Campeche, Messico

Campeche A proposito di Can Pech


Dolci nell'aria
Dettagli dell'architettura religioso-coloniale di Campeche, costruita dai conquistatori spagnoli sulla città Maya distrutta di Cam Pech
Incontro di generazioni
Un bambino sorpassa un vecchio su uno dei tanti marciapiedi sopraelevati nelle strade della città.
Torri Gemelle di Campeche
Le imponenti torri gemelle della Catedral de Nuestra Sra de la Purísima Concepción, la più grande delle chiese di Campeche, svettano sopra le sue case.
Con la luce anteriore
Passeggiate pedonali all'ombra garantita dai portici del Parco Principale di Campeche.
natura e storia
Ombre tropicali in un angolo di un vecchio edificio coloniale della città.
La solidità del cattolicesimo
Pedoni di dimensioni insignificanti addossati alla base della facciata del Cattedrale di Nuestra Sra de la Purísima Concepción.
Ombra contro Sole
Angolo di una strada tradizionale e colorata vicino al centro storico di Campeche
Duo tradizionale
I nativi di Campeche si sono vestiti.
1 di 11
Particolare del murale "Once Campeches"
angolo dei colori
I residenti sono concentrati in un angolo profondo di un vecchio quartiere di Campeche.
11 di 11
Murale "Once Campeches" che ritrae le immagini di undici nativi della città.
fede ariosa
Fedele in una piccola chiesa coloniale aperta sulla strada.
discorsi arcade
I residenti condividono lo spazio buio e secolare di un porticato nel Parque Principal de Campeche.
Alla Porta
La notte dello spettacolo di suoni e luci che si tiene nella Puerta de Tierra della città.
Come accadde in tutto il Messico, arrivarono, videro e conquistarono i conquistadores. Can Pech, la città Maya, contava quasi 40 abitanti, palazzi, piramidi e un'architettura urbana esuberante, ma nel 1540 sopravvissero meno di 6 indigeni. Sulle rovine gli spagnoli costruirono Campeche, una delle città coloniali più imponenti delle Americhe.

Luís Villanueva e Wilberth Alejandro Sala Pech le trattano come merce in una stazione di servizio sulla superstrada che collega Merida a Campèche.

La strada correva parallela al vecchio Caminho Real Maia tra le due città. Passava per frazioni che, come Wilberth, conservavano evidenti radici indiane. Abbiamo chiesto di fermarci all'uno o all'altro, cosa che il giovane cicerone ci concede volentieri.

Ci fermiamo a Becal. Wilberth rivela una piccola fabbrica artigianale di cappelli panama a conduzione familiare. Nonostante il nome, iljipijapa” – come li chiamano i messicani – sono stati inventati in Ecuador.

Campeche, Messico, Penisola dello Yucatan, Can Pech, una volta Campeches

Particolare del murale “Once Campeches”

Ammiriamo come gli artigiani li tessono uno dopo l'altro, dalla fibra di una foglia di palma, per soddisfare la domanda dei tanti gringos che visitano il Messico.

Tombe Maya e cappelli di Panama

Da Becal, puntiamo a Pomush, un villaggio dove rimane uno dei rari cimiteri Maya al mondo. Lì, invece che nelle tombe convenzionali, le ossa dei morti vengono deposte per l'eternità in piccole cassette di legno, foderate di asciugamani con fiori ricamati.

In essi, teschi e ossa sono esposti all'aria e agli occhi. “I miei nonni sono qui intorno da qualche parte”, rivela Wilberth, sicuro dell'ulteriore impressione che ci farebbe.

Prima che potesse indicarci il luogo esatto, lo molestavamo con domande su come i preti cattolici affrontassero quella pratica. Wilberth ci assicura che, nel corso dei secoli, si è instaurata una sana convivenza.

Il nostro tempo cominciava a scadere. Siamo tornati in fretta sul sentiero.

Quando abbiamo fatto il check-in in hotel a Campeche, il sole al tramonto ha dorato il cuore storico della città.

A viaggio ci aveva lasciati sfiniti, ma uno spettacolo notturno di luci e suoni che si svolgeva tra le mura del suo enorme forte giustificava il nostro ricorso alle ultime energie.

