Longsheng, Cina

Huang Luo: il villaggio cinese dai capelli più lunghi


ballo dei capelli
Le donne di Huang Luo sfoggiano i loro lunghi capelli a uno spettacolo che hanno organizzato nel loro villaggio.
il paese vicino
Il villaggio di Pingan, una delle terrazze di riso più fotogeniche di Longsheng.
Matriarca
Una delle donne di Huang Luo, i suoi lunghi capelli arricciati in un turbante.
riso in abbondanza
Sezione delle vaste terrazze di riso di Longsheng, nella provincia cinese del Guangxi.
Cina, Cina, Cina
La bandiera cinese sventola sopra il tetto di una vedetta su Longsheng.
Sino-spezia
Peperoncino tagliato a pezzetti molto piccoli, per poi essere utilizzato nei piatti tradizionali della regione.
in pieno spettacolo
Un altro momento dello spettacolo di donne con i capelli lunghi di Huang Luo.
trio di capelli grandi
Un trio di donne in abiti tradizionali e con i lunghi capelli sistemati sulla testa.
Piccola ma piccola piangi
Bambino che piange alla finestra di una tradizionale casa in legno a Ping'an.
terrazzini
Angolo delle vaste terrazze di riso di Longsheng, nella provincia del Guang xi.
coreografia
Le donne cantano dalle alte finestre della stanza in cui si esibiscono.
In una regione multietnica ricoperta di risaie terrazzate, le donne di Huang Luo si sono arrese alla stessa ossessione capillare. Consentono ai capelli più lunghi del mondo di crescere, per anni, fino a una lunghezza media di 170-200 cm. Per quanto strano possa sembrare, per mantenerli belli e lucenti, usano solo acqua e riso.

Abbiamo trascorso quasi cinque ore sul piccolo autobus su cui eravamo stati alla stazione di Yangshuo. Nonostante fosse uno dei punti di passaggio imprescindibili del circuito dei backpacker cinesi, a bordo c'erano solo altri due stranieri diretti a Longsheng, Huang Luo e ai capelli più lunghi del mondo.

Il più delle volte si appisolavano sui sedili posteriori occupati solo da loro.

Abbiamo seguito i sentieri lungo il percorso: le falesie calcaree per qualche tempo dopo la partenza. La periferia del tipico caos urbano di Guilin, una piccola città a scala cinese del centro-sud, con i suoi quasi 5 milioni di abitanti.

Un'autostrada che da essa ci allontana verso le montagne e, poi, una strada secondaria molto più tortuosa che sale a nord di un primo pendio e la attraversa ad est.

L'arrivo inaspettato a Longsheng

Più di trecento chilometri dopo, l'autista segnala noi e l'altra coppia di sconosciuti. Tutt'intorno si vedevano sempre più pendii, trasformati in verdi terrazze di riso. Non un solo villaggio degno di nota. L'autista disegnò un punto fuori dall'autobus e giù.

Non sapevamo se stesse correndo con noi per spedire il carico o se ci stesse indicando un posto nascosto sul pendio più basso dell'asfalto. Comunque, scendiamo. Abbiamo attraversato la strada e abbiamo dato un'occhiata.

Il villaggio di Pingan a Longsheng, in Cina

Il villaggio di Pingan, una delle terrazze di riso più fotogeniche di Longsheng.

A sinistra, disseminata in una zona incassata del pendio, tra terrazzi e cedri, c'era una casa tradizionale con i tetti marroni, tra il grigio e il marrone, le strutture sottostanti, a due o tre piani e balconi, tutte costruite al buio legno e bambù. Le lanterne cinesi conferiscono loro un po' di rosso festivo e augurano ai residenti una vita felice e attività fiorenti.

Ping'an, un villaggio di più di seicento anni, è situato sulla cresta principale delle terrazze di riso di Longsheng, nome che dovrebbe essere tradotto come "della spina dorsale del drago". Si trova, quindi, non solo in prossimità della strada di accesso, ma anche sul dorso del grande sauro.

