Circuito dell'Annapurna: 1° - Pokhara a ChameNepal

Finalmente in cammino


per chiamata
Gli amici passeggiano lungo la via principale di Chame, villaggio situato a 2670 metri, da dove si possono vedere le prime cime innevate dell'Annapurna.
pace del lago
Battelli da diporto sul lago Phewa, vicino a Pokhara, la base logistica per i viaggiatori zaino in spalla che si avventurano nel circuito dell'Annapurna.
nel calore della notte
Facchini, guide e conducenti di jeep convivono nella cucina riscaldata dell'Himalyan Hotel a Chame.
riposo talassoterapico
Due clienti in una casa da tè Syange.
l'ora del tè
I cuochi dell'Himalayan Hotel, uno dei tanti che accolgono gli escursionisti di passaggio per Chame.
pesca d'argento
Pescatori sulla riva del lago Phewa, alle porte di Pokhara.
Himalaya sotto
Stretta gola del fiume Marsyangdi, sulla strada tra Syange e Chame.
una pausa
Un residente di Chame si riposa momentaneamente dal taglio della legna che riscalda le fredde notti della città.
villaggio nepalese
Piccolo villaggio incastrato sulla scogliera, sulla strada per Chame.
Nuova alba
I giovani si divertono a guardare gli escursionisti che passano accanto all'hotel New Sunrise di Danaque.
la cena possibile
Zuppa (aglio) e riso fritto con verdure, una classica combinazione di pasti lungo la strada. Si dice che la zuppa di aglio prevenga il mal di montagna. Un altro male è ottenere una zuppa che non è istantanea.
Moto paternità
Il padre accompagna il figlio piccolo in un viaggio in moto attraverso Chame.
nella solita sede
Elder riposa e prende il sole sul ciglio della strada, tra Syange e Chame.
Il Tal
Tal, un villaggio piantato sul bordo del fiume Marsyangdi e alquanto vulnerabile alle sue inondazioni.
Manas
Le sorelle osservano gli estranei alla porta della loro casa a Chame.
Dopo diversi giorni di preparazione a Pokhara, siamo partiti verso l'Himalaya. Il percorso pedonale può essere iniziato solo a Chame, a 2670 metri di altitudine, con le cime innevate della catena montuosa dell'Annapurna già in vista. Fino ad allora, abbiamo completato un preambolo doloroso ma necessario attraverso la sua base subtropicale.

Siamo a Pokhara, la capitale dei backpacker Nepal e il circuito dell'Annapurnas. lasciato indietro Kathamandu, Bakhtapur e la valle circostante.

Gli Annapurna si insinuano a nord.

Per alcune ore dopo ogni alba, l'acqua immobile del lago Phewa fissa gli estranei con il riflesso delle sue cime innevate. La vista ci mette a disagio, ma non potevamo prendere alla leggera l'Himalaya e il circuito dell'Annapurna.

Lago Phewa, Pokhara, Nepal

Battelli da diporto sul lago Phewa, vicino a Pokhara, la base logistica per i viaggiatori zaino in spalla che si avventurano nel circuito dell'Annapurna.

Arrivati ​​a Kathmandu, dall'India, senza vestiti per il freddo, avevamo molto da programmare, il permessi necessario per ottenere e quasi tutta l'attrezzatura ancora da acquistare.

Ci sono così tanti e così simili i negozi di trekking e alpinismo che – come la maggior parte degli outsider – ci siamo presto ritrovati persi nel labirinto di vetrine e interni stipati di capi sintetici e colorati Made in China e Made in China. Nepal.

Consapevoli che ci sarebbero volute due settimane o più senza una connessione Internet adeguata, oltre allo shopping, eravamo comunque trattenuti dal creare articoli e altre attività informatiche che, fin dall'inizio, avremmo dovuto lasciare risolte.

Abbiamo trascorso la maggior parte del nostro tempo nella nostra camera e sul balcone dell'hotel, facendo viaggi chirurgici nel centro commerciale della città per mangiare e fare scorta di vestiti e attrezzature sulla nostra lista appena creata.

Pokhara, troppo Pokhara

"Di nuovo tu? Ancora in giro? Ma dopo tutto, quando parte? Ci chiede Binsa, la simpatica e spiritosa proprietaria di uno dei negozi in cui siamo tornati e torniamo.

