Montserrat, Piccole Antille

L'isola vulcanica che rifiuta di dormire


Il traghetto “Jaden Sun”.
Il traghetto che effettua i collegamenti marittimi tra Antigua e Montserrat.
signora in rosso
Il cliente del parrucchiere di Salem in un crepuscolo a specchio.
Albero di cocco resiliente
Il cocco torreggia sopra St. George Hill e apparentemente sopra il vulcano Soufrière Hills.
un vertice dantesco
Zolfo e altri gas salgono dalla sommità del vulcano Soufrière Hills.
Fine della linea
Case abbandonate perse nella vegetazione che negli ultimi anni è cresciuta a ritmi vertiginosi.
Alla porta degli affari
Un residente di Salem prende una boccata d'aria fresca all'ingresso del suo negozio di Salem.
Fine della pesca
Un pescatore con un arpione trascina un piccolo kayak sulla spiaggia di Line Kiln Bay
Grande pesca
Un residente di Montserrat mostra la sua pesca nel tardo pomeriggio sulla spiaggia sabbiosa di Line Kiln Bay.
I conti fatti di una città ex
Bancone di un hotel di Plymouth pieno delle ceneri che hanno seppellito la città.
Giungla dell'ufficio
Vegetazione e cenere invadono un ufficio di Plymouth.
Giungla del feto
Le felci occupano il cortile di una casa in cima a St. Giorgio Hill.
Punto spagnolo
La grande lastra su cui sorgeva il vecchio aeroporto, sotto lava e cenere.
Verso Round Island
La nave da crociera in viaggio attraverso i Caraibi si avvicina a Isla Redonda.
Nelle Antille abbondano i vulcani chiamati Soufrière. Quello di Montserrat, risvegliato nel 1995, rimane uno dei più attivi. Alla scoperta dell'isola, rientriamo nell'area di esclusione ed esploriamo le aree ancora incontaminate dalle eruzioni.  

Jermaine intensifica gli sforzi per portarci nelle vicinanze del vulcano.

Sottolinea ancora una volta l'eccezionalità del tour in cui ci avrebbe organizzato. “Credimi, è solo per te. Non lo facevo da anni. Anche perché è del tutto proibito, per così dire!”

L'introduzione ci lascia doppiamente incuriositi. Eravamo già stati vicini al vulcano. a S. George Hill, che ci ha pubblicizzato, ha dovuto prenotare qualcosa di speciale.

Jermaine ferma il furgone con cui ci stava guidando a metà di un pendio, come quasi tutti a Montserrat, mezzo invaso dalla vegetazione tropicale.

“Da qui non ci siamo più!” ci informa il cicerone, indicando un cancello chiuso con un lucchetto. “Camminiamo a lungo ma ne varrà la pena!”

La salita alle alture panoramiche di St. Giorgio Colline

Oltre a un bel po', il restante sentiero era quasi interamente in salita. Da parte nostra, per diversi mesi con chilometri dalle Antille alle gambe, la fatica non ci ha infastidito molto.

Per Jermaine, il quadro era diverso. Ci siamo subito resi conto che non solo non viaggiava da molto tempo a quelle estremità dell'isola, ma non faceva nessun tipo di esercizio.

Isola di Montserrat, Plymouth, vulcano Soufriere, sentiero per il vulcano

La guida Jermaine si avvicina alla cima di St. George Hill e il vulcano Soufriere Hills.

Da affaticata, la guida divenne esausta. Da esausto a esausto. Talmente scossi dai pendii che cominciammo a temere che sarebbe stato vittima di qualche infarto.

Abbiamo rallentato, smesso di camminare più spesso del necessario. A poco a poco, a poco a poco, abbiamo raggiunto le dolci alture di S. George Hill, dove la strada si restringeva e la vegetazione non dava fastidio alla vita.

