P.N. Tortuguero, Costa Rica

Costa Rica e Tortuguero allagati


Signora de Tortuguero
Una signora riparata da una grande scultura di tartaruga, appena fuori La Pavona.
Canale Palma di seguito
La barca pubblica trasporta i passeggeri attraverso il Canal de Palma.
Tortuguero. El Pueblito de
Dietro le due statue di uccelli del villaggio passa un residente di Tortuguero.
pomeriggio d'oro
Coppia sotto il portico della loro casa, nel paese di Tortuguero.
Grande pesca
Don Emílio ei suoi figli tornano da un'altra bella battuta di pesca nel fiume Tortuguero, con grandi spigole.
pigra maternità
Madre bradipo tiene un bambino e cerca il sole dopo un lungo periodo di pioggia.
Vivere in riva al mare
Gli amici vivono insieme in una casa sulle rive del canale Tortuguero.
anhinga anhinga
PN Tortuguero, Costarica
Intersezione nel canale
Il capitano Mainor manovra una delle tante barche che solcano i canali di Tortuguero.
sciocca iguana
Iguana si arrampica di nuovo su un albero dopo un'impressionante caduta nel sonno.
Tortuguero
Il sole tramonta all'orizzonte e indora la costa caraibica di Tortuguero, sulla costa nord-orientale del Costa Rica.
Il Mar dei Caraibi e i bacini di numerosi fiumi bagnano il nord-est della nazione tica, una delle zone più umide e ricche di fauna e flora dell'America centrale. Così chiamato perché nelle sue sabbie nere nidificano le tartarughe verdi, Tortuguero si estende, da lì nell'entroterra, per 312 km.2 della splendida giungla acquatica.

Percorrendo 50 km di campagna e soleggiata provincia di Limon, la soglia stradale di La Pavona mette rapidamente i punti nelle i per quanto riguarda l'illusione di qualche beneficio barometrico.

Ci stavamo ancora dirigendo verso la protezione del bar-ristorante quando nubi plumbee e inclemente gettarono un diluvio sul molo.

In un momento in cui le tempeste si erano calmate, salimmo a bordo della barca con cui avremmo continuato destinazione a Tortuguero. In attesa di altri passeggeri, siamo usciti di nuovo in prospezione fotografica.

Ci troviamo alle strette da un altro acquazzone sotto un rude riparo di travi e assi.

Benedisse lui e i nuovi arrivati ​​in riva al fiume con un santuario come non avevamo mai visto, composto da una tartaruga dalle gambe lunghe scolpita nel legno scuro.

E, sotto il carapace rialzato, una statuetta verde brillante, di quella che sembrava una Madonna con in braccio un bambino Gesù.

Infine, con tutti a bordo, Carlos Arceyut, l'ospite del Laguna Lodge ci accoglie, ci presenta il capitano della barca Minor.

Minor salpa per il Suerte, affluente del fiume Tortuguero, un altro dei numerosi fiumi che scorrono dalla Cordillera Central verso la costa caraibica del Costa Rica e che inondano vaste aree lungo il loro percorso, come il Caño Negro , più a ovest.

Dopo 20 minuti, come per miracolo di una divinità insolita, le nuvole si aprono.

Per quasi un'ora, sotto una cupola quasi azzurra, abbiamo zigzagato tra i meandri del Suerte, fino a entrare in un ampio canale che punta verso la città di San Francisco e la Laguna Penitência.

Dopo aver piegato il gancio di una chiamata Isla Quatro Esquinas, lasciammo un passeggero nella città di Tortuguero.

Risaliamo il canale parallelo a quello della Laguna da Providência finché, all'orario previsto, ancoriamo al Laguna Lodge.

Laguna Lodge, tra i canali del Parco Nazionale del Tortuguero e il Mar dei Caraibi

Ci siamo sistemati lì, tra l'ultimo canale del viaggio e il Mar dei Caraibi e, appena usciti sul portico della camera da letto, ci siamo trovati a contatto con la fauna circostante.

Un grande tonfo ci fa sobbalzare. Ci viene in mente che deve aver causato una noce di cocco scartata dal suo albero di cocco.

