Deserto Bianco, Egitto

La scorciatoia egiziana per Marte


Deserto (piccolo) bianco
Una jeep attraversa l'immensità extraterrestre del Deserto Bianco, una sezione del grande deserto del Sahara occidentale.
Stile el-Bawiti
Beduino nel mezzo del palmeto sulla strada per il centro urbano di El-Bawiti
El-Bawiti dei Piccoli
Un motociclista passa davanti a una replica in creta del vecchio quartiere di El-Bawiti.
dantesco
Montagne bicolore del deserto nero, 50 km a sud di El-Bawiti.
Porta del deserto
Il traffico corre lungo la principale autostrada Cairo-Farafra.
tempo di estrazione
Contadino beduino di buon umore, nonostante l'obbligo di lavorare.
sculture del tempo
Due dei numerosi ritagli geologici di calcite nel Deserto Bianco.
Il più dolce Bawiti
Venditori di datteri nel loro negozio a El-Bawiti, proprio nel mezzo dell'oasi di Bahariya.
Deserto (stesso) bianco
Suolo bianco di calcite, compare in diverse zone del Deserto Bianco.
Dantesco II
Il camion attraversa la vastità minerale del deserto nero.
Luce notturna
Jeep viaggia lungo una strada improvvisata alla periferia di El-Bawiti.
Marte sulla Terra
Formazioni rocciose levigate dai feroci venti secolari che spazzano il grande deserto del Sahara occidentale.
strano culto
Visitatori del Deserto Bianco accanto alla sua scultura più famosa: "Pollo e bomba atomica.
In un momento in cui la conquista del vicino del sistema solare è diventata un'ossessione, una parte orientale del deserto del Sahara ospita un vasto paesaggio correlato. Invece dei 150-300 giorni stimati necessari per raggiungere Marte, decollamo dal Cairo e, in poco più di tre ore, facciamo i primi passi nell'Oasi di Bahariya. Intorno, quasi tutto ci fa sentire il tanto agognato Pianeta Rosso.

Abbiamo lasciato la periferia della capitale egiziana.

Aladdin spegne il dispositivo che limitava la velocità della jeep. Sotto forma di inaspettata magia araba, ci libera per un viaggio attraverso il Deserto Bianco che è certamente meno sicuro, ma compiuto in un periodo brillante. Il prodigio si rivela presto imperfetto.

Dopo la città del 6 de Outubro, già molto grave nel Deserto Bianco, il dispositivo si dà e inaugura un irritante tintinnio di allarme che si sarebbe ripetuto per tutto il viaggio.

Poco prima di mezzogiorno, ci avvicinammo a un distributore di benzina sperduto nella distesa sabbiosa. Ayman, la guida, ci dice che ci fermeremo per sgranchirci le gambe. Ci uniamo a una piccola folla di altri autisti di autobus e passeggeri.

Abbiamo bevuto tè e caffè caldi senza troppa fretta. Ayman abbrevia il suo tè e se ne va.

Mentre lasciavamo lo stabilimento per aspettare fuori il ritorno sulla strada, notammo di essere entrati in una sala di preghiera.

Quando diamo un'occhiata più da vicino, Ayman faceva parte di una comunità maschile casuale che condivideva lo stesso mantello tappezzato di moquette, la direzione della Mecca e un'alternanza di prostrazioni guidate da una fede indiscussa in Allah alla quale, secondo tutte le indicazioni, Aladdin non si arrese.

Il credente ritarda ciò che ritarda. Dieci minuti dopo, unisciti a noi. Ognuno rinfrescato a modo suo, il duo cicerone annuncia la seconda parte del viaggio:

"Facciamolo! D'ora in poi, il deserto sarà molto più deserto".

Gateway per il deserto sulla strada Cairo-Farafra, Deserto Bianco, Egitto

Il traffico corre lungo la principale autostrada Cairo-Farafra.

El-Bahariya: la prima delle grandi oasi

Altre due ore di volo a bassa quota nel Sahara, arriviamo in una delle sue oasi rare e sempre sorprendenti, El-Bahariya. A metà dicembre la temperatura supera appena i 20ºC.