La mostra, insieme a una persona di nome Puerta de Tierra, ha rievocato il travagliato passato della città, dall'era indigena all'invasione dei conquistatori spagnoli in poi.

Campeche, Messico, Penisola dello Yucatan, Can Pech, À Puerta

La notte dello spettacolo di suoni e luci che si tiene nella Puerta de Tierra della città.

Eravamo appena arrivati ​​e Campeche irradiava già la ricchezza della sua storia.

Risveglio al cielo blu e alle facciate pastello

Sette ore dopo, ringiovaniti, ci siamo goduti sotto la luce tropicale del mattino. Più fermate coloniali di queste non sono abbondanti.

Da Plaza Campeche, in ogni direzione, la città si snoda in un susseguirsi geometrico di strade numerati e ampi che si incontrano in angoli curiosi: del Cometa, del Toro, del Perro.

Campeche, Messico, Penisola dello Yucatan, Can Pech, Sombra vs Sol

Angolo di una strada tradizionale e colorata vicino al centro storico di Campeche

Nell'immediato sud-ovest, questa griglia è ancora più rigorosa, soggetta alle vecchie mura e bastioni che in precedenza proteggevano il nucleo urbano da successivi tentativi di conquista o saccheggio.

A poche centinaia di metri dal Barrio de Guadalupe che ci ha accolto, Calle 10 ci porta lungo una delle facciate laterali della Cattedrale di La nostra Sra de la Purísima Concepción.

Poi, al Main Park, questo, incentrato su una specie di palco dell'orchestra sotto steroidi.

Come dovrebbe accadere in città di tale caratura cattolica, le torri gemelle della cattedrale si sovrappongono al parco, ai suoi alberi e alle case rurali in genere.

Campeche, Messico, Penisola dello Yucatan, Can Pech, Torri Gemelle di Campeche

Le imponenti torri gemelle della Catedral de Nuestra Sra de la Purísima Concepción, la più grande delle chiese di Campeche, svettano sopra le sue case.

La giornata era iniziata da appena tre ore, ma già i residenti stavano camminando preferenzialmente tra i portici dei palazzi nobili e sfarzosi, al riparo dal braciere che andava intensificandosi.

Per gli interni, Campeche si arrende a una profusione di blocchi di pastelli multicolori.

Le sue case e i marciapiedi sono rialzati rispetto al livello stradale, quindi protetti dai rari temporali.

Campeche, Messico, Penisola dello Yucatan, Can Pech, Color Corner

I residenti sono concentrati in un angolo profondo di un vecchio quartiere di Campeche.

Dislocati dall'intensa frenesia di scientifico, la vita vi scorre più lenta e libera, condizionata di tanto in tanto dal caratteristico russare di un altro Maggiolino Volkswagen.

La ripetizione standardizzata di questi strade ci tengono in una modalità di esplorazione semi alienata, così assorbiti dall'insieme che dimentichiamo che il mare distava solo poche centinaia di metri.

Con l'eccezione delle tempeste di qualsiasi uragano o tempesta tropicale, il fondo del Golfo del Messico si schianta contro il Malecon marginale della città, con una pigrizia adeguata al luogo.

Campeche, Messico, Penisola dello Yucatan, Can Pech, Incontro di generazioni

Un bambino sorpassa un vecchio su uno dei tanti marciapiedi sopraelevati nelle strade della città.

Sottomissione Maya e il lungo periodo coloniale

Dall'inizio del XVI secolo, girando il Mar dei Caraibi nel 1517, gli scopritori e conquistatori spagnoli finirono per sbarcare lì.

Come narrato da Bernal Diaz Castillo - il principale scriba della conquista del Messico - si rifornirono d'acqua con la compiacenza dei capi locali che mostrarono loro anche i loro palazzi e le loro piramidi.

La sete di ricchezza e potere degli estranei finirebbe per dettare un tragico esito per la civiltà Maya locale.

Campeche, Messico, Penisola dello Yucatan, Can Pech, tradizione

I nativi di Campeche si sono vestiti.

Il villaggio fu allora chiamato Ah-Kin-Pech, semplificato in Can Pech. Approssimativamente, il nome tradotto come il luogo del serpente e della zecca.

