Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente


Figli di Madre Armenia
La famiglia sale le scale alla base della statua della Madre armena.
sul piano
Il monumento ad Alexander Tamanian, il progettista di Yerevan, autore di molti dei suoi grandiosi edifici e piazze.
bici e alex
Monumento ad Alexander Spendiaryan, autore dell'opera rappresentata all'inaugurazione del Teatro dell'Opera e del Balletto nella capitale armena.
generazioni
Un anziano passa davanti a un bar in un giardino a Yerevan.
dopo le guerre
Una donna arriva dal nulla e parcheggia una Mercedes SLK bianca accanto al materiale bellico esposto ai piedi di Madre Armenia.
Panoramica a 2
La coppia ammira le case di Yerevan e il monte Ararat sullo sfondo, già in territorio turco.
Panoramica a 2 II
Coppia che esce vicino al confine del Parque da Vitória, con il sole che tramonta a ovest e colora il lontano Monte Ararat.
Yerevan al crepuscolo
Le case di Yerevan e la forma della doppia cima del monte Ararat, al crepuscolo.
memoria atroce
Memoriale dedicato al genocidio armeno per mano dell'Impero Ottomano.
gesù armeno
La commessa mostra un dipinto con l'immagine di Gesù Cristo.
tra i tappeti
Venditori circondati da tappeti al mercato di strada del Vernissage di Yerevan.
Yerevan semi-sotterranea
I pedoni stavano attraversando un ingresso intermedio alla metropolitana della città.
scelta di fede
Un venditore di dipinti mostra un dipinto religioso della Vergine Maria a un potenziale cliente.
Mater
Madre Armenia, bronzo simbolo del potere e della resilienza armena.
duo fotografico
Venditori di fotocamere in una bancarella del mercato di strada di Vernisage.
Yerevan d'oro
Scenario autunnale di Yerevan con la fabbrica brandy Ararat in alto sopra il boschetto.
freddo imminente
Lady si prende cura del suo cappellino al mercato del Vernisage a Yerevan.
Nessun segno di balconi
Linee austere dell'architettura sovietica, del periodo in cui Yerevan era una delle tante capitali dell'URSS.
linee sovietiche
L'ingresso di un piccolo centro commerciale, con architettura dell'epoca sovietica armena.
Yerevan d'oro II
Sezione di Praça da República, dorata, al crepuscolo. Piazza della Repubblica contiene il più importante complesso architettonico di Yerevan e dell'Armenia.
Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.

Contempliamo le case che riempiono la valle sotto la collina di Haghtanak, luogo del Parco della Vittoria di Yerevan. Una fitta nebbia mattutina trionfa sul sole e arrotonda i bordi degli edifici ingialliti. Rende più diffusa e più lontana la sagoma delle cime sorelle del Monte Ararat.

Una coppia vicino al recinto che chiude il balcone del parco condivide un abbraccio impegnato e, in quell'abbraccio, la vista sul cuore urbano della patria.

Coppia nel Parco della Vittoria, Yerevan, Armenia

La coppia ammira le case di Yerevan e il monte Ararat sullo sfondo, già in territorio turco

Dietro, alta 51 metri, la guerriera figura in bronzo della Madre Armena veglia su tutti noi: noi, la coppia e il milione di bambini che, a quell'ora, si preparavano a combattere per la capitale.

Come tutte le città e le nazioni, Yerevan ha seguito più e più volte percorsi di cui si rammaricava. Come capitale nel vasto universo dell'Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche, ha ammesso in quello stesso luogo una statua monumentale di Stalin che ha celebrato la supremazia dell'URSS nella seconda guerra mondiale.

Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia

La famiglia sale le scale alla base della statua della Madre armena.

Quando Madre Armenia ha detronizzato Stalin

Cinque anni dopo, la dispotica brutalità di Stalin fatto persona non grata. A Yerevan, poco dopo la morte del dittatore, si decise che al suo posto sarebbe stata una madre armena. Nel processo, un soldato è morto. Diversi lavoratori sono rimasti feriti. Il commento è stato reso popolare tra gli abitanti che “anche nella sua tomba Stalin fatto vittime”.

La statua originale venne considerata un capolavoro dello scultore Sergey Mercurov. Rafael Israyelian, l'artista responsabile della progettazione del piedistallo originale – che è quello attuale – ricorse al buon senso: “consapevole che la gloria dei dittatori è temporanea, ho costruito una semplice basilica armena a tre navate”.

