Soufrière e Scotts Head, Dominica

La Vita che Pende dall'Isola Caraibica della Natura


Il Soufrière della giungla
sorelle alla Bubble Beach SPA
Beato Soufrière
S. Segna verso il cielo
Soufrière nella parte posteriore di Dominica
soufriere-dominica-bubble-beach-spa-bagnante
Baia di Soufrière
Il muro dell'altare
Scott Head Fort
Scotts Head
Avventure al tramonto
Ha la reputazione di essere l'isola più selvaggia dei Caraibi e, avendo raggiunto il suo fondo, continuiamo a confermarlo. Da Soufriére al confine meridionale abitato di Scotts Head, Dominica rimane estrema e difficile da domare.

Eravamo già a una settimana di distanza da Dominica.

A quel tempo, siamo scesi gradualmente dall'estremità quasi settentrionale del Parco nazionale di Portsmouth e Cabrits fino al centro della costa orientale. Poi abbiamo attraversato la costa opposta.

Abbiamo fatto della capitale Roseau una sorta di base operativa per l'Occidente.

Pochi giorni dopo, abbiamo deciso di uscire e scoprire i fondi Dominica.

Green Mountain Dominica tra Roseau e Soufrière

La sua configurazione come una grande isola-montagna lussureggiante, incastonata tra il Mar dei Caraibi e l'Oceano Atlantico, rende la Dominica una nazione difficile da fornire strade. Ancora una volta, il percorso lungo Loubiere Road si rivela l'unico possibile. A volte, sembra addirittura irrealizzabile, conquistato dalla legge della dinamite per le ripide scogliere.

Abbiamo superato la spiaggia rocciosa di Champagne. Loubiere Road diventa ancora più tortuosa e oscillante. Si addentra in una giungla ripida e fitta che, come l'abbiamo vista, anche gli animali avranno difficoltà ad abitare.

Dopo quasi venti minuti senza vedere il mare, abbiamo raggiunto un punto panoramico alto. A sud e con nostro totale stupore si apriva un'immensa baia, chiusa ad est da nuove montagne, le ultime dell'isola, alte e verdi come le precedenti.

Da lì, una visione inaspettata segna un'improvvisa differenza. Semi-nascosta da baldacchini prominenti, in un tratto levigato del pendio quasi retrocesso alla lastra, apparve una casa di tutti i colori.

Alla scoperta della pittoresca Soufrière

Eravamo alle porte di Soufrière. Avevamo bisogno di trovare la costa calda ai suoi piedi.

Abbiamo attraversato il confine dalla parrocchia di San Luca a quella di San Marco. Qualche istante dopo, un campanile, eretto in onore dell'ultimo di questi santi, ci benedice.

Soufrière ospita quasi millecinquecento domenicani. A quell'ora del pomeriggio, intorno al tempio e dentro, non riuscivamo a trovare un'anima.

Fregate e squadroni di pellicani volavano in alto, tenendo d'occhio l'acqua traslucida al largo della costa. Lasciamo che un altro di loro vada avanti.

Quando una nuvola bianca scorre sulla collina appuntita che racchiude la baia e lascia le case all'ombra, entriamo nella navata deserta.

La luce filtrata attraverso le vetrate colorate mette in risalto un peculiare altare che ci intriga e ci chiama.

Incentrato su un atteso Cristo sulla Croce, un dipinto murale illustra le persone e le esperienze dell'isola, fedeli che meritano la protezione del Salvatore.

A sinistra, comunità afro-discendenti dell'interno, delle montagne e della giungla, coltivatori di ortaggi, frutta, beneficiari della fertilità vulcanica e tropicale dell'isola che festeggiavano al ritmo dei tamburi.

Alla destra di Cristo, gli uomini del mare di Soufrière, che tirano le reti da pesca dall'oceano. Uno striscione che copre il pulpito utilizzato dal sacerdote promuove il motto “Gestione, uno stile di vita”.

