Bridgetown, Barbados

La città (del ponte) delle Barbados


Colori dell'indipendenza
The Wharf
Città-spiaggia
scatole di partenza
Giro del pontone
inizio gara
Sagome di colore
sagome di pirati
equestre sgargiante
esperienza di balneazione
Carenaggio
Lives
architettura splendente
Distilleria Mount Gay
Parlamento a Natale
Il complesso del Parlamento
Passeggeri delle Barbados
Ponte Ciambellano
Immersioni dal ponte di Chamberlain
attraversamento
Originariamente fondata come "Indian Bridge", accanto a una palude maleodorante, la capitale delle Barbados si è evoluta nella capitale delle British Windward Isles. I barbadiani lo chiamano "The City"”. È la città natale della ben più famosa Rihanna.

Visto il già lungo tempo impiegato per saltare da Antille ad Antille, siamo stati costretti a cercare un soggiorno economico.

Ci accoglie Janette, abituata da tempo ad affittare le stanze della sua villa per aumentare le proprie entrate. Janette verrà a prenderci all'aeroporto. Quando siamo arrivati, ci siamo resi conto che ci stava dando la sua stanza.

Janette ci presenta altri due ospiti.

Si tratta di Alex Ekesa e Veronika Jepkosti, runner kenioti che si guadagnano da vivere grazie alle gare internazionali e ai rispettivi premi in denaro. La maratona a cui avrebbero partecipato sarebbe iniziata alle 5 del mattino.

In cuor suo, Alex pensava che non avrebbe avuto rivali da eguagliare. Ha mostrato poca preoccupazione per le ore di sonno. Entusiasta di avere qualcuno con cui chattare.

Andammo a letto verso le undici di sera, augurandoci di riuscire entrambi. Quando ci siamo svegliati, stavano tornando.

Veronica dormiva. Alex esce con il volto socchiuso, gli occhi rossi, lo sguardo di chi è sopravvissuto a un mese di torture. "Sì, sì, ho vinto." ci conferma, con misurato entusiasmo.

Chiede a Janette di preparargli il porridge. Dopo averlo mangiato, crolla per i danni causati dai 42 km. Ritirati per un sonno ristoratore.

Abbiamo preso il vanetta Z4, uno dei tanti che servono Bridgetown.

Bridgetown: alla scoperta della capitale delle Barbados

Ancora un quarto d'ora di cammino e si comincia ad esplorare la città, a cominciare dal nucleo storico e architettonico che le è valso lo status di Patrimonio mondiale dell'UNESCO.

È domenica mattina. Dal terminal dei trasporti a Wharf Road. e alla foce del fiume Constitution che funge da Careenage (marina) non vediamo quasi un'anima.

Il cuore di Bridgetown ruota attorno a Carlisle Bay e al porto secolare che i coloni britannici vi fondarono e ampliarono.

Man mano che ci avviciniamo a questo mare e allo zenit solare, l'atmosfera diventa umida come nemmeno nella giungla più fitta di Puerto Rico avevamo senso.

Siamo arrivati ​​all'ingresso del Chamberlain Bridge. Alcuni reclutatori si aggirano, sperando di prendere gli ultimi passeggeri per i viaggi sui catamarani ormeggiati nelle vicinanze.

Attraversiamo il ponte. Passiamo sotto l'Arco dell'Indipendenza. Giù per Bay Street sbuchiamo a Carlisle Bay.

Dominio balneare competitivo di Carlisle Bay

Troviamo dove si trova la maggior parte degli abitanti, espatriati e visitatori della città.

Si concentrano sulla spiaggia bersaglio e su una fascia protetta dai toni ciano dell'Oceano Atlantico.

Lì si concedono un pellegrinaggio sulla spiaggia benedetto dal giorno sacro e dal clima invernale delle Piccole Antille.

Amici e famiglie alternano momenti pic-nic a ritrovi anfibi, rinfrescati e massaggiati dall'acqua di mare più fredda dell'anno, tra tiepida e tiepida.

Accanto a Bay Street, con l'ora di pranzo imminente, sono affollati anche i beach bar Brownes e Pebbles, rinforzati da food truck che sprigionano l'aroma dei sandwich di pesce e li servono, accompagnati da birre Banks e punch al rum.

Diverse località rinomate occupano l'angolo meridionale della baia. Anche se a quell'ora era domenica, Janette stava lavorando a uno di loro.

Facciamo tuffi che non abbiamo ancora fatto per meritarci.