Soglia del Victoria Park, con il monte Aratat sullo sfondo, Yerevan, Armenia

Coppia che esce vicino al confine del Parque da Vitória, con il sole che tramonta a ovest e colora il lontano Monte Ararat.

Il lavoro di Israyeliano non poteva che piacere. L'Armenia è stato il primo stato a fare del cristianesimo la sua religione ufficiale, all'inizio del IV secolo. La stragrande maggioranza della sua popolazione fa parte del Chiesa Apostolica Armena. Questa convinzione millenaria non impedisce ai fedeli di impegnarsi nei conflitti in cui hanno visto coinvolta la nazione.

Ogni 9 maggio migliaia di persone salgono sulla collina di Haghtanak per lasciare fiori sulla tomba del Milite Ignoto in onore dei martiri armeni della seconda guerra mondiale.

Genocidio armeno, seconda guerra mondiale e Nagorno-Karabak

Con l'evento della guerra del Nagorno-Karabak - enclave che l'Armenia contese con il Azerbaijan dal 1988 al 1994 – molto più fresco nei suoi ricordi, una parte del parco è stata donata per commemorare questa guerra.

Dall'alto del suo alto trespolo, rinfrescata ogni giorno dal glorioso sole del Caucaso, Mayr Hayastan, come viene chiamata nel dialetto nazionale, sovrintende alla vita della capitale. Sembra anche scrutare il monte Ararat, a lungo rivendicato dall'Armenia ma situato appena oltre il confine dell'altro acerrimo nemico della nazione, il Turchia.

A Turchia – o meglio l'allora impero ottomano – è, infatti, il carnefice della strage di oltre un milione di armeni durante e dopo la prima guerra mondiale, dal 1 al 1914, che la nazione vittimizzata fece di tutto per farla conoscere come l'armeno Genocidio. .

Qualunque sia il suo nome, il risentimento e l'odio generati da un simile massacro sono passati attraverso le generazioni successive. Lo dimostriamo ogni volta che, per un motivo o per l'altro, menzioniamo il Turchia e la guida Cristina Kyureghyan e l'autista Vladimir reagiscono con dolore e disgusto non mascherati.

Nel 1967, il Genocidio armeno ha meritato un solenne museo-memoriale eretto sulla collina di Tsitsenakaberd, dotato di una stele di 44 metri che simboleggia la rinascita della nazione armena e di un'altra fiamma eterna dedicata alle vittime.

Memoriale dedicato al genocidio armeno, Yerevan, Armenia

Museo-memoriale dedicato al genocidio armeno per mano dell'Impero Ottomano.

Ai piedi della sofferente Madre Armenia, ora giacciono reliquie militari. Un missile antiaereo, un caccia senza ruote, due carri armati e pochi altri oggetti di grandi dimensioni.

Alle spalle, a poca distanza, si trova il parco divertimenti Haghtanak, dove ogni giorno gira una colorata ruota panoramica, carica di bambini e ragazzi.

Missile, lanciamissili e Mercedes SLK accanto alla base della statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia

Una donna arriva dal nulla e parcheggia una Mercedes SLK bianca accanto al materiale bellico esposto ai piedi di Madre Armenia.

L'eredità sovietica e di guerra di Yerevan

Nonostante i contrasti e le incongruenze, Yerevan prospera. La donna che arriva dal nulla e parcheggia la sua esuberante Mercedes SLK bianca proprio accanto ai carri armati e al missile non ci fa dubitare.

Come la flotta di reliquie Lada che, senza complessi, disputa le strade della capitale con rivali più moderne e lussuose; le discoteche, i nightclub e i negozi sofisticati frequentati dai proprietari dei bolides, in contrasto con le case da tè e le boutique retrò che alimentano una serie di mode armene fuori moda e ispirano la crescente corrente hipster locale.

Un altro luogo chiave per le dinamiche commerciali della città e dei suoi usi e costumi è il Mercato del Vernissage, situato lungo le strade Hanrapetutyun e Khanjyan.

Venditori di fotocamere, mercato di Vernisage, Yerevan, Armenia

Venditori di fotocamere in una bancarella del mercato di strada di Vernisage.

Lì possiamo trovare un po' di tutto, dall'armeno tradizionale, dalle bambole ai tappeti tessuti a mano, ma anche innumerevoli avanzi di epoca sovietica, comprese le commesse con un aspetto fiero di babushkas.