Terrazze di riso di Longsheng, Guangxi, Cina

Sezione delle vaste terrazze di riso di Longsheng, nella provincia cinese del Guangxi.

E, come nelle principali città turistiche occidentali, i residenti di diversi villaggi a Longsheng, ma soprattutto a Ping'an, si sono affrettati ad adattare le loro case oa costruirne altre per trarre profitto dai visitatori. Piccole locande e stanze in affitto ora abbondano a Ping'an, la maggior parte delle quali elencate nei soliti intermediari online.

La vista a terrazze della spina dorsale del drago

Non ci dirigiamo subito. Una bandiera cinese, scarlatta e di buon auspicio come le lanterne, sventola su un vecchio tetto di terra.

Bandiera cinese a Longsheng, Cina

La bandiera cinese sventola sopra il tetto di una vedetta su Longsheng.

Incuriositi da cosa potrebbe esserci, alleggeriti dall'aver portato da Yangshuo solo l'essenziale per un giorno o due, ci incamminiamo lungo un ripido sentiero che presto si allargherà.

Dopo dieci minuti, il sentiero rivela una terrazza. E la terrazza, una vista incredibile sulla distesa gialloverde e rigata tutt'intorno.

Solo Ping'an, Huang Luo e l'uno o l'altro villaggio hanno rotto l'omogeneità di questo modello agricolo tortuoso. Come solo il turismo aveva corrotto lo stile di vita ancestrale dei cinesi di etnie e culture Dong, Zhuang, Yao e Miao da queste parti. E questi sono solo i gruppi principali.

In termini ufficiali, le autorità identificano tredici distinti gruppi indigeni nella regione. Uno in particolare ci interessava molto più degli altri.

Se è vero che lì iniziarono ad affluire estranei per la bellezza delle risaie e il piacere delle lunghe passeggiate, a un certo punto un'eccentricità culturale delle donne Yao, in particolare, iniziò ad attrarre altrettanti o più visitatori.

Donne di Huang Luo, Cina

Trio di donne in abito tradizionale con i lunghi capelli sistemati sulla testa

Secondo varie fonti dei media cinesi, anche se le risaie a terrazze di Longsheng hanno poco più di mezzo millennio, la tribù Yao ha circa duemila anni.

Ora, a un certo punto, le donne Yao hanno consolidato la convinzione comune che i capelli fossero il loro bene più sacro e prezioso, una specie di amuleto di cheratina che presumibilmente garantisce loro longevità, ricchezza e buona fortuna.

I capelli sacri delle donne Yao

Secondo la stessa credenza, i capelli di una donna Yao vengono tagliati due volte nella sua vita: a cento giorni, ea diciotto, nell'ultima occasione, come rituale di maturità. I capelli tagliati sono arricciati e tenuti in ordine. Successivamente viene offerto in dono al futuro marito.

Dopo il matrimonio e il parto, questi capelli vengono utilizzati come estensione arricciata di quello attuale. Segna lo stato e la differenziazione tra una donna sposata e una donna single.

Fino a qualche tempo fa, ad eccezione del marito e dei figli, nessuno poteva vedere i capelli sciolti di una donna. Nel villaggio ci viene detto che se un uomo vedesse i capelli di una donna nubile, dovrebbe trascorrere tre anni nella famiglia di quella donna come genero. Almeno un po' scomoda, questa regola è stata abbandonata alla fine degli anni 80. Non sarà stata l'unica tradizione sacrificata.

La tribù Yao era già formata da circa seicento persone raggruppate dalle quasi ottanta famiglie di oggi. A Longsheng, formano solo un piccolo clan dei 2.6 milioni di Yao sparsi in diverse province cinesi.

