Dali, Cina

La Cina surrealista di Dalì


guardare la vita che passa
Senhora bai contempla la vita di strada dall'interno di una casa con un lussureggiante cancello tradizionale.
Da lì dei piccoli
I visitatori si divertono con un gioco gigante costruito sul pendio del monte Cangshan sopra Dali.
una vista lago
Eccentrico scenario del grande lago Erhai.
essiccatore di brace
Il ragazzo ricorre a un modo creativo per tirare il carbone.
Sino-cattolicesimo
Particolare della Chiesa Cattolica di Dali, costruita nel 1927, gravemente danneggiata durante la Rivoluzione Culturale e restaurata come Patrimonio Storico nel 1984.
Versione Cristo Dalì
Facciata dietro l'altare della Chiesa cattolica di Dali.
una generazione indietro
La madre Bai porta il bambino curioso per l'attenzione degli estranei.
abbandono scolastico
Gli studenti di una scuola di Dali camminano lungo una strada della città murata, lasciando le lezioni.
tetti fuori
Case tradizionali di Dalì, tra le mura della città.
torneo cinese
Animazione attorno a un tavolo da mahjong in una strada del centro storico di Dali.
Quasi notte nello Yunnan
Veduta di una strada del centro storico di Dali al tramonto.
JR Ewing Fashion
Un uomo vestito da texano guarda un mercato alla periferia della città.
colori del passato
Torre di avvistamento e difesa basata su una delle porte d'ingresso alla città.
pose da sposa
Sessione fotografica di matchmaking su uno degli adarve delle antiche mura di Dalì.
antipasti naturali
Spiedini di insetti e larve alla griglia, in vendita per strada.
qualche tocco di china
Abilità calcistiche in una piazza di Dalì.
torre d'oro
Una delle tre pagode del tempio di Chongsheng, alla periferia di Dali.
trio affamato
I giovani amici condividono scoppi irriverenti e snack da strada.
ancora lunedì
La coppia inizia la giornata nel loro caratteristico ristorante aperto sulla strada.
trambusto commerciale
Scena da uno dei tanti mercati alla periferia della città murata di Dalì
Immersa in una magica cornice lacustre, l'antica capitale del popolo Bai è rimasta, fino a qualche tempo fa, un rifugio per la comunità di viaggiatori zaino in spalla. I cambiamenti sociali ed economici di Cina ha incoraggiato l'invasione dei cinesi per scoprire l'angolo sud-ovest della nazione.

Degustazioni sino inaspettate

Da un momento all'altro, le specialità di Dali, Yunnan, ci appaiono come una sfida di civiltà che non possiamo evitare.

Abbiamo grilli, cavallette e larve, fritti leggermente, allineati su spiedini di legno, esposti in precario equilibrio all'estremità del grande wok in cui, come pesci di fiume, gamberetti e altre prelibatezze, li cucinava il titolare dell'attività. Abbiamo aperto la degustazione dalle locuste.

Più che croccanti, sono croccanti. Rivelano un sorprendente sapore di acqua e cracker di sale, uno dei più salati.

Snack insettivori, Dali, Yunnan, Cina

Spiedini di insetti e larve alla griglia, in vendita per strada.

Andiamo ai grilli. Avevamo già assaggiato Doritos peggiori, quindi li abbiamo ripetuti senza sforzo. Sospettavamo i vermi e giustamente. Hanno confermato una consistenza spugnosa ripugnante. Il suo sapore, qualcosa tra muschio e melma, ci ripugnava ad abbinarci.

Facciamo le brutte facce attese, ringraziamo la commessa per la sua intrigata attenzione e torniamo al tour senza compromessi delle strade geometriche della vecchia città murata.

Negli ultimi anni anche Dalì aveva assunto un sapore agrodolce. Fino alla metà degli anni '80 è rimasta una delle perle storiche dello Yunnan, una delle province più lontane dalle grandi metropoli cinesi, la capitale Pechino, Shanghai, nel frattempo, Hong Kong e altri.

