Luxor, Egitto

Da Luxor a Tebe: viaggio nell'antico Egitto


Muro come un egiziano
Incisioni con motivi religiosi egizi su una delle pareti sabbiose del tempio di Karnak. Il dio del sole Ra è sulla destra.
Alba su Luxor
L'amalgama architettonico del tempio di Karnak, roseo con l'alba.
Sulla strada per il mausoleo
I visitatori della Valle dei Re camminano lungo il viale che conduce alle camere funerarie del faraone Hatshepsut, l'edificio più imponente della Valle dei Re e delle Regine.
ombre del tempo
Il lavoratore del tempio di Luxor cammina attraverso un atrio fiancheggiato da colonne.
Viale delle Sfingi
Decine di sfingi d'ariete compongono il Viale delle Sfingi che collega il Tempio di Karnak a quello di Luxor.
Nilo sopra
Cruzeiro si ferma a una delle varie porte che regolano l'altezza delle acque del fiume Nilo.
Conversazione egiziana di giorno
I guardiani egizi del Tempio di Karnak conversano al sole del primo mattino.
carnak x 2
La cisterna riflette parte del vasto tempio di Karnak.
colonna vegetale
Una palma si scontra con l'ordine delle colonne prevalente nel Tempio di Karnak
Tebe fu eretta come nuova capitale suprema dell'Impero Egizio, sede di Amon, il Dio degli Dei. La moderna Luxor ha ereditato il Tempio di Karnak e la sua sontuosità. Tra l'uno e l'altro scorrono il sacro Nilo e millenni di storia mozzafiato.

“Ai miei tempi, avremmo costruito tutto questo in studio. È meglio!" ha sparato a Bette Davis. L'attrice dagli occhi insinuanti stava girando “La morte sul Nilo”, la versione hollywoodiana del classico giallo di Agatha Christie.

È giusto dire che, all'epoca, Luxor non era come la maestosa Tebe che abbagliò Alessandro Magno e sconvolse i successivi imperatori e generali romani. Né è stato paragonato alla città attuale. Il tempio omonimo, ad esempio, si era perso tra i bazar occupati e lo sviluppo indisciplinato del centro aveva provocato il caos.

Di fronte all'importanza del territorio, considerato però il più grande museo a cielo aperto del mondo, il UNESCO convalidò la soluzione drastica che seguì senza tante cerimonie. Improvvisamente, il governatore locale ordinò la demolizione di centinaia di case e negozi per riportare il luogo alla sua purezza storica.

Il cuore del complesso divenne il Tempio di Luxor, ammirevole da ogni prospettiva, che si estendeva fino al Viale delle Sfingi. I lavori hanno sacrificato la vita dei residenti che potevano fare ben poco contro le cifre ridicole che ricevevano in compenso.

Viale delle Sfingi, Luxor, Egitto

Decine di sfingi d'ariete compongono il Viale delle Sfingi che collega il Tempio di Karnak a quello di Luxor.

Hanno anche inorridito gli archeologi che hanno visto i bulldozer "gestire" lo scavo delle sfingi. E furono interrotti, precariamente, al tempo della Rivoluzione egiziana di primavera. Agatha Christie non era più in grado di narrare nessuno di questi crimini.

Anche con tutte le offese, Luxor è Luxor. Chi si definisce un viaggiatore e anche il turista più disinteressato sa che non c'è eguale sulla faccia della terra.

Alla scoperta dell'antico Egitto da Luxor

Siamo atterrati all'aeroporto cittadino con un entusiasmo all'altezza. Ci sistemiamo a bordo di una delle navi da crociera che risalgono il Nilo e scendono lungo il Nilo.

Il giorno dopo, ancora il sole a est stava riposando, stavamo già camminando lungo il vicolo costeggiato da sfingi di arieti e, presto, davanti al tempio di Karnak, pronti per il momento in cui i suoi intransigenti guardiani in turbante e jilaba ci hanno concesso per entrare. .

Protezioni, Tempio di Karnak, Luxor, Egitto

I guardiani egizi del Tempio di Karnak conversano al sole del primo mattino.