Uno sguardo più attento rivela una grande iguana che è appena caduta dalla cima di un albero e si è distesa sul terreno umido.

La accompagniamo, illesa, ma un po' frastornata, mentre ritorna al suo sonno interrotto in quota.

In uno scenario ed un ecosistema unici come quello, non volevamo perdere un minuto.

D'accordo, ritornammo nel canale, ancora una volta capitanati da Mainor e guidati da Carlos Arceyut.

La vita quasi anfibia e rischiosa del Parco Nazionale del Tortuguero

Abbiamo perlustrato la vegetazione sulle sponde in cerca di animali quando un trio a bordo di una canoa"Rosmery”, cercando di remare contro corrente, cattura la nostra attenzione. “È il sig. Emilio e i bambini”. dicci Carlos. “Sono andati a pescare alla foce del fiume. Vediamo cosa hanno catturato".

Carlos li interroga. Qualche istante dopo, i pescatori ci mostrano un'enorme spigola e un dentice leggermente più piccolo. “Per loro, pescare in questo modo è una routine. Conoscono questi canali come nessun altro e hanno passato tutto.

Tanto per darvi un'idea, una volta, uno dei Mr. Emilio è stato attaccato da un coccodrillo, anche vicino a dove sono stati catturati questi pesci. Sai come se l'è cavata? Lo ha colpito con un bastone. Non è per questo che hanno smesso di tornare".

Emile ei suoi discendenti non furono gli unici a rifiutarsi di farsi intimidire dall'onnipresenza dei voraci rettili.

Qualche centinaio di metri più a monte, abbiamo incrociato un altro trio, questa volta a bordo della canoa”.Signorina Sibella”. Dª Rosana, Axel e Genesis hanno pescato gamberetti di fiume, che hanno districato da isole galleggianti di vegetazione. Abbiamo stabilito un nuovo approccio.

Nonostante una certa timidezza iniziale, ci ricordano anche che vivono sull’acqua e che se i coccodrilli li tenessero lontani dai canali non riuscirebbero a vivere. "Comunque, è per evitare fastidi che ho la canoa tra me e la riva.

Facciamo quello che possiamo”.

Tortuguero, il villaggio della caricatura

Il sole stava quasi tramontando sulla giungla a ovest. Continuiamo la navigazione verso il villaggio di Tortuguero. Siamo sbarcati a suon di cumbia provenienti da un bar di strada, a quell'ora, con pochi clienti.

Più che la colonna sonora caraibica, è l'imposizione di un insolito nucleo di statue a farci impazzire.

Proprio di fronte al molo, oltre la colonia di pneumatici che attutiscono l'attracco delle barche e sopra un parco giochi multicolore, convivevano un'ara verde e un tucano.

Pochi metri a sinistra, due orsi polari sedevano su una tettoia godendosi la conversazione degli uccelli e il loro riflesso scintillante nell'acqua scura del canale.

La ragione dell'esistenza degli uccelli ci era chiara.

Quello sugli orsi polari aveva bisogno di una spiegazione. "OH! Era una pubblicità o una sponsorizzazione per un marchio di gelati.

Penso che fosse anche Esquimo. illuminaci Carlos.

Statue a margine, la frazione di Tortuguero fu generata da tic ancestrali, meticci di afro-caraibici, indigeni Miskitos e gli immigrati da altri luoghi lontani.

Dalle origini di Tortuguero al gratificante ritorno al Laguna Lodge

Si è sviluppato principalmente a causa della necessità di manodopera nelle piantagioni di cacao, che, per la sua imminenza, ha portato all'ulteriore esportazione di carne di tartaruga, anche per il EUA ed Europa.

Abbiamo ammirato come il tramonto indorava le case di Tortuguero. Esausti per un'intera giornata di viaggio su strada e fiume, abbiamo ceduto a scambiare l'intrigante crepuscolo del villaggio con l'accogliente rifugio ricaricabile di energia del Laguna Lodge.

Durante la cena resistiamo a un tentativo di rapina da parte di una famiglia di coati affamati.

