Chihuahua a Creel, Chihuahua, Messico

Sulla via di Creel


Giro a cavallo alle tre
Vaquero corre lungo il lato della strada che collega Chihuahua a Cuahutemoc.
il mennonita
Abraham Peters posa accanto a un poster con l'albero genealogico dei suoi antenati.
La valle del fiume Oteros
Profondi meandri di uno dei tanti fiumi che attraversano la Sierra de Tarahumara e le Barrancas del Cobre.
Rarámuris nella Valle de Los Monjes
Irene, Angelica, Mirta ed Elsa alla base delle rocce della Valle de los Monjes.
Irene
Donna Rarámuri vestita con gli abiti colorati che questo popolo indossava.
Lago dell'Arareco
Lago Arareco, tra i vasti pini della Sierra de Tarahumara.
Vendite a Twilight
Rapariga Rarámuri espone il suo artigianato, davanti alla chiesa della Missione di San Ignacio.
Donna Raramuri
Donna Rarámuri infagottata contro il freddo ancora mite del territorio della Sierra Tarahumara.
Valle dei Monjes
Scogliere aguzze sfidano i pini della Sierra Tarahumara per la supremazia dei cieli.
La casa di Dona Catalina
Rosana e la figlia alla porta della casa-cueva di Dona Catalina.
Rosana & Figlia
Rosana e la figlia in un angolo della casa-cueva di Dona Catalina.
L'intimità di Raramuri
Il bambino Rarámuri tenuto sulla schiena dalla madre, impegnata a vendere oggetti di artigianato.
Donne Rarámuri in modalità Artigiano
Le giovani donne Rarámuri producono artigianato sulle rive del lago Arareco.
Rarámuri Donna con artigianato
Un grosso mazzo di collane nelle mani di una commessa Rarámuri.
Con Chihuahua all'indietro, indichiamo il sud-ovest e le terre ancora più alte nel nord del Messico. Accanto a Ciudad Cuauhtémoc, abbiamo visitato un anziano mennonita. Intorno a Creel, abbiamo vissuto per la prima volta con la comunità indigena Rarámuri della Serra de Tarahumara.

Abbiamo iniziato il viaggio su strada, guidati da Pedro Palma Gutiérrez, guida e avventuriero della regione.

Abbiamo attraversato un vasto altopiano, a oltre 1500 m di altitudine. Tuttavia, ci siamo arrampicati attraverso gli infiniti frutteti di mele che riforniscono gran parte del Messico.

Arriviamo nei pressi di Ciudad Cuauhtémoc, a 2060 m, considerata la porta della Sierra de Tarahumara.

Invece di entrare in città, abbiamo proseguito attraverso una prateria coltivata e, a un certo punto, costellata di case e altri edifici, dai toni sobri, anche un po' lugubri.

Al volante, Pedro Palma, cerca di riorientarsi, alla ricerca dell'immobile che ci interessava. Abbiamo superato i magazzini dove erano parcheggiati grandi camion in stile TIR. E, più avanti, da un altro edificio allungato dall'aspetto prefabbricato.

Una domenica mattina, uomini, donne e bambini si sono radunati lì, arrivando pick up fattorie e ingombranti furgoni. “Qui si incontrano per il servizio religioso”, ci informa Pedro Palma. “La casa del nostro ospite è già lì, ci ha fatto il favore speciale di accoglierci.”

Abbiamo sgombrato la porta di un'altra fattoria aperta. Un Chihuahua nero è strano per gli estranei. Sfreccia ai margini della tenuta, deciso a proteggere il suo territorio con latrati striduli.

Abbiamo camminato ancora un po'. Pedro Palma passa in vantaggio. Ci porta all'interno della fattoria che segue.

Il proprietario non era ancora uscito da quella convivialità, così abbiamo cercato e fotografato la cosa più interessante che abbiamo trovato lì, un vecchio carro traboccante di pannocchie gialle, abbrustolito dal sole invernale.

