Bhaktapur, Nepal

Le maschere della vita nepalesi


noia terrena
Una donna tocca una delle maschere indossate dalla troupe di ballerini. Accanto ad essa, il suo ballerino e proprietario, è assonnato.
balla con gli dei
Ballerini gatha mascherati si esibiscono durante una cerimonia di kayta puja per l'ammissione di giovani ragazzi alla casta e al lignaggio familiare.
Tejit, il contemplato
Tejit, uno dei fratelli onorati dalla cerimonia della kayta puja che abbiamo accompagnato a Bhaktapur.
Tradizione delle nuove generazioni
Ballerini Gatha durante un periodo di riposo dalla loro esibizione.
tempo del banchetto
Le donne si preparano a disporre vassoi di offerte di cibo che daranno da mangiare ai ballerini mascherati e agli altri partecipanti alla cerimonia.
Masquerade
Alcune delle maschere usate dalla troupe che ha animato la cerimonia della kayta puja.
resto degli dei
Maschera accanto alla danzatrice gatha che incarna il suo carattere divino.
Contemplazione
I ballerini di Gatha, con i loro vassoi ai piedi, contemplano una donna in abito tradizionale che dà da bere ai partecipanti alla cerimonia.
dei e uomini
I gatha in maschera si mescolano ai partecipanti alla cerimonia, questi ultimi che indossano i tradizionali cappelli dakha topi nepalesi.
Gli indigeni Newar della valle di Kathmandu attribuiscono grande importanza alla religiosità indù e buddista che li unisce tra loro e con la Terra. Di conseguenza, benedice i loro riti di passaggio con danze Newar di uomini mascherati da divinità. Anche se ripetute a lungo dalla nascita alla reincarnazione, queste danze ancestrali non sfuggono alla modernità e iniziano a vedere una fine.

L'inaspettato rituale Bartaman di Bhaktapur

Dopo quasi un'ora di viaggio da Kathmandu, siamo finalmente scesi dal vecchio autobus. un po' dappertutto Nepal, le piazze di Durbar segnano il centro storico di ogni città. Il passo successivo sarebbe sempre quello di trovare quello a Bhaktapur, ma attraversiamo vicoli e vicoli e, fortunatamente, ne abbiamo perso il significato.

Cinque minuti di disorientamento dopo, una musica esotica colpisce le nostre orecchie. In modalità pura scoperta, abbiamo inseguito lo stimolo inaspettato fino a quando ci siamo imbattuti in una festa esoterica che si svolge in una piazza del paese.

Una troupe di ballerini gata, maschile come dovrebbe essere, e di tutte le età, fa volteggiare costumi consunti ma ancora sgargianti, secondo una coreografia condivisa.

Danza Newar a Bhaktapur, Nepal

Ballerini gatha mascherati si esibiscono durante una cerimonia di kayta puja per l'ammissione di giovani ragazzi alla casta e al lignaggio familiare

Ognuno di loro ruota anche la maschera che indossa al suono dei flauti di bambù nepalesi. basuri, di un violino, di un piccolo tamburo tradizionale pazzo e una sorta di fisarmonica a giro, secondo il ritmo aggiuntivo scandito dai piatti di rame. Installata a margine, su due gradini alla base di un negozio, la fascia contrasta con il gruppo di ballerini.

Questi, agitati come demoni posseduti, mentre i musicisti suonano immobili nelle loro posizioni di orchestra sanata e in abiti quotidiani. A loro si unisce un cantante poco più che di mezza età, determinato a stabilire con la sua voce un ponte tra i due mondi.

Dalla trance mistica al banchetto terrestre

Le persone mascherate prolungano l'esibizione al centro della piazza e l'attenzione delle decine di ospiti presenti. Fino a quando la trance comunitaria cesserà di assisterli. Si abbandonano quindi a un sudato riposo terreno, fianco a fianco con le maschere che indossavano, coronate dagli alti e sudici turbanti che prima sostenevano le loro teste divine.

Intanto le donne presenti preparano vassoi con offerte di pasti assortiti di riso, verdure e carne, accompagnati da Chyang (un vino di riso al latte), per frutta, biscotti, pasticcini e altri dolci. Anche se i sari e le fusciacche lucide fanno poco per loro, le signore dispongono i vassoi in fila e servono i ballerini che ritrovano le energie appena consumate.

Cerimonia Newar, Bhaktapur, Nepal

Le donne si preparano a disporre vassoi di offerte di cibo che daranno da mangiare ai ballerini mascherati e agli altri partecipanti alla cerimonia.