Troppi giorni sono passati senza che potessimo evitarli, quasi tutti con condizioni meteorologiche che si sono evolute da un radioso sole mattutino a furiosi rovesci e temporali verso la fine del pomeriggio e della notte.

Eravamo arrivati ​​a Pokhara un giovedì. Non volevamo lasciare che il prossimo ci battesse. D'accordo, mercoledì sera, avendo deciso di andare in montagna, abbiamo riempito gli zaini comprati anche lì con tutto quello che dovevamo portare. Abbiamo dormito sbalorditi dal peso della spedizione.

I quattordici chili che – per materiale fotografico ma non solo – contavano gli zaini, invece degli otto o nove consigliati. E quella della vastità e della durata della passeggiata, di gran lunga la più lunga e faticosa che avessimo mai fatto.

A causa dell'ansia e della stanchezza accumulate, abbiamo lasciato l'hotel all'ora di pranzo invece delle otto del mattino previste.

Solo quasi le quattro del pomeriggio giungemmo nel luogo da cui sarebbe partita l'ultima chiamata della giornata a Besishahar, in compagnia di un nepalese emigrato a Dubai quattordici anni fa, espansivo e intraprendente per pari, che si divertiva noi e insistette per garantirci due posti nel furgone sovraffollato.

Besishahar rifugio di previdenza

Siamo arrivati ​​a Besishahar poco dopo il tramonto. Una tempesta tonante stava scendendo dalle montagne e si stava impadronendo del villaggio. Non ci volle molto per scatenare su di lei la sua furia e uno spaventoso torrente d'acqua.

Scendemmo dal furgone verso una pensione di Gangapurna, come l'intero villaggio, al buio.

Abbiamo lasciato i nostri zaini in una stanza claustrofobica e siamo scesi a cena a lume di candela. Servendoci accidenti e riso fritto vegetale, il proprietario dell'hotel ci ha promesso un posto in una delle jeep che sarebbero partite la mattina presto Chame.

Senza motivo di prolungare il romanticismo forzato della cena, salimmo al piano di sopra e dormimmo più che potevamo.

Pasto "classico" dal circuito dell'Annapurna, Nepal

Zuppa (aglio) e riso fritto con verdure, una classica combinazione di pasti lungo la strada. Si dice che la zuppa di aglio prevenga il mal di montagna. Un altro male è ottenere una zuppa che non è istantanea.

Alle sette e mezza del mattino, l'elettricità era ancora interrotta dal villaggio. Ciononostante, gli stabilimenti si sono aperti come se nulla fosse e il bancomat di una Siddartha Bank ci ha benedetto con 25.000 rupie nepalesi, ancora in tempo per salire sulla jeep.

Besishahar ha stabilito il limite della rete stradale percorribile dai normali veicoli.

Da lì, a nord e su per la catena montuosa, solo i veicoli con una potente trazione potevano superare la strada dissestata che le autorità del Nepal si staccarono dai pendii rocciosi e scoscesi.

Fiume Marsyangdi, Nepal

Stretta gola del fiume Marsyangdi.

Piena di tratti stretti tra pendii e ampi precipizi sul fiume Marsyangdi, la sezione tra Besishahar e Chame È considerato uno dei più pericolosi sulla faccia della Terra.

Soprattutto durante i monsoni, quando le inondazioni formatesi nelle terre più elevate possono causare frane in qualsiasi momento e spazzare via dalla mappa i veicoli sfortunati e i passeggeri.

villaggio piantato dal fiume Marsyangdi, Nepal

Tal, un villaggio piantato sul bordo del fiume Marsyangdi e alquanto vulnerabile alle sue inondazioni.

Quel giorno, tuttavia, era sorto di buon umore. Anche se i forti dossi della jeep ci massacravano le schiene impreparate, avanzavamo di buon passo e senza incidenti.

La scelta dell'avvolgimento all'inizio del circuito

A dire il vero, gli opuscoli del circuito dell'Annapurnas ora mostrano Besishahar come inizio ufficiale del corso. Fino a pochi anni fa, il numero di trekker che iniziavano il trekking a Dumre – ben prima di Besishahar – e lo completavano più di venti giorni dopo a Pokhara era notevole.

Ma quando le strade tra Dumre e Chame, e dall'altra parte della catena montuosa, quelle che andavano a Jomson e Muktinah – erano pronte e le jeep iniziarono a servire le rotte, la decisione di accorciare il percorso e concentrare gli sforzi sui tratti più alti, più vicini all'Annapurna divenne popolare.

