Sossusvlei, Namibia

Il vicolo cieco di Sossusvlei Namib


Tracce di vegetazione
Acacia e arbusti punteggiano il terreno sassoso della valle del Sossusvlei.
Acacia su Dune
Sul pendio sabbioso della Duna 45 rimane un'acacia.
Sagome in cerca
Verso i cieli di Namibe
La mongolfiera vola sopra la strada che attraversa la valle del Sossusvlei.
scheletri di alberi
Tronchi morti e rigidi di alberi di acacia che un tempo proliferavano a Dead Vlei.
Le acacie e l'ombra
Gli alberi di acacia proliferano ai piedi di una delle grandi dune di Sossusvlei.
Duo delle sabbie
Gli escursionisti camminano lungo la cresta di una duna curva di Sossusvlei.
Namib Desert Sossusvlei Namibia Shadow Acacia
Sessione in mongolfiera
Un palloncino sale mentre un altro viene riempito di elio per accompagnare il primo.
Valle delle Acacie Morte
Il fondo di argilla salata che riempie di tanto in tanto la valle di Deadvlei, bagnata dall'acqua.
linee di sabbia
Composizione di dune arricchite dalle ombre del sole ancora basse su Namibe.
Loggia Kulala
Tronchi di acacia intorno al Kulala Eco-Lodge, vicino a Sesriem.
deserto del namib-sossusvlei-namibia-tramonto
GOPR4007
passeggiata solitaria
L'escursionista percorre un sentiero già aperto alla base della Duna 45.
Quando scorre, l'effimero fiume Tsauchab serpeggia per 150 km dalle montagne di Naukluft. Arrivato a Sossusvlei, si perde in un mare di montagne di sabbia in lizza per il cielo. I nativi e i coloni la chiamavano la palude del non ritorno. Chiunque scopra questi luoghi improbabili in Namibia pensa sempre a tornare.

Il lodge in cui avevamo fatto il check-in la sera prima si chiamava Le Mirage.

Non potevamo vederlo diversamente, perso com'era nella vastità del Sossus namibiano e nel tempo, in una fuori luogo eccentricità di un castello o ksar medievale nordafricano, tutto tondeggiante, fatto di torri cilindriche raggruppate in una circonferenza quasi esterna.

Abbiamo condiviso l'interno lapidato e fortificato con una comunità internazionale, raffinata e ricca di esploratori della Namibia, uno dei quali compie gli anni. Così siamo tornati a guardare il cerimoniale così frequente in Namibia e nell'Africa meridionale, con i dipendenti che cantavano gli auguri di compleanno e ballavano al suono dei tamburi nella sala da pranzo.

Proprio come è venuto fuori dal nulla, la celebrazione si è rapidamente dissipata. Nonostante fossero previste cinque portate, abbiamo accorciato il più possibile il pasto.

Avevamo un sacco di lavoro d'ufficio da sbrigare nei giorni a venire e, per favorire la festa, le pareti massicce di quelle quasi segrete sbarravano il segnale Wi-Fi dalla stanza 24 che ci era stata assegnata. Abbiamo risolto quello che potevamo dall'imbroglio.

Estasiati dal percorrere le strade polverose e scivolose della Namibia, abbiamo ceduto al sonno prima di quanto ci aspettassimo. Non ci siamo ancora ripresi da quello come dovremmo.

Alle 4:30, le sveglie suonavano come un film dell'orrore. Mezz'ora dopo, ci sforzavamo di fare colazione con gli occhi aperti.

Alle cinque del mattino, ancora frastornati, partiamo alla scoperta di Sossusvlei.

La prima scoperta di Sossusvlei

Eravamo a poco più di 20 km da Sesriem, la città principale della zona.

Punto di accesso al vasto dominio dei suoi grandi vois, il termine utilizzato dal coloni afrikaner di queste parti per definire le paludi formatesi quando l'acqua temporanea dei fiumi si diffonde attraverso i deserti, in questo caso il Namibe.