Altri discendenti di Yao esistono anche in Laos, a Thailandia, Vietnam e, in piccolo numero, post-emigrati in Canada, Francia e Francia EUA

Gli Yao della regione di Longsheng divennero sedentari e rurali lì. Per molto tempo sono stati considerati poveri per gli standard di queste parti relativamente fertili della Cina.

I capelli più grandi del mondo

Quando i turisti arrivarono per contemplare la bellezza delle terrazze di riso, scoprirono che le donne Yao avevano, rannicchiate sulla testa, capelli molto più lunghi di quelli delle altre tribù, i capelli più lunghi del mondo.

Allungati, la maggior parte dei capelli della tribù misura tra 170 e 200 cm. Bene, questo rende, in generale, Huang Luo il villaggio con i capelli più lunghi sulla faccia della Terra.

Donne a uno spettacolo di Huang Luo, Guangxi, Cina

Un altro momento dello spettacolo di donne con i capelli lunghi di Huang Luo.https://en.wikipedia.org/wiki/Xie_Qiuping

In termini individuali, il più lungo mai registrato tra gli Yao misurava poco più di due metri, tuttavia, incomparabile al record personale di un'altra donna cinese. Nel 2004, Xi Qiuping, aveva una lunghezza di capelli di 5.6 metri.

Le donne Yao iniziarono a chiedere soldi ai turisti per fotografarle. Innanzitutto, solo per le foto. Successivamente, iniziarono a vendere loro artigianato, cartoline e altri beni.

Con gli anni e l'afflusso di estranei, di segreti, i suoi capelli sono diventati uno spettacolo. Pur consapevoli del suo pesante carico commerciale, ne abbiamo approfittato e l'abbiamo guardato.

Uno spettacolo di capelli ben frequentato

Durante la mostra, le donne vestite di nero e di rosso si fanno attorcigliare i capelli. Li lasciano cadere e li pettinano.

Donne con i capelli lunghi di Huang Luo, Guangxi, Cina

Le donne di Huang Luo sfoggiano i loro lunghi capelli a uno spettacolo che hanno organizzato nel loro villaggio.

Si uniscono a loro e formano coreografie con movimenti aggraziati in cui si manipolano ancora a vicenda i capelli. Infine, le avvolgono nel turbante per capelli con cui, per abitudine, le vediamo quotidianamente.

Ma anche gli uomini partecipano alla mostra. All'inizio solo gente del posto, quindi i turisti sono invitati. Ad entrambi, le donne applicano un altro dei loro peculiari riti Yao.

Durante un certo ballo, per dimostrare la loro semplicità e interesse reciproco, si pizzicano la coda. Non tutti gli stranieri sarebbero stati avvertiti. Nessuno si è lamentato.

Dopo lo spettacolo, nonostante i visitatori non parlino i dialetti cinesi e gli autoctoni sappiano poco o nulla dell'inglese o di altre lingue, c'è un momento di convivialità.

Con i biglietti già pagati, gli spettatori hanno diritto a fotografie gratuite ma solo con i capelli delle donne raccolti all'indietro.

In cambio, subito dopo, le donne Yao le costringono a indossare i tradizionali abiti ricamati, valigie, zaini, coperte e molte altre loro mercanzie.

Un altro argomento affascina particolarmente i visitatori stranieri di Huang Luo: cosa fanno le donne Yao per mantenere i capelli così lunghi, sani e lucenti, e senza esemplari bianchi fino a un'età così avanzata, in alcuni casi fino a 80 anni?

Il segreto sta nello straordinario scenario che li circonda, in ciò che li nutre da millenni e che da millenni nutrono i loro capelli: il riso.

Né shampoo né balsami. solo riso

Per un'eternità, l'acqua fermentata dopo aver lavato il riso è stata utilizzata in Oriente sia dalle donne rurali che dalle imperatrici per ottenere capelli esemplari. Con così tanto riso in giro, per le donne Yao, mantenere questa credenza e questa usanza non era un capriccio, era praticamente una mancanza di alternative.

