Lagoa de Albufeira ao Capo Espichel, Sesimbra, Portogallo

Pellegrinaggio a un Capo di Culto


La grande Laguna di Albufeira
Cozze Disseminate
I bagnanti della Laguna
Foz Meandro
Il Santuario di Capo Espichel
Il Santuario del Capo
Eremo della memoria
Signora Maria do Carmo
la nave
Il faro
Il guardiano del faro Baptista Pinto
La Chiesa del Capo
Case di Capo Espichel
Rovine graffite
Notte sul Santuario
Cordiali saluti
barca asciutta
Modanatura
cozza
Praia do Moinho de Baixo
Dall'alto dei suoi 134 metri di altezza, Cabo Espichel rivela una costa atlantica tanto drammatica quanto sbalorditiva. Partendo dalla Lagoa de Albufeira verso nord, sotto la costa dorata, ci avventuriamo attraverso più di 600 anni di mistero, misticismo e venerazione del suo aparecida Nossa Senhora do Cabo.

In un pomeriggio come tanti che preannunciano e anticipano l'estate, il susseguirsi delle maree ha aggiunto il suo contributo.

Ha concesso a pochi fortunati bagnanti il ​​privilegio di una delizia immacolata.

La maggior parte era concentrata su una raccolta comunitaria di bivalvi, sparsi lungo le coste fangose ​​che la bassa marea aveva quasi lasciato scoperte.

Affacciato sugli stagni di cozze che galleggiavano a monte, su acque profonde, vicine a quindici metri che fanno di Albufeira la laguna più profonda del Portogallo.

I deliziosi meandri di Foz da Lagoa de Albufeira

Alcuni erano principalmente interessati allo svago anfibio con cui, nella sua particolarità effimera, la bocca li tratteneva.

La marea si è spenta. Con essa l'acqua della laguna scorreva, a velocità ragionevole, attraverso i meandri che la separavano dall'oceano, solcati in una vastità di sabbia alluvionale.

Una coppia si è divertita a guardare il loro cane esaminare e testare il torrente, ansiosa di vederli di nuovo dall'altra parte.

Un altro, lasciarsi trasportare dalla corrente, in un delizioso galleggiare al mare. Bande di bambini vagavano e incrociavano la bocca più e più volte, dediti a lavori e missioni che l'infanzia ha promosso a epiche senza eguali.

Man mano che la laguna si prosciugava, le onde dell'Atlantico, color smeraldo, si dissolvevano, alcune contro il punto di contatto dei due specchi d'acqua, altre contro la base del cordone dunale che rende alta la spiaggia.

A un ritmo più veloce delle maree, gli aerei ci sorvolavano avvicinandosi alla foce del Tago e all'aeroporto di Lisbona.

Mentre esploravamo la costa dorata della penisola di Setúbal, abbiamo continuato a seguirli con i nostri occhi. Abbiamo svelato i segreti dei loro percorsi.

Da Lagoa de Albufeira ad Aldeia do Meco

Siamo passati da Aldeia do Meco. Ancora sotto una debole traccia di brezza, trovammo le sue spiagge con un moto ondoso quasi poco profondo, come non avevamo mai visto lì.

In un giorno feriale primaverile, i visitatori potevano essere contati sulle dita di una mano, mentre partecipavano a marce lungo il mare, sopra e sotto le dune di Praia do Moinho de Baixo.

Mancavano bagnanti in costume da bagno e nudisti che, giunti all'Estio, lo riempiono e si godono le Spiagge naturiste di Rio da Prata, Bicas, Foz e Rebenta Bois.

Da quest'ultimo, verso sud, le scogliere si impossessano della restante costa, fino al promontorio dove l'Altra Fascia si tuffa nell'Atlantico.

E poi, sulla strada per Cabo Espichel

Questo, il solitario Cabo Espichel, era il destino che ci attendeva.

Il lungo viale. delle Forze Armate lascia il cuore di Aldeia do Meco e le sue strade fiancheggiate da ristoranti e snack bar. A poco a poco, sale alle terre più alte della penisola.