Namibe è considerata la maggiore dei deserti. Con più di 2000 km di estensione di un'estesa fascia atlantica dell'Angola, Namibia e Sud Africa, è anche uno dei più grandi del Terra.

Dove abbiamo camminato, eravamo circa a metà della latitudine che occupa. Non ci siamo mai avvicinati a Sesriem.

Lasciamo la strada namibiana C27 ​​puntando a ovest. In prossimità di un Kulala Desert Lodge, la strada sabbiosa che stavamo seguendo era allineata con il solco scavato nel deserto da un certo fiume Tsauchab. A nostra insaputa in quel momento, Tsauchab gioca un ruolo di primo piano in quasi tutti gli scenari che scopriremmo.

Di tanto in tanto, rari giorni di pioggia nelle lontane montagne Naukluft, a circa 150 km a nord-est, fanno rivivere il fiume.

Rinnovano l'erosione del suolo e la compattazione delle sabbie sul fondo del Namibe.

Così, scavano, più in profondità e in modo più definito, una sorta di punta di freccia alluvionale, chiaramente visibile dall'aria o in un'immagine satellitare.

In compagnia del flusso secco dello Tsauchab, sotto gli occhi sospettosi del orice residenti, la jeep sorpassa le mongolfiere che quasi schizzano il cielo terso di questi confini.

Tra orici e palloni, entriamo nella valle fangosa del Sossusvlei, tra le imponenti dune che la delimitano a nord ea sud.

E la conquista sabbiosa della famosa duna 45

Ci fermiamo alla base di Dune 45. Per una ragione ovvia.

Situata al chilometro 45 della strada che da Sesriem porta a Sossusvlei, si erge questa duna alta 170 metri, un mostro geologico formato da sabbia che ha circa cinque milioni di anni.

Si stima che quella del fiume Orange, sospinta dal deserto del Kalahari fino al confine quasi marino di Namibe. Abbiamo iniziato la salita verso la cima, lentamente, lentamente, nemmeno la sabbia scivolosa della sua cresta curva ci avrebbe permesso altro.

Innanzitutto, con il sole che vuole sbirciare dall'est della Namibia.

Presto, noi e la cima delle dune diventiamo arancioni per i raggi di apertura della giornata, in particolare le dune, fatte di sabbia satura di ferro e, quindi, già ocra, più ferrose verso l'interno che vicino all'oceano.

Più si sale, più abissali sono gli erg arancioni rivelati dall'alba circostante.

E gli alberi di acacia alle basi erano ancora più piccoli in quel periodo dell'anno, carichi dei loro baccelli a forma di luna, uno dei cibi preferiti dagli elefanti.

Mentre il sole sorgeva sopra l'orizzonte e le dune, cancellava le chiazze d'ombra sui pendii bui.

Quando quel contrasto magico si affievolì troppo, tornammo al punto di partenza, pronti a riprendere la linea guida biancastra dello Tsauchab.

Ci dirigiamo a ovest, ad un certo punto, già sulle tracce dell'argilla salmastra lasciata dagli inattesi torrenti, sulla strada per la soglia dove scompare nella sabbia sconfinata di Namibe.

Il vicolo cieco e la valle morente di Dead Vlei

Alcune delle dune formano veri e propri laghi di sale cucinati più e più volte dal sole tropicale.

Una delle più famose, la Dead Vlei, sorge alla base di Big Daddy, la duna più alta del Sossusvlei, a 325 metri, ancora sotto la più alta della Namibia, la Duna 7, a 383 metri.

Siamo passati sotto la soglia settentrionale di Big Daddy. Sul lato opposto del suo crinale, incontriamo il più esuberante dei bacini argillosi del Sossusvlei, il Dead Vlei, traducibile come palude o stagno morto.

Anche se ora lo vediamo troppo secco per sostenere la vita vegetale di grandi dimensioni, non è sempre stato così.

Ciò che rende Dead Vlei una cornice speciale è la profusione di scheletri di acacia, testimonianze rigide e ramificate di forme capricciose di tempi in cui forti piogge – probabilmente a monte del fiume – e un flusso significativo dello Tsauchab avrebbero concesso un'altra fertilità.