Se la prima incursione si rivelò pacifica, il passaggio degli uomini di Francisco Hernández de Córdoba e Antón de Alaminos nella vicina zona di shampoo, scatenò una saga di violenze che finì per generare molte vittime e si sarebbe conclusa solo più di vent'anni dopo, sotto il comando di Francisco de Montejos.

Quando gli spagnoli lo trovarono, Can Pech ospitava circa 40 Maya.

Alcuni anni dopo, grazie soprattutto alle epidemie di vaiolo e ad altri disturbi sconosciuti nel Nuovo Mondo, il numero era già inferiore a 6. Con la distruzione dei Maya, i conquistatori costruirono una nuova città sul villaggio un tempo maestoso dei nativi.

Come ci si poteva aspettare, San Francisco de Campeche si sviluppò secondo i forti standard ispanici dell'epoca. Ha rivaleggiato con altre grandi e influenti città dell'impero, L'Avana e Cartagena delle Indie.

Campeche, Messico, Penisola dello Yucatan, Can Pech, La solidità del cattolicesimo

Pedoni di dimensioni insignificanti contro la base della facciata della Cattedrale di Nuestra Sra de la Purísima Concepción.

Ha concentrato l'oro, altri metalli preziosi e materie prime sottratte un po' in tutto il Messico che sono stati spediti da lì in Spagna.

Bartolomeo portoghese in uno sciame di pirati

Man mano che si arricchiva, Campeche ricevette sempre più palazzi, palazzi e chiese coloniali. come L'Avana e Cartagena, i pirati che perlustravano i mari al largo non poterono resistere: John Hawkins, Francis Drake e tanti altri la presero di mira.

Anche un certo Bartolomeu Português, famoso bucaniere portoghese che visse e operò nel XVII secolo e la cui vita è bastata per un film.

Si ritiene che sia stato l'autore di un codice di condotta che, lasciati sorprendere, i pirati adottarono e seguirono nel corso del XNUMX° secolo.

Almeno tra il 1666 e il 1669, Campeche rimase il suo obiettivo preferito. Il portoghese salpò su una barca che aveva rubato, dotata di quattro cannoni, assistito da un equipaggio di trenta uomini.

Dopo aver catturato una nave spagnola e aver riempito la sua nave con 70 Reales de a Ocho (monete d'argento) e tonnellate di fave di cacao, ha dovuto affrontare il maltempo.

Come se non bastasse, si ritrovò fermato da una piccola flotta di navi da guerra spagnole. Fu costretto a tornare a Campeche dove le autorità lo imprigionarono su un'altra barca. Ma Bartolomeu Português riuscì a uccidere la sentinella e fuggire.

Avrà attraversato 150 km di giungla a est della penisola dello Yucatan da dove è tornato a Campeche con venti nuovi assistenti.

A Campeche catturò la barca dove era stato imprigionato. Durante la fuga, l'equipaggio ha atterrato la barca e ha perso ancora una volta il carico immagazzinato a bordo.

Bartolomeu Português trascorse il resto della sua vita attaccando inutilmente navi e città spagnole. In "Bucaniere d'America”, l'ostruzionista, storico della pirateria e scrittore Alexandre Exquemelin afferma di aver assistito, in Giamaica, ai suoi ultimi giorni, trascorsi nella miseria.

Campeche, Messico, Penisola dello Yucatan, Can Pech, Pastéis nell'aria

Dettagli dell'architettura religioso-coloniale di Campeche, costruita dagli spagnoli sulla città Maya distrutta di Can Pech

Gli attacchi di pirati, bucanieri e corsari a Campeche divennero così frequenti che gli spagnoli investirono buona parte dei loro guadagni in mura e baluardi, gli stessi che continuano a racchiudere lo storico fulcro ovale della città.

L'abbagliante incrocio di razze di Campeche

Oggi, i Maya e i discendenti dei coloni ispanici si incrociano nel strade come si intersecano nell'eterno processo messicano di incrocio di razze.

Tra il Parque Principal e il Malecón, troviamo un'opera che illustra perfettamente la ricchezza genetica e la diversità della gente della città. Un enorme murale decora la facciata laterale di una banca.

Campeche, Messico, Penisola dello Yucatan, Can Pech, una volta Campeches

Murale “Once Campeches” che ritrae le immagini di undici nativi della città.