Da qualche parte tra Pinheirinhos e Aldeia Nova, si unisce ad Av. 25 aprile rivolto ad Azoia. Presto entriamo nel dominio del Parco Naturale di Arrábida.

Un serpente zigzaga più della strada. Davanti a loro, una madre pernice sta lottando per guidare una nidiata di pulcini esitanti.

Infine, in quel che restava di lontananza, si intravede il faro che illumina il promontorio. E poi, il viale irregolare a forma di U, fiancheggiato dalle locande del Santuario di Nª Srª do Cabo.

 Il guardiano di tanto tempo fa Dª Maria do Carmo

La crociera all'ingresso lascia pochi dubbi sulla sfera del divino che ci accoglie. Quando entriamo nella chiesa che chiude l'U, capiamo subito quanto di un essere umano fosse incaricato di quel divino.

A causa della persistente pandemia, Dª Maria do Carmo è rimasta seduta al suo posto, protetta da un acrilico che le salvaguardava la vista.

"Guarda, non puoi fare foto!" ricordava, con enfasi raddoppiata, ogni volta che i visitatori facevano finta di non essersi accorti del divieto alla porta.

“Questo è tutto, ogni giorno, credi? è crollato, con noi, quando si è reso conto che, pur avendo le telecamere, rispettiamo le regole e aspettiamo un'apposita autorizzazione già richiesta dalla Diocesi.

“Vedi, ci sono anche alcuni che vengono qui e, quando si rendono conto che non possono fare foto, fanno subito il broncio. Dopotutto, per cosa vieni qui?"

Nonostante i frequenti arrivi e partenze di credenti e visitatori, ci dà la sensazione che Dª Maria do Carmo starebbe meglio con una compagnia stabile e colloquiale.

Il nostro inaspettato interesse per gli affari ecclesiastici, le credenziali con cui siamo arrivati ​​dal Municipio di Sesimbra, le generano fiducia.

La esortano a impegnarsi in una conversazione bonaria e quasi senza cerimonie.

“Questo qui è sempre stato complicato”, spiega la guardiana, come introduzione a una cascata di complicazioni e disavventure, alcune delle quali è stata protagonista. Altri che ha visto accadere e altri che non ha nemmeno visto.

"Dopo il 25 aprile, è stato un disastro completo". racconta la signora, del nord del paese, riferendosi al lungo periodo in cui gli opportunisti della zona presero il santuario dalla Chiesa e si rifiutarono di sgomberarlo.

"Penso che sia stato solo verso la fine degli anni '80 o addirittura l'inizio degli anni '90 che le cose si sono calmate e il governo ha inviato la GNR qui per correre con queste persone".

Qualche tempo dopo, l'IPPAR si è occupata del recupero e della manutenzione del santuario, ma qui è così isolato. Non è stato facile."

L'isolamento e la mancanza di protezione del santuario di Nª Srª do Cabo hanno permesso, ad esempio, di rubare una delle campane della chiesa.

E, come se non bastasse, quando una piaga di furti di arte sacra si diffuse in Portogallo, la perdita di un Sant'Antonio recentemente restaurato.

Alla scoperta del Santuario di Nossa Senhora do Cabo

Era uno dei due santi adagiati ai lati dell'altare e la statua dorata della Vergine Maria, un livello sotto Cristo sulla croce e lo stemma di Quinas che si interpone tra Madre e Figlio.

Più di mezzo millennio fa, Maria ha giustificato l'omaggio monumentale che ci siamo dedicati a esplorare. Secondo Dª Maria do Carmo, credente in Maria e nei miracoli, ci assicura, la Vergine non permise, per più di un'occasione, che la sua immagine fosse rubata.

“Una volta, l'auto in cui l'avrebbero trasportata si è rotta proprio qui mentre usciva. Hanno deciso di riportarla indietro. In un altro, quando i ladri si stavano preparando a portarla via, Babbo Natale ha voltato loro le spalle. Nella fretta e nell'angoscia in cui hanno commesso il crimine, non hanno potuto riconoscere dove si trovavano e si sono arresi».

La leggenda narra che il Babbo Natale sia apparso nel 1410.