Liberati dal respiro tropicale che ci anestetizzava, siamo tornati nel cuore secolare della capitale.

Chamberlain Bridge, Constitution River e il Parlamento di Bridgetown

Il Chamberlain Bridge è salito per ospitare barche a vela ad alto albero in rotta tra Independence Square e il mare al largo delle Barbados.

Non appena il ponte scende, i pedoni in attesa riprendono le loro passeggiate.

E un manipolo di adolescenti ribelli va avanti con una festa di tuffi nel fiume, tra pellicani scontenti e qualche turista intrattenuto dalle acrobazie del loro esibizionismo.

Di norma le autorità sono vicine, abituate a interrompere attività che anche un cartello di divieto vieta.

Al culmine del riposo settimanale, tuttavia, solo uno o due poliziotti erano in servizio, in Piazza degli Eroi Nazionali, intorno al complesso del Palazzo del Parlamento.

Istituito nel 1639, il Parlamento delle Barbados fu costruito per emulare quello dell'Inghilterra.

Rimane la terza casa legislativa più antica delle Americhe e l'edificio centrale della storica Bridgetown che, fino all'indipendenza delle Barbados nel 1958, ha servito i progetti coloniali britannici dell'isola.

Da portoghese e spagnolo a dominio coloniale britannico

All'inizio del XVI secolo, le Barbados erano ancora abitate da nativi Arawak e Carib. Arrivarono gli spagnoli e, si crede, anche i navigatori portoghesi.

Insieme avrebbero dato all'isola il nome che conserva, non si sa se per l'abbondanza di fichi d'india, o perché vi hanno trovato degli indigeni con la barba.

Autori di successive incursioni di schiavi, gli spagnoli fecero fuggire gli indigeni nelle isole vicine. All'inizio del XVII secolo, le Barbados avevano poco interesse per l'Europa.

Questa realtà si capovolse quando gli inglesi entrarono in vigore nella corsa ai territori per la canna da zucchero.

A colpo d'occhio, dall'essere spopolate, le Barbados erano abitate da migliaia di persone schiavi esiliati dall'Africa.

Alle Barbados lavoravano con la forza nelle piantagioni di canna da zucchero, come la Sunbury che abbiamo visitato, dominante sull'isola dall'inizio del XVII secolo.

Oggi immancabile fattoria-museo.

Quando gli inglesi arrivarono alle Barbados nel 1628, scoprirono che gli spagnoli non avevano lasciato edifici o infrastrutture.

Dall'estremità meridionale dell'isola ora occupata dalla capitale, spiccava un mero ponte di legno che gli indigeni avevano eretto sull'attuale fiume Constitution.

Al posto del ponte che ha ispirato il nome di Bridgetown, oggi, Chamberlain ne rivendica tutto il simbolismo e il protagonismo.

A seguito dell'africanizzazione coloniale dell'isola, per mano degli inglesi, ci sono 280 barbadiani, più del 90% neri.

A Bridgetown e dintorni, quasi la metà vive.

Bridgetown, Bridge City e capitale delle Barbados, sagome

Bridgetown, Barbados: una capitale redditizia delle Antille

Durante la settimana lavorativa,The City"” esplode di vita e colore.

I barbadiani condividono un debole nazionale per vestirsi bene. Di conseguenza, la stragrande maggioranza degli stabilimenti della città sono boutique, negozi di abbigliamento, dozzine, parrucche, accessori per capelli e moda.

Mentre ci aggiriamo, ci ritroviamo, di volta in volta, ad apprezzare le vetrine luminose, crude, vecchio stile, piene di manichini bianchi e quasi più vive della vita nella capitale.

Come se non bastasse, gli affari si svolgono spesso al piano terra di edifici più grandiosi che stravaganti.

Sono stati costruiti con i proventi dello zucchero e del rum, pietra corallina e zavorra di navi, telai strutturali e mobili in mogano, tetti in terracotta e rame.

Troviamo i migliori esempi di architettura locale georgiana, giacobina e vittoriana nel complesso del parlamento, nel vecchio municipio, nella biblioteca nazionale e negli antichi tribunali, nel museo della borsa, nel palazzo della mutua.

Nei vari edifici del Garrison (ex caserma e arsenale della città), dove Bridgetown mantiene il suo ippodromo e ospita frequenti corse di cavalli.

E ancora nei magazzini lungo Wharf Road.

