Chania, Creta, Grecia

Chania: dal tramonto della storia di Creta


Spiaggia dorata, Stavros
La spiaggia dorata di Stavros, in cima alla penisola di Akrotiri.
Moschea dei giannizzeri
Il principale monumento ottomano a Chania, in contrasto con l'architettura veneziana predominante.
chiesa dell'amuleto
La miniatura della chiesa benedice una casa di Chania.
Crepuscolo sul porto veneziano
Prospettiva del porto veneziano di Chania.
balcone cretese
Bancone in uno dei tanti ristoranti di Chania.
palazzi veneziani
Edifici colorati con architettura veneziana nel centro storico di Chania.
Carro in attesa
Un autista di buggy attende i passeggeri vicino alla moschea dei giannizzeri.
Crepuscolo Chania
I visitatori osservano il tramonto sul porto veneziano di Chania.
Pesca all'ombra
I pescatori sul lato oscuro di Porto Veneziano.
Il Porto Veneziano
Prospettiva del porto veneziano con la moschea dei giannizzeri in primo piano.
strade in greco
Angolo secolare della città cretese di Chania.
Architettura veneziana
I visitatori scendono una scala tra edifici con architettura veneziana a Chania.
sagome del porto
La notte genera ombre e nuovi toni su Porto Veneziano.
Ultima barca del giorno
La nave entra nel porto veneziano di Chania.
Il balcone
Ristorante installato in un edificio illuminato a Porto Veneziano.
Violoncello nel porto veneziano
Il violoncellista anima l'imbrunire del porto veneziano di Chania.
Chania era minoica, romana, bizantina, araba, veneziana e ottomana. È arrivata nell'attuale nazione ellenica come la città più seducente di Creta.

Come temevamo, la folla che sbarcava dalle crociere e indicava il Palazzo di Cnosso farci del male.

Non eravamo disposti a visitare e fotografare un monumento inevitabile della civiltà minoica e della storia ellenica che esplodeva. Per evitarlo, ci alziamo presto.

Facciamo le valigie necessarie per il viaggio da Iraklio a Chania che seguì.

Alle otto in punto siamo arrivati ​​all'ingresso del complesso. Siamo i primi ad entrare. Sveliamo il palazzo così com'è, immerso in una luce solare ancora morbida, anche se non più dorata.

La prima incursione ci lascia estasiati, ma in punta di piedi. Impedito di entrare nella casa di Chania fino all'una del pomeriggio, abbiamo deciso di dare un'occhiata ad alcune delle spiagge in cima alla penisola di Akrotiri, a nord-est, dove si trova l'aeroporto della città. quelli del sud di Creta, Elafonisi, ad esempio, sono stati lasciati per dopo.

Centocinquanta chilometri e due ore dopo, ci troviamo nella caletta della spiaggia della Gold Coast, di fronte alla montagna di Zorba che la racchiude.

Chania Creta Grecia, Stavros, Golden BeachPer ragioni note solo alle maree, l'acqua arrivava a malapena alle nostre ginocchia. Tale profondità ha dispensato i servizi del bagnino. L'ho tenuto lontano dal posto.

E per noi, senza motivo di tuffarci lì, o di tornare in macchina alla ricerca di un'altra spiaggia. Abbiamo finito per dormire sugli asciugamani, recuperando le ore di sonno che la folla sbarcata ad Iraklio ci aveva rubato.

Qua e là, attraverso la storia di Chania e Creta

Alle due del pomeriggio finalmente incontrammo Yannis e il suo cane Fidel. Ci siamo installati nella casa che l'ospite cretese stava affittando e che una coppia irlandese aveva appena lasciato. Mezz'ora dopo inauguriamo la scoperta di Chania.

Chania Creta Grecia, porto venezianoRicca e splendente, Chania ha sempre suscitato l'avidità dei popoli vicini. Fortificato per abbinarsi.

È lungo la parete occidentale della sua fortezza Firka che ci avviciniamo al cuore storico e urbano della città, il suo porto veneziano, un tempo traboccante di navi che solcavano il Mediterraneo.

La strada ci porta attraverso la piazza di Talos, incastonata tra le mura e la baia di Chania. Inaspettatamente, a un certo punto, finisce in angolo.

Chania Creta Grecia, strade in grecoCi si confronta con il faro della città, costruito all'estremità di una diga di mare opposta, da lì, accessibile solo con una passeggiata quasi circolare intorno al porto.

Abbiamo girato l'angolo più vicino, sotto i merli e la torre della bandiera greca di Firka.

