Yucatan, Messico

Tra Haciendas e Cenotes, attraverso la storia dello Yucatan


L'ombra
cima del frontone
Buriti Trio
Archi e ancora Archi
Cenote Charlotte
Il canale tra i cenotes
Passaggio attraverso la Manica
Le rotaie di sisal
Cenote Azul Maya
Cenote Azul Maya II
Pescicini del Cenote Carlota
Cristo alla finestra
Portico d'ingresso
Cristo alla finestra II
Massimiliano e Carlotta
Ponte sul Canale
rovine rosee
il sisal
Più archi
La Cappella dell'Hacienda Xcanchacaan

In giro per la capitale Merida, per ogni anziana henequenera hacienda coloniale per almeno uno cenote. Spesso coesistono e, come con la semi-recuperata Hacienda Mucuyché, in duo, danno vita ad alcuni dei luoghi più sublimi del sud-est del Messico.

La destinazione principale della giornata era anche il sito archeologico di Mayapan, una città-stato Maya che, nel suo periodo di massimo splendore, si ribellò al dominio di Chichen Itza e ascese a capitale politica della penisola, dal 1220 al 1440.

Come accade più e più volte, attraverso queste soste, il percorso scelto da Fausto, la guida, passava attraverso una prima antica ranch produttore di sisal, quello di Lepan.

Consapevole della curiosa ammirazione che quella monumentale eredità generata in noi, la guida fa una breve sosta.

Un albero con una chioma enorme, quasi ovale, produce un'ombra in cui, in quel momento, si rifugiano residenti e visitatori. Appare in fondo a un prato asciutto ma aperto che, come sappiamo, fa un campo da baseball.

Assolutamente da fermarsi alla Old Hacienda Lepan

All'estremità opposta, il palazzo principale del ranch, coronato da un frontone blasonato.

Ancora un muretto, completato da una fitta siepe da cui emergono tre palme, probabilmente buritis.

E un'altra facciata piena di archi, da cui sembrano sporgere due camini.

Quest'ultimo era il cantina (magazzino) in cui la fibra secca delle agavi heneque è stato compresso e avvolto.

Si stava dirigendo verso l'esportazione a bordo di un treno che avrebbe coperto parte della rete ferroviaria che arrivava a collegare la maggior parte del haciendas tra di loro e al porto di Progreso.

Il contesto che portò alla costruzione dell'Hacienda Lepan e delle centinaia di rivali iniziò a formarsi appena due secoli dopo lo sbarco dei conquistatori spagnoli dalla penisola dello Yucatan e dal Messico, il declino di Mayapan e il decadimento dei fino ad allora splendenti Maya mondo.

La proliferazione delle fattorie che seguì i primi tempi della colonizzazione

Consolidando il successo della campagna del trio Francisco de Montejos (il pioniere, il Mozo e il nipote del primo), questi governanti consanguinei fondarono le principali città della regione: Salamanca, Merida, Campeche, Valladolid, tutti con nomi trasposti dalla Spagna.

Gettarono così le basi per l'occupazione e l'esplorazione del territorio, che erano convinti potessero ottenere ricchezze paragonabili a quelle che Hernán Cortés aveva trovato nella Valle del Messico.

I coloni appena arrivati ​​espulsero o schiavizzarono i Maya e si spartirono il territorio. Divennero proprietari di enormi poderi che, in breve tempo, divennero produttori principalmente di bovini e mais.

Altrove, dall'agave blu di cui produrrebbe tequila e il mezcal.

Un'agave diversa dal blu acquisterebbe importanza.

La rivoluzione industriale e la valutazione improvvisa di Henequen

Fino a quando, quando arrivò la seconda metà del XNUMX° secolo, con la Rivoluzione Industriale che si estese dall'Inghilterra al mondo, la richiesta di corde, borse, fili, tappeti, amache e, presto, di mera fibra per una panoplia crebbe di altri scopi. .

I già privilegiati grandi proprietari terrieri si trovarono di fronte a quello che sarebbero venuti a chiamare Oro verde: L' henequé, Nome messicano per un tipo di agave (Agave FourCroydes) originaria della parte orientale della penisola dello Yucatan.

La specie di cactus era facile ed economica da piantare e mantenere. I profitti generati dalla vendita della sua fibra, questi, si sono rivelati recuperabili.