Lì è passato il percorso per backpacker che ha esplorato l'angolo sud-ovest del Cina per poi salire a Lijiang, Shangri-La e Lhasa, il cuore trafitto del Tibet.

L'era dello zaino in spalla di Dalì

A quel tempo, Dali, come il resto delle fermate, rimase calmo e genuino. Gli outsider benestanti portavano con sé, per bocca, novità e differenze che sorprendevano gli autoctoni. Questi riguardavano solo l'accoglienza dei visitatori.

Poiché le mura difendevano la vecchia Dali da innumerevoli attacchi nemici, il rispetto culturale reciproco preservava l'integrità della città. Questo andò avanti per un po', finché, come previsto, la spettacolarità dello Yunnan traboccò. Con la provincia in evidenza nella stampa di viaggio internazionale, gli outsider sono aumentati.

I residenti non hanno più resistito ai vantaggi dello zaino in spalla che bussavano sempre più alle loro porte. Semplici case si trasformarono in locande, negozi di artigianato e souvenir e in bar e ristoranti che iniziarono a servire crepes, kebab e falafel, non solo Siapao, jaozis e le eccentriche prelibatezze, troppo spesso troppo piccanti della regione.

Dopo l'inizio del XNUMX° secolo, una delle conseguenze dello sviluppo tecnologico e finanziario di Cina, fu l'emergere di una ricca classe media che rivendicava il diritto di viaggiare.

Luoghi come Dali – e, ancora di più, Lijiang – si trovarono presto invasi da orde di compatrioti, principalmente di etnia Han, esigenti e altezzosi che ora vagano per strade e vicoli con gli occhi fissi sulle bandiere sventolanti delle guide. Per fortuna siamo arrivati ​​nella regione in bassa stagione, lontano dai periodi di vacanza più frequentati Cina.

Dare forma al mercato: nessuna pazienza per gli stranieri

Puntiamo al mercato dello Shaping. Era ancora presto e c'erano produttori dei villaggi e delle frazioni intorno a Dali, intorno al grande lago Erhai e alle montagne che lo contengono.

Risalimmo il viale principale dove avvengono le transazioni, attenti alla merce e ai modi sgarbati dei venditori. Donne con cappelli di vimini sedute per terra cercano di rifilare scope, cesti e altri beni, sistemati in una lunga vetrina improvvisata.

Mercato a Dali, Yunnan, Cina

Scena da uno dei tanti mercati alla periferia della città murata di Dalì

Accanto, un commerciante di materie prime per le extension comprava capelli da donna. Con apparente successo, tali erano i corteggiatori in attesa di sacrificare il proprio. Quando diamo un'occhiata all'attività, noti quella di Sara. Senza tante cerimonie, lo sente e lo valuta.

Con la calcolatrice in mano, le fa un'offerta, abbastanza alta da farla impazzire e quasi – ma molto remota – da farle considerare l'offerta. Di conseguenza, abbiamo proceduto con la riserva capillare intatta e lo stesso numero di yuan con cui eravamo arrivati.

Più avanti incontriamo bancarelle che vendono ortaggi, radici terapeutiche e vestiti, con veri e propri buffet di prelibatezze esotiche, alcune delle quali molto più impegnative degli insetti fritti che avevamo assaggiato poche ore prima.

Le donne che gestivano le bancarelle tenevano ciotoline e ciotole con diversi sughi e ingredienti, pasta, verdure e carni sparse.

Li cucinavano usando piccoli fornelli o wok e servivano un entourage affamato che gridava ordini, si sedeva e divorava i pasti avidamente, senza sprecare il tempo per respirare con troppe chiacchiere.

I prodotti in vendita ei venditori si sono succeduti. E l'avversione del Bai per i nostri approcci fotografici è stata confermata. In pochi posti sulla terra sentiamo una così forte resistenza alle fotocamere e agli obiettivi. La richiesta di autorizzazione generava rifiuti.

