Camiguin, Filippine

Un'isola di fuoco si arrese all'acqua


prima della pioggia
Incastonatura su palafitta della mangrovia Katungan.
fragile equilibrio
Un barcaiolo bangka, si prepara a fare le valigie sulla spiaggia di sabbia nera vicino al Camiguin Sunken Cemetery.
raccolto minacciato
I contadini raccolgono il riso appena raccolto sull'orlo di una forte pioggia monsonica.
Piscina di soda, acqua di soda
Bagnanti nella Soda Pool, una delle tante a Camiguin.
stagione dei lanzoni
Il venditore di lanzones (frutta tropicale delle Filippine, Thailandia, Indonesia e altri) parla con i clienti ai piedi dell'Antico Vulcano.
Febbre del sabato sera
Guida locale Ken, a bordo di una cabina passeggeri jeepney.
Bangka infiniti
Una lunga sequenza di bangka ancorati sull'isola di Mantiguin, al largo di Camiguin.
Navigazione chiusa
Un dipendente del porto Camiguin di Bangkok afferma che i viaggi verso White Island sono chiusi a causa del vento e delle onde portate dall'avvicinarsi dell'uragano Sarika.
Acque poco profonde
Boatman conduce un bangka nelle acque poco profonde della mangrovia Katungan, Camiguin
Jeepney Sovraffollato II
I giovani indigeni di Camiiguin sovraffollano uno dei jeepney dell'isola.
Maiali Yubeng
I maiali contemplano visitatori fotografici inaspettati dal villaggio di Yubeng.
Bagnanti delle piscine di bibite
Un gruppo di bagnanti si diverte nelle acque minerali delle Soda Pools.
Soda Pools II bagnanti
Un gruppo di bagnanti si diverte nelle acque minerali delle Soda Pools.
Venditore di Lanzones
Il giovane mercante di lanzones (Lansium domesticum) si occupa della sua bancarella all'inizio della Via Crucis del vulcano Hibok Hibok, a Camiguin.
Ancoraggio di Bangkas II
Bangkas ancorato al largo di White Island, al largo di Camiguin.
residenti di Yubeng
Abitanti di una casa nel villaggio di Yubeng, Camiguin.
IMG_3613-1
I meandri di sabbia di White Island, al largo di Camiguin.
Festival di Lanzones
Bambini che partecipano alle prove del Festival dos Lanzones de Camiguin, intorno a un jeepney sovraffollato.
strada Monção
Strada di Camiguin bagnata dalla pioggia portata dai cicloni.
Chiesa di Bonbon
Una grande pozzanghera in quella che un tempo era la navata della chiesa coloniale (ispanica) di Bonbon.
Con più di venti coni sopra i 100 metri, il brusco e lussureggiante, Camiguin ha la più alta concentrazione di vulcani di qualsiasi altra delle 7641 isole filippine o del pianeta. Ma, negli ultimi tempi, nemmeno il fatto che uno di questi vulcani sia attivo ha turbato la quiete della sua vita rurale, di pescatori e, per la gioia degli estranei, di fare una forte balneazione.

il monsone Habagat ha continuato a saturare il grande arcipelago filippino con l'umidità prodotta più in basso nella mappa, dall'evaporazione dei mari caldi di Celebes, Banda e compagnia.

Lo seguimmo a bordo di un aereo decollato da Mactan-Cebu in un cielo coperto da dense nubi a strati. A terra, la mancanza di luce solare diretta ha appiattito i set.

Anche così, non siamo riusciti a riconoscere il Colline di cioccolato di Bohol, una vasta colonia di colline verdi e rotonde sparse a metà strada verso la loro destinazione finale. Abbiamo attraversato il Mare di Bohol e, con relativa facilità, abbiamo riconosciuto Camiguin. Sono quasi ottomila isole filippines.

Nessun altro si rivela così, in lontananza, come un solitario cono appiattito, proiettato dalle acque.

Il pilota fa scendere l'aereo e, con un cerchio stretto, si allinea con la fine della pista di arrivo. Venti minuti dopo, siamo atterrati all'eco-hotel Bahay Bakasasyunan.