Il nucleo storico della comunità ebraica delle Barbados

Ci colpiscono anche le eccezioni architettoniche ed etniche della capitale. A soli 400 metri nell'entroterra dal molo si trova la sinagoga di Nidhe.

Quando esaminiamo l'attiguo cimitero, disposto attorno a un grande albero di baniano sul quale riposano incuriosite due o tre scimmiette, troviamo lapidi con decine di nomi e soprannomi portoghesi.

Insieme costituiscono la testimonianza indelebile della diaspora degli ebrei espulsi dall'Iberia alla fine del XV secolo e dal Brasile in seguito, soprattutto dopo che il Portogallo sconfisse gli olandesi nella disputa per il nord-est del territorio.

Perché alle Barbados, come in Curacao, na Isole Vergini e altre isole, gli ebrei si stabilirono e proliferarono. La comunità dei loro discendenti costituisce una delle minoranze dell'isola. Ridotti, ma attivi e regolarmente riuniti nel tempio rosa della loro religione.

Rihanna e altri barbadiani meno famosi

Bridgetown è anche la città delle figure che, in un diverso senso di migrazione e storia, hanno finito per rafforzare la sua notorietà mondiale.

Questi sono i casi di Grandmaster Flash, rapper popolare negli anni '80, e Shontelle. E, già su scala planetaria, di Robyn Rihanna Fenty.

In uno dei tanti tardi pomeriggi trascorsi alla scoperta di Bridgetown, abbiamo deciso di cercare la casa dove aveva vissuto, situata nella zona di Westbury, vicino alla casa di Janette, a più di venti minuti a piedi dal centro storico della capitale.

Sapevamo che il quartiere in cui è cresciuto il cantante era povero. Non ci aspettavamo di imbatterci in due ratti, poco prima di identificare la loro vecchia casa, ora dipinta di verde oliva e altri toni accesi.

Fotografiamo la casa.

Attraversiamo Westbury Road e diamo una sbirciatina al cimitero di Westbury, dove, per mancanza di spazi aperti e assenza di cavi elettrici, anche prima di formare la sua prima band, Rihanna e le sue amiche si divertivano a far volare gli aquiloni.

La città delle Barbados si è rivelata il suo ponte privato verso la celebrità mondiale.

La funzione principale di Bridgetown è quella di guidare i progetti delle Barbados, all'epoca una delle dieci nazioni più sviluppate dei Caraibi.

Saba, Olanda

La misteriosa regina olandese di Saba

Con soli 13 km2, Saba passa inosservata anche ai più viaggiatori. A poco a poco, su e giù per i suoi innumerevoli pendii, scopriamo questa lussureggiante Piccola Antille, confine tropicale, tetto montuoso e vulcanico. della nazione europea meno profonda.
Rincon, Bonaire

Il Pioneer Nook delle Antille olandesi

Poco dopo l'arrivo di Colombo nelle Americhe, i castigliani scoprirono un'isola caraibica che chiamarono Brasile. Temendo la minaccia dei pirati, nascosero il primo insediamento in una valle. Dopo un secolo, gli olandesi presero possesso di quell'isola e la ribattezzarono Bonaire. Non hanno cancellato il nome senza pretese della colonia precursore: Rincon.
Soufriere, Santa Lucia

Le Grandi Piramidi delle Antille

In piedi sopra una costa lussureggiante, le cime sorelle Chiodi sono il segno distintivo di Santa Lucia. Sono diventati così iconici che hanno un posto riservato nelle note di testa dei dollari dei Caraibi orientali. Accanto, i residenti dell'ex capitale Soufrière sanno quanto sia preziosa la loro vista.
English Harbour, Antigua

Nelson's Dockyard: l'Antica Base navale e Dimora dell'Ammiraglio

Nel XNUMX° secolo, quando gli inglesi contestarono il controllo dei Caraibi e il commercio dello zucchero con i loro rivali coloniali, presero il controllo dell'isola di Antigua. Lì si imbatterono in una baia frastagliata che chiamarono English Harbour. Ne fecero un porto strategico che ospitava anche l'idolatrato ufficiale di marina.
Aruba

Aruba: L'isola nel Posto Giusto

Si ritiene che gli indigeni Caquetío lo chiamassero oruba, o "isola ben situata". Frustrati dalla mancanza di oro, gli scopritori spagnoli la chiamarono "isola inutile". Mentre viaggiamo attraverso la sua vetta caraibica, ci rendiamo conto di quanto più senso abbia sempre avuto il primo battesimo di Aruba.
Martinique, Antille Francesi