Un'avversione assoluta per la fotografia

Sfortunatamente per i nostri peccati, siamo stati respinti da una serie di personaggi incredibili Cina paese e profondo, ricco di mode e di opportuni contrasti. Abbiamo visto contadini con abiti e berretti maoisti, donne abbronzate sotto lunghe sciarpe che venivano scambiate per hijab.

Ci siamo incrociati con commercianti in giacca e cravatta e cappelli a tesa, con nonne in vistose vesti 100% bai o con il giovane eccezionale che, vestito con abito bianco e cappello di JR Ewing lui delle Asia, si sentiva più esultante di qualsiasi altro compatriota.

Cliente del mercato Dali, Yunnan, Cina

Un uomo vestito da texano guarda un mercato alla periferia della città.

Nonostante l'abbondanza di figure e la varietà di stili, fotografare senza chiedere ha subito schivate o graffi in dialetto autoctono che, anche se ben disposti, qualcosa che il modo brusco di comunicare dei cinesi in generale e, in particolare, di il Bai, non ha permesso di dedurre.

Facciamo quello che possiamo. Quando siamo tornati dentro le mura, abbiamo disperato di una distrazione per mascherare la nostra inaspettata frustrazione.

Dai suoi portici verso l'interno, Dalì visse sotto una doppia personalità abbagliante. L'abbiamo vista indulgere nei più illustri rituali di intrattenimento con cui intrappolava gli estranei.

Questi sono stati fotografati in costumi storici di Bai, hanno messo in scena intricate produzioni di matchmaking sui bastioni o bastioni della fortezza o rannicchiati nell'altura delle torri di avvistamento, su cui sono saliti per fotografare i panorami circostanti.

Mahjong a Dali, Yunnan, Cina

Animazione attorno a un tavolo da mahjong in una strada del centro storico di Dali

Le strade contese di True Dali

Allo stesso tempo, in altre tasche esistenziali, la quotidianità locale continuava ai margini di tutto quel trambusto turistico. I pensionati vengono intrattenuti attorno ai famosi tavoli del mahjong.

I macellai tagliano i pezzi di carne appena arrivati, il proprietario di un ristorante cinese ritocca la lussureggiante esposizione di salse e composizioni di verdure.

Braci soffiate, Dali, Yunnan, Cina

Il ragazzo ricorre a un modo creativo per tirare il carbone.

Accanto, un giovane, probabilmente suo figlio, chiede fuoco a un carbone così forte da costringerlo a sostituire gli scuotitori di vimini con un asciugacapelli.

Procediamo. Siamo di fronte a loquaci battaglioni di studenti che, liberi dalle classi e intrattenuti da successive malizia, sfoggiano le divise blu scuro della loro classe studentesca.

Studenti in uniforme, Dali, Yunnan, Cina

Gli studenti di una scuola di Dali camminano lungo una strada della città murata, lasciando le lezioni

Siamo entrati in una certa Renmin Road. Lì abbiamo trovato la scuola da cui provenivano. Deviamo su Xinmin Road e ci imbattiamo in una chiesa.

Di per sé, un tempio cristiano in quelle terre di confine e credenti nel politeismo tradizionale cinese o, qualunque esso sia, buddisti o musulmani del Cina sarebbe sorprendente.

Chiesa cattolica di Dali, Yunnan, Cina

Particolare della Chiesa Cattolica di Dali, costruita nel 1927, gravemente danneggiata durante la Rivoluzione Culturale e restaurata come Patrimonio Storico nel 1984.

Come se non bastasse, era una delle chiese più insolite che avessimo mai incontrato, con forme fedeli all'architettura tradizionale cinese.