Andavamo a letto presto, convinti che avremmo affrontato una nuova giornata soleggiata, ricca di novità e di attività, come quella che stava finendo.

Avevamo torto e non è stata un’impresa da poco.

Un inaspettato dramma meteorologico

Nel cuore della notte, un rombo che suonava come il Mar dei Caraibi che ci passa sopra la stanza ci fa svegliare di soprassalto. Quando guardiamo fuori dalla finestra, ci rendiamo conto che si trattava di una pioggia diluviana, sospinta da nord da raffiche di vento quasi cicloniche.

La stagione degli uragani caraibici era terminata una decina di giorni fa. Anche così, a dicembre, è normale che i fronti freddi scendano attraverso l'America Centrale e scarichino la loro umidità e furia sul versante caraibico.

Le docce avvenivano tutte le sere. Hanno continuato per tutto il giorno. Mescolavano e gonfiavano il grigio Mar dei Caraibi e, anche nei periodi favorevoli, non era consigliabile fare il bagno, a causa delle forti correnti e dell'abbondanza di squali toro.

Passò un altro giorno. La tempesta non è passata.

In questo disastro meteorologico così naturale nel piovoso Tortuguero, il Mar dei Caraibi si è limitato a proiettare le sue onde quasi fino alla foresta di cocco.

Nel canale, l'acqua saliva con gli occhi. Ha invaso il molo. Si arrampicò sul bordo del giardino.

In quel tempo, tre volte, Luís Torres, un'altra guida al servizio della loggia, è apparso al nostro servizio e, con nostra comune frustrazione, ha visto i suoi servizi rimandati da noi.

Così è stato fino a quando, due albe buie e tempestose più tardi, alla terza, il tempo ha preso il sopravvento.

Ci siamo svegliati senza pioggia né vento. Invece del cielo arrabbiato che si dispiegava sopra le nostre teste, una soffice nebbia massaggiava la cima verde della giungla.

Infine, torniamo ai Canali del Parco Nazionale del Tortuguero

Quando finiamo la colazione, Luís Torres è di nuovo pronto al molo, accompagnato dal capitano della barca, Chito, soprannome che ha sostituito il suo vero nome Braulio.

«Questa volta lo è davvero, Luís, non preoccuparti. Lo è, e lo sarà presto”, vi assicuriamo, intrisi della stessa ansia evasiva della guida. Pochi minuti dopo, stavamo navigando nel canale.

Il territorio previsto era molto più ampio di quello della giornata inaugurale. Eppure ci bastava passare sulla sponda opposta per meravigliarci subito.

Dopo la lunga punizione inzuppata, come noi, la maggior parte degli animali desiderava ardentemente le coccole solari. Chito e Luís rilevano una famiglia di scimmie urlatrici su un albero.

Mentre li ammiriamo e li fotografiamo, trovano una madre bradipo, ancora fradicia, che sonnecchia al sole, con un bambino con gli occhi scintillanti sulla schiena.

Entusiasti dell'assoluta battuta d'arresto delle fortune che il Parco Nazionale del Tortuguero ci riservava, abbiamo fatto ogni sforzo per lasciare queste creature al loro sonno perenne.

Indichiamo ancora una volta il villaggio degli uccelli statua e poi il canale Gancio. Man mano che il paese si estende si giunge all'ingresso dell'area protetta.

Dopo tre giorni di accesso e riparo forzato, ci siamo finalmente diretti nel cuore selvaggio e allagato del Parco Nazionale del Tortuguero.