Chiamata "Una volta Campeches” illustra i tratti, i costumi e gli stili di vita di altrettanti indigeni di Campechan, dall'infanzia alla vecchiaia.

Verso la fine del pomeriggio, con un ambiente quasi fresco, il Parque Principal e altro posti a sedere accolgono con favore il tanto atteso dopolavoro e doposcuola dei residenti.

Percorriamo calle 12 fino a raggiungere i Portales de la Plazuela de San Francisco, un luogo con diversi ristoranti con terrazza, animati da musica dal vivo. Eravamo fan di lunga data del orzare Messicana.

Quando l'addetto alla reception ci informa che non l'hanno servito in hotel ma che troveremmo, a Portales, il migliore del mondo, ci sentiamo un po' come Francis Drake, Hawkins e Bartolomeu Português: senza poterci risparmiare l'incursione .

A orzare non ha deluso. In modo tale che, invece di consumare un pasto convenzionale, li abbiamo ripetuti.

Bean Bingo nel parco principale

Sulla via del ritorno, possiamo vedere come, contemporaneamente alla piacevole vita di strada, Campeche si sia arreso a un'altra, quella delle innumerevoli case al piano terra che i residenti tengono con porte e finestre aperte, con ingressi, patii e balconi che usano come estensioni del strade.

Campeche, Messico, Penisola dello Yucatan, Can Pech, Arcade Talk

I residenti condividono lo spazio buio e secolare di un porticato nel Parque Principal de Campeche.

Torniamo al Main Park con la notte installata. Il grande palco dell'orchestra ospitò un rito chiassoso e profano, sfuggito all'austera sorveglianza della cattedrale attigua.

Dall'altro lato della sua circonferenza passa una sbarra reggaeton Caraibi – certamente portoricani – che gridano a squarciagola.

Sotto, più vicino al tempio, una nuova sessione del bingo per le strade della città. Gruppi di donne installate a tavoli diversi hanno seguito l'estrazione di numeri e simboli pittorici.

Il Bingo è stato “cantato” da Rosa Puga che nove anni fa dettò fortuna per il puro piacere di socializzare, poiché il valore delle scommesse consentite resta simbolico quanto le stesse statuine estratte.

Tombola, Street Bingo - Campeche, Messico

Rosa Puga, la signora che canta i simboli che ne escono.

Senza piani migliori, ci siamo seduti con le donne. Lì abbiamo visto la loro eccitazione sul punto di riempire le carte con gatti, muli, comete, rose, cavalli e rasoi che uscivano dalla tombola appiccicosa.

Lì, abbiamo apprezzato l'armonia con cui Campeche ha concluso una delle sue serate afose e si è arreso al silenzio della notte caraibica.

Maggiori informazioni su Campeche sul sito Visita il Messico.

izamal, Messico

La città messicana, Babbo Natale, Bela e Amarela

Fino all'arrivo dei conquistatori spagnoli, Izamal era un centro di culto del supremo dio Maya Itzamná e Kinich Kakmó, il sole. A poco a poco, gli invasori hanno raso al suolo le varie piramidi dei nativi. Al suo posto costruirono un grande convento francescano e una prolifica casa coloniale, con lo stesso tono solare in cui risplende la città ora cattolica.
Tulum, Messico

Le rovine Maya più caraibiche

Costruita in riva al mare come un eccezionale avamposto decisivo per la prosperità della nazione Maya, Tulum fu una delle ultime città a soccombere all'occupazione ispanica. Alla fine del XNUMX° secolo, i suoi abitanti l'abbandonarono al tempo ea una costa impeccabile della penisola dello Yucatan.
Merida, Messico

Il più esuberante di Meridas

Nel 25 aC i romani fondarono Emerita Augusta, capitale della Lusitania. L'espansione spagnola ha generato altre tre Mérida nel mondo. Delle quattro, la capitale dello Yucatan è la più colorata e vivace, risplendente dell'eredità coloniale ispanica e della vita multietnica.
Merida, Messico