Namibe si rivela, però, un deserto in perenne movimento e mutazione.

La dinamica delle sabbie è alimentata dal conflitto tra il vento prevalente di sud-sudovest che, raffreddato dalle gelide acque della Corrente del Benguela, genera la fitta nebbia che avvolge il bordo del deserto e ne costituisce la principale fonte di umidità.

Il grande rivale di questo vento del sud è noto come berg, viene dal deserto del Kalahari e, di conseguenza, è secca, una vera fornace, tra l'altro.  

Palloncino, deserto del Namib, Sossusvlei, Namibia

La mongolfiera vola sopra la strada che attraversa la valle del Sossusvlei.

Il conflitto tra questi due venti e le loro derivazioni modella l'orientamento e la forma delle dune di Namibe e Sossusvlei.

Potrebbe essere successo che, in questa battaglia, tra 500 e 900 anni fa, i cambiamenti nella duna del Big Daddy e nelle dune vicine hanno bloccato il flusso intermittente (accade ogni 5-10 anni) dello Tsauchab nel Dead Vlei.

Prive dell'acqua che le irrigava, le quasi millenarie acacie perirono.

I suoi tronchi e rami principali resistono. Formano monumenti surreali all'avventura e alla disavventura biologica che hanno avuto luogo lì.

Per quanto improbabile possa sembrare, l'Atlantico è a meno di 50 km dalla valle senza uscita di Sossusvlei e Deadvlei.

Anche così, nemmeno nelle più grandi inondazioni che si siano mai verificate, prodotti di aberrazioni meteorologiche, lo Tsauchab ha raggiunto l'oceano come un vero flusso.

All'estremità incanalata di Sossusvlei, con Big Daddy ei suoi alleati davanti, il fiume si arrende all'immensità delle sabbie, lasciandosi scomparire in esse.

Passaggio attraverso il fiume Stretto di Sesriem Spremere

sono rari fiumi che non raggiungono mai il mare.

L'Africa ne ha.

Un altro, quello permanente e permanentemente rifornito dalle piogge dell'Huambo angolano, si estende in una palude verdeggiante e prolifica più all'interno dell'Africa. Questo è l'Okavango (Cubango).

Il sole sorge nel suo cammino verso il suo apice. Tornati in macchina, scopriamo di avere una foratura, fortunatamente di quelle molto lente. Invertiamo la rotta.

Abbiamo il tempo di attraversare la gola di Sesriem che lo Tsauchab attraversa poco prima di entrare nel Sossusvlei, dopo essersi definitivamente lasciati alle spalle le montagne del Naukluft.

In certi punti la gola è larga appena due metri, uno stretto che ci sembrava del tutto stonato con l'immensità inospitale che percorrevamo da giorni.

Per quanto raro, la ristrettezza di Sesriem ha ancora il potere di preservare un oscuro serbatoio d'acqua.

È, quindi, un punto d'incontro quasi obbligato per la fauna di Namibe, orice e springbok, struzzo, sciacallo, iena e molti altri.

La remota genesi germanica del PN Namibe-Naukluft

Se torniamo all'inizio del XX secolo, all'era coloniale dell'Africa sudoccidentale tedesca, possiamo vedere che, anche senza reali intenzioni di protezione e conservazione degli animali, sono stati i tedeschi a stabilire le basi dell'attuale Parco Nazionale Namibe-Naukluft, considerato il più grande parco nazionale dell'Africa e il quarto più grande del mondo.

Nel 1907 fondarono tre grandi riserve di caccia. La regione Namibe-Naukluft è stata inclusa nel terzo. Ma i diritti di caccia tedeschi nella loro colonia furono persi con la sconfitta dell'Impero tedesco e dei suoi alleati nella prima guerra mondiale.

Nel 1915, l'amministrazione sudafricana dell'ex colonia tedesca ha convalidato le riserve di caccia precedentemente istituite.

Da allora, ci sono stati cambiamenti successivi.