Il pasto dura quanto dura. Successivamente, uno dei gata si sostituisce sulla spalla l'enorme maschera rossa che gli appartiene, da qualche parte al confine tra sacro e profano che il popolo newar e i nepalesi loro discendenti sono abituati ad aggiustare. Sul suo lato più esposto, il divino; nel nascosto, l'umano.

Diviso da entrambi, inizia a benedire i partecipanti con manciate di riso bollito, presagio di prosperità e conseguente felicità.

Il rituale esuberante che avevamo incontrato era esso stesso un sintomo di questa prosperità. Per quanto possano provare, non tutte le famiglie newar o nepalesi possono permettersi di assumere una troupe di ballerini e musicisti necessari, indossare abiti di seta o assicurarsi offerte soddisfacenti.

Come altrove, i rituali di fede più sontuosi sono per i quali gli Dei hanno donato fortuna. o Nepal non infrangere la regola.

Credenze e rituali tanto buddisti quanto indù

Incastonati tra la vastità buddista del Tibet e del regno del Bhutan e quello del subcontinente indiano in gran parte indù, i Newar ei loro discendenti nepalesi sono una cosa e l'altra. In teoria, l'85% si considera indù. La maggior parte del resto, buddisti.

In pratica e nella valle di Kathmandu, però, le due religioni si sono intrecciate in modo tale che separarle risulta complicato. I Newar non si fanno scrupoli ad ammetterlo. In effetti, sono orgogliosi di una delle loro battute più popolari, ovvero che, in un contesto personale, qualsiasi Newar è per il 60% indù e per il 60% buddista.

Questa doppiezza giustifica, per esempio, che i dieci rituali konkyu karma fasi successive del suo ciclo vitale possono essere svolte sia da sacerdoti indù che buddisti, a condizione, ovviamente, di alcune differenze nella filosofia e nel culto.

Celebrazione di Newar, Bhaktapur, Nepal

Una donna tocca una delle maschere indossate dalla troupe di ballerini. Accanto ad essa, il suo ballerino e proprietario, si rivela assonnato

Rituali Newar per tutte le occasioni

In ordine cronologico, il primo dei riti principali, il Machabu Beakegu, viene eseguita a undici giorni di vita. Benedici e saluta i neonati. Il secondo, Janko Samskara celebra il primo cibo solido (solitamente riso) mangiato dai neonati.

Si svolge a cinque mesi per i bambini ea sette mesi per i bambini. Genera una festa che dura almeno un'intera giornata, alimentata dai successivi interventi di una sacerdotessa e della sua famiglia, con una visita nel mezzo al tempio di Ganesh più vicino.

In quella visita chirurgica a Bhaktapur, ci siamo imbattuti in una cerimonia barista, conosciuto anche come Kaitapuja, il rito del passaggio definitivo dei ragazzi alla sfera sociale della loro casta, compiuto tra i quattro ei tredici anni.

Kayta Puja o Barteman, il Uscita spirituale dalla vita dipendente

In origine e, se si rispettano tutti i precetti religiosi, questa cerimonia rappresenta l'allontanamento dei ragazzi dalla vita familiare dipendente e un ritorno trasformato. Secondo questi antichi precetti, i discendenti della famiglia dovrebbero radersi i capelli e concentrarsi sulla componente religiosa della propria esistenza, lasciando le famiglie per un periodo di ascesi o per diventare monaci in un monastero.

La tradizione non è più così austera, ma uno zio materno ha ancora il compito simbolico di riportare i ragazzi in famiglia con una generosa offerta di denaro.

A Kaitapuja quello a cui abbiamo partecipato si è tenuto in onore di due fratelli, Tejit e Sushant, di cinque e nove anni. Nessuno si era ritirato nella foresta o era entrato in un monastero. Nonostante ciò, le famiglie di padre e di madre hanno preso sul serio e con impegno il rito dei bambini.

Tejit, bambino onorato dalla cerimonia di Newar, Bhaktapur, Nepal

Tejit, uno dei fratelli onorati dalla cerimonia della kayta puja che abbiamo accompagnato a Bhaktapur

Erano entrambi eredi dei loro nomi. Non che l'uno o l'altro ne fosse già a conoscenza, ma in seguito, nel più doloroso dei cicli vitali, sarà loro il compito di accendere le pire funerarie dei loro antenati.