Articolo realizzato con il supporto di:

LAGUNA LOCANDA TORTUGUERO

www.lagunatortuguero.com

P.N. Tortuguero, Costa Rica

Tortuguero: dalla giungla allagata al Mar dei Caraibi

Dopo due giorni di stallo a causa di piogge torrenziali, siamo partiti alla scoperta del Parco Nazionale del Tortuguero. Canale dopo canale, ammiriamo la ricchezza naturale e l'esuberanza di questo ecosistema fluviale in Costa Rica.
Caño Negro , Costa Rica

Una vita di pesca tra la fauna selvatica

Una delle zone umide più importanti del Costa Rica e del mondo, Caño Negro abbaglia con il suo esuberante ecosistema. Non solo. Remoti, isolati da fiumi, paludi e strade dissestate, i suoi abitanti hanno trovato nella pesca a bordo una via per rafforzare i legami della loro comunità.
Miravalle, Costa Rica

Il vulcano che Miravalles

A 2023 metri, Miravalles si staglia nel nord del Costa Rica, in alto sopra una catena montuosa che comprende La Giganta, Tenório, Espiritu Santo, Santa Maria, Rincón de La Vieja e Orosi. Inattivo quando si tratta di eruzioni, alimenta un prolifico campo geotermico che riscalda la vita dei costaricani alla sua ombra.
P.N. Tortuguero, Costa Rica

Una notte all'asilo nido Tortuguero

Il nome della regione del Tortuguero ha una ragione evidente e antica. Le tartarughe marine dell'Atlantico e dei Caraibi si sono riversate a lungo sulle spiagge di sabbia nera della sua stretta costa per deporre le uova. In una delle notti trascorse a Tortuguero, abbiamo assistito alle loro nascite frenetiche.
Montezuma, Costa Rica

Di nuovo nelle braccia tropicali di Montezuma

Sono passati 18 anni da quando siamo stati abbagliati da questa delle coste benedette del Costa Rica. Solo due mesi fa, l'abbiamo ritrovato. Accogliente come lo conoscevamo.
Miranda, Brasile

Maria dos Jacarés: il Pantanal ospita creature così

Eurides Fátima de Barros è nato nelle campagne della regione di Miranda. 38 anni fa, si stabilì in una piccola attività ai margini della BR262 che attraversa il Pantanal e acquisì affinità con gli alligatori che vivevano alle sue porte. Disgustata dal fatto che le creature lì una volta fossero state massacrate, iniziò a prendersi cura di loro. Oggi conosciuta come Maria dos Jacarés, ha chiamato ciascuno degli animali in onore di un giocatore di football o di un allenatore. Garantisce inoltre che riconoscano le tue chiamate.
Passo da Lontra, Miranda, Brasile

Brasile sommerso a un passo dalla lontra

Siamo all'estremità occidentale del Mato Grosso do Sul, ma la boscaglia, da queste parti, è un'altra cosa. In un'estensione di quasi 200.000 km2, la Brasile appare parzialmente sommerso, da fiumi, torrenti, lagune e altre acque disperse in vaste pianure alluvionali. Nemmeno il caldo soffocante della stagione secca prosciuga la vita e la biodiversità dei luoghi e delle fattorie del Pantanal come quella che ci ha accolto sulle rive del fiume Miranda.
PN Manuel Antonio, Costa Rica

Il Parco Nazionale Little-Big del Costa Rica

Le ragioni degli under 28 sono ben note. parchi nazionali I costaricani sono diventati i più popolari. La fauna e la flora di PN Manuel António proliferano in un minuscolo ed eccentrico pezzo di giungla. Come se non bastasse, si limita a quattro delle migliori spiagge tipiche.
Cahuita, Costa Rica

Un ritorno adulto a Cahuita

Durante un tour con lo zaino in spalla in Costa Rica nel 2003, ci siamo dilettati nel calore caraibico di Cahuita. Nel 2021, dopo 18 anni, siamo tornati. Oltre a una prevista ma misurata modernizzazione e ispanizzazione del persone, poco altro era cambiato.
Cahuita, Costa Rica

Un Costarica di Rasta

Viaggiando attraverso l'America Centrale, abbiamo esplorato una costa del Costa Rica che è afro come i Caraibi. In Cahuita, Pura Vida è ispirata da un'eccentrica fede in Jah e da un'esasperante devozione alla cannabis.
Monteverde, Costa Rica

Il Rifugio Ecologico che i Quaccheri lasciarono in eredità al mondo

Disilluso dalla propensione militare statunitense, un gruppo di 44 quaccheri emigrò in Costa Rica, una nazione che aveva abolito l'esercito. Agricoltori, allevatori, sono diventati ambientalisti. Hanno reso possibile una delle roccaforti naturali più venerate dell'America centrale.
Il Fogon di Lola, Costa Rica