A poco a poco i raggi del sole filtrati dalla foschia mattutina cadono sul fascio di colonne, piccoli sottotempli, tralicci e altri elementi che formano quello che è considerato il secondo sito religioso antico più grande del mondo, superato solo da Angkor Wat, in Cambogia.

Il complesso fu eretto tra il Medio Regno d'Egitto e il periodo di Tolomeo. Sorse al centro dell'antica Ipet-Isut "The Highest of Places", luogo di culto della triade di divinità composta da Amon, la sua consorte Mut (il sostituto della metà di Amon, Amonet) e Khonsun, il loro figlio. .

Durante la XNUMXa, XNUMXa e XNUMXa dinastia, una trentina di faraoni continuarono l'opera.

Allo stesso tempo, fecero di Tebe una capitale vasta, diversificata e suprema unica nell'antico Egitto, dispersa nel deserto su entrambe le sponde del Nilo: la maggior parte della città e i templi di Karnak e Luxor a est.

Una vasta necropoli formata da cimiteri privati ​​e reali a ovest.

Tempio di Karnak, Luxor, Egitto

L'amalgama architettonico del tempio di Karnak, roseo con l'alba.

La ragion d'essere di Luxor

La funzione del tempio di Luxor era molto diversa da quella di Karnak. Non fu eretto in onore di un dio. Serviva al divino ringiovanimento della regalità ed è molto probabile che ospitò l'incoronazione di diversi faraoni d'Egitto, sempre convalidata dalla triade divina.

Gli egiziani lo consideravano ancora l '"Harem del sud". Si ritiene che, con le piene del Nilo in pieno svolgimento, sia entrata in gioco la festa di Opet. In una prima fase, le effigi di Amon, Mut e Khonsun saranno state portate lungo il Viale delle Sfingi dal Tempio di Karnak a quello di Luxor.

Tempio di Karnak, Luxor, Egitto

La cisterna riflette parte del vasto tempio di Karnak.

Lungo il percorso si fermavano nelle cappelle costruite per l'evento e riempite di offerte. Al termine della cerimonia, sono tornati in barca.

Successivamente iniziarono anche il viaggio di sola andata lungo il Nilo, in una sorta di celebrazione matrimoniale fluviale in cui una piccola flotta di barche scortava la sacra chiatta.

Questa celebrazione avrà ammesso diversi giorni di dissolutezza popolare alla moda egiziana.

I Templi di Luxor e la Prolifica Cosmogonia dell'Egitto

L'immaginario millenario della cosmogonia egizia si è sempre dimostrato inesauribile. È cambiato e si è arricchito in modo tale che, almeno per lo stesso periodo di tempo della sua formazione, gli archeologi avranno nuove tombe e segreti da scoprire.

Due assi opposti regolavano la vita dell'antico Egitto: il flusso del Nilo, da sud a nord, attraverso il deserto del Sahara. In alto, il cielo in cui si sono svolti i movimenti cruciali della vita. Quella del Sole che salì da una direzione nel deserto e si tuffò nell'altra, verso le sabbie rivali, oggi la Libia.

Incisioni, Tempio di Karnak, Luxor, Egitto

Incisioni con motivi religiosi egizi su una delle pareti sabbiose del tempio di Karnak. Il dio del sole Ra è sulla destra.

Durante il suo viaggio, c'è stato un viaggio notturno attraverso l'ignoto e l'incertezza. La ricomparsa del sole rappresentava il rinnovamento della vita. Da tempo radicata nella mente della popolazione e sempre urgente, questa nozione rendeva ogni giorno qualcosa di molto speciale.

I percorsi del Nilo e del sole erano regolari e onnipresenti. Per questo motivo, tutte le opere d'arte ei monumenti sono in qualche modo legati ad essi. Le inondazioni del Nilo alimentarono la nazione.

Il suo lungo corso d'acqua univa gli abitanti altrimenti chiusi dell'Alto e del Basso Egitto.

