Tenerife, Isole Canarie

A est dell'isola di White Mountain


L'Auditorium Santa Cruz
Bagnante in topless seguito da cani mascotte, davanti all'auditorium della capitale di Tenerife.
tenerife tropicale
Mini palmeto nel cuore del centro storico di La Laguna.
Dal giorno alla notte
Il sole tramonta a ovest di Playa Benijo, nel sud-ovest di Tenerife.
Pittura del punto di vista
La pittura dona più colore a una pietra in cima al Miradouro Las Gaviotas, a Tenerife.
Quasi notte a Benijo
Colori quasi notturni con la bassa marea sulla spiaggia di Benijo.
La Teresitas
La grande spiaggia e la principale località balneare della capitale di Tenerife, Santa Cruz.
Los Roques fanno Bodyboard
I bodyboarder si godono le onde lunghe a Playa Los Roques.
Casa di Sant'Andrea
L'insolito pueblo de San Andrés, arroccato su un ripido pendio nel sud di Tenerife.
Villaggio Taganana
Le file di case di Taganana e dei paesi vicini, adattate ai pendii drammatici del sud di Tenerife.
Paesaggio balneare di Teresita
Un angolo sportivo di Playa de Teresita, la principale località balneare della capitale Santa Cruz de Tenerife.
Anaga atterra
Montagne e valli boscose e aride del dominio di Anaga.
Uno dei tanti palazzi che compongono il nucleo storico di San Cristobal de La Laguna.
Los Roques
L'alta marea di Los Roques genera onde in diverse direzioni.
playa roques
Bagnante solitario che prende il sole su una spiaggia rocciosa vicino a Los Roques.
La quasi triangolare Tenerife ha il suo centro dominato dal maestoso vulcano Teide. Alla sua estremità orientale, c'è un altro aspro dominio, tuttavia, sede della capitale dell'isola e di altre città inevitabili, foreste misteriose e incredibili coste scoscese.

Il sole usciva a malapena da dietro le colline a est, ma il Città di los Adelantados è pronto a recuperare la frenesia quotidiana, nei momenti giusti, piacevoli che abbiamo notato e che abbiamo notato di nuovo.

Questo soprannome deriva dal fatto che, ai suoi albori, il paese fu fondato e governato da un certo Adelantado Alonso Fernández de Lugo, il conquistatore andaluso delle isole di Tenerife e La Palma che li consegnò alla Corona di Castiglia-Aragona, ora libera dalla minaccia degli indigeni Guanche.

De Lugo ha ricevuto il titolo di Adelantado. È passato alla storia soprattutto per la crudeltà e l'ossessione con cui ha imposto la sua guida di governatore e capo della giustizia di entrambe le isole.

E per come fece lavorare e sviluppare San Cristóbal de La Laguna, all'epoca e per qualche tempo, capitale delle Isole Canarie, città dove si trova la sua tomba.

In suo onore, in quella che oggi viene chiamata solo La Laguna, almeno una strada e una piazza da cui prendono il nome cirandamos dell'Adelantado.

È passato più di mezzo millennio. Gran parte del cuore di La Laguna è pedonale.

Conserva la grandezza e l'eleganza del pastello di molti altri villaggi delle Isole Canarie, finanziato con le entrate che gli otto Isole tuttavia garantivano la Corona e i loro padroni coloniali.

In modo tale che La Laguna sia, allo stesso tempo, la Capitale Culturale delle Isole Canarie e, dal 1999, Patrimonio universale dell'UNESCO.

Da San Cristobal de La Laguna all'Isola d'Oriente

Abbiamo incontrato la guida che ci era stata assegnata per Tenerife, Juan Miguel Delporte, nella hall del La Laguna Grande Hotel.

Questa struttura risultava da un uso quasi perfetto della casa originaria (1755) di D. Fernando de La Guerra, abitazione dove, temendo anche l'Inquisizione, i cosiddetti “Los Caballeritos", tertuliani che desiderava ardentemente che Tenerife fosse governata secondo i precetti proscritti dal Sant'Uffizio di Rousseau, Voltaire e altri illuminati.

Juan Miguel si offre di guidarci. Quella stessa mattina, abbiamo lasciato La Laguna diretti al Parco Rurale e alla Foresta di Anaga.