Poiché si consideravano milionari, i proprietari di case si sono sentiti incoraggiati a spendere.

Una certa rivalità esibizionista si diffuse rapidamente, sotto forma di palazzi aperti e sontuosi, con architetture che combinavano elementi ispanici ed europei con esuberanza cromatica coloniale-yucateca.

Il passato clericale e infestato di Hacienda Lepan

Per quanto riguarda in particolare Hacienda Lepan, i record e le conoscenze sono limitati. Si sa che, all'inizio del XIX secolo, appartenne a José María Menezes, sacerdote di Tecoh (città situata pochi chilometri a nord), vicario e governatore del Vescovado.

A quel tempo la proprietà si chiamava Hacienda San Buenaventura, Lepan. Più tardi un certo Marcos Duarte, già proprietario di un altro grosso tenuta, a San António Xukú, ma determinato ad aumentare i suoi profitti dal heneque

Si dice anche che gli abitanti Maya della zona abbiano rilevato a uay-keken e um uay pek, creature soprannaturali che, solo a pensarci, fanno rabbrividire qualsiasi indigeno.

Il primo è definibile come un maiale stregato. Il secondo, nei panni di un cane strega, entrambi ritratti, spesso, con l'aspetto di un lupo mannaro.

Quell'ora, con il sole a metà del suo zenit e il caldo soffocante, era la meno adatta a tormentarci.

Abbiamo avuto un evidente ritardo nell'arrivo a Mayapan. Senza ulteriori indugi, riprendiamo la strada 184 che, dopo il persone da Telchaquillo, là conduce.

Dedichiamo due ore buone al sito archeologico. Dopo di che puntiamo a est.

Dovevamo pranzare in una Hacienda Mucuyché, che, tanto per cambiare, avremmo visitato in modo pianificato e scrupoloso. Eppure, lungo la strada, la vista inaspettata di un altro, con maestosi portali e facciate, ci motiva a una nuova scala.

The Xcanchakan Hacienda: un'altra sosta, New Haunt

Il responsabile è Hacienda Xcanchakan, invece di Lepan, oggetto di una profusione di scritti e descrizioni.

Deve essere stato fondato nel 1840 dallo stesso sacerdote Menezes da Lepan. Qua e là, con pietre prelevate dalle rovine di Mayapan. Rimane ciò che resta di una fabbrica che forniva ghiaccio alla città di Mérida.

Non sorprende, dal 1850 in poi, la coltivazione e la lavorazione di heneque diventata una priorità. Diede origine alla ricchezza che permise di ampliare e abbellire il palazzo a tre piani e la cappella.

Hacienda Xcanchakan ha avuto molti altri proprietari. Rimase “señorial” fino al 1937. In quell'anno le sue terre furono divise tra i contadini di queste parti.

Attualmente lo abitano e sfruttano una notevole piantagione di heneque più di mille residenti, Maya e meticci, anche se la distinzione non è sempre semplice.

Mentre siamo lì, ammiriamo il suo arco giallo brunastro dell'architettura moresca e la cappella color sangue di fronte ad esso, bambini ciclisti, motociclisti adolescenti e donne anziane ci guardano mentre facciamo shopping.

Il trambusto esplorativo e fotografico in cui ci troviamo li incuriosisce.

Con la proprietà della sorella e il pranzo in attesa, Fausto la interrompe di nuovo.

L'Hacienda e gli abbaglianti cenotes dell'Hacienda Mucuyché

Solo 11 km dopo, entriamo a Mucuyché, attraverso un portico in pietra ad arco, fiancheggiato da muri e grandi alberi.

Da lì, lo vediamo ranch a parte, ci trovavamo in un ambito sofisticato e commerciale del tutto diverso dai precedenti.

A Hacienda Mucuyche fu creato nel XVII secolo.

Ad un certo punto copriva 5 ettari, coltivati ​​quasi interamente ad agave heneque

Di fronte alla recente mancanza di proprietari-investitori e all'abbandono, lo stato dello Yucatan è subentrato e ne ha assunto la gestione.

Ci fermiamo in una biglietteria. Una guida locale ci sblocca l'accesso e apre un tour esplicativo. Passo dopo passo, abbiamo confermato che la fattoria era in fase di recupero.

