Mosca, Russia

La Fortezza Suprema della Russia


Maresciallo Zhukov
Monumento a uno dei generali considerati eroi della seconda guerra mondiale, dalla Russia.
Scorcio della Cattedrale di San Basilio
I passanti in silhouette nel mezzo della Piazza Rossa.
Lenin e Nicola II
Extra di due personaggi inevitabili nella storia russa.
Mausoleo di Lenin
La guardia sorveglia l'ingresso dove Vladimir Lenin giace imbalsamato.
Passione per Minsk
Coppia abbracciata vicino al monumento al Milite Ignoto del Cremlino.
La Cattedrale
La grande cattedrale ortodossa del Cremlino di Mosca.
Cattedrale di San Basilio contro il Cremlino
I colori del crepuscolo avvolgono le torri del Cremlino e la Cattedrale di San Basilio.
La Cattedrale di San Basilio
Il tempio ortodosso più famoso di Mosca, simbolo religioso della capitale della Russia.
Cupole ortodosse
"Corone" ortodosse di una delle cattedrali del Cremlino.
De Guarda, in Piazza Rossa
Uomo in piedi alla base delle mura del Cremlino.
Nel cuore del Cremlino
Vicolo colorato della città fortificata di Mosca.
In riva al lago di Jardim Alexandre
I passanti intorno alla fontana di Jardim Alexandre, vicino al Cremlino.
Ancora altre Torri dell'Incantesimo
Torri del Cremlino e della Piazza Rossa.
Il giardino di Alessandro
I colori accesi del Cremlino, sopra il verde del Giardino di Alexandre.
Alla base della fortezza
Funzionari del Cremlino, lungo una facciata ad arco.
Cremlino sopra il fiume Mosca
La barca viaggia lungo il fiume Moscova, con il Cremlino illuminato sullo sfondo.
Pellegrinaggio sulla Piazza Rossa
I visitatori attraversano la Piazza Rossa al tramonto.
bionda finta
Giovani donne bionde che visitano la Piazza Rossa.
Tra il Cremlino e il fiume Mosca
Torri del Cremlino lungo il fiume di Mosca.
Il Museo Storico Statale
Il grande edificio storico all'ingresso della Piazza Rossa.
Molti furono i cremlini costruiti, nel tempo, nella vastità del paese degli zar. Nessuno spicca, monumentale come quello della capitale Mosca, centro storico di dispotismo e arroganza che, da Ivan il Terribile a Vladimir Putin, nel bene e nel male, ha dettato le sorti della Russia.

È stato così, fino a quando la pandemia non si è diffusa in Russia.

Chiunque tornasse in superficie in una delle stazioni della metropolitana di Manege Square sarebbe presto sorpreso dall'eccitazione e dall'eccentricità che li circondava. Per la prima volta nella nostra vita, abbiamo visto bagni mobili decorati con motivi floreali del folklore russo.

Passiamo davanti alla base della statua equestre del maresciallo sovietico Georgy Zhukov, la cui pianificazione per la difesa dell'Unione Sovietica contro l'invasione nazista ha reso un eroe multidecorato.

Attraverso gli archi della Porta e della Capela Ibérica si intravedono, in lontananza, le cupole arabescate della Cattedrale di San Basilio.

Ci immergiamo nella folla che scorre lì. Inaspettatamente, un grosso orsacchiotto, animato da qualche residente, blocca l'insegna dell'imminente Piazza Rossa.

Qualche istante dopo, un seguito di sacerdoti ortodossi apre la strada e le porte del minuscolo tempio a un seguito di fedeli. La cappella è piena di credenti. Tanto che, mentre all'interno si svolge la cerimonia che li ha riuniti, due sacerdoti, vestiti di tonache nere, la seguono dall'esterno.

Abbiamo attraversato gli archi per dominare la piazza. Dall'altro lato, posizionato alla porta del negozio d'arte e souvenirs Nasledie, due guardie in uniformi storiche che per noi sembrano cosacchi, posano per la fotografia, spade incrociate sopra una famiglia in visita, tutti membri con occhi a mandorla tipici delle zone orientali della nazione.

Nelle vicinanze, gli extra si moltiplicano.

A fa dello zar Nicola II. Un altro di Lenin. Un terzo di Stalin.