Il più esuberante di Meridas

Nel 25 aC i romani fondarono Emerita Augusta, capitale della Lusitania. L'espansione spagnola ha generato altre tre Mérida nel mondo. Delle quattro, la capitale dello Yucatan è la più colorata e vivace, risplendente dell'eredità coloniale ispanica e della vita multietnica.
Coba a Pac Chen, Messico

Dalle rovine ai Lares Maya

Nella penisola dello Yucatan, la storia del secondo popolo indigeno messicano più grande si intreccia con la loro vita quotidiana e si fonde con la modernità. A Cobá siamo passati dalla cima di una delle sue antiche piramidi al cuore di un villaggio dei nostri tempi.
Campeche, Messico

Un Bingo così divertente che giochi con le bambole

Il venerdì sera, un gruppo di signore occupa i tavoli del Parque Independencia e scommette sulle sciocchezze. I piccoli premi escono in combinazioni di gatti, cuori, comete, maracas e altre icone.
Champoton, Messico

Rodeo sotto i sombreri

Champoton, a Campeche, ospita una fiera in onore della Virgén de La Concepción. o rodeo Il messicano sotto i sombreri locali rivela l'eleganza e l'esperienza dei cowboy della regione.
Cartagena delle Indie, Colombia

La città desiderata

Molti tesori sono passati da Cartagena prima della consegna alla corona spagnola, più dei pirati che hanno cercato di depredarli. Oggi le mura proteggono una città maestosa sempre pronta a "rumbe".
San Cristobal de las Casas a Campeche, Messico

Una staffetta di fede

Equivalente cattolico della sig. di Fatima, Nostra Signora di Guadalupe si muove e muove il Messico. I suoi fedeli si incrociano sulle strade del Paese, determinati a portare la prova della loro fede alla patrona delle Americhe.
Campeche, Messico

200 anni di gioco con la fortuna

Alla fine del XNUMX° secolo, Campechanos si arrese a un gioco introdotto per raffreddare la febbre per i bancomat. Oggi, giocato quasi solo da Abuelitas, un lotteria il posto è poco più che intrattenimento.
Yucatan, Messico

La fine della fine del mondo

Il giorno annunciato passò ma la fine del mondo insistette per non arrivare. In America Centrale, i Maya di oggi osservavano e sopportavano increduli tutta l'isteria attorno al loro calendario.
San Cristobal de Las Casas, Messico

La dolce casa della coscienza sociale messicana

Maya, di razza mista e ispanica, zapatista e turistica, rurale e cosmopolita, San Cristobal ha le mani piene. In esso, i visitatori zaino in spalla e gli attivisti politici messicani ed espatriati condividono la stessa richiesta ideologica.

Città del Messico, Messico

anima messicana

Con oltre 20 milioni di abitanti in una vasta area metropolitana, questa megalopoli segna, dal suo nucleo zocalo, il polso spirituale di una nazione da sempre vulnerabile e drammatica.

Yucatan, Messico

La legge siderale di Murphy che condannava i dinosauri

Gli scienziati che studiano il cratere causato dall'impatto di un meteorite 66 milioni di anni fa sono giunti a una conclusione radicale: si è verificato esattamente su una sezione del 13% della superficie terrestre soggetta a tale devastazione. È una zona di confine della penisola messicana dello Yucatan che un capriccio dell'evoluzione della specie ci ha permesso di visitare.
Uxmal, Yucatan, Messico

La capitale Maya che si è accumulata fino al collasso

Il termine Uxmal significa costruito tre volte. Nella lunga epoca preispanica della disputa nel mondo Maya, la città ebbe il suo apogeo, corrispondente alla sommità della Piramide dell'Indovina nel suo cuore. Sarà stato abbandonato prima della conquista spagnola dello Yucatan. Le sue rovine sono tra le più intatte della penisola dello Yucatan.
Copper Canyon, Chihuahua, Messico

Il profondo Messico delle Barrancas del Cobre

Senza preavviso, gli altopiani del Chihuahua lasciano il posto a infiniti burroni. Sessanta milioni di anni geologici li hanno scavati e li hanno resi inospitali. Gli indigeni Rarámuri continuano a chiamarli a casa.
Cantra a Los Mochis, Messico

Barrancas de Cobre, Ferrovia

Il rilievo della Sierra Madre Occidental ha trasformato il sogno in un incubo di costruzione durato sei decenni. Nel 1961, finalmente, il prodigioso Ferrovia Chihuahua al Pacifico era aperto. I suoi 643 km attraversano alcuni dei paesaggi più spettacolari del Messico.
chihuahua, Messico

Oh Chihuahua!