Abbiamo concluso che a quel punto Jermaine sarebbe stata al sicuro dai crolli. Ci dedichiamo ad apprezzare e fotografare le nuove tappe di Montserrat, sopraelevata e laterale alle Soufrière Hills.

Così vicini che, se fossimo matti, in breve tempo raggiungeremmo il cratere di zolfo del vulcano.

Isola di Montserrat, Plymouth, Vulcano Soufrière, Bulb

La natura nasconde una reliquia lasciata in eredità dalla catastrofe di Plymouth.

Sopra le case sfortunate di Plymouth e giù fino al blu del Mar dei Caraibi.

Da lì si potevano ancora vedere le macchie di zolfo sulla sommità del vulcano e come, da esse, si riversassero successive eruzioni di fumi tossici.

Isola di Montserrat, Plymouth, vulcano Soufrière, cratere fumoso

Zolfo e altri gas salgono dalla sommità del vulcano Soufrière Hills.

L'implosione quasi inattesa del dollaro dei Caraibi orientali

Rinvigorito dalla grandiosità dell'ambientazione, Jermaine si siede sull'erba e ci racconta alcuni curiosi imbrogli di Plymouth, uno dei quali più affascinante degli altri.

Era il 1996. Diversi politici della regione elogiarono il dollaro dei Caraibi orientali come un prodigioso progetto di valuta comune, così stabile e vantaggioso da invitare i più grandi paesi caraibici a scambiare le loro valute competitive e ad aderire al dollaro europeo.

Siamo arrivati ​​nel maggio 1997.

Le colline della Soufrière che fumavano davanti a noi erano in eruzione dal luglio 1995.

Aveva seppellito Plymouth, la capitale di Montserrat, e costretto i suoi abitanti a fuggire dalla città.

Isola di Montserrat, Plymouth, vulcano Soufriere, case sepolte dalla lava

Torrente solidificato di flussi piroclastici lungo le case di Plymouth.

Nel caos della fuga precipitosa, i beni di valore sono stati lasciati indietro.

Tra questi, milioni di dollari caraibici mal conservati in un caveau presso la filiale locale della Barclays Bank.

Un gruppo di ladri opportunisti è stato ispirato da un'ondata di saccheggi perpetrati da altri rapinatori, arrivati ​​in motoscafo e altri tipi di barche dalle isole circostanti e ha colto l'occasione.

Isola di Montserrat, Plymouth, vulcano Soufrière, Caicco del pescatore

Un pescatore con un arpione trascina un piccolo kayak sulla spiaggia di Line Kiln Bay

Consapevoli che nessuno stava osservando l'ambiente circostante, scavarono un tunnel e fecero saltare in aria una volta di cemento spessa mezzo metro, rinforzata con grate d'acciaio.

Una volta portato a termine il colpo di stato, se la cavarono con più di 900.000 EC, in banconote comprese tra 5 e 100 dollari, nessuna delle quali era considerata “sul mercato” o legale.

Il colpo di stato costrinse numerosi mercanti ad interrompere le loro attività per controllare i numeri di serie delle banconote che avevano ricevuto durante la giornata.

Sulla soglia diffusa tra legalità e illegalità del denaro, mentre la Banca Centrale dei Caraibi Orientali non ha trovato una soluzione efficace all'imbroglio, il futuro stesso della CE è stato messo in discussione.

"Qui a Plymouth, è stato ancora più incredibile", ci dice Jermaine. “Un ubriacone che si è rifiutato di lasciare la città ha parlato di aver sentito fantasmi alla Barclays Bank.

Come previsto, nessuno lo ha chiamato. Poi si è scoperto ciò che è stato scoperto”.

Isola di Montserrat, Plymouth, vulcano Soufrière

Le ville fiancheggiavano il fondo del vulcano Soufrière Hills.

E la realizzazione dell'incursione di alcuni marinai avventurieri francesi

Qualche tempo dopo, quando Plymouth aveva poco o nulla da saccheggiare, alcune barche a vela francesi ancorarono al largo, all'interno della Zona di Esclusione. L'assenza di sorveglianza ha permesso di nuovo tutti i capricci.