Oggi, solo pochi escursionisti fondamentalisti, senza riserve di tempo, continuano a voler realizzare il tutto, da Besishahar a Birethanti o anche Pokhara.

Quello che ci interessava, più di ogni altra cosa, era il percorso che serpeggiava attraverso i villaggi nepalesi di cultura tibetana, con vista sulle cime innevate e alte della catena montuosa.

Ora, questa roccaforte è iniziata Chame. La seconda notte, se la montagna lo avesse permesso, avremmo dormito da lì.

Improvvisazione geologica di Syange

Non tutto è andato come previsto. L'autista della jeep si è affrettato a informarci che c'era stato un incidente prima di Syange.

Il viaggio dovrebbe quindi svolgersi in due tappe e in due diverse jeep. Abbiamo fatto il giro della metropolitana a piedi in mezz'ora.

Villaggio, circuito dell'Annapurna, Nepal

Piccolo villaggio incastrato sulla scogliera, sulla strada per Chame.

A Syange ci siamo rinfrescati e, confidando nella sua onestà buddista, abbiamo pagato il prezzo normale per il viaggio in Chame al conducente iniziale. Questo ci ha promesso che ci avrebbe fatti salire a bordo di un'altra jeep che avrebbe completato l'ultimo tratto. Le jeep non mancavano. A differenza dell'autista che, quando siamo tornati dal bagno, era scomparso.

Abbiamo chiesto a un gruppo di nepalesi e di estranei se ne fossero a conoscenza. Ci viene detto che era andato a pranzo. Ci siamo presto resi conto che si stava dimenticando del valore totale del viaggio già pagato e di ciò che aveva promesso.

La coppia irlandese-australiana che ci ha accompagnato a bordo aveva solo dieci giorni a disposizione ed era ansiosa.

Elder tra Syange e Chame, Nepal

Elder riposa e prende il sole sul ciglio della strada, tra Syange e Chame.

Di fronte all'appropriazione indebita, invece di cercare di recuperare il pagamento perso, hanno deciso di iniziare il loro viaggio lì. Non abbiamo impiegato molto a trovare l'autista imbroglione nel bel mezzo del suo pasto.

Tutto quello che dovevamo fare era minacciarlo con una denuncia alla polizia e una promessa che si sarebbe cacciato in guai seri per restituirci tutti i nostri soldi.

Dall'altra parte della caduta

Anche la trattativa del tratto finale si è rivelata complicata. L'inaspettato numero di viaggiatori zaino in spalla che hanno bisogno di jeep a Syange ha indotto i suoi proprietari a provare a gonfiare il prezzo a quello che normalmente costa per l'intero viaggio da Besishahar a Chame.

Come sempre accade in queste situazioni, vista l'abbondanza di mezzi, la ripetuta promessa di rifiutare i propri servizi ha risolto la questione.

Più rapidamente di quanto ci aspettassimo, siamo partiti per la montagna con tre nuovi compagni di viaggio: Arthur, un giovane sportivo francese, maratoneta e riservato, diretto a Manang.

Lì avrebbe dovuto incontrare una guida locale che lo avrebbe aiutato a scalare una vetta vicina di oltre 6.000 metri.

clienti di una casa da tè a Syange, Nepal.

Due clienti in una casa da tè Syange.

“Tra un anno voglio essere sulla vetta dell'Everest” ci ha informato con la sicurezza che la sua forma fisica e la sua giovinezza gli hanno prestato. "Sarà un buon allenamento!"

Arthur, ci ha seguito all'interno della cabina. In cima alla scatola c'erano altri due viaggiatori con lo zaino. Nonostante la violenza dei dossi e la vista ancora più spaventosa sulle scogliere a destra della strada, Josua Schmoll, tedesco, e Fevsi Kamisoglu, turco, ci hanno assicurato di preferire l'aria aperta.

Quando, alle cinque del pomeriggio, sbarcammo alle Chame, quasi al tramonto, il duo tremava come bastoni.

Infine, chiama

L'ombra e il freddo improvviso della montagna ci avevano colto alla sprovvista. Con i loro zaini sepolti sotto il carico della jeep, venivano da quasi un'ora a sopportare la sofferenza con tanta conversazione e ancor più solidarietà.

