Dawki, India

Dawki, Dawki, Bangladesh in vista


Restituzione nella stessa valuta
Il visitatore del Bangladesh di Dawki fotografa il fotografo straniero.
Occhiata
Il flusso del fiume Dawki visto dalla strada maestra che arriva dall'alta soglia dello stato indiano di Meghalaya.
bagnanti ma poco
I vacanzieri musulmani e bengalesi, indù e musulmani condividono le acque poco profonde del fiume Dawki.
Pista "noce di betel".
Case in un villaggio a monte di Jaflong Zero Point, sperduto in una foresta di palme areca.
Moda bengalese
Gruppo di giovani donne musulmane in abiti formali con lunghi hijab, nonostante il caldo tropicale di metà pomeriggio.
tandem riflettente
Le pescatrici pescano all'ombra di grandi cappelli in stile vietnamita sul ruscello traslucido del Dawki.
duo eleganza
Coppia del Bangladesh in abiti eleganti sulla riva di ciottoli del fiume Dawki.
Confine - 0 punti
I militari pattugliano l'area di confine dalla capanna militare a Jaflong Zero Point.
moda quasi dai capelli rossi
Anziano musulmano in visita al confine indo-bangladesh, i capelli e la barba tinti di arancione, come tanti altri.
Sull'orlo del Bangladesh
Le barche da pesca e da diporto scendono negli ultimi metri del fiume indiano Dawki. Poco dopo compaiono Jaflong Zero Point e il territorio del Bangladesh.
S. Kumar
L'esercito S. Kumar controlla le trasgressioni di indiani e bengalesi oltre la linea di confine di Jaflong Zero Point.
trono popolare
Il fotografo promuove il suo trono scenico installato sull'acqua di Dawki.
un altro dawki
Area in cui il fiume Dawki lascia le montagne e si estende in una vastità alluvionale sabbiosa, già all'interno del Bangladesh.
lavandaia all'antica
Un'adolescente originaria della zona di confine lava i suoi vestiti sui ciottoli del fiume Dawki.
Piedi nudi
Scarpe e sandali tradizionali sui ciottoli di Jaflong Zero Point.
marea di conversazione
Gli amici si rinfrescano con i piedi nell'acqua del Dawki in una delle tante calde giornate tropicali.
trio di canottaggio
Le barche a remi scendono gli ultimi metri dell'Indian Dawki, alla fine del tratto montuoso del fiume.
Socializzare senza perdere piede
Una famiglia del Bangladesh vive nelle acque poco profonde del Dawki, sopra il Punto Zero di Jaflong.
Il sovrasfruttato Dawki
I minatori di pietra camminano su una sponda alluvionale del fiume Dawki.
Scendiamo dalle terre alte e montuose di Meghalaya alla pianura a sud e in basso. Lì, il flusso traslucido e verde del Dawki forma il confine tra India e Bangladesh. Sotto un caldo umido che non sentivamo da molto tempo, il fiume attira anche centinaia di indiani e bengalesi dediti a una pittoresca fuga.

Ad un certo punto, la strada finisce ai margini del Altopiani di Meghalaya. Mirra ed è consumata. Ci fa tuffare in ganci contro ganci.

Alcuni di questi, dopo l'eminenza del confine di Meghalaya con il Bangladesh, abbiamo notato ai margini della nostra pelle quanto la temperatura e l'umidità fossero aumentate e come la vegetazione si fosse ispessita e fosse diventata intricata e tropicale.

Abbiamo appena superato altri veicoli. Tuttavia, 80km e 2h30 dopo la partenza mattutina, ci troviamo in un altro incubo del traffico.

Il fiume Dawki scorre appena sotto. Autisti e passeggeri impazienti lasciano le loro auto. Scendono e risalgono la rampa, determinati a capire cosa stesse causando quel caos. Alcuni, più proattivi, stanno persino scommettendo sulla risoluzione del problema. Invano.

Nella sua contagiosa tranquillità, Sharma elabora la nuova realtà e ci comunica le procedure consigliate. «Ci ​​vorrà un po' prima di uscire di qui. Comunque, il ponte è vicino. Se non ti dispiace, è meglio continuare a piedi".

Già mezzi saturi dal viaggio, non abbiamo esitato. Abbiamo salvato gli zaini e siamo partiti. Siamo gli unici europei da quelle parti. La nostra improvvisa apparizione sorprende gli indigeni. Provoca commenti successivi, inviti a conversazioni e, ovviamente, selfie.