In quella data fu ritrovata un'immagine di lui sulle scogliere di Pedra da Mua.

Pedra da Mua, poi celebrata anche per la quasi miracolosa conservazione delle impronte dei dinosauri sauropodi che, si stima, più di 145 milioni di anni fa, passarono per fare il bagno nell'oceano al largo della costa.

L'effettivo riconoscimento dell'apparizione ha ufficializzato l'importanza dell'immagine ritrovata e della Pedra da Mua.

Sempre nel XIV secolo fu costruita una cappella con la funzione di custodire l'immagine, permettendo ai fedeli di lodarla.

nella zona attuale Sesimbra, a Lisbona e dintorni e ad ovest della capitale, il numero di fedeli e pellegrini è aumentato notevolmente. La zona di saloia fondò la propria comunità credente, il Círio Saloio.

In un primo momento, attorno alla cappella furono costruite diverse case, destinate ad accoglierle.

Dal 1715 al 1757, queste case improvvisate sostituirono le Casas dos Círios, un insieme di pensioni sul lato nord, costruite per ospitare i maggiordomi che arrivavano incaricati di garantire il bodo, integrate da case a schiera e stabilimenti che commerciavano in mestieri più convenienti.

A un certo punto, la Chiesa e la Corona ritenevano che la cappella, oggi nota come Ermida da Memória, fosse di per sé al di sotto della grandezza religiosa dell'Apparizione.

L'estensione del Santuario dalla piccola Ermida

Di conseguenza, tra il 1701 e il 1707, durante il regno di D. Pedro II, dettarono la costruzione della Chiesa di Nossa Senhora do Cabo che Dª Maria do Carmo è responsabile della custodia.

Nel tempo arricchirono e rifornirono il santuario, il Teatro dell'Opera (ora in rovina), la Mãe d'Água e l'Acquedotto Cabo Espichel.

Nonostante secolari difficoltà logistiche, il Culto di Nostra Signora del Capo resta vivo e in buona salute.

A parte la fede che suscita, ci sono diversi storici e autori che vi dedicano studi intensi, pubblicazioni esplicative e altri, romanzati ad esso.

Da queste parti, non solo il Santuario di Nª Srª do Cabo Espichel illumina l'Umanità.

Il faro provvidenziale di Cabo Espichel

Arrivando alle tre del pomeriggio, il guardiano del faro Baptista Pinto ci accoglie all'ingresso del faro dove abita, vestito con una divisa sui toni del blu.

Lo accompagniamo in un giro alla base del faro, tenendo d'occhio macchinari curiosi, tra cui un vecchio frigorifero in marmo che pesava tonnellate.

Abbiamo salito 135 gradini di pietra e 15 gradini di ferro fino alla cima della torre di 32 metri.

Lì, il guardiano del faro Pinto ci mostra il funzionamento ingegnoso ma semplice dell'impianto di illuminazione, che viene regolarmente mantenuto ma non molto problematico.Capo Espichel, guardiano del faro Baptista Pinto, Sesimbra,

Ci spiega come il faro fosse provvidenziale per le navi che navigavano in mare aperto, ma non solo. Fino agli ultimi anni del sec. Nel XNUMX° secolo, la costa portoghese era così priva di fari che le navi straniere la chiamavano "costa nera".

Da quel momento in poi, il marchese di Pombal dettò la costruzione di una rete nazionale che comprendesse il faro di Cabo Espichel, completato nel 1790, uno dei più antichi del Portogallo.

Mentre esploriamo il promontorio circostante, ci rendiamo nuovamente conto del passaggio degli aerei e di come, proprio lì sopra, curvassero verso il bacino del Tago e si dirigessero verso l'aeroporto di Lisbona. Ne abbiamo discusso con Baptista Pinto.

Entusiasta del nostro interesse, il guardiano del faro conferma che la luce del faro si è diffusa non solo nell'Oceano Atlantico ma anche nel cielo.

Ha aiutato i piloti a seguire le rotte più sicure verso la vecchia Portela e verso altre destinazioni.

Proprio come il Santuario di Cabo Espichel per secoli ha portato i credenti a seguire le vie del Divino.