In prossimità di Jardina e Mercedes, un'ampia vallata lascia il posto a un pendio boscoso. Siamo saliti a zigzag, lentamente, lentamente, dietro ai ciclisti che si allenano lì.

Ci fermiamo. Al Mirador de Jardina ci siamo goduti il ​​paesaggio nella direzione opposta, disteso e diffuso in una foschia che avvolse fino al El Teide, il grande vulcano di Tenerife, da Isole Canarie e dalla Spagna.

In lontananza, basato su un dolce declivio e su quello che sembra essere un grande prato, il villaggio di Jardina ha più senso per il belvedere, costituito da un grappolo di case multicolori dai toni caldi, con qualche bianco e blu a spezzare il monotonia.

La costa maleducata e brusca del nord-est di Tenerife

Da questo tipo di prato, l'est di Tenerife si evolve in una foresta con un ripido pendio, irrigata dalla nebulosità che gli Alísios spingono nell'isola.

Tutt'intorno, vediamo la soglia orientale di Tenerife ceduta al Massiccio di Anaga, tagliata da una catena montuosa di cime aguzze, alcune sopra i 1000 metri (Chinobre, Anambro, Roques de Anaga e altre).

Dove la vegetazione si aggrappa a efficienti radici, proliferano i boschi del Parco Rurale di Anaga, Riserva della Biosfera, una foresta in pendenza, resiliente, ricca di misteri e specie endemiche, uno dei luoghi in Europa con più endemismo, va sottolineato. .

Allo stesso tempo, una casa capricciosa ed esigente di 2.500 anime, abitanti di quasi trenta piccoli persone, con le sue roccaforti agricole e zootecniche.

Si percorre il suo crinale verde, con la nebbia che entra da nord, poi trattenuta dalle cime evidenziate a sud. All'altezza di El Bailadero, iniziamo una brusca e tortuosa discesa verso il ripido mare dell'isola.

Lungo la strada, ci fermiamo ai punti panoramici di León de Taganana e "Risco de Amogoje". Da lì, possiamo apprezzare le vette e le rientranze drammatiche in cui erano ospitate le case di Azanos, Bajo El Roque e, naturalmente, Taganana.

Abbiamo attraversato Taganana. la continuazione di strada Almaciga ci lascia prima di fronte all'Atlantico, poi procede parallelamente all'oceano, ai piedi di scogliere prosciugate dalla lunga estate, dove spicca l'emblematico Roque de las Animas.

Con tempo ventoso ma riscaldato da una nuova ondata di cacima (tempo proveniente dal deserto del Sahara), più che vivace, la vita era ancora deliziosa in queste parti di Tenerife.

Arrivati ​​a Playa del Roque de Las Bodegas, troviamo il lungomare della baia pieno di bagnanti, surfisti e ospiti ai tavoli dei bar e ristoranti che soddisfano la fame e la sete della folla in fuga.

Da Playa del Roque all'abbagliante Benijo

Suonano timbri di viola e jambé, smorzati da altri molto più elettronici di reggaeton che ha spazzato il mondo come una travolgente ondata di marea portoricana.

Con la marea in aumento, le onde si infrangono sulla base della diga con un ruggito. Mentre tornano indietro, si scontrano con i seguenti.

Formano strani vettori acquatici, fronti temporanei di schiuma marina che contrastano con l'oscurità vulcanica della sabbia e che vediamo estendersi fino alle rocce di Roque de Las Bodegas che danno il nome alla spiaggia.

Surfisti e bodyboarder si gettano nel mare selvaggio come se il mare di domani non fosse lo stesso. Accanto, un solitario bagnante prende il sole, sdraiato su una minuscola macchia di sabbia grigia persa in un mare di ciottoli.

Con la mattina già molto più lunga del previsto, ci siamo seduti al ristorante Playa Casa Africa determinati a ricostituire le nostre energie. Il pesce alla griglia viene fornito con patate rugose e un'insalata mista arricchita con frutta. Abbiamo anche assaggiato il caffè piccolo bar (o zaperoco) tipico di Tenerife, arricchito con Tia Maria, Licor 43 o simili, e limone.

Poi, diamo un'occhiata alla spiaggia di Benijo, un luogo inevitabile nell'adolescenza di Juan Miguel, capiremo in seguito il perché. A quel punto, l'alta marea aveva portato via gran parte della sabbia e del fascino. Ok, siamo tornati un altro giorno, per il tramonto.