I navigatori rimasero diversi giorni. Entravano e uscivano dalla città abbandonata a loro piacimento e documentavano l'avventura in fotografia e video.

Isola di Montserrat, Plymouth, vulcano Soufriere Hills

Il grande vulcano dell'isola di Montserrat, visto da St. Giorgio Hill.

Le sue registrazioni sono sfociate in mini-documentari di qualità sorprendente, come li ha descritti Jermaine.

Avranno avuto, almeno, un tono molto più genuino rispetto ad altre conquiste successivamente realizzate lì.

Quando la saga di Survival Reality Show è arrivata a Montserrat

Nel settembre 2011, la seconda stagione del reality show di Discovery Channel "Man, Woman, Wild" presentava un episodio chiamato "Distruzione vulcanica”, il tutto girato a Montserrat.

Isola di Montserrat, Plymouth, vulcano Soufriere, intrusione del vulcano

Vegetazione e cenere assumono la divisione di una casa.

Sei anni dopo, i produttori di "Nudo e impaurito" ("Nudo e impaurito") ricordava Plymouth.

La sinossi dell'episodio descrive che "Un istruttore di sopravvivenza e un ufficiale in pensione dalle forze armate vengono inseriti nell'isola di Montserrat devastata dal vulcano".

La distruzione e l'abbandono di Plymouth e la vasta zona di esclusione

Non è che l'intera isola fosse stata rasa al suolo. La distruzione si è concentrata su Plymouth e sulle aree intorno alla capitale, compreso l'aeroporto e il vecchio porto dell'isola.

L'attuale zona di esclusione – quella da cui eravamo rientrati – ha reso inaccessibile l'intero terzo sud, con due aree marine adiacenti dove è previsto il deflusso di colate laviche o piroclastiche.

Dopo il 1997, la devastazione di Plymouth e l'annientamento dell'economia dell'isola, di cui la capitale era il motore, circa la metà della popolazione si è trovata senza casa, senza casa e senza motivo per continuare lì.

La maggior parte si è trasferita nella metropoli britannica, dove è arrivata con pieni diritti di soggiorno e cittadinanza britannica.

L'isola di Montserrat, Plymouth, il vulcano Soufrière, l'ufficio hanno fatto irruzione

Vegetazione e cenere invadono un ufficio di Plymouth.

La colonizzazione irlandese pioniera di Montserrat e il trionfo degli inglesi sui francesi

Questo, nonostante il fatto che in termini storici Montserrat sia stata colonizzata dagli irlandesi, provenienti dal vicino settentrionale di Saint Kitts.

Successivamente, a causa dell'inimicizia degli irlandesi verso gli inglesi, i pionieri invitarono la Francia a prendere possesso dell'isola (1666).

I francesi lo hanno persino invaso e fermato. Per un breve periodo. Attenti alla concorrenza francofona, gli inglesi la conquistarono e ottennero la ratifica della sua sovranità.

Isola di Montserrat, Plymouth, vulcano Soufriere, parrucchiere

Il cliente del parrucchiere di Salem in un crepuscolo a specchio.

Nel corso degli anni hanno abitato Montserrat con schiavi portati dall'Africa subsahariana, costretto a lavorare nelle piantagioni di canna da zucchero e cotone.

All'inizio del XNUMX° secolo, l'attività di Soufrière Hills si è ridotta all'emissione di cenere nelle aree già disabitate del sud dell'isola.

Il ritorno all'attività del vulcano Soufrière Hills e l'abbandono definitivo

Tuttavia, ancora una volta, tra la fine del 2009 e l'inizio del 2010, oltre alla cenere, una forte eruzione ha rilasciato nuovo flusso piroclastico lungo diversi fianchi del vulcano sottostante.

