche nella baia di El Nido.
cammina sull'acqua
I visitatori di El Nido attraversano la lingua di sabbia che dà il nome a Snake Island.
Su una spiaggia di lava
Ancora Bangka tra le rocce vulcaniche dell'arcipelago Bacuit.
Laguna a Miniloc
I passeggeri di un tour di Bangka si divertono in una laguna di Miniloc.
bangka al tramonto
Una barca tradizionale su una spiaggia tranquilla vicino a El Nido.
Bangka in acque trasparenti
Piccola bangka ancorata su un'isola vicino a Miniloc.
sorriso puro
Ragazza sorridente di El Nido.
Occhi marroni
I Bangka aspettano i passeggeri su un isolotto dell'arcipelago Bacuit.
tavolo da Palawan
Il residente di El Nido decora una barca davanti a casa sua.
sotto le palme
Bangkas ancorato sulla spiaggia di Seven Commandos.
roccia a fungo
Isolata formazione rocciosa su una spiaggia al largo di El Nido.
Uno dei paesaggi marini più affascinanti del mondo, i vasti e aspri isolotti di Bacuit nascondono sgargianti barriere coralline, piccole spiagge e lagune idilliache. Per scoprirlo, basta bangka.

Visto in modo semplicistico, il viaggio a nord di Palawan potrebbe essere il prezzo da pagare per le cose buone a venire.

L'autobus, una vera reliquia del folclore, ha lottato lungo la strada dissestata che collegava Tay Tay a El Nido. Caricato ancora di più, dentro l'abitacolo e sul tetto, era facile preda degli altri veicoli che lo superavano e lo lasciavano avvolto in una nuvola di polvere che ci entrava nei pori.

Ogni volta che facevo le valigie per qualche chilometro di marcia, mi fermavo a bordo strada, per riparare una nuova foratura o per prelevare passeggeri, una miriade di borse e altri bagagli fuori forma.

Attraverso dolci colline, risaie asciutte e aree della savana filippina, ci siamo spostati lentamente sulla mappa mentre i colori vivaci dell'autobus dipingevano e tutto ciò che era a bordo veniva divorato da un bianco implacabile.

L'ingresso polveroso del villaggio di El Nido

Quasi sedici ore dopo la partenza da Puerto Princesa, già al terminal di El Nido, nessuno degli indigeni sembrava sorpreso dallo sbarco spettrale. Durante la lunga stagione estiva, fu così, infarinato, che in paese comparvero gli autobus, jeepneys, furgoni invecchiati e tricicli da sud.

Erika Mae

Jeepney sovraccarico di passeggeri e merci vince una scalata vicino a El Nido, nel nord di Palawan.

Con circa 30.000 abitanti per lo più cristiani, di cui l'85% vive in barangays (parrocchie) rurali, El Nido è la porta di accesso a uno degli scenari più esuberanti dell'isola di Palawan: l'arcipelago Bacuit.

Nonostante colonizzassero un territorio insolito e improbabile dall'altra parte del globo, gli spagnoli trovarono i loro antichi rivali moreschi nelle Filippine meridionali.

Il passato sino-ispanico di Palawan e El Nido

Nella seconda metà del XVII secolo, i frati con sede a Luzon (l'isola più grande e principale del paese) inviarono missioni a Palawan ma dovettero affrontare una forte resistenza da parte delle comunità islamiche locali.

Costruirono poi chiese protette da presidi che permettevano loro di difendersi dagli attacchi nemici e riuscirono a rimanervi fino alla rivoluzione filippina del 1898 e al passaggio del territorio al possesso degli Stati Uniti d'America.

Suore, El Nido, Palawan l'ultima frontiera filippina

Le sorelle si divertono su un'amaca a El Nido.

In quel periodo, El Nido e l'area intorno all'estremità settentrionale di Palawan accolsero le prime famiglie spagnole: i Canova, Vázquez, Ríos e Rey.

Allo stesso tempo sono arrivati ​​coloni cinesi, alcuni da Cina altri di Luzon e altre parti delle Filippine: Lim, Chin, Liao, Edsan, Ambao, Que-Ke, Lim Piao, Yu His, Pe Phan e Pe Khen, tra gli altri.

Fin dalla dinastia Sung – dal 960 al 279 a.C. – i cinesi visitarono la zona per raccogliere gli abbondanti nidi di rondine (collocalia fucifaga) contese nel regno per i loro numerosi effetti terapeutici e per il sapore della zuppa in cui venivano fatte, considerata una prelibatezza.