In una delle pause dei loro affari con i turisti, Nicola II e Lenine si concedono un chiacchiericcio che tradisce la storia.

Passiamo davanti alla Cattedrale di Nostra Signora di Kazan, dalla quale ammiriamo i successivi archi a mensola, coronati da una solitaria cupola dorata da cui emerge una croce ortodossa.

Monumentale ed elegante per come la vediamo, ci stordisce scoprire che si tratta di una ricostruzione.

Ancora più incredibile, l'originale fu distrutto nel 1936, per ordine espresso del Segretario Generale del Partito Comunista Sovietico, Josef Stalin, luogo di nascita georgiano, non russo, dobbiamo sottolinearlo.

Abbiamo attraversato via Nikolskaya.

La Piazza Rossa Monumentale di Mosca

Dall'altro lato, entriamo finalmente nello spazio sacro della Piazza Rossa, la vasta distesa di ciottoli rigati tra la base delle mura del Cremlino di Mosca e il grande edificio GUM e centro commerciale.

Confermato il crollo dell'URSS, dopo gli anni di caos e disagio economico e sociale dell'Urss Madre Russia, il rovesciamento del comunismo da parte del capitalismo inesorabile ha imposto che la piazza cessasse di essere utilizzata solo per cortei, comizi e simili celebrazioni politico-militari.

Quando lo percorriamo, buona parte della sua area è occupata da una mostra orticola, con piante e fiori custoditi in piccoli vasi, disposti per colori e forme.

Non appena la finestra finisce, gli organizzatori li offrono ai visitatori. Ci troviamo così di fronte a una frenesia di amanti del giardinaggio in lizza per bromelie, bouganville, orchidee e altri.

Questo bottino autorizzato aiuta a smantellare la scuola materna per lo spettacolo serale che segue, un concerto pop-rock seguito da fuochi d'artificio.

La sponda opposta, quella adiacente al Cremlino, resta immune da tali confusioni e sconvolgimenti popolari.

Mausoleo di Lenin, Sepolcro della prima URSS

È lì che, dal 1930, è stato imbalsamato su richiesta del popolo, vicino della Tomba del Milite Ignoto, il fondatore dell'URSS Vladimir Lenin.

Costruito in marmo nero e rosso, sfumature di lutto e sangue, il mausoleo mantiene una guardia armata quasi immobile e che tiene d'occhio tutto.

In particolare, nella coda dei visitatori in attesa di entrare, a seconda della loro appartenenza o simpatia, rendere omaggio o semplicemente osservare il corpo preservato dai trucchi della scienza, il sarcofago refrigerato e l'interno lugubre dell'edificio.

L'importanza storica e politica di Lenin giustifica il fatto che la parte anteriore del mausoleo ospita spesso piattaforme in cui i leader russi si rivolgono al popolo. Nei suoi oltre due decenni di leadership, Vladimir Putin ha parlato lì diverse volte.

Ma se Lenin, Putin ei successivi leader sovietici e russi nel mezzo sono presenti nel mausoleo e nella Piazza Rossa, il vero covo, la sede del loro potere, è nascosto dietro le mura merlate che lo delimitano.

Le immagini che siamo abituati a vedere del presidente Putin seduto con altri leader mondiali, faccia a faccia, a un tavolo gonfiato, hanno contribuito a un immaginario diffuso dell'altra Casa Bianca, quella dell'Est.

Il Grande Cremlino di Russia, sede del potere della nazione

Ebbene, la sala in cui Putin accoglie, con una distanza paragonabile a quella della sua Russia dal mondo, è solo una – il fulcro – delle decine dei cinque palazzi e delle quattro cattedrali ortodosse che compongono l'immenso centro politico e religioso (275.000 m2) di Mosca.

il termine russo Cremlino definisce una roccaforte all'interno di una città. Ci sono centinaia di Cremlini sparsi per la vastità della Russia, come abbiamo visto, di Rostov, uno dei più sontuosi.

Quella di Mosca, come la vediamo ora, iniziò ad essere delimitata nella sua forma triangolare, dai massoni italiani, tra il 1485 e il 1495. In più di mezzo millennio che ha non sempre si è rivelata inespugnabile.