Matriarca di Huang Luo, Guangxi, Cina

Una delle donne di Huang Luo, i suoi lunghi capelli arricciati in un turbante.

Isolata dalle città da montagne e valli e dalla semplice distanza, la penetrazione degli shampoo e persino dei saponi moderni sarebbe stata un fenomeno molto tardo del XX secolo. Allo stesso tempo, se l'acqua di riso garantiva loro capelli immacolati con il vigore aggiunto di una tradizione, perché smettere di usare il riso?

In questi giorni, le donne si riuniscono presso il fiume che attraversa il villaggio e spesso si lavano i capelli in comune. Mescolano il riso glutinoso con l'acqua e si sciacquano delicatamente i capelli fino a renderli molto gelatinosi. Di tanto in tanto, completano questo lavaggio con speciali “trattamenti” con acqua di riso fermentata.

Uno studio condotto negli anni '80 in Giappone - dove i capelli delle donne saranno simili - è giunto alla conclusione che "l'acqua di riso riduce l'attrito sulla superficie capillare e migliora l'elasticità".

Anche gli esperti di capelli lodano Huang Luo

Margaret Trey, esperta di salute, bellezza e benessere al giornale”The Epoch Times” sottolinea che “leggermente amara, l'acqua di riso è ricca di antiossidanti, minerali, vitamina E e un'altra sostanza che solo la fermentazione del riso produce.

Questa combinazione fa molto di più che portare lucentezza ai capelli. Li rende più morbidi, più forti e nel complesso più sani.

Che ci crediate o no, Huang Luo compare da tempo su diverse pagine e blog specializzati in consigli di bellezza con immagini del villaggio, delle donne e, ovviamente, dei loro capelli prodigiosi.

Se meglio informate sul mondo della pubblicità, i capelli delle donne Yao potrebbero guadagnare loro molto di più dei biglietti turistici per spettacoli quotidiani, vendita dei loro prodotti artigianali e cartoline.

Il punto è che i grandi marchi di bellezza vogliono continuare a vendere i loro shampoo, balsami e siliconi, senza rischiare che le donne occidentali inizino a sostituirli con dell'acqua di riso che possono fare in casa.

Dali, Cina

La Cina surrealista di Dalì

Immersa in una magica cornice lacustre, l'antica capitale del popolo Bai è rimasta, fino a qualche tempo fa, un rifugio per la comunità di viaggiatori zaino in spalla. I cambiamenti sociali ed economici di Cina ha incoraggiato l'invasione dei cinesi per scoprire l'angolo sud-ovest della nazione.
Bingling Sì, Cina

La gola dei mille Buddha

Per più di un millennio e almeno sette dinastie, i devoti cinesi hanno esaltato le loro credenze religiose con l'eredità di sculture in uno stretto stretto del fiume Giallo. Coloro che sbarcano alla Gola dei Mille Buddha, potrebbero non trovare tutte le sculture ma trovare uno splendido santuario buddista.
Dunhuang, Cina

Un'oasi nella Cina delle Sabbie

Migliaia di chilometri a ovest di Pechino, la Grande Muraglia ha la sua estremità occidentale e la Cina e altro. Un'inaspettata spruzzata di verde vegetale rompe l'arida vastità circostante. Annuncia Dunhuang, ex avamposto cruciale della Via della Seta, oggi una città intrigante ai piedi delle dune più grandi dell'Asia.
Lijiang, Cina

Una città grigia ma piccola

Viste da lontano, le sue vaste case sono lugubri, ma i secolari marciapiedi e canali di Lijiang sono più popolari che mai. Una volta, questa città brillava come la grande capitale del popolo Naxi. Oggi, inondazioni di visitatori cinesi competono per il quasi parco a tema che è diventato una tempesta.
Lijiang e Yangshuo, Cina