Commemorazione delle mestruazioni, del matrimonio e della vecchiaia

Rituali complementari seguono l'esistenza terrena dei Newar. Nel caso delle donne, il Barah è l'equivalente femminile di Kaitapuja. Celebra l'inizio delle mestruazioni. Nella sequenza corretta, dopo il Kaitapuja e Barah, la cerimonia arriverà swayamvar che loda il momento sacro del matrimonio.

Molti anni dopo, il Bura Janko, una celebrazione religiosa che sancisce la trasformazione delle persone – nubili o ancora sposate – da semplici umani a anziani divini. Come ci si aspetterebbe, la morte è subita. Non conta la presenza di persone mascherate e le loro danze Newar.

Da una celebrazione stabile, il rituale a cui assistiamo si evolve in una processione. I mascherati sostituiscono le loro maschere e ballano per strada. Siamo seguiti dai musicisti e, quindi, dall'entourage dei familiari e degli ospiti a cui ci uniamo.

Ballerini e maschere della cerimonia di kayta puja a Bhaktapur, Nepal

Alcune delle maschere usate dalla troupe che ha animato la cerimonia della kayta puja.

La fermata dista solo duecento metri, lungo il prolungamento del vicolo delimitato da vecchi edifici in mattoni consumati. Si ferma ancora in un piazzale più in basso. Lì, lo spettacolo è ripreso ancora e ancora con il gata sotto i riflettori.

Una complessa coesistenza di gruppi e generi

Nella valle di Kathmandu, due tipi primordiali di danze Newar a cui stavamo assistendo sono da tempo in contrasto, la Nava Durga originaria di Bhaktapur e la Devi Pyakha associata ai culti Ashta (manifestazioni della dea indù Devi Lakshmi della prosperità) di un altro villaggio, Panauti. .

Il primo è diventato famoso per le sue esibizioni, un tempo selvagge e selvagge: imbevute dell'incarnazione demoniaca degli dei, i ballerini hanno persino ucciso polli, capre e altri animali e ne hanno succhiato il sangue, cosa che li ha davvero colpiti per sempre generazioni di spettatori.

Già rappresentate dai Devi Pyakha, le divinità si rivelano molto più pacifiche e ordinate. Certo, negli ultimi tempi, di fronte alla crescente carenza di richieste da parte delle famiglie, anche le truppe Nava Durga hanno moderato i propri comportamenti e li hanno adattati agli ambienti in cui operano.

Ballerini Gatha a Bhaktapur, Nepal

Ballerini Gatha durante un periodo di riposo dalla loro esibizione

La Nava Durga e simili

La compagnia Nava Durga di Bhaktapur è una delle quattro che viaggiano attraverso la valle di Kathmandu da ottobre a giugno, mese che segna l'inizio delle piogge portate dal monsone del subcontinente, la fine della semina del riso e la celebrazione di Gathamuga in cui gli indigeni espellono i demoni dalle loro case e dalle loro terre.

Durante questo periodo, le truppe Nava Durga invadono e terrorizzano le comunità che visitano. Tutti sono attivi dal XIII secolo. Oggigiorno è composto da elementi della casta di Gathu.

Sono giardinieri abituati a realizzare le proprie maschere utilizzando argilla, carta e iuta, a differenza di altri ballerini che preferiscono associarsi alle famiglie della casta di pittori Citrakar in modo da poterle creare secondo immagini standard da semi-libri.

Le maschere utilizzate nelle esibizioni di Nava Durga e Devi Pyakhas possono rappresentare divinità maschili o femminili o anche con profili di animali divini, come l'elefante divinizzato Ganesh; o altri considerati meri “veicoli” delle divinità come il pavone e il leone.

O, infine,… animali solo e solo animali: scimmie, cani, cervi, maiali, elefanti. Possono anche incarnare demoni, spiriti maligni e personaggi umani come sacerdoti, clown, mercanti e cacciatori. Ogni entità è abbinata a un colore.

Maschera tradizionale Newar, insieme a ballerini a Bhaktapur, Nepal

Maschera accanto alla danzatrice gatha che incarna il suo carattere divino.

Maschere, colori e divinità

Il bianco è usato per i personaggi più puri. Il nero in quelli demoniaci. Il rosso e il nero rappresentano il potere e la forza. Sono sinonimo di comportamento prematuro, mentre il verde è associato alla nobiltà di carattere. Ma il codice colore va oltre. Come abbiamo visto, ogni divinità ha il suo tono predominante. Brahmayani è giallo. vaisnavi (altro shakti di Vishnu), verde. Kaumari, la dea indù della guerra è rossa o marrone. Ganesh è bianco e così via.