Il Cenote “Carlota” e “Azul Maya” che hanno trascorso secoli nascosti

Perfettamente funzionante, erano loro cenote, as gli stagni sotterranei locali e il canale che li collegava.

Os cenotes sono grandi porosità geologiche aperte nella vastità del calcare generato, 66 milioni di anni fa dall'impatto del Meteorite Chicxulub che ha estinto i dinosauri e il 75% delle specie di faccia della terra.

Os maya ci hanno considerato ingressi a Xibalba, un mondo sotterraneo mitologico, luogo di terrore. 

Oggi, messicani e stranieri provenienti da tutto il mondo si riversano da loro per il rilassante rifugio acquatico che offrono. Avremmo il nostro.

Nel frattempo, la guida ci conduce verso una scalinata.

In alto, un pannello di piastrelle mostra l'imperatrice Carlotta in compagnia di suo marito, Massimiliano d'Asburgo-Lorena, re Massimiliano I del Messico.

La giuria elogia una presunta visita dell'imperatrice del Messico a tenuta, Si stima che l'anno 1865 abbia avuto luogo.

Da quel poco che avevamo imparato sulla storia messicana, sapevamo che il periodo in cui Napoleone tentò di conquistare il Messico e quando fece di Massimiliano e Carlotta i suoi sovrani burattini è uno dei più disprezzati dai messicani.

Al contrario, sono orgogliosi della reazione dei loro capi e del popolo che, in meno di sei anni, costrinse i francesi a ritirarsi, giustiziarono Massimiliano e aggravarono così l'improvvisa follia di Carlotta, morta in Belgio nel 1927.

Tuttavia, la direzione della Hacienda Mucuyché ha elogiato la presenza dell'imperatrice.

Dal Cenote “Carlota” ad “Azul Maya” attraverso un Canale Verde

La laguna cristallina, ricca di pesciolini e delimitata da una galleria con tetto muschioso, in fondo alle scale, era chiamata “Carlota”.

Dopo che la spiegazione della guida è finita, è lì che entriamo e ci aggiorniamo.

Dal primo laghetto, in rilassato galleggiante, abbiamo attraversato un piccolo tunnel naturale fino a un canale scavato nella roccia, costeggiato da viti con radici pendenti e altre piante con foglie striate che, in cerca di luce, lo hanno quasi attraversato.

Alla fine di questo canale, veniamo battezzati da una cascata gocciolante, rito finale di accesso al cenote il più grande del set, per ragioni, presto, ovvie, chiamato “Azul Maia”.

Questa grotta e la sua laguna si sono rivelate grandi, piene di stalattiti, stalagmiti e altre formazioni labirintiche che l'illuminazione artificiale le faceva brillare di blu e luminose.

Ai nostri giorni, e l'era dell'agave e del sizal è finita da tempo, i cenotes dello Yucatan sono essi stessi una fonte inesauribile.

L'ingresso di "Generale adulto" Da Cenotes Hacienda Mucuyche Costava circa 30€.

Eppure, come assicura la guida, sono passati quasi quattro secoli senza che proprietari e lavoratori li scoprissero.

La fitta vegetazione tropicale intorno agli edifici della fattoria li nascondeva.

Se non fosse stato per il recente scavo di un pozzo e il meraviglioso Cenote Mucuyche rimarrebbe un'esclusiva degli inferi.

Yucatan, Messico

La fine della fine del mondo

Il giorno annunciato passò ma la fine del mondo insistette per non arrivare. In America Centrale, i Maya di oggi osservavano e sopportavano increduli tutta l'isteria attorno al loro calendario.
Merida, Messico

Il più esuberante di Meridas

Nel 25 aC i romani fondarono Emerita Augusta, capitale della Lusitania. L'espansione spagnola ha generato altre tre Mérida nel mondo. Delle quattro, la capitale dello Yucatan è la più colorata e vivace, risplendente dell'eredità coloniale ispanica e della vita multietnica.
Chichen Itza, Yucatan, Messico

Ai margini del Cenote, nel cuore della civiltà Maya

Tra il IX e il XIII secolo d.C., Chichen Itza si distinse come la città più importante della penisola dello Yucatan e del vasto impero Maya. Se la conquista spagnola ne ha accelerato il declino e l'abbandono, la storia moderna ha consacrato le sue rovine a Patrimonio dell'Umanità e Meraviglia del Mondo.
Uxmal, Yucatan, Messico