I messicani adattarono l'espressione come una delle loro espressioni preferite di sorpresa. Quando scopriamo la capitale dell'omonimo stato del Nordovest, lo esclamiamo spesso.
Chichen Itza, Yucatan, Messico

Ai margini del Cenote, nel cuore della civiltà Maya

Tra il IX e il XIII secolo d.C., Chichen Itza si distinse come la città più importante della penisola dello Yucatan e del vasto impero Maya. Se la conquista spagnola ne ha accelerato il declino e l'abbandono, la storia moderna ha consacrato le sue rovine a Patrimonio dell'Umanità e Meraviglia del Mondo.
Real de Catorce, San Luis Potosì, Messico

Dalla Nuova Spagna Lode al Pueblo Magico messicano

All'inizio del XIX secolo era una delle città minerarie che garantiva più argento alla corona spagnola. Un secolo dopo, l'argento era stato svalutato in modo tale che il Real de Catorce fu abbandonato. La sua storia e gli scenari peculiari filmati da Hollywood ne hanno fatto uno dei borghi più preziosi del Messico.
Leone, elefanti, PN Hwange, Zimbabwe
Safari
PN Hwange, Zimbabwe

L'eredità del defunto leone Cecil

Il 1 luglio 2015, Walter Palmer, dentista e cacciatore di trofei del Minnesota, ha ucciso Cecil, il leone più famoso dello Zimbabwe. Il massacro ha generato un'ondata virale di indignazione. Come abbiamo visto in PN Hwange, quasi due anni dopo, i discendenti di Cecil stanno prosperando.
Mandria a Manang, circuito dell'Annapurna, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 8° Manang, Nepal

Manang: l'ultimo acclimatamento nella civiltà

Sei giorni dopo aver lasciato Besisahar siamo finalmente arrivati ​​a Manang (3519 m). Situata ai piedi dei monti Annapurna III e Gangapurna, Manang è la civiltà che coccola e prepara gli escursionisti alla sempre temuta traversata del Thorong La Gorge (5416 m).
pianura santa, Bagan, Myanmar
Architettura & Design
Bagan, Myanmar

La piana delle pagode, dei templi e delle redenzioni celesti

La religiosità birmana si è sempre basata sull'impegno per la redenzione. A Bagan, credenti ricchi e timorosi continuano a costruire pagode nella speranza di ottenere il favore degli dei.
Totem, villaggio di Botko, Malekula, Vanuatu
Aventura
Malekula, Vanuatu

Cannibalismo di carne e ossa

Fino all'inizio del XX secolo, i mangiatori di uomini banchettavano ancora nell'arcipelago di Vanuatu. Nel villaggio di Botko scopriamo perché i coloni europei avevano così paura dell'isola di Malekula.
4 luglio Fireworks-Seward, Alaska, Stati Uniti
Cerimonie e Feste
Seward, Alaska

Il 4 luglio più lungo

L'indipendenza degli Stati Uniti viene celebrata a Seward, in Alaska, in modo modesto. Anche così, il 4 luglio e la sua celebrazione sembrano non avere fine.
Funivia di Sanahin, Armenia
Città
Alaverdi, Armenia

Una funivia chiamata Ensejo

La parte superiore della gola del fiume Debed nasconde i monasteri armeni di Sanahin e Haghpat e condomini sovietici a schiera. Il suo fondo ospita la miniera di rame e la fonderia che sostiene la città. A collegare questi due mondi è una provvidenziale cabina sospesa in cui gli alaverdi si aspettano di viaggiare in compagnia di Dio.
giovane commessa, nazione, pane, uzbekistan
cibo
Valle di Fergana, Uzbekistan

Uzbekistan, la nazione a cui non manca il pane

Pochi paesi usano cereali come l'Uzbekistan. In questa repubblica dell'Asia centrale, il pane gioca un ruolo vitale e sociale. Gli uzbeki lo producono e lo consumano con devozione e in abbondanza.
Cultura
Laguna di Jokülsárlón, Islândia