Una Cina impressionante

Zhang Yimou, uno dei più famosi registi asiatici, si è dedicato a grandi produzioni outdoor ed è stato coautore delle cerimonie mediatiche delle Olimpiadi di Pechino. Ma Yimou è anche responsabile di “Impressions”, una serie di allestimenti non meno controversi con palchi in luoghi emblematici.
Lhasa, Tibete

La demolizione della campana del tetto del mondo

Qualsiasi dibattito sulla sovranità è accessorio e una perdita di tempo. Chiunque voglia lasciarsi abbagliare dalla purezza, dall'affabilità e dall'esotismo della cultura tibetana dovrebbe visitare il territorio il prima possibile. L'avidità della civiltà Han che muove la Cina non impiegherà molto a seppellire il Tibet millenario.
Dali, Cina

Flash Mob di moda cinese

L'ora è fissata e il luogo è noto. Quando la musica inizia a suonare, una folla segue la coreografia in modo armonioso fino allo scadere del tempo e ognuno torna alla propria vita.
Viti Levu, Fiji

Cannibalismo e capelli, vecchi passatempi di Viti Levu, Isole Fiji

Per 2500 anni, l'antropofagia ha fatto parte della vita quotidiana alle Fiji. Nei secoli più recenti, la pratica è stata adornata da un affascinante culto dei capelli. Per fortuna rimangono solo le vestigia dell'ultima moda.
Huang Shan, Cina

Huang Shan: Le montagne gialle dei picchi galleggianti

Le cime granitiche delle montagne gialle e fluttuanti di Huang Shan, da cui spuntano i pini acrobati, appaiono in innumerevoli illustrazioni artistiche della Cina. Lo scenario reale, oltre ad essere remoto, rimane più di 200 giorni nascosto sopra le nuvole.
Pechino, Cina

Il cuore del grande drago

È il centro storico incoerente dell'ideologia maoista-comunista e quasi tutti i cinesi aspirano a visitarlo, ma piazza Tianamen sarà sempre ricordata come un macabro epitaffio delle aspirazioni della nazione.
Badaling, Cina

L'invasione cinese della Grande Muraglia cinese

Con l'arrivo delle giornate calde, orde di visitatori Han si impossessano della Grande Muraglia cinese, la più grande struttura creata dall'uomo. Risalgono all'era delle dinastie imperiali e celebrano il protagonismo appena conquistato della nazione.
Tokyo, Giappone

Foto del passaporto giapponese

Alla fine degli anni '80, due multinazionali giapponesi vedevano già le cabine fotografiche convenzionali come pezzi da museo. Le trasformarono in macchine rivoluzionarie e il Giappone si arrese al fenomeno Purikura.
Guilin, Cina

La porta del regno di pietra cinese

L'immensità delle aspre colline calcaree che lo circondano è così maestosa che le autorità di Pechino stampalo sul retro di banconote da 20 yuan. Chi lo esplora passa quasi sempre per Guilin. E anche se questa città nella provincia del Guangxi è diversa dalla natura esuberante che la circonda, abbiamo anche trovato il suo fascino.
Lhasa a Gyantse, Tibete

Gyantse, attraverso le alture del Tibet

L'obiettivo finale è il campo base tibetano dell'Everest. In questo primo percorso, partendo da Lhasa, passiamo dal lago sacro di Yamdrok (4.441 m) e dal ghiacciaio della gola di Karo (5.020 m). A Gyantse ci arrendiamo allo splendore tibetano-buddista dell'antica cittadella.
Parco Nazionale di Amboseli, Monte Kilimangiaro, Collina di Normatior
Safari
P.N. Amboseli, Kenia

Un regalo del Kilimangiaro

Il primo europeo ad avventurarsi in queste terre Masai rimase sbalordito da ciò che trovò. E ancora oggi grandi branchi di elefanti e altri erbivori vagano alla mercé dei pascoli innevati della più grande montagna africana.
Bandiere di preghiera a Ghyaru, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 4° – Upper Pisang a Ngawal, Nepal