La capitale Maya che si è accumulata fino al collasso

Il termine Uxmal significa costruito tre volte. Nella lunga epoca preispanica della disputa nel mondo Maya, la città ebbe il suo apogeo, corrispondente alla sommità della Piramide dell'Indovina nel suo cuore. Sarà stato abbandonato prima della conquista spagnola dello Yucatan. Le sue rovine sono tra le più intatte della penisola dello Yucatan.
Aquismon, San Luis Potosì, Messico

L'acqua che gli dei versano dai barattoli

Nessuna cascata a Huasteca Potosina è paragonabile a quella di Tamul, la terza più alta del Messico, alta 105 metri e, nella stagione delle piogge, larga quasi 300 metri. Visitando la regione, siamo partiti alla ricerca del salto del fiume che gli indigeni consideravano divino.
Coba a Pac Chen, Messico

Dalle rovine ai Lares Maya

Nella penisola dello Yucatan, la storia del secondo popolo indigeno messicano più grande si intreccia con la loro vita quotidiana e si fonde con la modernità. A Cobá siamo passati dalla cima di una delle sue antiche piramidi al cuore di un villaggio dei nostri tempi.
Tequila, JaliscoMessico

Tequila: la distillazione del Ovest de Messico che Anima il Mondo

Disillusi dalla mancanza di vino e brandy, i conquistadores del Messico migliorarono la millenaria attitudine indigena alla produzione di alcolici. Nel XNUMX° secolo, gli spagnoli furono soddisfatti del loro pinga e iniziarono ad esportarlo. Da Tequila, il persone, oggi, centro di una regione delimitata. E il nome per cui è diventato famoso.
izamal, Messico

La città messicana, Babbo Natale, Bela e Amarela

Fino all'arrivo dei conquistatori spagnoli, Izamal era un centro di culto del supremo dio Maya Itzamná e Kinich Kakmó, il sole. A poco a poco, gli invasori hanno raso al suolo le varie piramidi dei nativi. Al suo posto costruirono un grande convento francescano e una prolifica casa coloniale, con lo stesso tono solare in cui risplende la città ora cattolica.
Yucatan, Messico

La legge siderale di Murphy che condannava i dinosauri

Gli scienziati che studiano il cratere causato dall'impatto di un meteorite 66 milioni di anni fa sono giunti a una conclusione radicale: si è verificato esattamente su una sezione del 13% della superficie terrestre soggetta a tale devastazione. È una zona di confine della penisola messicana dello Yucatan che un capriccio dell'evoluzione della specie ci ha permesso di visitare.
Champoton, Messico

Rodeo sotto i sombreri

Champoton, a Campeche, ospita una fiera in onore della Virgén de La Concepción. o rodeo Il messicano sotto i sombreri locali rivela l'eleganza e l'esperienza dei cowboy della regione.
Cantra a Los Mochis, Messico

Barrancas de Cobre, Ferrovia

Il rilievo della Sierra Madre Occidental ha trasformato il sogno in un incubo di costruzione durato sei decenni. Nel 1961, finalmente, il prodigioso Ferrovia Chihuahua al Pacifico era aperto. I suoi 643 km attraversano alcuni dei paesaggi più spettacolari del Messico.
chihuahua, Messico

Oh Chihuahua!

I messicani adattarono l'espressione come una delle loro espressioni preferite di sorpresa. Quando scopriamo la capitale dell'omonimo stato del Nordovest, lo esclamiamo spesso.
Campeche, Messico

Campeche A proposito di Can Pech

Come accadde in tutto il Messico, arrivarono, videro e conquistarono i conquistadores. Can Pech, la città Maya, contava quasi 40 abitanti, palazzi, piramidi e un'architettura urbana esuberante, ma nel 1540 sopravvissero meno di 6 indigeni. Sulle rovine gli spagnoli costruirono Campeche, una delle città coloniali più imponenti delle Americhe.
Tulum, Messico

Le rovine Maya più caraibiche

Costruita in riva al mare come un eccezionale avamposto decisivo per la prosperità della nazione Maya, Tulum fu una delle ultime città a soccombere all'occupazione ispanica. Alla fine del XNUMX° secolo, i suoi abitanti l'abbandonarono al tempo ea una costa impeccabile della penisola dello Yucatan.
San Cristobal de Las Casas, Messico

La dolce casa della coscienza sociale messicana

Maya, di razza mista e ispanica, zapatista e turistica, rurale e cosmopolita, San Cristobal ha le mani piene. In esso, i visitatori zaino in spalla e gli attivisti politici messicani ed espatriati condividono la stessa richiesta ideologica.
Campeche, Messico

Un Bingo così divertente che giochi con le bambole

Il venerdì sera, un gruppo di signore occupa i tavoli del Parque Independencia e scommette sulle sciocchezze. I piccoli premi escono in combinazioni di gatti, cuori, comete, maracas e altre icone.