Questa attività più recente ha dimostrato, una volta per tutte, l'impossibilità di recuperare i dintorni del vulcano.

Ha consolidato lo status di Zona di Esclusione, seppur suddivisa in aree di diverso rischio.

Eravamo ancora sopra il letto del fiume Belham, ancora in soggezione.

Isola di Montserrat, Plymouth, vulcano Soufrière, felci nei cortili

Le felci occupano il cortile di una casa in cima a St. Giorgio Hill.

Negli anni trascorsi senza rilascio di cenere, la boscaglia tropicale aveva già invaso il pendio e le pendici occidentali delle colline della Soufrière.

Responsabile di quella contemplazione illegale per troppo tempo, Jermaine apre il viaggio di ritorno di 3.5 km.

Questa volta, sempre in discesa, la fatica non lo ha infastidito molto, ma sia la guida che noi avevamo stimato un andata e ritorno molto più veloce e facile.

Nessuno si è ricordato di portare abbastanza acqua.

Con il sole tropicale che stringe dentro, abbiamo iniziato a soffrire di sete. Abbiamo ancora pianificato una salita a un albero di cocco carico, facilitata dal machete trasportato da Jermaine.

Alla fine, a salvarci sono state le abbondanti guaiave mature.

Isola di Montserrat, Plymouth, vulcano Soufriere, albero di cocco

Il cocco torreggia sopra St. George Hill e apparentemente sopra il vulcano Soufrière Hills.

da S. George Hill, torniamo al centro abitato ea nord di Montserrat.

Abbiamo pranzato al banco di una signora che serve cibo caraibico fatto in casa, insieme ad alcuni lavoratori che hanno animato il loro pasto con una conversazione che era quasi discussione, proprietari di voci molto serie, consuete in queste parti del mondo.

Dopo il pasto, Jermaine ci ha portato al punto panoramico di Jack Boy Hill.

Da lì ammiriamo il versante orientale del vulcano, la grande lastra ricoperta di lava di Spanish Point, dove è sepolta anche la pista dell'ex aeroporto WA Bramble.

Isola di Montserrat, Plymouth, vulcano Soufriere, Spanish Point

La grande lastra su cui sorgeva il vecchio aeroporto, sotto lava e cenere.

Da lì, saliamo su un altro che corona l'estremità settentrionale dell'isola, molto più in alto, con vista su gran parte del sud e sul nuovo aeroporto John A. Osbourne, situato nel villaggio di Gerald.

Prima di rientrare a Olveston House, ci siamo fermati in ospedale, per curare un orecchio che si era infettato a causa della polvere sollevata dal aerei, sulla spiaggia di Maho di Sint Maarten.

Ben medicati, salutammo Jermaine.

Il giorno seguente lo dedichiamo alla visita di Brades, l'attuale città più grande dell'isola.

E passeggiando per Salem, il villaggio che ci aveva accolto.

A Salem abbiamo parlato con imprenditori testardi.

Isola di Montserrat, Plymouth, Vulcano Soufrière, Abitante

Un residente di Salem prende una boccata d'aria fresca all'ingresso del suo negozio di Salem.

Di coloro che hanno resistito alla partenza dopo la distruzione di Plymouth e che credono che solo in casi estremi avrebbero lasciato la loro Montserrat.

In un parrucchiere indaffarato, seguiamo e fotografiamo la lenta intrecciatura dei capelli di una cliente.

Veniamo a conoscenza dello stato d'animo delle donne e di alcune novità inaspettate.

Isola di Montserrat, Plymouth, vulcano Soufriere, parrucchiere

Il parrucchiere di Salem aggroviglia le trecce per un cliente.

Uno di questi era che la compagnia proprietaria del traghetto "Jaden Sun" su cui eravamo arrivati ​​non lo aveva ancora riparato.

Ora, con il viaggio di ritorno ad Antigua la mattina seguente, e non sapevamo nulla, era di buon auspicio per guai.