Dall'altro lato della fortezza, distanziati da panchine e lanterne parigine, i pescatori tenevano le loro canne in aria, trascorrendo il loro tempo tenendo d'occhio il Mare di Creta.

Chania Creta Grecia, Porto Veneziano, sagomeI passanti si sono fermati ad ammirare l'eleganza pastello delle case davanti, intrecciata tra rivali blu ellenici, blu navy e celeste.

Greta e Gastronomia Cretese a Volta do Porto Veneziano

Procediamo nella stessa direzione. Le case qui sono all'ombra. Un plotone di vacanzieri del nord Europa lo attraversa, abituato a cenare presto e, di conseguenza, già adocchiando i menu dei ristoranti che costeggiano il lungomare.

Chania Creta Grecia, ristoranteL'interesse è reciproco. Alla buona mediterranea, le raccolte fondi degli stabilimenti successivi si avvicinano a loro e cercano di sedurli con i sapori inconfondibili della gastronomia locale, le insalate dakos di pomodoro e feta, servito anche fritto e grigliato.

Melanzane, pomodori e patate ripiene, antipasti semileggeri per i veri piatti a seguire: calamari, polpi o pesce alla griglia ben conditi con olio d'oliva o, per i più coraggiosi, moussaka arricchite.

Continuiamo a camminare lungo il lungomare di Akti Kountorioti.

Attraversiamo i principali punti di riferimento storici che lo circondano, così diversi e persino disparati da dimostrare perfettamente la complessità e le dinamiche di civiltà che hanno dato origine a Chania.

Dalla civiltà minoica alla Grecia moderna

A poche decine di metri dalle case, era nascosta la sinagoga Etz Hayymim, un centro religioso per gli ebrei mizrahim che credono di essere originari di Alessandria e di altre parti dell'Egitto. La Cattedrale ortodossa della Presentazione della Vergine Maria non è lontana.

Tornando alla baia, camminando verso nord dal suo fondo, ci imbattiamo nella moschea Kyuchuk Hassan, conosciuta come la Moschea dei giannizzeri.

Chania Creta Grecia, porto veneziano, moschea dei giannizzeriQuesto è il più suggestivo degli edifici di Porto Veneziano, sormontato da una volta in una tonalità di argilla scarsamente cotta, eredità fondamentale del periodo ottomano della città, quando vi abitò lo stesso Pascià dell'isola di Creta.

L'ottomano è, tuttavia, solo il quinto grande periodo storico di Chania.

Per quanto ci sono notizie, la genesi della città era un villaggio minoico curato da Cidónia (il cotogno). Successivamente, intorno al 1100 aC, la conquistarono i Dori.

In un contesto di continui conflitti tra le città-stato limitrofe, nel 69 aC, i Romani la presero e le concessero uno status autonomo.

La persistenza bizantina

Seguì un periodo bizantino e poi arabo. Gli arabi – che chiamarono la città Chania al Hanim (l'osteria) – costrinsero la popolazione cristiana a rifugiarsi sulle imponenti montagne al centro dell'isola, così alte che è normale preservare cime innevate ad aprile e anche a maggio.

I Bizantini riconquistarono la città nel 961, la conservarono fino al 1204 e consolidarono l'uso del termine greco Chania. Temendo un nuovo assalto arabo, aggiunsero le fortificazioni aggiuntive che continuano a circondarlo.

Lo spazio tra la moschea Janízaros e il mare ospita una fila di carri bianchi che attendono i passeggeri per visite guidate al porto e alla città.

Nelle vicinanze, una violoncellista si sistema con le spalle al tramonto. Regola i punteggi e offre a Chania una classica colonna sonora alternativa agli accordi del sirtaki che risuonano dai vari ristoranti.

Chania Creta Grecia, violoncello Porto VenezianoPresto, i passanti premiano la musica con denaro contante. Consapevoli della vulnerabilità della ragazza, due ragazzi mendicanti dell'Europa orientale si radono la copertura dello strumento.

Lasciamo il lungomare per una perpendicolare che ci porta in cima ad un altro punto fortificato, incastonato tra le case venete di Kastelli, panoramico come pochi altri.

Da lì, in compagnia di piccoli clan di giovani cretesi, ammiriamo lo scenario della città di fronte a quello inaugurale, la baia appena sotto e che si estende per quasi 360º, la sagoma solitaria del faro, diffusa contro il sole al tramonto.