Non vediamo una sola anima straniera all'Hotel Panorama dove facciamo il check-in, né lo spettacolo aperto promesso dalla struttura. Ci accontentiamo. Siamo scesi subito e abbiamo condiviso un pranzo veloce con il duo cicerone.

Quindi il proprietario si impegna a mostrare a noi e ad Ayman il fascino di El-Bahariya. Senza obiezioni, noi tre salimmo su un'altra jeep e partimmo alla scoperta.

Eravamo lontani dal pensare che, anche come oasi, il posto potesse rivelarsi così lussureggiante. Eppure, ciò che scopriamo a 370 km dal Cairo è un'incredibile eccezione al paesaggio desolato e roccioso che ci circondava.

El-Bahariya inizia come una depressione che misura 90 km per 40 km, circondata da montagne moderate e che attira gran parte dell'acqua solo in apparenza. Nelle sue zone più profonde, dal terreno si erge un fitto palmeto di palme da datteri carico di frutti.

Stile el-Bawiti

È irrigato da sorgenti e corsi d'acqua, alcuni sotterranei, altri affioranti in superficie attraverso ruscelli e canali che i contadini di quelle parti manipolano in una complessa rete di piccole dighe, aperte e chiuse con una o due pietre o tre o quattro zappe .

Sentieri sterrati tra l'umido e lo stufato solcano il bosco. Contadini con zappe sulle spalle e produttori e fornitori vestiti con jilaba e turbanti che cavalcano asini carichi di bisacce piene di datteri ci attraversano.

Nel centro urbano di El-Bawiti, i venditori ci aspettano.

tempo di aratura,

Contadino beduino di buon umore, nonostante l'obbligo di lavorare.

El-Bawiti: Capitale dell'Oasi di El-Bahariya.

El-Bawiti è l'insediamento principale dell'oasi di El-Bahariya. Accoglie 30mila abitanti wahati (leggi l'oasi), beduini musulmani con antenati in Libia, lungo la costa mediterranea e nel valle del Nilo.

Confessiamo ad Ayman che amiamo gli appuntamenti. La guida egiziana intercede presso l'ospite della zona per portarci in un negozio dove potremmo acquistarli con fiducia.

A colpo d'occhio, usciamo dalla foresta e attraversiamo un viale Sharia Safaya dove spicca una sequenza di case in miniatura e modellini di argilla, alcune colorate, altre nel tono naturale del fango solidificato.

El-Bawiti dei Piccoli

Siamo entrati in una griglia di strade sterrate che le recenti piogge avevano reso meno polverose del solito.

Sono delimitati da esercizi poco caratteristici: negozi di alimentari, botteghe rurali, macellerie, una squallida sala da tè frequentata solo da uomini.

Insegne in arabo e materiale promozionale delle solite multinazionali si scontrano sul protagonismo commerciale di ogni vicolo, brandendo i toni più artificiosi e sgargianti a cui potrebbero ricorrere.

Di tanto in tanto un vecchio pick-up appare stipato di carico, o come abbiamo potuto vedere, dai passeggeri, diversi munaqqabat, che è come dire farcito abaya e niqab neri che rivelano solo i loro occhi.

Questi abiti lugubri e intimidatori, di regola usati da loro fuori casa, dove sono contemplati da altri uomini, sono lungi dal meritare l'ammirazione o anche il consenso degli egiziani in genere, e la loro propagazione ha generato apprensione nelle autorità che interpretarlo come un segno che si stanno diffondendo sia il fondamentalismo religioso che il disprezzo per il governo del Cairo.

Appuntamenti con abbondanza

In quel profondo Egitto che abbiamo attraversato, c'erano poche donne con cui abbiamo incrociato. Quelli che abbiamo visto indossavano la stessa combinazione nera o semplicemente qualcosa di meno cupo.

Perduti in questo bagliore, a metà tra l'antropologia e la moda musulmana, siamo arrivati ​​al negozio di datteri che ci era stato promesso. Lì, El-Bawiti brilla di colore.

Il più dolce Bawiti

Il segno presenta grandi caratteri arabi verde oliva e ciano su uno sfondo bianco decorato con palme da dattero e montagne.