La sabbia nera era enorme. Da esso si proiettavano scogliere aguzze battute da grandi onde.

Quando il sole tramontava a ovest, queste scogliere generavano ampie sagome che rivaleggiavano con quelle delle cime aguzze in lontananza.

Hanno dato vita a giochi di luci e ombre estreme che hanno ispirato innumerevoli foto, selfie, intervallati da tropelie e tuffi.

Las Teresitas: la ricreazione balneare della capitale Santa Cruz

Ma torniamo al pomeriggio che ha preceduto questo magico crepuscolo. Dopo un'altra maratona di curve e controcurve, torniamo a El Bailadero. Da lì siamo scesi per il versante opposto a quello che avevamo esplorato, verso la costa sud di Tenerife.

Affrontiamo il mare dolce da quel lato, al Mirador Gaviotas, in alto sopra Playa de Las Teresitas, una baia aperta di sabbia dorata importata dal Sahara, con un mare color smeraldo, addolcito da un grande molo e da una scogliera artificiale perfetta per ogni tipo di nuoto.

Da solo, la località balneare Las Teresitas dà più significato alla vita a Santa Cruz de Tenerife e centri storici.

La spiaggia non si ferma qui.

A sud-ovest, è chiusa dalla città di San Andrés, una delle più eccentriche dell'isola, con le sue case bianche e colori assortiti, rannicchiata quasi in cima a una collina marrone scuro di Anaga, punteggiata di cespugli verdi.

San Andrés va oltre.

A parte la sua gente e le case contemporanee, una mummia di un indigeno Guanche, non necessariamente reale, è stata trovata in una grotta vicina, anche se fonti recenti hanno scoperto che il re dei Guanci all'epoca della conquista spagnola abitava la Valle di San Andrés.

Giriamo intorno alla collina su cui si appoggia il paese. D'altra parte, per pochi chilometri, il sud di Tenerife diventa porto e un po' industriale.

Ingresso a Santa Cruz, la capitale dell'estensione La Laguna

Fino a quando non siamo entrati nella capitale Santa Cruz e ci siamo sentiti per la prima volta in un dominio urbano e moderno dell'isola. Santa Cruz manca del fascino e della profondità storica di La Laguna. Per compensare, Santa Cruz vive sull'oceano e il suo lungomare è coronato da due monumenti imperdibili nelle Isole Canarie.

Il Castillo Negro de San Juan, della prima metà del XVII secolo. E, a portata di mano, l'auditorium a forma di vacanza o di vela, progettato da Santiago Calatrava, l'edificio civico più moderno della città, costruito tra il 1997 e il 2003, considerato, infatti, il principale simbolo di Santa Cruz de Tenerife.

L'abbiamo fatto il cerchio, finché non siamo stati tra i castello e il mare. Inaspettatamente, ci troviamo in un angolo alternativo sulla spiaggia della città. Un cartello indica che le immersioni sono vietate. Tuttavia, un gruppo di giovani si lancia a infiniti salti dal molo.

Più vicino, due donne, sulla cinquantina o sessantina, prendono il sole in topless, in compagnia di chihuahua e bastardini irritabili e striduli che rendono la cavalcata infernale.

Un aroma di erba, della specie della marijuana, aleggia e addolcisce l'insolito marginale. Anche il sole cominciava a rilassarsi.

Tornando al punto di partenza, troviamo La Laguna in piena forza per strada, godendosi il terrazza (esplanade) che da tempo governa la città dalle cinque del pomeriggio.

Ci siamo seduti su uno di loro. Abbiamo festeggiato il giorno delle Canarie che ci eravamo meritati.

BINTER www.bintercanarias.com ; (+351) 291 290 129 VOLA DA LISBONA E FUNCHAL A TENERIFE, ALLE CANARIE, IL GIOVEDI E LA DOMENICA.