Abbiamo sentito la manovra più come un borregage così breve era il tempo di riposo.

All'ora concordata, noi due eravamo lì sotto il tetto della reception fatto di metà di noci di cocco essiccate. Michael, la guida che ci ha accompagnato da Manila, ci presenta l'ospite locale, Ken.

Ken, a sua volta, ci rivela l'autista Jamie. Quest'ultimo ci mostra il veicolo in cui ci trasporterebbe tutti. Avremmo dovuto sospettarlo: era un jeepney.

Periplo di Camiguin. A bordo di una Jeepney, ovviamente.

Più moderne, meno tipiche o esuberanti di quelle che i filippini erano soliti realizzare con i motori delle jeep abbandonate dagli americani alla fine della seconda guerra mondiale. Ancora, un verde quasi fluo, decorato con un uomo ragno che spicca il volo tra i fari.

Avevamo dormito quattro ore ma ci siamo fatti forti come il supereroe. Abbiamo iniziato quel nuovo almanacco filippino. Da buon cristiano, Ken suggerisce di iniziare ad esplorare l'isola attraverso la chiesa di San Nicolas de Tolentino, la più grande della capitale Mambajao, un tempio che benedice tutta Camiguin.

Camiguin, Filippine, Modello della Chiesa di San Nicola Tolentino

Modello all'ingresso della chiesa di San Nicolas de Tolentino, nella capitale Mambajao, espone un Cristo che benedice l'isola di Camiguin.

Abbiamo trovato la sua navicella spaziale circondata da giovani in uniforme scolastica che assistono a un'Eucaristia mattutina il più silenziosamente possibile.

Siamo diventati rapidamente l'obiettivo principale della distrazione, quindi abbiamo accelerato la fuga precipitosa in altri luoghi. Non avevamo idea di quanto fosse lontana la messa dal cimitero per quanto riguardava il cristianesimo.

Camiguin, Filippine, strada asfaltata

Strada di Camiguin bagnata dalla pioggia portata dai cicloni.

Ci fermiamo ancora, questa volta alla base di un vulcano che gli indigeni soprannominarono “Antico” pur essendo il più recente dell'isola, nato nel 1871, da un camino sul monte Hibok-Hibok, l'unico attivo.

La gente dell'isola è ben consapevole della storia della distruzione causata da Hibok Hibok.

Questo vulcano ha avuto una violenta eruzione nel 1951 che ha distrutto 20 km dell'isola.

Ha causato 70.000 morti e una massiccia emigrazione che ha dimezzato i suoi XNUMX abitanti.

Camiguin, Filippine, vulcano Hibok Hibok

Hibok Hibok: il vulcanico protagonista dell'isola di Camiguin, nel sud delle Filippine.

Una Via Crucis agonizzata dalla Misericordia del vulcano Hibok Hibok

Di conseguenza, lo implorano pietà sotto forma di una Via Crucis allestita su una collina, con ciascuna delle stazioni illustrate da statue tanto kitsch quanto colorate. Ken ci informa che ci sono duemila gradini per l'ultima stazione.

Abituati a pagare simili promesse per amore della scoperta, ci siamo messi in cammino, contemporaneamente a tre credenti, una di loro sulla cinquantina e due giovani donne, di cui una più carina, con un ego rinforzato e una memoria fotografica per selfie da abbinare.

Le stagioni si susseguono. Cristo cammina verso la sua croce, fiancheggiato da centurioni bambole. Entrambi attraversiamo il trio e ne veniamo sorpassati a seconda dell'ora in cui ci fermiamo in determinate stazioni.

Dalla decima stazione in poi, la vegetazione tropicale del versante offre scorci panoramici su quel lato dell'isola, subito coperto da piante di spolverino, più in basso e in basso fino al mare, con palme da cocco.

Lasciamo la dodicesima stazione dove Gesù muore sulla croce. Il 12 appare all'interno di una fossa ricoperta di muschio. Quando siamo entrati, abbiamo trovato le tre donne già in preghiera, inginocchiate sulla statua del Cristo deposto e amato dalla madre.