I datteri, disponibili in diverse dimensioni e sfumature di giallo, marrone e oro, sono esposti su piccole collinette fruttifere che emergono dalle casse.

Sono in vendita al naturale, ma anche confezionati, in scatola, sott'olio e in altre forme meno prevedibili. Abbiamo seguito il consiglio del venditore.

Abbiamo comprato un chilo degli ultimi arrivati, i più freschi, i più dolci. Verso le sei del pomeriggio, con il sole che li aveva maturati già gocciolante dietro il palmeto, siamo tornati al desolato rifugio dell'Hotel Panorama.

Il lato oscuro del deserto bianco

Con la mattina successiva, è ora di dirigersi a sud-ovest, verso il cuore egiziano del Sahara. Siamo accompagnati da Mahmoud, un giovane assistente alberghiero beduino.

Ci siamo fermati nuovamente a El-Bawiti per fare la spesa, compreso un rinforzo dei datteri che, come era prevedibile, aveva già subito un enorme buco dal pomeriggio precedente. Alle dieci e mezza lasciammo il villaggio.

Dopo soli cinquanta chilometri, ci fermiamo in un tratto del percorso chiamato Deserto Nero. Abbiamo scalato una delle sue numerose colline vulcaniche cosparse di doleriti e quarziti scure.

Dall'alto apprezziamo la vastità semigialla e metà nera che lo circonda e il passaggio quasi insignificante di uno o due veicoli provenienti da un nulla apparente, destinato a un altro nulla, che rafforzano solo l'immensità circostante.

dantesco

Durante quel pomeriggio, attraverso quell'Egitto, Cirenaico in epoca romana, nell'entroterra, il deserto assume molte altre immagini, ognuna più surreale dell'altra.

Alle quattro arrivammo al Deserto Bianco di Farafra, che almeno Mahmoud sosteneva di conoscere abbastanza bene da non perdersi.

Crediamo nella sua promessa.

Usciamo dall'autostrada Cairo-Farafra ed entriamo in un labirinto di rocce e grandi massi sparsi senza apparente fine, un labirinto e un deserto del tipo che, nel 636 a.C., avrebbe disorientato il re persiano Cambise II e il suo esercito quando, in mezzo di conquista dall'Egitto, cercarono l'Oracolo di Amon.

Farafra: l'eccentrico portale del Pianeta Rosso

Farafra è la seconda di cinque depressioni nel Great Western Desert. Con soli 980 km2, occupa la metà di Bahariya. Il candore del suo sub-deserto diventa presto evidente.

Depositi di calcio ricoprono il suolo o ne spiccano come sculture che non riusciamo a credere siano meri prodotti millenari dell'impatto dei cristalli di sabbia trascinati dal vento furioso che spesso devasta queste parti.

Le nostre guide si rallegrano della profusione di sculture rupestri di gesso (calcite) che ci mostrano con entusiasmo infantile.

Il più famoso è il “pollo e il fungo” noto anche come “il pollo e la bomba atomica”. Una formazione ravvicinata ricorda un gelato. E così è stato chiamato.

Altri hanno nomi più grandiosi e più formali. C'è “il monolito” e l'“Inselberg”.

sculture del tempo

Ci siamo stancati di girare a bordo della jeep.

Quando abbiamo individuato un altopiano più alto in prossimità di quello che Ayman aveva designato come un campo, siamo usciti a piedi e abbiamo indicato la sua cima con il sole che già cadeva all'orizzonte.

Quando raggiungiamo la vetta, più che con forme buffe, ci troviamo di fronte a un'incredibile immensità di sassi e rocce levigate adagiate sul terreno macchiato di calcite.

A quest'ora del tramonto, il deserto conservava poco del suo bianco. In effetti, per come l'abbiamo visto da lì, non eravamo né in un deserto bianco né sulla Terra.

Il panorama giallo-ocra era – nessuno ci ha convinto del contrario – marziano. Redder e Martian crebbero mentre il crepuscolo si insinuava nell'ultimo bagliore e sottoponeva le nuvole invernali a un bagliore esuberante.

