Hue, Vietnam

L'eredità rossa del Vietnam imperiale


comunismo imperiale
I ciclisti pedalano davanti al vecchio muro della fortezza imperiale di Hué, ora dominio comunista, come l'intero paese.
all'ombra del tempo
Visitatore vietnamita della fortezza di Hué negli interni cupi di uno dei suoi numerosi edifici storici.
Entrata nel nulla
Uomini vietnamiti in abiti occidentali camminano attraverso un portico colorato della Città Proibita.
Su un molo profumato
Imbarcazioni da diporto ormeggiate su una sponda del fiume Perfume.
Crema solare vietnamita
Donna al riparo dal sole tropicale su una sponda elevata del fiume Perfume.
Orme nella storia vietnamita
La coppia cammina attraverso uno dei grandi cortili dell'antica Città Proibita di Hué.
Protezione buddista
L'incenso brucia lentamente in uno dei tanti templi buddisti della città.
Compagni di ciclo
Piloti Cyclos - risciò senza motore. Molti degli uomini dediti a questa professione furono banditi da un futuro migliore dalle autorità comuniste per essersi schierati contro le forze vietcong.
autostop
Coppia con cappelli e berretti tradizionali condividono una vecchia bicicletta di fronte a una sezione massiccia della fortezza di Hué.
giardinaggio
I lavoratori si occupano di un'area della Città Proibita di Hué, riconosciuta dall'UNESCO come Patrimonio dell'Umanità.
Ex Phuoc Dien ora Thien Mu
La Phuoc Dien Pagoda (ex Thien Mu Tower) fa parte di un tempio buddista sulle rive del fiume Perfume.
Badminton
I vietnamiti senior giocano a feroci partite di badminton.
portico antico
Una guardia di profughi all'ombra di un portico secolare di Hué.
Ha sofferto le peggiori difficoltà della guerra del Vietnam ed è stata disprezzata dal Vietcong per il passato feudale. Le bandiere nazional-comuniste sventolano sulle sue mura ma Hué ritrova il suo splendore.

Il Vietnam, nello stile del Cile, è così lungo che ha queste cose.

Dopo diversi giorni di esplorazione del capitale Hanoi, dalla baia di Halong e da altre zone settentrionali sotto un inverno tropicale quasi freddo, sempre umido e nuvoloso, raggiungiamo il centro del paese e il tempo cambia. A Hué il cielo è di un azzurro brillante e il sole cocente.

Siamo appassionati di calore incondizionati di qualsiasi tipo. La sorpresa estiva accarezza i nostri sensi e ci stimola. Non abbiamo nemmeno perso tempo a riprenderci dalle torture su strada della notte precedente.

Ci installiamo in qualsiasi pensione in prossimità della stazione degli autobus, abbiamo noleggiato un acceleratore e siamo partiti in modalità esplorazione.

Proprio lì, nelle immediate vicinanze, decine di autisti di una flotta di Cyclos (i risciò a propulsione umana del Vietnam) guardano loro e la moto con un disprezzo paragonabile a quello che molti tassisti di Lisbona hanno per i nuovi arrivati. tuk tuk.

Hué, Città comunista, Vietnam imperiale, Cyclemates

Piloti Cyclos - risciò senza motore. Molti degli uomini dediti a questa professione furono banditi da un futuro migliore dalle autorità comuniste per essersi schierati contro le forze vietcong.

L'eredità duratura della guerra del Vietnam

A quarant'anni dalla fine della guerra del Vietnam, alcune delle ferite sociali lasciate dal conflitto stanno ancora guarendo. Molti di quegli uomini furono le sue vittime.

Dopo la vittoria del Vietnam del Nord e l'annessione forzata del Sud, i nuovi leader comunisti bandirono da tutte le posizioni statali - e per quanto possibile nella società - gli uomini vietnamiti che avevano collaborato con gli Stati Uniti nell'alleanza anticomunista.

