Longsheng, Cina

Huang Luo: il villaggio cinese dai capelli più lunghi


ballo dei capelli
Le donne di Huang Luo sfoggiano i loro lunghi capelli a uno spettacolo che hanno organizzato nel loro villaggio.
il paese vicino
Il villaggio di Pingan, una delle terrazze di riso più fotogeniche di Longsheng.
Matriarca
Una delle donne di Huang Luo, i suoi lunghi capelli arricciati in un turbante.
riso in abbondanza
Sezione delle vaste terrazze di riso di Longsheng, nella provincia cinese del Guangxi.
Cina, Cina, Cina
La bandiera cinese sventola sopra il tetto di una vedetta su Longsheng.
Sino-spezia
Peperoncino tagliato a pezzetti molto piccoli, per poi essere utilizzato nei piatti tradizionali della regione.
in pieno spettacolo
Un altro momento dello spettacolo di donne con i capelli lunghi di Huang Luo.
trio di capelli grandi
Un trio di donne in abiti tradizionali e con i lunghi capelli sistemati sulla testa.
Piccola ma piccola piangi
Bambino che piange alla finestra di una tradizionale casa in legno a Ping'an.
terrazzini
Angolo delle vaste terrazze di riso di Longsheng, nella provincia del Guang xi.
coreografia
Le donne cantano dalle alte finestre della stanza in cui si esibiscono.
In una regione multietnica ricoperta di risaie terrazzate, le donne di Huang Luo si sono arrese alla stessa ossessione capillare. Consentono ai capelli più lunghi del mondo di crescere, per anni, fino a una lunghezza media di 170-200 cm. Per quanto strano possa sembrare, per mantenerli belli e lucenti, usano solo acqua e riso.

Abbiamo trascorso quasi cinque ore sul piccolo autobus su cui eravamo stati alla stazione di Yangshuo. Nonostante fosse uno dei punti di passaggio imprescindibili del circuito dei backpacker cinesi, a bordo c'erano solo altri due stranieri diretti a Longsheng, Huang Luo e ai capelli più lunghi del mondo.

Il più delle volte si appisolavano sui sedili posteriori occupati solo da loro.

Abbiamo seguito i sentieri lungo il percorso: le falesie calcaree per qualche tempo dopo la partenza. La periferia del tipico caos urbano di Guilin, una piccola città a scala cinese del centro-sud, con i suoi quasi 5 milioni di abitanti.

Un'autostrada che da essa ci allontana verso le montagne e, poi, una strada secondaria molto più tortuosa che sale a nord di un primo pendio e la attraversa ad est.

L'arrivo inaspettato a Longsheng

Più di trecento chilometri dopo, l'autista segnala noi e l'altra coppia di sconosciuti. Tutt'intorno si vedevano sempre più pendii, trasformati in verdi terrazze di riso. Non un solo villaggio degno di nota. L'autista disegnò un punto fuori dall'autobus e giù.

Non sapevamo se stesse correndo con noi per spedire il carico o se ci stesse indicando un posto nascosto sul pendio più basso dell'asfalto. Comunque, scendiamo. Abbiamo attraversato la strada e abbiamo dato un'occhiata.

Il villaggio di Pingan a Longsheng, in Cina

Il villaggio di Pingan, una delle terrazze di riso più fotogeniche di Longsheng.

A sinistra, disseminata in una zona incassata del pendio, tra terrazzi e cedri, c'era una casa tradizionale con i tetti marroni, tra il grigio e il marrone, le strutture sottostanti, a due o tre piani e balconi, tutte costruite al buio legno e bambù. Le lanterne cinesi conferiscono loro un po' di rosso festivo e augurano ai residenti una vita felice e attività fiorenti.

Ping'an, un villaggio di più di seicento anni, è situato sulla cresta principale delle terrazze di riso di Longsheng, nome che dovrebbe essere tradotto come "della spina dorsale del drago". Si trova, quindi, non solo in prossimità della strada di accesso, ma anche sul dorso del grande sauro.

Terrazze di riso di Longsheng, Guangxi, Cina

Sezione delle vaste terrazze di riso di Longsheng, nella provincia cinese del Guangxi.