E le figurine di alcuni visitatori disposti a camminare lungo la diga da un capo all'altro per raggiungere la base del pilastro a forma di campana che poggia su di esso, che domina il mare di Creta e l'intera Chania a sud.

Chania Creta Grecia, porto venezianoE la lunga prevalenza della storia e dell'architettura veneziana

L'immagine di marca della città è soprattutto veneziana, cosa che sorprende, considerando il modo in cui i veneziani l'hanno presa.

La storia racconta che, dopo la quarta crociata in cui i cristiani riuscirono a impadronirsi di Costantinopoli, come ricompensa, Bonifacio de Monferrat, il capo della crociata, ricevette in dono l'isola di Creta.

Ora, a seguito di una complicata contesa tra Bizantini e Veneziani, questo marchese si trovò rimosso dal titolo di primo imperatore dell'Impero latino.

Per compensare l'offesa, investì nella conquista di Salonicco. Vedendosi proprietario e signore della seconda città bizantina per grandezza, disprezzò Creta e si narra che la vendette ai veneziani per soli cento marchi d'argento.

Questi non sono stati implorati. Sottomisero i Cretesi al loro giogo e costruirono la città per servire gli scopi mercantili che da tempo li avevano spostati, il commercio di spezie, cereali, sete e altri tessuti, porcellane, sale e schiavi.

Oggi, con le sue finestre a persiane uniformi che si affacciano su balconi in ferro battuto anziché greci, la capitale veneziana di Creta ha un aspetto italiano.

Provenienti dalle isole del nord, da Santorini, Mikonos ei vicini, la maggior parte dei visitatori europei, non si lasciano ingannare.

Chania Creta Grecia, edifici portuali veneziani

L'imposizione degli ottomani e l'eredità della moschea dei giannizzeri

Il sole sarebbe presto tramontato sulle mura di ponente, come dettava, nel 1646, la fine dell'età d'oro veneziana. Spinto dall'espansione del suo impero nel corso del XV e XVI secolo, il ottomani incontrarono dignitose resistenze.

Dopo due mesi di assedio, frustrati dal sacrificio e dalle spese a cui furono costretti, sfondarono senza pietà per la città, massacrarono i veneziani che riuscirono a catturare e si affrettarono a convertire le chiese locali in moschee.

L'ultima volta quel giorno in cui siamo passati dai Janízaros, la violoncellista ha continuato a suonare, rassegnata al furto intermittente dei suoi guadagni.

Chania Creta Grecia, porto veneziano, crepuscoloInfine, lo sbarco del sole a est di Creta ha acceso l'atmosfera a nord del faro e della fortezza di Firka. Ci siamo seduti a poca distanza dallo strumentista.

Con i piedi quasi nell'acqua liscia, ci lasciamo ipnotizzare dai movimenti delle piccole figure nere sulla diga e intorno al faro.

Confermato il buio, vediamo Chania arrendersi all'invasione internazionale di ogni notte. E ci siamo goduti la festa degli ospiti della città più italiana del bastione greco di Creta.

Chania Creta Grecia, porto veneziano

Chania ad Elafonisi, Creta, Grecia

Gita in spiaggia in stile Creta

Alla scoperta dell'ovest del Cretan, lasciamo Chania, viaggiamo attraverso la gola di Topolia e attraverso gole meno marcate. Pochi chilometri dopo, raggiungiamo un angolo mediterraneo di acquarello e sogno, l'isola di Elafonisi e la sua laguna.
Mikonos, Grecia

L'isola greca dove il mondo festeggia l'estate

Durante il 1960° secolo, Mykonos era solo un'isola povera, ma intorno al XNUMX, i venti di cambiamento delle Cicladi l'hanno trasformata. In primo luogo, nel migliore rifugio per gay del Mediterraneo. Poi, nell'affollata, cosmopolita e bohémien vanity fair che troviamo quando visitiamo.
Iraklio, CretaGrecia

Da Minos a Meno

Arriviamo ad Iraklio e, per quanto riguarda le grandi città, la Grecia si ferma lì. Per quanto riguarda la storia e la mitologia, la capitale di Creta è infinitamente ramificata. Minosse, figlio di Europa, aveva sia il suo palazzo che il labirinto in cui era rinchiuso il minotauro. Gli arabi, i bizantini, i veneziani e gli ottomani passarono per Iraklio. I Greci che lo abitano non gli danno il dovuto.
male, Santorini, Grecia