Nel frattempo, i ballerini mascherati che abbiamo seguito interrompono di nuovo i loro balli. Si concentrano sulla raccolta di noi e degli stranieri accorsi per donare il più generosamente possibile. Come abbiamo visto, i danzatori divini Newar appartengono a caste di basso rango e di basso reddito.

In un momento in cui la tradizione delle danze newar mascherate si sta rivelando sempre più difficile da preservare, la loro preoccupazione finanziaria è ben fondata negli estranei benestanti.

Tuttavia, all'indomani del grande terremoto dell'aprile 2015 che ha devastato gran parte della valle di Kathmandu, il governo ha imposto esorbitanti tariffe d'ingresso ai turisti nelle sue piazze storiche. Avevamo già contribuito, quotidianamente, al pagamento esorbitante di questi biglietti.

Cerimonia Newar, Bhaktapur, Nepal

I gatha in maschera si mescolano ai partecipanti alla cerimonia, questi ultimi che indossano i tradizionali cappelli dakha topi nepalesi.

La lotta per la sopravvivenza delle nuove truppe

Non a caso e un po' ingiustamente, non eravamo inclini come saremmo a premiare quell'espressione artistica newari per la quale – non dimentichiamolo – nessuno ci aveva invitato. Contribuiamo. Ma l'importo ha lasciato i ballerini gatha brontolare e, per noi, temere la rappresaglia degli dei e degli spiriti che si sono incarnati.

La valle di Kathmandu non è più così remota come una volta. La modernità se la prende giorno dopo giorno e annienta la secolare ragion d'essere delle troupe. Uno studio ha rilevato che nel 2013 la troupe Nava Durga ha visitato solo sei luoghi, rispetto a dozzine nei decenni precedenti.

Come se non bastasse, quell'anno, a Panauti, un ballerino che faceva il clown si ruppe una gamba per un disturbo del pubblico. Da quel momento in poi, le troupe iniziarono a chiedere mondi e fondi per esibirsi di nuovo in quel villaggio, il che, a sua volta, smobilitò la volontà popolare di rinnovarvi la tradizione.

Ballerini e donne Newar a Bhaktapur, Nepal

I ballerini di Gatha, con i loro vassoi ai piedi, contemplano una donna in abito tradizionale che dà da bere ai partecipanti alla cerimonia

Nonostante tutto questo e per molti altri capricci del destino, il futuro delle danze Newar resta in balia degli dei.

Maggiori informazioni turistiche sul Nepal sul sito Welcome Nepal

Circuito dell'Annapurna: 2° - Chame a Upper PisangNepal

(I) Eminente Annapurna

Ci siamo svegliati a Chame, ancora sotto i 3000m. Lì abbiamo visto, per la prima volta, le cime innevate e più alte dell'Himalaya. Da lì, siamo partiti per un'altra escursione sul circuito dell'Annapurna attraverso le pendici e le pendici della grande catena montuosa. Verso qualcosa Upper Pisang.
Circuito dell'Annapurna: 1° - Pokhara a ChameNepal

Finalmente in cammino

Dopo diversi giorni di preparazione a Pokhara, siamo partiti verso l'Himalaya. Il percorso pedonale può essere iniziato solo a Chame, a 2670 metri di altitudine, con le cime innevate della catena montuosa dell'Annapurna già in vista. Fino ad allora, abbiamo completato un preambolo doloroso ma necessario attraverso la sua base subtropicale.
Bacolod, Filippine

Un festival per ridere della tragedia

Intorno al 1980, il valore dello zucchero, importante fonte di ricchezza sull'isola filippina di Negros, crollò e il traghetto"Don Juan” che la serviva affondò e morirono più di 176 passeggeri, la maggior parte dei quali neri. La comunità locale ha deciso di reagire alla depressione generata da questi drammi. Nasce così MassKara, una festa impegnata a recuperare i sorrisi della popolazione.
Pueblos del Sur, Venezuela

I Pauliteiros de Mérida, le loro danze e Co.