Con Dawki in vista

La foresta si apre. Ci dà un assaggio di una nebbiosa pianura alluvionale. In lontananza, a sud, il fiume e il suo letto, che la stagione secca aveva ridotto, servivano da base per una moltitudine di figure nere erranti, simili a una colonia di formiche in fuga. Immediatamente potemmo vedere la gola in cui scorreva il Dawki, stretta e verdeggiante, prima di allargarsi in questa insolita immensità.

Fiume Dawki, Bangladesh

Area in cui il fiume Dawki lascia le montagne e si estende in una vastità alluvionale sabbiosa, già all'interno del Bangladesh.

Qui una flotta di barche a remi artigianali occupava la riva. Alcuni dei suoi proprietari imbarcavano turisti, altri aspettavano o salpavano. Altri ancora hanno approfittato dell'interregno per lavarsi nel Dawki con impegno e vigore quasi religiosi, indifferenti alle devastazioni che i loro compagni rematori in servizio hanno fatto loro.

Tutto quel trambusto fluviale ci ha incuriosito. Presi dall'incantesimo dell'esotico sconosciuto, ci siamo dimenticati che Sharma ci stava già cercando.

Arriviamo all'ingresso di un grande ponte di ferro dal profilo militare sul Dawki. Due poliziotti vestiti con uniformi senape e intrisi di spirito di missione ci avvertono del fatto che il ponte è un confine, strategico e che, come tale, non potremmo fotografare.

Barche sul fiume Dawki, India

Il flusso del fiume Dawki visto dalla strada maestra che arriva dall'alta soglia dello stato indiano di Meghalaya.

Ma siamo armati di documenti del governo indiano. Ci attestano come più che turisti. Convalidano un'eccezione necessaria, con la promessa che avremmo fotografato solo dal ponte, non dalla struttura stessa.

Andiamo avanti. Possiamo vedere l'azione sotto ea monte attraverso la grata arrugginita. I pescatori all'ombra dei cappelli conici alternano il tiro e la raccolta delle lenze.

Pescatrici sul fiume Dawki, India

I pescatori pescano all'ombra di grandi cappelli in stile vietnamita sul ruscello traslucido del Dawki

Sulla strada per... Bangladesh

I passeggeri del battello da diporto li individuano e salutano eccitati. Fino a quando la polizia non si avvicinerà di nuovo a noi. “Scusa ma le persone non vogliono capire perché puoi e loro non possono. Abbiamo già provato a spiegartelo, anche perché le tue macchine sono molto più grandi dei loro cellulari.

Anche così, due o tre noiosi non lasceranno andare. Se potessi velocizzare il tuo lavoro, te ne saremmo grati.

Accettiamo l'irrequietezza. Nonostante l'atteggiamento quasi militaresco degli agenti, noi quattro finimmo per ridere insieme. Dopo di che abbiamo finito di attraversare il ponte e abbiamo seguito il piede di un pendio più ripido di quello opposto.

Abbiamo pensato che lì avremmo trovato l'infrastruttura doganale. Non è ancora stato così. Temiamo di entrare in Bangladesh e di metterci nei guai. Anche così, abbiamo continuato.

Barcaioli sul fiume Dawki, India

Le barche da pesca e da diporto scendono negli ultimi metri del fiume indiano Dawki. Poco dopo compaiono il Jaflong Zero Point e il territorio del Bangladesh

In un angolo buio, la strada ci svela il luogo in cui il fiume ha lasciato la gola, la soglia dove, in un inaspettato meandro, si è arreso alla vastità sabbiosa e vaporosa che avevamo intravisto dalla sommità della sponda opposta. Nella nostra mente, il India era stato lasciato indietro. Altrimenti che senso hanno la polizia, gli avvertimenti e la sbarra sul ponte militare.

Ci siamo riavvicinati a Dawki. Abbiamo trovato una profusione di vendite, samosa, pani puri (uno spuntino popolare per le strade di India), altri cibi e bevande, abbigliamento e una gamma diversificata di Made in Cina.

Una spiaggia di confine surreale

Davanti a noi, la folla balneare più esuberante a cui abbiamo mai assistito ha riempito una spiaggia surreale. Staccato da lei, un soldato con un fischietto e un bastone a portata di mano, ha cercato di mantenere un ordine che non siamo riusciti a capire.

Visitatori del confine di Jaflong, Bangladesh-India

I vacanzieri musulmani e bengalesi, indù e musulmani condividono le acque poco profonde del fiume Dawki.

Nonostante fossimo riluttanti, ci avviammo verso il fiume, non molto tempo dopo, tra la folla che ci era estranea.