Nel XVIII secolo il prodotto aveva un tale valore commerciale da giustificare l'emigrazione di collezionisti e intermediari. Ma fu solo nel 1954 che il villaggio ricevette il nome ispanico, ispirato dall'importanza che i nidi ritrovati nelle scogliere calcaree circostanti avevano per la sua affermazione sulla mappa delle Filippine e del mondo.

Arcipelago Bacuit, El Nido, Palawan l'ultima frontiera filippina

Sagome delle scogliere dell'arcipelago Bacuit che si ergono dal Mar Cinese Meridionale.

Se i nidi hanno sempre fatto parte della storia della regione, il turismo è emerso solo nel 1983, quando una partnership filippina e giapponese chiamata Ten Knots Development Corporation ha aperto il primo resort sull'isola di Miniloc e una pista di atterraggio al barangay Villa Libertad, alla periferia di la città.

El Nido, il Comodo Punto di Partenza per il vasto Arcipelago Bacuit

Nel 1996, la rivista Time ha incluso l'area intorno a El Nido in un elenco che ha classificato le migliori destinazioni di viaggio segrete. Per vari motivi, questa distinzione non ha disturbato l'aura remota e selvaggia dell'arcipelago Bacuit.

Poco dopo, il governo filippino ha creato la locale Riserva Marina che proteggeva un'area di quasi 100 ettari con un prezioso ecosistema dove si possono trovare mante, tartarughe di varie specie e dugonghi, i parenti asiatici dei lamantini.

Snake Island, El Nido, Palawan Tour all'ultima frontiera filippina

I visitatori di El Nido attraversano la lingua di sabbia che dà il nome a Snake Island.

Oggi forse El Nido manca del fascino che lo rende uguale al paesaggio circostante, come dicono alcuni visitatori. Se la genuinità è apprezzata, potrebbe non esserlo.

Incastrata tra la baia di Bacuit e le enormi scogliere calcaree aguzze, la sua casa a un piano mal rifinita accoglie attività commerciali orientate sia alla gente del posto che agli stranieri.

Vengono a coesistere, fianco a fianco, case di razione e altri prodotti per galli da combattimento con piccoli bar, ristoranti e internet house. El Nido è un caso urbano a punta.

Nonostante utilizzi il nome del población e la regione circostante, ritenendola indegna, i due resort di lusso al largo della costa fanno passare in barca gli ospiti benestanti. Questo rifiuto impedisce lo sviluppo, come abbiamo presto visto.

Un Jeepney inutilizzato e un'umile famiglia di Povoação

Durante l'esplorazione della sabbia della baia, abbiamo scoperto a jeepney – il veicolo nazionale delle Filippine, creato da adattamenti di jeep americane rimaste da 2a guerra mondiale – bordeaux parcheggiato nel cortile di una casa in legno.

Abbiamo chiamato il proprietario e gli abbiamo chiesto se funziona ancora e cosa fa proprio lì a portata di mano. Jolly Rivera risponde tra entusiasmo e delusione: “L'ho comprato per ripararlo e avviare la mia attività. Ma le cose in famiglia non sono andate bene e non sono ancora riuscita a toccarlo”.

Jeepney Comunione

Jolly Rivera (al volante), famiglia e amici intorno al jeepney che ha comprato per riprendersi e avviare la sua attività a El Nido.

La madre di Jolly Rivera è proprio accanto. Si è ammalato ed è tornato dal Canada al rifugio per indigeni El Nido dove vive, su una sedia a rotelle. Jolly spende troppi soldi per i suoi farmaci e appuntamenti, quindi il suo sogno jeepney ancora rinviato.

A fare da SOS in questi casi, ci sono alcuni backpackers che, contrari a spendere grosse somme in lussi, aumentano i risparmi di alcune famiglie autoctone ogni volta che soggiornano nelle pensioni, mangiano in negozi di alimentari e ristoranti e noleggiano servizi della cucina tipica barche della zona per esplorare l'arcipelago Bacuit.

Sette commando, El Nido, Palawan l'ultimo confine filippino

Bangkas ancorato alla spiaggia di Seven Commandos

I Bangka per tutti i servizi

parecchi bangka rimanere ancorati nella baia davanti a El Nido in attesa dei passeggeri. Già sistemati e ripresi dal viaggio verso sud, noleggiammo una di queste rumorose barche e ci avviammo verso la baia con l'entusiasmo di chi sa che la ricompensa è a poche miglia di distanza.