Dall'inizio del XVII secolo, con i coloni ispanici e, più recentemente, con gli emigranti portoghesi, usi e costumi ben noti nella penisola iberica e, in particolare, nel nord del Portogallo si sono consolidati nei Pueblos del Sur.
Pueblos del Sur, Venezuela

Per alcuni Trás-os-Montes in Venezuela in Fiesta

Nel 1619, le autorità di Mérida dettarono l'insediamento del territorio circostante. Dall'ordine sono derivati ​​19 villaggi remoti, che abbiamo trovato dediti a celebrazioni con caretos e pauliteiros locali.
Marinduque, Filippine

Quando i romani invadono le Filippine

Anche l'Impero d'Oriente non è andato così lontano. Durante la Settimana Santa, migliaia di centurioni si impadroniscono di Marinduque. Lì vengono rievocati gli ultimi giorni di Longino, legionario convertito al cristianesimo.
Pirenópolis, Brasile

Crociate brasiliane

Gli eserciti cristiani espulsero le forze musulmane dalla penisola iberica nel XVI secolo. XV ma, a Pirenópolis, nello stato brasiliano di Goiás, continuano a trionfare i sudamericani di Carlo Magno.
San Francisco, EUA

Con la testa sulla luna

Arriva settembre e i cinesi di tutto il mondo celebrano i raccolti, l'abbondanza e l'unione. L'enorme sino-comunità di San Francisco si dà anima e corpo al più grande Festival della Luna della California.
Albuquerque, EUA

Il suono dei tamburi, gli indiani resistono

Con oltre 500 tribù presenti, il pow wow "Gathering of the Nations" celebra la sacralità delle culture dei nativi americani. Ma rivela anche il danno inflitto dalla civiltà colonizzatrice.
Circuito dell'Annapurna: 5° - Ngawal a BragaNepal

Verso Braga. I nepalesi.

Abbiamo trascorso un'altra mattinata di tempo glorioso alla scoperta di Ngawal. Segue un breve viaggio verso Manang, la città principale sulla strada per l'apice del circuito dell'Annapurna. Abbiamo soggiornato a Braga (Braka). Il borgo si sarebbe presto rivelato una delle sue tappe più indimenticabili.
Circuito dell'Annapurna: 4° – Upper Pisang a Ngawal, Nepal

Da incubo a Dazzle

A nostra insaputa, siamo di fronte a un'ascesa che ci porta alla disperazione. Abbiamo spinto le nostre forze al limite e abbiamo raggiunto Ghyaru dove ci siamo sentiti più vicini che mai all'Annapurna. Il resto della strada per Ngawal sembrava una sorta di estensione della ricompensa.
Circuito dell'Annapurna: 3°- Upper Pisang, Nepal

Un'inaspettata alba nevosa

Ai primi accenni di luce, la vista del manto bianco che aveva ricoperto durante la notte il paese ci abbaglia. Con una delle escursioni più dure sul circuito dell'Annapurna in vista, abbiamo posticipato la partenza il più a lungo possibile. Infastiditi, abbiamo lasciato Upper Pisang per Ngawal quando l'ultima neve se n'era andata.
Circuito dell'Annapurna: 6° – Braga, Nepal

In un Nepal più antico del Monastero di Braga

Quattro giorni di cammino dopo, abbiamo dormito a 3.519 metri a Braga (Braka). All'arrivo, solo il nome ci è familiare. Di fronte al fascino mistico della città, che si articola intorno a uno dei più antichi e venerati monasteri buddisti del circuito dell'Annapurna, acclimatamento con salita all'Ice Lake (4620m).
Circuito dell'Annapurna: 7° - Braga - Ice Lake, Nepal

Circuito dell'Annapurna - Il doloroso acclimatamento del lago di ghiaccio

Sulla salita al villaggio di Ghyaru, abbiamo avuto un primo e inaspettato assaggio di quanto possa essere esaltante il circuito dell'Annapurna. Nove chilometri dopo, a Braga, per la necessità di acclimatarsi, si sale dai 3.470 m di Braga ai 4.600 m del lago Kicho Tal. Sentiamo solo la stanchezza prevista e il gonfiore del fascino per la catena montuosa dell'Annapurna.
Circuito dell'Annapurna: dal 9° Manang a Grotta di Milarepa, Nepal

Una passeggiata tra acclimatamento e pellegrinaggio

In toto Circuito dell'Annapurna, arriviamo finalmente a Manang (3519 m). abbiamo ancora bisogno acclimatarsi per i tratti più alti che sono seguiti, abbiamo iniziato un altrettanto spirituale viaggio verso una grotta nepalese a Milarepa (4000 m), rifugio di un siddha (saggio) e santo buddista.
Circuito dell'Annapurna: 8° Manang, Nepal