Città del Messico, Messico

anima messicana

Con oltre 20 milioni di abitanti in una vasta area metropolitana, questa megalopoli segna, dal suo nucleo zocalo, il polso spirituale di una nazione da sempre vulnerabile e drammatica.

San Cristobal de las Casas a Campeche, Messico

Una staffetta di fede

Equivalente cattolico della sig. di Fatima, Nostra Signora di Guadalupe si muove e muove il Messico. I suoi fedeli si incrociano sulle strade del Paese, determinati a portare la prova della loro fede alla patrona delle Americhe.
Campeche, Messico

200 anni di gioco con la fortuna

Alla fine del XNUMX° secolo, Campechanos si arrese a un gioco introdotto per raffreddare la febbre per i bancomat. Oggi, giocato quasi solo da Abuelitas, un lotteria il posto è poco più che intrattenimento.
Copper Canyon, Chihuahua, Messico

Il profondo Messico delle Barrancas del Cobre

Senza preavviso, gli altopiani del Chihuahua lasciano il posto a infiniti burroni. Sessanta milioni di anni geologici li hanno scavati e li hanno resi inospitali. Gli indigeni Rarámuri continuano a chiamarli a casa.
Jabula Beach, Kwazulu Natal, Sud Africa
Safari
Santa Lucia, Sud Africa

Un'Africa selvaggia come Zulu

All'eminenza della costa del Mozambico, la provincia del KwaZulu-Natal ospita un inaspettato Sud Africa. Spiagge deserte costellate di dune, vasti estuari e colline ricoperte di nebbia riempiono questa terra selvaggia bagnata anche dall'Oceano Indiano. È condiviso dai sudditi della sempre orgogliosa nazione Zulu e da una delle faune più prolifiche e diversificate del continente africano.
Muktinath a Kagbeni, Circuito dell'Annapurna, Nepal, Kagbeni
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna 14 ° - Muktinath a Kagbeni, Nepal

Dall'altro lato della gola

Dopo l'impegnativa traversata del Thorong La, ci ritroviamo nell'accogliente villaggio di Muktinath. La mattina dopo siamo scesi. Sulla strada per l'antico regno dell'Alto Mustang e il villaggio di Kagbeni che funge da porta di accesso.
pianura santa, Bagan, Myanmar
Architettura & Design
Bagan, Myanmar

La piana delle pagode, dei templi e delle redenzioni celesti

La religiosità birmana si è sempre basata sull'impegno per la redenzione. A Bagan, credenti ricchi e timorosi continuano a costruire pagode nella speranza di ottenere il favore degli dei.
Totem, villaggio di Botko, Malekula, Vanuatu
Aventura
Malekula, Vanuatu

Cannibalismo di carne e ossa

Fino all'inizio del XX secolo, i mangiatori di uomini banchettavano ancora nell'arcipelago di Vanuatu. Nel villaggio di Botko scopriamo perché i coloni europei avevano così paura dell'isola di Malekula.
cavalieri del divino, fede nello spirito santo divino, Pirenopolis, Brasile
Cerimonie e Feste
Pirenópolis, Brasile

cavalcata di fede

Introdotta nel 1819 dai sacerdoti portoghesi, la Festa dello Spirito Santo di Pirenópolis aggrega una complessa rete di celebrazioni religiose e pagane. Dura più di 20 giorni, per lo più trascorsi in sella.
I sosia dei fratelli Earp e l'amico Doc Holliday a Tombstone, USA
Città
Lapide, EUA