A bordo c'erano il timoniere e la guida locale Johnas e il suo assistente, oltre a Mona e Hans, una coppia svedese che esplorava le Filippine in modo da zaino in spalla, ma con il ricorrente rimorso per essere stata lontana dai propri figli e nipoti per troppo tempo.

Nei momenti iniziali della rotta si cercava ancora di continuare il dialogo instaurato all'imbarco ma il rumore del vecchio motore a due tempi semplicemente non lo permetteva. Ci siamo dedicati a contemplare la natura maestosa che ci circonda.

Al riparo di Bangka, El Nido, Palawan l'ultimo confine filippino

Ancora Bangka tra le rocce vulcaniche dell'arcipelago Bacuit

Costeggiamo l'enigmatica isola di Cadlao. La vastità del Mar Cinese Meridionale piena di isolotti e scogli sparsi a perdita d'occhio.

Il paesaggio ce ne ricordava altri, asiatici e famosi: la baia di Halong Vietnam, Guilin, Cina e Krabi in Thailandia.

C'è qualcosa in più. Oltre alle rocce calcaree e alle lagune interne, ai piedi delle scogliere e nascoste al loro interno, con accessi subacquei, una dopo l'altra, spiagge in miniatura, con sabbia bianca e mare seducente, ornate da palme da cocco in luoghi così improbabili che hanno raggiunto per sembrare artificiale.

Mushroom Rock, El Nido, Palawan l'ultima frontiera filippina

Isolata formazione rocciosa su una spiaggia al largo di El Nido.

Johnas ci porta nei luoghi più interessanti e fornisce informazioni su ciascuna delle isole e mini-baie: Miniloc e Secret Lagoon, Lagen, Matinloc, Tapiutan, Seven Commandos beach, ecc. eccetera.

Soste di tanto in tanto per i passeggeri per testare le spiagge. Abbiamo approfittato di ciascuna di queste ricreazioni marine fino all'ultimo minuto.

E i diversi Itinerari ENPOOA attraverso l'Arcipelago Bacuit

Il numero di isole, isolotti e scogli nell'arcipelago Bacuit è tale che ENPOOA (El Nido Pumpboat Owners and Operators Association) ha diviso l'arcipelago in quattro rotte distinte.

A ciascuno di loro affidò un giro da effettuare, preferibilmente con inizio alle nove del mattino e fine verso le quattro del pomeriggio.

Anche quando si fotografa, le giornate di sole sono così tranquille e pigre che generano persino rimorsi.

Snorkeling, El Nido, Palawan l'ultima frontiera filippina

La guida nativa indaga sui fondali marini della remota isola di Matinloc.

Hans e Mona hanno quasi completato questi percorsi: “Amici miei, non ci siamo mai sentiti così bene in vita nostra senza fare nulla”, ci ha confessato la moglie più comunicativa. Abbiamo concordato senza riserve.

In uno dei pomeriggi e dei tour, siamo sbarcati a Matinloc, su una spiaggia apparentemente deserta, persa in un ambiente extraterrestre, fatta di lava solidificata. Siamo saltati sulla sabbia e poi in acqua.

La guida riposa in un momento di snorkeling poco profondo in una laguna nascosta di Matinloc

Sulla via del ritorno alla spiaggia, abbiamo notato un gruppo di uomini in abiti da lavoro, accovacciati in stile asiatico all'ombra degli alberi. 

La guida aggiunge che sono acchiappanidi. Ci avviciniamo, salutiamo il gruppo e scopriamo nelle loro mani il set di utensili che sempre lo accompagnano. Una borsa a tracolla, una torcia e un coltello. Una bottiglia di whisky di riso ha completato il set.

Dal nulla, ci troviamo faccia a faccia con la ragion d'essere del nome El Nido. Johan chiede a uno degli uomini un pezzo di nido e ce lo passa: “Stupefacente vero? " esclama. "Ecco perché rischiano la vita".

A metà pomeriggio, Johnas e il suo assistente sono tornati a grigliare il pesce appena pescato che abbiamo condiviso in riva al mare in una vivace conversazione.

Snake Island, El Nido, Palawan l'ultima frontiera filippina

I passeggeri in una bangka fanno snorkeling a Snake Island

Quindi, siamo sbarcati sulla costa meridionale di Miniloc per visitare una nuova laguna, questa volta Secret Lagoon, come suggerisce il nome, nascosta tra alcune delle scogliere calcaree più alte e ripide dell'arcipelago.