Manang: l'ultimo acclimatamento nella civiltà

Sei giorni dopo aver lasciato Besisahar siamo finalmente arrivati ​​a Manang (3519 m). Situata ai piedi dei monti Annapurna III e Gangapurna, Manang è la civiltà che coccola e prepara gli escursionisti alla sempre temuta traversata del Thorong La Gorge (5416 m).
10° Circuito dell'Annapurna: Manang lo Yak Kharka, Nepal

Verso gli altopiani (superiori) dell'Annapurna

Dopo una pausa di acclimatamento nella civiltà quasi urbana di Manang (3519 m), riprendiamo l'ascesa allo zenit di Thorong La (5416 m). Quel giorno abbiamo raggiunto il villaggio di Yak Kharka, a 4018 m, un buon punto di partenza per i campi alla base della grande gola.
Circuito dell'Annapurna 11º: yak karkha a Thorong Phedi, Nepal

Arrivo ai piedi della gola

In poco più di 6 km saliamo da 4018m a 4450m, alla base del Thorong La Gorge. Lungo la strada, ci siamo chiesti se quelli che sentivamo fossero i primi problemi di Altitude Evil. Non è mai stato un falso allarme.
Circuito dell'Annapurna: 12 ° - Thorong Phedi a High Camp

Il preludio alla traversata suprema

Questa sezione del circuito dell'Annapurna dista solo 1 km, ma in meno di due ore ti porta da 4450 m a 4850 m e l'ingresso alla grande gola. Dormire ad High Camp è un test di resistenza alla Mountain Disease che non tutti superano.
Circuito dell'Annapurna: 13 - High Camp a Thorong La a Muktinath, Nepal

Al culmine del circuito dell'Annapurnas

A 5416 m di altitudine, il Thorong La Gorge è la grande sfida e la principale causa di ansia dell'itinerario. Dopo aver ucciso 2014 alpinisti nell'ottobre 29, attraversarlo in sicurezza genera un sollievo degno di doppia celebrazione.
Parco Nazionale di Amboseli, Monte Kilimangiaro, Collina di Normatior
Safari
P.N. Amboseli, Kenia

Un regalo del Kilimangiaro

Il primo europeo ad avventurarsi in queste terre Masai rimase sbalordito da ciò che trovò. E ancora oggi grandi branchi di elefanti e altri erbivori vagano alla mercé dei pascoli innevati della più grande montagna africana.
Adoratori accendono candele, tempio della Grotta di Milarepa, circuito dell'Annapurna, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: dal 9° Manang a Grotta di Milarepa, Nepal

Una passeggiata tra acclimatamento e pellegrinaggio

In toto Circuito dell'Annapurna, arriviamo finalmente a Manang (3519 m). abbiamo ancora bisogno acclimatarsi per i tratti più alti che sono seguiti, abbiamo iniziato un altrettanto spirituale viaggio verso una grotta nepalese a Milarepa (4000 m), rifugio di un siddha (saggio) e santo buddista.
Little Big Senglea II
Architettura & Design
Senglea, Malta

La città maltese con più Malta

A cavallo del 8.000° secolo Senglea accoglieva 0.2 abitanti in 2 km3.000, un record europeo, oggi conta “solo” XNUMX cristiani di quartiere. È la più piccola, affollata e genuina delle città maltesi.
Il piccolo faro di Kallur, evidenziato nel capriccioso rilievo del nord dell'isola di Kalsoy.
Aventura
Kalsoy, Isole Faroe

Un faro alla fine del mondo faroese

Kalsoy è una delle isole più isolate dell'arcipelago delle Faroe. Detta anche “il flauto” per la sua forma longilinea e per i numerosi cunicoli che la servono, è abitata da soli 75 abitanti. Molto meno degli estranei che la visitano ogni anno, attratti dal bagliore boreale del suo faro di Kallur.
Bertie a Jalopy, Napier, Nuova Zelanda
Cerimonie e Feste
Napier, Nova Zelândia

Ritorno agli anni '30

Devastato da un terremoto, Napier è stato ricostruito in un Art Deco quasi al piano terra e vive fingendo di essersi fermato negli anni Trenta. I suoi visitatori si arrendono all'atmosfera del Grande Gatsby che trasuda la città.
Patriota marzo
Città
Taiwan

Bello ma non sicuro

I navigatori portoghesi non potevano immaginare l'imbroglio riservato a Formosa. Quasi 500 anni dopo, anche se non è sicura del suo futuro, Taiwan è fiorente. Da qualche parte tra indipendenza e integrazione nella grande Cina.
Obeso residente a Tupola Tapaau, una piccola isola delle Samoa occidentali.
cibo
Tonga, Samoa Occidentali, Polinesia