Camiguin, Filippine, Adorazione di Cristo, Via Crucis

I cristiani filippini pregano accanto a un'immagine di Cristo, una delle ultime della Via Crucis installata alle pendici del vulcano Hibok Hibok.

Seguiamo le vostre preghiere in silenzio.

Tuttavia, il maggiore ci sente. Quando si gira e ci guarda, le lacrime gli scendono copiosamente sul viso. Ci scambiamo timidi sorrisi e li lasciamo alla loro fede.

I prolifici Lanzones e Soda Waters di Camiguin

In cima alle scale, un indigeno aveva allestito una bancarella e vendeva lansium, o lanzones come li chiamano i filippini, un frutto in stile litchi.

Camiguin, Filippine, venditore di Lanzones

Il giovane mercante di lanzones (Lansium domesticum) si occupa della sua bancarella all'inizio della Via Crucis del vulcano Hibok Hibok, a Camiguin.

Durante il tratto di jeepney in seguito, abbiamo divorato decine della loro polpa e recuperato buona parte dei nutrienti sudati durante la salita.

Era la prima volta che sentivamo parlare di lanzones. Molti di più si sarebbero ripetuti.

Come spesso accade nelle ridotte vulcaniche, dalle profondità di Camiguin sgorgavano abbondanti acque termali. Siamo passati dal primo conosciuto da Soda Waters.

Camiguin, Filippine, Piscina di bibite gassate

Bagnanti nella Soda Pool, una delle tante a Camiguin.

Continuiamo verso la sorgente e la piscina di Santo Niño, che è molto più aperta e, come abbiamo visto, svolge un importante ruolo sociale sull'isola.

Ken ha messo noi e Michael in un rifugio usato per i pasti. Presto apparve una signora che ci avrebbe servito il pranzo. La pozza di acqua fredda brillava di vita. All'interno, pesce da pedicure sgranocchiato ai nostri piedi nella salsa.

Basato sul lato opposto del muro, ma in movimento permanente, un gruppo ha organizzato un festival di divertimento, scherzi e acrobazie. Michael li esamina attentamente: “Non è normale che i filippini abbiano un corpo così a quell'età. Sono la polizia di Cagayan de Oro.

Camiguin, Filippine, bagnante di Soda Pools

Un gruppo di bagnanti si diverte nelle acque minerali delle Soda Pools.

Hanno avuto il fine settimana libero, hanno preso il traghetto e sono venuti qui per rilassarsi.

Camiguin era a solo un'ora di barca dalla capitale Mindanao, la famigerata grande isola nel sud delle Filippine.

Finimmo di pranzare e scivolammo in piscina per la nostra ricreazione. Un gruppo di ragazzi guidati da un allenatore si unisce a noi, rivendica diverse corsie inesistenti e inizia l'allenamento di nuoto.

Era lo stimolo di cui avevamo bisogno per lasciare il posto e riposare.

Prove scolastiche per il Festival di Lanzones

Chilometri più avanti, abbiamo superato una scuola dove un cast di ragazzi stava provando al suono dei tamburi. “Oh, è vero…” scatta Ken. “Noi qui abbiamo il Festival dos Lanzones.

È tra pochi giorni. Ora ci sono prove in ogni scuola”. Per venti minuti ci siamo goduti le coreografie degli studenti, armati di striscioni dipinti con riccioli gialli, e siamo passati davanti alle case dove gli abitanti di Camiguin preparavano e provavano gli abiti del festival.

Camiguin, Filippine, Prova costumi per il Festival di Lanzones

Duro lavoro nella preparazione e nell'adattamento dei vestiti in una casa a Camiguin.

Infine, lì ci siamo dedicati allo scopo originario della visita.

Durante la colonizzazione delle attuali Filippine, gli spagnoli costruirono torri di avvistamento che facilitavano l'avvistamento dei nemici moreschi di etnia malese.