Quasi tutti nella direzione di aumentare l'area del NP Namibe-Naukluft e, ormai da parecchio tempo, invece di promuovere la caccia, come avviene ancora in altre regioni vicine, per proteggere i propri animali.

Una sosta ai box forzati

Torniamo alla realtà attuale in cui ci siamo visti. Il buco che ci tormentava sta peggiorando.

Tanto che ci ha costretti a dirigerci subito a Sesriem, il villaggio situato a 4 km dalla gola.

Semplicemente un punto di rifornimento per veicoli e persone in arrivo verso Sossusvlei o diretti verso tappe meno frequentate ma ugualmente straordinarie in Namibia, Luderitz, Kolmanskop, Aus.

Come Sesriem, tra i pochi insediamenti che, per un motivo o per l'altro, hanno osato sfidare l'asprezza del deserto.

Ci siamo fermati alla stazione di servizio. Uno dei turnisti lava i nostri parabrezza e finestrini laterali. In tempo utile.

Oltre alla sabbia, Namibe è fatta di polvere che, una volta depositata, cerca di resistere.

Ci certifichiamo per il lungo viaggio a Luderitz.

Dopodiché il secondo impiegato, quello che si era occupato delle riparazioni, ci dà la notizia: “Sei fortunato. Era un piccolo chiodo.

Non ha fatto una grossa ammaccatura e posso ripararlo solo dall'interno.

In questo modo evitano il fastidio di affittare una macchina voglio farti pagare per una gomma nuova.

Apprezzare. Abbiamo premiato l'attenzione che meritava.

L'eco-rifugio stellato del Kulala Desert Lodge

Con l'auto in funzione e il braciere di metà pomeriggio sistemato, ci rifugiammo nel lodge di quella notte, il ragazzo Kulala che avevamo attraversato all'alba.

Il Kulala Desert Lodge si è rivelato un altro dei numerosi eco-lodge costruiti in legno, pietra e altri materiali della zona, con risorse minime ma una creatività delle dimensioni di Namibe, accogliente e stimolante da eguagliare.

Ritroviamo il sonno perso settimane fa.

Fino a quando l'ora di cena non garantisce un risveglio difficile. Con la notte in atto, salimmo sulla terrazza coperta del lodge.

Lì ci siamo dedicati a contemplare e fotografare il firmamento iperstellato, con le sue stelle e pianeti, osiamo dire che alcuni di loro, meno extraterrestri come il Sossusvlei che ci circondava.

Deserto del Namib, Sossusvlei, Namibia

kolmanskop, Namibia

Generato dai Diamanti di Namibe, Abbandonato nelle loro Sabbie

Fu la scoperta di un generoso giacimento di diamanti nel 1908 che diede origine alla fondazione di Kolmanskop e all'opulenza surreale. Meno di 50 anni dopo, le pietre preziose si esaurirono. Gli abitanti lasciarono il villaggio nel deserto.
Luderitz, Namibia

Wilkommen in Africa

Il cancelliere Bismarck ha sempre disprezzato i possedimenti d'oltremare. Contro la sua volontà e contro ogni previsione, nel bel mezzo della Corsa all'Africa, il mercante Adolf Lüderitz costrinse la Germania a conquistare un angolo inospitale del continente. L'omonima città prosperò e conserva uno dei patrimoni più eccentrici dell'impero germanico.
Capo Croce, Namibia

La più turbolenta delle colonie africane

Diogo Cão sbarcò su questo Capo d'Africa nel 1486, installò un modello e si voltò. La linea costiera immediata a nord ea sud era tedesca, sudafricana e, infine, namibiana. Indifferente ai successivi trasferimenti di nazionalità, una delle più grandi colonie di foche del mondo ha mantenuto la sua presa e ti rallegra con assordanti cortecce marine e infiniti capricci.
Damaraland, Namibia