La soglia esistenziale del Nilo a Tebe

A Tebe, il Nilo separava ancora la vita dall'aldilà. Non ci è voluto molto per attraversarlo a ovest e trovare il luogo che più contrastava con il Tempio di Luxor. Se questo celebrava il rinnovamento della vita terrena, la Valle dei Re e delle Regine veniva scavata e sigillata per garantire la conservazione dei corpi dei faraoni.

Le loro anime avrebbero dovuto rinascere per l'incontro con gli Dei nella prossima vita.

Tempio di Karnak, Luxor, Egitto

Una palma si scontra con l'ordine delle colonne prevalente nel Tempio di Karnak

La Valle dei Re fu inaugurata dal faraone Thutmose I. Si dice che fosse ben consapevole che il fatto che i suoi antecedenti fossero sepolti in grandi piramidi rendeva le sue tombe e tesori facili bersagli per i profanatori.

Non commentiamo l'incontro con gli dei. Noi e dozzine di fortunati visitatori ci imbattiamo in Tutankhamon e altri faraoni emblematici dell'Egitto. Per soli dieci minuti, va detto, e senza diritto alle fotografie.

Ci sono così tanti pretendenti che le autorità controllano il numero delle persone e il tempo all'interno delle tombe.

Valle dei Re e la misteriosa tomba di Tutankhamon

Siamo ancora lontani dall'estate in queste parti remote dell'Africa. Anche così, il caldo che ci brucia mentre saliamo i sentieri polverosi della Valle dei Re è mortale e l'aridità dell'aria degna di Sara. L'aridità del deserto ha sempre favorito la conservazione delle sfingi.

Come abbiamo visto, Tutankhamon, il re-bambino che regnò dai nove ai diciannove anni fino alla morte per ragioni come o più dibattute rispetto al ritrovamento della sua tomba, ha ancora qui la sua dimora.

Quanto alla controversia, da un lato, ci sono gli apologisti che lo scopritore di tombe di 3200 anni, l'archeologo britannico Howard Carter, abbia ingannato le autorità egiziane, sottratto buona parte delle ricchezze e simulato le precedenti profanazioni della tomba, il primo dei quali, secondo lui, avvenne poco dopo il funerale del faraone, seguito da un secondo quindici anni dopo.

Dall'altro lato ci sono i difensori che, come sostiene Carter, la tomba era già stata derubata più volte prima del ritrovamento dell'archeologo, considerato il più grande trionfo archeologico di tutti i tempi.

L'improbabile cacciatore di tombe egizie Napoleone Bonaparte

In gran parte, la mente dietro la febbre delle tombe e dei tesori egizi era Napoleone Bonaparte.

Dopo la conquista dell'Italia, i governanti del Direttorio dell'Impero iniziarono a fare pressioni affinché la Francia invadesse l'Inghilterra. Napoleone si oppose. Con l'appoggio del ministro degli Esteri Talleyrand, riuscì a imporre una campagna attraverso l'Egitto con l'obiettivo di intaccare le prolifiche rotte commerciali inglesi con il suo gioiello della corona, l'India.

A questo punto, l'Egitto era sotto il controllo dei Mamelucchi egizi. Nel 1798, le forze di Napoleone riuscirono a evitare l'armata dell'ammiraglio Nelson, sbarcare sulla costa mediterranea dell'Egitto e vincere diverse battaglie decisive, tra cui la Battaglia delle Piramidi.

Ma, furioso che la flotta francese gli fosse sfuggita, Lord Nelson non si fermò finché non ebbe corretto l'errore. Alla fine rilevò le 400 navi nemiche e le distrusse nella battaglia di Aboukir. Questa azione lasciò le forze di Napoleone "rimaste arenate" in Egitto.

Napoleone: da conquistatore a ossessionato dalla storia egizia

L'imperatore ha cercato di sfruttare al meglio la sua situazione inaspettata. Correva voce che l'esercito turco si stesse preparando ad attaccarlo. Napoleone cercò di fermarlo attaccando gli ottomani in quelle che oggi sono Siria e Palestina.

Ma si trovò assediato nella città di Acri controllata dagli inglesi.