Una Chiesa cristiana inaspettata e travagliata

La chiesa fu costruita nel 1927 da missionari francesi con lo scopo di rivitalizzare il cattolicesimo dello Yunnan, introdotto nella regione nel XVII secolo, in un'epoca in cui i missionari ei cristiani appena convertiti venivano spesso martirizzati.

Durante la rivoluzione culturale cinese, subì gravi distruzioni e fu chiuso. Sarebbe stato rinnovato e riaperto dalle autorità solo nel 1984, quando ha ricevuto lo status di Protezione Storica che gli ha permesso di durare senza ulteriori tribolazioni. Conserva così diverse sezioni lussureggianti di tetti intrecciati coronati da una croce d'oro. Quando siamo entrati, era vuoto.

L'interno rivela uno spazio simile alle più moderne e sobrie navate delle chiese protestanti occidentali. In un dipinto esposto sull'altare, Cristo è vestito con una veste rossa, ha un mantello blu sulla schiena e appare circondato da un bagliore dorato, come un profeta supereroe.

Altare della Chiesa cattolica di Dali, Yunnan, Cina

Facciata dietro l'altare della Chiesa cattolica di Dali

I due rudimentali dipinti degli angeli che lo fiancheggiano, i caratteri cinesi gialli sottostanti completano un insieme artistico religioso in un modo così insolito da farci grattare la testa. In ogni caso, il tempo per apprezzarlo è scaduto presto.

Il guardiano del tempio appare dal nulla e ci informa che deve essere chiuso, proprio come hanno fatto migliaia di suoi concittadini per coloro che hanno trascorso una lunga giornata davanti a negozi e attività commerciali.

Dali Fort, Yunnan, Cina

Torre di avvistamento e difesa basata su una delle porte della città

Quando la notte anima Dali

L'illuminazione artificiale dell'area tra le pareti anticipa le ombre. Riscalda e dona nuovo splendore alle torri di avvistamento sopra i portici d'ingresso.

I tetti a punta ricevono dorature che contrastano con l'azzurro crepuscolare del cielo sempre sereno e con il verde rinforzato delle pareti sottostanti, già ricoperte di vegetazione rampicante. Siamo saliti su una di queste torri e da una finestra sulla sommità fortificata, abbiamo ammirato come la città si arrendesse di notte.

Dali, Yunnan, Cina

Veduta di una strada del centro storico di Dali al tramonto.

Tornati a terra, la versione notturna di Dali continua a sorprenderci. Il suono della musica popolare cinese risveglia i nostri sensi. Alla ricerca della melodia, abbiamo svoltato una curva stretta.

Inaspettatamente, ci troviamo di fronte a una specie di Flash Mob locale. Decine di residenti si erano radunati in una piazza aperta. Senza ulteriori indugi, un'anziana hostess e un DJ danno il via alla musica e alle ostilità.

I partecipanti integrano un'ampia coreografia e ballano con una grazia e un'armonia, possibili solo dalla ripetizione quotidiana del rituale. Dopo il primo brano, ballano diversi altri, ognuno degno di nuovi movimenti individuali, per la gioia di alcuni giovani che, a bordo campo, ridono a crepapelle e, così, celebrano la vitalità delle loro mamme, delle nonne, dei vicini.

Quaranta minuti dopo, spontaneamente come era iniziato, l'incontro si concluse. La padrona di casa interrompe seccamente la canzone trascinante. In buona moda cinese, i ballerini semplicemente smettono di ballare. Non si salutano.

Non si abbandonano a nessun tipo di contatto o lamechice. Invece, voltano le spalle alle donne a loro più vicine e si avviano per la loro strada. Dali è sempre stato così com'è. I visitatori in massa devono ancora cambiare.