Namibia sulle rocce

Centinaia di chilometri a nord di Swakopmund, molte altre delle iconiche dune di Swakopmund Sossuvlei, Damaraland ospita deserti intervallati da colline di roccia rossastra, la montagna più alta e l'antica arte rupestre della giovane nazione. i coloni sudafricani ha chiamato questa regione in onore dei Damara, uno dei gruppi etnici della Namibia. Solo questi e altri abitanti dimostrano che rimane sulla Terra.
Fish River Canyon, Namibia

Le budella namibiane dell'Africa

Quando nulla ve lo fa prevedere, un vasto burrone fluviale squarcia l'estremità meridionale del fiume Namibia. Con 160 km di lunghezza, 27 km di larghezza e, negli spazi, 550 metri di profondità, il Fish River Canyon è il Grand Canyon dall'Africa. E uno dei canyon più grandi sulla faccia della terra.
Isola di Robben, Sud Africa

L'Isola dell' Apartheid

Bartolomeu Dias fu il primo europeo ad intravedere Robben Island, attraversando il Capo delle Tempeste. Nel corso dei secoli i coloni lo trasformarono in manicomio e prigione. Nelson Mandela se ne andò nel 1982 dopo diciotto anni di carcere. Dodici anni dopo, divenne il primo presidente nero del Sudafrica.
Savuti, Botswana

L'elefante che mangia i leoni di Savuti

Una parte del deserto del Kalahari si prosciuga o viene irrigata a seconda dei capricci tettonici della regione. A Savuti, i leoni si sono abituati a fare affidamento su se stessi e a depredare gli animali più grandi della savana.
PN Chobe, Botswana

Chobe: un fiume al confine tra vita e morte

Chobe segna il divario tra il Botswana e tre dei suoi paesi vicini, Zambia, Zimbabwe e Namibia. Ma il suo letto capriccioso ha una funzione molto più cruciale di questa delimitazione politica.
Delta dell'Okavango, Botswana

Non tutti i fiumi raggiungono il mare

Terzo fiume più lungo dell'Africa meridionale, l'Okavango nasce negli altopiani angolani di Bié e percorre 1600 km a sud-est. Perditi nel deserto del Kalahari, dove irriga una splendida zona umida brulicante di fauna selvatica.
Montagna della Tavola, Sud Africa

Al tavolo di Adamastore

Dai tempi primordiali delle Scoperte fino ai giorni nostri, Table Mountain si è sempre distinta al di sopra dell'immensità sudafricano e gli oceani che lo circondano. Passarono i secoli e Città del Capo sdraiato ai suoi piedi. Sia il capetoniani poiché gli estranei in visita si sono abituati a contemplare, salire e venerare questo imponente e mitico altopiano.
Graaf Reinet, Sud Africa

Una lancia boera in Sud Africa

All'inizio del periodo coloniale, esploratori e coloni olandesi erano terrorizzati dal Karoo, una regione di grande caldo, grande freddo, grandi inondazioni e grandi siccità. Fino a quando la Compagnia olandese delle Indie orientali non fondò lì Graaf-Reinet. Da allora, la quarta città più antica del nazione arcobaleno prosperò in un affascinante crocevia della sua storia.
Santa Lucia, Sud Africa

Un'Africa selvaggia come Zulu

All'eminenza della costa del Mozambico, la provincia del KwaZulu-Natal ospita un inaspettato Sud Africa. Spiagge deserte costellate di dune, vasti estuari e colline ricoperte di nebbia riempiono questa terra selvaggia bagnata anche dall'Oceano Indiano. È condiviso dai sudditi della sempre orgogliosa nazione Zulu e da una delle faune più prolifiche e diversificate del continente africano.
Twyfelfontein-Ui Aes, Namibia

Alla Scoperta della Namibia Rupestre

Durante l'età della pietra, la valle del fiume Aba-Huab, ora ricoperta di fieno, concentrava una fauna diversificata che attirava i cacciatori. In tempi più recenti, peripezie dell'era coloniale hanno colorato questa parte della Namibia. Non tanto quanto gli oltre 5000 petroglifi che rimangono a Ui Aes / Twyfelfontein.
Walvis Bay, Namibia