Pochi mesi dopo, fu costretto a tornare in Egitto con le sue forze indebolite. Nel frattempo in Europa infuriava la guerra e la Francia si trovava sempre più vulnerabile.

Napoleone decise di tornare. Evitò ancora una volta l'armata di Nelson e concentrò gli sforzi sulla rimozione dell'amministrazione che considerava "un gruppo di avvocati". Non ci volle molto per sostituirlo con un Consolato di tre consoli di cui lui stesso divenne capo.

Le truppe napoleoniche si arresero agli inglesi nel settembre 1801. Nei tre anni trascorsi in Egitto, l'imperatore francese divenne ossessionato dalla storia e dalla cultura millenarie della nazione.

Colonne, Tempio di Karnak, Luxor, Egitto

Il lavoratore del tempio di Luxor cammina attraverso un atrio fiancheggiato da colonne.

Ha incoraggiato circa 150 scienziati, matematici, ingegneri e artisti a studiare monumenti antichi, terreno, flora e fauna, nonché la società e vari altri aspetti della civiltà egizia. Il risultato del suo lavoro è stato un enorme compendio illustrato intitolato “Descrizione di L'Egitto".

Howard Carter: Il famoso Tomb Raider inglese

Questo lavoro generò un'egittologia quasi folle che sarebbe durata almeno altri duecento anni. Ha anche semplificato gli studi e le ricerche degli esploratori che si sono uniti al movimento. Howard Carter è stato solo uno degli esploratori che si sono rivolti a lui.

Nel 1922 – anno in cui l'Egitto dichiarò l'indipendenza dal Regno Unito e in cui Carter trovò la tomba di Tutankhamon – entrò in vigore una legge con la quale l'Egitto cercava di difendersi da questa nuova febbre. La legge stabiliva che qualsiasi ritrovamento archeologico di un tesoro intatto doveva rimanere in Egitto mentre se il tesoro fosse già stato violato, poteva essere diviso tra l'Egitto e chiunque lo avesse trovato.

Ogni volta che un oggetto appare sulla faccia della Terra che gli egittologi sono certi appartenga al tesoro di Tutankhamon, la contesa riemerge. Chi ha aperto la tomba per la prima volta comunque? Indipendentemente dal fatto che Carter sia riuscito a trasportare i tesori fuori dall'Egitto.

In ogni caso, alla fine, le autorità egiziane, desiderose di emanciparsi dai coloni britannici, si rifiutarono di spartirsi il bottino.

Rimane, a margine, il prolifico tema della maledizione di Tutankhamon, affrontato in innumerevoli documentari, film, libri, giochi per computer e un po' di tutto il resto e con un elenco crescente di vittime provenienti da vari paesi e ceti sociali.

Notevoli faraoni illustri sono vicini di Tutankhamon, inclusi nove Ramses. In questi giorni, il membro defunto della famiglia reale egiziana con le camere funerarie più sontuose è di gran lunga il faraone Hatshepsut, il secondo reggente nella storia egiziana e una delle "grandi donne della storia che ci viene raccontata" egittologo James Henry Breasted.

Il sontuoso tempio funerario di Hatshepsut

Per festeggiare, ci uniamo a decine di altri curiosi egiziani e percorriamo il lungo viale che porta alle scogliere quasi verticali di Deir el Bahari. Da pianeggiante, il viale degrada verso il cielo azzurro.

Punta alla sommità dei terrazzi colonnati che raggiungiamo a quasi trenta metri di altezza.

Sulla strada per il mausoleo

I visitatori della Valle dei Re camminano lungo il viale che conduce alle camere funerarie del faraone Hatshepsut, l'edificio più imponente della Valle dei Re e delle Regine.

L'asse del tempio sembra essere stato appositamente allineato con la posizione dell'alba al solstizio d'inverno (21 o 22 dicembre) quando la luce del sole cade su una delle statue di Osiride ai lati dell'ingresso della seconda camera.