Soddisfatta la curiosità religiosa, siamo tornati all'esterno del paese, alla ricerca delle sue espressioni mondane.

Soufriére e la sua Bubble Beach SPA, un rifugio balneare spumeggiante

Solo pochi metri separavano la chiesa dal mare e da una sabbia terrosa bagnata da un mare dall'aspetto lacustre.

Quando calpestiamo questa spiaggia, ci imbattiamo in una struttura balneare improvvisata in legno e pneumatici verniciati.

Un riparo dal sole separa uno spogliatoio da un provvidenziale bar. Quasi sulla linea di galleggiamento, una panchina individua un punto fotografico.

E un rettangolo di cemento e sacchi di sabbia che va in mare, delimita degli sciroppi vulcanici gorgoglianti che lo riscaldavano e che giustificano il nome inglese del luogo”Bolla Beach Spa".

Da tempo siamo gli unici a partecipare. Finché, dal nulla, compaiono due sorelle, di 11 o 12 anni e di 15 o 16 anni. Reguilas e irrequieto, in un evidente momento di evasione da casa e da scuola.

Già in modalità anfibia, nei bagni, hanno colto l'occasione per fare scherzi successivi l'uno all'altro, spingendosi, amonas e pizzicandosi. Qualsiasi cosa passasse per la loro mente che serviva da distrazione.

Si calmano un po' quando ci vedono entrare in acqua e far loro compagnia, da quel momento in poi, incuriositi dalla nostra disparità visiva, con le telecamere che tenevamo, da dove veniamo e cosa stavamo facendo lì.

Abbiamo chiacchierato un po', con le fluttuazioni della temperatura dell'acqua che hanno generato successive risate.

Nel frattempo, in quello che sembrava un dopolavoro o un doposcuola, un gruppo di giovani espatriati si è riversato sulla spiaggia.

E lì inaugurò una convivialità nell'attesa del tramonto, innaffiato Rum Punch e la birra Kubuli, dal nome che gli indigeni caraibici diedero alla Dominica e che ha la mappa dell'isola al centro dell'etichetta.

Da Soufriére al Sud, alla ricerca dei fondi Dominica

L'animazione di "Centro benessere Bubble Beach” ci ha sedotti a rimanere lì. D'altra parte, eravamo consapevoli di trovarci ancora solo nella parte superiore settentrionale della baia di Soufrière.

C'era una distesa arrotondata e boscosa che ci separava dal confine meridionale dell'isola. Bene, avevamo lasciato Roseau con la missione fotografica di esplorarlo.

Di conseguenza, abbiamo salutato le sorelle con un "a presto", non sapendo se le avremmo riviste.

Siamo tornati in macchina. Prendiamo la strada costiera che segue la baia, ai piedi della montagna.

Soufrière si estende per poche centinaia di metri. Presto ci interponiamo nel confronto tra la giungla e il mare, con le onde che si infrangono contro il muro e, qua e là, schizzano l'asfalto.

Tre chilometri e mezzo separavano Soufriere dal fondo della Dominica. Con la distanza quasi completa, ci imbattiamo in nuove case.

L'ultimo dell'isola, appartenente al villaggio di pescatori che un tempo vi si avventurava. E quello che è rimasto: Scotts Head.

Scotts Head e L'ultima casa di Dominica

Con poco più di 700 abitanti, questo villaggio deve il suo nome a George Scott, un colonnello che, nel 1761, partecipò al corpo di spedizione britannico che catturò Dominica dai francesi.

E che fu promosso governatore dell'isola tra il 1764 e il 1767, solo per vederla riconquistare dai francesi nel 1778.

Intento a evitare una simile battuta d'arresto, Scott ha supervisionato la costruzione di un forte in cima alla penisola curva alle spalle della Dominica.

È lì che ci dirigiamo per primi, subito, stupiti dall'incredibile vista sul seminterrato antistante e, in particolare, dalle case assortite che si arroccano sopra il suo bosco.