Fino ad allora eravamo stati soli. Senza che ce lo aspettiamo, altre due jeep spuntano da chissà dove e attraversano l'improbabile scenario. Non volevamo rovinare le immagini extraterrestri.

Di conseguenza, li immaginiamo come Rover della NASA in missione di esplorazione.

Marte sulla Terra

Il tramonto riscaldato dal falò di Farafra

Dopo mezz'ora, la luce resistente cede il passo alla pece. Siamo scesi dall'altopiano mentre potevamo farlo in sicurezza e ci siamo diretti verso Ayman, Aladdin e Mahmoud che da tempo stavano preparando il campo.

Abbiamo aiutato a risolvere l'incauto mancanza di illuminazione con cui l'ultimo aveva lasciato El-Bawiti.

Luce notturna

Poco dopo, già attorno ad un fuoco vigoroso, abbiamo condiviso una cena con i compagni egiziani sotto il cielo iperstellato.

Ayman suona della musica egiziana sul cellulare. Con la colonna sonora che ha scelto in sottofondo, cerca di risolvere un problema molto terreno.

Ci racconta storie e apporta correzioni che mirano ad accorciare le distanze che, nella sua mente, ci hanno tenuto la religione e la cultura islamica.

«Sapete che anche noi musulmani crediamo in Gesù e in Maria, almeno come personaggi storici». ci protegge tra diverse narrazioni, un'altra relativa all'Arca di Noè.

Presto ci racconta dei cantanti nazionalisti egiziani che, durante la Guerra dei Sei Giorni in cui l'Egitto (e diverse nazioni limitrofe) affrontarono Israele, cantava quasi solo inni nazionalisti: “ti amo egitto" e simili.

Il fuoco, come le energie di tutti gli altri, si estinse rapidamente. Noi, Ayman e Aladdin, ci siamo ritirati nelle tende. Più abituato al deserto, Mahmoud dormiva proprio accanto, all'aperto, nonostante le volpi e i coyote che ci osservavano da molto tempo, nonostante le loro visite in cerca di cibo.

Ci siamo svegliati prima dell'alba. Per un momento, la scena torna al profilo rossastro di Marte.

Non appena il sole lascia l'orizzonte, il Deserto Bianco riprende il suo candore e ci riporta nella Terra del Deserto Occidentale. Fino al prossimo crepuscolo.

strano culto

Viaggio effettuato con il supporto dell'operatore ImmagineTour. Vedi i programmi dell'Egitto ImmagineTour.

da Edfu a Kom Ombo, Egitto

Nilo in alto, da tolemaico dell'Alto Egitto

Dopo aver completato l'inevitabile ambasciata a Luxor, l'antica Tebe e la Valle dei Re, si procedeva controcorrente del Nilo. In Edfu e Kom Ombo, ci arrendiamo alla magnificenza storica lasciata in eredità dai successivi monarchi Tolomeo.
Luxor, Egitto

Da Luxor a Tebe: viaggio nell'antico Egitto

Tebe fu eretta come nuova capitale suprema dell'Impero Egizio, sede di Amon, il Dio degli Dei. La moderna Luxor ha ereditato il Tempio di Karnak e la sua sontuosità. Tra l'uno e l'altro scorrono il sacro Nilo e millenni di storia mozzafiato.
Assuan, Egitto

Dove il Nilo accoglie l'Africa nera

1200 km a monte del suo delta, il Nilo non è più navigabile. L'ultima delle grandi città egiziane segna la fusione tra territorio arabo e nubiano. Fin dalla sua sorgente nel Lago Vittoria, il fiume ha dato vita a innumerevoli popoli africani dalla carnagione scura.
Monte Sinai, Egitto

Forza nelle gambe e fede in Dio

Mosè ricevette i Dieci Comandamenti sulla vetta del monte Sinai e li rivelò al popolo di Israele. Oggi centinaia di pellegrini conquistano, ogni notte, i 4000 passi di quella dolorosa ma mistica ascesa.
Jaisalmer, India