Resti dell'era sovietica al mercato di strada di Vernissage, Yerevan, Armenia

Resti dell'era sovietica dell'Armenia al Vernissage Street Market di Yerevan

Dal 1988, Piazza della Repubblica a Yerevan è stata teatro di massicce manifestazioni (alcune con più di 1 milione di protestanti) che hanno contestato l'eccessiva russificazione e corruzione in cui si è trovata la nazione, ha chiesto democrazia e una liberazione che, grazie a Mikhail Gorbaciov e a le riforme di Glasnost e Perestrojka non ci misero molto.

Armenia bipolare post-URSS

Dopo l'indipendenza il 21 settembre 1991, traballante per una transizione amatoriale verso un'economia di mercato, le finanze dell'Armenia sono crollate. Al punto che, fino alla metà degli anni '90, la fornitura di gas ed elettricità era insufficiente e incoerente.

La speculazione immobiliare ha preso piede a Yerevan. Nonostante l'opposizione di gran parte della popolazione, nuovi e moderni sviluppi portarono alla distruzione di numerosi edifici più antichi della capitale, alcuni risalenti all'impero russo.

Mentre camminiamo per le sue strade, i resti di antiche abitazioni sono rari. Eccezioni si trovano in Avenida Mashtots, paragonabile all'Avenida da Liberdade di Lisbona e nelle strade Abovyan e Aram.

Su queste strade, alcune facciate vantano opere murarie dettagliate e secolari che illustrano il passato armeno in modo solitario ma dignitoso.

Ingresso del centro commerciale, Yerevan, Armenia

L'ingresso di un piccolo centro commerciale, con architettura dell'epoca sovietica armena.

Per compensare, gli spazi verdi di Yerevan abbondano. Finché il clima lo consente, al di fuori dell'inverno inclemente del Caucaso, la sua gente si abbandona ai parchi e alle spianate. I residenti alimentano la stagione di khoravat (barbecue) accompagnato da oghi (vodka alla frutta), vini o birra.

Quando esploriamo la capitale, l'autunno sta per finire. Anche così, siamo contemplati da giornate soleggiate, senza vento. Abbiamo quasi solo freddo dopo il tramonto. La visita ci ricorda così un'inaspettata stagione invernale.

Cristina Kyureghyan e Vladimir ci portano in taverne e ristoranti tradizionali. Lì ci riempiono di irresistibili specialità gastronomiche, dopodiché ci fanno conoscere nuovi angoli emblematici della capitale.

Un'elegante cascata di storia

In un'altra occasione, ci siamo avvicinati alla Cascata di Yerevan, un'enorme scalinata in pietra calcarea alla base del Parco della Vittoria. All'ingresso, il monumento ad Alexander Tamanian – progettista della capitale, autore di molti dei suoi grandiosi edifici e piazze – mostra l'architetto neoclassico mentre esamina una pianta.

monumento ad Alexander Tamanian, Yerevan, Armenia

Il monumento ad Alexander Tamanian, il progettista di Yerevan, autore di molti dei suoi grandiosi edifici e piazze

Diverse sculture in bronzo si susseguono, gonfie del capriccio artistico del colombiano Fernando Botero: “Donna che fuma una sigaretta","Gatto"E"Il guerriero”. Coppie di fidanzati, mamme e nonne con bambini trascorrono il pomeriggio in mezzo a questi personaggi eccentrici.

Accanto, la vista di una Citroën 2 Cavalos nera e marrone alla base di eleganti edifici rosa e alberi con foglie autunnali ci dà un'impressione parigina.

A prima vista, il passaggio di due soldati in mimetica con evidente stile del blocco orientale, ci riporta alla realtà post-sovietica della stessa Cascade. Costruito dal collutorio dal 1971 al 2009, dal 2000 in poi, è stato consegnato al magnate e collezionista nordamericano/armeno Gerard Cafesjian. Quest'ultimo lo ristrutturò, lo dotò di arte, eventi e pubblico.

Entriamo nel complesso. Siamo di fronte ad una lunga scala mobile interrotta ad ogni piano affinché il visitatore possa contemplare le opere d'arte. Alcuni di loro compaiono all'interno.

Un'altra parte, negli ampi cortili esterni, quella più alta, con una vista migliore su Yerevan e sul monte Ararat. Ma mai così alleggerito come quelli del 50° anniversario del monumento dell'Armenia sovietica in alto, o dalla curva Madre Armenia.