 

DOVE ALLOGGIARE A SESIMBRA:

Quattro punti di Sheraton Sesimbra

Quattro punti Sesimbra

Tel.: + 351 21 051 8370

Sesimbra, Portogallo

Un villaggio toccato da Midas

Non sono solo Praia da California e Praia do Ouro a chiuderla a sud. Al riparo dalle furie dell'Atlantico occidentale, dotata di altre insenature immacolate e dotata di fortificazioni secolari, Sesimbra è oggi un prezioso paradiso per la pesca e la balneazione.
Isola Pico, Azzorre

Isola Pico: il vulcano delle Azzorre con l'Atlantico ai suoi piedi

Per un semplice capriccio vulcanico, la più giovane macchia delle Azzorre è proiettata all'altezza della roccia e della lava del territorio portoghese. L'isola di Pico ospita la sua montagna più alta e affilata. Ma non solo. È una testimonianza della resilienza e dell'ingegnosità delle Azzorre che hanno domato questa splendida isola e l'oceano che la circonda.
São Miguel, Azzorre

Isola di São Miguel: splendide Azzorre, per Natura

Una biosfera immacolata che le viscere della Terra modellano e riscaldano è esposta, a São Miguel, in formato panoramico. São Miguel è la più grande delle isole portoghesi. Ed è un'opera d'arte della Natura e dell'Uomo piantata nel mezzo del Nord Atlantico.
Di Santa Maria, Azzorre

Santa Maria: Isola Madre delle Azzorre Ce n'è solo una

Fu il primo dell'arcipelago ad emergere dal fondo dei mari, il primo ad essere scoperto, il primo e unico a ricevere Cristoforo Colombo e un Concorde. Questi sono alcuni degli attributi che rendono speciale Santa Maria. Quando l'abbiamo visitato, ne abbiamo trovati molti di più.
Isola Terceira, Azzorre

Isola di Terceira: viaggio attraverso un arcipelago delle Azzorre

Fu chiamata l'Isola di Gesù Cristo e da tempo irradia il culto del Divino Spirito Santo. È sede di Angra do Heroísmo, la città più antica e splendida dell'arcipelago. Ci sono solo due esempi. Gli attributi che rendono unica l'isola di Terceira sono impareggiabili.
Isola di Flores, Azzorre

I confini atlantici delle Azzorre e del Portogallo

Laddove, a ovest, anche sulla mappa le Americhe sembrano remote, Ilha das Flores ospita l'ultimo idilliaco-drammatico dominio delle Azzorre e quasi quattromila Florian si sono arresi all'abbagliante fine del mondo che li ha accolti.
Castro Laboreiro, Portogallo  

Da Castro de Laboreiro a Raia da Serra Peneda - Gerês

Siamo arrivati ​​a (i) l'eminenza della Galizia, a 1000 m di altitudine e anche oltre. Castro Laboreiro e i paesi circostanti si stagliano contro la monumentalità granitica delle montagne e del Planalto da Peneda e Laboreiro. Così come le sue persone resilienti che, a volte affidate a Brandas a volte a Inverneiras, chiamano ancora casa questi paesaggi mozzafiato.
Sistelo, Peneda-Gerês, Portogallo

Dal "Piccolo Tibet portoghese" alle fortezze del mais

Lasciamo le scogliere di Srª da Peneda, ci dirigiamo ad Arcos de ValdeVez e ai villaggi che un erroneo immaginario ha chiamato Piccolo Tibet portoghese. Da questi villaggi terrazzati si passa ad altri famosi per custodire, come tesori d'oro e sacri, le spighe che raccolgono. Il percorso stravagante rivela la natura splendente e la fertilità verde di queste terre di Peneda-Gerês.
Gerês Fields -Terras de Bouro, Portogallo

Attraverso Campos do Gerês e Terras de Bouro

Continuiamo in un lungo tour a zigzag attraverso i domini di Peneda-Gerês e Bouro, dentro e fuori il nostro Parco Nazionale unico. In questa una delle zone più idolatrate del nord del Portogallo.
Montalegre, Portogallo