E, come nelle principali città turistiche occidentali, i residenti di diversi villaggi a Longsheng, ma soprattutto a Ping'an, si sono affrettati ad adattare le loro case oa costruirne altre per trarre profitto dai visitatori. Piccole locande e stanze in affitto ora abbondano a Ping'an, la maggior parte delle quali elencate nei soliti intermediari online.

La vista a terrazze della spina dorsale del drago

Non ci dirigiamo subito. Una bandiera cinese, scarlatta e di buon auspicio come le lanterne, sventola su un vecchio tetto di terra.

Bandiera cinese a Longsheng, Cina

La bandiera cinese sventola sopra il tetto di una vedetta su Longsheng.

Incuriositi da cosa potrebbe esserci, alleggeriti dall'aver portato da Yangshuo solo l'essenziale per un giorno o due, ci incamminiamo lungo un ripido sentiero che presto si allargherà.

Dopo dieci minuti, il sentiero rivela una terrazza. E la terrazza, una vista incredibile sulla distesa gialloverde e rigata tutt'intorno.

Solo Ping'an, Huang Luo e l'uno o l'altro villaggio hanno rotto l'omogeneità di questo modello agricolo tortuoso. Come solo il turismo aveva corrotto lo stile di vita ancestrale dei cinesi di etnie e culture Dong, Zhuang, Yao e Miao da queste parti. E questi sono solo i gruppi principali.

In termini ufficiali, le autorità identificano tredici distinti gruppi indigeni nella regione. Uno in particolare ci interessava molto più degli altri.

Se è vero che lì iniziarono ad affluire estranei per la bellezza delle risaie e il piacere delle lunghe passeggiate, a un certo punto un'eccentricità culturale delle donne Yao, in particolare, iniziò ad attrarre altrettanti o più visitatori.

Donne di Huang Luo, Cina

Trio di donne in abito tradizionale con i lunghi capelli sistemati sulla testa

Secondo varie fonti dei media cinesi, anche se le risaie a terrazze di Longsheng hanno poco più di mezzo millennio, la tribù Yao ha circa duemila anni.

Ora, a un certo punto, le donne Yao hanno consolidato la convinzione comune che i capelli fossero il loro bene più sacro e prezioso, una specie di amuleto di cheratina che presumibilmente garantisce loro longevità, ricchezza e buona fortuna.

I capelli sacri delle donne Yao

Secondo la stessa credenza, i capelli di una donna Yao vengono tagliati due volte nella sua vita: a cento giorni, ea diciotto, nell'ultima occasione, come rituale di maturità. I capelli tagliati sono arricciati e tenuti in ordine. Successivamente viene offerto in dono al futuro marito.

Dopo il matrimonio e il parto, questi capelli vengono utilizzati come estensione arricciata di quello attuale. Segna lo stato e la differenziazione tra una donna sposata e una donna single.

Fino a qualche tempo fa, ad eccezione del marito e dei figli, nessuno poteva vedere i capelli sciolti di una donna. Nel villaggio ci viene detto che se un uomo vedesse i capelli di una donna nubile, dovrebbe trascorrere tre anni nella famiglia di quella donna come genero. Almeno un po' scomoda, questa regola è stata abbandonata alla fine degli anni 80. Non sarà stata l'unica tradizione sacrificata.

La tribù Yao era già formata da circa seicento persone raggruppate dalle quasi ottanta famiglie di oggi. A Longsheng, formano solo un piccolo clan dei 2.6 milioni di Yao sparsi in diverse province cinesi.

Altri discendenti di Yao esistono anche in Laos, a Thailandia, Vietnam e, in piccolo numero, post-emigrati in Canada, Francia e Francia EUA

Gli Yao della regione di Longsheng divennero sedentari e rurali lì. Per molto tempo sono stati considerati poveri per gli standard di queste parti relativamente fertili della Cina.

I capelli più grandi del mondo

Quando i turisti arrivarono per contemplare la bellezza delle terrazze di riso, scoprirono che le donne Yao avevano, rannicchiate sulla testa, capelli molto più lunghi di quelli delle altre tribù, i capelli più lunghi del mondo.

Allungati, la maggior parte dei capelli della tribù misura tra 170 e 200 cm. Bene, questo rende, in generale, Huang Luo il villaggio con i capelli più lunghi sulla faccia della Terra.