Yerevan, Armenia

Le case di Yerevan e la forma della doppia cima del monte Ararat, al crepuscolo.

Tra Occidente e Oriente

Sono passati 96 anni da quando i bolscevichi hanno annesso l'Armenia all'URSS, come hanno fatto con la vicina Georgia e il nemico Azerbaijan.

Oggi, ufficialmente padrona del suo destino, l'Armenia è ben lungi dal liberarsi dal giogo del Cremlino. L'inimicizia storica con il Azerbaijan e Turchia lo costringe a fare affidamento sulla potenza militare russa e ad ammettere che il Russia mantenere una base militare lungo il confine con Turchia.

Ma sottomissione a Grande orso vai oltre. Come altre ex repubbliche sovietiche, l'Armenia è in balia del petrolio e del gas naturale siberiani e della speculazione commerciale imposta da Mosca.

Dipende anche dalla gestione e dalla manutenzione russa della centrale nucleare di Metsamor, a soli 36 km da Yerevan. Si tratta di una centrale elettrica vecchio stile situata in una zona sismica e altamente vulnerabile.

E subisce la manipolazione russa da parte degli oligarchi e dei politici corrotti del paese, molti dei quali sono responsabili di società private o statali. Insieme, questi prestanome hanno dirottato molti milioni di dram (moneta nazionale) dal popolo armeno verso conti bancari russi, ma non solo.

Yerevan: una capitale in una sorta di crepuscolo politico

Il pomeriggio lascia il posto al pomeriggio. Quando la luce del giorno svanisce, l'illuminazione artificiale indora il ciuffo rosa dei cinque edifici principali di Piazza della Repubblica a Yerevan, un'altra delle sontuose opere di Alexander Tamanian che presto esploreremo.

Piazza della Repubblica, Yerevan, Armenia

Sezione di Praça da República, dorata, al crepuscolo. Piazza della Repubblica contiene l'insieme architettonico più importante di Yerevan e dell'Armenia

Il crepuscolo genera un oro splendente. Colonne pedonali attraversano quello che è considerato lo spazio civico supremo di Yerevan, il suo insieme architettonico più maestoso.

Nel parcheggio della piazza sono installati autobus militari. In un lampo, decine di agenti sbarcano e rinnovano le loro intimidazioni.

Negli ultimi mesi il popolo armeno sembra aver perso ancora una volta la pazienza. Tornò alle manifestazioni, con raddoppiata determinazione.

Parte di una reazione chiamata Rivoluzione di velluto, diversi gruppi civili e politici guidati da Nikol Pashinyan del partito Civil Contract hanno organizzato proteste antigovernative contro l'intenzione dell'ormai ex primo ministro Serzh Sargsyan di indugiare per un terzo mandato. A volte, queste proteste hanno avuto più di 100.000 partecipanti.

Sargsyan si è dimesso. Il 28 aprile 2018, tutti i partiti di opposizione hanno annunciato che avrebbero sostenuto la candidatura di Pashinyan, che, in primo luogo, il Partito Repubblicano è riuscito a sconfiggere. IL Russia ha monitorato e cercato di manovrare gli eventi.

Eppure, l'8 maggio, Pashinyan è stato eletto nuovo Primo Ministro dell'Armenia. Con questo risultato, l'Armenia ha fatto un passo da gigante rispetto al suo passato sovietico e russofilo. Verso l'Occidente democratico.

 

Maggiori informazioni sull'Armenia ed Eravan sul sito web del turismo armeno

Kazbegi, Georgia

Dio nelle alture del Caucaso

Nel XIV secolo, i religiosi ortodossi si ispirarono a un eremo che un monaco aveva costruito a 4000 m di altitudine e arroccato una chiesa tra la vetta del monte Kazbek (5047 m) e il villaggio ai piedi. Sempre più visitatori affollano questi luoghi mistici ai margini della Russia. Come loro, per arrivarci ci sottomettiamo ai capricci della sconsiderata Georgia Military Road.
Tbilisi, Georgia

Georgia ancora con Perfume the Rose Revolution

Nel 2003, una rivolta politico-popolare ha causato l'inclinazione della sfera di potere in Georgia da est a ovest. Da allora, la capitale Tbilisi non ha rinnegato i suoi secoli di storia sovietica, né il suo presupposto rivoluzionario di integrazione in Europa. Quando visitiamo, siamo abbagliati dall'affascinante mix delle loro vite passate.
Alaverdi, Armenia