Fino alle quattro del pomeriggio, ci siamo fermati in una deliziosa caletta sull'isola di Simisu e siamo saliti su una vetta vicina per osservare, dall'alto, la vastità punteggiata dell'arcipelago Bacuit.

El Nido, Palawan l'ultima frontiera filippina

Il pescatore prepara la sua bangka dopo essersi ancorato su una spiaggia fuori El Nido.

Bacolod, Filippine

Un festival per ridere della tragedia

Intorno al 1980, il valore dello zucchero, importante fonte di ricchezza sull'isola filippina di Negros, crollò e il traghetto"Don Juan” che la serviva affondò e morirono più di 176 passeggeri, la maggior parte dei quali neri. La comunità locale ha deciso di reagire alla depressione generata da questi drammi. Nasce così MassKara, una festa impegnata a recuperare i sorrisi della popolazione.
Camiguin, Filippine

Un'isola di fuoco si arrese all'acqua

Con più di venti coni sopra i 100 metri, il brusco e lussureggiante, Camiguin ha la più alta concentrazione di vulcani di qualsiasi altra delle 7641 isole filippine o del pianeta. Ma, negli ultimi tempi, nemmeno il fatto che uno di questi vulcani sia attivo ha turbato la quiete della sua vita rurale, di pescatori e, per la gioia degli estranei, di fare una forte balneazione.
Talisay città, Filippine

Monumento a un Amore Luso-Filippino

Alla fine del 11° secolo, Mariano Lacson, un contadino filippino, e Maria Braga, una donna portoghese di Macao, si innamorarono e si sposarono. Durante la gravidanza di quello che sarebbe diventato il suo undicesimo figlio, Maria ha ceduto a una caduta. Distrutto, Mariano costruì un palazzo in suo onore. Nel bel mezzo della seconda guerra mondiale, il palazzo fu bruciato, ma le eleganti rovine sopravvissute perpetuano la loro tragica relazione.
Viaggi in barca

Per coloro che si stancano di navigare in rete

Sali a bordo e lasciati trasportare da imperdibili gite in barca come l'arcipelago filippino di Bacuit e il mare ghiacciato del Golfo di Botnia finlandese.
Boracay, Filippine

La spiaggia filippina di tutti i sogni

È stato svelato dai viaggiatori zaino in spalla occidentali e dalla troupe cinematografica di "Heroes Are Born". Seguirono centinaia di resort e migliaia di vacanzieri orientali più bianchi della sabbia gessosa.
Ungherese, Filippine

Filippine in stile country

I GI sono partiti con la fine della seconda guerra mondiale ma la musica delle campagne americane che stavano ascoltando anima ancora la Cordillera de Luzon. È in triciclo e al tuo ritmo che visitiamo le terrazze di riso di Hungduan.
Filippine

I proprietari della strada filippina

Con la fine della seconda guerra mondiale, i filippini consegnarono migliaia di jeep americane abbandonate e crearono il sistema di trasporto nazionale. Oggi, l'esuberante jeepneys sono per le curve
Vigan, Filippine

Vigan, il più ispanico dell'Asia

I coloni spagnoli se ne andarono ma le loro dimore sono intatte e le kalesas circolano. Quando Oliver Stone stava cercando i set messicani per "Born on the 4th of July" li ha trovati in questa ciudad fernandina
Marinduque, Filippine

Quando i romani invadono le Filippine

Anche l'Impero d'Oriente non è andato così lontano. Durante la Settimana Santa, migliaia di centurioni si impadroniscono di Marinduque. Lì vengono rievocati gli ultimi giorni di Longino, legionario convertito al cristianesimo.
Marinduque, Filippine

La passione filippina di Cristo

Nessuna nazione circostante è cattolica, ma molti filippini non si lasciano intimidire. Durante la Settimana Santa si arrendono alla fede ereditata dai coloni spagnoli e l'autoflagellazione diventa una sanguinosa prova di fede.
Filippine

Quando solo i combattimenti di galli risvegliano le Filippine

Banditi in gran parte del Primo Mondo, i combattimenti di galli prosperano nelle Filippine dove spostano milioni di persone e pesos. Nonostante i suoi problemi eterni è il Sabong che più stimola la nazione.
Coron, Busuanga, Filippine