Maggiori informazioni su Dali sul sito web di Encyclopaedia Britannica

Bingling Sì, Cina

La gola dei mille Buddha

Per più di un millennio e almeno sette dinastie, i devoti cinesi hanno esaltato le loro credenze religiose con l'eredità di sculture in uno stretto stretto del fiume Giallo. Coloro che sbarcano alla Gola dei Mille Buddha, potrebbero non trovare tutte le sculture ma trovare uno splendido santuario buddista.
Dunhuang, Cina

Un'oasi nella Cina delle Sabbie

Migliaia di chilometri a ovest di Pechino, la Grande Muraglia ha la sua estremità occidentale e la Cina e altro. Un'inaspettata spruzzata di verde vegetale rompe l'arida vastità circostante. Annuncia Dunhuang, ex avamposto cruciale della Via della Seta, oggi una città intrigante ai piedi delle dune più grandi dell'Asia.
Lijiang, Cina

Una città grigia ma piccola

Viste da lontano, le sue vaste case sono lugubri, ma i secolari marciapiedi e canali di Lijiang sono più popolari che mai. Una volta, questa città brillava come la grande capitale del popolo Naxi. Oggi, inondazioni di visitatori cinesi competono per il quasi parco a tema che è diventato una tempesta.
Longsheng, Cina

Huang Luo: il villaggio cinese dai capelli più lunghi

In una regione multietnica ricoperta di risaie terrazzate, le donne di Huang Luo si sono arrese alla stessa ossessione capillare. Consentono ai capelli più lunghi del mondo di crescere, per anni, fino a una lunghezza media di 170-200 cm. Per quanto strano possa sembrare, per mantenerli belli e lucenti, usano solo acqua e riso.
Lijiang e Yangshuo, Cina

Una Cina impressionante

Zhang Yimou, uno dei più famosi registi asiatici, si è dedicato a grandi produzioni outdoor ed è stato coautore delle cerimonie mediatiche delle Olimpiadi di Pechino. Ma Yimou è anche responsabile di “Impressions”, una serie di allestimenti non meno controversi con palchi in luoghi emblematici.
Lhasa, Tibete

La demolizione della campana del tetto del mondo

Qualsiasi dibattito sulla sovranità è accessorio e una perdita di tempo. Chiunque voglia lasciarsi abbagliare dalla purezza, dall'affabilità e dall'esotismo della cultura tibetana dovrebbe visitare il territorio il prima possibile. L'avidità della civiltà Han che muove la Cina non impiegherà molto a seppellire il Tibet millenario.
Dali, Cina

Flash Mob di moda cinese

L'ora è fissata e il luogo è noto. Quando la musica inizia a suonare, una folla segue la coreografia in modo armonioso fino allo scadere del tempo e ognuno torna alla propria vita.
Lhasa, Tibete

Quando il Buddismo si stanca della meditazione

Non solo con il silenzio e il ritiro spirituale si cerca il Nirvana. Al Monastero di Sera, i giovani monaci perfezionano la loro conoscenza buddista con accesi confronti dialettici e applausi scoppiettanti.
Huang Shan, Cina

Huang Shan: Le montagne gialle dei picchi galleggianti

Le cime granitiche delle montagne gialle e fluttuanti di Huang Shan, da cui spuntano i pini acrobati, appaiono in innumerevoli illustrazioni artistiche della Cina. Lo scenario reale, oltre ad essere remoto, rimane più di 200 giorni nascosto sopra le nuvole.
Lhasa, Tibete

Sera, il Monastero del Sacro Dibattito

In pochi posti al mondo si usa un dialetto con la stessa veemenza del monastero di Sera. Lì, centinaia di monaci si impegnano in intensi e chiassosi dibattiti sugli insegnamenti del Buddha in tibetano.
Pechino, Cina

Il cuore del grande drago

È il centro storico incoerente dell'ideologia maoista-comunista e quasi tutti i cinesi aspirano a visitarlo, ma piazza Tianamen sarà sempre ricordata come un macabro epitaffio delle aspirazioni della nazione.
Badaling, Cina