Una funivia chiamata Ensejo

La parte superiore della gola del fiume Debed nasconde i monasteri armeni di Sanahin e Haghpat e condomini sovietici a schiera. Il suo fondo ospita la miniera di rame e la fonderia che sostiene la città. A collegare questi due mondi è una provvidenziale cabina sospesa in cui gli alaverdi si aspettano di viaggiare in compagnia di Dio.
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Armenia

La culla del cristianesimo ufficiale

A soli 268 anni dalla morte di Gesù, una nazione sarà diventata la prima ad abbracciare la fede cristiana per decreto reale. Questa nazione conserva ancora la propria Chiesa Apostolica e alcuni dei più antichi templi cristiani del mondo. Viaggiando attraverso il Caucaso, li visitiamo sulle orme di Gregorio l'Illuminatore, il patriarca che ispira la vita spirituale dell'Armenia.
Uplistsikhe e Gori, Georgia

Dalla culla della Georgia all'infanzia di Stalin

Alla scoperta del Caucaso, esploriamo Uplistsikhe, una città troglodita che ha preceduto la Georgia. E a soli 10 km di distanza, a Gori, troviamo il luogo dell'infanzia travagliata di Joseb Jughashvili, che sarebbe diventato il più famoso e tirannico dei leader sovietici.
lago Sevan, Armenia

Il grande lago agrodolce del Caucaso

Racchiuso tra montagne a 1900 metri di altitudine, considerato un tesoro naturale e storico dell'Armenia, il Lago Sevan non è mai stato trattato come tale. Il livello e la qualità delle sue acque si deteriorano da decenni e una recente invasione di alghe prosciuga la vita che vi sussiste.
Leone, elefanti, PN Hwange, Zimbabwe
Safari
PN Hwange, Zimbabwe

L'eredità del defunto leone Cecil

Il 1 luglio 2015, Walter Palmer, dentista e cacciatore di trofei del Minnesota, ha ucciso Cecil, il leone più famoso dello Zimbabwe. Il massacro ha generato un'ondata virale di indignazione. Come abbiamo visto in PN Hwange, quasi due anni dopo, i discendenti di Cecil stanno prosperando.
Aurora illumina la Pisang Valley, Nepal.
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 3°- Upper Pisang, Nepal

Un'inaspettata alba nevosa

Ai primi accenni di luce, la vista del manto bianco che aveva ricoperto durante la notte il paese ci abbaglia. Con una delle escursioni più dure sul circuito dell'Annapurna in vista, abbiamo posticipato la partenza il più a lungo possibile. Infastiditi, abbiamo lasciato Upper Pisang per Ngawal quando l'ultima neve se n'era andata.
Luderitz, Namibia
Architettura & Design
Luderitz, Namibia

Wilkommen in Africa

Il cancelliere Bismarck ha sempre disprezzato i possedimenti d'oltremare. Contro la sua volontà e contro ogni previsione, nel bel mezzo della Corsa all'Africa, il mercante Adolf Lüderitz costrinse la Germania a conquistare un angolo inospitale del continente. L'omonima città prosperò e conserva uno dei patrimoni più eccentrici dell'impero germanico.
Alture tibetane, mal di montagna, trattamento per la prevenzione della montagna, viaggi
Aventura

Mal di montagna: non male. Fa schifo!

Quando si viaggia, a volte ci troviamo di fronte alla mancanza di tempo per esplorare un luogo tanto imperdibile quanto elevato. La medicina e le precedenti esperienze con la malattia da altitudine impongono di non rischiare di salire in fretta.
Preghiera che brucia, Festival di Ohitaki, Tempio di Fushimi, Kyoto, Giappone
Cerimonie e Feste
Kyoto, Giappone

Una fede combustibile

Durante la celebrazione shintoista di Ohitaki, i fedeli giapponesi raccolgono preghiere incise su tavolette nel tempio di Fushimi. Lì, mentre viene consumato da enormi falò, la sua fede si rinnova.
Cattedrale, Funchal, Madera
Città
Funchal, Madeira

Portale di un Portogallo quasi tropicale

Madeira si trova a meno di 1000 km a nord del Tropico del Cancro. E la lussureggiante esuberanza che le è valsa il soprannome di isola giardino dell'Atlantico emerge in ogni angolo della sua ripida capitale.
cibo
Cibo del Mondo