Il gusto della Costa Rica a El Fogón de Lola

Come suggerisce il nome, Fogón de Lola de Guapiles serve piatti preparati sui fornelli e al forno, secondo la tradizione della famiglia costaricana. In particolare, la famiglia di zia Lola.
Gandoca-Manzanillo (rifugio della fauna selvatica), Costa Rica

Il Rifugio Caraibico di Gandoca-Manzanillo

In fondo alla sua costa sud-orientale, alla periferia di Panama, la nazione “Tica” protegge un lembo di giungla, paludi e il Mar dei Caraibi. Oltre a un provvidenziale rifugio per la fauna selvatica, Gandoca-Manzanillo è uno splendido Eden tropicale.
Rhino, PN Kaziranga, Assam, India
Safari
PN Kaziranga, India

La roccaforte del Monoceros indiano

Situato nello stato dell'Assam, a sud del grande fiume Brahmaputra, PN Kaziranga occupa una vasta area di palude alluvionale. Lì, due terzi del rinoceronte unicornis nel mondo, tra circa 100 tigri, 1200 elefanti e molti altri animali. Pressato dalla vicinanza umana e dall'inevitabile bracconaggio, questo prezioso parco non ha saputo proteggersi dalle iperboliche inondazioni monsoniche e da alcune polemiche.
Escursionisti sull'Ice Lake Trail, circuito dell'Annapurna, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 7° - Braga - Ice Lake, Nepal

Circuito dell'Annapurna - Il doloroso acclimatamento del lago di ghiaccio

Sulla salita al villaggio di Ghyaru, abbiamo avuto un primo e inaspettato assaggio di quanto possa essere esaltante il circuito dell'Annapurna. Nove chilometri dopo, a Braga, per la necessità di acclimatarsi, si sale dai 3.470 m di Braga ai 4.600 m del lago Kicho Tal. Sentiamo solo la stanchezza prevista e il gonfiore del fascino per la catena montuosa dell'Annapurna.
Concorso del boscaiolo dell'Alaska, Ketchikan, Alaska, Stati Uniti
Architettura & Design
Ketchkan, Alaska

Qui inizia l'Alaska

La realtà passa inosservata alla maggior parte del mondo, ma ce ne sono due Alaska. In termini urbanistici, lo Stato si inaugura a sud del suo nascosto cavo di padella, una striscia di terra separata dal resto EUA lungo la costa occidentale del Canada. Ketchikan, è la più meridionale delle città dell'Alaska, la sua capitale della pioggia e la capitale mondiale del salmone.
Il piccolo faro di Kallur, evidenziato nel capriccioso rilievo del nord dell'isola di Kalsoy.
Aventura
Kalsoy, Isole Faroe

Un faro alla fine del mondo faroese

Kalsoy è una delle isole più isolate dell'arcipelago delle Faroe. Detta anche “il flauto” per la sua forma longilinea e per i numerosi cunicoli che la servono, è abitata da soli 75 abitanti. Molto meno degli estranei che la visitano ogni anno, attratti dal bagliore boreale del suo faro di Kallur.
Australia Day, Perth, bandiera australiana
Cerimonie e Feste
Perth, Australia

Giornata dell'Australia: in onore della Mourning Invasion Foundation

26/1 è una data controversa in Australia. Mentre i coloni britannici lo celebrano con barbecue e tanta birra, gli aborigeni celebrano il fatto di non essere stati completamente spazzati via.
Le balene cacciate con le bolle, Juneau la piccola capitale della Grande Alaska
Città
Juneau, Alaska

La piccola capitale della Grande Alaska

Da giugno ad agosto, Juneau scompare dietro le navi da crociera che attraccano al suo molo marginale. Tuttavia, è in questa piccola capitale che si decide il destino del 49° stato nordamericano.
cibo
Margilan, Uzbekistan