In buona moda caraibica, tutto è stato risolto. Dopo molte telefonate, ci dissero di essere in aeroporto alle sei del mattino.

Mezz'ora dopo, stavamo sorvolando il Mar dei Caraibi con una vista a volo d'uccello sulle Soufrière Hills.

 

PS -   Al momento della stesura di questo articolo, il vulcano Cumbre Vieja dall'isola di La Palma, alle Canarie era in una fase eruttiva quanto o più distruttiva.

Per fortuna, fino ad oggi, nessuno dei villaggi dell'isola si trovava sulla via della lava, tra il vulcano e la destinazione finale dell'Oceano Atlantico.

Plymouth, Montserrat

Dalle ceneri alle ceneri

Arroccato ai piedi delle colline del Monte Soufrière, in cima a depositi magmatici, la città solitaria dell'isola caraibica di Montserrat è cresciuta condannata. Come si temeva, nel 1995 anche il vulcano è entrato in un lungo periodo eruttivo. Plymouth, è l'unica capitale di un territorio politico che rimane sepolto e abbandonato.
Vulcani

montagne di fuoco

Rotture più o meno evidenti nella crosta terrestre, i vulcani possono rivelarsi tanto esuberanti quanto capricciosi. Alcune delle sue eruzioni sono delicate, altre si rivelano annientanti.
Isola Pico, Azzorre

Isola Pico: il vulcano delle Azzorre con l'Atlantico ai suoi piedi

Per un semplice capriccio vulcanico, la più giovane macchia delle Azzorre è proiettata all'altezza della roccia e della lava del territorio portoghese. L'isola di Pico ospita la sua montagna più alta e affilata. Ma non solo. È una testimonianza della resilienza e dell'ingegnosità delle Azzorre che hanno domato questa splendida isola e l'oceano che la circonda.
Isola del fuoco, Capo Verde

Intorno al fuoco

Il tempo e le leggi della geomorfologia imponevano che l'isola-vulcano di Fogo dovesse essere arrotondata come nessun altro a Capo Verde. Alla scoperta di questo esuberante arcipelago della Macaronesia, lo giriamo contro il tempo. Abbagliamo nella stessa direzione.
Tenerife, Isole Canarie

Il vulcano che infesta l'Atlantico

A 3718 m, El Teide è il tetto delle Canarie e della Spagna. Non solo. Se misurato dal fondo dell'oceano (7500 m), solo due montagne sono più pronunciate. Gli indigeni Guanche la consideravano la dimora di Guayota, il loro diavolo. Chiunque viaggi a Tenerife sa che il vecchio Teide è ovunque.
Corvo, Azzorre

L'incredibile rifugio atlantico sull'isola di Corvo

17 km2 di un vulcano sommerso in una caldera verde. Un villaggio solitario basato su una fajã. Quattrocentotrenta anime accoccolate dalla piccolezza della loro terra e dallo sguardo del prossimo Flores. Benvenuti nella più impavida delle isole Azzorre.
PN Bromine Tengger Semeru, Indonesia

Il mare vulcanico di Giava

La gigantesca caldera di Tengger sorge a 2000 m nel cuore di una distesa sabbiosa di Giava orientale. Da esso si proiettano la montagna più alta di quest'isola indonesiana, Semeru, e molti altri vulcani. Dalla fertilità e dalla misericordia di questo scenario sublime come dantesco prospera una delle poche comunità indù che hanno resistito al predominio musulmano intorno.
Nea Kameni, Santorini, Grecia

Il nucleo vulcanico di Santorini

Erano trascorsi circa tre millenni dall'eruzione minoica che disintegrava il più grande vulcano dell'isola dell'Egeo. Gli abitanti delle cime delle scogliere osservarono la terra emergere al centro della caldera allagata. Nasce Nea Kameni, il cuore ardente di Santorini.
La Palma, Isole CanarieSpagna