Sia le case che l'istmo sono bagnate da due mari che, se non fosse stato per quel derisorio lembo d'isola, si sarebbero toccati.

Dalla sommità della penisola che gli indigeni caraibici chiamavano Cachacrou (“cappello che si mangia”), tra cannoni e su una colonia di scovolini oscillanti, ammiriamo il traslucido Mar dei Caraibi, a nord e ad ovest.

E a sud e ad est, l'Oceano Atlantico leggermente più agitato.

Una famiglia di domenicani, emigranti e in visita nell'isola, vive una meraviglia paragonabile alla nostra. La loro, piena di nostalgia e di emozioni derivate.

Eravamo ancora incuriositi dal motivo per cui quel villaggio si era stabilito lì.

La spiegazione ci costringe a tornare alla storia di Scott e alla disputa tra Francia e Gran Bretagna sulle Indie occidentali.

Scotts Head e Storia dominicana di George Scott

Dopo che gli inglesi presero l'isola, i suoi abitanti francesi contribuirono alla riconquista francese. Sull'orlo dell'attacco da parte della flotta gallica inviata dal isola della martinica, un impavido gruppo effettuò una visita alla guarnigione nemica, desideroso di compagnia.

Di conseguenza, sono riusciti a far ubriacare i soldati nella tana e, se non abbastanza, hanno sabotato i cannoni del forte con la sabbia.

Entro la fine di quel giorno, i francesi detenevano il forte e, presto, Dominica.

Per un breve periodo. Cinque anni dopo, il complesso Trattato di Versailles li costrinse a offrire Dominica agli inglesi, cosa doppiamente frustrante considerando che l'isola si trova tra due isole francesi, Guadalupe e Martinique.

Con il tempo e il conformismo al dominio britannico, le persone e le case dell'attuale Scott's Head continuarono ad aumentare, con la vita semplificata dalla facile pesca e dall'accesso diretto a entrambi i mari.

La ricchezza tropicale e caraibica di Soufriere Scotts Head Marine Reserve

Molto tempo dopo l'indipendenza della Dominica nel 1978, la loro casa nella baia di Soufriére ha fornito loro nuovi vantaggi. La baia si trova su un cratere vulcanico sommerso.

Le sue acque hanno una fauna e una flora così ricche che le autorità dominicane le hanno dichiarate riserva marina. Oggi il Soufriere Scotts Head Marine Reserve è ricercata e percorsa da migliaia di subacquei desiderosi.

L'afflusso di denaro che questo turismo ha aggiunto ha fatto sì che buona parte dei residenti avesse abbandonato la pesca o la praticasse solo nei momenti di fuga e svago, cosa che sembrava destinata a durare, quando siamo tornati a Soufrière e ai suoi pittoreschi "Bolla Beach Spa".

Il tramonto a ovest lo aveva già trasformato in una silhouette completa. Composto da tanti ospiti che parlavano con i piedi nell'acqua o si bagnavano.

E quella delle sorelle irrequiete che, con nostro stupore, continuavano a correre avanti e indietro, tirando e spingendo.

Senza motivo di tornare di corsa a Roseau, siamo tornati in quello mar dei Caraibi levigato e argentato. E di sottometterci alla tua compagnia.

Guadalupe, Antille Francesi

Guadalupa: un delizioso Caraibi, in Butterfly Counter-Effetto

La Guadalupa ha la forma di una falena. Basta un giro delle Antille per capire perché la popolazione è guidata dal motto Pas Ni Problem e alza il numero minimo di onde, nonostante le tante battute d'arresto.
Montserrat, Piccole Antille

L'isola vulcanica che rifiuta di dormire

Nelle Antille abbondano i vulcani chiamati Soufrière. Quello di Montserrat, risvegliato nel 1995, rimane uno dei più attivi. Alla scoperta dell'isola, rientriamo nell'area di esclusione ed esploriamo le aree ancora incontaminate dalle eruzioni.  
Saba, Olanda