All'inizio del XVII secolo fu conquistata da signori della guerra polacchi e lituani.

Nel 1812, nel bel mezzo della campagna di Russia, e come mezzo per affermare la potenza militare francese, Napoleone Bonaparte rase al suolo sei delle varie torri della fortezza.

Dopo che l'imperatore pazzo fu espulso, in soli sette anni i russi ripristinarono l'integrità del Cremlino e, a parte la mera casa degli zar, la sua funzione di impressionare, controllare e opprimere, a un livello, la Russia ei russi, a un altro, quanto più possibile del mondo.

Quello stesso pomeriggio, abbiamo fatto il giro della Piazza Rossa ed siamo entrati nel suo dominio. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, in tempi di normalità politico-militare russa pre-pandemia, il Cremlino rimase, per la maggior parte, visitabile e turistica.

Gli estranei lo vagavano.

Pregavano nei corridoi delle loro chiese.

La presenza dominante della Chiesa ortodossa russa

Comprese quelle delle grandiose Cattedrali dell'Annunciazione e della Dormizione con le quali la chiesa ortodossa cercò di perpetuare la sua alleanza con il potere e la presenza nella rocca. Entrambi sono sormontati da cupole dorate, specie di missili di presunta fede puntati verso il cielo.

Durante l'intero periodo bolscevico e sovietico (1918-1991), il comunismo ateo senza scrupoli, fondato dai bolscevichi, dirottò la Chiesa ortodossa. Lo tenne da parte.

Soprattutto dal 1991 in poi, con il consenso dei dirigenti post-sovietici, i sacerdoti hanno rapidamente riguadagnato l'influenza che avevano presso gli zar.

Vediamo i visitatori ammirare la campana Kolokol III, che fu rotta durante il grande incendio del 1737, e altri elementi architettonici e storici e angoli del Cremlino.

La vasta, invisibile fetta della fortezza riflette la roccaforte in cui si genera la politica estera russa, in cui Putin ei suoi sudditi nel governo della nazione, compreso il Servizio di sicurezza federale, escogitano le misure necessarie, spesso machiavelliche, per perpetuare il potere del capo pseudo-eletto.

Arroganza e paranoia, residenti di lunga data del Cremlino di Mosca

Nella Fortezza Rossa, la paranoia, alleata di lunga data del dispotismo, è stata a lungo in compagnia dei leader russi e sovietici.

Uno dei suoi primi residenti, lo zar Ivan Valievich, Ivan IV, vide in chiunque apparisse davanti a lui un cospiratore della sua fine.

Tra membri del governo, familiari e “amici”, ha ordinato l'eliminazione di centinaia di russi. Uccise anche suo figlio, erede al trono, che picchiò con un bastone di ferro. Non sorprende che Ivan IV si sia guadagnato il soprannome di "il Terribile".

In tempi di precedenti pandemie, compresa la non meno terribile influenza spagnola, Lenine si rifugiò nell'ermeticità del Cremlino dove dotò le sue stanze di una camera di disinfezione privata.

Stalin, il suo successore, si rifugiò al Cremlino da innumerevoli tentativi di omicidio, la maggior parte dei quali immaginari. Cominciò vietando ai suoi compagni comunisti di accedere alla fortezza.

Dal Cremlino finì per esiliare centinaia di loro e migliaia di cittadini sovietici nel prigioni e campi di concentramento del crescente “Arcipelago GULAG”, come lo chiamavi Alexander Solzenicyn.

La continuazione della storia sovietico-russa nelle mani di Vladimir Putin

Erede onnipotente del Cremlino, Putin ereditò anche i metodi e le procedure dispotiche degli zar e dei dittatori sovietici.

Ha dettato senza tante cerimonie numerose carcerazioni (ad esempio di Alexei Navalny), le condanne a morte degli avversari, sia per fucilazione che attraverso i famosi tè avvelenati chimicamente.

E la recente sanguinosa invasione dell'Ucraina, da cui ci si aspettano sviluppi ancora più catastrofici.

Da questa dispotica e spregevole eredità e presente sovietica e russa, le strutture secolari della grande fortezza di Mosca e della Piazza Rossa continuano ad emergere, eleganti e imponenti.