Lapide: la città è troppo dura per morire

I lodi d'argento scoperti alla fine del XIX secolo hanno reso Tombstone un fiorente e conflittuale centro minerario alla frontiera degli Stati Uniti. Stati Uniti a Messico. Lawrence Kasdan, Kurt Russell, Kevin Costner e altri registi e attori di Hollywood hanno reso famosi i fratelli Earp e il loro duello sanguinario.OK Corral”. La lapide che nel tempo tante vite hanno reclamato è qui per durare.
Cibo della capitale asiatica di Singapore, Basmati Bismi
cibo
Singapore

La capitale asiatica del cibo

C'erano 4 gruppi etnici a Singapore, ognuno con la propria tradizione culinaria. A ciò si aggiunse l'influenza di migliaia di immigrati ed espatriati su un'isola grande la metà di Londra. Si è affermata come la nazione con la più grande diversità gastronomica d'Oriente.
intersezione
Cultura
Ungherese, Filippine

Filippine in stile country

I GI sono partiti con la fine della seconda guerra mondiale ma la musica delle campagne americane che stavano ascoltando anima ancora la Cordillera de Luzon. È in triciclo e al tuo ritmo che visitiamo le terrazze di riso di Hungduan.
sportivo
concorsi

L'uomo, una specie sempre in prova

È nei nostri geni. Per il piacere di partecipare, per titoli, onore o denaro, i concorsi danno un senso al mondo. Alcuni sono più eccentrici di altri.
Cavalli sotto bufera di neve, Islanda Fuoco senza fine dell'isola di neve
In viaggio
Husavik a Myvatn, Islândia

Neve infinita sull'isola di Fogo

Quando, a metà maggio, l'Islanda ha già il tepore del sole ma il freddo ma il freddo e la neve persistono, gli abitanti cedono a un'affascinante ansia estiva.
Isola del nord, Nuova Zelanda, Maori, Meteo surf
Etnico
Isola del nord, Nova Zelândia

Viaggio lungo il sentiero della maggioranza

La Nuova Zelanda è uno dei paesi in cui i discendenti di coloni e nativi si rispettano di più. Mentre esploravamo la sua Isola del Nord, abbiamo appreso della maturazione interetnica di questa nazione Repubblica come maori e polinesiano.
tunnel di ghiaccio, percorso dell'oro nero, Valdez, Alaska, USA
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Sensazioni vs Impressioni

Nelson Dockyards, Antigua Docks,
Storia
English Harbour, Antigua

Nelson's Dockyard: l'Antica Base navale e Dimora dell'Ammiraglio

Nel XNUMX° secolo, quando gli inglesi contestarono il controllo dei Caraibi e il commercio dello zucchero con i loro rivali coloniali, presero il controllo dell'isola di Antigua. Lì si imbatterono in una baia frastagliata che chiamarono English Harbour. Ne fecero un porto strategico che ospitava anche l'idolatrato ufficiale di marina.
Isola di São Miguel, Acores Splendida per natura
Isole
São Miguel, Azzorre

Isola di São Miguel: splendide Azzorre, per Natura

Una biosfera immacolata che le viscere della Terra modellano e riscaldano è esposta, a São Miguel, in formato panoramico. São Miguel è la più grande delle isole portoghesi. Ed è un'opera d'arte della Natura e dell'Uomo piantata nel mezzo del Nord Atlantico.
Barche sul ghiaccio, isola di Hailuoto, Finlandia
bianco inverno
A forma di squalo, Finlândia

Un rifugio nel Golfo di Botnia

Durante l'inverno, l'isola di Hailuoto è collegata al resto della Finlandia dalla strada di ghiaccio più lunga del paese. La maggior parte dei suoi 986 abitanti apprezza soprattutto la distanza che l'isola concede loro.
Lago Manyara, Parco Nazionale, Ernest Hemingway, Giraffe
Letteratura
PN Lago Manyara, Tanzania

L'Africa preferita di Hemingway

Situato all'estremità occidentale della Rift Valley, il Parco Nazionale del Lago Manyara è uno dei più piccoli ma incantevoli e ricchi di animali selvatici dalla Tanzania. Nel 1933, tra caccia e discussioni letterarie, Ernest Hemingway le dedicò un mese della sua travagliata vita. Raccontati questi avventurosi giorni di safari in "Le verdi colline dell'Africa".
Penisola di Banks, Akaroa, Canterbury, Nuova Zelanda
Natura
Penisola di Banks, Nova Zelândia