Privati ​​di possedimenti e prospettive di prosperità, non appena riuscirono a raccogliere scarse risorse, investirono in cyclos e in uno dei pochi mestieri che potevano esercitare.

L'ostracismo è svanito nel corso degli anni, ma il governo sta facendo di tutto per controllare la proliferazione di questi iconici tricicli che bloccano il traffico ad Hanoi, Ho Chi Minh e in altre grandi città.

Lawless City, transito ad Hanoi, sotto l'ordine del caos, Vietnam

Un incrocio autogestito della capitale vietnamita, Hanoi.

A Hué, in particolare, molti automobilisti anziani oi loro discendenti sono soggetti alle ultime pene e alla tradizione. Sopravvivono in bicicletta contro la volontà delle autorità e contro la modernità.

Purple Forbidden City: Il cuore imperiale di Hué

Facciamo il giro del perimetro di 10 km della sua cittadella, circondata da fossati e canali, lungo le verdi sponde dei fiumi Perfume e Nhung.

Abbiamo visitato la roccaforte imperiale e il cuore della Città Proibita Porpora dove gli unici servitori ammessi erano eunuchi che non minacciavano l'esclusività delle concubine reali.

Ovunque andiamo, la bandiera stellata rosso-gialla di Cot Co sventola suprema sull'asta della bandiera più alta del Vietnam.

hué, città comunista, Vietnam imperiale, autostop

Coppia con cappelli e berretti tradizionali condividono una vecchia bicicletta di fronte a una sezione massiccia della fortezza di Hué.

Questa bandiera e molte altre non così alte impongono a ogni epoca vietnamita, l'agenda politico-sociale e la realtà trionfale della Repubblica socialista del Vietnam per quattro decenni.

Le atrocità di guerra subite da Hué

Poco prima della sua morte nel 1999, Harry G. Summers, un colonnello americano, raccontava spesso un incontro che aveva avuto con una controparte vietnamita di nome Tu nel 1975 durante una visita ad Hanoi.

"Sai, non ci hai mai sconfitti nelle principali battaglie della guerra." Summers glielo disse con un buon vanto da yankee.

Al che il colonnello vietnamita, dopo una breve pausa, ha risposto con la sottigliezza e il pragmatismo che avevano già assicurato la resistenza Vietcong: "Potrebbe essere stato, ma è irrilevante, vero?"

Hué ha ospitato una delle battaglie più sanguinose della famosa offensiva del Tet del 1968.

Era l'unica città nel Vietnam meridionale catturata dalle forze del nord per più di pochi giorni (3 settimane e mezzo) abbastanza a lungo da consentire ai quadri comunisti di attuare piani per liquidare migliaia di elementi non cooperativi.

Hué, Città comunista, Vietnam imperiale, All'ombra del tempo

Visitatore vietnamita della fortezza di Hué negli interni cupi di uno dei suoi numerosi edifici storici.

Circa XNUMX civili, inclusi mercanti, monaci buddisti e preti cattolici, intellettuali e altri furono fucilati, bastonati o sepolti vivi.

Successivamente, durante la riconquista del sud guidata dal EUA, il numero delle vittime tra gli abitanti della città è stato di diecimila, in grande maggioranza civili.

Nel pieno della Guerra Fredda, le parole del colonnello vietnamita riassumevano l'ironia geopolitica dell'esito del confronto. Hanno anche sostenuto il lungo periodo comunista che, come è successo con i conduttori di Cyclos, non ci volle molto per sacrificare Hué.

La genesi medievale della Grande e Fortificata Hué

Alla sua origine nel 1687, il villaggio si chiamava Phu Xuan.

Nel 1802, già murata, divenne capitale di una vasta area del sud poi dominata dai nobili che sarebbero venuti a formare la potente dinastia Nguyen.

Questa dinastia ha ispirato il nome più popolare oggi in Vietnam, adottato o ereditato da quasi il 40% degli abitanti.