Pacifico XXL

Per secoli, gli indigeni delle isole polinesiane sono vissuti per terra e per mare. Fino all'intrusione delle potenze coloniali e alla successiva introduzione di grossi pezzi di carne, fast food e le bevande zuccherate hanno generato una piaga di diabete e obesità. Oggi, mentre gran parte del PIL nazionale di Tonga, Samoa Occidentali e i vicini si sprecano con questi “veleni occidentali”, i pescatori riescono a malapena a vendere il loro pesce.
Occupazione cinese del Tibet, Tetto del mondo, Le forze di occupazione
Cultura
Lhasa, Tibete

La demolizione della campana del tetto del mondo

Qualsiasi dibattito sulla sovranità è accessorio e una perdita di tempo. Chiunque voglia lasciarsi abbagliare dalla purezza, dall'affabilità e dall'esotismo della cultura tibetana dovrebbe visitare il territorio il prima possibile. L'avidità della civiltà Han che muove la Cina non impiegherà molto a seppellire il Tibet millenario.
arbitro di combattimento, combattimento di galli, filippine
sportivo
Filippine

Quando solo i combattimenti di galli risvegliano le Filippine

Banditi in gran parte del Primo Mondo, i combattimenti di galli prosperano nelle Filippine dove spostano milioni di persone e pesos. Nonostante i suoi problemi eterni è il Sabong che più stimola la nazione.
Scenario marziano del deserto bianco, Egitto
In viaggio
Deserto Bianco, Egitto

La scorciatoia egiziana per Marte

In un momento in cui la conquista del vicino del sistema solare è diventata un'ossessione, una parte orientale del deserto del Sahara ospita un vasto paesaggio correlato. Invece dei 150-300 giorni stimati necessari per raggiungere Marte, decollamo dal Cairo e, in poco più di tre ore, facciamo i primi passi nell'Oasi di Bahariya. Intorno, quasi tutto ci fa sentire il tanto agognato Pianeta Rosso.
Forte di São Filipe, Città Vecchia, Isola di Santiago, Capo Verde
Etnico
Cidade Velha, Capo Verde

Cidade Velha: l'antica città delle città tropico-coloniali

Fu il primo insediamento fondato dagli europei al di sotto del Tropico del Cancro. In un momento cruciale per l'espansione portoghese in Africa e in Sud America e per la tratta degli schiavi che l'accompagnò, Cidade Velha divenne un'eredità toccante ma inevitabile di origini capoverdiane.

Tramonto, Viale dei Baobab, Madagascar
Portfolio fotografico Got2Globe

Giorni come tanti altri

Fine della giornata presso il lago della diga del fiume Teesta a Gajoldoba, in India
Storia
porte, India

Alle porte dell'Himalaya

Siamo arrivati ​​alla soglia settentrionale del Bengala occidentale. Il subcontinente è ceduto a una vasta pianura alluvionale piena di piantagioni di tè, giungla, fiumi che il monsone fa traboccare su infinite risaie e villaggi che scoppiano a crepapelle. Al confine con la più grande delle catene montuose e il regno montuoso del Bhutan, per l'evidente influenza coloniale britannica, l'India chiama questa splendida regione con Dooars.
Bubaque, Bijagós, Guinea Bissau, ormeggio
Isole
Bubaque, Bijagos, Guinea Bissau

Il Portale dei Bijagós

Sul piano politico, Bolama resta capitale. Nel cuore dell'arcipelago e nella vita di tutti i giorni, Bubaque occupa questo posto. Questa città sull'omonima isola accoglie la maggior parte dei visitatori. A Bubaque sono incantati. Da Bubaque, molti si avventurano verso altri Bijagós.
Controllo corrispondenza
bianco inverno
Rovaniemi, Finlândia

Dalla Lapponia finlandese all'Artico, Visita alla Terra di Babbo Natale

Stanchi di aspettare che il vecchio barbuto scendesse dal camino, abbiamo ribaltato la storia. Abbiamo approfittato di un viaggio nella Lapponia finlandese e siamo passati davanti alla sua casa nascosta.
Visitatori della casa di Ernest Hemingway, Key West, Florida, Stati Uniti
Letteratura
Key West, Stati Uniti