Le Litorale Abissale di Walvis Bay

Dalla più grande città costiera della Namibia ai margini del deserto del Namib di Sandwich Harbour, c'è un dominio senza pari di oceano, dune, nebbia e fauna selvatica. Dal 1790, la fruttuosa Walvis Bay funge da porta d'ingresso.
PN Bwabwata, Namibia

Un Parco Namibiano che Vale Tre

Una volta consolidata l'indipendenza della Namibia nel 1990, per semplificarne la gestione, le autorità raggrupparono un trio di parchi e riserve sulla striscia di Caprivi. Il risultante PN Bwabwata ospita una straordinaria immensità di ecosistemi e fauna selvatica, sulle rive dei fiumi Cubango (Okavango) e Cuando.
Spitzkoppe, Damaraland, Namibia

La Montagna Tagliente della Namibia

Con i suoi 1728 metri, il “Cervino namibiano” si erge al di sotto delle dieci altezze più alte della Namibia. Nessuno di loro è paragonabile alla drammatica ed emblematica scultura in granito di Spitzkoppe.
PN Etosha, Namibia

La vita lussureggiante della Namibia bianca

Una vasta distesa salata squarcia il nord della Namibia. Il Parco Nazionale Etosha che lo circonda si rivela un habitat arido ma provvidenziale per innumerevoli specie selvatiche africane.
Esteros del Iberá, Pantanal Argentina, Alligatore
Safari
Esteros del Iberá, Argentina

Il Pantanal della Pampa

Sulla mappa del mondo, a sud di famosa zona umida brasiliana, emerge una regione allagata poco conosciuta ma quasi altrettanto vasta e ricca di biodiversità. L'espressione guaranì e sarà la definisce “acque splendenti”. L'aggettivo si adatta più della sua forte luminanza.
Braga o Braka o Brakra in Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 6° – Braga, Nepal

In un Nepal più antico del Monastero di Braga

Quattro giorni di cammino dopo, abbiamo dormito a 3.519 metri a Braga (Braka). All'arrivo, solo il nome ci è familiare. Di fronte al fascino mistico della città, che si articola intorno a uno dei più antichi e venerati monasteri buddisti del circuito dell'Annapurna, acclimatamento con salita all'Ice Lake (4620m).
hacienda mucuyche, Yucatan, Messico, canale
Architettura & Design
Yucatan, Messico

Tra Haciendas e Cenotes, attraverso la storia dello Yucatan

In giro per la capitale Merida, per ogni anziana henequenera hacienda coloniale per almeno uno cenote. Spesso coesistono e, come con la semi-recuperata Hacienda Mucuyché, in duo, danno vita ad alcuni dei luoghi più sublimi del sud-est del Messico.

Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Aventura
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.
Big Freedia e buttafuori, Fried Chicken Festival, New Orleans
Cerimonie e Feste
New Orleans, Louisiana, Stati Uniti

Big Freedia: in Modo Bounce

New Orleans è la culla del jazz e dei suoni jazz e risuona nelle sue strade. Come previsto, in una città così creativa emergono nuovi stili e atti irriverenti. Visitando il Big Easy, ci siamo avventurati alla scoperta dell'hip hop di Bounce.
Cattedrale, Funchal, Madera
Città
Funchal, Madeira

Portale di un Portogallo quasi tropicale

Madeira si trova a meno di 1000 km a nord del Tropico del Cancro. E la lussureggiante esuberanza che le è valsa il soprannome di isola giardino dell'Atlantico emerge in ogni angolo della sua ripida capitale.
Mercato del pesce di Tsukiji, tokyo, giappone
cibo
Tokyo, Giappone

Il mercato del pesce che ha perso freschezza

In un anno, ogni giapponese mangia più del suo peso di pesce e crostacei. Dal 1935 una parte considerevole è stata lavorata e venduta nel più grande mercato ittico del mondo. Tsukiji è stato terminato nell'ottobre 2018 e sostituito da Toyosu's.
Ooty, Tamil Nadu, Scenario di Bollywood, Look da rubacuori
Cultura
Ooty, India