Il frammento della terra divina della penisola di Banks

Dall'alto, il rigonfiamento più evidente sulla costa orientale dell'Isola del Sud sembra essere imploso più e più volte. Vulcanica ma verdeggiante e bucolica, la Banks Peninsula racchiude nella sua geomorfologia quasi a ruota dentata l'essenza della vita sempre invidiabile della Nuova Zelanda.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Hell's Bend dal Fish River Canyon, Namibia
Parchi Naturali
Fish River Canyon, Namibia

Le budella namibiane dell'Africa

Quando nulla ve lo fa prevedere, un vasto burrone fluviale squarcia l'estremità meridionale del fiume Namibia. Con 160 km di lunghezza, 27 km di larghezza e, negli spazi, 550 metri di profondità, il Fish River Canyon è il Grand Canyon dall'Africa. E uno dei canyon più grandi sulla faccia della terra.
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Nikko, Giappone

Nikko, Toshogu: Il Santuario e il Mausoleo dello Shogun Tokugawa

Tesoro storico e architettonico essenziale del Giappone, il Santuario Toshogu di Nikko onora il più importante degli shogun giapponesi, mentore della nazione giapponese: Tokugawa Ieyasu.
Monumento a Heroes Acre, Zimbabwe
personaggi
Harare, zimbabwe

L'ultimo sonaglio del surreale Mugabué

Nel 2015, la first lady dello Zimbabwe Grace Mugabe disse che il presidente, allora 91enne, avrebbe governato fino all'età di 100 anni, su una sedia a rotelle speciale. Poco dopo, iniziò a insinuarsi nella sua successione. Ma nei giorni scorsi i generali hanno finalmente accelerato la rimozione di Robert Mugabe che hanno sostituito con l'ex vicepresidente Emmerson Mnangagwa.
Nuovo Galles del Sud Australia, passeggiata sulla spiaggia
Spiagge
Da Batemans Bay a Jervis Bay, Australia

Il Nuovo Galles del Sud, di baia in baia

Lasciata Sydney alle spalle, ci siamo abbandonati alla “South Coast” australiana. Lungo 150km, in compagnia di pellicani, canguri e altre peculiari creature aussie, ci lasciamo perdere su una costa tagliata tra splendide spiagge e infiniti boschetti di eucalipti.
Libreria Sacra
Religione
Tsfat (sicuro), Israele

Quando la Kabbalah è una vittima di se stessa

Negli anni '50, Tsfat ha riunito la vita artistica della giovane nazione israeliana e ha recuperato la sua mistica secolare. Ma famosi convertiti come Madonna vennero a turbare la più elementare discrezione cabalista.
Di nuovo al sole. Funivie di San Francisco, alti e bassi della vita
Veicoli Ferroviari
San Francisco, EUA

Funivie di San Francisco: una vita di alti e bassi

Un macabro incidente di carro ha ispirato la saga della funivia di San Francisco. Oggi, queste reliquie funzionano come un'affascinante operazione della città della nebbia, ma hanno anche i loro rischi.
Corsa di renne, Kings Cup, Inari, Finlandia
Società
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
Restituzione nella stessa valuta
Vita quotidiana
Dawki, India

Dawki, Dawki, Bangladesh in vista

Scendiamo dalle terre alte e montuose di Meghalaya alla pianura a sud e in basso. Lì, il flusso traslucido e verde del Dawki forma il confine tra India e Bangladesh. Sotto un caldo umido che non sentivamo da molto tempo, il fiume attira anche centinaia di indiani e bengalesi dediti a una pittoresca fuga.
Rifugio Gandoca Manzanillo, Bahia
Animali selvatici
Gandoca-Manzanillo (rifugio della fauna selvatica), Costa Rica

Il Rifugio Caraibico di Gandoca-Manzanillo

In fondo alla sua costa sud-orientale, alla periferia di Panama, la nazione “Tica” protegge un lembo di giungla, paludi e il Mar dei Caraibi. Oltre a un provvidenziale rifugio per la fauna selvatica, Gandoca-Manzanillo è uno splendido Eden tropicale.
I suoni, Parco Nazionale di Fiordland, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Fiordland, Nova Zelândia

I fiordi degli antipodi

Una stranezza geologica ha reso la regione del Fiordland la più cruda e imponente della Nuova Zelanda. Anno dopo anno, molte migliaia di visitatori adorano il sottodominio patchwork tra Te Anau e Milford Sound.