Attraverso Alto do Barroso, Cima di Trás-os-Montes

ci muoviamo da Terras de Bouro per quelli di Barroso. Con sede a Montalegre, partiamo alla scoperta di Paredes do Rio, Tourém, Pitões das Júnias e del suo monastero, splendidi villaggi in cima al confine di Portogallo. Se è vero che Barroso aveva già più abitanti, i visitatori non dovrebbero mancare.
Porto Santo, Portogallo

Sia lodata l'Isola di Porto Santo

Scoperta durante una mareggiata in tempesta, Porto Santo resta un provvidenziale rifugio. Numerosi aerei che il tempo devia dalla vicina Madeira ne garantiscono l'atterraggio. Come ogni anno, migliaia di vacanzieri si arrendono alla morbidezza e all'immensità della spiaggia dorata e all'esuberanza del paesaggio vulcanico.
Pico do Arieiro - Pico Ruivo, legno, Portogallo

Da Pico Arieiro a Pico Ruivo, sopra un mare di nuvole

Il viaggio inizia con un'alba sfolgorante a 1818 m, sopra il mare di nuvole che abbraccia l'Atlantico. Segue un'escursione tortuosa, in saliscendi che termina all'apice dell'isola lussureggiante di Pico Ruivo, a 1861 metri.
Paul do Mar a Ponta do Pargo a Achadas da Cruz, Madeira, Portogallo

Alla scoperta del Finisterre di Madeira

Curva dopo curva, tunnel dopo tunnel, arriviamo al soleggiato e festoso sud di Paul do Mar. Ci viene la pelle d'oca con la discesa verso il vertiginoso rifugio di Achadas da Cruz. Saliamo di nuovo e ammiriamo il promontorio finale di Ponta do Pargo. Tutto questo, nella parte occidentale di Madeira.
Sentiero Terra Chã e Pico Branco, Porto Santo

Pico Branco, Terra Chã e altri capricci di Ilha Dourada

Nel suo angolo nord-est, Porto Santo è qualcos'altro. Con le spalle rivolte a sud e verso la sua ampia spiaggia, scopriamo una costa montuosa, ripida e persino boscosa, piena di isolotti che punteggiano un Atlantico ancora più blu.
Graciosa, Azzorre

Vostra Grazia a Gracious

Infine, sbarchiamo a Graciosa, la nostra nona isola delle Azzorre. Anche se meno drammatica e verde dei suoi vicini, Graciosa conserva un fascino atlantico tutto suo. Coloro che hanno il privilegio di viverla, traggono da quest'isola del gruppo centrale una stima che durerà per sempre.
Corvo, Azzorre

L'incredibile rifugio atlantico sull'isola di Corvo

17 km2 di un vulcano sommerso in una caldera verde. Un villaggio solitario basato su una fajã. Quattrocentotrenta anime accoccolate dalla piccolezza della loro terra e dallo sguardo del prossimo Flores. Benvenuti nella più impavida delle isole Azzorre.
São Jorge, Azzorre

Da Fajã a Fajã

Nelle Azzorre abbondano lembi di terra abitabile ai piedi di grandi scogliere. Nessun'altra isola ha tante fajãs come le oltre 70 della snella ed elevata São Jorge. Fu in loro che si stabilirono i jorgenses. Le loro indaffarate vite atlantiche si basano su di loro.
Funchal, Madeira

Portale di un Portogallo quasi tropicale

Madeira si trova a meno di 1000 km a nord del Tropico del Cancro. E la lussureggiante esuberanza che le è valsa il soprannome di isola giardino dell'Atlantico emerge in ogni angolo della sua ripida capitale.
Ponta de São Lourenço, Madeira, Portogallo

L'East End, qualcosa di extraterrestre a Madeira

inospitale, dai toni ocra e dalla terra cruda, Ponta de São Lourenço appare spesso come la prima vista di Madeira. Quando la percorriamo, rimaniamo abbagliati soprattutto da ciò che non è la più tropicale delle isole portoghesi.
Valle del Furna, São Miguel