All'estremità opposta della Porta Iberica e della Cappella attraverso la quale siamo abituati ad entrare, la Cattedrale di San Basilio sembra librarsi.

È, senza dubbio, uno degli edifici religiosi più belli del mondo, con le sue cupole a spirale di diversi colori, attirate come fiamme da un falò crescente di fede.

Verso il tramonto, abbiamo attraversato l'altra sponda di Mosca.

La distanza rivela un Cremlino panoramico, con il suo grandioso palazzo e le cattedrali dorate dalla luce artificiale, riflesse nelle morbide acque del fiume che attraversa un traghetto pieno di stupefatti stranieri.

La Russia di Putin in questi giorni ha perso quel fascino che, nonostante tutto, conservava ancora.

San Pietroburgo, Russia

La Russia va controcorrente. segui la marina

La Russia dedica l'ultima domenica di luglio alle sue forze navali. Quel giorno, una folla visita grandi barche ormeggiate nel fiume Neva mentre marinai annegati nell'alcol prendono il controllo della città.
Rostov Velikij, Russia

Sotto le cupole dell'anima russa

È una delle città medievali più antiche e importanti, fondata durante le origini ancora pagane della nazione degli Zar. Alla fine del XV secolo, inglobato nel Granducato di Mosca, divenne un imponente centro di religiosità ortodossa. Oggi, solo lo splendore del Cremlino Mosca batte quella della tranquilla e pittoresca cittadella di Rostov Velikij.
Novgorod, Russia

La nonna vichinga di Madre Russia

Per quasi tutto il secolo scorso, le autorità dell'URSS hanno omesso parte delle origini del popolo russo. Ma la storia non lascia spazio a dubbi. Molto prima dell'ascesa e della supremazia degli zar e dei soviet, i primi coloni scandinavi fondarono la loro potente nazione a Novgorod.
Fortezze

Il mondo in difesa - Castelli e fortezze che resistono

Sotto la minaccia dei nemici dalla fine dei tempi, i capi dei villaggi e delle nazioni hanno costruito castelli e fortezze. Un po' ovunque, monumenti militari come questi continuano a resistere.
Isole Soloveckie, Russia

L'Isola Madre dell'Arcipelago Gulag

Ospitò uno dei più potenti domini religiosi ortodossi in Russia, ma Lenin e Stalin lo trasformarono in un gulag. Con la caduta dell'URSS, Solotsky ritrova pace e spiritualità.
Suzdal, Russia

Mille anni di Russia antiquata

Era una capitale sontuosa quando Mosca era solo un villaggio rurale. Lungo il percorso perse rilevanza politica ma accumulò la più grande concentrazione di chiese, monasteri e conventi nel paese degli zar. Oggi, sotto le sue innumerevoli cupole, Suzdal è tanto ortodossa quanto monumentale.
San Pietroburgo, Russia

Sulle tracce di "Delitto e castigo"

A San Pietroburgo non abbiamo potuto fare a meno di indagare sull'ispirazione dei personaggi vili del romanzo più famoso di Fëdor Dostoevskij: i suoi stessi rimpianti e le miserie di alcuni concittadini.
San Giovanni d'Acri, Israele

La fortezza che ha resistito a tutto

Era un obiettivo frequente delle Crociate e fu preso e riconquistato più e più volte. Oggi, israeliano, Acri è condiviso da arabi ed ebrei. Vive in tempi molto più sereni e stabili di quelli che ha vissuto.
Suzdal, Russia

A Suzdal, Pepino è celebrato per Pepino

Con l'estate e il clima caldo, la città russa di Suzdal si rilassa dalla sua millenaria ortodossia religiosa. Il centro storico è anche famoso per avere i migliori cetrioli della nazione. Quando arriva luglio, trasforma il appena raccolto in una vera festa.
Suzdal, Russia

Secoli di devozione a un devoto monaco

Eutimio era un asceta russo del XIV secolo che si diede anima e corpo a Dio. La sua fede ha ispirato la religiosità di Suzdal. I fedeli della città lo venerano come il santo che è diventato.
San Pietroburgo e Michaylovskoe, Russia