Fondò anche un impero che dominava una parte sostanziale dell'Indocina. I feudatari Nguyen rimasero al potere fino al 1945, ma dal 1862 al 1945 – il lungo periodo coloniale francese – questo potere non fu altro che una formalità.

I nuovi ex leader vietcong che presero il paese dopo la fine della guerra del Vietnam considerarono gli edifici secolari della città come vergognose eredità del passato imperiale della nazione, li dichiararono politicamente scorretti e posero loro il veto dall'abbandono.

Intorno al 1990, in un momento in cui il Vietnam si era già aperto al mondo, le autorità locali compresero il potenziale turistico di quell'eredità. Hanno promosso monumenti a tesori nazionali.

hué, città comunista, Vietnam imperiale, comunismo imperiale

I ciclisti pedalano davanti al vecchio muro della fortezza imperiale di Hué, ora dominio comunista, come l'intero paese.

A UNESCO ha premiato l'inversione di tendenza, li ha designati Patrimonio dell'Umanità e ha sostenuto importanti lavori di restauro e conservazione.

Mentre esploriamo la città, troviamo sempre più difficile distinguerla dalla sua prolifica storia.

La proliferazione delle religioni, in una nazione dalle forti radici comuniste

Nonostante il proselitismo dei preti portoghesi e successivamente francesi, nonostante la sottomissione della nazione al comunismo, a Hué il buddismo è innaturalmente tollerato dalle autorità della repubblica socialista come in nessun'altra città vietnamita.

Hué ha sempre avuto il maggior numero di monasteri del paese ei suoi monaci più reattivi e, quindi, più famosi. In modo tale che la torre Thap Phuoc Duyen della pagoda Thien Mu – costruita anch'essa da un certo Nguyen e che, negli anni '80, accolse forti proteste anticomuniste – si conservi come simbolo ufficiale della città.

Ce ne informa una delle guide che fa rispettare i propri servizi all'ingresso. Finimmo per ammetterlo e il cicerone ci rinfrescò la memoria di altri fatti sorprendenti.

hué, città comunista, Vietnam imperiale, su un molo profumato

Imbarcazioni da diporto ormeggiate su una sponda del fiume Perfume.

“Nel 1963, nel mezzo della guerra del Vietnam, Tích Quàng Dúc, uno dei monaci residenti più disamorati, guidò un Austin a Saigon con lo scopo di protestare contro la politica antibuddista del governo sudvietnamita. Ha finito per immolarsi in pubblico”.

Ci vengono in mente le immagini della sua atroce morte nelle fiamme che hanno travolto il mondo e ispirato molte altre auto-immolazione. “Molti occidentali furono meno scioccati dai suicidi che dalla reazione della crudele Madame Nhu, la cognata del presidente che il popolo soprannominò la farfalla di ferro per la sua squisita crudeltà.

Dichiarò che le auto-immolazione erano semplici barbecue e, come se non bastasse, aggiunse: “lasciamole bruciare e noi applaudiamo”.

Per raggiungere Thien Mu, percorriamo quattro chilometri in superstrada, lungo una rigogliosa sponda del fiume Perfume, dove si susseguono secolari e sontuosi mausolei di antichi imperatori.

La torre è di 21 metri.

Appare prominente su un'altura lungo il fiume, quindi possiamo rilevarlo senza difficoltà.

Hué, Città Comunista, Vietnam Imperiale, Ex Phuoc Dien Ora Thien Mu

La Phuoc Dien Pagoda (ex Thien Mu Tower) fa parte di un tempio buddista sulle rive del fiume Perfume.

Il fiume dei profumi e l'eleganza orientale di Hué

Una volta all'interno della pagoda, ci uniamo agli entourage di pellegrini che cercano l'espiazione e il miglioramento spirituale lì. Ammiriamo i fedeli vietnamiti che accendono bastoncini di incenso all'ingresso del tempio.