L'invasione cinese della Grande Muraglia cinese

Con l'arrivo delle giornate calde, orde di visitatori Han si impossessano della Grande Muraglia cinese, la più grande struttura creata dall'uomo. Risalgono all'era delle dinastie imperiali e celebrano il protagonismo appena conquistato della nazione.
Guilin, Cina

La porta del regno di pietra cinese

L'immensità delle aspre colline calcaree che lo circondano è così maestosa che le autorità di Pechino stampalo sul retro di banconote da 20 yuan. Chi lo esplora passa quasi sempre per Guilin. E anche se questa città nella provincia del Guangxi è diversa dalla natura esuberante che la circonda, abbiamo anche trovato il suo fascino.
Lhasa a Gyantse, Tibete

Gyantse, attraverso le alture del Tibet

L'obiettivo finale è il campo base tibetano dell'Everest. In questo primo percorso, partendo da Lhasa, passiamo dal lago sacro di Yamdrok (4.441 m) e dal ghiacciaio della gola di Karo (5.020 m). A Gyantse ci arrendiamo allo splendore tibetano-buddista dell'antica cittadella.
Jabula Beach, Kwazulu Natal, Sud Africa
Safari
Santa Lucia, Sud Africa

Un'Africa selvaggia come Zulu

All'eminenza della costa del Mozambico, la provincia del KwaZulu-Natal ospita un inaspettato Sud Africa. Spiagge deserte costellate di dune, vasti estuari e colline ricoperte di nebbia riempiono questa terra selvaggia bagnata anche dall'Oceano Indiano. È condiviso dai sudditi della sempre orgogliosa nazione Zulu e da una delle faune più prolifiche e diversificate del continente africano.
Monte Lamjung Kailas Himal, Nepal, Mal di montagna, Mountain Prevent Treat, Viaggi
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 2° - Chame a Upper PisangNepal

(I) Eminente Annapurna

Ci siamo svegliati a Chame, ancora sotto i 3000m. Lì abbiamo visto, per la prima volta, le cime innevate e più alte dell'Himalaya. Da lì, siamo partiti per un'altra escursione sul circuito dell'Annapurna attraverso le pendici e le pendici della grande catena montuosa. Verso qualcosa Upper Pisang.
Architettura & Design
Cimiteri

L'ultima dimora

Dalle grandiose tombe di Novodevichy, a Mosca, alle ossa Maya inscatolate di Pomuch, nella provincia messicana di Campeche, ogni popolo vanta il suo modo di vivere. Anche nella morte.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
Aventura
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Saida Ksar Ouled Soltane, festa di ksour, tataouine, tunisia
Cerimonie e Feste
Tataouine, Tunisia

Festival of the Ksour: castelli di sabbia che non crollano

Gli ksour furono costruiti come fortificazioni dai berberi del Nord Africa. Hanno resistito alle invasioni arabe ea secoli di erosione. Il Festival Ksour rende loro un doveroso omaggio ogni anno.
Penisola dello Yucatan, Città di Merida, Messico, Cabildo
Città
Merida, Messico

Il più esuberante di Meridas

Nel 25 aC i romani fondarono Emerita Augusta, capitale della Lusitania. L'espansione spagnola ha generato altre tre Mérida nel mondo. Delle quattro, la capitale dello Yucatan è la più colorata e vivace, risplendente dell'eredità coloniale ispanica e della vita multietnica.
cibo
Mercati

Un'economia di mercato

La legge della domanda e dell'offerta determina la loro proliferazione. Che siano generici o specifici, coperti o all'aperto, questi spazi dedicati alla compravendita e allo scambio sono espressioni di vita e di salute finanziaria.
Tesori, Las Vegas, Nevada, Città del peccato e del perdono
Cultura
Las Vegas, EUA

Dove il peccato perdona sempre

Proiettata dal deserto del Mojave come un miraggio al neon, la capitale nordamericana del gioco e dell'intrattenimento è vissuta come una scommessa al buio. Lussureggiante e avvincente, Vegas non impara né si pente.
Nuoto, Western Australia, Aussie Style, Alba negli occhi
sportivo
Busselton, Australia