Il caldo delle Azzorre della Valle del Furnas

Siamo rimasti sorpresi, nell'isola più grande delle Azzorre, da una caldera tagliata da piccole fattorie, massiccia e profonda al punto da ospitare due vulcani, un'enorme laguna e quasi duemila abitanti di San Paolo. Pochi luoghi nell'arcipelago sono, allo stesso tempo, grandiosi e accoglienti come la verde e fumosa Vale das Furnas.
Parco Nazionale di Amboseli, Monte Kilimangiaro, Collina di Normatior
Safari
P.N. Amboseli, Kenia

Un regalo del Kilimangiaro

Il primo europeo ad avventurarsi in queste terre Masai rimase sbalordito da ciò che trovò. E ancora oggi grandi branchi di elefanti e altri erbivori vagano alla mercé dei pascoli innevati della più grande montagna africana.
Bandiere di preghiera a Ghyaru, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 4° – Upper Pisang a Ngawal, Nepal

Da incubo a Dazzle

A nostra insaputa, siamo di fronte a un'ascesa che ci porta alla disperazione. Abbiamo spinto le nostre forze al limite e abbiamo raggiunto Ghyaru dove ci siamo sentiti più vicini che mai all'Annapurna. Il resto della strada per Ngawal sembrava una sorta di estensione della ricompensa.
Architettura & Design
Cimiteri

L'ultima dimora

Dalle grandiose tombe di Novodevichy, a Mosca, alle ossa Maya inscatolate di Pomuch, nella provincia messicana di Campeche, ogni popolo vanta il suo modo di vivere. Anche nella morte.
Mushing completo del cane
Aventura
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.
4 luglio Fireworks-Seward, Alaska, Stati Uniti
Cerimonie e Feste
Seward, Alaska

Il 4 luglio più lungo

L'indipendenza degli Stati Uniti viene celebrata a Seward, in Alaska, in modo modesto. Anche così, il 4 luglio e la sua celebrazione sembrano non avere fine.
Manichini e pedoni si riflettevano
Città
San Giovanni, Antigua

La città caraibica di Saint John

Situata in una baia di fronte a quella dove l'Ammiraglio Nelson fondò i suoi strategici Nelson Dockyards, Saint John divenne il più grande insediamento di Antigua e un trafficato porto di crociere. I visitatori che esplorano oltre l'artificiale Heritage Quay scoprono una delle capitali più autentiche dei Caraibi.
Mercato del pesce di Tsukiji, tokyo, giappone
cibo
Tokyo, Giappone

Il mercato del pesce che ha perso freschezza

In un anno, ogni giapponese mangia più del suo peso di pesce e crostacei. Dal 1935 una parte considerevole è stata lavorata e venduta nel più grande mercato ittico del mondo. Tsukiji è stato terminato nell'ottobre 2018 e sostituito da Toyosu's.
La sposa entra in macchina, il matrimonio tradizionale, il tempio Meiji, Tokyo, Giappone
Cultura
Tokyo, Giappone

Un santuario del matchmaking

Il Tempio Meiji di Tokyo è stato costruito per onorare gli spiriti divinizzati di una delle coppie più influenti della storia giapponese. Nel tempo si è specializzata nella celebrazione dei matrimoni tradizionali.
Spettatore, Melbourne Cricket Ground-Regole di calcio, Melbourne, Australia
sportivo
Melbourne, Australia

Calcio dove gli australiani regolano le regole

Sebbene praticato dal 1841, il football australiano conquistò solo una parte della grande isola. L'internazionalizzazione non è mai andata oltre la carta, frenata dalla concorrenza del rugby e del calcio classico.
Scenario marziano del deserto bianco, Egitto
In viaggio
Deserto Bianco, Egitto

La scorciatoia egiziana per Marte

In un momento in cui la conquista del vicino del sistema solare è diventata un'ossessione, una parte orientale del deserto del Sahara ospita un vasto paesaggio correlato. Invece dei 150-300 giorni stimati necessari per raggiungere Marte, decollamo dal Cairo e, in poco più di tre ore, facciamo i primi passi nell'Oasi di Bahariya. Intorno, quasi tutto ci fa sentire il tanto agognato Pianeta Rosso.
Case in miniatura, Chã das Caldeiras, vulcano Fogo, Capo Verde
Etnico
Chã das Caldeiras, Isola del fuoco Capo Verde