Lo scrittore che ha ceduto alla sua stessa trama

Alexander Pushkin è lodato da molti come il più grande poeta russo e il fondatore della moderna letteratura russa. Ma Pushkin ha anche dettato un epilogo quasi tragicomico alla sua vita prolifica.
Bolshoi Zayatsky, Russia

Misteriose Babilonia russe

Una serie di labirinti a spirale preistorici fatti di pietre decorano l'isola Bolshoi Zayatsky, parte dell'arcipelago delle Solovetsky. Privati ​​di spiegazioni su quando sono stati eretti o cosa significano, gli abitanti di questi angoli settentrionali d'Europa li trattano come vaviloni.
Bolshoi Soloveckij, Russia

Una celebrazione dell'autunno russo della vita

Ai margini dell'Oceano Artico, a metà settembre, il fogliame boreale risplende d'oro. Accolti da generosi ciceroni, lodiamo i nuovi tempi umani della grande isola di Solovetsky, famosa per aver ospitato il primo dei campi di prigionia dei Gulag sovietici.
Kronstadt, Russia

L'Autunno della Città-Isola Russa di Tutti i Crocevia

Fondata da Pietro il Grande, divenne il porto e la base navale a protezione di San Pietroburgo e della Grande Russia settentrionale. Nel marzo 1921 si ribellò ai bolscevichi che aveva sostenuto nella Rivoluzione d'Ottobre. In questo ottobre che stiamo attraversando, Kronstadt è ancora una volta ricoperta dello stesso esuberante giallo dell'incertezza.
Delta dell'Okavango, Non tutti i fiumi raggiungono il mare, Mokoros
Safari
Delta dell'Okavango, Botswana

Non tutti i fiumi raggiungono il mare

Terzo fiume più lungo dell'Africa meridionale, l'Okavango nasce negli altopiani angolani di Bié e percorre 1600 km a sud-est. Perditi nel deserto del Kalahari, dove irriga una splendida zona umida brulicante di fauna selvatica.
Yak Kharka a Thorong Phedi, circuito dell'Annapurna, Nepal, yak
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna 11º: yak karkha a Thorong Phedi, Nepal

Arrivo ai piedi della gola

In poco più di 6 km saliamo da 4018m a 4450m, alla base del Thorong La Gorge. Lungo la strada, ci siamo chiesti se quelli che sentivamo fossero i primi problemi di Altitude Evil. Non è mai stato un falso allarme.
Visitatori del Jameos del Agua, Lanzarote, Isole Canarie, Spagna
Architettura & Design
Lanzarote, isole Canarie

A César Manrique ciò che appartiene a César Manrique

Di per sé, Lanzarote sarebbe sempre una Canarie a sé stante, ma è quasi impossibile esplorarla senza scoprire il genio irrequieto e attivista di uno dei suoi figli prodighi. César Manrique è morto quasi trent'anni fa. La prolifica opera che ha lasciato in eredità risplende sulla lava dell'isola vulcanica dove è nato.
Alture tibetane, mal di montagna, trattamento per la prevenzione della montagna, viaggi
Aventura

Mal di montagna: non male. Fa schifo!

Quando si viaggia, a volte ci troviamo di fronte alla mancanza di tempo per esplorare un luogo tanto imperdibile quanto elevato. La medicina e le precedenti esperienze con la malattia da altitudine impongono di non rischiare di salire in fretta.
Festival di Kente Agotime, Ghana, oro
Cerimonie e Feste
Kumasi a Kpetoe, Gana

Una celebrazione del viaggio della moda tradizionale ghanese

Dopo qualche tempo nella grande capitale del Ghana Ashanti abbiamo attraversato il paese fino al confine con il Togo. Le ragioni di questo lungo viaggio sono state le alla città, un tessuto così venerato in Ghana che diversi capi tribù gli dedicano ogni anno un sontuoso festival.
Basseterre, Saint Kitts e Nevis, St. Kitts, Memoriale di Berkeley
Città
Basseterre, Saint Kitts e Nevis

Una Capitale al Livello del Mar dei Caraibi

Incastonata tra i piedi del monte Olivees e l'oceano, la minuscola Basseterre è la città più grande di Saint Kitts e Nevis. Di origine coloniale francese, da tempo anglofona, resta pittoresca. È solo distorto dalle gigantesche crociere che lo invadono di visitatori mordi e fuggi.
cibo
Margilan, Uzbekistan