Fira: tra le alture e le profondità di Atlantide

Intorno al 1500 aC, una devastante eruzione fece affondare gran parte dell'isola del vulcano Fira nel Mar Egeo e portò al crollo della civiltà minoica, chiamata più volte Atlantide. Qualunque sia il passato, 3500 anni dopo, Thira, l'omonima città, è tanto reale quanto mitica.
Nea Kameni, Santorini, Grecia

Il nucleo vulcanico di Santorini

Erano trascorsi circa tre millenni dall'eruzione minoica che disintegrava il più grande vulcano dell'isola dell'Egeo. Gli abitanti delle cime delle scogliere osservarono la terra emergere al centro della caldera allagata. Nasce Nea Kameni, il cuore ardente di Santorini.
Senglea, Malta

La città maltese con più Malta

A cavallo del 8.000° secolo Senglea accoglieva 0.2 abitanti in 2 km3.000, un record europeo, oggi conta “solo” XNUMX cristiani di quartiere. È la più piccola, affollata e genuina delle città maltesi.
Valletta, Malta

I capitelli non si misurano con i palmi

Al momento della sua fondazione, l'Ordine dei Cavalieri Ospitalieri lo soprannominò "il più umile". Nel corso dei secoli, il titolo cessò di servirlo. Nel 2018, La Valletta è stata la più piccola Capitale Europea della Cultura di sempre e una delle più ricche di storia e straordinarie che si ricordino.
Gozo, Malta

Giornate mediterranee di puro godimento

L'isola di Gozo è un terzo delle dimensioni di Malta, ma solo trenta dei trecentomila abitanti della piccola nazione. In duo con la località balneare di Comino, ospita una versione più semplice e serena della sempre peculiare vita maltese.
Balos a Seitan Limani, Creta, Grecia

L'olimpo balneare di Chania

Non è solo Chania, la polis secolare, immersa nella storia mediterranea, nell'estremo nord-est di Creta ad abbagliare. Rinfrescandola, i suoi abitanti e visitatori, Balos, Stavros e Seitan, tre delle coste più esuberanti della Grecia.

Atene, Grecia

La Città che Perpetua la Metropoli

Dopo tre millenni e mezzo, Atene resiste e prospera. Da belligerante città-stato, divenne la capitale della vasta nazione ellenica. Modernizzato e sofisticato, conserva, in un nucleo roccioso, l'eredità della sua gloriosa Era Classica.
Jabula Beach, Kwazulu Natal, Sud Africa
Safari
Santa Lucia, Sud Africa

Un'Africa selvaggia come Zulu

All'eminenza della costa del Mozambico, la provincia del KwaZulu-Natal ospita un inaspettato Sud Africa. Spiagge deserte costellate di dune, vasti estuari e colline ricoperte di nebbia riempiono questa terra selvaggia bagnata anche dall'Oceano Indiano. È condiviso dai sudditi della sempre orgogliosa nazione Zulu e da una delle faune più prolifiche e diversificate del continente africano.
Thorong Pedi a High Camp, Circuito dell'Annapurna, Nepal, Escursionista solitario
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 12 ° - Thorong Phedi a High Camp

Il preludio alla traversata suprema

Questa sezione del circuito dell'Annapurna dista solo 1 km, ma in meno di due ore ti porta da 4450 m a 4850 m e l'ingresso alla grande gola. Dormire ad High Camp è un test di resistenza alla Mountain Disease che non tutti superano.
Case tradizionali, Bergen, Norvegia
Architettura & Design
Bergen, Norvegia

Il grande porto anseatico della Norvegia

Già popolata all'inizio dell'XI secolo, Bergen divenne la capitale, monopolizzò il commercio della Norvegia settentrionale e, fino al 1830, rimase una delle città più grandi della Scandinavia. In data odierna, Oslo guida la nazione. Bergen continua a distinguersi per la sua esuberanza architettonica, urbana e storica.
Il piccolo faro di Kallur, evidenziato nel capriccioso rilievo del nord dell'isola di Kalsoy.
Aventura
Kalsoy, Isole Faroe

Un faro alla fine del mondo faroese

Kalsoy è una delle isole più isolate dell'arcipelago delle Faroe. Detta anche “il flauto” per la sua forma longilinea e per i numerosi cunicoli che la servono, è abitata da soli 75 abitanti. Molto meno degli estranei che la visitano ogni anno, attratti dal bagliore boreale del suo faro di Kallur.
Induismo balinese, Lombok, Indonesia, tempio Batu Bolong, vulcano Agung sullo sfondo
Cerimonie e Feste
Chili, Indonesia