La segreta ma piccola armata giapponese

Nella seconda guerra mondiale, una flotta giapponese non riuscì a nascondersi al largo di Busuanga e fu affondata da aerei statunitensi. Oggi i suoi relitti sottomarini attirano migliaia di subacquei.
Mactan, Cebu, Filippine

La quaglia di Magellano

Erano trascorsi quasi 19 mesi di navigazione pionieristica e travagliata intorno al mondo quando l'esploratore portoghese ha commesso l'errore della sua vita. Nelle Filippine, il boia Datu Lapu Lapu conserva gli onori di eroe. In Mactan, una statua in bronzo del suo supereroe tribale sembra sovrapposta alla palude di mangrovie della tragedia.
Bohol, Filippine

Una Filippine dall'altro mondo

L'arcipelago filippino si estende per oltre 300.000 km² di Oceano Pacifico. Parte del sub-arcipelago delle Visayas, Bohol ospita piccoli primati dall'aspetto alieno e le colline soprannaturali delle Chocolate Hills.
Familiare, Filippine

Le terrazze che sostengono le Filippine

Oltre 2000 anni fa, ispirati dal loro dio del riso, il popolo Ifugao si sviluppò sulle pendici di Luzon. Il cereale che vi coltivano gli indigeni nutre ancora una parte significativa del paese.
Bacolod, Filippine

Dolci filippini

Bacolod è la capitale di Negros, l'isola al centro della produzione filippina di canna da zucchero. Viaggiando attraverso l'estremo oriente e tra storia e contemporaneità, assaporiamo il cuore affascinante dell'Asia più latina.
Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, leoni
Safari
Parco Nazionale Gorongosa, Mozambico

Il cuore selvaggio del Mozambico mostra segni di vita

Gorongosa ospitava uno degli ecosistemi più esuberanti dell'Africa, ma dal 1980 al 1992 ha ceduto alla Guerra Civile tra FRELIMO e RENAMO. Greg Carr, il milionario inventore di Voice Mail, ha ricevuto un messaggio dall'ambasciatore mozambicano alle Nazioni Unite che lo sfidava a sostenere il Mozambico. Per il bene del paese e dell'umanità, Carr si impegna a far risorgere lo splendido parco nazionale che il governo coloniale portoghese vi aveva creato.
Escursionisti sull'Ice Lake Trail, circuito dell'Annapurna, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 7° - Braga - Ice Lake, Nepal

Circuito dell'Annapurna - Il doloroso acclimatamento del lago di ghiaccio

Sulla salita al villaggio di Ghyaru, abbiamo avuto un primo e inaspettato assaggio di quanto possa essere esaltante il circuito dell'Annapurna. Nove chilometri dopo, a Braga, per la necessità di acclimatarsi, si sale dai 3.470 m di Braga ai 4.600 m del lago Kicho Tal. Sentiamo solo la stanchezza prevista e il gonfiore del fascino per la catena montuosa dell'Annapurna.
Concorso del boscaiolo dell'Alaska, Ketchikan, Alaska, Stati Uniti
Architettura & Design
Ketchkan, Alaska

Qui inizia l'Alaska

La realtà passa inosservata alla maggior parte del mondo, ma ce ne sono due Alaska. In termini urbanistici, lo Stato si inaugura a sud del suo nascosto cavo di padella, una striscia di terra separata dal resto EUA lungo la costa occidentale del Canada. Ketchikan, è la più meridionale delle città dell'Alaska, la sua capitale della pioggia e la capitale mondiale del salmone.
Angel Falls, fiume che cade dal cielo, Angel Falls, PN Canaima, Venezuela
Aventura
P.N. Canaima, Venezuela

Kerepakupai, Angel Jump: Il fiume che cade dal cielo

Nel 1937, Jimmy Angel fece atterrare un aereo su un altopiano sperduto nella giungla venezuelana. L'avventuriero americano non trovò l'oro ma conquistò il battesimo della cascata più lunga sulla faccia della Terra
Corsa di cammelli, Festival del deserto, Dune di Sam Sam, Rajasthan, India
Cerimonie e Feste
Jaisalmer, India

C'è la festa nel deserto del Thar

Non appena il breve inverno finisce, Jaisalmer si abbandona a sfilate, corse di cammelli e gare di turbanti e baffi. Le sue mura, i vicoli e le dune circostanti acquistano più colore che mai. Durante i tre giorni dell'evento, sia i nativi che gli estranei osservano con stupore il vasto e inospitale Thar che finalmente risplende di vita.
Chania Creta Grecia, porto veneziano
Città
Chania, Creta, Grecia