Anche senza volerlo, veniamo purificati anche dal fumo e dall'aroma sprigionato.

hué, città comunista, vietnam imperiale, protezione buddista

L'incenso brucia lentamente in uno dei tanti templi buddisti della città.

Come ogni nativo o residente, Quang approfitta della sua presenza per raccontarci la bellezza delle donne di Hué, venerate in tutto il paese.

Da soli, torniamo alla tranquillità della banca dei profumi quando ci imbattiamo in un potenziale archetipico di questa bellezza e dell'esotismo vietnamita.

Una signora vestita con pantaloni viola e una camicia blu a maniche lunghe ci contempla, accovacciata alla maniera asiatica e semi-acrobatica su un muretto alto di fronte alla corrente del fiume.

Una sciarpa in tinta con gli altri vestiti e un cappello più del previsto non ancora proteggevano il viso dal sole tropicale e conservavano la limpidezza giallastra della sua pelle, esigenza imprescindibile di perfezione fisica in questi luoghi davvero vicini all'antico Cocincina.

Hué, Città comunista, Vietnam imperiale, Crema solare vietnamita

Donna al riparo dal sole tropicale su una sponda elevata del fiume Perfume.

La signora parlava solo vietnamita. Usando gesti illustrativi e istigati dall'empatia che emanava dai suoi piccoli occhi a mandorla, abbiamo dedotto che potevamo fotografarla.

Quando l'abbiamo fatto, abbiamo sentito un grande sorriso dietro la sciarpa colorata.

Fino alla fine della giornata, abbiamo continuato a scoprire il fascino dell'orgoglioso popolo dell'antica capitale del Vietnam.

Pechino, Cina

Il cuore del grande drago

È il centro storico incoerente dell'ideologia maoista-comunista e quasi tutti i cinesi aspirano a visitarlo, ma piazza Tianamen sarà sempre ricordata come un macabro epitaffio delle aspirazioni della nazione.
Ho An, Vietnam

Il porto vietnamita che osservava le navi

Hoi An era una delle stazioni commerciali più importanti dell'Asia. I cambiamenti politici e l'insabbiamento del fiume Thu Bon hanno dettato il suo declino e l'hanno preservata come la città più pittoresca del Vietnam.

Nha Trang-Doc Let, Vietnam

Il sale della terra vietnamita

Alla ricerca di attraenti coste nella vecchia Indocina, siamo rimasti delusi dall'asprezza della spiaggia di Nha Trang. Ed è nel lavoro femminile ed esotico delle saline di Hon Khoi che troviamo un Vietnam più confortevole.

Hanoi, Vietnam

Sotto l'Ordine del Caos

Hanoi ha ignorato a lungo gli scarsi semafori, altri segnali stradali e segnali decorativi. Vive al suo ritmo e in un ordine di caos irraggiungibile dall'Occidente.
Ho Chi Minh a Angkor, Camboja

La strada tortuosa per Angkor

Dal Vietnam in poi, le strade sconnesse ei campi minati della Cambogia ricordano gli anni del terrore dei Khmer rossi. Sopravviviamo e siamo ricompensati con la vista del più grande tempio religioso
bangkok, Thailandia

Mille e una notte perduta

Nel 1984 Murray Head cantava la magica e notturna bipolarità della capitale thailandese in "Una notte a Bangkok". Diversi anni, colpi di stato e manifestazioni dopo, Bangkok rimane insonne.
bacca, Myanmar

Viaggio a Bago. E al regno portoghese di Pegu

Determinati e opportunisti, due avventurieri portoghesi divennero re del regno di Pegu. La sua dinastia durò solo dal 1600 al 1613. È passata alla storia.
Monte Kyaiktiyo, Myanmar

La roccia dorata ed equilibrata del Buddha

Stavamo andando alla scoperta di Rangoon quando abbiamo scoperto il fenomeno Rocha Dourada. Abbagliati dal suo equilibrio dorato e sacro, ci uniamo al già secolare pellegrinaggio dei birmani al monte Kyaiktyo.
Yangon, Myanmar