Le donne indossano i loro abiti migliori: sari luminosi e lucenti, hijab e dupattas da abbinare a lungo salwars, alcuni con pendenti tikka ou maang tikka decorare le teste, in set esuberanti come gli indù.

Gli uomini, invece, condividono una moda che ha scartato il tradizionalismo di altri tempi. Solo l'uno o l'altro porta le vesti Kurta ou thob e indossa gli zucchetti Tupi abbinati.

Famiglia a Jaflong Point, Bangladesh

Una famiglia del Bangladesh vive nelle acque poco profonde del Dawki, sopra il Punto Zero di Jaflong.

Non è che manchino i fiumi o l'acqua o il India né il Bangladesh che, oltre al Dawki, condivide l'imponente Gange e Brahmaputra (che si uniscono in Padma), tra gli altri.

Abbiamo intuito che ciò che ha spinto tutte quelle persone a radunarsi lì è stato il fatto che vivevano insieme e si rinfrescavano sul confine emblematico, simile a quelle che erano (sono ancora?) le incursioni da Elvas a Badajoz, da Vila Real de Santo António a Ayamonte e molti altri lungo questo confine portoghese-spagnolo.

Il magnetismo roccioso del punto zero di Jaflong

Il luogo che li ospitava divenne noto come il Punto Zero di Jaflong. Jaflong divenne popolare nelle menti dei bengalesi come a stazione di collina idilliaco circondato da foreste pluviali e piantagioni di tè e dal predominio dell'etnia Khasi, la stessa che abbiamo trovato a Shillong e nel resto dello stato di Meghalaya. Cioè, fino a quando non si instaura l'avidità.

La pianura alluvionale dei fiumi Dawki e Goyain nascondeva un filone di pietre. Non le pietre preziose che normalmente supponiamo, semplici pietre comuni.

In quelle parti dove il reddito è così esiguo, gli indigeni si resero conto che se li estraessero e li schiacciassero dall'alba al tramonto e li vendessero per trasformarli in cemento, avrebbero guadagnato molto di più che con i loro compiti precedenti.

Estrazione di pietre dal fiume Dawki, Bangladesh

I minatori di pietra camminano su una sponda alluvionale del fiume Dawki

Questo stimolo finanziario attirò migliaia di minatori spontanei che occuparono terreni demaniali e persino parte di una riserva naturale. Hanno scavato fossati e sventrato il paesaggio al punto da costringere il governo di Dhaka a intervenire e forzare il rimboschimento di vari settori dell'area distrutta, lungi dal recuperarla completamente.

Tutto questo era passato e continuava a passare poche centinaia di metri a valle. Lì, in quel Punto Zero, solo il sapone usato da alcune lavandaie installate su isolotti di ciottoli macchiava il Dawki.

Lavandaia sul fiume Dawki, Bangladesh

Un'adolescente originaria della zona di confine lava i suoi vestiti sui ciottoli del fiume Dawki.

L'inondazione di visitatori dal India e i bengalesi l'hanno riempita, soprattutto, di colore, di buon umore e di selfie e foto di famiglia, alcuni realizzati con semplici smartphone, molti dei quali scattati da fotografi professionisti che hanno passeggiato per la zona promuovendo i loro servizi.

Con l'obiettivo di attirare più clienti, uno di questi imprenditori mantiene, sull'acqua, una scenografica poltrona sull'acqua, insieme a venditori di cartoline, noccioline, insalate chaat di grano, di paani puri e altri.

Lungi dall'invitare o essere in grado di fornire bagni, Dawki bagna solo i piedi dei visitatori. Alcuni restano ai metri inaugurali. Altri si avventurano quasi nel mezzo del ruscello poco profondo. Continuava però ad essere limitato lo spostamento laterale dei villeggianti, che ci riporta al militare con il bastone pronto e alle sue intriganti funzioni.

Singh & Kumar, il duo militare con la missione dell'ordine

Come linea di confine, il Punto Zero di Jaflong era sorvegliato. Successivamente abbiamo notato un posto di blocco mimetizzato, sopraelevato su una piattaforma di ciottoli.

Due soldati indiani, Man Mohan Singh e S. Saj Kumar, si alternarono tra il controllo degli eventi da lì e, dalla riva del fiume, le peregrinazioni della popolazione. Entrambi sembravano identificare senza difficoltà chi proveniva dal India e dal Bangladesh

S. Kumar, militare sulla linea di confine di Jaflong Zero Point

L'esercito S. Kumar controlla le trasgressioni di indiani e bengalesi oltre la linea di confine di Jaflong Zero Point.