Un capofamiglia dell'Uzbekistan

In uno dei tanti panifici di Margilan, sfinito dal calore intenso del forno tandyr, il fornaio Maruf'Jon lavora a metà come i diversi pani tradizionali venduti in tutto l'Uzbekistan
MassKara Festival, Bacolod City, Filippine
Cultura
Bacolod, Filippine

Un festival per ridere della tragedia

Intorno al 1980, il valore dello zucchero, importante fonte di ricchezza sull'isola filippina di Negros, crollò e il traghetto"Don Juan” che la serviva affondò e morirono più di 176 passeggeri, la maggior parte dei quali neri. La comunità locale ha deciso di reagire alla depressione generata da questi drammi. Nasce così MassKara, una festa impegnata a recuperare i sorrisi della popolazione.
4 luglio Fireworks-Seward, Alaska, Stati Uniti
sportivo
Seward, Alaska

Il 4 luglio più lungo

L'indipendenza degli Stati Uniti viene celebrata a Seward, in Alaska, in modo modesto. Anche così, il 4 luglio e la sua celebrazione sembrano non avere fine.
Funivia che collega Puerto Plata alla cima dell'Isabel de Torres PN
In viaggio
Puerto Plata, Repubblica Dominicana

Argento della casa domenicana

Puerto Plata è il risultato dell'abbandono di La Isabela, il secondo tentativo di una colonia ispanica nelle Americhe. Quasi mezzo millennio dopo lo sbarco di Colombo, inaugurò l'inesorabile fenomeno turistico della nazione. In un lampo attraverso la provincia, vediamo come il mare, le montagne, la gente e il sole dei Caraibi la fanno splendere.
Incontro delle acque, Manaus, Amazonas, Brasile
Etnico
Manaus, Brasile

Al Meeting delle Acque

Il fenomeno non è unico, ma a Manaus ha una bellezza e una solennità speciali. Ad un certo punto i fiumi Negro e Solimões confluiscono nello stesso alveo dell'Amazzonia, ma invece di mescolarsi immediatamente, entrambi i flussi continuano fianco a fianco. Mentre esploriamo queste parti dell'Amazzonia, assistiamo all'insolito confronto dell'Incontro delle Acque.
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Vita fuori

Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
Storia
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Horta, Faial, Città che dà il Nord all'Atlantico
Isole
Horta, Azzorre

La città che dà il nord all'Atlantico

La comunità mondiale dei velisti è ben consapevole del sollievo e della felicità di vedere la montagna di Pico e, quindi, Faial e l'accoglienza della baia di Horta e Peter Café Sport. La gioia non si ferma qui. Dentro e intorno alla città, ci sono case imbiancate a calce e un'ondata verdeggiante e vulcanica che abbaglia chiunque sia arrivato così lontano.
costa, fiordo, Seydisfjordur, Islanda
bianco inverno
Seydisfjörður, Islândia

Dall'arte della pesca all'arte della pesca

Quando gli armatori di Reykjavik acquistarono la flotta peschereccia da Seydisfjordur, il villaggio dovette adattarsi. Oggi cattura i discepoli dell'arte di Dieter Roth e altre anime bohémien e creative.
Almada Negreiros, Roça Saudade, Sao Tome
Letteratura
desiderio, São Tomé, São Tome e Principe

Almada Negreiros: da Saudade all'eternità

Almada Negreiros nasce nell'aprile del 1893 in una campagna di São Tomé. Alla scoperta delle sue origini, crediamo che l'esuberanza rigogliosa in cui ha iniziato a crescere abbia dato ossigeno alla sua feconda creatività.
Garranos galoppa attraverso l'altopiano sopra Castro Laboreiro, PN Peneda-Gerês, Portogallo
Natura
Castro Laboreiro, Portogallo  

Da Castro de Laboreiro a Raia da Serra Peneda – Gerês

Siamo arrivati ​​a (i) l'eminenza della Galizia, a 1000 m di altitudine e anche oltre. Castro Laboreiro e i paesi circostanti si stagliano contro la monumentalità granitica delle montagne e del Planalto da Peneda e Laboreiro. Così come le sue persone resilienti che, a volte affidate a Brandas a volte a Inverneiras, chiamano ancora casa questi paesaggi mozzafiato.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Parchi Naturali
ghiacciai