Un clan “francese” alla Misericordia del Fuoco

Nel 1870 si fermò un conte nato a Grenoble in viaggio verso l'esilio brasiliano Capo Verde dove le bellezze autoctone lo imprigionarono nell'isola di Fogo. Due dei suoi figli si stabilirono nel mezzo del cratere del vulcano e continuarono a creare prole lì. Nemmeno la distruzione causata dalle recenti eruzioni ha spostato i prolifici Montronds dalla “contea” da loro fondata a Chã das Caldeiras.    
fotografia di luce solare, sole, luci
Portfolio fotografico Got2Globe
Luce Naturale (parte 2)

Un Sole, Tante Luci

La maggior parte delle foto di viaggio vengono scattate alla luce del sole. La luce del sole e il tempo formano un'interazione capricciosa. Scopri come prevederlo, rilevarlo e utilizzarlo al meglio.
Treno della fine del mondo, Terra del Fuoco, Argentina
Storia
Ushuaia, Argentina

Ultima stagione: Fine del mondo

Fino al 1947 i Tren del Fin del Mundo fecero innumerevoli viaggi per far tagliare legna da ardere ai detenuti del carcere di Ushuaia. Oggi i passeggeri sono diversi ma nessun altro treno passa più a sud.
Little Big Senglea II
Isole
Senglea, Malta

La città maltese con più Malta

A cavallo del 8.000° secolo Senglea accoglieva 0.2 abitanti in 2 km3.000, un record europeo, oggi conta “solo” XNUMX cristiani di quartiere. È la più piccola, affollata e genuina delle città maltesi.
Controllo corrispondenza
bianco inverno
Rovaniemi, Finlândia

Dalla Lapponia finlandese all'Artico, Visita alla Terra di Babbo Natale

Stanchi di aspettare che il vecchio barbuto scendesse dal camino, abbiamo ribaltato la storia. Abbiamo approfittato di un viaggio nella Lapponia finlandese e siamo passati davanti alla sua casa nascosta.
José Saramago a Lanzarote, Isole Canarie, Spagna, Glorieta de Saramago
Letteratura
Lanzarote, Isole Canarie, Spagna

La Zattera di Basalto di José Saramago

Nel 1993, frustrato dal disprezzo del governo portoghese per il suo lavoro “Il Vangelo secondo Gesù Cristo”, Saramago si trasferì con la moglie Pilar del Río a Lanzarote. Di ritorno in questa isola delle Canarie un po' extraterrestre, abbiamo ritrovato la nostra casa. E il rifugio dalla censura a cui lo scrittore si trovò condannato.
Machangulo, Mozambico, tramonto
Natura
Machangulo, Mozambico

La penisola d'oro di Machangulo

Ad un certo punto, un braccio di mare divide in due la lunga striscia sabbiosa ricca di dune iperboliche che delimita la baia di Maputo. Machangulo, come viene chiamata la parte inferiore, ospita una delle coste più magnifiche del Mozambico.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Camiguin, Filippine, mangrovia di Katungan.
Parchi Naturali
Camiguin, Filippine

Un'isola di fuoco si arrese all'acqua

Con più di venti coni sopra i 100 metri, il brusco e lussureggiante, Camiguin ha la più alta concentrazione di vulcani di qualsiasi altra delle 7641 isole filippine o del pianeta. Ma, negli ultimi tempi, nemmeno il fatto che uno di questi vulcani sia attivo ha turbato la quiete della sua vita rurale, di pescatori e, per la gioia degli estranei, di fare una forte balneazione.
Isola di Robben Island, Apartheid, Sud Africa, Portico
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Isola di Robben, Sud Africa