Abbiamo parlato con S. Kumar. Questo si gonfia per vedere il suo ruolo raddoppiato. Ignora il buon senso atteso e la modestia militare e ci permette di fotografarlo sia con noi che da soli. Gli abbiamo chiesto cosa controllasse, dopotutto, con il suo fischietto e il suo bastone.

Kumar, un soldato tamil, sfollato dall'India meridionale, ci spiega tutto nei dettagli: “Riesci a vedere la casetta laggiù? E quella grande roccia? Quindi, il confine è una linea immaginaria che viene dall'alto, passa attraverso la roccia e scorre verso l'interno verso l'altro lato. Quello che devo fare è impedire che gli indiani passino dalla parte del Bangladesh e i bengalesi dalla parte del Bangladesh India. "

Sia lui che Singh hanno preso sul serio la missione. Non appena una persona popolare ha attraversato il confine immateriale, i militari hanno fischiato, alzato il testimone e lo hanno smantellato. Se il reato si ripeteva, aggravavano il rimprovero con minacce di espulsione. Così è iniziato anche con noi.

Ma quando hanno saputo chi eravamo e cosa stavamo facendo, le guardie hanno cominciato a ignorare le incursioni che abbiamo costretto, sempre più trasgressive, anche lì, già nelle terre del Bangladesh.

Puntello del fotografo sul fiume Dawki, in Bangladesh

Il fotografo promuove il suo trono scenico installato sull'acqua di Dawki

Una Terra a Tempi Unici

Originariamente, un territorio della provincia indiana del Bengala orientale, il Bangladesh è emerso dalla dolorosa spartizione del India Agosto 1947. Era una delle due nuove nazioni (l'altra era il Pakistan) create frettolosamente per accogliere i molti milioni di musulmani senza un posto in India, risultato della crescente incompatibilità con la maggioranza indù.

Gli anni passarono. Secondo i militari, "a parte il problema dell'emigrazione clandestina dei bengalesi verso nord che l'India non riesce a controllare, abbiamo un rapporto, se non cordiale, almeno accettabile".

Coppia del Bangladesh a Jeflong Zero Point

Coppia del Bangladesh in abiti eleganti sulla riva di ciottoli del fiume Dawki.

Si sarebbe scelto, infatti, di classificarlo dopo buona parte del pomeriggio trascorso tra i “vicini di casa” indù, cristiani di Meghalaya e musulmani del Bangladesh.

Scossi dalle diverse ore sotto il sole tropicale e da tutto quel trambusto balneare, ci troviamo estasiati, affamati e assetati. Ritornammo sulla strada dove ci aspettava Sharma. Attraverso la nostra aria, l'autista ha immediatamente intuito ciò che volevamo.

Collina cosparsa di noci di Betel sul versante indiano

Case in un villaggio a monte di Jaflong Zero Point, sperduto in una foresta di palme areca.

Pochi minuti dopo, siamo seduti al tavolo di un ristorante all'ombra di una piantagione di palme areca. Anche piccante esplosivo, abbiamo divorato il menu thali di pesce che, a quell'ora tarda, ci servivano ancora. Siamo tornati alla macchina. Abbiamo concluso la giornata esplorando altri domini aspri, verdeggianti e indiani a monte del Dawki.

Maggiori informazioni su Meghalaya su Mesmerizing Megalaya e sul sito web del turismo indiano Incredibile India.

Jaisalmer, India

C'è la festa nel deserto del Thar

Non appena il breve inverno finisce, Jaisalmer si abbandona a sfilate, corse di cammelli e gare di turbanti e baffi. Le sue mura, i vicoli e le dune circostanti acquistano più colore che mai. Durante i tre giorni dell'evento, sia i nativi che gli estranei osservano con stupore il vasto e inospitale Thar che finalmente risplende di vita.
Goa, India

L'ultimo rantolo di morte della Portogallo di Goa

L'importante città di Goa ha già giustificato il titolo di "Roma d'Oriente” quando, a metà del XVI secolo, epidemie di malaria e colera votarono per abbandonarlo. Nova Goa (Pangim) con cui è stato scambiato ha raggiunto la sede amministrativa dell'India portoghese ma è stata annessa dall'Unione indiana post-indipendenza. In entrambi, il tempo e la negligenza sono disturbi che ora languono l'eredità coloniale portoghese.
Tawang, India