La misteriosa regina olandese di Saba

Con soli 13 km2, Saba passa inosservata anche ai più viaggiatori. A poco a poco, su e giù per i suoi innumerevoli pendii, scopriamo questa lussureggiante Piccola Antille, confine tropicale, tetto montuoso e vulcanico. della nazione europea meno profonda.
Plymouth, Montserrat

Dalle ceneri alle ceneri

Arroccato ai piedi delle colline del Monte Soufrière, in cima a depositi magmatici, la città solitaria dell'isola caraibica di Montserrat è cresciuta condannata. Come si temeva, nel 1995 anche il vulcano è entrato in un lungo periodo eruttivo. Plymouth, è l'unica capitale di un territorio politico che rimane sepolto e abbandonato.
Maho Beach, Sint Maarten

La spiaggia caraibica a propulsione a reazione

A prima vista, l'aeroporto internazionale Princess Juliana sembra essere solo un altro dei vasti Caraibi. I successivi atterraggi poco profondi sulla spiaggia di Maho che ne precede la pista, i decolli di jet che distorcono i volti dei bagnanti e li proiettano in mare, ne fanno un caso speciale.
Christiansted, St. Croix, Isole Vergini Americane

La capitale delle Antille afro-danesi-americane

Nel 1733, la Danimarca acquistò l'isola di Saint Croix dalla Francia, la annesse alle Indie occidentali dove, con sede a Christiansted, trasse profitto dal lavoro degli schiavi portati dalla Gold Coast. L'abolizione della schiavitù rese le colonie impraticabili. E un patto storico-tropicale che gli Stati Uniti conservano.
Virgin Gorda, Ilhas Virgens Britânica

I "Caraibi" divini di Virgin Gorda

Alla scoperta delle Isole Vergini, sbarchiamo su un seducente mare tropicale punteggiato da enormi rocce granitiche. I bagni sembrano usciti dal Seychelles ma sono uno degli ambienti marini più esuberanti dei Caraibi.
Fort-de-France, Martinique

Libertà, Bipolarità e Tropicalità

Nella capitale della Martinica si conferma un'affascinante estensione caraibica del territorio francese. Lì, i rapporti tra i coloni ei discendenti indigeni degli schiavi danno ancora origine a piccole rivoluzioni.
Saint-Pierre, Martinique

La città che risorge dalle ceneri

Nel 1900, la capitale economica delle Antille era invidiata per la sua raffinatezza parigina, finché il vulcano Pelée non la carbonizzò e la seppellì. Più di un secolo dopo, Saint-Pierre si sta ancora rigenerando.
Sainte-Luce, Martinique

Un sano proiezionista

Dal 1954 al 1983 Gérard Pierre ha proiettato molti dei famosi film che sono arrivati ​​in Martinica. A 30 anni dalla chiusura della stanza dove lavorava, era ancora difficile per questo nativo nostalgico cambiare bobina.
Martinique, Antille Francesi

Baguette caraibiche sotto il braccio

Vaghiamo per la Martinica con la stessa libertà dell'Euro e le bandiere tricolori sventolano sovrane. Ma questo pezzo di Francia è vulcanico e lussureggiante. Appare nel cuore insulare delle Americhe e ha un delizioso sapore d'Africa.
Soufriere, Santa Lucia

Le Grandi Piramidi delle Antille

In piedi sopra una costa lussureggiante, le cime sorelle Chiodi sono il segno distintivo di Santa Lucia. Sono diventati così iconici che hanno un posto riservato nelle note di testa dei dollari dei Caraibi orientali. Accanto, i residenti dell'ex capitale Soufrière sanno quanto sia preziosa la loro vista.
Parco nazionale di Gorongosa, Mozambico, fauna selvatica, leoni
Safari
Parco Nazionale Gorongosa, Mozambico

Il cuore selvaggio del Mozambico mostra segni di vita

Gorongosa ospitava uno degli ecosistemi più esuberanti dell'Africa, ma dal 1980 al 1992 ha ceduto alla Guerra Civile tra FRELIMO e RENAMO. Greg Carr, il milionario inventore di Voice Mail, ha ricevuto un messaggio dall'ambasciatore mozambicano alle Nazioni Unite che lo sfidava a sostenere il Mozambico. Per il bene del paese e dell'umanità, Carr si impegna a far risorgere lo splendido parco nazionale che il governo coloniale portoghese vi aveva creato.
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 5° - Ngawal a BragaNepal

Verso Braga. I nepalesi.