Baguette caraibiche sotto il braccio

Vaghiamo per la Martinica con la stessa libertà dell'Euro e le bandiere tricolori sventolano sovrane. Ma questo pezzo di Francia è vulcanico e lussureggiante. Appare nel cuore insulare delle Americhe e ha un delizioso sapore d'Africa.
Scarborough a Pigeon Point, Tobago

Alla scoperta della Tobago Capitale

Dalle alture murate di Fort King George, alla soglia di Pigeon Point, Tobago sud-occidentale intorno alla capitale Scarborough rivela tropici controversi senza rivali.
Sainte-Luce, Martinique

Un sano proiezionista

Dal 1954 al 1983 Gérard Pierre ha proiettato molti dei famosi film che sono arrivati ​​in Martinica. A 30 anni dalla chiusura della stanza dove lavorava, era ancora difficile per questo nativo nostalgico cambiare bobina.
Willemstad, Curacao

Il cuore multiculturale di Curaçao

Una colonia olandese nei Caraibi divenne un importante centro di schiavi. Accolse gli ebrei sefarditi che si erano rifugiati dall'Inquisizione ad Amsterdam e Recife e assimilò influenze dai villaggi portoghesi e spagnoli con cui commerciava. Al centro di questa fusione culturale secolare c'è sempre stata la sua antica capitale: Willemstad.
Saint-Pierre, Martinique

La città che risorge dalle ceneri

Nel 1900, la capitale economica delle Antille era invidiata per la sua raffinatezza parigina, finché il vulcano Pelée non la carbonizzò e la seppellì. Più di un secolo dopo, Saint-Pierre si sta ancora rigenerando.
Fort-de-France, Martinique

Libertà, Bipolarità e Tropicalità

Nella capitale della Martinica si conferma un'affascinante estensione caraibica del territorio francese. Lì, i rapporti tra i coloni ei discendenti indigeni degli schiavi danno ancora origine a piccole rivoluzioni.
Maho Beach, Sint Maarten

La spiaggia caraibica a propulsione a reazione

A prima vista, l'aeroporto internazionale Princess Juliana sembra essere solo un altro dei vasti Caraibi. I successivi atterraggi poco profondi sulla spiaggia di Maho che ne precede la pista, i decolli di jet che distorcono i volti dei bagnanti e li proiettano in mare, ne fanno un caso speciale.
Bridgetown, Barbados e Granada

Un Natale caraibico

Viaggiando, da cima a fondo, attraverso le Piccole Antille, il periodo natalizio ci coglie alle Barbados e a Grenada. Con le famiglie dall'altra parte dell'oceano, ci siamo adattati al caldo e alle feste in spiaggia dei Caraibi.
Delta dell'Okavango, Non tutti i fiumi raggiungono il mare, Mokoros
Safari
Delta dell'Okavango, Botswana

Non tutti i fiumi raggiungono il mare

Terzo fiume più lungo dell'Africa meridionale, l'Okavango nasce negli altopiani angolani di Bié e percorre 1600 km a sud-est. Perditi nel deserto del Kalahari, dove irriga una splendida zona umida brulicante di fauna selvatica.
Thorong La, Circuito dell'Annapurna, Nepal, foto per i posteri
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 13 - High Camp a Thorong La a Muktinath, Nepal

Al culmine del circuito dell'Annapurnas

A 5416 m di altitudine, il Thorong La Gorge è la grande sfida e la principale causa di ansia dell'itinerario. Dopo aver ucciso 2014 alpinisti nell'ottobre 29, attraversarlo in sicurezza genera un sollievo degno di doppia celebrazione.
Architettura & Design
Fortezze

Il mondo da difendere – Castelli e fortezze che resistono

Sotto la minaccia dei nemici dalla fine dei tempi, i capi dei villaggi e delle nazioni hanno costruito castelli e fortezze. Un po' ovunque, monumenti militari come questi continuano a resistere.
Alture tibetane, mal di montagna, trattamento per la prevenzione della montagna, viaggi
Aventura

Mal di montagna: non male. Fa schifo!