C'è la festa nel deserto del Thar

Non appena il breve inverno finisce, Jaisalmer si abbandona a sfilate, corse di cammelli e gare di turbanti e baffi. Le sue mura, i vicoli e le dune circostanti acquistano più colore che mai. Durante i tre giorni dell'evento, sia i nativi che gli estranei osservano con stupore il vasto e inospitale Thar che finalmente risplende di vita.
Damaraland, Namibia

Namibia sulle rocce

Centinaia di chilometri a nord di Swakopmund, molte altre delle iconiche dune di Swakopmund Sossuvlei, Damaraland ospita deserti intervallati da colline di roccia rossastra, la montagna più alta e l'antica arte rupestre della giovane nazione. i coloni sudafricani ha chiamato questa regione in onore dei Damara, uno dei gruppi etnici della Namibia. Solo questi e altri abitanti dimostrano che rimane sulla Terra.
bazaruto, Mozambico

Il miraggio invertito del Mozambico

A soli 30 km dalla costa orientale dell'Africa, un improbabile ma imponente erg sorge dal mare traslucido. Bazaruto ripara paesaggi e persone che hanno vissuto a lungo separate. Chiunque atterri su questa lussureggiante isola sabbiosa si ritrova rapidamente in una tempesta di stupore.
Dunhuang, Cina

Un'oasi nella Cina delle Sabbie

Migliaia di chilometri a ovest di Pechino, la Grande Muraglia ha la sua estremità occidentale e la Cina e altro. Un'inaspettata spruzzata di verde vegetale rompe l'arida vastità circostante. Annuncia Dunhuang, ex avamposto cruciale della Via della Seta, oggi una città intrigante ai piedi delle dune più grandi dell'Asia.
deserto di Atacama, Cile

La vita ai margini del deserto di Atacama

Quando meno previsto, il luogo più arido del mondo svela nuovi scenari extraterrestri al confine tra l'inospitale e l'accogliente, lo sterile e il fertile che i nativi sono abituati ad attraversare.
Serengeti, Great Savanna Migration, Tanzania, gnu nel fiume
Safari
P.N. Serengeti, Tanzania

La grande migrazione della savana infinita

In queste praterie che dicono i Masai siringat (corri per sempre), milioni di gnu e altri erbivori inseguono le piogge. Per i predatori, il loro arrivo e quello del monsone sono la stessa salvezza.
Circuito dell'Annapurna, da Manang a Yak-kharka
Annapurna (circuito)
10° Circuito dell'Annapurna: Manang lo Yak Kharka, Nepal

Verso gli altopiani (superiori) dell'Annapurna

Dopo una pausa di acclimatamento nella civiltà quasi urbana di Manang (3519 m), riprendiamo l'ascesa allo zenit di Thorong La (5416 m). Quel giorno abbiamo raggiunto il villaggio di Yak Kharka, a 4018 m, un buon punto di partenza per i campi alla base della grande gola.
Una città perduta e ritrovata
Architettura & Design
Machu Picchu, Perù

La città perduta nel mistero degli Incas

Mentre vaghiamo per Machu Picchu, troviamo un significato nelle spiegazioni più accettate per la sua fondazione e abbandono. Ma ogni volta che il complesso viene chiuso, le rovine sono lasciate ai loro enigmi.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
Aventura
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Scena di Natale, Shillong, Meghalaya, India
Cerimonie e Feste
Shillong, India

Selfie di Natale in una fortezza cristiana in India

Arriva dicembre. Con una popolazione in gran parte cristiana, lo stato di Meghalaya sincronizza la sua Natività con quella occidentale ed è in contrasto con il sovraffollato subcontinente indù e musulmano. Shillong, la capitale, brilla di fede, felicità, jingle bells e illuminazione brillante. Per l'abbagliamento dei vacanzieri indiani di altre parti e fedi.
Rostov Veliki Cremlino, Russia
Città
Rostov Velikij, Russia

Sotto le cupole dell'anima russa

È una delle città medievali più antiche e importanti, fondata durante le origini ancora pagane della nazione degli Zar. Alla fine del XV secolo, inglobato nel Granducato di Mosca, divenne un imponente centro di religiosità ortodossa. Oggi, solo lo splendore del Cremlino Mosca batte quella della tranquilla e pittoresca cittadella di Rostov Velikij.
Cibo della capitale asiatica di Singapore, Basmati Bismi
cibo
Singapore