Abbiamo trascorso un'altra mattinata di tempo glorioso alla scoperta di Ngawal. Segue un breve viaggio verso Manang, la città principale sulla strada per l'apice del circuito dell'Annapurna. Abbiamo soggiornato a Braga (Braka). Il borgo si sarebbe presto rivelato una delle sue tappe più indimenticabili.
Luderitz, Namibia
Architettura & Design
Luderitz, Namibia

Wilkommen in Africa

Il cancelliere Bismarck ha sempre disprezzato i possedimenti d'oltremare. Contro la sua volontà e contro ogni previsione, nel bel mezzo della Corsa all'Africa, il mercante Adolf Lüderitz costrinse la Germania a conquistare un angolo inospitale del continente. L'omonima città prosperò e conserva uno dei patrimoni più eccentrici dell'impero germanico.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
Aventura
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Cerimonie e Feste
Apia, Samoa Occidentali

Fia Fia – Folclore Polinesiano ad Alta Velocità

Dalla Nuova Zelanda all'Isola di Pasqua e da qui alle Hawaii, ci sono molte varianti di danze polinesiane. Le notti samoane di Fia Fia, in particolare, sono allietate da uno degli stili più frenetici.
Hiroshima, città ceduta alla pace, Giappone
Città
Hiroshima, Giappone

Hiroshima: una città arresa alla pace

Il 6 agosto 1945 Hiroshima soccombette all'esplosione della prima bomba atomica usata in guerra. Dopo 70 anni, la città si batte per la memoria della tragedia e per lo sradicamento delle armi nucleari entro il 2020.
Obeso residente a Tupola Tapaau, una piccola isola delle Samoa occidentali.
cibo
Tonga, Samoa Occidentali, Polinesia

Pacifico XXL

Per secoli, gli indigeni delle isole polinesiane sono vissuti per terra e per mare. Fino all'intrusione delle potenze coloniali e alla successiva introduzione di grossi pezzi di carne, fast food e le bevande zuccherate hanno generato una piaga di diabete e obesità. Oggi, mentre gran parte del PIL nazionale di Tonga, Samoa Occidentali e i vicini si sprecano con questi “veleni occidentali”, i pescatori riescono a malapena a vendere il loro pesce.
Donne con i capelli lunghi di Huang Luo, Guangxi, Cina
Cultura
Longsheng, Cina

Huang Luo: il villaggio cinese dai capelli più lunghi

In una regione multietnica ricoperta di risaie terrazzate, le donne di Huang Luo si sono arrese alla stessa ossessione capillare. Consentono ai capelli più lunghi del mondo di crescere, per anni, fino a una lunghezza media di 170-200 cm. Per quanto strano possa sembrare, per mantenerli belli e lucenti, usano solo acqua e riso.
arbitro di combattimento, combattimento di galli, filippine
sportivo
Filippine

Quando solo i combattimenti di galli risvegliano le Filippine

Banditi in gran parte del Primo Mondo, i combattimenti di galli prosperano nelle Filippine dove spostano milioni di persone e pesos. Nonostante i suoi problemi eterni è il Sabong che più stimola la nazione.
Bandiere di preghiera a Ghyaru, Nepal
In viaggio
Circuito dell'Annapurna: 4° – Upper Pisang a Ngawal, Nepal