La mistica valle della profonda discordia

All'estremità settentrionale della provincia indiana dell'Arunachal Pradesh, Tawang ospita paesaggi montuosi spettacolari, villaggi etnici Mompa e maestosi monasteri buddisti. Anche se dal 1962 i rivali cinesi non lo trafiggono, Pechino guarda questo dominio come parte del tuo Tibete. Di conseguenza, religiosità e spiritualismo hanno da tempo condiviso un forte militarismo.
Guwahati, India

La città che adora Kamakhya e la fertilità

Guwahati è la città più grande dello stato dell'Assam e dell'India nord-orientale. È anche uno dei più veloci al mondo. Per gli indù e i devoti credenti nel Tantra, non sarà un caso che Kamakhya, la dea madre della creazione, sia adorata lì.
porte, India

Alle porte dell'Himalaya

Siamo arrivati ​​alla soglia settentrionale del Bengala occidentale. Il subcontinente è ceduto a una vasta pianura alluvionale piena di piantagioni di tè, giungla, fiumi che il monsone fa traboccare su infinite risaie e villaggi che scoppiano a crepapelle. Al confine con la più grande delle catene montuose e il regno montuoso del Bhutan, per l'evidente influenza coloniale britannica, l'India chiama questa splendida regione con Dooars.
Gangtok, India

Una vita a mezza china

Gangtok è la capitale del Sikkim, un antico regno nella sezione himalayana della Via della Seta, divenuta provincia indiana nel 1975. La città è in equilibrio su un pendio, di fronte al Kanchenjunga, la terza elevazione più alta del mondo che molti indigeni ritengono sia casa in una valle paradisiaca dell'immortalità. La loro ripida e faticosa esistenza buddista mira, lì o altrove, a raggiungerlo.
Meghalaya, India

Ponti di popoli che mettono radici

L'imprevedibilità dei fiumi nella regione più umida della terra non ha mai scoraggiato Khasi e Jaintia. Di fronte all'abbondanza di alberi ficus elastico nelle loro valli queste etnie si abituavano a modellare rami e ceppi. Dalla loro tradizione perduta nel tempo, hanno lasciato in eredità centinaia di abbaglianti ponti di radici alle generazioni future.
Ooty, India

Nella cornice quasi ideale di Bollywood

Il conflitto con il Pakistan e la minaccia del terrorismo hanno reso le riprese in Kashmir e Uttar Pradesh un dramma. In Ooty, possiamo vedere come questa ex stazione coloniale britannica abbia assunto il ruolo di primo piano.

Hampi, India

Alla Scoperta dell'Antico Regno de Bisnaga

Nel 1565, l'impero indù di Vijayanagar soccombette agli attacchi nemici. 45 anni prima era già stata vittima della portoghesi del suo nome da parte di due avventurieri portoghesi che lo rivelarono all'Occidente.

Goa, India

A Goa, Veloce e Forte

Un'improvvisa voglia di eredità tropicale indo-portoghese ci fa viaggiare con vari mezzi di trasporto ma quasi senza soste, da Lisbona alla famosa spiaggia di Anjuna. Solo lì, a caro prezzo, potremmo riposare.
Shillong, India

Selfie di Natale in una fortezza cristiana in India

Arriva dicembre. Con una popolazione in gran parte cristiana, lo stato di Meghalaya sincronizza la sua Natività con quella occidentale ed è in contrasto con il sovraffollato subcontinente indù e musulmano. Shillong, la capitale, brilla di fede, felicità, jingle bells e illuminazione brillante. Per l'abbagliamento dei vacanzieri indiani di altre parti e fedi.
Siliguri a Darjeeling, India

Il trenino himalayano funziona ancora seriamente

Né la forte pendenza di alcuni tratti né la modernità lo fermano. Da Siliguri, alle pendici tropicali della grande catena montuosa asiatica, a Darjeeling, con le sue cime in vista, il più famoso dei trenini indiani regala, giorno dopo giorno, un arduo viaggio da sogno. Percorrendo la zona, ci imbarchiamo e ci lasciamo incantare.
Maguri Bill, India

Un Pantanal ai confini dell'India nord-orientale

Il Maguri Bill occupa un'area anfibia nelle vicinanze assamesi del fiume Brahmaputra. È lodato come un habitat incredibile, soprattutto per gli uccelli. Quando lo navighiamo in modalità gondola, ci imbattiamo in molta (ma molta) più vita della semplice asada.
Jaisalmer, India