Nella cornice quasi ideale di Bollywood

Il conflitto con il Pakistan e la minaccia del terrorismo hanno reso le riprese in Kashmir e Uttar Pradesh un dramma. In Ooty, possiamo vedere come questa ex stazione coloniale britannica abbia assunto il ruolo di primo piano.
4 luglio Fireworks-Seward, Alaska, Stati Uniti
sportivo
Seward, Alaska

Il 4 luglio più lungo

L'indipendenza degli Stati Uniti viene celebrata a Seward, in Alaska, in modo modesto. Anche così, il 4 luglio e la sua celebrazione sembrano non avere fine.
il jet lag evita il volo, il jetlag, la turbolenza
In viaggio
Jet lag (parte 1)

Evita le turbolenze post-volo

Quando voliamo attraverso più di 3 fusi orari, l'orologio interno che regola il nostro corpo si confonde. Il massimo che possiamo fare è alleviare il disagio che proviamo finché non torna a posto.
Elalab, vista aerea, Guinea Bissau
Etnico
Elalab, Guinea Bissau

Una Tabanca nella Guinea dei Meandri Infiniti

Ci sono innumerevoli affluenti e canali che, a nord del grande fiume Cacheu, si snodano tra le mangrovie e assorbono la terraferma. Contro ogni previsione, persone felici si stabilirono lì e mantennero villaggi prolifici circondati da risaie. Elalab, uno di questi, è diventata una delle tabancas più naturali ed esuberanti della Guinea Bissau.
tunnel di ghiaccio, percorso dell'oro nero, Valdez, Alaska, USA
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Sensazioni vs Impressioni

Maori haka, Waitangi Treaty Grounds, Nuova Zelanda
Storia
Baia delle Isole, Nova Zelândia

Nucleo di civiltà della Nuova Zelanda

Waitangi è il luogo chiave dell'indipendenza e della coesistenza di lunga data dei nativi Maori con i coloni britannici. Nella circostante Baia delle Isole si celebra l'idilliaca bellezza marina degli antipodi della Nuova Zelanda, ma anche la complessa e affascinante nazione kiwi.
Vista da Casa Iguana, Isole del mais, caraibi puri, nicaragua
Isole
Isole del mais-Isole del mais, Nicaragua

puro caraibico

Ambienti tropicali perfetti e la vita genuina degli abitanti sono gli unici lussi disponibili nelle cosiddette Corn Islands o Corn Islands, un arcipelago sperduto nelle propaggini centroamericane del Mar dei Caraibi.
Geotermico, calore islandese, terra di ghiaccio, geotermico, laguna blu
bianco inverno
Islândia

Il calore geotermico dell'isola di ghiaccio

La maggior parte dei visitatori apprezza i paesaggi vulcanici islandesi per la loro bellezza. Gli islandesi traggono anche da loro calore ed energia vitale che portano alle porte dell'Artico.
Almada Negreiros, Roça Saudade, Sao Tome
Letteratura
desiderio, São Tomé, São Tome e Principe

Almada Negreiros: da Saudade all'eternità

Almada Negreiros nasce nell'aprile del 1893 in una campagna di São Tomé. Alla scoperta delle sue origini, crediamo che l'esuberanza rigogliosa in cui ha iniziato a crescere abbia dato ossigeno alla sua feconda creatività.
Kayak sul Lago Sinclair, Cradle Mountain - Parco Nazionale del Lago Sinclair, Tasmania, Australia
Natura
alla Scoperta di Tassiè, Parte 4 - Da Devonport a Strahan, Australia

Attraverso il selvaggio West della Tasmania

Se il quasi-antipode tazzie è già un mondo australiano a parte, che dire della sua inospitale regione occidentale. Tra Devonport e Strahan, fitte foreste, fiumi sfuggenti e una costa frastagliata battuta da un Oceano Indiano quasi antartico generano enigma e rispetto.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Iguana a Tulum, Quintana Roo, Messico
Parchi Naturali
Yucatan, Messico