Visita preprogrammata alla casa di una famiglia mennonita

Siamo in questo culto, quando il allevatore appare, parcheggia il suo furgone e ci saluta. Pedro Palma, presentaci Abraham Peters, il nostro ospite. L'unico ospite e guida ufficiale per innumerevoli visitatori che arrivano incuriositi dalla vita a parte la comunità mennonita di Cuauhtémoc.

Accoglierli e guidarli è diventata una passione che ha completato il lavoro agricolo di Abraham Peters nel 2003, quando un team di giornalisti tedeschi ha bussato alla sua porta, chiedendo indicazioni per i luoghi più interessanti della zona.

Abraham ci invita a casa sua, una casa senza pretese, fatta di materiali non organici, arredata e decorata con un mix di oggetti e tesori moderni, diplomi, vecchie immagini della famiglia e altri antenati.

L'anziano si trova in un angolo della casa, accanto a un poster del suo albero genealogico. Incorniciato lì, spiega che sua moglie e l'unica figlia che viveva ancora con loro si stavano incontrando in quella riunione della domenica mattina, motivo per cui solo Abramo ci ricevette.

Diverse domande dopo, ci racconta come lui e i mennoniti fossero finiti lì, tutto da solo, una folgorante lezione di storia.

Dai Paesi Bassi al Chihuahua, la lunga richiesta di pace dei mennoniti

Come per i quaccheri e altri gruppi religiosi, ciò che spinse in Messico questi seguaci anabattisti del teologo frisone Menno Simons fu l'urgenza di proteggersi dal reclutamento forzato generato dal diffondersi della prima guerra mondiale.

Nella loro lunga e continua diaspora, i Mennoniti si trasferirono dapprima dai Paesi Bassi alla Prussia. Dalla Prussia alla Russia, da dove, nella seconda metà dell'XNUMX, si recarono in Canada, soprattutto in Manitoba, e in Stati Uniti.

“Andava tutto bene…”, ci racconta Abraham “… fino a quando non è scoppiata la prima guerra mondiale e il Canada ha iniziato a inviare truppe di rinforzo agli Alleati. Qualche tempo dopo, i canadesi non erano d'accordo sul fatto che non fossimo reclutati. Sotto pressione, il governo ci ha spinto al muro. Siamo stati costretti a cercare altre fermate”.

Mesi dopo, un dignitario messicano del presidente Álvaro Obregon fece sapere che il Messico aveva bisogno di persone per coltivare vaste aree del nord e che avrebbe facilitato l'accoglienza dei mennoniti.

Nel 1922, i mennoniti acquistarono ampi tratti di terra da quello che è oggi stato del chihuahua. Vi si stabilirono circa 1300 famiglie, ciascuna con i propri cavalli, carri e conoscenze agrarie.

La stessa che ha arricchito la più grande comunità mennonita del Messico, oggi, con 45mila abitanti, produttori delle mele che abbiamo visto lungo il percorso, bovini e latticini, macchine agricole, mobili, prodotti metallurgici e, più recentemente, anche centri commerciali, alberghi e ristoranti.

Trascorso molto tempo, Pedro Palma intervenne e pose fine alla visita.

Carlos Venzor e il suo vasto Museo Rancho

Salutiamo Abraham Peters quando uno dei suoi vicini non mennoniti, Dom Carlos Venzor, un allevatore collezionista, che suggerì a Pedro Palma di visitare la sezione museale della sua fattoria.

Pedro Palma è d'accordo. Lì abbiamo trovato un po' di tutto: vecchi trattori, furgoni, distributori di benzina, mobili e televisori, strumenti musicali e, in alcuni casi, chissà cosa.

Dom Carlos Venzor sognava che il museo facesse parte dell'insolito percorso turistico dei mennoniti del Chihuahua.

A modo nostro, contribuiamo a renderlo realtà.

Siamo arrivati ​​all'ora di pranzo.