Tenerife, Isole Canarie

Il vulcano che infesta l'Atlantico

A 3718 m, El Teide è il tetto delle Canarie e della Spagna. Non solo. Se misurato dal fondo dell'oceano (7500 m), solo due montagne sono più pronunciate. Gli indigeni Guanche la consideravano la dimora di Guayota, il loro diavolo. Chiunque viaggi a Tenerife sa che il vecchio Teide è ovunque.
Fuerteventura, isole Canarie, Spagna

La (a) Atlantic Ventura de Fuerteventura

I romani conoscevano le Canarie come le isole fortunate. Fuerteventura, conserva molti degli attributi di quel tempo. Le sue spiagge perfette per il windsurf e kitesurf o semplicemente per fare il bagno giustificano successive “invasioni” dei popoli affamati di sole del nord. Nell'interno vulcanico e aspro, resiste il bastione delle culture indigene e coloniali dell'isola. Abbiamo iniziato a svelarlo lungo la sua lunga lunghezza meridionale.
El Hierro, Isole Canarie

L'orlo vulcanico delle Canarie e il Vecchio Mondo

Fino all'arrivo di Colombo nelle Americhe, El Hierro era visto come la soglia del mondo conosciuto e, per un certo periodo, il meridiano che lo delimitava. Mezzo millennio dopo, l'ultima isola occidentale delle Canarie ribolle di esuberante vulcanismo.
PN Timanfaya, Lanzarote, Isole Canarie

PN Timanfaya e le montagne di fuoco di Lanzarote

Tra il 1730 e il 1736, dal nulla, decine di vulcani a Lanzarote eruttarono in successione. L'enorme quantità di lava che rilasciarono seppellì diversi villaggi e costrinse quasi la metà degli abitanti ad emigrare. L'eredità di questo cataclisma è l'attuale scenario marziano dell'esuberante PN Timanfaya.
La Graciosa, isole Canarie

La più graziosa delle Isole Canarie

Fino al 2018, la più piccola delle Canarie abitate non contava nell'arcipelago. Sbarcati a La Graciosa, scopriamo il fascino insulare dell'ormai ottava isola.
La Palma, Isole Canarie

L'Isla Bonita delle Canarie

Nel 1986, Madonna Louise Ciccone pubblicò un successo che rese popolare l'attrazione esercitata da a isola immaginario. Ambergris Caye, Belize, ha raccolto benefici. Da questa parte dell'Atlantico, il Palmeros ecco come vedono la loro vera e abbagliante Canaria.

Da Valencia a Xativa, Spagna

Dall'altra parte dell'Iberia

Lasciando da parte la modernità di Valencia, esploriamo gli ambienti naturali e storici che la "comunidad" condivide con il Mediterraneo. Più viaggiamo, più siamo sedotti dalla sua vita sfarzosa.

Matarraña ad Alcanar, Spagna

Una Spagna medievale

Percorrendo le terre di Aragona e Valencia, incontriamo torri e merli sottolineati da case che riempiono i pendii. Miglio dopo miglio, questi luoghi si stanno rivelando tanto anacronistici quanto affascinanti.

La Palma, Isole CanarieSpagna

Il più mediatico dei cataclismi che accadrà

La BBC ha riferito che il crollo di un pendio vulcanico sull'isola della Palma potrebbe generare un mega tsunami. Ogni volta che l'attività vulcanica nell'area aumenta, i media colgono l'occasione per spaventare il mondo.
Lanzarote, isole Canarie

A César Manrique ciò che appartiene a César Manrique

Di per sé, Lanzarote sarebbe sempre una Canarie a sé stante, ma è quasi impossibile esplorarla senza scoprire il genio irrequieto e attivista di uno dei suoi figli prodighi. César Manrique è morto quasi trent'anni fa. La prolifica opera che ha lasciato in eredità risplende sulla lava dell'isola vulcanica dove è nato.
Vegueta, Gran canaria, Isole Canarie

Intorno al cuore delle Canarie reali

L'antico e maestoso quartiere di Vegueta de Las Palmas spicca nella lunga e complessa ispanizzazione delle Isole Canarie. Dopo un lungo periodo di spedizioni signorili, vi iniziò la conquista finale di Gran Canaria e delle altre isole dell'arcipelago, sotto il comando dei monarchi di Castiglia e Aragona.
Santa Cruz La Palma, Isole Canarie

Un viaggio nella storia di Santa Cruz de La Palma

Iniziò come una semplice Villa del Apurón. Secolo è arrivato. Nel XVI secolo, la città non solo aveva superato le sue difficoltà, ma era già la terza città portuale più grande d'Europa. Erede di questa benedetta prosperità, Santa Cruz de La Palma è diventata una delle capitali più eleganti delle Isole Canarie.
Fuerteventura, Isole Canarie