Chania: dal tramonto della storia di Creta

Chania era minoica, romana, bizantina, araba, veneziana e ottomana. È arrivata nell'attuale nazione ellenica come la città più seducente di Creta.
Cacao, Cioccolato, Sao Tome Principe, Fattoria Água Izé
cibo
São Tome e Principe

Orti di cacao, Corallo e la Fabbrica di Cioccolato

All'inizio del sec Nel XNUMX° secolo, São Tomé e Príncipe hanno generato più cacao di qualsiasi altro territorio. Grazie alla dedizione di alcuni imprenditori, la produzione persiste ed entrambe le isole degustano il miglior cioccolato.
Tesori, Las Vegas, Nevada, Città del peccato e del perdono
Cultura
Las Vegas, EUA

Dove il peccato perdona sempre

Proiettata dal deserto del Mojave come un miraggio al neon, la capitale nordamericana del gioco e dell'intrattenimento è vissuta come una scommessa al buio. Lussureggiante e avvincente, Vegas non impara né si pente.
Corsa di renne, Kings Cup, Inari, Finlandia
sportivo
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
Tramonto, Viale dei Baobab, Madagascar
In viaggio
Morondava, Viale dei Baobab, Madagascar

Il sentiero malgascio per stupire

Uscendo dal nulla, una colonia di baobab alta 30 metri e vecchia di 800 anni fiancheggia un tratto di strada di argilla e ocra parallela al Canale del Mozambico e alla costa peschereccia di Morondava. Gli indigeni considerano questi alberi colossali le madri della loro foresta. I viaggiatori li venerano come una specie di corridoio iniziatico.
casco capillare
Etnico
Viti Levu, Fiji

Cannibalismo e capelli, vecchi passatempi di Viti Levu, Isole Fiji

Per 2500 anni, l'antropofagia ha fatto parte della vita quotidiana alle Fiji. Nei secoli più recenti, la pratica è stata adornata da un affascinante culto dei capelli. Per fortuna rimangono solo le vestigia dell'ultima moda.
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Vita fuori

Palazzo Balestrand, Norvegia
Storia
Balestrand, Norvegia

Balestrand: una vita tra i fiordi

I villaggi sulle pendici dei canyon in Norvegia sono comuni. Balestrand è all'ingresso delle tre. Le sue ambientazioni si distinguono dal resto in modo tale da aver attratto pittori famosi e continuano a sedurre viaggiatori incuriositi.
Porto Santo, vista a sud di Pico Branco
Isole
Sentiero Terra Chã e Pico Branco, Porto Santo

Pico Branco, Terra Chã e altri capricci di Ilha Dourada

Nel suo angolo nord-est, Porto Santo è qualcos'altro. Con le spalle rivolte a sud e verso la sua ampia spiaggia, scopriamo una costa montuosa, ripida e persino boscosa, piena di isolotti che punteggiano un Atlantico ancora più blu.
Rompighiaccio Sampo, Kemi, Finlandia
bianco inverno
Kemi, Finlândia

Non è una "barca dell'amore". Rompighiaccio dal 1961

Costruito per mantenere i corsi d'acqua durante l'inverno artico più estremo, il rompighiaccio Sampo” ha svolto la sua missione tra Finlandia e Svezia per 30 anni. Nel 1988 si ritira e si dedica a viaggi più brevi che consentono ai passeggeri di galleggiare in un canale del Golfo di Botnia di nuova apertura, all'interno di tute che, più che speciali, sembrano spazio.
Visitatori della casa di Ernest Hemingway, Key West, Florida, Stati Uniti
Letteratura
Key West, Stati Uniti

Parco giochi caraibico di Hemingway

Espansivo come sempre, Ernest Hemingway ha definito Key West "il posto migliore in cui sia mai stato...". Nelle profondità tropicali degli Stati Uniti contigui, ha trovato l'evasione e un divertimento folle e ubriaco. E l'ispirazione per scrivere con intensità da abbinare.
Parco Terra Nostra, Furnas, Sao Miguel, Azzorre, Portogallo
Natura
Valle del Furna, São Miguel