Uno di loro, fino ad allora nascosto dall'edificio scolastico, ospitava le tropelie di molti altri bambini.

La misteriosa mangrovia di Katungan

Proseguimmo verso la mangrovia di Katungan che la bassa marea aveva lasciato scoperte.

L'abbiamo attraversato su passerelle in legno che si addentravano nel bosco con prolungamenti di intriganti rifugi in riva al lago. Erano state costruite negli angoli più suggestivi del paesaggio che si specchiava nel mare basso e statico.

Camiguin, Filippine, mangrovia di Katungan.

Incastonatura su palafitta della mangrovia Katungan.

A quel punto, le nuvole viola filtravano la luce del sole e rendevano quella natura vivente ancora più speciale.

Coppie di innamorati che conoscevano il luogo occupavano molti dei rifugi, lontani da altri condivisi da famiglie chiassose.

Il crepuscolo non impiegò molto ad avvolgere le mangrovie.

Camiguin, Filippine, bangka mangal Katungan

Boatman conduce un bangka nelle acque poco profonde della mangrovia Katungan, Camiguin

E di corsa in albergo.

Nuovo mattino, la tempesta che seguì

Ci siamo svegliati per la prima volta a Camiguin.

Il conforto del riposo non arrivava nemmeno alla colazione. Stavamo tenendo d'occhio il capriccioso clima monsonico Habagat e il forte vento aveva già raggiunto Camiguin.

Quando ci siamo incontrati al tavolo, sia noi che Michael sapevamo che un uragano Sarika (Karen) si stava avvicinando a Luzon, seguito da un altro, Haima (Lewin).

Un entourage di riunioni di famiglia sedeva a un grande tavolo accanto. Non ci volle molto per inseguire il cappello di una signora che volava in mare aperto.

Distante ma potente, la tempesta ha reso avventurosa l'incursione di bangka (tradizionale imbarcazione filippina) nell'isola più piccola di Mantique.

Camiguin, Filippine, Bangkas, Isola Bianca

Bangkas ormeggiato a Mantique, al largo di Camiguin.

Sulla via del ritorno, siamo saliti all'osservatorio del vulcano Hibok Hibok.

Dopo la resistenza di Edmund, unico impiegato del posto, siamo rimasti un'ora sulla terrazza del palazzo, attenti al momento in cui le nuvole gli hanno rivelato il cratere.

Gli abbiamo detto che eravamo saliti in cima al Pico (Azzorre) qualche giorno prima. La narrazione lo affascina. Ispira una fruttuosa conversazione sui vulcani.

Durante la vertiginosa discesa verso la costa, ci siamo incrociati con altri jeepney presso la pigna di bambini e ragazzi che si stavano dirigendo alle prove per il Festival di Lanzones.

Camiguin, Filippine, Festival itinerante di Lanzones

Bambini che partecipano alle prove del Festival dos Lanzones de Camiguin, intorno a un jeepney sovraffollato.

Ci siamo fermati solo all'imminenza dell'enorme croce che segnava il Cimitero Sommerso dell'isola.

Prima in cima alle scale, poi sulla sabbia nera sottostante, ci divertiamo a guardare l'andirivieni eccitato delle famiglie a bordo di bangka che operano a turni e in un'ingegnosa modalità a fune.

Camiguin, Filippine, e

Un barcaiolo bangka, si prepara a fare le valigie sulla spiaggia di sabbia nera vicino al Camiguin Sunken Cemetery.

Il nuovo giorno è sorto ancora una volta ventoso e con mare mosso.

Di conseguenza, il capitano locale ha sospeso i viaggi di Bangkok a White Island.

Bangka infiniti

Un dipendente del porto Camiguin di Bangkok afferma che i viaggi verso White Island sono chiusi a causa del vento e delle onde portate dall'avvicinarsi dell'uragano Sarika.

White Island era molto più di un enorme banco di sabbia corallina. Nei giorni di splendore tropicale, offriva favolosi momenti di balneazione con una vista privilegiata sull'isola di Camiguin.