Senza allontanarci troppo dal percorso previsto, ci siamo fermati in una pizzeria di proprietà di mennoniti che serviva pizze fatte con ingredienti prodotti dalla comunità, in particolare il famoso formaggio Chihuahua, che lì viene servito in abbondanza.

Di Chihuahua in alto, in direzione di Creel

Dopo il pasto, si prosegue verso Creel, sempre a curve, un tratto significativo del percorso, fedele ai meandri del fiume Oteros, tra villaggi e paesini un po' malandati, incastrati tra le due sponde e il fondovalle.

Creel, già a quota 2350 m, proprio in cima alla Sierra Madre Occidental, non ci vorrà molto. È lì che dormiamo. Fino al tramonto, abbiamo fatto un tour dei luoghi più emblematici della zona.

Il lago Arareko si rivela uno specchio d'acqua molto verde, circondato da una degna pineta.

Lì vediamo, in lontananza, dei visitatori che la stanno solcando in barca a remi.

Appena scesi dal furgone, abbiamo il nostro primo contatto con la prodigiosa etnia Rarámuri o Tarahumara, il secondo nome, adattato dalla sub-montagna (chiamiamola così) che compone il Sierra Madre Occidentale.

Sono donne e bambini. In una loquace convivialità che li aiuta a passare il tempo e a prendersi cura dei propri figli, producendo al contempo i colorati oggetti di artigianato che li sostengono.

Gli strani pinnacoli rocciosi della valle dei monaci

Dal lago, viaggiamo in modalità fuoristrada, zigzagando tra i pini fino a raggiungere la base di un'altra famigerata roccaforte della regione, Vale dos Monges.

I bambini e le donne Rarámuri ci danno il benvenuto di nuovo, questa volta più determinati a fare affari.

Pedro ci mostra l'inizio di un sentiero che serpeggiava tra rocce sottili e alte, alcune di sessanta metri, in risalto contro l'azzurro del cielo, ben al di sopra della pin-immensità circostante.

Una piccola famiglia di Tarahumara ci segue a una certa distanza, con passi morbidi ma decisi, segnati dal loro modo di essere e di vivere dolce e stoico.

Siamo finiti per trovarci ai piedi di una formazione di frati che si affaccia sugli altri. Irene e sua figlia Angélica, Mirta e la discendente Elsa ci mostrano bracciali e simili, o che li fotografiamo.

Cediamo volentieri ai suggerimenti.

Mentre scegliamo i braccialetti, rinnoviamo un bonario chiacchiericcio che scalda il tramonto improvviso e luminoso.

La Missione di San Ignacio, sull'Ultima Strada per Creel

Il crepuscolo era ancora blu nel sierra quando Pedro si ferma di nuovo, accanto a una chiesa di pietre accatastate, nel cuore di un campo pieno di umili case.

Il tempio era l'edificio principale della missione di San Ignacio, fondata dai Gesuiti nel corso del XNUMX° secolo e che, inoltre, conserva le sue lapidi sul retro della chiesa.

Non sorprende che l'atrio fosse conteso anche da donne e ragazze Rarámuri, dedite alla loro particolare missione di vendere artigianato.

È già notte fonda quando entriamo a Creel.

Creel è stata fondata nel 1907, mentre Stazione di cantra, poco più di un deposito e fonte di approvvigionamento di legname dal chihuahua al pacifico, prende il nome dal governatore dello stato di Chihuahua dell'epoca, Enrique Creel.

Oggi rimane una stazione centrale della linea e la base logistica più importante per chi viene a scoprire il territorio di Rarámuri e, con l'intenzione di recarsi a El Fuerte o Los Mochis nel CHEPE espresso.

Ci riscaldiamo davanti al camino in uno degli hotel più apprezzati del villaggio, l'Eco. Nonostante il nome, ci siamo ripresi dal freddo sotto una collezione di insinuanti teste di animali.

Ma abbiamo dormito accoglienti e coccolati dal comfort del legno e della pietra del luogo.