Gastronomia Senza Frontiere né Pregiudizi

Ogni popolo, le sue ricette e prelibatezze. In certi casi, gli stessi che deliziano intere nazioni ne disgustano molti altri. Per chi viaggia per il mondo, l'ingrediente più importante è una mente molto aperta.
estate scarlatta
Cultura

Da Valencia a Xativa, Spagna

Dall'altra parte dell'Iberia

Lasciando da parte la modernità di Valencia, esploriamo gli ambienti naturali e storici che la "comunidad" condivide con il Mediterraneo. Più viaggiamo, più siamo sedotti dalla sua vita sfarzosa.

Spettatore, Melbourne Cricket Ground-Regole di calcio, Melbourne, Australia
sportivo
Melbourne, Australia

Calcio dove gli australiani regolano le regole

Sebbene praticato dal 1841, il football australiano conquistò solo una parte della grande isola. L'internazionalizzazione non è mai andata oltre la carta, frenata dalla concorrenza del rugby e del calcio classico.
Cambogia, Angkor, Ta Phrom
In viaggio
Ho Chi Minh a Angkor, Camboja

La strada tortuosa per Angkor

Dal Vietnam in poi, le strade sconnesse ei campi minati della Cambogia ricordano gli anni del terrore dei Khmer rossi. Sopravviviamo e siamo ricompensati con la vista del più grande tempio religioso
Danze
Etnico
Okinawa, Giappone

Danze Ryukyu: sono vecchie di secoli. Non hanno molta fretta.

Il regno di Ryukyu prosperò fino al XNUMX° secolo come stazione commerciale Cina e dal Giappone. L'estetica culturale sviluppata dalla sua aristocrazia cortese includeva vari stili di danza lenta.
arcobaleno nel Grand Canyon, un esempio di luce fotografica prodigiosa
Portfolio fotografico Got2Globe
Luce Naturale (parte 1)

E c'era Luce sulla Terra. Sapere come usarlo.

Il tema della luce in fotografia è inesauribile. In questo articolo, ti diamo alcune nozioni di base sul suo comportamento, per cominciare, solo e solo in termini di geolocalizzazione, ora del giorno e anno.
Chiesa coloniale di San Francesco d'Assisi, Taos, New Mexico, USA
Storia
Taos, EUA

Il Nord America ancestrale di Taos

Viaggiando attraverso il New Mexico, siamo rimasti abbagliati dalle due versioni di Taos, quella del villaggio indigeno di adobe di Taos Pueblo, uno dei villaggi della EUA abitato più a lungo e continuamente. E quella di Taos, la città che i conquistatori spagnoli lasciarono in eredità alla Messicoo Messico cedette a Stati Uniti e che una comunità creativa di discendenti nativi e artisti migranti migliora e continua a lodare.
Singapore, Isola del Successo e Monotonia
Isole
Singapore

L'isola del successo e della monotonia

Abituata a pianificare e vincere, Singapore seduce e recluta persone ambiziose da tutto il mondo. Allo stesso tempo, sembra annoiare a morte alcuni dei suoi abitanti più creativi.
lago ala juumajarvi, parco nazionale di oulanka, finlandia
bianco inverno
Kuusamo ao P.N. Oulanka, Finlândia

Sotto il freddo incantesimo dell'Artico

Siamo al 66º nord e alle porte della Lapponia. Da queste parti il ​​paesaggio bianco è di tutti e di nessuno come gli alberi innevati, il freddo atroce e la notte senza fine.
Coppia in visita a Mikhaylovskoe, il villaggio dove lo scrittore Alexander Pushkin aveva una casa
Letteratura
San Pietroburgo e Michaylovskoe, Russia

Lo scrittore che ha ceduto alla sua stessa trama

Alexander Pushkin è lodato da molti come il più grande poeta russo e il fondatore della moderna letteratura russa. Ma Pushkin ha anche dettato un epilogo quasi tragicomico alla sua vita prolifica.
Hell's Bend dal Fish River Canyon, Namibia
Natura
Fish River Canyon, Namibia

Le budella namibiane dell'Africa

Quando nulla ve lo fa prevedere, un vasto burrone fluviale squarcia l'estremità meridionale del fiume Namibia. Con 160 km di lunghezza, 27 km di larghezza e, negli spazi, 550 metri di profondità, il Fish River Canyon è il Grand Canyon dall'Africa. E uno dei canyon più grandi sulla faccia della terra.
Serra Dourada, Cerrado, Goiás, Brasile
Parchi Naturali
Serra Dourada, Goiás, Brasile