Da incubo a Dazzle

A nostra insaputa, siamo di fronte a un'ascesa che ci porta alla disperazione. Abbiamo spinto le nostre forze al limite e abbiamo raggiunto Ghyaru dove ci siamo sentiti più vicini che mai all'Annapurna. Il resto della strada per Ngawal sembrava una sorta di estensione della ricompensa.
valle profonda, terrazze di riso, batad, filippine
Etnico
Familiare, Filippine

Le terrazze che sostengono le Filippine

Oltre 2000 anni fa, ispirati dal loro dio del riso, il popolo Ifugao si sviluppò sulle pendici di Luzon. Il cereale che vi coltivano gli indigeni nutre ancora una parte significativa del paese.
Portfolio, Got2Globe, migliori immagini, fotografia, immagini, Cleopatra, Dioscorides, Delos, Grecia
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il Mondano e il Celeste

Armenia Culla Cristianesimo, Monte Aratat
Storia
Armenia

La culla del cristianesimo ufficiale

A soli 268 anni dalla morte di Gesù, una nazione sarà diventata la prima ad abbracciare la fede cristiana per decreto reale. Questa nazione conserva ancora la propria Chiesa Apostolica e alcuni dei più antichi templi cristiani del mondo. Viaggiando attraverso il Caucaso, li visitiamo sulle orme di Gregorio l'Illuminatore, il patriarca che ispira la vita spirituale dell'Armenia.
In attesa, vulcano Mauna Kea nello spazio, Big Island, Hawaii
Isole
Mauna Kea, Havai

Mauna Kea: Un vulcano con un occhio nello spazio

Il tetto delle Hawaii era proibito ai nativi perché ospitava divinità benevole. Ma dal 1968 in poi, diverse nazioni sacrificarono la pace degli dei ed eressero la più grande stazione astronomica sulla faccia della Terra.
costa, fiordo, Seydisfjordur, Islanda
bianco inverno
Seydisfjörður, Islândia

Dall'arte della pesca all'arte della pesca

Quando gli armatori di Reykjavik acquistarono la flotta peschereccia da Seydisfjordur, il villaggio dovette adattarsi. Oggi cattura i discepoli dell'arte di Dieter Roth e altre anime bohémien e creative.
Visitatori della casa di Ernest Hemingway, Key West, Florida, Stati Uniti
Letteratura
Key West, Stati Uniti

Parco giochi caraibico di Hemingway

Espansivo come sempre, Ernest Hemingway ha definito Key West "il posto migliore in cui sia mai stato...". Nelle profondità tropicali degli Stati Uniti contigui, ha trovato l'evasione e un divertimento folle e ubriaco. E l'ispirazione per scrivere con intensità da abbinare.
Jabula Beach, Kwazulu Natal, Sud Africa
Natura
Santa Lucia, Sud Africa

Un'Africa selvaggia come Zulu

All'eminenza della costa del Mozambico, la provincia del KwaZulu-Natal ospita un inaspettato Sud Africa. Spiagge deserte costellate di dune, vasti estuari e colline ricoperte di nebbia riempiono questa terra selvaggia bagnata anche dall'Oceano Indiano. È condiviso dai sudditi della sempre orgogliosa nazione Zulu e da una delle faune più prolifiche e diversificate del continente africano.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Adoratori accendono candele, tempio della Grotta di Milarepa, circuito dell'Annapurna, Nepal
Parchi Naturali
Circuito dell'Annapurna: dal 9° Manang a Grotta di Milarepa, Nepal

Una passeggiata tra acclimatamento e pellegrinaggio

In toto Circuito dell'Annapurna, arriviamo finalmente a Manang (3519 m). abbiamo ancora bisogno acclimatarsi per i tratti più alti che sono seguiti, abbiamo iniziato un altrettanto spirituale viaggio verso una grotta nepalese a Milarepa (4000 m), rifugio di un siddha (saggio) e santo buddista.
Luci di Ogimachi, Shirakawa-go, Ogimachi, Giappone, Villaggio delle Case a Gassho
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Ogimashi, Giappone