Dª Casa della Grotta di Catalina, ancora Entre Rarámuris

La mattina seguente, già a un buon chilometro da Creel, abbiamo deviato dalla strada principale per vedere come alcuni Rarámuri continuassero a usare le grotte come abitazioni.

A casa grotta di Reª Catalina divenne l'esempio più famoso. Tornammo a serpeggiare tra i pini. Fino al bordo del vasto burrone del fiume Oteros.

Lì, su una cima nascosta della scogliera, troviamo una stanza fatta di tronchi addossati a un muro di pietra e un vecchio albero con tronchi contorti.

Mancava l'attenta decorazione dell'Eco hotel.

Tuttavia, oltre a Dona Catalina, vi abitavano in quel momento alcuni membri della famiglia.

Comprese la nipote Rosenda e la pronipote Melissa, una bambina di un anno che dormiva profondamente, poco o nulla disturbata dalle chiacchiere generalizzate.

Alcuni outsider scommettevano sul capire, dalla bocca delle hostess, com'era vivere lì, quando le temperature del Sierra Madre fino a meno dieci, venti gradi.

Rosenda si limita a indicare la legna da ardere e le specie di salamandra che riscaldavano la casa grotta. Completa la spiegazione con un'alzata di spalle indifferente, come se tale stupore non avesse senso.

Nei giorni successivi, alle porte del Copper Canyon condizioni inospitali alle quali i Rarámuri si sono adattati, lo stupore in cui ci trovavamo tutti sarebbe solo rafforzato.

chihuahua, Messico

Oh Chihuahua!

I messicani adattarono l'espressione come una delle loro espressioni preferite di sorpresa. Quando scopriamo la capitale dell'omonimo stato del Nordovest, lo esclamiamo spesso.
Copper Canyon, Chihuahua, Messico

Il profondo Messico delle Barrancas del Cobre

Senza preavviso, gli altopiani del Chihuahua lasciano il posto a infiniti burroni. Sessanta milioni di anni geologici li hanno scavati e li hanno resi inospitali. Gli indigeni Rarámuri continuano a chiamarli a casa.
Cantra a Los Mochis, Messico

Barrancas de Cobre, Ferrovia

Il rilievo della Sierra Madre Occidental ha trasformato il sogno in un incubo di costruzione durato sei decenni. Nel 1961, finalmente, il prodigioso Ferrovia Chihuahua al Pacifico era aperto. I suoi 643 km attraversano alcuni dei paesaggi più spettacolari del Messico.
Taos, EUA

Il Nord America ancestrale di Taos

Viaggiando attraverso il New Mexico, siamo rimasti abbagliati dalle due versioni di Taos, quella del villaggio indigeno di adobe di Taos Pueblo, uno dei villaggi della EUA abitato più a lungo e continuamente. E quella di Taos, la città che i conquistatori spagnoli lasciarono in eredità alla Messicoo Messico cedette a Stati Uniti e che una comunità creativa di discendenti nativi e artisti migranti migliora e continua a lodare.
Navajo Nation, EUA

Attraverso Navajo Nation Lands

Da Kayenta a Page, passando per Marble Canyon, esploriamo l'altopiano del Colorado meridionale. Drammatica e desertica, le ambientazioni di questo dominio indigeno ritagliato in Arizona si rivelano magnifiche.
Monument Valley, EUA

Indiani o Cowboy?