I giovani camminano lungo la strada principale di Chame, Nepal

Gli amici passeggiano lungo la via principale di Chame, villaggio situato a 2670 metri, da dove si possono vedere le prime cime innevate dell'Annapurna.

arrivato a Chame, ci siamo sistemati in diverse pensioni ma non ci sarebbe voluto molto per ritrovarle.

Possiamo vedere l'Hotel Himalayan proprio dall'altra parte della strada, una casa di legno a due piani dipinta in blu e rosa. Come sarebbe successo lungo tutto il percorso, un cartello all'ingresso prometteva WiFi e acqua calda. E, a immagine di ciò che si ripeterebbe più e più volte, il WiFi non è nemmeno un pensiero; acqua calda, solo quella riscaldata dal fuoco, fornita in un secchio.

La camera non aveva prese elettriche. Ricaricare telefoni, powerbank, batterie di macchine e altri dispositivi significava condividere una torre di chip instabili disponibili nella sala da pranzo con molti altri ospiti. Almeno non c'era carenza di elettricità, come era successo a Besishahar e sarebbe successo di nuovo.

C'erano lacune per le quali eravamo già stati avvertiti e che nulla ci dava fastidio. Ancora più importante, eravamo al punto di partenza pianificato della nostra escursione, un enorme forno a legna riscaldava la cucina e una stufa a legna riscaldava la sala da pranzo.

Ci siamo accomodati a uno dei tavoli più vicini al caldo e abbiamo ordinato la nostra prima cena negli altopiani della catena dell'Annapurna: zuppa di verdure, riso fritto vegetale e una frittata. Abbiamo mangiato in compagnia di un gruppo di giapponesi che era arrivato dalla direzione opposta del percorso.

Hotel himalayani cuochi, Chame, Nepal

I cuochi dell'Himalayan Hotel, uno dei tanti che accolgono gli escursionisti di passaggio per Chame.

Una cena con compagnia giapponese

Uno di loro, Kaito, era appassionato di lingue. Conosceva l'inglese e altri dodici o tredici dialetti. visitato il Nepal per la ventesima volta e ne conosceva i quattro angoli. “Più vengo qui, più mi piace tornare. Anche se il marciume di questo Paese mi fa davvero deludere”.

Dalla cucina compare la guida nepalese del piccolo gruppo giapponese. Per risparmiargli lo sfogo, Kaito interrompe il discorso. Invece si presenta e si vanta alla sua guida, un giovane alpinista che aveva scalato due volte la vetta dell'Everest, conquistato Annapurna e K2.

Abbiamo iniziato a dialogare con Kaito e con la guida allo stesso tempo. Abbiamo approfittato della vostra conoscenza per chiarire il punto più delicato dell'itinerario, Thorong La.

Situata alla quota più alta del percorso di 5400 metri, questa gola genera ansia in tutti gli escursionisti, consapevoli che, prima o poi, dovranno attraversarla qualche volta, in condizioni meteorologiche complicate e sofferenti di mal di montagna.

Stanchi del viaggio, i giapponesi e la guida si ritirano. Ci siamo spostati in cucina, animata ancora dai cuochi, dai giovani impiegati dell'albergo e da un gruppo di conducenti di jeep, guide e facchini dediti ai pasti e alle battute sfrenate.

Guide, autisti e facchini nella cucina dell'Himalyan Hotel a Chame, Nepal

Facchini, guide e conducenti di jeep vivono insieme nella cucina riscaldata dell'Hotel Himalyan a Chame

Dopo il pasto, desiderando pace e riposo, i cuochi ei domestici si affrettano a chiudere la stanza più calda.

Abbiamo augurato loro la buona notte, abbiamo fatto i bagagli e abbiamo affrontato il freddo gelido fuori, quasi altrettanto brutto nella piccola o nessuna stanza riparata che ci era stata assegnata. Armati di sacchi a pelo per meno 20º, abbiamo recuperato le energie rannicchiati nel grembo della catena montuosa dell'Annapurna.

La mattina dopo avremmo iniziato il lungo pellegrinaggio attraverso il suo vasto dominio.

Maggiori informazioni sulle escursioni in Nepal sul sito ufficiale del Nepal Tourism.