La grande capitale della Birmania (a parte le delusioni della giunta militare)

Nel 2005 il governo dittatoriale del Myanmar ha inaugurato una nuova capitale bizzarra e quasi deserta. La vita esotica e cosmopolita rimane intatta a Yangon, la città più grande e affascinante della Birmania.
Lago Inle, Myanmar

Una piacevole sosta forzata

Nella seconda delle forature che abbiamo durante un giro intorno al Lago Inlé, aspettiamo che ci venga portata la bici con la gomma rattoppata. Al negozio lungo la strada che ci accoglie e ci aiuta, la quotidianità non si ferma.
ponte u-beinMyanmar

Il crepuscolo del ponte della vita

A 1.2 km, il ponte di legno più antico e lungo del mondo permette ai birmani di Amarapura di vivere il lago Taungthaman. Ma a 160 anni dalla sua costruzione, U Bein è nel suo crepuscolo.
Bagan, Myanmar

La piana delle pagode, dei templi e delle redenzioni celesti

La religiosità birmana si è sempre basata sull'impegno per la redenzione. A Bagan, credenti ricchi e timorosi continuano a costruire pagode nella speranza di ottenere il favore degli dei.
Parco Nazionale di Amboseli, Monte Kilimangiaro, Collina di Normatior
Safari
P.N. Amboseli, Kenia

Un regalo del Kilimangiaro

Il primo europeo ad avventurarsi in queste terre Masai rimase sbalordito da ciò che trovò. E ancora oggi grandi branchi di elefanti e altri erbivori vagano alla mercé dei pascoli innevati della più grande montagna africana.
Muktinath a Kagbeni, Circuito dell'Annapurna, Nepal, Kagbeni
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna 14 ° - Muktinath a Kagbeni, Nepal

Dall'altro lato della gola

Dopo l'impegnativa traversata del Thorong La, ci ritroviamo nell'accogliente villaggio di Muktinath. La mattina dopo siamo scesi. Sulla strada per l'antico regno dell'Alto Mustang e il villaggio di Kagbeni che funge da porta di accesso.
Architettura & Design
napier, Nova Zelândia

Ritorno agli anni '30 – Tour del Calhambeque

In una città ricostruita in stile Art Déco e con un'atmosfera da "anni folli" e oltre, il mezzo di trasporto appropriato sono le eleganti auto d'epoca di quell'epoca. A Napier sono ovunque.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Aventura
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
Moa su una spiaggia di Rapa Nui/Isola di Pasqua
Cerimonie e Feste
isola di Pasqua, Cile

Il decollo e la caduta del culto dell'uomo uccello

Fino al XVI secolo, i nativi di isola di Pasqua scolpito e adorato enormi divinità di pietra. Da un momento all'altro, hanno cominciato a far cadere il loro moai. La venerazione di perizoma manu, un leader per metà umano e per metà sacro, messo in scena dopo una drammatica competizione per un uovo.
Miami, porta dell’America Latina, Florida, Stati Uniti,
Città
Miami, Florida, EUA

La porta dell’America Latina

Non solo la posizione privilegiata, tra un oceano lussureggiante e il verde della Everglades, con i vasti Caraibi appena a sud. È tropicale, clima e comfort culturale e modernità urbana esemplare. Sempre più in spagnolo, in un contesto latinoamericano.
Mercato del pesce di Tsukiji, tokyo, giappone
cibo
Tokyo, Giappone

Il mercato del pesce che ha perso freschezza

In un anno, ogni giapponese mangia più del suo peso di pesce e crostacei. Dal 1935 una parte considerevole è stata lavorata e venduta nel più grande mercato ittico del mondo. Tsukiji è stato terminato nell'ottobre 2018 e sostituito da Toyosu's.
estate scarlatta
Cultura

Da Valencia a Xativa, Spagna

Dall'altra parte dell'Iberia

Lasciando da parte la modernità di Valencia, esploriamo gli ambienti naturali e storici che la "comunidad" condivide con il Mediterraneo. Più viaggiamo, più siamo sedotti dalla sua vita sfarzosa.