Divenne così uno dei tratti distintivi più rinomati delle Filippine, una fonte di fotogenica che ci era ancora preclusa. Ci siamo dimessi e siamo tornati al jeepney.

Ci siamo diretti verso l'antica chiesa spagnola di Bonbon quando, passando per il villaggio di Yubeng, abbiamo visto dei contadini lavorare in una risaia giallissima.

Camiguin, Filippine, lavoro nelle risaie

I contadini raccolgono riso appena raccolto sull'orlo di una forte pioggia monsonica.

Camiguin, Filippine, Yubeng, riparo dalla pioggia

I residenti di Yubeng in assemblea si riparano dalla pioggia torrenziale portata a Camiguin da un altro ciclone.

E il rifugio di previdenza in una casa rurale di Yubeng

A quell'ora, così tanta acqua si stava accumulando nel cielo blu scuro che sembrava stesse per crollare minuto dopo minuto.

Il diluvio ci colse ai margini della risaia. Ken ha attivato la sua modalità di protezione civile: “Vieni da questa parte. Conosco i proprietari di questa casa. Il figlio era nella mia classe!”.

Abbiamo superato maiali sorpresi.

Camiguin, Filippine, maiali Yubeng

I maiali contemplano visitatori fotografici inaspettati dal villaggio di Yubeng.

Dopo di che Ken bussa alla porta.

Dall'interno ci hanno aperto la strada al rifugio, tutto questo accadendo sotto lo sguardo incredulo di decine di vicini che hanno partecipato a un incontro della stessa Barangay (parrocchiale) tenuto sotto una tettoia.

Anche così, Ken ci ha sistemato su una specie di divano di fronte a un vecchio che stava guardando la TV con i suoi tre nipoti.

Camiguin, Filippine, residenti di Yubeng

Abitanti di una casa nel villaggio di Yubeng, Camiguin.

Sei rimasto in silenzio, indignato o imbarazzato dalla nostra presenza. Per più di mezz'ora, molte più persone sono passate attraverso il soggiorno e su un balcone sopra, collegato a stanze diverse.

La famiglia che condivideva quella casa era numerosa.

Con l'aiuto di Ken, ci siamo fotografati con tutti gli altri. Quando la pioggia cessa, riprendiamo il circuito.

La Chiesa di Bonbon come eredità del cristianesimo ispanico

Anche inzuppata e senza casa com'era, l'antica chiesa ispanica del XNUMX° secolo ci ha abbagliato. Un terremoto aveva abbattuto il tetto e il pavimento era già di terra.

L'umidità monsonica ricopriva le pareti di muschio.

Camiguin, Filippine, Chiesa Bonbon

Una grande pozzanghera in quella che un tempo era la navata della chiesa coloniale (ispanica) di Bonbon.

Niente di tutto ciò le impediva di ospitare una messa mensile alla quale i fedeli dell'isola partecipavano con raddoppiato entusiasmo.

Alle quattro il vento si placò e le nuvole lasciarono il posto a un cielo azzurro. La frustrazione di White Island non poteva toglierci dalla testa, ma poiché era domenica, l'attività dei bangka era ancora sbarrata dal divieto mattutino del capitano.

Abituati a forzare soluzioni, abbiamo risvegliato Michael e Ken all'importanza della missione. Ken, si rese conto dell'urgenza dell'appello complementare di Michael.

Dopo tre o quattro chiamate trascinate in tagalog, ci ha informato che, in modo molto eccezionale, ci avevano fornito un bangka con uno dei migliori timonieri di Camiguin.

Un raid forzato sulla famosa isola bianca di Camiguin

Jamie ha portato la jeepney al porto. Per quanto possibile, abbiamo ignorato le esperienze passate su quanto i bangka fossero inadatti a navigare con le onde e ci siamo arresi al viaggio. Il timoniere ci ha tranquillizzati tutti. "Non preoccuparti.

È frenetico ma niente di speciale". Dieci minuti di montagne russe marine più tardi, ci siamo ancorati sul lato protetto. Corriamo selvaggi fino alla sua estremità settentrionale.