Circuito dell'Annapurna: 2° - Chame a Upper PisangNepal

(I) Eminente Annapurna

Ci siamo svegliati a Chame, ancora sotto i 3000m. Lì abbiamo visto, per la prima volta, le cime innevate e più alte dell'Himalaya. Da lì, siamo partiti per un'altra escursione sul circuito dell'Annapurna attraverso le pendici e le pendici della grande catena montuosa. Verso qualcosa Upper Pisang.
Circuito dell'Annapurna: 3°- Upper Pisang, Nepal

Un'inaspettata alba nevosa

Ai primi accenni di luce, la vista del manto bianco che aveva ricoperto durante la notte il paese ci abbaglia. Con una delle escursioni più dure sul circuito dell'Annapurna in vista, abbiamo posticipato la partenza il più a lungo possibile. Infastiditi, abbiamo lasciato Upper Pisang per Ngawal quando l'ultima neve se n'era andata.
Circuito dell'Annapurna: 4° – Upper Pisang a Ngawal, Nepal

Da incubo a Dazzle

A nostra insaputa, siamo di fronte a un'ascesa che ci porta alla disperazione. Abbiamo spinto le nostre forze al limite e abbiamo raggiunto Ghyaru dove ci siamo sentiti più vicini che mai all'Annapurna. Il resto della strada per Ngawal sembrava una sorta di estensione della ricompensa.
Circuito dell'Annapurna: 5° - Ngawal a BragaNepal

Verso Braga. I nepalesi.

Abbiamo trascorso un'altra mattinata di tempo glorioso alla scoperta di Ngawal. Segue un breve viaggio verso Manang, la città principale sulla strada per l'apice del circuito dell'Annapurna. Abbiamo soggiornato a Braga (Braka). Il borgo si sarebbe presto rivelato una delle sue tappe più indimenticabili.
Circuito dell'Annapurna: 6° – Braga, Nepal

In un Nepal più antico del Monastero di Braga

Quattro giorni di cammino dopo, abbiamo dormito a 3.519 metri a Braga (Braka). All'arrivo, solo il nome ci è familiare. Di fronte al fascino mistico della città, che si articola intorno a uno dei più antichi e venerati monasteri buddisti del circuito dell'Annapurna, acclimatamento con salita all'Ice Lake (4620m).
Circuito dell'Annapurna: 7° - Braga - Ice Lake, Nepal

Circuito dell'Annapurna - Il doloroso acclimatamento del lago di ghiaccio

Sulla salita al villaggio di Ghyaru, abbiamo avuto un primo e inaspettato assaggio di quanto possa essere esaltante il circuito dell'Annapurna. Nove chilometri dopo, a Braga, per la necessità di acclimatarsi, si sale dai 3.470 m di Braga ai 4.600 m del lago Kicho Tal. Sentiamo solo la stanchezza prevista e il gonfiore del fascino per la catena montuosa dell'Annapurna.
Circuito dell'Annapurna: 8° Manang, Nepal

Manang: l'ultimo acclimatamento nella civiltà

Sei giorni dopo aver lasciato Besisahar siamo finalmente arrivati ​​a Manang (3519 m). Situata ai piedi dei monti Annapurna III e Gangapurna, Manang è la civiltà che coccola e prepara gli escursionisti alla sempre temuta traversata del Thorong La Gorge (5416 m).
Circuito dell'Annapurna: dal 9° Manang a Grotta di Milarepa, Nepal

Una passeggiata tra acclimatamento e pellegrinaggio

In toto Circuito dell'Annapurna, arriviamo finalmente a Manang (3519 m). abbiamo ancora bisogno acclimatarsi per i tratti più alti che sono seguiti, abbiamo iniziato un altrettanto spirituale viaggio verso una grotta nepalese a Milarepa (4000 m), rifugio di un siddha (saggio) e santo buddista.
10° Circuito dell'Annapurna: Manang lo Yak Kharka, Nepal

Verso gli altopiani (superiori) dell'Annapurna

Dopo una pausa di acclimatamento nella civiltà quasi urbana di Manang (3519 m), riprendiamo l'ascesa allo zenit di Thorong La (5416 m). Quel giorno abbiamo raggiunto il villaggio di Yak Kharka, a 4018 m, un buon punto di partenza per i campi alla base della grande gola.
Bhaktapur, Nepal

Le maschere della vita nepalesi

Gli indigeni Newar della valle di Kathmandu attribuiscono grande importanza alla religiosità indù e buddista che li unisce tra loro e con la Terra. Di conseguenza, benedice i loro riti di passaggio con danze Newar di uomini mascherati da divinità. Anche se ripetute a lungo dalla nascita alla reincarnazione, queste danze ancestrali non sfuggono alla modernità e iniziano a vedere una fine.
Wanaka, Nova Zelândia