Fuerteventura - Isole Canarie e Time Raft

Una breve traversata in traghetto e sbarchiamo a Corralejo, nell'angolo nord-est di Fuerteventura. Con Marocco e Africa a soli 100 km di distanza, ci perdiamo nella meraviglia di scenari desertici, vulcanici e postcoloniali unici.
Gran canaria, Isole Canarie

Gran (diosa) Canaria (s)

È solo la terza isola più grande dell'arcipelago. Ha impressionato così tanto i navigatori e i coloni europei che si sono abituati a considerarlo supremo.
Lanzarote, Isole Canarie, Spagna

La Zattera di Basalto di José Saramago

Nel 1993, frustrato dal disprezzo del governo portoghese per il suo lavoro “Il Vangelo secondo Gesù Cristo”, Saramago si trasferì con la moglie Pilar del Río a Lanzarote. Di ritorno in questa isola delle Canarie un po' extraterrestre, abbiamo ritrovato la nostra casa. E il rifugio dalla censura a cui lo scrittore si trovò condannato.
Leone, elefanti, PN Hwange, Zimbabwe
Safari
PN Hwange, Zimbabwe

L'eredità del defunto leone Cecil

Il 1 luglio 2015, Walter Palmer, dentista e cacciatore di trofei del Minnesota, ha ucciso Cecil, il leone più famoso dello Zimbabwe. Il massacro ha generato un'ondata virale di indignazione. Come abbiamo visto in PN Hwange, quasi due anni dopo, i discendenti di Cecil stanno prosperando.
Escursionisti sull'Ice Lake Trail, circuito dell'Annapurna, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 7° - Braga - Ice Lake, Nepal

Circuito dell'Annapurna - Il doloroso acclimatamento del lago di ghiaccio

Sulla salita al villaggio di Ghyaru, abbiamo avuto un primo e inaspettato assaggio di quanto possa essere esaltante il circuito dell'Annapurna. Nove chilometri dopo, a Braga, per la necessità di acclimatarsi, si sale dai 3.470 m di Braga ai 4.600 m del lago Kicho Tal. Sentiamo solo la stanchezza prevista e il gonfiore del fascino per la catena montuosa dell'Annapurna.
Concorso del boscaiolo dell'Alaska, Ketchikan, Alaska, Stati Uniti
Architettura & Design
Ketchkan, Alaska

Qui inizia l'Alaska

La realtà passa inosservata alla maggior parte del mondo, ma ce ne sono due Alaska. In termini urbanistici, lo Stato si inaugura a sud del suo nascosto cavo di padella, una striscia di terra separata dal resto EUA lungo la costa occidentale del Canada. Ketchikan, è la più meridionale delle città dell'Alaska, la sua capitale della pioggia e la capitale mondiale del salmone.
Angel Falls, fiume che cade dal cielo, Angel Falls, PN Canaima, Venezuela
Aventura
P.N. Canaima, Venezuela

Kerepakupai, Angel Jump: Il fiume che cade dal cielo

Nel 1937, Jimmy Angel fece atterrare un aereo su un altopiano sperduto nella giungla venezuelana. L'avventuriero americano non trovò l'oro ma conquistò il battesimo della cascata più lunga sulla faccia della Terra
Saida Ksar Ouled Soltane, festa di ksour, tataouine, tunisia
Cerimonie e Feste
Tataouine, Tunisia

Festival of the Ksour: castelli di sabbia che non crollano

Gli ksour furono costruiti come fortificazioni dai berberi del Nord Africa. Hanno resistito alle invasioni arabe ea secoli di erosione. Il Festival Ksour rende loro un doveroso omaggio ogni anno.
municipio, capitale, oslo, norvegia
Città
Oslo, Norvegia

A (sopra) Capitale Capitalizzato

Uno dei problemi della Norvegia è stato decidere come investire i miliardi di euro nel suo fondo sovrano da record. Ma nemmeno le risorse eccessive salvano Oslo dalle sue incongruenze sociali.
cibo
Mercati

Un'economia di mercato

La legge della domanda e dell'offerta determina la loro proliferazione. Che siano generici o specifici, coperti o all'aperto, questi spazi dedicati alla compravendita e allo scambio sono espressioni di vita e di salute finanziaria.
Fatica nei toni del verde
Cultura
Suzdal, Russia