Donne a uno spettacolo di Huang Luo, Guangxi, Cina

Un altro momento dello spettacolo di donne con i capelli lunghi di Huang Luo.https://en.wikipedia.org/wiki/Xie_Qiuping

In termini individuali, il più lungo mai registrato tra gli Yao misurava poco più di due metri, tuttavia, incomparabile al record personale di un'altra donna cinese. Nel 2004, Xi Qiuping, aveva una lunghezza di capelli di 5.6 metri.

Le donne Yao iniziarono a chiedere soldi ai turisti per fotografarle. Innanzitutto, solo per le foto. Successivamente, iniziarono a vendere loro artigianato, cartoline e altri beni.

Con gli anni e l'afflusso di estranei, di segreti, i suoi capelli sono diventati uno spettacolo. Pur consapevoli del suo pesante carico commerciale, ne abbiamo approfittato e l'abbiamo guardato.

Uno spettacolo di capelli ben frequentato

Durante la mostra, le donne vestite di nero e di rosso si fanno attorcigliare i capelli. Li lasciano cadere e li pettinano.

Donne con i capelli lunghi di Huang Luo, Guangxi, Cina

Le donne di Huang Luo sfoggiano i loro lunghi capelli a uno spettacolo che hanno organizzato nel loro villaggio.

Si uniscono a loro e formano coreografie con movimenti aggraziati in cui si manipolano ancora a vicenda i capelli. Infine, le avvolgono nel turbante per capelli con cui, per abitudine, le vediamo quotidianamente.

Ma anche gli uomini partecipano alla mostra. All'inizio solo gente del posto, quindi i turisti sono invitati. Ad entrambi, le donne applicano un altro dei loro peculiari riti Yao.

Durante un certo ballo, per dimostrare la loro semplicità e interesse reciproco, si pizzicano la coda. Non tutti gli stranieri sarebbero stati avvertiti. Nessuno si è lamentato.

Dopo lo spettacolo, nonostante i visitatori non parlino i dialetti cinesi e gli autoctoni sappiano poco o nulla dell'inglese o di altre lingue, c'è un momento di convivialità.

Con i biglietti già pagati, gli spettatori hanno diritto a fotografie gratuite ma solo con i capelli delle donne raccolti all'indietro.

In cambio, subito dopo, le donne Yao le costringono a indossare i tradizionali abiti ricamati, valigie, zaini, coperte e molte altre loro mercanzie.

Un altro argomento affascina particolarmente i visitatori stranieri di Huang Luo: cosa fanno le donne Yao per mantenere i capelli così lunghi, sani e lucenti, e senza esemplari bianchi fino a un'età così avanzata, in alcuni casi fino a 80 anni?

Il segreto sta nello straordinario scenario che li circonda, in ciò che li nutre da millenni e che da millenni nutrono i loro capelli: il riso.

Né shampoo né balsami. solo riso

Per un'eternità, l'acqua fermentata dopo aver lavato il riso è stata utilizzata in Oriente sia dalle donne rurali che dalle imperatrici per ottenere capelli esemplari. Con così tanto riso in giro, per le donne Yao, mantenere questa credenza e questa usanza non era un capriccio, era praticamente una mancanza di alternative.

Matriarca di Huang Luo, Guangxi, Cina

Una delle donne di Huang Luo, i suoi lunghi capelli arricciati in un turbante.

Isolata dalle città da montagne e valli e dalla semplice distanza, la penetrazione degli shampoo e persino dei saponi moderni sarebbe stata un fenomeno molto tardo del XX secolo. Allo stesso tempo, se l'acqua di riso garantiva loro capelli immacolati con il vigore aggiunto di una tradizione, perché smettere di usare il riso?

In questi giorni, le donne si riuniscono presso il fiume che attraversa il villaggio e spesso si lavano i capelli in comune. Mescolano il riso glutinoso con l'acqua e si sciacquano delicatamente i capelli fino a renderli molto gelatinosi. Di tanto in tanto, completano questo lavaggio con speciali “trattamenti” con acqua di riso fermentata.

Uno studio condotto negli anni '80 in Giappone - dove i capelli delle donne saranno simili - è giunto alla conclusione che "l'acqua di riso riduce l'attrito sulla superficie capillare e migliora l'elasticità".