I produttori iconici di western come John Ford hanno immortalato quello che è il più grande territorio dei nativi americani negli Stati Uniti. Oggi, nella Navajo Nation, i Navajo vivono anche nei panni di vecchi nemici.
Coba a Pac Chen, Messico

Dalle rovine ai Lares Maya

Nella penisola dello Yucatan, la storia del secondo popolo indigeno messicano più grande si intreccia con la loro vita quotidiana e si fonde con la modernità. A Cobá siamo passati dalla cima di una delle sue antiche piramidi al cuore di un villaggio dei nostri tempi.
Tulum, Messico

Le rovine Maya più caraibiche

Costruita in riva al mare come un eccezionale avamposto decisivo per la prosperità della nazione Maya, Tulum fu una delle ultime città a soccombere all'occupazione ispanica. Alla fine del XNUMX° secolo, i suoi abitanti l'abbandonarono al tempo ea una costa impeccabile della penisola dello Yucatan.
Serengeti, Great Savanna Migration, Tanzania, gnu nel fiume
Safari
P.N. Serengeti, Tanzania

La grande migrazione della savana infinita

In queste praterie che dicono i Masai siringat (corri per sempre), milioni di gnu e altri erbivori inseguono le piogge. Per i predatori, il loro arrivo e quello del monsone sono la stessa salvezza.
Aurora illumina la Pisang Valley, Nepal.
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 3°- Upper Pisang, Nepal

Un'inaspettata alba nevosa

Ai primi accenni di luce, la vista del manto bianco che aveva ricoperto durante la notte il paese ci abbaglia. Con una delle escursioni più dure sul circuito dell'Annapurna in vista, abbiamo posticipato la partenza il più a lungo possibile. Infastiditi, abbiamo lasciato Upper Pisang per Ngawal quando l'ultima neve se n'era andata.
Luderitz, Namibia
Architettura & Design
Luderitz, Namibia

Wilkommen in Africa

Il cancelliere Bismarck ha sempre disprezzato i possedimenti d'oltremare. Contro la sua volontà e contro ogni previsione, nel bel mezzo della Corsa all'Africa, il mercante Adolf Lüderitz costrinse la Germania a conquistare un angolo inospitale del continente. L'omonima città prosperò e conserva uno dei patrimoni più eccentrici dell'impero germanico.
Aventura
Viaggi in barca

Per coloro che si stancano di navigare in rete

Sali a bordo e lasciati trasportare da imperdibili gite in barca come l'arcipelago filippino di Bacuit e il mare ghiacciato del Golfo di Botnia finlandese.
Scena di Natale, Shillong, Meghalaya, India
Cerimonie e Feste
Shillong, India

Selfie di Natale in una fortezza cristiana in India

Arriva dicembre. Con una popolazione in gran parte cristiana, lo stato di Meghalaya sincronizza la sua Natività con quella occidentale ed è in contrasto con il sovraffollato subcontinente indù e musulmano. Shillong, la capitale, brilla di fede, felicità, jingle bells e illuminazione brillante. Per l'abbagliamento dei vacanzieri indiani di altre parti e fedi.
Scirocco, Arabia, Helsinki
Città
Helsinki, Finlândia

Il design che è venuto dal freddo

Con gran parte del territorio sopra il Circolo Polare Artico, i finlandesi rispondono al clima con soluzioni efficienti e un'ossessione per l'arte, l'estetica e il modernismo ispirati dalla vicina Scandinavia.
cibo
Cibo del Mondo

Gastronomia Senza Frontiere né Pregiudizi

Ogni popolo, le sue ricette e prelibatezze. In certi casi, gli stessi che deliziano intere nazioni ne disgustano molti altri. Per chi viaggia per il mondo, l'ingrediente più importante è una mente molto aperta.
Easter Seurassari, Helsinki, Finlandia, Marita Nordman
Cultura
Helsinki, Finlândia

La Pasqua Pagana di Seurasaari

Anche a Helsinki il Sabato Santo viene celebrato in modo gentile. Centinaia di famiglie si radunano su un'isola al largo della costa, attorno a falò accesi per spaventare gli spiriti maligni, le streghe e i troll.
Bungee jumping, Queenstown, Nuova Zelanda
sportivo
Queenstown, Nova Zelândia

Queenstown, regina degli sport estremi

nel secolo XVIII, il governo kiwi ha proclamato villaggio minerario dell'Isola del Sud"degno di una regina". Oggi, lo scenario estremo e le attività rafforzano lo stato maestoso della sempre impegnativa Queenstown.
Nuovo Galles del Sud Australia, passeggiata sulla spiaggia
In viaggio
Da Batemans Bay a Jervis Bay, Australia