A Suzdal, Pepino è celebrato per Pepino

Con l'estate e il clima caldo, la città russa di Suzdal si rilassa dalla sua millenaria ortodossia religiosa. Il centro storico è anche famoso per avere i migliori cetrioli della nazione. Quando arriva luglio, trasforma il appena raccolto in una vera festa.
Nuoto, Western Australia, Aussie Style, Alba negli occhi
sportivo
Busselton, Australia

2000 metri in stile australiano

Nel 1853 Busselton fu dotata di uno dei pontoni più lunghi del mondo. mondo. Quando la struttura è crollata, i residenti hanno deciso di aggirare il problema. Dal 1996 lo fanno ogni anno. nuoto.
Funivia che collega Puerto Plata alla cima dell'Isabel de Torres PN
In viaggio
Puerto Plata, Repubblica Dominicana

Argento della casa domenicana

Puerto Plata è il risultato dell'abbandono di La Isabela, il secondo tentativo di una colonia ispanica nelle Americhe. Quasi mezzo millennio dopo lo sbarco di Colombo, inaugurò l'inesorabile fenomeno turistico della nazione. In un lampo attraverso la provincia, vediamo come il mare, le montagne, la gente e il sole dei Caraibi la fanno splendere.
Forte di São Filipe, Città Vecchia, Isola di Santiago, Capo Verde
Etnico
Cidade Velha, Capo Verde

Cidade Velha: l'antica città delle città tropico-coloniali

Fu il primo insediamento fondato dagli europei al di sotto del Tropico del Cancro. In un momento cruciale per l'espansione portoghese in Africa e in Sud America e per la tratta degli schiavi che l'accompagnò, Cidade Velha divenne un'eredità toccante ma inevitabile di origini capoverdiane.

portfolio, Got2Globe, Fotografia di viaggio, immagini, migliori fotografie, foto di viaggio, mondo, Terra
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il migliore al mondo: il portfolio Got2Globe

Moa su una spiaggia di Rapa Nui/Isola di Pasqua
Storia
isola di Pasqua, Cile

Il decollo e la caduta del culto dell'uomo uccello

Fino al XVI secolo, i nativi di isola di Pasqua scolpito e adorato enormi divinità di pietra. Da un momento all'altro, hanno cominciato a far cadere il loro moai. La venerazione di perizoma manu, un leader per metà umano e per metà sacro, messo in scena dopo una drammatica competizione per un uovo.
El Nido, Palawan l'ultima frontiera filippina
Isole
El Nido, Filippine

El Nido, Palawan: l'ultima frontiera filippina

Uno dei paesaggi marini più affascinanti del mondo, i vasti e aspri isolotti di Bacuit nascondono sgargianti barriere coralline, piccole spiagge e lagune idilliache. Per scoprirlo, basta bangka.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
bianco inverno
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Lago Manyara, Parco Nazionale, Ernest Hemingway, Giraffe
Letteratura
PN Lago Manyara, Tanzania

L'Africa preferita di Hemingway

Situato all'estremità occidentale della Rift Valley, il Parco Nazionale del Lago Manyara è uno dei più piccoli ma incantevoli e ricchi di animali selvatici dalla Tanzania. Nel 1933, tra caccia e discussioni letterarie, Ernest Hemingway le dedicò un mese della sua travagliata vita. Raccontati questi avventurosi giorni di safari in "Le verdi colline dell'Africa".
Rifugio Gandoca Manzanillo, Bahia
Natura
Gandoca-Manzanillo (rifugio della fauna selvatica), Costa Rica

Il Rifugio Caraibico di Gandoca-Manzanillo

In fondo alla sua costa sud-orientale, alla periferia di Panama, la nazione “Tica” protegge un lembo di giungla, paludi e il Mar dei Caraibi. Oltre a un provvidenziale rifugio per la fauna selvatica, Gandoca-Manzanillo è uno splendido Eden tropicale.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
I giovani camminano lungo la strada principale di Chame, Nepal
Parchi Naturali
Circuito dell'Annapurna: 1° - Pokhara a ChameNepal

Finalmente in cammino

Dopo diversi giorni di preparazione a Pokhara, siamo partiti verso l'Himalaya. Il percorso pedonale può essere iniziato solo a Chame, a 2670 metri di altitudine, con le cime innevate della catena montuosa dell'Annapurna già in vista. Fino ad allora, abbiamo completato un preambolo doloroso ma necessario attraverso la sua base subtropicale.
Fortezza capitale di Sigiriya: ritorno a casa
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Sigiriya, Sri Lanka