La capitale asiatica del cibo

C'erano 4 gruppi etnici a Singapore, ognuno con la propria tradizione culinaria. A ciò si aggiunse l'influenza di migliaia di immigrati ed espatriati su un'isola grande la metà di Londra. Si è affermata come la nazione con la più grande diversità gastronomica d'Oriente.
Occupazione cinese del Tibet, Tetto del mondo, Le forze di occupazione
Cultura
Lhasa, Tibete

La demolizione della campana del tetto del mondo

Qualsiasi dibattito sulla sovranità è accessorio e una perdita di tempo. Chiunque voglia lasciarsi abbagliare dalla purezza, dall'affabilità e dall'esotismo della cultura tibetana dovrebbe visitare il territorio il prima possibile. L'avidità della civiltà Han che muove la Cina non impiegherà molto a seppellire il Tibet millenario.
sportivo
concorsi

L'uomo, una specie sempre in prova

È nei nostri geni. Per il piacere di partecipare, per titoli, onore o denaro, i concorsi danno un senso al mondo. Alcuni sono più eccentrici di altri.
Gyantse, tempio di Kumbum
In viaggio
Lhasa a Gyantse, Tibete

Gyantse, attraverso le alture del Tibet

L'obiettivo finale è il campo base tibetano dell'Everest. In questo primo percorso, partendo da Lhasa, passiamo dal lago sacro di Yamdrok (4.441 m) e dal ghiacciaio della gola di Karo (5.020 m). A Gyantse ci arrendiamo allo splendore tibetano-buddista dell'antica cittadella.
Tabato, Guinea Bissau, Balafons
Etnico
Tabato, Guinea Bissau

Tabatô: al Ritmo di Balafom

Durante la nostra visita alla tabanca, a colpo d'occhio, il djidius (poeti musicisti)  i mandinga sono organizzati. Due dei prodigiosi balafonisti del villaggio prendono il comando, affiancati da bambini che li imitano. Cantanti con megafoni in mano, cantano, ballano e suonano la chitarra. C'è un suonatore di chora e diversi djambe e tamburi. La sua mostra genera successivi brividi.
tunnel di ghiaccio, percorso dell'oro nero, Valdez, Alaska, USA
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Sensazioni vs Impressioni

Mexcaltitán, Nayarit, Messico, dall'alto
Storia
Mexcaltitán, Nayarit, Messico

Un'isola tra mito e genesi messicana

Mexcaltitán è un'isola lacustre tondeggiante, piena di case e che, durante la stagione delle piogge, è percorribile solo in barca. Si crede ancora che potrebbe essere Aztlán. Il villaggio che gli Aztechi lasciarono in un peregrinare che terminò con la fondazione di Tenochtitlan, la capitale dell'impero che gli spagnoli avrebbero conquistato.
Patriota marzo
Isole
Taiwan

Bello ma non sicuro

I navigatori portoghesi non potevano immaginare l'imbroglio riservato a Formosa. Quasi 500 anni dopo, anche se non è sicura del suo futuro, Taiwan è fiorente. Da qualche parte tra indipendenza e integrazione nella grande Cina.
lago ala juumajarvi, parco nazionale di oulanka, finlandia
bianco inverno
Kuusamo ao P.N. Oulanka, Finlândia

Sotto il freddo incantesimo dell'Artico

Siamo al 66º nord e alle porte della Lapponia. Da queste parti il ​​paesaggio bianco è di tutti e di nessuno come gli alberi innevati, il freddo atroce e la notte senza fine.
Premio Kukenam
Letteratura
Monte Roraima, Venezuela

Viaggia nel tempo nel mondo perduto di Monte Roraima

In cima al Monte Roraima, ci sono scenari extraterrestri che hanno resistito a milioni di anni di erosione. Conan Doyle ha creato, in "The Lost World", una fiction ispirata al luogo ma non è mai riuscito a calpestarla.
Mahé Isole delle Seychelles, amiche della spiaggia
Natura
Mahé, Seychelles