Un villaggio fedele al

Ogimashi rivela un'affascinante eredità di adattabilità giapponese. Situato in uno dei luoghi più innevati sulla faccia della Terra, questo villaggio ha perfezionato case con vere e proprie strutture anti-crollo.
Monumento a Heroes Acre, Zimbabwe
personaggi
Harare, zimbabwe

L'ultimo sonaglio del surreale Mugabué

Nel 2015, la first lady dello Zimbabwe Grace Mugabe disse che il presidente, allora 91enne, avrebbe governato fino all'età di 100 anni, su una sedia a rotelle speciale. Poco dopo, iniziò a insinuarsi nella sua successione. Ma nei giorni scorsi i generali hanno finalmente accelerato la rimozione di Robert Mugabe che hanno sostituito con l'ex vicepresidente Emmerson Mnangagwa.
Nuoto, Western Australia, Aussie Style, Alba negli occhi
Spiagge
Busselton, Australia

2000 metri in stile australiano

Nel 1853 Busselton fu dotata di uno dei pontoni più lunghi del mondo. mondo. Quando la struttura è crollata, i residenti hanno deciso di aggirare il problema. Dal 1996 lo fanno ogni anno. nuoto.
Escursionisti sull'Ice Lake Trail, circuito dell'Annapurna, Nepal
Religione
Circuito dell'Annapurna: 7° - Braga - Ice Lake, Nepal

Circuito dell'Annapurna - Il doloroso acclimatamento del lago di ghiaccio

Sulla salita al villaggio di Ghyaru, abbiamo avuto un primo e inaspettato assaggio di quanto possa essere esaltante il circuito dell'Annapurna. Nove chilometri dopo, a Braga, per la necessità di acclimatarsi, si sale dai 3.470 m di Braga ai 4.600 m del lago Kicho Tal. Sentiamo solo la stanchezza prevista e il gonfiore del fascino per la catena montuosa dell'Annapurna.
Treno Fianarantsoa a Manakara, TGV malgascio, locomotiva
Veicoli Ferroviari
Fianarantsoa-Manakara, Madagascar

A bordo del TGV malgascio

Partiamo da Fianarantsoa alle 7:3. Solo alle 170 del mattino seguente abbiamo completato i XNUMX km fino a Manakara. Gli indigeni chiamano questo treno quasi secolare Allena grandi vibrazioni. Durante il lungo viaggio, abbiamo sentito fortemente il cuore del Madagascar.
L'abbandono, lo stile di vita dell'Alaska, Talkeetna
Società
Talkeetna, Alaska

Lo stile di vita dell'Alaska di Talkeetna

Un tempo un semplice avamposto minerario, Talkeetna è stato ringiovanito nel 1950 per servire gli scalatori del Monte McKinley. Il villaggio è di gran lunga il più alternativo e accattivante tra Anchorage e Fairbanks.
Commercianti di frutta, Swarm, Mozambico
Vita quotidiana
Enxame, Mozambico

Area di servizio in stile mozambicano

Si ripete in quasi tutte le tappe nei paesi di Mozambico degno di apparire sulle mappe. o tubo tubolare (autobus) si ferma ed è circondato da una folla di impazienti uomini d'affari. I prodotti offerti possono essere universali, come acqua o biscotti, oppure tipici della zona. In questa regione, a pochi chilometri da Nampula, le vendite di frutta sono state successive, sempre piuttosto intense.
Isola Curieuse, Seychelles, tartarughe di Aldabra
Animali selvatici
Isola Felicité e Isola Curieuse, Seychelles

De Lebbrosario a casa de Tartarughe Giganti

A metà del XVIII secolo rimase disabitata e ignorata dagli europei. La spedizione navale francese”La Curieuse” lo rivelò e ispirò il suo battesimo. Gli inglesi la mantennero un lebbrosario fino al 1968. Oggi l'Île Curieuse ospita centinaia di tartarughe di Aldabra, l'animale terrestre più longevo.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.