Dove il Cerrado ondeggia Dorato

Uno dei tipi di savana del Sud America, il Cerrado si estende su più di un quinto del territorio brasiliano, che fornisce gran parte dell'acqua dolce. Situato nel cuore dell'altopiano centrale e dello stato di Goiás, il Parco statale della Serra Dourada brilla di doppio.
panchina improvvisata
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Isola di Ibo, Mozambico

Isola di un Mozambico scomparso

Fu fortificato nel 1791 dai portoghesi che cacciarono gli arabi dalle Quirimba e si impadronirono delle loro rotte commerciali. Divenne il 2° entrepot portoghese sulla costa orientale dell'Africa e, in seguito, capoluogo della provincia di Cabo Delgado, Mozambico. Con la fine della tratta degli schiavi all'inizio del XX secolo e il passaggio della capitale a Porto Amélia, l'isola di Ibo si è trovata nell'affascinante ristagno in cui si trova.
Vista dalla cima del monte Vaea e la tomba, il villaggio di Vailima, Robert Louis Stevenson, Upolu, Samoa
personaggi
Upolu, Samoa

L'isola del tesoro di Stevenson

All'età di 30 anni, lo scrittore scozzese iniziò a cercare un posto che lo salvasse dal suo corpo maledetto. Ad Upolu e nei Samoani trovò un accogliente rifugio al quale diede il suo cuore e la sua anima.
Mangrovie tra Ibo e Quirimba Island-Mozambico
Spiagge
Isola di Ibo a Isola QuirimbaMozambico

Ibo a Quirimba al Sapore della Marea

Per secoli, gli indigeni hanno viaggiato dentro e fuori le mangrovie tra le isole di Ibo e Quirimba, nel tempo che dà loro il travolgente viaggio di andata e ritorno dell'Oceano Indiano. Alla scoperta della regione, incuriositi dall'eccentricità del percorso, ne seguiamo i passi anfibi.
pianura santa, Bagan, Myanmar
Religione
Bagan, Myanmar

La piana delle pagode, dei templi e delle redenzioni celesti

La religiosità birmana si è sempre basata sull'impegno per la redenzione. A Bagan, credenti ricchi e timorosi continuano a costruire pagode nella speranza di ottenere il favore degli dei.
I dirigenti dormono sedile della metropolitana, dormono, dormono, metropolitana, treno, Tokyo, Giappone
Veicoli Ferroviari
Tokyo, Giappone

Gli ipno-passeggeri di Tokyo

Il Giappone è servito da milioni di dirigenti massacrati con ritmi di lavoro infernali e vacanze scarse. Ogni minuto di tregua sulla strada per andare al lavoro oa casa serve al loro scopo. inemuri, dormire in pubblico.
L'abbandono, lo stile di vita dell'Alaska, Talkeetna
Società
Talkeetna, Alaska

Lo stile di vita dell'Alaska di Talkeetna

Un tempo un semplice avamposto minerario, Talkeetna è stato ringiovanito nel 1950 per servire gli scalatori del Monte McKinley. Il villaggio è di gran lunga il più alternativo e accattivante tra Anchorage e Fairbanks.
Casario, città alta, Fianarantsoa, ​​​​Madagascar
Vita quotidiana
Fianarantsoa, Madagascar

La città malgascia della buona educazione

Fianarantsoa fu fondata nel 1831 da Ranavalona Iª, regina dell'allora predominante etnia Merina. Ranavalona I è stato visto dai contemporanei europei come isolazionista, tirannico e crudele. A parte la reputazione del monarca, quando entriamo, la sua antica capitale meridionale rimane il centro accademico, intellettuale e religioso del Madagascar.
Transpantaneira pantanal del Mato Grosso, capibara
Animali selvatici
Pantanal de Mato Grosso, Brasile

Transpantaneira, Pantanal e Confins del Mato Grosso

Partiamo dal cuore sudamericano di Cuiabá verso sud-ovest e verso la Bolivia. Ad un certo punto la MT060 asfaltata passa sotto un pittoresco portale e la Transpantaneira. In un attimo lo stato brasiliano del Mato Grosso è allagato. Diventa un enorme Pantanal.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.