Anche gli esperti di capelli lodano Huang Luo

Margaret Trey, esperta di salute, bellezza e benessere al giornale”The Epoch Times” sottolinea che “leggermente amara, l'acqua di riso è ricca di antiossidanti, minerali, vitamina E e un'altra sostanza che solo la fermentazione del riso produce.

Questa combinazione fa molto di più che portare lucentezza ai capelli. Li rende più morbidi, più forti e nel complesso più sani.

Che ci crediate o no, Huang Luo compare da tempo su diverse pagine e blog specializzati in consigli di bellezza con immagini del villaggio, delle donne e, ovviamente, dei loro capelli prodigiosi.

Se meglio informate sul mondo della pubblicità, i capelli delle donne Yao potrebbero guadagnare loro molto di più dei biglietti turistici per spettacoli quotidiani, vendita dei loro prodotti artigianali e cartoline.

Il punto è che i grandi marchi di bellezza vogliono continuare a vendere i loro shampoo, balsami e siliconi, senza rischiare che le donne occidentali inizino a sostituirli con dell'acqua di riso che possono fare in casa.

Dali, Cina

La Cina surrealista di Dalì

Immersa in una magica cornice lacustre, l'antica capitale del popolo Bai è rimasta, fino a qualche tempo fa, un rifugio per la comunità di viaggiatori zaino in spalla. I cambiamenti sociali ed economici di Cina ha incoraggiato l'invasione dei cinesi per scoprire l'angolo sud-ovest della nazione.
Bingling Sì, Cina

La gola dei mille Buddha

Per più di un millennio e almeno sette dinastie, i devoti cinesi hanno esaltato le loro credenze religiose con l'eredità di sculture in uno stretto stretto del fiume Giallo. Coloro che sbarcano alla Gola dei Mille Buddha, potrebbero non trovare tutte le sculture ma trovare uno splendido santuario buddista.
Dunhuang, Cina

Un'oasi nella Cina delle Sabbie

Migliaia di chilometri a ovest di Pechino, la Grande Muraglia ha la sua estremità occidentale e la Cina e altro. Un'inaspettata spruzzata di verde vegetale rompe l'arida vastità circostante. Annuncia Dunhuang, ex avamposto cruciale della Via della Seta, oggi una città intrigante ai piedi delle dune più grandi dell'Asia.
Lijiang, Cina

Una città grigia ma piccola

Viste da lontano, le sue vaste case sono lugubri, ma i secolari marciapiedi e canali di Lijiang sono più popolari che mai. Una volta, questa città brillava come la grande capitale del popolo Naxi. Oggi, inondazioni di visitatori cinesi competono per il quasi parco a tema che è diventato una tempesta.
Lijiang e Yangshuo, Cina

Una Cina impressionante

Zhang Yimou, uno dei più famosi registi asiatici, si è dedicato a grandi produzioni outdoor ed è stato coautore delle cerimonie mediatiche delle Olimpiadi di Pechino. Ma Yimou è anche responsabile di “Impressions”, una serie di allestimenti non meno controversi con palchi in luoghi emblematici.
Lhasa, Tibete

La demolizione della campana del tetto del mondo

Qualsiasi dibattito sulla sovranità è accessorio e una perdita di tempo. Chiunque voglia lasciarsi abbagliare dalla purezza, dall'affabilità e dall'esotismo della cultura tibetana dovrebbe visitare il territorio il prima possibile. L'avidità della civiltà Han che muove la Cina non impiegherà molto a seppellire il Tibet millenario.
Dali, Cina

Flash Mob di moda cinese

L'ora è fissata e il luogo è noto. Quando la musica inizia a suonare, una folla segue la coreografia in modo armonioso fino allo scadere del tempo e ognuno torna alla propria vita.
Viti Levu, Fiji

Cannibalismo e capelli, vecchi passatempi di Viti Levu, Isole Fiji

Per 2500 anni, l'antropofagia ha fatto parte della vita quotidiana alle Fiji. Nei secoli più recenti, la pratica è stata adornata da un affascinante culto dei capelli. Per fortuna rimangono solo le vestigia dell'ultima moda.
Huang Shan, Cina