Quando ci voltiamo, ansimando, ci viene offerta la vista sublime dell'enorme lingua di sabbia, curva e deserta.

Camiguin, Filippine, Isola Bianca

La sabbia bianca dell'isola si snoda al largo di Camiguin.

In avanti, Camiguin è apparso proiettato dall'oceano. Si sovrapponeva al mare, imponente, rigoglioso e, ora con tutti i colori delle case alla base, dei suoi alberi di cocco e della vegetazione sparsa lungo il pendio, fino ai supremi crateri.

Da quando il permesso di Ken era stato concesso, il sole era sceso in fretta sotto l'orizzonte.

Il barcaiolo, dal canto suo, ebbe istruzioni di riportarci sull'isola alle cinque e mezza. Abbiamo ritardato l'ora il più possibile. Quando il sole è sceso dietro le nuvole basse, ci siamo arresi all'evidenza e siamo entrati a Bangkok.

Abbiamo vinto altri dieci minuti di alti e bassi un po' spaventosi e siamo atterrati su una spiaggia vicino al porto.

Sicuri e persino asciutti, abbiamo completato il percorso notturno verso la cima dell'isola, già sotto la luce artificiale del jeepney.

stagione dei lanzoni

Guida locale Ken, a bordo di una cabina passeggeri jeepney.

Ritornati al calore di Bahay Bakasasyunan, ci siamo dedicati a una festa di riposo che ha prolungato la cena.

La mattina successiva siamo tornati a Cebu e Mactan dove Fernão Magalhães ha lasciato la sua vita.

Talisay città, Filippine

Monumento a un Amore Luso-Filippino

Alla fine del 11° secolo, Mariano Lacson, un contadino filippino, e Maria Braga, una donna portoghese di Macao, si innamorarono e si sposarono. Durante la gravidanza di quello che sarebbe diventato il suo undicesimo figlio, Maria ha ceduto a una caduta. Distrutto, Mariano costruì un palazzo in suo onore. Nel bel mezzo della seconda guerra mondiale, il palazzo fu bruciato, ma le eleganti rovine sopravvissute perpetuano la loro tragica relazione.
Mactan, Cebu, Filippine

La quaglia di Magellano

Erano trascorsi quasi 19 mesi di navigazione pionieristica e travagliata intorno al mondo quando l'esploratore portoghese ha commesso l'errore della sua vita. Nelle Filippine, il boia Datu Lapu Lapu conserva gli onori di eroe. In Mactan, una statua in bronzo del suo supereroe tribale sembra sovrapposta alla palude di mangrovie della tragedia.
Boracay, Filippine

La spiaggia filippina di tutti i sogni

È stato svelato dai viaggiatori zaino in spalla occidentali e dalla troupe cinematografica di "Heroes Are Born". Seguirono centinaia di resort e migliaia di vacanzieri orientali più bianchi della sabbia gessosa.
El Nido, Filippine

El Nido, Palawan: l'ultima frontiera filippina

Uno dei paesaggi marini più affascinanti del mondo, i vasti e aspri isolotti di Bacuit nascondono sgargianti barriere coralline, piccole spiagge e lagune idilliache. Per scoprirlo, basta bangka.
Ungherese, Filippine

Filippine in stile country

I GI sono partiti con la fine della seconda guerra mondiale ma la musica delle campagne americane che stavano ascoltando anima ancora la Cordillera de Luzon. È in triciclo e al tuo ritmo che visitiamo le terrazze di riso di Hungduan.
Filippine

I proprietari della strada filippina

Con la fine della seconda guerra mondiale, i filippini consegnarono migliaia di jeep americane abbandonate e crearono il sistema di trasporto nazionale. Oggi, l'esuberante jeepneys sono per le curve
Vigan, Filippine

Vigan, il più ispanico dell'Asia

I coloni spagnoli se ne andarono ma le loro dimore sono intatte e le kalesas circolano. Quando Oliver Stone stava cercando i set messicani per "Born on the 4th of July" li ha trovati in questa ciudad fernandina
Marinduque, Filippine