Gli studiosi hanno inoltre osservato che una scatola luminosa posta in modo tale da rivelare come la luce si allontani dall'asse centrale e illumini la statua del dio Amon-Ra (comunque gli egizi univano la divinità di Amon con quella del sole dio Ra), il faraone Thutmose III e, quindi, il dio del Nilo Hapi.

Sul sentiero del controverso colosso di Memnone

Abbiamo lasciato quel tempio funerario iperbolico con il sole ancora alto. Da lì, siamo tornati più vicini alle sponde irrigate del fiume alla ricerca del Colosso di Memnone.

Erette nel 1500 aC come guardiani della tomba del faraone Amenhoep III, le statue sono alte diciotto metri e mostrano il re egiziano seduto con le mani sulle ginocchia.

Li troviamo, quindi, senza troppi sforzi nonostante siano stati spostati dopo che le superlative inondazioni del Nilo distrussero uno dei complessi faraonici più grandi e opulenti dell'Egitto e i monarchi successori iniziarono a utilizzare i loro blocchi di pietra in altre costruzioni. Anche portentose e intimidatorie, anche le statue non evitarono il colossale errore del loro battesimo.

Nel 27 aC un terremoto distrusse il colosso a nord dell'antico tempio. Questa statua iniziò a emettere uno strano suono. Di solito avveniva la mattina presto, ora si dice che a causa dell'improvviso aumento della temperatura e dell'evaporazione della rugiada nelle fessure del monumento.

Ora, il suono fenomenale divenne così famoso da attirare turisti romani (compresi imperatori) e greci dell'epoca che si presero la briga di viaggiare per giorni e giorni per raggiungere il luogo e per inscrivere sulla sua base se avessero sentito o meno il canto ... suono. Non avevano idea che fosse una statua di Amenhoep III.

I Greci, in particolare, iniziarono ad attribuire il suono ai lamenti della madre di re Memnone.

Memnone era un re d'Etiopia che guidò il suo esercito in Africa verso l'Asia Minore per aiutare a difendere Troia dall'assalto dei Greci. Nonostante il suo coraggio, fu ucciso da Achille. Non fornì molto compenso, ma, dopo la sua morte, conquistò lo status di eroe tra gli Elleni.

Nel 20 aC, lo storico Strabone, che viveva in Asia Minore, arrivò meglio informato dei suoi compatrioti ellenici e descrisse il suono come una specie di colpo. Al viaggiatore e geografo Pausania suonava come una corda che si rompeva. Altri ancora lo narrarono come un colpo al rame o un insolito fischio.

Nilo sopra

Cruzeiro si ferma a una delle varie porte che regolano l'altezza delle acque del fiume Nilo.

Ad essere onesti, non abbiamo sentito nulla e non abbiamo avuto il tempo di aspettare. Tra poche ore, la crociera su cui ci eravamo imbarcati sarebbe iniziata a risalire il Nilo, più vicino Assuan.

Avevamo molto di più del Nilo e dell'Antico Egitto da svelare per quello che abbiamo lasciato Memnon e il colosso che non è mai stato tuo è passato alla storia.

Assuan, Egitto

Dove il Nilo accoglie l'Africa nera

1200 km a monte del suo delta, il Nilo non è più navigabile. L'ultima delle grandi città egiziane segna la fusione tra territorio arabo e nubiano. Fin dalla sua sorgente nel Lago Vittoria, il fiume ha dato vita a innumerevoli popoli africani dalla carnagione scura.
Deserto Bianco, Egitto

La scorciatoia egiziana per Marte

In un momento in cui la conquista del vicino del sistema solare è diventata un'ossessione, una parte orientale del deserto del Sahara ospita un vasto paesaggio correlato. Invece dei 150-300 giorni stimati necessari per raggiungere Marte, decollamo dal Cairo e, in poco più di tre ore, facciamo i primi passi nell'Oasi di Bahariya. Intorno, quasi tutto ci fa sentire il tanto agognato Pianeta Rosso.
Monte Sinai, Egitto