La vita duratura al Forte d'Oro di Jaisalmer

La fortezza di Jaisalmer fu costruita dal 1156 in poi per ordine di Rawal Jaisal, sovrano di un potente clan proveniente dalle propaggini indiane del deserto del Thar. Più di otto secoli dopo, nonostante la continua pressione del turismo, condividono il vasto e intricato interno dell'ultimo forte abitato dell'India, quasi quattromila discendenti degli abitanti originari.
Guwahati a Passo Sela, India

Viaggio banale alla gola sacra di Sela

Per 25 ore abbiamo viaggiato lungo la NH13, una delle strade più alte e pericolose dell'India. Abbiamo viaggiato dal bacino del fiume Brahmaputra alla contesa Himalaya della provincia di Arunachal Pradesh. In questo articolo descriviamo il tratto fino a 4170 m di quota del Passo Sela che ci ha portato Città buddista tibetana di Tawang.
PN Kaziranga, India

La roccaforte del Monoceros indiano

Situato nello stato dell'Assam, a sud del grande fiume Brahmaputra, PN Kaziranga occupa una vasta area di palude alluvionale. Lì, due terzi del rinoceronte unicornis nel mondo, tra circa 100 tigri, 1200 elefanti e molti altri animali. Pressato dalla vicinanza umana e dall'inevitabile bracconaggio, questo prezioso parco non ha saputo proteggersi dalle iperboliche inondazioni monsoniche e da alcune polemiche.
Majuli, India

Un conto alla rovescia dell'isola

Majuli è la più grande isola fluviale dell'India e sarebbe ancora una delle più grandi sulla faccia della terra se non fosse per l'erosione del fiume Brahmaputra che lo ha ridotto per secoli. Se, come si teme, più di un'isola verrà sommersa entro vent'anni, una roccaforte culturale e paesaggistica davvero mistica del Subcontinente scomparirà.
Chandor, Goa, India

Una casa goano-portoghese, di sicuro

Un palazzo con influenze architettoniche portoghesi, Casa Menezes Bragança si distingue dalle case di Chandor, a Goa. Forma l'eredità di una delle famiglie più potenti dell'ex provincia. Sia dalla sua ascesa in un'alleanza strategica con l'amministrazione portoghese sia dal successivo nazionalismo di Goa.
Jabula Beach, Kwazulu Natal, Sud Africa
Safari
Santa Lucia, Sud Africa

Un'Africa selvaggia come Zulu

All'eminenza della costa del Mozambico, la provincia del KwaZulu-Natal ospita un inaspettato Sud Africa. Spiagge deserte costellate di dune, vasti estuari e colline ricoperte di nebbia riempiono questa terra selvaggia bagnata anche dall'Oceano Indiano. È condiviso dai sudditi della sempre orgogliosa nazione Zulu e da una delle faune più prolifiche e diversificate del continente africano.
Aurora illumina la Pisang Valley, Nepal.
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 3°- Upper Pisang, Nepal

Un'inaspettata alba nevosa

Ai primi accenni di luce, la vista del manto bianco che aveva ricoperto durante la notte il paese ci abbaglia. Con una delle escursioni più dure sul circuito dell'Annapurna in vista, abbiamo posticipato la partenza il più a lungo possibile. Infastiditi, abbiamo lasciato Upper Pisang per Ngawal quando l'ultima neve se n'era andata.
dall'ombra
Architettura & Design
Miami, EUA

Un capolavoro di riabilitazione urbana

All'inizio del 25° secolo, il quartiere di Wynwood era ancora pieno di fabbriche e magazzini abbandonati e pieni di graffiti. Tony Goldman, un astuto investitore immobiliare, acquistò oltre XNUMX proprietà e fondò un parco murale. Molto più che rendere omaggio ai graffiti lì, Goldman ha fondato il grande bastione della creatività di Miami.
Barche sul ghiaccio, isola di Hailuoto, Finlandia
Aventura
A forma di squalo, Finlândia

Un rifugio nel Golfo di Botnia

Durante l'inverno, l'isola di Hailuoto è collegata al resto della Finlandia dalla strada di ghiaccio più lunga del paese. La maggior parte dei suoi 986 abitanti apprezza soprattutto la distanza che l'isola concede loro.
Cerimonie e Feste
Militare

Difensori delle loro terre d'origine

Anche in tempo di pace, rileviamo personale militare ovunque. In servizio nelle città, svolgono missioni di routine che richiedono rigore e pazienza.
, Messico, città dell'argento e dell'oro, case sui tunnel
Città
Guanajuato, Messico