Il caldo delle Azzorre della Valle del Furnas

Siamo rimasti sorpresi, nell'isola più grande delle Azzorre, da una caldera tagliata da piccole fattorie, massiccia e profonda al punto da ospitare due vulcani, un'enorme laguna e quasi duemila abitanti di San Paolo. Pochi luoghi nell'arcipelago sono, allo stesso tempo, grandiosi e accoglienti come la verde e fumosa Vale das Furnas.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Fortezza di Masada, Israele
Parchi Naturali
Massada, Israele

Masada: l'ultima roccaforte ebraica

Nel 73 d.C., dopo mesi di assedio, una legione romana scoprì che i resistenti in cima a Masada si erano suicidati. Ancora una volta ebrea, questa fortezza è ora l'ultimo simbolo della determinazione sionista
La Repubblica Dominicana Balneario de Barahona, Balneario Los Patos
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Barahona, Repubblica Dominicana

Repubblica Dominicana Fare il bagno a Barahona

Sabato dopo sabato, l'angolo sud-ovest della Repubblica Dominicana entra in modalità di decompressione. A poco a poco, le sue seducenti spiagge e lagune accolgono una marea di persone euforiche che si arrendono a un peculiare partito anfibio.
Monumento a Heroes Acre, Zimbabwe
personaggi
Harare, zimbabwe

L'ultimo sonaglio del surreale Mugabué

Nel 2015, la first lady dello Zimbabwe Grace Mugabe disse che il presidente, allora 91enne, avrebbe governato fino all'età di 100 anni, su una sedia a rotelle speciale. Poco dopo, iniziò a insinuarsi nella sua successione. Ma nei giorni scorsi i generali hanno finalmente accelerato la rimozione di Robert Mugabe che hanno sostituito con l'ex vicepresidente Emmerson Mnangagwa.
Mahé Isole delle Seychelles, amiche della spiaggia
Spiagge
Mahé, Seychelles

La Grande Isola delle Piccole Seychelles

Mahé è la più grande delle isole del paese più piccolo dell'Africa. Ospita la capitale della nazione e quasi tutte le Seychelles. Ma non solo. Nella sua relativa piccolezza, nasconde uno splendido mondo tropicale, fatto di giungla montuosa che si fonde con l'Oceano Indiano in baie di tutte le sfumature del mare.
Isola di Miyajima, Shintoismo e Buddismo, Giappone, Porta dell'Isola Santa
Religione
Miyajima, Giappone

Shintoismo e buddismo al gusto delle maree

I visitatori del tori di Itsukushima ammirano una delle tre ambientazioni più venerate del Giappone. Nell'isola di Miyajima, la religiosità giapponese si fonde con la Natura e si rinnova con il flusso del Mare Interno di Seto.
Veicoli Ferroviari
Veicoli Ferroviari

Viaggio in treno: il meglio del mondo su Carris

Nessun modo di viaggiare è ripetitivo e arricchente come viaggiare su rotaia. Sali a bordo di queste diverse carrozze e composizioni e goditi lo scenario più bello del mondo su Rails.
Sfilata e sfarzo
Società
San Pietroburgo, Russia

La Russia va controcorrente. segui la marina

La Russia dedica l'ultima domenica di luglio alle sue forze navali. Quel giorno, una folla visita grandi barche ormeggiate nel fiume Neva mentre marinai annegati nell'alcol prendono il controllo della città.
Donne con i capelli lunghi di Huang Luo, Guangxi, Cina
Vita quotidiana
Longsheng, Cina

Huang Luo: il villaggio cinese dai capelli più lunghi

In una regione multietnica ricoperta di risaie terrazzate, le donne di Huang Luo si sono arrese alla stessa ossessione capillare. Consentono ai capelli più lunghi del mondo di crescere, per anni, fino a una lunghezza media di 170-200 cm. Per quanto strano possa sembrare, per mantenerli belli e lucenti, usano solo acqua e riso.
Cabo da Cruz, colonia di foche, foche a croce del capo, Namibia
Animali selvatici
Capo Croce, Namibia

La più turbolenta delle colonie africane

Diogo Cão sbarcò su questo Capo d'Africa nel 1486, installò un modello e si voltò. La linea costiera immediata a nord ea sud era tedesca, sudafricana e, infine, namibiana. Indifferente ai successivi trasferimenti di nazionalità, una delle più grandi colonie di foche del mondo ha mantenuto la sua presa e ti rallegra con assordanti cortecce marine e infiniti capricci.
Mushing completo del cane
Voli panoramici
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.