Huang Shan: Le montagne gialle dei picchi galleggianti

Le cime granitiche delle montagne gialle e fluttuanti di Huang Shan, da cui spuntano i pini acrobati, appaiono in innumerevoli illustrazioni artistiche della Cina. Lo scenario reale, oltre ad essere remoto, rimane più di 200 giorni nascosto sopra le nuvole.
Pechino, Cina

Il cuore del grande drago

È il centro storico incoerente dell'ideologia maoista-comunista e quasi tutti i cinesi aspirano a visitarlo, ma piazza Tianamen sarà sempre ricordata come un macabro epitaffio delle aspirazioni della nazione.
Badaling, Cina

L'invasione cinese della Grande Muraglia cinese

Con l'arrivo delle giornate calde, orde di visitatori Han si impossessano della Grande Muraglia cinese, la più grande struttura creata dall'uomo. Risalgono all'era delle dinastie imperiali e celebrano il protagonismo appena conquistato della nazione.
Tokyo, Giappone

Foto del passaporto giapponese

Alla fine degli anni '80, due multinazionali giapponesi vedevano già le cabine fotografiche convenzionali come pezzi da museo. Le trasformarono in macchine rivoluzionarie e il Giappone si arrese al fenomeno Purikura.
Guilin, Cina

La porta del regno di pietra cinese

L'immensità delle aspre colline calcaree che lo circondano è così maestosa che le autorità di Pechino stampalo sul retro di banconote da 20 yuan. Chi lo esplora passa quasi sempre per Guilin. E anche se questa città nella provincia del Guangxi è diversa dalla natura esuberante che la circonda, abbiamo anche trovato il suo fascino.
Lhasa a Gyantse, Tibete

Gyantse, attraverso le alture del Tibet

L'obiettivo finale è il campo base tibetano dell'Everest. In questo primo percorso, partendo da Lhasa, passiamo dal lago sacro di Yamdrok (4.441 m) e dal ghiacciaio della gola di Karo (5.020 m). A Gyantse ci arrendiamo allo splendore tibetano-buddista dell'antica cittadella.
ippopotami, parco nazionale di chobe, botswana
Safari
PN Chobe, Botswana

Chobe: un fiume al confine tra vita e morte

Chobe segna il divario tra il Botswana e tre dei suoi paesi vicini, Zambia, Zimbabwe e Namibia. Ma il suo letto capriccioso ha una funzione molto più cruciale di questa delimitazione politica.
Bandiere di preghiera a Ghyaru, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 4° – Upper Pisang a Ngawal, Nepal

Da incubo a Dazzle

A nostra insaputa, siamo di fronte a un'ascesa che ci porta alla disperazione. Abbiamo spinto le nostre forze al limite e abbiamo raggiunto Ghyaru dove ci siamo sentiti più vicini che mai all'Annapurna. Il resto della strada per Ngawal sembrava una sorta di estensione della ricompensa.
Bertie a Jalopy, Napier, Nuova Zelanda
Architettura & Design
Napier, Nova Zelândia

Ritorno agli anni '30

Devastato da un terremoto, Napier è stato ricostruito in un Art Deco quasi al piano terra e vive fingendo di essersi fermato negli anni Trenta. I suoi visitatori si arrendono all'atmosfera del Grande Gatsby che trasuda la città.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Aventura
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.
Parata dei nativi americani, Pow Pow, Albuquerque, New Mexico, Stati Uniti
Cerimonie e Feste
Albuquerque, EUA

Il suono dei tamburi, gli indiani resistono

Con oltre 500 tribù presenti, il pow wow "Gathering of the Nations" celebra la sacralità delle culture dei nativi americani. Ma rivela anche il danno inflitto dalla civiltà colonizzatrice.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
Città
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
Il focan di Lola, cibo ricco, Costa Rica, Guapiles
cibo
Il Fogon di Lola, Costa Rica

Il gusto della Costa Rica a El Fogón de Lola

Come suggerisce il nome, Fogón de Lola de Guapiles serve piatti preparati sui fornelli e al forno, secondo la tradizione della famiglia costaricana. In particolare, la famiglia di zia Lola.
Garranos galoppa attraverso l'altopiano sopra Castro Laboreiro, PN Peneda-Gerês, Portogallo
Cultura
Castro Laboreiro, Portogallo  