La fortezza capitale di un re parricidio

Kashyapa I è salito al potere dopo aver murato il monarca di suo padre. Temendo un probabile attacco del fratello erede al trono, trasferì la città principale del regno sulla sommità di un picco di granito. Oggi, il suo eccentrico rifugio è più accessibile che mai e ci ha permesso di esplorare la trama machiavellica di questo dramma singalese.
I sosia dei fratelli Earp e l'amico Doc Holliday a Tombstone, USA
personaggi
Lapide, EUA

Lapide: la città è troppo dura per morire

I lodi d'argento scoperti alla fine del XIX secolo hanno reso Tombstone un fiorente e conflittuale centro minerario alla frontiera degli Stati Uniti. Stati Uniti a Messico. Lawrence Kasdan, Kurt Russell, Kevin Costner e altri registi e attori di Hollywood hanno reso famosi i fratelli Earp e il loro duello sanguinario.OK Corral”. La lapide che nel tempo tante vite hanno reclamato è qui per durare.
Spiagge
Gizo, Isole Salomone

Gala dei Piccoli Cantanti di Saeraghi

A Gizo sono ancora ben visibili i danni causati dallo tsunami che ha devastato le Isole Salomone. Sulla costa di Saeraghi, la felicità balneare dei bambini contrasta con la loro eredità di desolazione.
Tempio di Kongobuji
Religione
Monte koya, Giappone

A metà strada per il Nirvana

Secondo alcune dottrine buddiste, ci vogliono diverse vite per raggiungere l'illuminazione. Il ramo di shingon sostiene che puoi farlo in uno. Dal Monte Koya, può essere ancora più facile.
Una storia di trenino
Veicoli Ferroviari
Siliguri a Darjeeling, India

Il trenino himalayano funziona ancora seriamente

Né la forte pendenza di alcuni tratti né la modernità lo fermano. Da Siliguri, alle pendici tropicali della grande catena montuosa asiatica, a Darjeeling, con le sue cime in vista, il più famoso dei trenini indiani regala, giorno dopo giorno, un arduo viaggio da sogno. Percorrendo la zona, ci imbarchiamo e ci lasciamo incantare.
Magome a Tsumago, Nakasendo, Way Medieval Japan
Società
Magome Tsumago, Giappone

Da Magome a Tsumago: il percorso sovraffollato per il Giappone medievale

Nel 1603 lo shogun Tokugawa dettò il rinnovamento di un antico sistema stradale. Oggi, il tratto più famoso della strada che collegava Edo a Kyoto è attraversato da una folla desiderosa di fuggire.
Intersezione trafficata di Tokyo, Giappone
Vita quotidiana
Tokyo, Giappone

La notte infinita della capitale del Sol Levante

Dillo Tokyo non dormire è dire poco. In una delle città più grandi e sofisticate sulla faccia della Terra, il crepuscolo segna solo il rinnovamento della frenetica vita quotidiana. E ci sono milioni delle loro anime che o non trovano posto al sole, o hanno più senso nei cambiamenti "oscuri" e oscuri che seguono.
Barca e timoniere, Cayo Los Pájaros, Los Haitises, Repubblica Dominicana
Animali selvatici
Penisola di Samaná, PN Los Haitises, Repubblica Dominicana

Dalla penisola di Samana agli haitiani dominicani

Nell'angolo nord-est della Repubblica Dominicana, dove ancora trionfa la natura caraibica, ci troviamo di fronte a un Atlantico molto più vigoroso del previsto da queste parti. Lì cavalchiamo in regime comunitario fino alla famosa cascata di Limón, attraversiamo la baia di Samaná e ci immergiamo nella remota ed esuberante "terra delle montagne" che la racchiude.
I suoni, Parco Nazionale di Fiordland, Nuova Zelanda
Voli panoramici
Fiordland, Nova Zelândia

I fiordi degli antipodi

Una stranezza geologica ha reso la regione del Fiordland la più cruda e imponente della Nuova Zelanda. Anno dopo anno, molte migliaia di visitatori adorano il sottodominio patchwork tra Te Anau e Milford Sound.