Nuoto, Western Australia, Aussie Style, Alba negli occhi
sportivo
Busselton, Australia

2000 metri in stile australiano

Nel 1853 Busselton fu dotata di uno dei pontoni più lunghi del mondo. mondo. Quando la struttura è crollata, i residenti hanno deciso di aggirare il problema. Dal 1996 lo fanno ogni anno. nuoto.
Passeggero M:S Viking Tor rivestito di traghetto, Aurlandfjord, Norvegia
In viaggio
Flamm a Balestrand, Norvegia

Dove le montagne cedono ai fiordi

La stazione finale della Ferrovia Flam segna la fine della vertiginosa discesa ferroviaria dagli altopiani di Hallingskarvet alle pianure di Flam. In questo villaggio troppo piccolo per la sua fama, lasciamo il treno e navighiamo lungo il fiordo di Aurland verso il prodigioso Balestrand.
António do Remanso, Comunità di Quilombola Marimbus, Lençóis, Chapada Diamantina
Etnico
Lenzuola Bahia, Brasile

La libertà paludosa di Quilombo do Remanso

Gli schiavi fuggiaschi sopravvissero per secoli in una zona umida della Chapada Diamantina. Oggi il quilombo di Remanso è simbolo della loro unione e resistenza, ma anche dell'esclusione a cui sono stati votati.
Veduta dell'isola di Fa, Tonga, ultima monarchia polinesiana
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Segni esotici di vita

Scogliere sopra la Valle della Desolazione, vicino a Graaf Reinet, Sud Africa
Storia
Graaf Reinet, Sud Africa

Una lancia boera in Sud Africa

All'inizio del periodo coloniale, esploratori e coloni olandesi erano terrorizzati dal Karoo, una regione di grande caldo, grande freddo, grandi inondazioni e grandi siccità. Fino a quando la Compagnia olandese delle Indie orientali non fondò lì Graaf-Reinet. Da allora, la quarta città più antica del nazione arcobaleno prosperò in un affascinante crocevia della sua storia.
panchina improvvisata
Isole
Isola di Ibo, Mozambico

Isola di un Mozambico scomparso

Fu fortificato nel 1791 dai portoghesi che cacciarono gli arabi dalle Quirimba e si impadronirono delle loro rotte commerciali. Divenne il 2° entrepot portoghese sulla costa orientale dell'Africa e, in seguito, capoluogo della provincia di Cabo Delgado, Mozambico. Con la fine della tratta degli schiavi all'inizio del XX secolo e il passaggio della capitale a Porto Amélia, l'isola di Ibo si è trovata nell'affascinante ristagno in cui si trova.
Cavalli sotto bufera di neve, Islanda Fuoco senza fine dell'isola di neve
bianco inverno
Husavik a Myvatn, Islândia

Neve infinita sull'isola di Fogo

Quando, a metà maggio, l'Islanda ha già il tepore del sole ma il freddo ma il freddo e la neve persistono, gli abitanti cedono a un'affascinante ansia estiva.
Coppia in visita a Mikhaylovskoe, il villaggio dove lo scrittore Alexander Pushkin aveva una casa
Letteratura
San Pietroburgo e Michaylovskoe, Russia

Lo scrittore che ha ceduto alla sua stessa trama

Alexander Pushkin è lodato da molti come il più grande poeta russo e il fondatore della moderna letteratura russa. Ma Pushkin ha anche dettato un epilogo quasi tragicomico alla sua vita prolifica.
Ponte sospeso, Cabro Muco, Vulcano Miravalles
Natura
Miravalle, Costa Rica