Quando si viaggia, a volte ci troviamo di fronte alla mancanza di tempo per esplorare un luogo tanto imperdibile quanto elevato. La medicina e le precedenti esperienze con la malattia da altitudine impongono di non rischiare di salire in fretta.
Scena di Natale, Shillong, Meghalaya, India
Cerimonie e Feste
Shillong, India

Selfie di Natale in una fortezza cristiana in India

Arriva dicembre. Con una popolazione in gran parte cristiana, lo stato di Meghalaya sincronizza la sua Natività con quella occidentale ed è in contrasto con il sovraffollato subcontinente indù e musulmano. Shillong, la capitale, brilla di fede, felicità, jingle bells e illuminazione brillante. Per l'abbagliamento dei vacanzieri indiani di altre parti e fedi.
Scogliere sopra la Valle della Desolazione, vicino a Graaf Reinet, Sud Africa
Città
Graaf Reinet, Sud Africa

Una lancia boera in Sud Africa

All'inizio del periodo coloniale, esploratori e coloni olandesi erano terrorizzati dal Karoo, una regione di grande caldo, grande freddo, grandi inondazioni e grandi siccità. Fino a quando la Compagnia olandese delle Indie orientali non fondò lì Graaf-Reinet. Da allora, la quarta città più antica del nazione arcobaleno prosperò in un affascinante crocevia della sua storia.
cibo
Mercati

Un'economia di mercato

La legge della domanda e dell'offerta determina la loro proliferazione. Che siano generici o specifici, coperti o all'aperto, questi spazi dedicati alla compravendita e allo scambio sono espressioni di vita e di salute finanziaria.
Villaggio di Cuada, isola di Flores, Azzorre, quartiere arcobaleno
Cultura
Aldeia da Cuada, Isola di Flores, Azzorre

L'Eden delle Azzorre tradito dall'altra Sponda del Mare

Cuada è stata fondata, si stima che nel 1676, vicino alla soglia ovest di Flores. Nel XNUMX° secolo, i suoi residenti si unirono alla grande fuga precipitosa delle Azzorre verso le Americhe. Hanno lasciato un villaggio meraviglioso come l'isola e le Azzorre.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
sportivo
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
Kayak sul Lago Sinclair, Cradle Mountain - Parco Nazionale del Lago Sinclair, Tasmania, Australia
In viaggio
alla Scoperta di Tassiè, Parte 4 - Da Devonport a Strahan, Australia

Attraverso il selvaggio West della Tasmania

Se il quasi-antipode tazzie è già un mondo australiano a parte, che dire della sua inospitale regione occidentale. Tra Devonport e Strahan, fitte foreste, fiumi sfuggenti e una costa frastagliata battuta da un Oceano Indiano quasi antartico generano enigma e rispetto.
Cahuita National Park, Costa Rica, Caraibi, Punta Cahuita vista aerea
Etnico
Cahuita, Costa Rica

Un Costarica di Rasta

Viaggiando attraverso l'America Centrale, abbiamo esplorato una costa del Costa Rica che è afro come i Caraibi. In Cahuita, Pura Vida è ispirata da un'eccentrica fede in Jah e da un'esasperante devozione alla cannabis.
tunnel di ghiaccio, percorso dell'oro nero, Valdez, Alaska, USA
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Sensazioni vs Impressioni

Cebu, Mactan, Filippine, Pantano di Magellano
Storia
Mactan, Cebu, Filippine

La quaglia di Magellano

Erano trascorsi quasi 19 mesi di navigazione pionieristica e travagliata intorno al mondo quando l'esploratore portoghese ha commesso l'errore della sua vita. Nelle Filippine, il boia Datu Lapu Lapu conserva gli onori di eroe. In Mactan, una statua in bronzo del suo supereroe tribale sembra sovrapposta alla palude di mangrovie della tragedia.
Isola di São Tomé, São Tomé e Principe, Nord, Roça Água Funda
Isole
São Tomé, São Tome e Principe

Attraverso il Tropical Cocuruto di São Tomé

Con l'omonimo capoluogo alle nostre spalle, ci siamo messi alla scoperta della realtà dell'azienda agricola Agostinho Neto. Da lì, abbiamo preso la strada costiera per l'isola. Quando finalmente l'asfalto si arrende alla giungla, São Tomé si è confermata in cima alle più belle isole africane.
Geotermico, calore islandese, terra di ghiaccio, geotermico, laguna blu
bianco inverno
Islândia

Il calore geotermico dell'isola di ghiaccio

La maggior parte dei visitatori apprezza i paesaggi vulcanici islandesi per la loro bellezza. Gli islandesi traggono anche da loro calore ed energia vitale che portano alle porte dell'Artico.
Ombra vs Luce
Letteratura
Kyoto, Giappone