La canzone e il ghiaccio

Creato dalle acque dell'Oceano Artico e dallo scioglimento del ghiacciaio più grande d'Europa, Jokülsárlón forma un dominio gelido e imponente. Gli islandesi la venerano e le rendono sorprendente omaggio.
Nuoto, Western Australia, Aussie Style, Alba negli occhi
sportivo
Busselton, Australia

2000 metri in stile australiano

Nel 1853 Busselton fu dotata di uno dei pontoni più lunghi del mondo. mondo. Quando la struttura è crollata, i residenti hanno deciso di aggirare il problema. Dal 1996 lo fanno ogni anno. nuoto.
Composizione sul ponte a nove archi, Ella, Sri Lanka
In viaggio
PN Yala-Ella- Kandy, Sri Lanka

Viaggio nel cuore del tè dello Sri Lanka

Lasciamo il lungomare di PN Yala verso Ella. Sulla strada per Nanu Oya, ci spostiamo attraverso la giungla su rotaie, tra le piantagioni del famoso Ceylon. Tre ore dopo, sempre in macchina, entriamo a Kandy, la capitale buddista che i portoghesi non sono mai riusciti a conquistare.
Cacao, Cioccolato, Sao Tome Principe, Fattoria Água Izé
Etnico
São Tome e Principe

Orti di cacao, Corallo e la Fabbrica di Cioccolato

All'inizio del sec Nel XNUMX° secolo, São Tomé e Príncipe hanno generato più cacao di qualsiasi altro territorio. Grazie alla dedizione di alcuni imprenditori, la produzione persiste ed entrambe le isole degustano il miglior cioccolato.
portfolio, Got2Globe, Fotografia di viaggio, immagini, migliori fotografie, foto di viaggio, mondo, Terra
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il migliore al mondo: il portfolio Got2Globe

Treno della fine del mondo, Terra del Fuoco, Argentina
Storia
Ushuaia, Argentina

Ultima stagione: Fine del mondo

Fino al 1947 i Tren del Fin del Mundo fecero innumerevoli viaggi per far tagliare legna da ardere ai detenuti del carcere di Ushuaia. Oggi i passeggeri sono diversi ma nessun altro treno passa più a sud.
Ilha do Mel, Paraná, Brasile, spiaggia
Isole
Ilha do Mel, Paraná, Brasile

Il Paraná Zuccherato di Ilha do Mel

Situata all'ingresso della vasta baia di Paranaguá, Ilha do Mel è apprezzata per la sua riserva naturale e per le migliori spiagge dello stato brasiliano del Paraná. In uno di essi, una fortezza costruita da D. José I resiste al tempo e alle maree.
Barche sul ghiaccio, isola di Hailuoto, Finlandia
bianco inverno
A forma di squalo, Finlândia

Un rifugio nel Golfo di Botnia

Durante l'inverno, l'isola di Hailuoto è collegata al resto della Finlandia dalla strada di ghiaccio più lunga del paese. La maggior parte dei suoi 986 abitanti apprezza soprattutto la distanza che l'isola concede loro.
Cove, Big Sur, California, Stati Uniti
Letteratura
Big Sur, EUA

La costa di tutti i rifugiati

Lungo 150 km, la costa californiana è soggetta a una vastità di montagne, oceano e nebbia. In questa ambientazione epica, centinaia di anime tormentate seguono le orme di Jack Kerouac e Henri Miller.
Monte Denali, McKinley, Sacro Tetto Alaska, America del Nord, Ridge, Mal di montagna, Mal di montagna, Prevenire, Trattare
Natura
Monte Denali, Alaska

Il Sacro Soffitto del Nord America

Gli indiani Athabascan lo chiamavano Denali, o il Grande, e ne venerano la superbia. Questa splendida montagna ha suscitato l'avidità degli alpinisti e una lunga serie di salite da record.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Van a Jossingfjord, Magma Geopark, Norvegia
Parchi Naturali
Magma Geoparco, Norvegia