Il più mediatico dei cataclismi che accadrà

La BBC ha riferito che il crollo di un pendio vulcanico sull'isola della Palma potrebbe generare un mega tsunami. Ogni volta che l'attività vulcanica nell'area aumenta, i media colgono l'occasione per spaventare il mondo.
Ijen Vulcano, Indonesia

Schiavi di zolfo del vulcano Ijen

Centinaia di giavanesi si arrendono al vulcano Ijen dove vengono consumati da gas velenosi e carichi che deformano le loro spalle. Ogni turno guadagna meno di 30 euro, ma tutti sono grati per il martirio.
Tongariro, Nova Zelândia

I vulcani di tutte le discordie

Alla fine del XIX secolo, un capo indigeno cedette i vulcani del PN Tongariro alla corona britannica. Oggi, una parte significativa del popolo Maori rivendica le proprie montagne di fuoco dai coloni europei.
male, Santorini, Grecia

Fira: tra le alture e le profondità di Atlantide

Intorno al 1500 aC, una devastante eruzione fece affondare gran parte dell'isola del vulcano Fira nel Mar Egeo e portò al crollo della civiltà minoica, chiamata più volte Atlantide. Qualunque sia il passato, 3500 anni dopo, Thira, l'omonima città, è tanto reale quanto mitica.
Parco Nazionale di Amboseli, Monte Kilimangiaro, Collina di Normatior
Safari
P.N. Amboseli, Kenia

Un regalo del Kilimangiaro

Il primo europeo ad avventurarsi in queste terre Masai rimase sbalordito da ciò che trovò. E ancora oggi grandi branchi di elefanti e altri erbivori vagano alla mercé dei pascoli innevati della più grande montagna africana.
Bandiere di preghiera a Ghyaru, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 4° – Upper Pisang a Ngawal, Nepal

Da incubo a Dazzle

A nostra insaputa, siamo di fronte a un'ascesa che ci porta alla disperazione. Abbiamo spinto le nostre forze al limite e abbiamo raggiunto Ghyaru dove ci siamo sentiti più vicini che mai all'Annapurna. Il resto della strada per Ngawal sembrava una sorta di estensione della ricompensa.
Architettura & Design
Cimiteri

L'ultima dimora

Dalle grandiose tombe di Novodevichy, a Mosca, alle ossa Maya inscatolate di Pomuch, nella provincia messicana di Campeche, ogni popolo vanta il suo modo di vivere. Anche nella morte.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Aventura
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
Cerimonie e Feste
Militare

Difensori delle loro terre d'origine

Anche in tempo di pace, rileviamo personale militare ovunque. In servizio nelle città, svolgono missioni di routine che richiedono rigore e pazienza.
Città di Mindelo, Sao Vicente, Capo Verde
Città
Mindelo, São Vicente, Capo Verde

Il Miracolo di São Vicente

São Vicente è sempre stato arido e inospitale da eguagliare. La difficile colonizzazione dell'isola ha sottoposto i coloni a successive difficoltà. Fino a quando, finalmente, la sua provvidenziale baia di acque profonde ha reso Mindelo, la città più cosmopolita e la capitale culturale di Capo Verde.
Obeso residente a Tupola Tapaau, una piccola isola delle Samoa occidentali.
cibo
Tonga, Samoa Occidentali, Polinesia

Pacifico XXL

Per secoli, gli indigeni delle isole polinesiane sono vissuti per terra e per mare. Fino all'intrusione delle potenze coloniali e alla successiva introduzione di grossi pezzi di carne, fast food e le bevande zuccherate hanno generato una piaga di diabete e obesità. Oggi, mentre gran parte del PIL nazionale di Tonga, Samoa Occidentali e i vicini si sprecano con questi “veleni occidentali”, i pescatori riescono a malapena a vendere il loro pesce.
estate scarlatta
Cultura