Un capofamiglia dell'Uzbekistan

In uno dei tanti panifici di Margilan, sfinito dal calore intenso del forno tandyr, il fornaio Maruf'Jon lavora a metà come i diversi pani tradizionali venduti in tutto l'Uzbekistan
Controllo corrispondenza
Cultura
Rovaniemi, Finlândia

Dalla Lapponia finlandese all'Artico, Visita alla Terra di Babbo Natale

Stanchi di aspettare che il vecchio barbuto scendesse dal camino, abbiamo ribaltato la storia. Abbiamo approfittato di un viaggio nella Lapponia finlandese e siamo passati davanti alla sua casa nascosta.
arbitro di combattimento, combattimento di galli, filippine
sportivo
Filippine

Quando solo i combattimenti di galli risvegliano le Filippine

Banditi in gran parte del Primo Mondo, i combattimenti di galli prosperano nelle Filippine dove spostano milioni di persone e pesos. Nonostante i suoi problemi eterni è il Sabong che più stimola la nazione.
In viaggio
Moçamedes a PN Iona, Namibe, Angola

Grande ingresso all'Angola das Dunas

Sempre partendo da Moçâmedes, abbiamo viaggiato alla ricerca delle sabbie del Parco Nazionale di Namibe e Iona. La meteorologia del cacimbo impedisce la continuazione tra l'Atlantico e le dune dello splendido sud di Baía dos Tigres. Sarà solo questione di tempo.
Tabato, Guinea Bissau, Balafons
Etnico
Tabato, Guinea Bissau

Tabatô: al Ritmo di Balafom

Durante la nostra visita alla tabanca, a colpo d'occhio, il djidius (poeti musicisti)  i mandinga sono organizzati. Due dei prodigiosi balafonisti del villaggio prendono il comando, affiancati da bambini che li imitano. Cantanti con megafoni in mano, cantano, ballano e suonano la chitarra. C'è un suonatore di chora e diversi djambe e tamburi. La sua mostra genera successivi brividi.
Portfolio, Got2Globe, migliori immagini, fotografia, immagini, Cleopatra, Dioscorides, Delos, Grecia
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il Mondano e il Celeste

Mexcaltitán, Nayarit, Messico, dall'alto
Storia
Mexcaltitán, Nayarit, Messico

Un'isola tra mito e genesi messicana

Mexcaltitán è un'isola lacustre tondeggiante, piena di case e che, durante la stagione delle piogge, è percorribile solo in barca. Si crede ancora che potrebbe essere Aztlán. Il villaggio che gli Aztechi lasciarono in un peregrinare che terminò con la fondazione di Tenochtitlan, la capitale dell'impero che gli spagnoli avrebbero conquistato.
Spiaggia dello Champagne, Espiritu Santo, Vanuatu
Isole
Espirito Santo, Vanuatu

Divina Melanesia

Pedro Fernandes de Queirós pensava di aver scoperto la Terra Australis. La colonia da lui proposta non si è mai materializzata. Oggi, Espiritu Santo, l'isola più grande di Vanuatu, è una specie di Eden.
Cavalli sotto bufera di neve, Islanda Fuoco senza fine dell'isola di neve
bianco inverno
Husavik a Myvatn, Islândia

Neve infinita sull'isola di Fogo

Quando, a metà maggio, l'Islanda ha già il tepore del sole ma il freddo ma il freddo e la neve persistono, gli abitanti cedono a un'affascinante ansia estiva.
Lago Manyara, Parco Nazionale, Ernest Hemingway, Giraffe
Letteratura
PN Lago Manyara, Tanzania

L'Africa preferita di Hemingway

Situato all'estremità occidentale della Rift Valley, il Parco Nazionale del Lago Manyara è uno dei più piccoli ma incantevoli e ricchi di animali selvatici dalla Tanzania. Nel 1933, tra caccia e discussioni letterarie, Ernest Hemingway le dedicò un mese della sua travagliata vita. Raccontati questi avventurosi giorni di safari in "Le verdi colline dell'Africa".
Spitzkoppe, Namibia, specchio d'acqua
Natura
Spitzkoppe, Damaraland, Namibia