Pianeta blu-ghiacciato

Si formano ad alte latitudini e/o altitudini. In Alaska o in Nuova Zelanda, in Argentina o in Cile, i fiumi di ghiaccio sono sempre impressionanti visioni di una Terra tanto gelida quanto inospitale.
Colonia del Sacramento, Uruguay
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Colonia di Sacramento, Uruguay

Colonia del Sacramento: l'eredità uruguaiana di una navetta storica

La fondazione della Colónia do Sacramento da parte dei portoghesi ha generato conflitti ricorrenti con i rivali ispanici. Fino al 1828, questa piazza fortificata, oggi sedativa, cambiò lato innumerevoli volte.
personaggi
Sosia, Attori e Comparse

Stelle finte

Protagonisti di eventi o sono imprenditori di strada. Incarnano personaggi inevitabili, rappresentano classi sociali o periodi. Anche a miglia di distanza da Hollywood, senza di loro, il mondo sarebbe più noioso.
Coda vietnamita
Spiagge

Nha Trang-Doc Let, Vietnam

Il sale della terra vietnamita

Alla ricerca di attraenti coste nella vecchia Indocina, siamo rimasti delusi dall'asprezza della spiaggia di Nha Trang. Ed è nel lavoro femminile ed esotico delle saline di Hon Khoi che troviamo un Vietnam più confortevole.

Isola di Djerba in Tunisia, Amazigh e i suoi cammelli
Religione
Djerba, Tunisia

L'Isola Tunisina della Convivenza

L'isola più grande del Nord Africa ha accolto a lungo persone che non hanno resistito. Nel tempo, Fenici, Greci, Cartaginesi, Romani, Arabi la chiamarono casa. Oggi, le comunità musulmane, cristiane ed ebraiche continuano un'insolita condivisione di Djerba con i suoi nativi berberi.
Chepe Express, Ferrovia Chihuahua Al Pacifico
Veicoli Ferroviari
Cantra a Los Mochis, Messico

Barrancas de Cobre, Ferrovia

Il rilievo della Sierra Madre Occidental ha trasformato il sogno in un incubo di costruzione durato sei decenni. Nel 1961, finalmente, il prodigioso Ferrovia Chihuahua al Pacifico era aperto. I suoi 643 km attraversano alcuni dei paesaggi più spettacolari del Messico.
Distributori di bevande, Giappone
Società
Giappone

L'impero delle macchine per bevande

Ci sono più di 5 milioni di scatole luminose ultra-tecnologiche sparse in tutto il paese e molte altre lattine e bottiglie esuberanti di bevande invitanti. I giapponesi hanno smesso da tempo di resistergli.
Visitatori a Talisay Ruins, Negros Island, Filippine
Vita quotidiana
Talisay città, Filippine

Monumento a un Amore Luso-Filippino

Alla fine del 11° secolo, Mariano Lacson, un contadino filippino, e Maria Braga, una donna portoghese di Macao, si innamorarono e si sposarono. Durante la gravidanza di quello che sarebbe diventato il suo undicesimo figlio, Maria ha ceduto a una caduta. Distrutto, Mariano costruì un palazzo in suo onore. Nel bel mezzo della seconda guerra mondiale, il palazzo fu bruciato, ma le eleganti rovine sopravvissute perpetuano la loro tragica relazione.
Jeep attraversa Damaraland, Namibia
Animali selvatici
Damaraland, Namibia

Namibia sulle rocce

Centinaia di chilometri a nord di Swakopmund, molte altre delle iconiche dune di Swakopmund Sossuvlei, Damaraland ospita deserti intervallati da colline di roccia rossastra, la montagna più alta e l'antica arte rupestre della giovane nazione. i coloni sudafricani ha chiamato questa regione in onore dei Damara, uno dei gruppi etnici della Namibia. Solo questi e altri abitanti dimostrano che rimane sulla Terra.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.