Il vulcano che Miravalles

A 2023 metri, Miravalles si staglia nel nord del Costa Rica, in alto sopra una catena montuosa che comprende La Giganta, Tenório, Espiritu Santo, Santa Maria, Rincón de La Vieja e Orosi. Inattivo quando si tratta di eruzioni, alimenta un prolifico campo geotermico che riscalda la vita dei costaricani alla sua ombra.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Punto di vista del punto di vista, Alexander Selkirk, a Pele Robinson Crusoe, Cile
Parchi Naturali
Isola Robinson Crusoe, Cile

Alexander Selkirk: Nella pelle del vero Robinson Crusoe

L'isola principale dell'arcipelago Juan Fernández ospitava pirati e tesori. La sua storia era fatta di avventure come quella di Alexander Selkirk, il marinaio abbandonato che ha ispirato il romanzo di Dafoe.
Ombra vs Luce
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Kyoto, Giappone

Il Tempio di Kyoto risorto dalle ceneri

Il Padiglione d'Oro è stato risparmiato dalla distruzione più volte nel corso della storia, comprese le bombe sganciate dagli Stati Uniti, ma non ha resistito al disturbo mentale di Hayashi Yoken. Quando lo ammiravamo, brillava come non mai.
Controllo corrispondenza
personaggi
Rovaniemi, Finlândia

Dalla Lapponia finlandese all'Artico, Visita alla Terra di Babbo Natale

Stanchi di aspettare che il vecchio barbuto scendesse dal camino, abbiamo ribaltato la storia. Abbiamo approfittato di un viaggio nella Lapponia finlandese e siamo passati davanti alla sua casa nascosta.
Vista del monte Teurafaatiu, Maupiti, Isole della Società, Polinesia francese
Spiagge
Maupiti, Polinesia Francese

Una società al margine

All'ombra della fama quasi planetaria della vicina Bora Bora, Maupiti è remota, scarsamente abitata e anche meno sviluppata. I suoi abitanti si sentono abbandonati ma chi la visita è grato per l'abbandono.
Easter Seurassari, Helsinki, Finlandia, Marita Nordman
Religione
Helsinki, Finlândia

La Pasqua Pagana di Seurasaari

Anche a Helsinki il Sabato Santo viene celebrato in modo gentile. Centinaia di famiglie si radunano su un'isola al largo della costa, attorno a falò accesi per spaventare gli spiriti maligni, le streghe e i troll.
Chepe Express, Ferrovia Chihuahua Al Pacifico
Veicoli Ferroviari
Cantra a Los Mochis, Messico

Barrancas de Cobre, Ferrovia

Il rilievo della Sierra Madre Occidental ha trasformato il sogno in un incubo di costruzione durato sei decenni. Nel 1961, finalmente, il prodigioso Ferrovia Chihuahua al Pacifico era aperto. I suoi 643 km attraversano alcuni dei paesaggi più spettacolari del Messico.
Società
Militare

Difensori delle loro terre d'origine

Anche in tempo di pace, rileviamo personale militare ovunque. In servizio nelle città, svolgono missioni di routine che richiedono rigore e pazienza.
il proiezionista
Vita quotidiana
Sainte-Luce, Martinique

Un sano proiezionista

Dal 1954 al 1983 Gérard Pierre ha proiettato molti dei famosi film che sono arrivati ​​in Martinica. A 30 anni dalla chiusura della stanza dove lavorava, era ancora difficile per questo nativo nostalgico cambiare bobina.
El Tatio Geyser, Atacama, Cile, Tra il ghiaccio e il caldo
Animali selvatici
El Tátio, Cile

Geyser El Tatio – Tra il ghiaccio e il caldo dell'Atacama

Circondato da vulcani supremi, il campo geotermico di El Tatio deserto di Atacama appare come un miraggio dantesco di zolfo e vapore a una quota ghiacciata di 4200 m. I suoi geyser e le sue fumarole attirano orde di viaggiatori.
Mushing completo del cane
Voli panoramici
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.