Quando i romani invadono le Filippine

Anche l'Impero d'Oriente non è andato così lontano. Durante la Settimana Santa, migliaia di centurioni si impadroniscono di Marinduque. Lì vengono rievocati gli ultimi giorni di Longino, legionario convertito al cristianesimo.
Marinduque, Filippine

La passione filippina di Cristo

Nessuna nazione circostante è cattolica, ma molti filippini non si lasciano intimidire. Durante la Settimana Santa si arrendono alla fede ereditata dai coloni spagnoli e l'autoflagellazione diventa una sanguinosa prova di fede.
Filippine

Quando solo i combattimenti di galli risvegliano le Filippine

Banditi in gran parte del Primo Mondo, i combattimenti di galli prosperano nelle Filippine dove spostano milioni di persone e pesos. Nonostante i suoi problemi eterni è il Sabong che più stimola la nazione.
Coron, Busuanga, Filippine

La segreta ma piccola armata giapponese

Nella seconda guerra mondiale, una flotta giapponese non riuscì a nascondersi al largo di Busuanga e fu affondata da aerei statunitensi. Oggi i suoi relitti sottomarini attirano migliaia di subacquei.
Bohol, Filippine

Una Filippine dall'altro mondo

L'arcipelago filippino si estende per oltre 300.000 km² di Oceano Pacifico. Parte del sub-arcipelago delle Visayas, Bohol ospita piccoli primati dall'aspetto alieno e le colline soprannaturali delle Chocolate Hills.
Bacolod, Filippine

Un festival per ridere della tragedia

Intorno al 1980, il valore dello zucchero, importante fonte di ricchezza sull'isola filippina di Negros, crollò e il traghetto"Don Juan” che la serviva affondò e morirono più di 176 passeggeri, la maggior parte dei quali neri. La comunità locale ha deciso di reagire alla depressione generata da questi drammi. Nasce così MassKara, una festa impegnata a recuperare i sorrisi della popolazione.
Familiare, Filippine

Le terrazze che sostengono le Filippine

Oltre 2000 anni fa, ispirati dal loro dio del riso, il popolo Ifugao si sviluppò sulle pendici di Luzon. Il cereale che vi coltivano gli indigeni nutre ancora una parte significativa del paese.
Bacolod, Filippine

Dolci filippini

Bacolod è la capitale di Negros, l'isola al centro della produzione filippina di canna da zucchero. Viaggiando attraverso l'estremo oriente e tra storia e contemporaneità, assaporiamo il cuore affascinante dell'Asia più latina.
Esteros del Iberá, Pantanal Argentina, Alligatore
Safari
Esteros del Iberá, Argentina

Il Pantanal della Pampa

Sulla mappa del mondo, a sud di famosa zona umida brasiliana, emerge una regione allagata poco conosciuta ma quasi altrettanto vasta e ricca di biodiversità. L'espressione guaranì e sarà la definisce “acque splendenti”. L'aggettivo si adatta più della sua forte luminanza.
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 5° - Ngawal a BragaNepal

Verso Braga. I nepalesi.

Abbiamo trascorso un'altra mattinata di tempo glorioso alla scoperta di Ngawal. Segue un breve viaggio verso Manang, la città principale sulla strada per l'apice del circuito dell'Annapurna. Abbiamo soggiornato a Braga (Braka). Il borgo si sarebbe presto rivelato una delle sue tappe più indimenticabili.
Architettura & Design
napier, Nova Zelândia

Ritorno agli anni '30 – Tour del Calhambeque

In una città ricostruita in stile Art Déco e con un'atmosfera da "anni folli" e oltre, il mezzo di trasporto appropriato sono le eleganti auto d'epoca di quell'epoca. A Napier sono ovunque.
lagune e fumarole, vulcani, PN tongaro, nuova zelanda
Aventura
Tongariro, Nova Zelândia