2000 metri in stile australiano

Nel 1853 Busselton fu dotata di uno dei pontoni più lunghi del mondo. mondo. Quando la struttura è crollata, i residenti hanno deciso di aggirare il problema. Dal 1996 lo fanno ogni anno. nuoto.
Dodici Apostoli, Great Ocean Road, Victoria, Australia
In viaggio
Grande Strada dell'Oceano, Australia

Ocean Out, attraverso il Greater South Australia

Una meta preferita dai residenti dello stato australiano del Victoria, la rotta B100 svela una costa sublime modellata dall'oceano. Ci sono voluti solo pochi chilometri per capire perché si chiamava The Great Ocean Road.
Etnico
Spettacoli

Il mondo in scena

In tutto il mondo, ogni nazione, regione o città e persino quartiere ha la sua cultura. Quando si viaggia, niente è più gratificante che ammirarli, dal vivo e in loco, che li rende unici.
arcobaleno nel Grand Canyon, un esempio di luce fotografica prodigiosa
Portfolio fotografico Got2Globe
Luce Naturale (parte 1)

E c'era Luce sulla Terra. Sapere come usarlo.

Il tema della luce in fotografia è inesauribile. In questo articolo, ti diamo alcune nozioni di base sul suo comportamento, per cominciare, solo e solo in termini di geolocalizzazione, ora del giorno e anno.
Cacao, Cioccolato, Sao Tome Principe, Fattoria Água Izé
Storia
São Tome e Principe

Orti di cacao, Corallo e la Fabbrica di Cioccolato

All'inizio del sec Nel XNUMX° secolo, São Tomé e Príncipe hanno generato più cacao di qualsiasi altro territorio. Grazie alla dedizione di alcuni imprenditori, la produzione persiste ed entrambe le isole degustano il miglior cioccolato.
Africa Princess, Canhambaque, Bijagós, Guinea Bissau,
Isole
Crociera Africa Princess, 1º Bijagos, Guinea Bissau

Verso Canhambaque, attraverso la Storia della Guinea Bissau

L'Africa Princess salpa dal porto di Bissau, a valle dell'estuario del Geba. Facciamo una prima sosta sull'isola di Bolama. Dalla vecchia capitale, ci dirigiamo verso il cuore dell'arcipelago di Bijagós.
Chiesa della Santa Trinità, Kazbegi, Georgia, Caucaso
bianco inverno
Kazbegi, Georgia

Dio nelle alture del Caucaso

Nel XIV secolo, i religiosi ortodossi si ispirarono a un eremo che un monaco aveva costruito a 4000 m di altitudine e arroccato una chiesa tra la vetta del monte Kazbek (5047 m) e il villaggio ai piedi. Sempre più visitatori affollano questi luoghi mistici ai margini della Russia. Come loro, per arrivarci ci sottomettiamo ai capricci della sconsiderata Georgia Military Road.
Visitatori della casa di Ernest Hemingway, Key West, Florida, Stati Uniti
Letteratura
Key West, Stati Uniti

Parco giochi caraibico di Hemingway

Espansivo come sempre, Ernest Hemingway ha definito Key West "il posto migliore in cui sia mai stato...". Nelle profondità tropicali degli Stati Uniti contigui, ha trovato l'evasione e un divertimento folle e ubriaco. E l'ispirazione per scrivere con intensità da abbinare.
Contadino, Majuli, Assam, India
Natura
Majuli, India

Un conto alla rovescia dell'isola

Majuli è la più grande isola fluviale dell'India e sarebbe ancora una delle più grandi sulla faccia della terra se non fosse per l'erosione del fiume Brahmaputra che lo ha ridotto per secoli. Se, come si teme, più di un'isola verrà sommersa entro vent'anni, una roccaforte culturale e paesaggistica davvero mistica del Subcontinente scomparirà.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Parchi Naturali
ghiacciai