Da Valencia a Xativa, Spagna

Dall'altra parte dell'Iberia

Lasciando da parte la modernità di Valencia, esploriamo gli ambienti naturali e storici che la "comunidad" condivide con il Mediterraneo. Più viaggiamo, più siamo sedotti dalla sua vita sfarzosa.

sportivo
concorsi

L'uomo, una specie sempre in prova

È nei nostri geni. Per il piacere di partecipare, per titoli, onore o denaro, i concorsi danno un senso al mondo. Alcuni sono più eccentrici di altri.
Alaska, da Homer's Alla ricerca di Whittier
In viaggio
Homer a Whittier, Alaska

Alla ricerca del furtivo Whittier

Lasciamo Homer, alla ricerca di Whittier, un rifugio costruito durante la seconda guerra mondiale e che ospita circa duecento persone, quasi tutte in un unico edificio.
Rematori Intha su un canale del Lago Inlé
Etnico
Lago Inle, Myanmar

L'Abbagliante Birmania Lacustre

Con una superficie di 116 km2, Il Lago Inle è il secondo lago più grande del Myanmar. È molto più di questo. La diversità etnica della sua popolazione, la profusione di templi buddisti e l'esotismo della vita locale ne fanno un'imperdibile roccaforte del sud-est asiatico.
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Vita fuori

Magome a Tsumago, Nakasendo, Way Medieval Japan
Storia
Magome Tsumago, Giappone

Da Magome a Tsumago: il percorso sovraffollato per il Giappone medievale

Nel 1603 lo shogun Tokugawa dettò il rinnovamento di un antico sistema stradale. Oggi, il tratto più famoso della strada che collegava Edo a Kyoto è attraversato da una folla desiderosa di fuggire.
Rovine, Port Arthur, Tasmania, Australia
Isole
Alla scoperta di Tassie, parte 2 - Da Hobart a Port Arthur, Australia

Un'isola condannata al crimine

Il complesso carcerario di Port Arthur ha sempre terrorizzato gli emarginati britannici. 90 anni dopo la sua chiusura, un crimine atroce commesso lì ha costretto la Tasmania a tornare ai suoi tempi più bui.
Chiesa della Santa Trinità, Kazbegi, Georgia, Caucaso
bianco inverno
Kazbegi, Georgia

Dio nelle alture del Caucaso

Nel XIV secolo, i religiosi ortodossi si ispirarono a un eremo che un monaco aveva costruito a 4000 m di altitudine e arroccato una chiesa tra la vetta del monte Kazbek (5047 m) e il villaggio ai piedi. Sempre più visitatori affollano questi luoghi mistici ai margini della Russia. Come loro, per arrivarci ci sottomettiamo ai capricci della sconsiderata Georgia Military Road.
Sulla corsia delitto e castigo, San Pietroburgo, Russia, Vladimirskaya
Letteratura
San Pietroburgo, Russia

Sulle tracce di “Delitto e castigo”

A San Pietroburgo non abbiamo potuto fare a meno di indagare sull'ispirazione dei personaggi vili del romanzo più famoso di Fëdor Dostoevskij: i suoi stessi rimpianti e le miserie di alcuni concittadini.
Ribeiro Frio, Madera, Vereda dos Balcões,
Natura
Parco Forestale di Ribeiro Frio, Madeira

Ribeiro Frio in Cima, sul Sentiero dei Balcões

Questa regione dell'interno alto di Madeira si occupa da molto tempo del ripopolamento della trota iridea dell'isola. Tra i vari sentieri e levadas che convergono nei suoi vivai, il Parque Florestal Ribeiro Frio nasconde panorami grandiosi su Pico Arieiro, Pico Ruivo e la valle della Ribeira da Metade che si estende fino alla costa settentrionale.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Iguana a Tulum, Quintana Roo, Messico
Parchi Naturali
Yucatan, Messico