Lombok: l'induismo balinese su un'isola dell'Islam

La fondazione dell'Indonesia era basata sulla fede in un Dio. Questo principio ambiguo ha sempre generato polemiche tra nazionalisti e islamisti, ma a Lombok i balinesi prendono a cuore la libertà di culto.
Horta, Faial, Città che dà il Nord all'Atlantico
Città
Horta, Azzorre

La città che dà il nord all'Atlantico

La comunità mondiale dei velisti è ben consapevole del sollievo e della felicità di vedere la montagna di Pico e, quindi, Faial e l'accoglienza della baia di Horta e Peter Café Sport. La gioia non si ferma qui. Dentro e intorno alla città, ci sono case imbiancate a calce e un'ondata verdeggiante e vulcanica che abbaglia chiunque sia arrivato così lontano.
Cacao, Cioccolato, Sao Tome Principe, Fattoria Água Izé
cibo
São Tome e Principe

Orti di cacao, Corallo e la Fabbrica di Cioccolato

All'inizio del sec Nel XNUMX° secolo, São Tomé e Príncipe hanno generato più cacao di qualsiasi altro territorio. Grazie alla dedizione di alcuni imprenditori, la produzione persiste ed entrambe le isole degustano il miglior cioccolato.
Kigurumi Satoko, Tempio di Hachiman, Ogimashi, Giappone
Cultura
Ogimashi, Giappone

Un Giappone storico-virtuale

"Higurashi no Naku Koro ni” è stata una serie di giochi per computer e di animazione giapponese di enorme successo. A Ogimashi, villaggio di Shirakawa-Go, viviamo con un gruppo di kigurumi dei loro personaggi.
4 luglio Fireworks-Seward, Alaska, Stati Uniti
sportivo
Seward, Alaska

Il 4 luglio più lungo

L'indipendenza degli Stati Uniti viene celebrata a Seward, in Alaska, in modo modesto. Anche così, il 4 luglio e la sua celebrazione sembrano non avere fine.
Fuga da Seljalandsfoss
In viaggio
Islândia

Isola di fuoco, ghiaccio, cascate e cascate

La cascata suprema d'Europa si precipita in Islanda. Ma non è l'unico. In quest'isola boreale, con pioggia o neve costante e nel mezzo della battaglia tra vulcani e ghiacciai, cadono infiniti torrenti.
Rematori Intha su un canale del Lago Inlé
Etnico
Lago Inle, Myanmar

L'Abbagliante Birmania Lacustre

Con una superficie di 116 km2, Il Lago Inle è il secondo lago più grande del Myanmar. È molto più di questo. La diversità etnica della sua popolazione, la profusione di templi buddisti e l'esotismo della vita locale ne fanno un'imperdibile roccaforte del sud-est asiatico.
arcobaleno nel Grand Canyon, un esempio di luce fotografica prodigiosa
Portfolio fotografico Got2Globe
Luce Naturale (parte 1)

E c'era Luce sulla Terra. Sapere come usarlo.

Il tema della luce in fotografia è inesauribile. In questo articolo, ti diamo alcune nozioni di base sul suo comportamento, per cominciare, solo e solo in termini di geolocalizzazione, ora del giorno e anno.
Isola di Alcatraz, California, Stati Uniti
Storia
Alcatraz, San Francisco, EUA

Ritorno alla roccia

A quarant'anni dalla fine della sua pena, l'ex prigione di Alcatraz riceve più visitatori che mai. Pochi minuti del suo isolamento spiegano perché l'immaginazione di The Rock ha fatto rabbrividire i peggiori criminali.
Angra do Heroísmo, Terceira, Azzorre, da capitale storica a Patrimonio dell'Umanità, arte urbana
Isole
Angra do Heroismo, Terceira, Azzorre

Eroina del Mare, dei Nobili, Città Coraggiosa e Immortale

Angra do Heroísmo è molto più della capitale storica delle Azzorre, dell'isola di Terceira e, in due occasioni, del Portogallo. A 1500 km dalla terraferma, ha conquistato un ruolo di primo piano nella nazionalità portoghese e nell'indipendenza di cui poche altre città possono vantare.
costa, fiordo, Seydisfjordur, Islanda
bianco inverno
Seydisfjörður, Islândia

Dall'arte della pesca all'arte della pesca

Quando gli armatori di Reykjavik acquistarono la flotta peschereccia da Seydisfjordur, il villaggio dovette adattarsi. Oggi cattura i discepoli dell'arte di Dieter Roth e altre anime bohémien e creative.
Cove, Big Sur, California, Stati Uniti
Letteratura
Big Sur, EUA