La Città che Brilla di Tutti i Colori

Durante il XNUMX° secolo, è stata la città che ha prodotto più argento al mondo e una delle più opulente del Messico e della Spagna coloniale. Molte delle sue miniere sono ancora attive, ma l'impressionante ricchezza di Guanuajuato risiede nell'eccentricità multicolore della sua storia e del suo patrimonio secolare.
Il focan di Lola, cibo ricco, Costa Rica, Guapiles
cibo
Il Fogon di Lola, Costa Rica

Il gusto della Costa Rica a El Fogón de Lola

Come suggerisce il nome, Fogón de Lola de Guapiles serve piatti preparati sui fornelli e al forno, secondo la tradizione della famiglia costaricana. In particolare, la famiglia di zia Lola.
Sfilata e sfarzo
Cultura
San Pietroburgo, Russia

La Russia va controcorrente. segui la marina

La Russia dedica l'ultima domenica di luglio alle sue forze navali. Quel giorno, una folla visita grandi barche ormeggiate nel fiume Neva mentre marinai annegati nell'alcol prendono il controllo della città.
4 luglio Fireworks-Seward, Alaska, Stati Uniti
sportivo
Seward, Alaska

Il 4 luglio più lungo

L'indipendenza degli Stati Uniti viene celebrata a Seward, in Alaska, in modo modesto. Anche così, il 4 luglio e la sua celebrazione sembrano non avere fine.
DMZ, Corea del Sud, Linea di non ritorno
In viaggio
ZDM, Dora - Corea del Sud

La linea del non ritorno

Una nazione e migliaia di famiglie furono divise dall'armistizio nella guerra di Corea. Oggi, mentre i turisti curiosi visitano la DMZ, molte delle fughe dei nordcoreani oppressi finiscono in tragedia.
Horseshoe Bend
Etnico
Navajo Nation, EUA

Attraverso Navajo Nation Lands

Da Kayenta a Page, passando per Marble Canyon, esploriamo l'altopiano del Colorado meridionale. Drammatica e desertica, le ambientazioni di questo dominio indigeno ritagliato in Arizona si rivelano magnifiche.
arcobaleno nel Grand Canyon, un esempio di luce fotografica prodigiosa
Portfolio fotografico Got2Globe
Luce Naturale (parte 1)

E c'era Luce sulla Terra. Sapere come usarlo.

Il tema della luce in fotografia è inesauribile. In questo articolo, ti diamo alcune nozioni di base sul suo comportamento, per cominciare, solo e solo in termini di geolocalizzazione, ora del giorno e anno.
Chiesa coloniale di San Francesco d'Assisi, Taos, New Mexico, USA
Storia
Taos, EUA

Il Nord America ancestrale di Taos

Viaggiando attraverso il New Mexico, siamo rimasti abbagliati dalle due versioni di Taos, quella del villaggio indigeno di adobe di Taos Pueblo, uno dei villaggi della EUA abitato più a lungo e continuamente. E quella di Taos, la città che i conquistatori spagnoli lasciarono in eredità alla Messicoo Messico cedette a Stati Uniti e che una comunità creativa di discendenti nativi e artisti migranti migliora e continua a lodare.
Mexcaltitán, Nayarit, Messico, dall'alto
Isole
Mexcaltitán, Nayarit, Messico

Un'isola tra mito e genesi messicana

Mexcaltitán è un'isola lacustre tondeggiante, piena di case e che, durante la stagione delle piogge, è percorribile solo in barca. Si crede ancora che potrebbe essere Aztlán. Il villaggio che gli Aztechi lasciarono in un peregrinare che terminò con la fondazione di Tenochtitlan, la capitale dell'impero che gli spagnoli avrebbero conquistato.
Oulu Finlandia, il passaggio del tempo
bianco inverno
Oulu, Finlândia

Oulu: un'ode all'inverno

Situata nella parte nord-orientale del Golfo di Botnia, Oulu è una delle città più antiche della Finlandia e la sua capitale settentrionale. A soli 220 km dal Circolo Polare Artico, anche nei mesi più freddi offre una prodigiosa vita all'aria aperta.
silhouette e poesia, cora coralina, old goias, brasile
Letteratura
Goias Velho, Brasile

Vita e lavoro di uno scrittore al margine

Nata a Goiás, Ana Lins Bretas ha trascorso gran parte della sua vita lontana dalla sua famiglia castrante e dalla città. Tornando alle sue origini, ha continuato a ritrarre la mentalità prevenuta della campagna brasiliana.
Il piccolo faro di Kallur, evidenziato nel capriccioso rilievo del nord dell'isola di Kalsoy.
Natura
Kalsoy, Isole Faroe