Da incubo a Dazzle

A nostra insaputa, siamo di fronte a un'ascesa che ci porta alla disperazione. Abbiamo spinto le nostre forze al limite e abbiamo raggiunto Ghyaru dove ci siamo sentiti più vicini che mai all'Annapurna. Il resto della strada per Ngawal sembrava una sorta di estensione della ricompensa.
dall'ombra
Architettura & Design
Miami, EUA

Un capolavoro di riabilitazione urbana

All'inizio del 25° secolo, il quartiere di Wynwood era ancora pieno di fabbriche e magazzini abbandonati e pieni di graffiti. Tony Goldman, un astuto investitore immobiliare, acquistò oltre XNUMX proprietà e fondò un parco murale. Molto più che rendere omaggio ai graffiti lì, Goldman ha fondato il grande bastione della creatività di Miami.
Il piccolo faro di Kallur, evidenziato nel capriccioso rilievo del nord dell'isola di Kalsoy.
Aventura
Kalsoy, Isole Faroe

Un faro alla fine del mondo faroese

Kalsoy è una delle isole più isolate dell'arcipelago delle Faroe. Detta anche “il flauto” per la sua forma longilinea e per i numerosi cunicoli che la servono, è abitata da soli 75 abitanti. Molto meno degli estranei che la visitano ogni anno, attratti dal bagliore boreale del suo faro di Kallur.
religioso militare, muro del pianto, bandiera del giuramento IDF, Gerusalemme, Israele
Cerimonie e Feste
Gerusalemme, Israele

Festa al Muro del Pianto

Non solo le preghiere e le preghiere rispondono al luogo più sacro dell'ebraismo. Le sue antiche pietre sono state per decenni testimoni del giuramento di nuove reclute dell'IDF e hanno fatto eco alle grida euforiche che ne sono seguite.
Nazionalismo colorato
Città
Cartagena delle Indie, Colombia

La città desiderata

Molti tesori sono passati da Cartagena prima della consegna alla corona spagnola, più dei pirati che hanno cercato di depredarli. Oggi le mura proteggono una città maestosa sempre pronta a "rumbe".
Il focan di Lola, cibo ricco, Costa Rica, Guapiles
cibo
Il Fogon di Lola, Costa Rica

Il gusto della Costa Rica a El Fogón de Lola

Come suggerisce il nome, Fogón de Lola de Guapiles serve piatti preparati sui fornelli e al forno, secondo la tradizione della famiglia costaricana. In particolare, la famiglia di zia Lola.
mini snorkeling
Cultura
Isole Phi Phi, Thailandia

Torna a Danny Boyle Beach

Sono passati 15 anni dal debutto del classico autostoppista tratto dal romanzo di Alex Garland. Il film ha reso popolari i luoghi in cui è stato girato. Poco dopo, alcuni di loro scomparvero temporaneamente ma letteralmente dalla mappa, ma oggi la loro controversa fama rimane intatta.
Corsa di renne, Kings Cup, Inari, Finlandia
sportivo
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
Composizione sul ponte a nove archi, Ella, Sri Lanka
In viaggio
PN Yala-Ella- Kandy, Sri Lanka

Viaggio nel cuore del tè dello Sri Lanka

Lasciamo il lungomare di PN Yala verso Ella. Sulla strada per Nanu Oya, ci spostiamo attraverso la giungla su rotaie, tra le piantagioni del famoso Ceylon. Tre ore dopo, sempre in macchina, entriamo a Kandy, la capitale buddista che i portoghesi non sono mai riusciti a conquistare.
Etnico
São Nicolau, Capo Verde

Fotografia di Nha Terra São Nicolau

La voce del defunto Cesária Verde ha cristallizzato i sentimenti dei capoverdiani costretti a lasciare la loro isola. chi visita São Nicolau o, qualunque esso sia, ammirare immagini che lo illustrano bene, capire perché la sua gente lo chiama, per sempre e con orgoglio, nha terra.
arcobaleno nel Grand Canyon, un esempio di luce fotografica prodigiosa
Portfolio fotografico Got2Globe
Luce Naturale (parte 1)

E c'era Luce sulla Terra. Sapere come usarlo.