L'Isola dell' Apartheid

Bartolomeu Dias fu il primo europeo ad intravedere Robben Island, attraversando il Capo delle Tempeste. Nel corso dei secoli i coloni lo trasformarono in manicomio e prigione. Nelson Mandela se ne andò nel 1982 dopo diciotto anni di carcere. Dodici anni dopo, divenne il primo presidente nero del Sudafrica.
La maschera di Zorro in mostra durante una cena presso la Pousada Hacienda del Hidalgo, El Fuerte, Sinaloa, Messico
personaggi
El Fuerte, Sinaloa, Messico

La Culla di Zorro

El Fuerte è una città coloniale nello stato messicano di Sinaloa. Nella sua storia verrà ricordata la nascita di Don Diego de La Vega, si dice che in un palazzo del paese. Nella sua lotta contro le ingiustizie del giogo spagnolo, Don Diego si trasformò in un sfuggente uomo mascherato. A El Fuerte avrà sempre luogo il leggendario “El Zorro”.
Isola Martinica, Antille francesi, Monumento caraibico Cap 110
Spiagge
Martinique, Antille Francesi

Baguette caraibiche sotto il braccio

Vaghiamo per la Martinica con la stessa libertà dell'Euro e le bandiere tricolori sventolano sovrane. Ma questo pezzo di Francia è vulcanico e lussureggiante. Appare nel cuore insulare delle Americhe e ha un delizioso sapore d'Africa.
Glamour vs Fede
Religione
Goa, India

L'ultimo rantolo di morte della Portogallo di Goa

L'importante città di Goa ha già giustificato il titolo di "Roma d'Oriente” quando, a metà del XVI secolo, epidemie di malaria e colera votarono per abbandonarlo. Nova Goa (Pangim) con cui è stato scambiato ha raggiunto la sede amministrativa dell'India portoghese ma è stata annessa dall'Unione indiana post-indipendenza. In entrambi, il tempo e la negligenza sono disturbi che ora languono l'eredità coloniale portoghese.
Composizione ferroviaria Flam sotto una cascata, Norvegia
Veicoli Ferroviari
nesbyen a Flamm, Norvegia

Ferrovia Flam: la Norvegia sublime dalla prima all'ultima stazione

Su strada ea bordo della Flam Railway, su una delle linee ferroviarie più ripide del mondo, raggiungiamo Flam e l'ingresso del Sognefjord, il più grande, il più profondo e il più venerato dei fiordi della Scandinavia. Dal punto di partenza all'ultima stazione, questa Norvegia che abbiamo svelato è monumentale.
Tombola, Street Bingo - Campeche, Messico
Società
Campeche, Messico

Un Bingo così divertente che giochi con le bambole

Il venerdì sera, un gruppo di signore occupa i tavoli del Parque Independencia e scommette sulle sciocchezze. I piccoli premi escono in combinazioni di gatti, cuori, comete, maracas e altre icone.
Casario, città alta, Fianarantsoa, ​​​​Madagascar
Vita quotidiana
Fianarantsoa, Madagascar

La città malgascia della buona educazione

Fianarantsoa fu fondata nel 1831 da Ranavalona Iª, regina dell'allora predominante etnia Merina. Ranavalona I è stato visto dai contemporanei europei come isolazionista, tirannico e crudele. A parte la reputazione del monarca, quando entriamo, la sua antica capitale meridionale rimane il centro accademico, intellettuale e religioso del Madagascar.
Fattoria São João, Pantanal, Miranda, Mato Grosso do Sul, tramonto
Animali selvatici
Fattoria Sao Joao, Miranda, Brasile

Pantanal con il Paraguay in vista

Quando l'azienda agricola Passo do Lontra ha deciso di espandere il proprio ecoturismo, ha reclutato l'altra azienda agricola di famiglia, São João. Più lontano dal fiume Miranda, quest'altra proprietà rivela un remoto Pantanal, ai margini del Paraguay. Dal paese e dal fiume omonimo.
Passeggeri, voli panoramici - Alpi meridionali, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Aoraki Monte Cook, Nova Zelândia

La conquista aeronautica delle Alpi meridionali

Nel 1955, il pilota Harry Wigley creò un sistema per il decollo e l'atterraggio su asfalto o neve. Da allora, la sua compagnia ha svelato, dall'alto, alcuni degli scenari più magnifici dell'Oceania.