Da Castro de Laboreiro a Raia da Serra Peneda – Gerês

Siamo arrivati ​​a (i) l'eminenza della Galizia, a 1000 m di altitudine e anche oltre. Castro Laboreiro e i paesi circostanti si stagliano contro la monumentalità granitica delle montagne e del Planalto da Peneda e Laboreiro. Così come le sue persone resilienti che, a volte affidate a Brandas a volte a Inverneiras, chiamano ancora casa questi paesaggi mozzafiato.
Nuoto, Western Australia, Aussie Style, Alba negli occhi
sportivo
Busselton, Australia

2000 metri in stile australiano

Nel 1853 Busselton fu dotata di uno dei pontoni più lunghi del mondo. mondo. Quando la struttura è crollata, i residenti hanno deciso di aggirare il problema. Dal 1996 lo fanno ogni anno. nuoto.
Atterraggio in aereo, spiaggia di Maho, Sint Maarten
In viaggio
Maho Beach, Sint Maarten

La spiaggia caraibica a propulsione a reazione

A prima vista, l'aeroporto internazionale Princess Juliana sembra essere solo un altro dei vasti Caraibi. I successivi atterraggi poco profondi sulla spiaggia di Maho che ne precede la pista, i decolli di jet che distorcono i volti dei bagnanti e li proiettano in mare, ne fanno un caso speciale.
Cibo della capitale asiatica di Singapore, Basmati Bismi
Etnico
Singapore

La capitale asiatica del cibo

C'erano 4 gruppi etnici a Singapore, ognuno con la propria tradizione culinaria. A ciò si aggiunse l'influenza di migliaia di immigrati ed espatriati su un'isola grande la metà di Londra. Si è affermata come la nazione con la più grande diversità gastronomica d'Oriente.
portfolio, Got2Globe, Fotografia di viaggio, immagini, migliori fotografie, foto di viaggio, mondo, Terra
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il migliore al mondo: il portfolio Got2Globe

Goiás Velho, L'eredità della corsa all'oro, Brasile
Storia
Goias Velho, Brasile

Un'eredità della corsa all'oro

Due secoli dopo il periodo d'oro della prospezione, persa nel tempo e nella vastità dell'altopiano centrale, Goiás apprezza la sua ammirevole architettura coloniale, la sorprendente ricchezza che resta da scoprire.
In attesa, vulcano Mauna Kea nello spazio, Big Island, Hawaii
Isole
Mauna Kea, Havai

Mauna Kea: Un vulcano con un occhio nello spazio

Il tetto delle Hawaii era proibito ai nativi perché ospitava divinità benevole. Ma dal 1968 in poi, diverse nazioni sacrificarono la pace degli dei ed eressero la più grande stazione astronomica sulla faccia della Terra.
lago ala juumajarvi, parco nazionale di oulanka, finlandia
bianco inverno
Kuusamo ao P.N. Oulanka, Finlândia

Sotto il freddo incantesimo dell'Artico

Siamo al 66º nord e alle porte della Lapponia. Da queste parti il ​​paesaggio bianco è di tutti e di nessuno come gli alberi innevati, il freddo atroce e la notte senza fine.
Lago Manyara, Parco Nazionale, Ernest Hemingway, Giraffe
Letteratura
PN Lago Manyara, Tanzania

L'Africa preferita di Hemingway

Situato all'estremità occidentale della Rift Valley, il Parco Nazionale del Lago Manyara è uno dei più piccoli ma incantevoli e ricchi di animali selvatici dalla Tanzania. Nel 1933, tra caccia e discussioni letterarie, Ernest Hemingway le dedicò un mese della sua travagliata vita. Raccontati questi avventurosi giorni di safari in "Le verdi colline dell'Africa".
Case in miniatura, Chã das Caldeiras, vulcano Fogo, Capo Verde
Natura
Chã das Caldeiras, Isola del fuoco Capo Verde

Un clan “francese” alla Misericordia del Fuoco

Nel 1870 si fermò un conte nato a Grenoble in viaggio verso l'esilio brasiliano Capo Verde dove le bellezze autoctone lo imprigionarono nell'isola di Fogo. Due dei suoi figli si stabilirono nel mezzo del cratere del vulcano e continuarono a creare prole lì. Nemmeno la distruzione causata dalle recenti eruzioni ha spostato i prolifici Montronds dalla “contea” da loro fondata a Chã das Caldeiras.    
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Adoratori accendono candele, tempio della Grotta di Milarepa, circuito dell'Annapurna, Nepal
Parchi Naturali
Circuito dell'Annapurna: dal 9° Manang a Grotta di Milarepa, Nepal