Quanto è buono nel Campo dos Antipodes

Se la Nuova Zelanda è nota per la sua tranquillità e intimità con la natura, Wanaka supera ogni immaginazione. Situato in un ambiente idilliaco tra il lago omonimo e il mistico Monte Aspirante, è diventato luogo di culto. Molti kiwi aspirano a cambiare la loro vita lì.
Kazbegi, Georgia

Dio nelle alture del Caucaso

Nel XIV secolo, i religiosi ortodossi si ispirarono a un eremo che un monaco aveva costruito a 4000 m di altitudine e arroccato una chiesa tra la vetta del monte Kazbek (5047 m) e il villaggio ai piedi. Sempre più visitatori affollano questi luoghi mistici ai margini della Russia. Come loro, per arrivarci ci sottomettiamo ai capricci della sconsiderata Georgia Military Road.
Circuito dell'Annapurna 11º: yak karkha a Thorong Phedi, Nepal

Arrivo ai piedi della gola

In poco più di 6 km saliamo da 4018m a 4450m, alla base del Thorong La Gorge. Lungo la strada, ci siamo chiesti se quelli che sentivamo fossero i primi problemi di Altitude Evil. Non è mai stato un falso allarme.
Circuito dell'Annapurna: 12 ° - Thorong Phedi a High Camp

Il preludio alla traversata suprema

Questa sezione del circuito dell'Annapurna dista solo 1 km, ma in meno di due ore ti porta da 4450 m a 4850 m e l'ingresso alla grande gola. Dormire ad High Camp è un test di resistenza alla Mountain Disease che non tutti superano.
Circuito dell'Annapurna: 13 - High Camp a Thorong La a Muktinath, Nepal

Al culmine del circuito dell'Annapurnas

A 5416 m di altitudine, il Thorong La Gorge è la grande sfida e la principale causa di ansia dell'itinerario. Dopo aver ucciso 2014 alpinisti nell'ottobre 29, attraversarlo in sicurezza genera un sollievo degno di doppia celebrazione.
Circuito dell'Annapurna 14 ° - Muktinath a Kagbeni, Nepal

Dall'altro lato della gola

Dopo l'impegnativa traversata del Thorong La, ci ritroviamo nell'accogliente villaggio di Muktinath. La mattina dopo siamo scesi. Sulla strada per l'antico regno dell'Alto Mustang e il villaggio di Kagbeni che funge da porta di accesso.
Parco Nazionale di Amboseli, Monte Kilimangiaro, Collina di Normatior
Safari
P.N. Amboseli, Kenia

Un regalo del Kilimangiaro

Il primo europeo ad avventurarsi in queste terre Masai rimase sbalordito da ciò che trovò. E ancora oggi grandi branchi di elefanti e altri erbivori vagano alla mercé dei pascoli innevati della più grande montagna africana.
Thorong Pedi a High Camp, Circuito dell'Annapurna, Nepal, Escursionista solitario
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 12 ° - Thorong Phedi a High Camp

Il preludio alla traversata suprema

Questa sezione del circuito dell'Annapurna dista solo 1 km, ma in meno di due ore ti porta da 4450 m a 4850 m e l'ingresso alla grande gola. Dormire ad High Camp è un test di resistenza alla Mountain Disease che non tutti superano.
hacienda mucuyche, Yucatan, Messico, canale
Architettura & Design
Yucatan, Messico

Tra Haciendas e Cenotes, attraverso la storia dello Yucatan

In giro per la capitale Merida, per ogni anziana henequenera hacienda coloniale per almeno uno cenote. Spesso coesistono e, come con la semi-recuperata Hacienda Mucuyché, in duo, danno vita ad alcuni dei luoghi più sublimi del sud-est del Messico.

Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Aventura
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
Sfilata e sfarzo
Cerimonie e Feste
San Pietroburgo, Russia

La Russia va controcorrente. segui la marina

La Russia dedica l'ultima domenica di luglio alle sue forze navali. Quel giorno, una folla visita grandi barche ormeggiate nel fiume Neva mentre marinai annegati nell'alcol prendono il controllo della città.
Funivia che collega Puerto Plata alla cima dell'Isabel de Torres PN
Città
Puerto Plata, Repubblica Dominicana

Argento della casa domenicana

Puerto Plata è il risultato dell'abbandono di La Isabela, il secondo tentativo di una colonia ispanica nelle Americhe. Quasi mezzo millennio dopo lo sbarco di Colombo, inaugurò l'inesorabile fenomeno turistico della nazione. In un lampo attraverso la provincia, vediamo come il mare, le montagne, la gente e il sole dei Caraibi la fanno splendere.
Mercato del pesce di Tsukiji, tokyo, giappone
cibo
Tokyo, Giappone

Il mercato del pesce che ha perso freschezza

In un anno, ogni giapponese mangia più del suo peso di pesce e crostacei. Dal 1935 una parte considerevole è stata lavorata e venduta nel più grande mercato ittico del mondo. Tsukiji è stato terminato nell'ottobre 2018 e sostituito da Toyosu's.
Tequila, città di Jalisco, Messico, Jima
Cultura
Tequila, JaliscoMessico

Tequila: la distillazione del Ovest de Messico che Anima il Mondo

Disillusi dalla mancanza di vino e brandy, i conquistadores del Messico migliorarono la millenaria attitudine indigena alla produzione di alcolici. Nel XNUMX° secolo, gli spagnoli furono soddisfatti del loro pinga e iniziarono ad esportarlo. Da Tequila, il persone, oggi, centro di una regione delimitata. E il nome per cui è diventato famoso.
arbitro di combattimento, combattimento di galli, filippine
sportivo
Filippine

Quando solo i combattimenti di galli risvegliano le Filippine

Banditi in gran parte del Primo Mondo, i combattimenti di galli prosperano nelle Filippine dove spostano milioni di persone e pesos. Nonostante i suoi problemi eterni è il Sabong che più stimola la nazione.
In viaggio
Chefchaouen a Merzouga, Marocco

Marocco da cima a fondo

Dai vicoli dell'anice di Chefchaouen alle prime dune del Sahara, il Marocco rivela i netti contrasti delle prime terre africane, come l'Iberia ha sempre visto questo vasto regno del Maghreb.
Scenario marziano del deserto bianco, Egitto
Etnico
Deserto Bianco, Egitto

La scorciatoia egiziana per Marte

In un momento in cui la conquista del vicino del sistema solare è diventata un'ossessione, una parte orientale del deserto del Sahara ospita un vasto paesaggio correlato. Invece dei 150-300 giorni stimati necessari per raggiungere Marte, decollamo dal Cairo e, in poco più di tre ore, facciamo i primi passi nell'Oasi di Bahariya. Intorno, quasi tutto ci fa sentire il tanto agognato Pianeta Rosso.
arcobaleno nel Grand Canyon, un esempio di luce fotografica prodigiosa
Portfolio fotografico Got2Globe
Luce Naturale (parte 1)

E c'era Luce sulla Terra. Sapere come usarlo.

Il tema della luce in fotografia è inesauribile. In questo articolo, ti diamo alcune nozioni di base sul suo comportamento, per cominciare, solo e solo in termini di geolocalizzazione, ora del giorno e anno.
Christiansted, Saint Croix, Isole Vergini Americane, Steeple Building
Storia
Christiansted, St. Croix, Isole Vergini Americane

La capitale delle Antille afro-danesi-americane

Nel 1733, la Danimarca acquistò l'isola di Saint Croix dalla Francia, la annesse alle Indie occidentali dove, con sede a Christiansted, trasse profitto dal lavoro degli schiavi portati dalla Gold Coast. L'abolizione della schiavitù rese le colonie impraticabili. E un patto storico-tropicale che gli Stati Uniti conservano.
Isola di Goa, Isola del Mozambico, Nampula, faro
Isole
Isola di Goa, Isola del Mozambico, Mozambico

L'isola che illumina la del Mozambico

La piccola isola di Goa sostiene un faro secolare all'ingresso di Mossuril Bay. La sua torre elencata segnala la prima tappa di uno straordinario tour in dhow intorno al vecchio Isola del Mozambico.