La costa di tutti i rifugiati

Lungo 150 km, la costa californiana è soggetta a una vastità di montagne, oceano e nebbia. In questa ambientazione epica, centinaia di anime tormentate seguono le orme di Jack Kerouac e Henri Miller.
António do Remanso, Comunità di Quilombola Marimbus, Lençóis, Chapada Diamantina
Natura
Lenzuola Bahia, Brasile

La libertà paludosa di Quilombo do Remanso

Gli schiavi fuggiaschi sopravvissero per secoli in una zona umida della Chapada Diamantina. Oggi il quilombo di Remanso è simbolo della loro unione e resistenza, ma anche dell'esclusione a cui sono stati votati.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Kogi, PN Tayrona, Guardiani del mondo, Colombia
Parchi Naturali
PN Tayrona, Colombia

Chi protegge i guardiani del mondo?

Gli indigeni della Sierra Nevada de Santa Marta credono che la loro missione sia salvare il Cosmo dai “Fratelli Minori”, che siamo noi. Ma la vera domanda sembra essere: "Chi li protegge?"
Celebrazione di Newar, Bhaktapur, Nepal
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Bhaktapur, Nepal

Le maschere della vita nepalesi

Gli indigeni Newar della valle di Kathmandu attribuiscono grande importanza alla religiosità indù e buddista che li unisce tra loro e con la Terra. Di conseguenza, benedice i loro riti di passaggio con danze Newar di uomini mascherati da divinità. Anche se ripetute a lungo dalla nascita alla reincarnazione, queste danze ancestrali non sfuggono alla modernità e iniziano a vedere una fine.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
personaggi
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Machangulo, Mozambico, tramonto
Spiagge
Machangulo, Mozambico

La penisola d'oro di Machangulo

Ad un certo punto, un braccio di mare divide in due la lunga striscia sabbiosa ricca di dune iperboliche che delimita la baia di Maputo. Machangulo, come viene chiamata la parte inferiore, ospita una delle coste più magnifiche del Mozambico.
Glamour vs Fede
Religione
Goa, India

L'ultimo rantolo di morte della Portogallo di Goa

L'importante città di Goa ha già giustificato il titolo di "Roma d'Oriente” quando, a metà del XVI secolo, epidemie di malaria e colera votarono per abbandonarlo. Nova Goa (Pangim) con cui è stato scambiato ha raggiunto la sede amministrativa dell'India portoghese ma è stata annessa dall'Unione indiana post-indipendenza. In entrambi, il tempo e la negligenza sono disturbi che ora languono l'eredità coloniale portoghese.
White pass yukon train, Skagway, Gold route, Alaska, USA
Veicoli Ferroviari
Skagway, Alaska

Una variante della corsa all'oro nel Klondike

L'ultima grande corsa all'oro americana è ormai lontana. Oggi, centinaia di navi da crociera riversano ogni estate migliaia di visitatori benestanti nelle strade piene di negozi di Skagway.
Veduta dell'isola di Fa, Tonga, ultima monarchia polinesiana
Società
Tongatapu, Tonga

L'ultima monarchia polinesiana

Dalla Nuova Zelanda all'Isola di Pasqua e alle Hawaii, nessun'altra monarchia ha resistito all'arrivo degli scopritori e della modernità europei. Per Tonga, per diversi decenni, la sfida è stata quella di resistere alla monarchia.
Commercianti di frutta, Swarm, Mozambico
Vita quotidiana
Enxame, Mozambico

Area di servizio in stile mozambicano

Si ripete in quasi tutte le tappe nei paesi di Mozambico degno di apparire sulle mappe. o tubo tubolare (autobus) si ferma ed è circondato da una folla di impazienti uomini d'affari. I prodotti offerti possono essere universali, come acqua o biscotti, oppure tipici della zona. In questa regione, a pochi chilometri da Nampula, le vendite di frutta sono state successive, sempre piuttosto intense.
Cabo da Cruz, colonia di foche, foche a croce del capo, Namibia
Animali selvatici
Capo Croce, Namibia

La più turbolenta delle colonie africane

Diogo Cão sbarcò su questo Capo d'Africa nel 1486, installò un modello e si voltò. La linea costiera immediata a nord ea sud era tedesca, sudafricana e, infine, namibiana. Indifferente ai successivi trasferimenti di nazionalità, una delle più grandi colonie di foche del mondo ha mantenuto la sua presa e ti rallegra con assordanti cortecce marine e infiniti capricci.
Mushing completo del cane
Voli panoramici
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.