Un faro alla fine del mondo faroese

Kalsoy è una delle isole più isolate dell'arcipelago delle Faroe. Detta anche “il flauto” per la sua forma longilinea e per i numerosi cunicoli che la servono, è abitata da soli 75 abitanti. Molto meno degli estranei che la visitano ogni anno, attratti dal bagliore boreale del suo faro di Kallur.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Serra Dourada, Cerrado, Goiás, Brasile
Parchi Naturali
Serra Dourada, Goiás, Brasile

Dove il Cerrado ondeggia Dorato

Uno dei tipi di savana del Sud America, il Cerrado si estende su più di un quinto del territorio brasiliano, che fornisce gran parte dell'acqua dolce. Situato nel cuore dell'altopiano centrale e dello stato di Goiás, il Parco statale della Serra Dourada brilla di doppio.
Nazionalismo colorato
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Cartagena delle Indie, Colombia

La città desiderata

Molti tesori sono passati da Cartagena prima della consegna alla corona spagnola, più dei pirati che hanno cercato di depredarli. Oggi le mura proteggono una città maestosa sempre pronta a "rumbe".
Monumento a Heroes Acre, Zimbabwe
personaggi
Harare, zimbabwe

L'ultimo sonaglio del surreale Mugabué

Nel 2015, la first lady dello Zimbabwe Grace Mugabe disse che il presidente, allora 91enne, avrebbe governato fino all'età di 100 anni, su una sedia a rotelle speciale. Poco dopo, iniziò a insinuarsi nella sua successione. Ma nei giorni scorsi i generali hanno finalmente accelerato la rimozione di Robert Mugabe che hanno sostituito con l'ex vicepresidente Emmerson Mnangagwa.
Vista del monte Teurafaatiu, Maupiti, Isole della Società, Polinesia francese
Spiagge
Maupiti, Polinesia Francese

Una società al margine

All'ombra della fama quasi planetaria della vicina Bora Bora, Maupiti è remota, scarsamente abitata e anche meno sviluppata. I suoi abitanti si sentono abbandonati ma chi la visita è grato per l'abbandono.
Celebrazione di Newar, Bhaktapur, Nepal
Religione
Bhaktapur, Nepal

Le maschere della vita nepalesi

Gli indigeni Newar della valle di Kathmandu attribuiscono grande importanza alla religiosità indù e buddista che li unisce tra loro e con la Terra. Di conseguenza, benedice i loro riti di passaggio con danze Newar di uomini mascherati da divinità. Anche se ripetute a lungo dalla nascita alla reincarnazione, queste danze ancestrali non sfuggono alla modernità e iniziano a vedere una fine.
Di nuovo al sole. Funivie di San Francisco, alti e bassi della vita
Veicoli Ferroviari
San Francisco, EUA

Funivie di San Francisco: una vita di alti e bassi

Un macabro incidente di carro ha ispirato la saga della funivia di San Francisco. Oggi, queste reliquie funzionano come un'affascinante operazione della città della nebbia, ma hanno anche i loro rischi.
Festival di Kente Agotime, Ghana, oro
Società
Kumasi a Kpetoe, Gana

Una celebrazione del viaggio della moda tradizionale ghanese

Dopo qualche tempo nella grande capitale del Ghana Ashanti abbiamo attraversato il paese fino al confine con il Togo. Le ragioni di questo lungo viaggio sono state le alla città, un tessuto così venerato in Ghana che diversi capi tribù gli dedicano ogni anno un sontuoso festival.
L'abbandono, lo stile di vita dell'Alaska, Talkeetna
Vita quotidiana
Talkeetna, Alaska

Lo stile di vita dell'Alaska di Talkeetna

Un tempo un semplice avamposto minerario, Talkeetna è stato ringiovanito nel 1950 per servire gli scalatori del Monte McKinley. Il villaggio è di gran lunga il più alternativo e accattivante tra Anchorage e Fairbanks.
Isola Curieuse, Seychelles, tartarughe di Aldabra
Animali selvatici
Isola Felicité e Isola Curieuse, Seychelles

De Lebbrosario a casa de Tartarughe Giganti

A metà del XVIII secolo rimase disabitata e ignorata dagli europei. La spedizione navale francese”La Curieuse” lo rivelò e ispirò il suo battesimo. Gli inglesi la mantennero un lebbrosario fino al 1968. Oggi l'Île Curieuse ospita centinaia di tartarughe di Aldabra, l'animale terrestre più longevo.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.