La legge siderale di Murphy che condannava i dinosauri

Gli scienziati che studiano il cratere causato dall'impatto di un meteorite 66 milioni di anni fa sono giunti a una conclusione radicale: si è verificato esattamente su una sezione del 13% della superficie terrestre soggetta a tale devastazione. È una zona di confine della penisola messicana dello Yucatan che un capriccio dell'evoluzione della specie ci ha permesso di visitare.
Solostsky autunnale
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Isole Soloveckie, Russia

L'Isola Madre dell'Arcipelago Gulag

Ospitò uno dei più potenti domini religiosi ortodossi in Russia, ma Lenin e Stalin lo trasformarono in un gulag. Con la caduta dell'URSS, Solotsky ritrova pace e spiritualità.
Controllo corrispondenza
personaggi
Rovaniemi, Finlândia

Dalla Lapponia finlandese all'Artico, Visita alla Terra di Babbo Natale

Stanchi di aspettare che il vecchio barbuto scendesse dal camino, abbiamo ribaltato la storia. Abbiamo approfittato di un viaggio nella Lapponia finlandese e siamo passati davanti alla sua casa nascosta.
mini snorkeling
Spiagge
Isole Phi Phi, Thailandia

Torna a Danny Boyle Beach

Sono passati 15 anni dal debutto del classico autostoppista tratto dal romanzo di Alex Garland. Il film ha reso popolari i luoghi in cui è stato girato. Poco dopo, alcuni di loro scomparvero temporaneamente ma letteralmente dalla mappa, ma oggi la loro controversa fama rimane intatta.
Forte di São Filipe, Città Vecchia, Isola di Santiago, Capo Verde
Religione
Cidade Velha, Capo Verde

Cidade Velha: l'antica città delle città tropico-coloniali

Fu il primo insediamento fondato dagli europei al di sotto del Tropico del Cancro. In un momento cruciale per l'espansione portoghese in Africa e in Sud America e per la tratta degli schiavi che l'accompagnò, Cidade Velha divenne un'eredità toccante ma inevitabile di origini capoverdiane.

Composizione ferroviaria Flam sotto una cascata, Norvegia
Veicoli Ferroviari
nesbyen a Flamm, Norvegia

Ferrovia Flam: la Norvegia sublime dalla prima all'ultima stazione

Su strada ea bordo della Flam Railway, su una delle linee ferroviarie più ripide del mondo, raggiungiamo Flam e l'ingresso del Sognefjord, il più grande, il più profondo e il più venerato dei fiordi della Scandinavia. Dal punto di partenza all'ultima stazione, questa Norvegia che abbiamo svelato è monumentale.
giovane commessa, nazione, pane, uzbekistan
Società
Valle di Fergana, Uzbekistan

Uzbekistan, la nazione a cui non manca il pane

Pochi paesi usano cereali come l'Uzbekistan. In questa repubblica dell'Asia centrale, il pane gioca un ruolo vitale e sociale. Gli uzbeki lo producono e lo consumano con devozione e in abbondanza.
Visitatori a Talisay Ruins, Negros Island, Filippine
Vita quotidiana
Talisay città, Filippine

Monumento a un Amore Luso-Filippino

Alla fine del 11° secolo, Mariano Lacson, un contadino filippino, e Maria Braga, una donna portoghese di Macao, si innamorarono e si sposarono. Durante la gravidanza di quello che sarebbe diventato il suo undicesimo figlio, Maria ha ceduto a una caduta. Distrutto, Mariano costruì un palazzo in suo onore. Nel bel mezzo della seconda guerra mondiale, il palazzo fu bruciato, ma le eleganti rovine sopravvissute perpetuano la loro tragica relazione.
Coccodrilli, Queensland tropicale dell'Australia selvaggia
Animali selvatici
Cairns la Tribolazione del Capo, Australia

Queensland tropicale: un'Australia troppo selvaggia

Cicloni e inondazioni sono solo l'espressione meteorologica dell'asprezza tropicale del Queensland. Quando non è il tempo, è la fauna mortale della regione a tenere i suoi abitanti all'erta.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.