La legge siderale di Murphy che condannava i dinosauri

Gli scienziati che studiano il cratere causato dall'impatto di un meteorite 66 milioni di anni fa sono giunti a una conclusione radicale: si è verificato esattamente su una sezione del 13% della superficie terrestre soggetta a tale devastazione. È una zona di confine della penisola messicana dello Yucatan che un capriccio dell'evoluzione della specie ci ha permesso di visitare.
Sulla Costa d'Oro
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
eliminare, Gana

Il primo jackpot delle scoperte portoghesi

nel secolo XVI, Mina generava più di 310 kg d'oro all'anno per la Corona. Questo profitto ha suscitato l'avidità del Olanda e l'Inghilterra che si succedettero al posto dei portoghesi e favorirono la tratta degli schiavi nelle Americhe. Il paese che lo circonda è ancora conosciuto come Elmina, ma oggi il pesce è la sua ricchezza più evidente.
Coppia in visita a Mikhaylovskoe, il villaggio dove lo scrittore Alexander Pushkin aveva una casa
personaggi
San Pietroburgo e Michaylovskoe, Russia

Lo scrittore che ha ceduto alla sua stessa trama

Alexander Pushkin è lodato da molti come il più grande poeta russo e il fondatore della moderna letteratura russa. Ma Pushkin ha anche dettato un epilogo quasi tragicomico alla sua vita prolifica.
Il pescatore manovra la barca vicino alla spiaggia di Bonete, Ilhabela, Brasile
Spiagge
Ilhabela, Brasile

A Ilhabela, sulla Via Bonete

Una comunità di caiçaras discendenti dai pirati fondò un villaggio in un angolo di Ilhabela. Nonostante il difficile accesso, Bonete è stata scoperta e considerata una delle dieci migliori spiagge del Brasile.
Palazzi Gangtok, Sikkim, India
Religione
Gangtok, India

Una vita a mezza china

Gangtok è la capitale del Sikkim, un antico regno nella sezione himalayana della Via della Seta, divenuta provincia indiana nel 1975. La città è in equilibrio su un pendio, di fronte al Kanchenjunga, la terza elevazione più alta del mondo che molti indigeni ritengono sia casa in una valle paradisiaca dell'immortalità. La loro ripida e faticosa esistenza buddista mira, lì o altrove, a raggiungerlo.
Chepe Express, Ferrovia Chihuahua Al Pacifico
Veicoli Ferroviari
Cantra a Los Mochis, Messico

Barrancas de Cobre, Ferrovia

Il rilievo della Sierra Madre Occidental ha trasformato il sogno in un incubo di costruzione durato sei decenni. Nel 1961, finalmente, il prodigioso Ferrovia Chihuahua al Pacifico era aperto. I suoi 643 km attraversano alcuni dei paesaggi più spettacolari del Messico.
patpong, go go bar, bangkok, mille e una notte, thailandia
Società
bangkok, Thailandia

Mille e una notte perduta

Nel 1984 Murray Head cantava la magica e notturna bipolarità della capitale thailandese in "Una notte a Bangkok". Diversi anni, colpi di stato e manifestazioni dopo, Bangkok rimane insonne.
L'abbandono, lo stile di vita dell'Alaska, Talkeetna
Vita quotidiana
Talkeetna, Alaska

Lo stile di vita dell'Alaska di Talkeetna

Un tempo un semplice avamposto minerario, Talkeetna è stato ringiovanito nel 1950 per servire gli scalatori del Monte McKinley. Il villaggio è di gran lunga il più alternativo e accattivante tra Anchorage e Fairbanks.
Coccodrilli, Queensland tropicale dell'Australia selvaggia
Animali selvatici
Cairns la Tribolazione del Capo, Australia

Queensland tropicale: un'Australia troppo selvaggia

Cicloni e inondazioni sono solo l'espressione meteorologica dell'asprezza tropicale del Queensland. Quando non è il tempo, è la fauna mortale della regione a tenere i suoi abitanti all'erta.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.