Parco giochi caraibico di Hemingway

Espansivo come sempre, Ernest Hemingway ha definito Key West "il posto migliore in cui sia mai stato...". Nelle profondità tropicali degli Stati Uniti contigui, ha trovato l'evasione e un divertimento folle e ubriaco. E l'ispirazione per scrivere con intensità da abbinare.
Natura
Vulcani

montagne di fuoco

Rotture più o meno evidenti nella crosta terrestre, i vulcani possono rivelarsi tanto esuberanti quanto capricciosi. Alcune delle sue eruzioni sono delicate, altre si rivelano annientanti.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
In attesa, vulcano Mauna Kea nello spazio, Big Island, Hawaii
Parchi Naturali
Mauna Kea, Havai

Mauna Kea: Un vulcano con un occhio nello spazio

Il tetto delle Hawaii era proibito ai nativi perché ospitava divinità benevole. Ma dal 1968 in poi, diverse nazioni sacrificarono la pace degli dei ed eressero la più grande stazione astronomica sulla faccia della Terra.
benedetto riposo
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Ho An, Vietnam

Il porto vietnamita che osservava le navi

Hoi An era una delle stazioni commerciali più importanti dell'Asia. I cambiamenti politici e l'insabbiamento del fiume Thu Bon hanno dettato il suo declino e l'hanno preservata come la città più pittoresca del Vietnam.
personaggi
Sosia, Attori e Comparse

Stelle finte

Protagonisti di eventi o sono imprenditori di strada. Incarnano personaggi inevitabili, rappresentano classi sociali o periodi. Anche a miglia di distanza da Hollywood, senza di loro, il mondo sarebbe più noioso.
Viti Levu, Isole Fiji, Sud Pacifico, barriera corallina
Spiagge
Viti Levu, Fiji

Isole ai margini delle isole Plantadas

Una parte sostanziale delle Fiji conserva le espansioni agricole dell'era coloniale britannica. Nel nord e al largo della grande isola di Viti Levu, ci imbattiamo anche in piantagioni che da tempo erano conosciute solo di nome.
Tempio di Kongobuji
Religione
Monte koya, Giappone

A metà strada per il Nirvana

Secondo alcune dottrine buddiste, ci vogliono diverse vite per raggiungere l'illuminazione. Il ramo di shingon sostiene che puoi farlo in uno. Dal Monte Koya, può essere ancora più facile.
Composizione ferroviaria Flam sotto una cascata, Norvegia
Veicoli Ferroviari
nesbyen a Flamm, Norvegia

Ferrovia Flam: la Norvegia sublime dalla prima all'ultima stazione

Su strada ea bordo della Flam Railway, su una delle linee ferroviarie più ripide del mondo, raggiungiamo Flam e l'ingresso del Sognefjord, il più grande, il più profondo e il più venerato dei fiordi della Scandinavia. Dal punto di partenza all'ultima stazione, questa Norvegia che abbiamo svelato è monumentale.
Donne con i capelli lunghi di Huang Luo, Guangxi, Cina
Società
Longsheng, Cina

Huang Luo: il villaggio cinese dai capelli più lunghi

In una regione multietnica ricoperta di risaie terrazzate, le donne di Huang Luo si sono arrese alla stessa ossessione capillare. Consentono ai capelli più lunghi del mondo di crescere, per anni, fino a una lunghezza media di 170-200 cm. Per quanto strano possa sembrare, per mantenerli belli e lucenti, usano solo acqua e riso.
Commercianti di frutta, Swarm, Mozambico
Vita quotidiana
Enxame, Mozambico

Area di servizio in stile mozambicano

Si ripete in quasi tutte le tappe nei paesi di Mozambico degno di apparire sulle mappe. o tubo tubolare (autobus) si ferma ed è circondato da una folla di impazienti uomini d'affari. I prodotti offerti possono essere universali, come acqua o biscotti, oppure tipici della zona. In questa regione, a pochi chilometri da Nampula, le vendite di frutta sono state successive, sempre piuttosto intense.
Esteros del Iberá, Pantanal Argentina, Alligatore
Animali selvatici
Esteros del Iberá, Argentina

Il Pantanal della Pampa

Sulla mappa del mondo, a sud di famosa zona umida brasiliana, emerge una regione allagata poco conosciuta ma quasi altrettanto vasta e ricca di biodiversità. L'espressione guaranì e sarà la definisce “acque splendenti”. L'aggettivo si adatta più della sua forte luminanza.
Mushing completo del cane
Voli panoramici
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.