Corsa di renne, Kings Cup, Inari, Finlandia
bianco inverno
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
Premio Kukenam
Letteratura
Monte Roraima, Venezuela

Viaggia nel tempo nel mondo perduto di Monte Roraima

In cima al Monte Roraima, ci sono scenari extraterrestri che hanno resistito a milioni di anni di erosione. Conan Doyle ha creato, in "The Lost World", una fiction ispirata al luogo ma non è mai riuscito a calpestarla.
Nube lenticolare, Mount Cook, Nuova Zelanda
Natura
Mount Cook, Nova Zelândia

Nubi del Monte Fura

Aoraki/Mount Cook può essere molto al di sotto del tetto del mondo, ma è la montagna più imponente e più alta della Nuova Zelanda.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Iguana a Tulum, Quintana Roo, Messico
Parchi Naturali
Yucatan, Messico

La legge siderale di Murphy che condannava i dinosauri

Gli scienziati che studiano il cratere causato dall'impatto di un meteorite 66 milioni di anni fa sono giunti a una conclusione radicale: si è verificato esattamente su una sezione del 13% della superficie terrestre soggetta a tale devastazione. È una zona di confine della penisola messicana dello Yucatan che un capriccio dell'evoluzione della specie ci ha permesso di visitare.
La Repubblica Dominicana Balneario de Barahona, Balneario Los Patos
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Barahona, Repubblica Dominicana

Repubblica Dominicana Fare il bagno a Barahona

Sabato dopo sabato, l'angolo sud-ovest della Repubblica Dominicana entra in modalità di decompressione. A poco a poco, le sue seducenti spiagge e lagune accolgono una marea di persone euforiche che si arrendono a un peculiare partito anfibio.
Coppia in visita a Mikhaylovskoe, il villaggio dove lo scrittore Alexander Pushkin aveva una casa
personaggi
San Pietroburgo e Michaylovskoe, Russia

Lo scrittore che ha ceduto alla sua stessa trama

Alexander Pushkin è lodato da molti come il più grande poeta russo e il fondatore della moderna letteratura russa. Ma Pushkin ha anche dettato un epilogo quasi tragicomico alla sua vita prolifica.
La Digue, Seychelles, Anse d'Argent
Spiagge
La Digue, Seychelles

Granito tropicale monumentale

Le spiagge nascoste da una giungla lussureggiante, fatte di sabbia corallina bagnata da un mare turchese-smeraldo, sono tutt'altro che rare nell'Oceano Indiano. La Digue si è ricreata. Intorno alla sua costa spuntano massicci scogli che l'erosione ha scolpito come un eccentrico e solido omaggio del tempo al Natura.
gerusalemme dio, israele, città d'oro
Religione
Gerusalemme, Israele

Più vicino a Dio

Tremila anni di una storia tanto mistica quanto travagliata prendono vita a Gerusalemme. Venerata da cristiani, ebrei e musulmani, questa città irradia polemiche ma attira credenti da tutto il mondo.
I dirigenti dormono sedile della metropolitana, dormono, dormono, metropolitana, treno, Tokyo, Giappone
Veicoli Ferroviari
Tokyo, Giappone

Gli ipno-passeggeri di Tokyo

Il Giappone è servito da milioni di dirigenti massacrati con ritmi di lavoro infernali e vacanze scarse. Ogni minuto di tregua sulla strada per andare al lavoro oa casa serve al loro scopo. inemuri, dormire in pubblico.
Matrimoni a Jaffa, Israele,
Società
Jaffa, Israele

Dove Tel Aviv si stabilisce sempre a festeggiare

Tel Aviv è famosa per la notte più intensa del Medio Oriente. Ma se i vostri ragazzi si divertono fino allo sfinimento nei locali della costa mediterranea, è sempre più nella vicina Vecchia Giaffa che si sposano.
il proiezionista
Vita quotidiana
Sainte-Luce, Martinique

Un sano proiezionista

Dal 1954 al 1983 Gérard Pierre ha proiettato molti dei famosi film che sono arrivati ​​in Martinica. A 30 anni dalla chiusura della stanza dove lavorava, era ancora difficile per questo nativo nostalgico cambiare bobina.
Maria Jacarés, Pantanal Brasile
Animali selvatici
Miranda, Brasile

Maria dos Jacarés: il Pantanal ospita creature così

Eurides Fátima de Barros è nato nelle campagne della regione di Miranda. 38 anni fa, si stabilì in una piccola attività ai margini della BR262 che attraversa il Pantanal e acquisì affinità con gli alligatori che vivevano alle sue porte. Disgustata dal fatto che le creature lì una volta fossero state massacrate, iniziò a prendersi cura di loro. Oggi conosciuta come Maria dos Jacarés, ha chiamato ciascuno degli animali in onore di un giocatore di football o di un allenatore. Garantisce inoltre che riconoscano le tue chiamate.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.