Il tema della luce in fotografia è inesauribile. In questo articolo, ti diamo alcune nozioni di base sul suo comportamento, per cominciare, solo e solo in termini di geolocalizzazione, ora del giorno e anno.
I sosia dei fratelli Earp e l'amico Doc Holliday a Tombstone, USA
Storia
Lapide, EUA

Lapide: la città è troppo dura per morire

I lodi d'argento scoperti alla fine del XIX secolo hanno reso Tombstone un fiorente e conflittuale centro minerario alla frontiera degli Stati Uniti. Stati Uniti a Messico. Lawrence Kasdan, Kurt Russell, Kevin Costner e altri registi e attori di Hollywood hanno reso famosi i fratelli Earp e il loro duello sanguinario.OK Corral”. La lapide che nel tempo tante vite hanno reclamato è qui per durare.
Stormo di pellicani marroni che osservano il cibo
Isole
Islamorada, Florida Keys, Stati Uniti

Il villaggio della Florida fatto di isole

Gli scopritori spagnoli la chiamarono Isola Viola, ma i toni predominanti sono quelli di innumerevoli barriere coralline in un mare poco profondo. Confinato ai suoi cinque anni Tasti, Islamorada resta pacifica, in un'alternativa a metà strada tra Miami e Key West, le città della Florida che la prodigiosa Overseas Highway collega da tempo.
Aurora boreale, Laponia, Rovaniemi, Finlandia, Fire Fox
bianco inverno
Lapponia, Finlândia

Alla ricerca della volpe di fuoco

L'aurora boreale o australis, fenomeni luminosi generati dai brillamenti solari, sono unici per le altezze della Terra. Voi sami nativo dalla Lapponia si credeva fosse una volpe infuocata che diffondeva scintillii nel cielo. Qualunque cosa siano, nemmeno i quasi 30 gradi sotto zero che si sono fatti sentire nell'estremo nord della Finlandia non hanno potuto impedirci di ammirarli.
Vista dalla cima del monte Vaea e la tomba, il villaggio di Vailima, Robert Louis Stevenson, Upolu, Samoa
Letteratura
Upolu, Samoa

L'isola del tesoro di Stevenson

All'età di 30 anni, lo scrittore scozzese iniziò a cercare un posto che lo salvasse dal suo corpo maledetto. Ad Upolu e nei Samoani trovò un accogliente rifugio al quale diede il suo cuore e la sua anima.
Svasso contro il tramonto, Rio Miranda, Pantanal, Brasile
Natura
Passo da Lontra, Miranda, Brasile

Brasile sommerso a un passo dalla lontra

Siamo all'estremità occidentale del Mato Grosso do Sul, ma la boscaglia, da queste parti, è un'altra cosa. In un'estensione di quasi 200.000 km2, la Brasile appare parzialmente sommerso, da fiumi, torrenti, lagune e altre acque disperse in vaste pianure alluvionali. Nemmeno il caldo soffocante della stagione secca prosciuga la vita e la biodiversità dei luoghi e delle fattorie del Pantanal come quella che ci ha accolto sulle rive del fiume Miranda.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Terrazze di Sistelo, Serra do Soajo, Arcos de Valdevez, Minho, Portogallo
Parchi Naturali
Sistelo, Peneda-Gerês, Portogallo

Dal “Piccolo Tibet portoghese” alle Fortezze di Mais

Lasciamo le scogliere di Srª da Peneda, ci dirigiamo ad Arcos de ValdeVez e ai villaggi che un erroneo immaginario ha chiamato Piccolo Tibet portoghese. Da questi villaggi terrazzati si passa ad altri famosi per custodire, come tesori d'oro e sacri, le spighe che raccolgono. Il percorso stravagante rivela la natura splendente e la fertilità verde di queste terre di Peneda-Gerês.
Goiás Velho, L'eredità della corsa all'oro, Brasile
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Goias Velho, Brasile