Forza nelle gambe e fede in Dio

Mosè ricevette i Dieci Comandamenti sulla vetta del monte Sinai e li rivelò al popolo di Israele. Oggi centinaia di pellegrini conquistano, ogni notte, i 4000 passi di quella dolorosa ma mistica ascesa.
Grande Zimbabwe

Grande Zimbabwe, mistero infinito

Tra l'XI e il XIV secolo, i popoli bantu costruirono quella che divenne la più grande città medievale dell'Africa subsahariana. Dal 1500 in poi, con il passaggio dei primi esploratori portoghesi provenienti da Mozambico, la città era già in declino. Le sue rovine, che hanno ispirato il nome dell'attuale nazione dello Zimbabwe, hanno molte domande senza risposta.  
Tulum, Messico

Le rovine Maya più caraibiche

Costruita in riva al mare come un eccezionale avamposto decisivo per la prosperità della nazione Maya, Tulum fu una delle ultime città a soccombere all'occupazione ispanica. Alla fine del XNUMX° secolo, i suoi abitanti l'abbandonarono al tempo ea una costa impeccabile della penisola dello Yucatan.
Machu Picchu, Perù

La città perduta nel mistero degli Incas

Mentre vaghiamo per Machu Picchu, troviamo un significato nelle spiegazioni più accettate per la sua fondazione e abbandono. Ma ogni volta che il complesso viene chiuso, le rovine sono lasciate ai loro enigmi.
Rapa Nui - Isola di Pasqua, Cile

Sotto lo sguardo dei Moai

Rapa Nui fu scoperta dagli europei il giorno di Pasqua del 1722. Ma se il nome cristiano Isola di Pasqua ha un senso, la civiltà che l'ha colonizzata dagli osservatori moai rimane avvolta nel mistero.
Gerusalemme, Israele

Più vicino a Dio

Tremila anni di una storia tanto mistica quanto travagliata prendono vita a Gerusalemme. Venerata da cristiani, ebrei e musulmani, questa città irradia polemiche ma attira credenti da tutto il mondo.
da Edfu a Kom Ombo, Egitto

Nilo in alto, da tolemaico dell'Alto Egitto

Dopo aver completato l'inevitabile ambasciata a Luxor, l'antica Tebe e la Valle dei Re, si procedeva controcorrente del Nilo. In Edfu e Kom Ombo, ci arrendiamo alla magnificenza storica lasciata in eredità dai successivi monarchi Tolomeo.
savuti, botswana, leoni mangiatori di elefanti
Safari
Savuti, Botswana

L'elefante che mangia i leoni di Savuti

Una parte del deserto del Kalahari si prosciuga o viene irrigata a seconda dei capricci tettonici della regione. A Savuti, i leoni si sono abituati a fare affidamento su se stessi e a depredare gli animali più grandi della savana.
Aurora illumina la Pisang Valley, Nepal.
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 3°- Upper Pisang, Nepal

Un'inaspettata alba nevosa

Ai primi accenni di luce, la vista del manto bianco che aveva ricoperto durante la notte il paese ci abbaglia. Con una delle escursioni più dure sul circuito dell'Annapurna in vista, abbiamo posticipato la partenza il più a lungo possibile. Infastiditi, abbiamo lasciato Upper Pisang per Ngawal quando l'ultima neve se n'era andata.
Bertie a Jalopy, Napier, Nuova Zelanda
Architettura & Design
Napier, Nova Zelândia

Ritorno agli anni '30

Devastato da un terremoto, Napier è stato ricostruito in un Art Deco quasi al piano terra e vive fingendo di essersi fermato negli anni Trenta. I suoi visitatori si arrendono all'atmosfera del Grande Gatsby che trasuda la città.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Aventura
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.
Australia Day, Perth, bandiera australiana
Cerimonie e Feste
Perth, Australia

Giornata dell'Australia: in onore della Mourning Invasion Foundation

26/1 è una data controversa in Australia. Mentre i coloni britannici lo celebrano con barbecue e tanta birra, gli aborigeni celebrano il fatto di non essere stati completamente spazzati via.
Ribeira Grande, Santo Antao
Città
Ribeira Grande, Santo AntãoCapo Verde