Il Nuovo Galles del Sud, di baia in baia

Lasciata Sydney alle spalle, ci siamo abbandonati alla “South Coast” australiana. Lungo 150km, in compagnia di pellicani, canguri e altre peculiari creature aussie, ci lasciamo perdere su una costa tagliata tra splendide spiagge e infiniti boschetti di eucalipti.
I musicisti di Karanga si uniscono alle rovine del Grande Zimbabwe, Zimbabwe
Etnico
Grande ZimbabweZimbabwe

Grande Zimbabwe, Piccola Danza Bira

I nativi Karanga del villaggio di KwaNemamwa mostrano le tradizionali danze Bira ai visitatori privilegiati delle rovine del Grande Zimbabwe. Il luogo più iconico dello Zimbabwe, quella che, dopo la proclamazione dell'indipendenza della Rhodesia coloniale, ispirò il nome della nuova e problematica nazione.  
Tramonto, Viale dei Baobab, Madagascar
Portfolio fotografico Got2Globe

Giorni come tanti altri

portfolio, Got2Globe, Fotografia di viaggio, immagini, migliori fotografie, foto di viaggio, mondo, Terra
Storia
Cape Coast, Gana

Il Festival della Purificazione Divina

La storia racconta che, a volte, una pestilenza ha devastato la popolazione della Cape Coast di oggi Gana. Solo le preghiere dei sopravvissuti e la purificazione del male operata dagli dei avranno posto fine al flagello. Da allora, i nativi hanno restituito la benedizione delle 77 divinità della tradizionale regione di Oguaa con il frenetico festival Fetu Afahye.
Palme a San Cristobal de La Laguna, Tenerife, Isole Canarie
Isole
Tenerife, Isole Canarie

A est dell'isola di White Mountain

La quasi triangolare Tenerife ha il suo centro dominato dal maestoso vulcano Teide. Alla sua estremità orientale, c'è un altro aspro dominio, tuttavia, sede della capitale dell'isola e di altre città inevitabili, foreste misteriose e incredibili coste scoscese.
Geotermico, calore islandese, terra di ghiaccio, geotermico, laguna blu
bianco inverno
Islândia

Il calore geotermico dell'isola di ghiaccio

La maggior parte dei visitatori apprezza i paesaggi vulcanici islandesi per la loro bellezza. Gli islandesi traggono anche da loro calore ed energia vitale che portano alle porte dell'Artico.
Premio Kukenam
Letteratura
Monte Roraima, Venezuela

Viaggia nel tempo nel mondo perduto di Monte Roraima

In cima al Monte Roraima, ci sono scenari extraterrestri che hanno resistito a milioni di anni di erosione. Conan Doyle ha creato, in "The Lost World", una fiction ispirata al luogo ma non è mai riuscito a calpestarla.
Scogliere sopra la Valle della Desolazione, vicino a Graaf Reinet, Sud Africa
Natura
Graaf Reinet, Sud Africa

Una lancia boera in Sud Africa

All'inizio del periodo coloniale, esploratori e coloni olandesi erano terrorizzati dal Karoo, una regione di grande caldo, grande freddo, grandi inondazioni e grandi siccità. Fino a quando la Compagnia olandese delle Indie orientali non fondò lì Graaf-Reinet. Da allora, la quarta città più antica del nazione arcobaleno prosperò in un affascinante crocevia della sua storia.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
I suoni, Parco Nazionale di Fiordland, Nuova Zelanda
Parchi Naturali
Fiordland, Nova Zelândia

I fiordi degli antipodi

Una stranezza geologica ha reso la regione del Fiordland la più cruda e imponente della Nuova Zelanda. Anno dopo anno, molte migliaia di visitatori adorano il sottodominio patchwork tra Te Anau e Milford Sound.
Coppia in visita a Mikhaylovskoe, il villaggio dove lo scrittore Alexander Pushkin aveva una casa
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
San Pietroburgo e Michaylovskoe, Russia