La Grande Isola delle Piccole Seychelles

Mahé è la più grande delle isole del paese più piccolo dell'Africa. Ospita la capitale della nazione e quasi tutte le Seychelles. Ma non solo. Nella sua relativa piccolezza, nasconde uno splendido mondo tropicale, fatto di giungla montuosa che si fonde con l'Oceano Indiano in baie di tutte le sfumature del mare.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Angel Falls, fiume che cade dal cielo, Angel Falls, PN Canaima, Venezuela
Parchi Naturali
P.N. Canaima, Venezuela

Kerepakupai, Angel Jump: Il fiume che cade dal cielo

Nel 1937, Jimmy Angel fece atterrare un aereo su un altopiano sperduto nella giungla venezuelana. L'avventuriero americano non trovò l'oro ma conquistò il battesimo della cascata più lunga sulla faccia della Terra
Delta dell'Okavango, Non tutti i fiumi raggiungono il mare, Mokoros
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Delta dell'Okavango, Botswana

Non tutti i fiumi raggiungono il mare

Terzo fiume più lungo dell'Africa meridionale, l'Okavango nasce negli altopiani angolani di Bié e percorre 1600 km a sud-est. Perditi nel deserto del Kalahari, dove irriga una splendida zona umida brulicante di fauna selvatica.
personaggi
Sosia, Attori e Comparse

Stelle finte

Protagonisti di eventi o sono imprenditori di strada. Incarnano personaggi inevitabili, rappresentano classi sociali o periodi. Anche a miglia di distanza da Hollywood, senza di loro, il mondo sarebbe più noioso.
Mangrovie tra Ibo e Quirimba Island-Mozambico
Spiagge
Isola di Ibo a Isola QuirimbaMozambico

Ibo a Quirimba al Sapore della Marea

Per secoli, gli indigeni hanno viaggiato dentro e fuori le mangrovie tra le isole di Ibo e Quirimba, nel tempo che dà loro il travolgente viaggio di andata e ritorno dell'Oceano Indiano. Alla scoperta della regione, incuriositi dall'eccentricità del percorso, ne seguiamo i passi anfibi.
Maksim, popolo Sami, Inari, Finlandia-2
Religione
Inari, Finlândia

I Guardiani del Nord Europa

A lungo discriminato dai coloni scandinavi, finlandesi e russi, il popolo Sami riacquista la propria autonomia ed è orgoglioso della propria nazionalità.
Treno della Serra do Mar, Paraná, vista ariosa
Veicoli Ferroviari
Curitiba a Morretes, Paraná, Brasile

Paraná Sotto, a bordo del treno della Serra do Mar

Per più di due secoli, solo una strada tortuosa e stretta collegava Curitiba alla costa. Finché, nel 1885, una società francese inaugurò una ferrovia di 110 km. L'abbiamo percorsa fino a Morretes, l'ultima stazione per i passeggeri oggi. A 40 km dal capolinea costiero originale di Paranaguá.
Kogi, PN Tayrona, Guardiani del mondo, Colombia
Società
PN Tayrona, Colombia

Chi protegge i guardiani del mondo?

Gli indigeni della Sierra Nevada de Santa Marta credono che la loro missione sia salvare il Cosmo dai “Fratelli Minori”, che siamo noi. Ma la vera domanda sembra essere: "Chi li protegge?"
Restituzione nella stessa valuta
Vita quotidiana
Dawki, India

Dawki, Dawki, Bangladesh in vista

Scendiamo dalle terre alte e montuose di Meghalaya alla pianura a sud e in basso. Lì, il flusso traslucido e verde del Dawki forma il confine tra India e Bangladesh. Sotto un caldo umido che non sentivamo da molto tempo, il fiume attira anche centinaia di indiani e bengalesi dediti a una pittoresca fuga.
Parco Nazionale di Amboseli, Monte Kilimangiaro, Collina di Normatior
Animali selvatici
P.N. Amboseli, Kenia

Un regalo del Kilimangiaro

Il primo europeo ad avventurarsi in queste terre Masai rimase sbalordito da ciò che trovò. E ancora oggi grandi branchi di elefanti e altri erbivori vagano alla mercé dei pascoli innevati della più grande montagna africana.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.