Santo Antão, Ribeira Grande Sopra

Originariamente un piccolo villaggio, Ribeira Grande ha seguito il corso della sua storia. Divenne il villaggio, poi la città. È diventato un bivio eccentrico e inevitabile sull'isola di Santo Antão.
cibo
Margilan, Uzbekistan

Un capofamiglia dell'Uzbekistan

In uno dei tanti panifici di Margilan, sfinito dal calore intenso del forno tandyr, il fornaio Maruf'Jon lavora a metà come i diversi pani tradizionali venduti in tutto l'Uzbekistan
Kiomizudera, Kyoto, un Giappone millenario quasi perduto
Cultura
Kyoto, Giappone

Un Giappone millenario quasi perduto

Kyoto era nella lista dei colpi della bomba atomica degli Stati Uniti ed era più di un capriccio del destino a preservarla. Salvata da un Segretario alla Guerra americano innamorato della sua ricchezza storico-culturale e della sontuosità orientale, la città è stata sostituita all'ultimo minuto da Nagasaki nell'atroce sacrificio del secondo cataclisma nucleare.
4 luglio Fireworks-Seward, Alaska, Stati Uniti
sportivo
Seward, Alaska

Il 4 luglio più lungo

L'indipendenza degli Stati Uniti viene celebrata a Seward, in Alaska, in modo modesto. Anche così, il 4 luglio e la sua celebrazione sembrano non avere fine.
DMZ, Corea del Sud, Linea di non ritorno
In viaggio
ZDM, Dora - Corea del Sud

La linea del non ritorno

Una nazione e migliaia di famiglie furono divise dall'armistizio nella guerra di Corea. Oggi, mentre i turisti curiosi visitano la DMZ, molte delle fughe dei nordcoreani oppressi finiscono in tragedia.
Promettere?
Etnico
Goa, India

A Goa, Veloce e Forte

Un'improvvisa voglia di eredità tropicale indo-portoghese ci fa viaggiare con vari mezzi di trasporto ma quasi senza soste, da Lisbona alla famosa spiaggia di Anjuna. Solo lì, a caro prezzo, potremmo riposare.
tunnel di ghiaccio, percorso dell'oro nero, Valdez, Alaska, USA
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Sensazioni vs Impressioni

Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
Storia
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Fidanzate a Little Venice, Mykonos
Isole
Mikonos, Grecia

L'isola greca dove il mondo festeggia l'estate

Durante il 1960° secolo, Mykonos era solo un'isola povera, ma intorno al XNUMX, i venti di cambiamento delle Cicladi l'hanno trasformata. In primo luogo, nel migliore rifugio per gay del Mediterraneo. Poi, nell'affollata, cosmopolita e bohémien vanity fair che troviamo quando visitiamo.
lago ala juumajarvi, parco nazionale di oulanka, finlandia
bianco inverno
Kuusamo ao P.N. Oulanka, Finlândia

Sotto il freddo incantesimo dell'Artico

Siamo al 66º nord e alle porte della Lapponia. Da queste parti il ​​paesaggio bianco è di tutti e di nessuno come gli alberi innevati, il freddo atroce e la notte senza fine.
Almada Negreiros, Roça Saudade, Sao Tome
Letteratura
desiderio, São Tomé, São Tome e Principe

Almada Negreiros: da Saudade all'eternità

Almada Negreiros nasce nell'aprile del 1893 in una campagna di São Tomé. Alla scoperta delle sue origini, crediamo che l'esuberanza rigogliosa in cui ha iniziato a crescere abbia dato ossigeno alla sua feconda creatività.
Kogi, PN Tayrona, Guardiani del mondo, Colombia
Natura
PN Tayrona, Colombia

Chi protegge i guardiani del mondo?