Pianeta blu-ghiacciato

Si formano ad alte latitudini e/o altitudini. In Alaska o in Nuova Zelanda, in Argentina o in Cile, i fiumi di ghiaccio sono sempre impressionanti visioni di una Terra tanto gelida quanto inospitale.
Nelson Dockyards, Antigua Docks,
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
English Harbour, Antigua

Nelson's Dockyard: l'Antica Base navale e Dimora dell'Ammiraglio

Nel XNUMX° secolo, quando gli inglesi contestarono il controllo dei Caraibi e il commercio dello zucchero con i loro rivali coloniali, presero il controllo dell'isola di Antigua. Lì si imbatterono in una baia frastagliata che chiamarono English Harbour. Ne fecero un porto strategico che ospitava anche l'idolatrato ufficiale di marina.
aggie grey, samoa, pacifico meridionale, Marlon Brando Fale
personaggi
Apia, Samoa Occidentali

La padrona di casa del Pacifico meridionale

venduto hamburger ai GI nella seconda guerra mondiale e ha aperto un hotel che ha accolto Marlon Brando e Gary Cooper. Aggie Grey è morta nel 2, ma la sua eredità di ospitalità sopravvive nel Pacifico meridionale.
Montezuma e Malpaís, le migliori spiagge della Costa Rica, Catarata
Spiagge
Montezuma, Costa Rica

Di nuovo nelle braccia tropicali di Montezuma

Sono passati 18 anni da quando siamo stati abbagliati da questa delle coste benedette del Costa Rica. Solo due mesi fa, l'abbiamo ritrovato. Accogliente come lo conoscevamo.
Cambogia, Angkor, Ta Phrom
Religione
Ho Chi Minh a Angkor, Camboja

La strada tortuosa per Angkor

Dal Vietnam in poi, le strade sconnesse ei campi minati della Cambogia ricordano gli anni del terrore dei Khmer rossi. Sopravviviamo e siamo ricompensati con la vista del più grande tempio religioso
Una storia di trenino
Veicoli Ferroviari
Siliguri a Darjeeling, India

Il trenino himalayano funziona ancora seriamente

Né la forte pendenza di alcuni tratti né la modernità lo fermano. Da Siliguri, alle pendici tropicali della grande catena montuosa asiatica, a Darjeeling, con le sue cime in vista, il più famoso dei trenini indiani regala, giorno dopo giorno, un arduo viaggio da sogno. Percorrendo la zona, ci imbarchiamo e ci lasciamo incantare.
Street Bar, Fremont Street, Las Vegas, Stati Uniti
Società
Las Vegas, EUA

La culla della città del peccato

La famosa Strip non ha sempre focalizzato l'attenzione di Las Vegas. Molti dei suoi hotel e casinò replicavano il glamour neon della strada che un tempo spiccava di più, Fremont Street.
L'abbandono, lo stile di vita dell'Alaska, Talkeetna
Vita quotidiana
Talkeetna, Alaska

Lo stile di vita dell'Alaska di Talkeetna

Un tempo un semplice avamposto minerario, Talkeetna è stato ringiovanito nel 1950 per servire gli scalatori del Monte McKinley. Il villaggio è di gran lunga il più alternativo e accattivante tra Anchorage e Fairbanks.
Rifugio Gandoca Manzanillo, Bahia
Animali selvatici
Gandoca-Manzanillo (rifugio della fauna selvatica), Costa Rica

Il Rifugio Caraibico di Gandoca-Manzanillo

In fondo alla sua costa sud-orientale, alla periferia di Panama, la nazione “Tica” protegge un lembo di giungla, paludi e il Mar dei Caraibi. Oltre a un provvidenziale rifugio per la fauna selvatica, Gandoca-Manzanillo è uno splendido Eden tropicale.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.