Il Tempio di Kyoto risorto dalle ceneri

Il Padiglione d'Oro è stato risparmiato dalla distruzione più volte nel corso della storia, comprese le bombe sganciate dagli Stati Uniti, ma non ha resistito al disturbo mentale di Hayashi Yoken. Quando lo ammiravamo, brillava come non mai.
Pico Island, Monte Vulcano delle Azzorre, ai piedi dell'Atlantico
Natura
Isola Pico, Azzorre

Isola Pico: il vulcano delle Azzorre con l'Atlantico ai suoi piedi

Per un semplice capriccio vulcanico, la più giovane macchia delle Azzorre è proiettata all'altezza della roccia e della lava del territorio portoghese. L'isola di Pico ospita la sua montagna più alta e affilata. Ma non solo. È una testimonianza della resilienza e dell'ingegnosità delle Azzorre che hanno domato questa splendida isola e l'oceano che la circonda.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Namibe, Angola, Grotta, Parco Iona
Parchi Naturali
Namibe, Angola

Incursione nel Namibe angolano

Alla scoperta del sud dell'Angola, lasciamo Moçâmedes per l'interno della provincia desertica. Per migliaia di chilometri su terra e sabbia, l'asprezza del paesaggio non fa che rafforzare lo stupore della sua vastità.
Mahé Isole delle Seychelles, amiche della spiaggia
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Mahé, Seychelles

La Grande Isola delle Piccole Seychelles

Mahé è la più grande delle isole del paese più piccolo dell'Africa. Ospita la capitale della nazione e quasi tutte le Seychelles. Ma non solo. Nella sua relativa piccolezza, nasconde uno splendido mondo tropicale, fatto di giungla montuosa che si fonde con l'Oceano Indiano in baie di tutte le sfumature del mare.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
personaggi
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Varela Guinea Bissau, spiaggia di Nhiquim
Spiagge
Varela, Guinea Bissau

Costa Abbagliante e Deserta, al confine con il Senegal

Un po' remoto, con un accesso difficile, il tranquillo villaggio di pescatori di Varela compensa coloro che lo raggiungono con la cordialità della sua gente e una delle coste meravigliose, ma a rischio, della Guinea Bissau.
Preghiera che brucia, Festival di Ohitaki, Tempio di Fushimi, Kyoto, Giappone
Religione
Kyoto, Giappone

Una fede combustibile

Durante la celebrazione shintoista di Ohitaki, i fedeli giapponesi raccolgono preghiere incise su tavolette nel tempio di Fushimi. Lì, mentre viene consumato da enormi falò, la sua fede si rinnova.
White pass yukon train, Skagway, Gold route, Alaska, USA
Veicoli Ferroviari
Skagway, Alaska

Una variante della corsa all'oro nel Klondike

L'ultima grande corsa all'oro americana è ormai lontana. Oggi, centinaia di navi da crociera riversano ogni estate migliaia di visitatori benestanti nelle strade piene di negozi di Skagway.
Australia Day, Perth, bandiera australiana
Società
Perth, Australia

Giornata dell'Australia: in onore della Mourning Invasion Foundation

26/1 è una data controversa in Australia. Mentre i coloni britannici lo celebrano con barbecue e tanta birra, gli aborigeni celebrano il fatto di non essere stati completamente spazzati via.
Casario, città alta, Fianarantsoa, ​​​​Madagascar
Vita quotidiana
Fianarantsoa, Madagascar

La città malgascia della buona educazione

Fianarantsoa fu fondata nel 1831 da Ranavalona Iª, regina dell'allora predominante etnia Merina. Ranavalona I è stato visto dai contemporanei europei come isolazionista, tirannico e crudele. A parte la reputazione del monarca, quando entriamo, la sua antica capitale meridionale rimane il centro accademico, intellettuale e religioso del Madagascar.
Fattoria São João, Pantanal, Miranda, Mato Grosso do Sul, tramonto
Animali selvatici
Fattoria Sao Joao, Miranda, Brasile

Pantanal con il Paraguay in vista

Quando l'azienda agricola Passo do Lontra ha deciso di espandere il proprio ecoturismo, ha reclutato l'altra azienda agricola di famiglia, São João. Più lontano dal fiume Miranda, quest'altra proprietà rivela un remoto Pantanal, ai margini del Paraguay. Dal paese e dal fiume omonimo.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.