Lo scrittore che ha ceduto alla sua stessa trama

Alexander Pushkin è lodato da molti come il più grande poeta russo e il fondatore della moderna letteratura russa. Ma Pushkin ha anche dettato un epilogo quasi tragicomico alla sua vita prolifica.
Visitatori della casa di Ernest Hemingway, Key West, Florida, Stati Uniti
personaggi
Key West, Stati Uniti

Parco giochi caraibico di Hemingway

Espansivo come sempre, Ernest Hemingway ha definito Key West "il posto migliore in cui sia mai stato...". Nelle profondità tropicali degli Stati Uniti contigui, ha trovato l'evasione e un divertimento folle e ubriaco. E l'ispirazione per scrivere con intensità da abbinare.
Barche con fondo di vetro, Kabira Bay, Ishigaki
Spiagge
Ishigaki, Giappone

Tropici giapponesi insoliti

Ishigaki è una delle ultime isole del trampolino di lancio che si estende tra Honshu e Taiwan. Ishigakijima ospita alcune delle spiagge e dei paesaggi costieri più incredibili di queste parti dell'Oceano Pacifico. I sempre più giapponesi che li visitano si divertono a fare il bagno poco o meno.
Preghiera che brucia, Festival di Ohitaki, Tempio di Fushimi, Kyoto, Giappone
Religione
Kyoto, Giappone

Una fede combustibile

Durante la celebrazione shintoista di Ohitaki, i fedeli giapponesi raccolgono preghiere incise su tavolette nel tempio di Fushimi. Lì, mentre viene consumato da enormi falò, la sua fede si rinnova.
Una storia di trenino
Veicoli Ferroviari
Siliguri a Darjeeling, India

Il trenino himalayano funziona ancora seriamente

Né la forte pendenza di alcuni tratti né la modernità lo fermano. Da Siliguri, alle pendici tropicali della grande catena montuosa asiatica, a Darjeeling, con le sue cime in vista, il più famoso dei trenini indiani regala, giorno dopo giorno, un arduo viaggio da sogno. Percorrendo la zona, ci imbarchiamo e ci lasciamo incantare.
mini snorkeling
Società
Isole Phi Phi, Thailandia

Torna a Danny Boyle Beach

Sono passati 15 anni dal debutto del classico autostoppista tratto dal romanzo di Alex Garland. Il film ha reso popolari i luoghi in cui è stato girato. Poco dopo, alcuni di loro scomparvero temporaneamente ma letteralmente dalla mappa, ma oggi la loro controversa fama rimane intatta.
Visitatori a Talisay Ruins, Negros Island, Filippine
Vita quotidiana
Talisay città, Filippine

Monumento a un Amore Luso-Filippino

Alla fine del 11° secolo, Mariano Lacson, un contadino filippino, e Maria Braga, una donna portoghese di Macao, si innamorarono e si sposarono. Durante la gravidanza di quello che sarebbe diventato il suo undicesimo figlio, Maria ha ceduto a una caduta. Distrutto, Mariano costruì un palazzo in suo onore. Nel bel mezzo della seconda guerra mondiale, il palazzo fu bruciato, ma le eleganti rovine sopravvissute perpetuano la loro tragica relazione.
Tartaruga appena nata, PN Tortuguero, Costa Rica
Animali selvatici
P.N. Tortuguero, Costa Rica

Una notte all'asilo nido Tortuguero

Il nome della regione del Tortuguero ha una ragione evidente e antica. Le tartarughe marine dell'Atlantico e dei Caraibi si sono riversate a lungo sulle spiagge di sabbia nera della sua stretta costa per deporre le uova. In una delle notti trascorse a Tortuguero, abbiamo assistito alle loro nascite frenetiche.
Mushing completo del cane
Voli panoramici
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.