La Montagna Tagliente della Namibia

Con i suoi 1728 metri, il “Cervino namibiano” si erge al di sotto delle dieci altezze più alte della Namibia. Nessuno di loro è paragonabile alla drammatica ed emblematica scultura in granito di Spitzkoppe.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Parchi Naturali
ghiacciai

Pianeta blu-ghiacciato

Si formano ad alte latitudini e/o altitudini. In Alaska o in Nuova Zelanda, in Argentina o in Cile, i fiumi di ghiaccio sono sempre impressionanti visioni di una Terra tanto gelida quanto inospitale.
hué, città comunista, Vietnam imperiale, comunismo imperiale
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Hue, Vietnam

L'eredità rossa del Vietnam imperiale

Ha sofferto le peggiori difficoltà della guerra del Vietnam ed è stata disprezzata dal Vietcong per il passato feudale. Le bandiere nazional-comuniste sventolano sulle sue mura ma Hué ritrova il suo splendore.
Visitatori della casa di Ernest Hemingway, Key West, Florida, Stati Uniti
personaggi
Key West, Stati Uniti

Parco giochi caraibico di Hemingway

Espansivo come sempre, Ernest Hemingway ha definito Key West "il posto migliore in cui sia mai stato...". Nelle profondità tropicali degli Stati Uniti contigui, ha trovato l'evasione e un divertimento folle e ubriaco. E l'ispirazione per scrivere con intensità da abbinare.
Baie d'Oro, Ile des Pins, Nuova Caledonia
Spiagge
Île-des-Pins, Nuova Caledonia

L'Isola che si appoggiava al Paradiso

Nel 1964, Katsura Morimura ha deliziato il Giappone con una storia d'amore turchese ambientata a Ouvéa. Ma la vicina Île-des-Pins ha conquistato il titolo di "L'isola più vicina al paradiso" e ha estasiato i suoi visitatori.
I giovani camminano lungo la strada principale di Chame, Nepal
Religione
Circuito dell'Annapurna: 1° - Pokhara a ChameNepal

Finalmente in cammino

Dopo diversi giorni di preparazione a Pokhara, siamo partiti verso l'Himalaya. Il percorso pedonale può essere iniziato solo a Chame, a 2670 metri di altitudine, con le cime innevate della catena montuosa dell'Annapurna già in vista. Fino ad allora, abbiamo completato un preambolo doloroso ma necessario attraverso la sua base subtropicale.
Chepe Express, Ferrovia Chihuahua Al Pacifico
Veicoli Ferroviari
Cantra a Los Mochis, Messico

Barrancas de Cobre, Ferrovia

Il rilievo della Sierra Madre Occidental ha trasformato il sogno in un incubo di costruzione durato sei decenni. Nel 1961, finalmente, il prodigioso Ferrovia Chihuahua al Pacifico era aperto. I suoi 643 km attraversano alcuni dei paesaggi più spettacolari del Messico.
Mahu, Terzo sesso della Polinesia, Papeete, Tahiti
Società
Papeete, Polinesia Francese

Il Terzo Sesso di Tahiti

Eredi dell'antica cultura polinesiana, i Mahu conservare un ruolo insolito nella società. Persi da qualche parte tra i due sessi, questi uomini-donne continuano a lottare per il senso delle loro vite.
Vita quotidiana
Professioni Ardue

Il pane impastato dal diavolo

Il lavoro è essenziale per la maggior parte delle vite. Ma alcuni lavori impongono un livello di sforzo, monotonia o pericolo di cui solo pochi eletti sono capaci.
Maria Jacarés, Pantanal Brasile
Animali selvatici
Miranda, Brasile

Maria dos Jacarés: il Pantanal ospita creature così

Eurides Fátima de Barros è nato nelle campagne della regione di Miranda. 38 anni fa, si stabilì in una piccola attività ai margini della BR262 che attraversa il Pantanal e acquisì affinità con gli alligatori che vivevano alle sue porte. Disgustata dal fatto che le creature lì una volta fossero state massacrate, iniziò a prendersi cura di loro. Oggi conosciuta come Maria dos Jacarés, ha chiamato ciascuno degli animali in onore di un giocatore di football o di un allenatore. Garantisce inoltre che riconoscano le tue chiamate.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.