Gli indigeni della Sierra Nevada de Santa Marta credono che la loro missione sia salvare il Cosmo dai “Fratelli Minori”, che siamo noi. Ma la vera domanda sembra essere: "Chi li protegge?"
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Punto di vista del punto di vista, Alexander Selkirk, a Pele Robinson Crusoe, Cile
Parchi Naturali
Isola Robinson Crusoe, Cile

Alexander Selkirk: Nella pelle del vero Robinson Crusoe

L'isola principale dell'arcipelago Juan Fernández ospitava pirati e tesori. La sua storia era fatta di avventure come quella di Alexander Selkirk, il marinaio abbandonato che ha ispirato il romanzo di Dafoe.
Il castello di Shuri a Naha, Okinawa, l'Impero del Sole, in Giappone
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Okinawa, Giappone

Il piccolo impero del sole

Risorta dalla devastazione causata dalla seconda guerra mondiale, Okinawa ha riacquistato l'eredità della sua secolare civiltà Ryukyu. Oggi, questo arcipelago a sud di Kyushu ospita a Giappone sulla riva, circondato da un Oceano Pacifico turchese e ispirato a un peculiare tropicalismo giapponese.
aggie grey, samoa, pacifico meridionale, Marlon Brando Fale
personaggi
Apia, Samoa Occidentali

La padrona di casa del Pacifico meridionale

venduto hamburger ai GI nella seconda guerra mondiale e ha aperto un hotel che ha accolto Marlon Brando e Gary Cooper. Aggie Grey è morta nel 2, ma la sua eredità di ospitalità sopravvive nel Pacifico meridionale.
Lifou, Isole della Lealtà, Nuova Caledonia, Mme Moline popinée
Spiagge
Lifou, Isole della Lealtà

La più grande fedeltà

Lifou è l'isola centrale delle tre che formano l'arcipelago semifrancese al largo della Nuova Caledonia. Col tempo, i nativi Kanak decideranno se vogliono che il loro paradiso sia indipendente dalla lontana metropoli.
cavalieri del divino, fede nello spirito santo divino, Pirenopolis, Brasile
Religione
Pirenópolis, Brasile

cavalcata di fede

Introdotta nel 1819 dai sacerdoti portoghesi, la Festa dello Spirito Santo di Pirenópolis aggrega una complessa rete di celebrazioni religiose e pagane. Dura più di 20 giorni, per lo più trascorsi in sella.
Treno della fine del mondo, Terra del Fuoco, Argentina
Veicoli Ferroviari
Ushuaia, Argentina

Ultima stagione: Fine del mondo

Fino al 1947 i Tren del Fin del Mundo fecero innumerevoli viaggi per far tagliare legna da ardere ai detenuti del carcere di Ushuaia. Oggi i passeggeri sono diversi ma nessun altro treno passa più a sud.
Matrimoni a Jaffa, Israele,
Società
Jaffa, Israele

Dove Tel Aviv si stabilisce sempre a festeggiare

Tel Aviv è famosa per la notte più intensa del Medio Oriente. Ma se i vostri ragazzi si divertono fino allo sfinimento nei locali della costa mediterranea, è sempre più nella vicina Vecchia Giaffa che si sposano.
Casario, città alta, Fianarantsoa, ​​​​Madagascar
Vita quotidiana
Fianarantsoa, Madagascar

La città malgascia della buona educazione

Fianarantsoa fu fondata nel 1831 da Ranavalona Iª, regina dell'allora predominante etnia Merina. Ranavalona I è stato visto dai contemporanei europei come isolazionista, tirannico e crudele. A parte la reputazione del monarca, quando entriamo, la sua antica capitale meridionale rimane il centro accademico, intellettuale e religioso del Madagascar.
Lago Manyara, Parco Nazionale, Ernest Hemingway, Giraffe
Animali selvatici
PN Lago Manyara, Tanzania

L'Africa preferita di Hemingway

Situato all'estremità occidentale della Rift Valley, il Parco Nazionale del Lago Manyara è uno dei più piccoli ma incantevoli e ricchi di animali selvatici dalla Tanzania. Nel 1933, tra caccia e discussioni letterarie, Ernest Hemingway le dedicò un mese della sua travagliata vita. Raccontati questi avventurosi giorni di safari in "Le verdi colline dell'Africa".
Mushing completo del cane
Voli panoramici
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.