Un'eredità della corsa all'oro

Due secoli dopo il periodo d'oro della prospezione, persa nel tempo e nella vastità dell'altopiano centrale, Goiás apprezza la sua ammirevole architettura coloniale, la sorprendente ricchezza che resta da scoprire.
ora dall'alto della scala, mago della nuova zelanda, christchurch, nuova zelanda
personaggi
Christchurch, Nova Zelândia

Il maledetto stregone della Nuova Zelanda

Nonostante la sua notorietà agli antipodi, Ian Channell, lo stregone della Nuova Zelanda, non fu in grado di prevedere o prevenire diversi terremoti che colpirono Christchurch. A 88 anni, dopo 23 anni di contratto con il Comune, rilascia dichiarazioni troppo controverse e finisce per essere licenziato.
Dune dell'isola di Bazaruto, Mozambico
Spiagge
bazaruto, Mozambico

Il miraggio invertito del Mozambico

A soli 30 km dalla costa orientale dell'Africa, un improbabile ma imponente erg sorge dal mare traslucido. Bazaruto ripara paesaggi e persone che hanno vissuto a lungo separate. Chiunque atterri su questa lussureggiante isola sabbiosa si ritrova rapidamente in una tempesta di stupore.
cavalieri del divino, fede nello spirito santo divino, Pirenopolis, Brasile
Religione
Pirenópolis, Brasile

cavalcata di fede

Introdotta nel 1819 dai sacerdoti portoghesi, la Festa dello Spirito Santo di Pirenópolis aggrega una complessa rete di celebrazioni religiose e pagane. Dura più di 20 giorni, per lo più trascorsi in sella.
I dirigenti dormono sedile della metropolitana, dormono, dormono, metropolitana, treno, Tokyo, Giappone
Veicoli Ferroviari
Tokyo, Giappone

Gli ipno-passeggeri di Tokyo

Il Giappone è servito da milioni di dirigenti massacrati con ritmi di lavoro infernali e vacanze scarse. Ogni minuto di tregua sulla strada per andare al lavoro oa casa serve al loro scopo. inemuri, dormire in pubblico.
Mahu, Terzo sesso della Polinesia, Papeete, Tahiti
Società
Papeete, Polinesia Francese

Il Terzo Sesso di Tahiti

Eredi dell'antica cultura polinesiana, i Mahu conservare un ruolo insolito nella società. Persi da qualche parte tra i due sessi, questi uomini-donne continuano a lottare per il senso delle loro vite.
mandria, afta epizootica, carne debole, colonia pellegrini, argentina
Vita quotidiana
Colonia Pellegrini, Argentina

Quando la carne è debole

Il sapore inconfondibile della carne argentina è noto. Ma questa ricchezza è più vulnerabile di quanto si possa pensare. La minaccia dell'afta epizootica, in particolare, infiamma le autorità ei produttori.
Cabo da Cruz, colonia di foche, foche a croce del capo, Namibia
Animali selvatici
Capo Croce, Namibia

La più turbolenta delle colonie africane

Diogo Cão sbarcò su questo Capo d'Africa nel 1486, installò un modello e si voltò. La linea costiera immediata a nord ea sud era tedesca, sudafricana e, infine, namibiana. Indifferente ai successivi trasferimenti di nazionalità, una delle più grandi colonie di foche del mondo ha mantenuto la sua presa e ti rallegra con assordanti cortecce marine e infiniti capricci.
I suoni, Parco Nazionale di Fiordland, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Fiordland, Nova Zelândia

I fiordi degli antipodi

Una stranezza geologica ha reso la regione del Fiordland la più cruda e imponente della Nuova Zelanda. Anno dopo anno, molte migliaia di visitatori adorano il sottodominio patchwork tra Te Anau e Milford Sound.