Un qualcosa di lunare Norvegia

Se tornassimo ai confini geologici del tempo, troveremmo la Norvegia sudoccidentale piena di enormi montagne e un magma fiammeggiante che i ghiacciai successivi avrebbero plasmato. Gli scienziati hanno scoperto che il minerale predominante è più comune sulla Luna che sulla Terra. Molti degli scenari che abbiamo esplorato nel vasto Magma Geopark della regione sembrano presi dal nostro grande satellite naturale.
Una città perduta e ritrovata
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Machu Picchu, Perù

La città perduta nel mistero degli Incas

Mentre vaghiamo per Machu Picchu, troviamo un significato nelle spiegazioni più accettate per la sua fondazione e abbandono. Ma ogni volta che il complesso viene chiuso, le rovine sono lasciate ai loro enigmi.
La maschera di Zorro in mostra durante una cena presso la Pousada Hacienda del Hidalgo, El Fuerte, Sinaloa, Messico
personaggi
El Fuerte, Sinaloa, Messico

La Culla di Zorro

El Fuerte è una città coloniale nello stato messicano di Sinaloa. Nella sua storia verrà ricordata la nascita di Don Diego de La Vega, si dice che in un palazzo del paese. Nella sua lotta contro le ingiustizie del giogo spagnolo, Don Diego si trasformò in un sfuggente uomo mascherato. A El Fuerte avrà sempre luogo il leggendario “El Zorro”.
Montezuma e Malpaís, le migliori spiagge della Costa Rica, Catarata
Spiagge
Montezuma, Costa Rica

Di nuovo nelle braccia tropicali di Montezuma

Sono passati 18 anni da quando siamo stati abbagliati da questa delle coste benedette del Costa Rica. Solo due mesi fa, l'abbiamo ritrovato. Accogliente come lo conoscevamo.
Escursionisti sull'Ice Lake Trail, circuito dell'Annapurna, Nepal
Religione
Circuito dell'Annapurna: 7° - Braga - Ice Lake, Nepal

Circuito dell'Annapurna - Il doloroso acclimatamento del lago di ghiaccio

Sulla salita al villaggio di Ghyaru, abbiamo avuto un primo e inaspettato assaggio di quanto possa essere esaltante il circuito dell'Annapurna. Nove chilometri dopo, a Braga, per la necessità di acclimatarsi, si sale dai 3.470 m di Braga ai 4.600 m del lago Kicho Tal. Sentiamo solo la stanchezza prevista e il gonfiore del fascino per la catena montuosa dell'Annapurna.
I dirigenti dormono sedile della metropolitana, dormono, dormono, metropolitana, treno, Tokyo, Giappone
Veicoli Ferroviari
Tokyo, Giappone

Gli ipno-passeggeri di Tokyo

Il Giappone è servito da milioni di dirigenti massacrati con ritmi di lavoro infernali e vacanze scarse. Ogni minuto di tregua sulla strada per andare al lavoro oa casa serve al loro scopo. inemuri, dormire in pubblico.
Street Bar, Fremont Street, Las Vegas, Stati Uniti
Società
Las Vegas, EUA

La culla della città del peccato

La famosa Strip non ha sempre focalizzato l'attenzione di Las Vegas. Molti dei suoi hotel e casinò replicavano il glamour neon della strada che un tempo spiccava di più, Fremont Street.
L'abbandono, lo stile di vita dell'Alaska, Talkeetna
Vita quotidiana
Talkeetna, Alaska

Lo stile di vita dell'Alaska di Talkeetna

Un tempo un semplice avamposto minerario, Talkeetna è stato ringiovanito nel 1950 per servire gli scalatori del Monte McKinley. Il villaggio è di gran lunga il più alternativo e accattivante tra Anchorage e Fairbanks.
Maria Jacarés, Pantanal Brasile
Animali selvatici
Miranda, Brasile

Maria dos Jacarés: il Pantanal ospita creature così

Eurides Fátima de Barros è nato nelle campagne della regione di Miranda. 38 anni fa, si stabilì in una piccola attività ai margini della BR262 che attraversa il Pantanal e acquisì affinità con gli alligatori che vivevano alle sue porte. Disgustata dal fatto che le creature lì una volta fossero state massacrate, iniziò a prendersi cura di loro. Oggi conosciuta come Maria dos Jacarés, ha chiamato ciascuno degli animali in onore di un giocatore di football o di un allenatore. Garantisce inoltre che riconoscano le tue chiamate.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.