Una passeggiata tra acclimatamento e pellegrinaggio

In toto Circuito dell'Annapurna, arriviamo finalmente a Manang (3519 m). abbiamo ancora bisogno acclimatarsi per i tratti più alti che sono seguiti, abbiamo iniziato un altrettanto spirituale viaggio verso una grotta nepalese a Milarepa (4000 m), rifugio di un siddha (saggio) e santo buddista.
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Viaggi in barca

Per coloro che si stancano di navigare in rete

Sali a bordo e lasciati trasportare da imperdibili gite in barca come l'arcipelago filippino di Bacuit e il mare ghiacciato del Golfo di Botnia finlandese.
aggie grey, samoa, pacifico meridionale, Marlon Brando Fale
personaggi
Apia, Samoa Occidentali

La padrona di casa del Pacifico meridionale

venduto hamburger ai GI nella seconda guerra mondiale e ha aperto un hotel che ha accolto Marlon Brando e Gary Cooper. Aggie Grey è morta nel 2, ma la sua eredità di ospitalità sopravvive nel Pacifico meridionale.
Cahuita, Costa Rica, Caraibi, spiaggia
Spiagge
Cahuita, Costa Rica

Un ritorno adulto a Cahuita

Durante un tour con lo zaino in spalla in Costa Rica nel 2003, ci siamo dilettati nel calore caraibico di Cahuita. Nel 2021, dopo 18 anni, siamo tornati. Oltre a una prevista ma misurata modernizzazione e ispanizzazione del persone, poco altro era cambiato.
Capo Espichel, Santuario di Senhora do Cabo, Sesimbra,
Religione
Lagoa de Albufeira ao Capo Espichel, Sesimbra, Portogallo

Pellegrinaggio a un Capo di Culto

Dall'alto dei suoi 134 metri di altezza, Cabo Espichel rivela una costa atlantica tanto drammatica quanto sbalorditiva. Partendo dalla Lagoa de Albufeira verso nord, sotto la costa dorata, ci avventuriamo attraverso più di 600 anni di mistero, misticismo e venerazione del suo aparecida Nossa Senhora do Cabo.
Composizione ferroviaria Flam sotto una cascata, Norvegia
Veicoli Ferroviari
nesbyen a Flamm, Norvegia

Ferrovia Flam: la Norvegia sublime dalla prima all'ultima stazione

Su strada ea bordo della Flam Railway, su una delle linee ferroviarie più ripide del mondo, raggiungiamo Flam e l'ingresso del Sognefjord, il più grande, il più profondo e il più venerato dei fiordi della Scandinavia. Dal punto di partenza all'ultima stazione, questa Norvegia che abbiamo svelato è monumentale.
Corsa di renne, Kings Cup, Inari, Finlandia
Società
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
Restituzione nella stessa valuta
Vita quotidiana
Dawki, India

Dawki, Dawki, Bangladesh in vista

Scendiamo dalle terre alte e montuose di Meghalaya alla pianura a sud e in basso. Lì, il flusso traslucido e verde del Dawki forma il confine tra India e Bangladesh. Sotto un caldo umido che non sentivamo da molto tempo, il fiume attira anche centinaia di indiani e bengalesi dediti a una pittoresca fuga.
Scimmia urlatrice, PN Tortuguero, Costa Rica
Animali selvatici
P.N. Tortuguero, Costa Rica

Tortuguero: dalla giungla allagata al Mar dei Caraibi

Dopo due giorni di stallo a causa di piogge torrenziali, siamo partiti alla scoperta del Parco Nazionale del Tortuguero. Canale dopo canale, ammiriamo la ricchezza naturale e l'esuberanza di questo ecosistema fluviale in Costa Rica.
I suoni, Parco Nazionale di Fiordland, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Fiordland, Nova Zelândia

I fiordi degli antipodi

Una stranezza geologica ha reso la regione del Fiordland la più cruda e imponente della Nuova Zelanda. Anno dopo anno, molte migliaia di visitatori adorano il sottodominio patchwork tra Te Anau e Milford Sound.