I vulcani di tutte le discordie

Alla fine del XIX secolo, un capo indigeno cedette i vulcani del PN Tongariro alla corona britannica. Oggi, una parte significativa del popolo Maori rivendica le proprie montagne di fuoco dai coloni europei.
Percorso in conflitto
Cerimonie e Feste
Gerusalemme, Israele

Per le strade deliziose della Via Dolorosa

A Gerusalemme, percorrendo la Via Dolorosa, i credenti più sensibili si rendono conto di quanto sia difficile raggiungere la pace del Signore nei vicoli più contesi della faccia della terra.
Forte di São Filipe, Città Vecchia, Isola di Santiago, Capo Verde
Città
Cidade Velha, Capo Verde

Cidade Velha: l'antica città delle città tropico-coloniali

Fu il primo insediamento fondato dagli europei al di sotto del Tropico del Cancro. In un momento cruciale per l'espansione portoghese in Africa e in Sud America e per la tratta degli schiavi che l'accompagnò, Cidade Velha divenne un'eredità toccante ma inevitabile di origini capoverdiane.

cibo
Mercati

Un'economia di mercato

La legge della domanda e dell'offerta determina la loro proliferazione. Che siano generici o specifici, coperti o all'aperto, questi spazi dedicati alla compravendita e allo scambio sono espressioni di vita e di salute finanziaria.
Intersezione trafficata di Tokyo, Giappone
Cultura
Tokyo, Giappone

La notte infinita della capitale del Sol Levante

Dillo Tokyo non dormire è dire poco. In una delle città più grandi e sofisticate sulla faccia della Terra, il crepuscolo segna solo il rinnovamento della frenetica vita quotidiana. E ci sono milioni delle loro anime che o non trovano posto al sole, o hanno più senso nei cambiamenti "oscuri" e oscuri che seguono.
Corsa di renne, Kings Cup, Inari, Finlandia
sportivo
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
Cove, Big Sur, California, Stati Uniti
In viaggio
Big Sur, EUA

La costa di tutti i rifugiati

Lungo 150 km, la costa californiana è soggetta a una vastità di montagne, oceano e nebbia. In questa ambientazione epica, centinaia di anime tormentate seguono le orme di Jack Kerouac e Henri Miller.
ombra di successo
Etnico
Champoton, Messico

Rodeo sotto i sombreri

Champoton, a Campeche, ospita una fiera in onore della Virgén de La Concepción. o rodeo Il messicano sotto i sombreri locali rivela l'eleganza e l'esperienza dei cowboy della regione.
Portfolio, Got2Globe, migliori immagini, fotografia, immagini, Cleopatra, Dioscorides, Delos, Grecia
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il Mondano e il Celeste

Guardiano, Museo Stalin, Gori, Georgia
Storia
Uplistsikhe e Gori, Georgia

Dalla culla della Georgia all'infanzia di Stalin

Alla scoperta del Caucaso, esploriamo Uplistsikhe, una città troglodita che ha preceduto la Georgia. E a soli 10 km di distanza, a Gori, troviamo il luogo dell'infanzia travagliata di Joseb Jughashvili, che sarebbe diventato il più famoso e tirannico dei leader sovietici.
Mirador de La Peña, El Hierro, Isole Canarie, Spagna
Isole
El Hierro, Isole Canarie

L'orlo vulcanico delle Canarie e il Vecchio Mondo

Fino all'arrivo di Colombo nelle Americhe, El Hierro era visto come la soglia del mondo conosciuto e, per un certo periodo, il meridiano che lo delimitava. Mezzo millennio dopo, l'ultima isola occidentale delle Canarie ribolle di esuberante vulcanismo.
Controllo corrispondenza
bianco inverno
Rovaniemi, Finlândia

Dalla Lapponia finlandese all'Artico, Visita alla Terra di Babbo Natale

Stanchi di aspettare che il vecchio barbuto scendesse dal camino, abbiamo ribaltato la storia. Abbiamo approfittato di un viaggio nella Lapponia finlandese e siamo passati davanti alla sua casa nascosta.
Ombra vs Luce
Letteratura
Kyoto, Giappone

Il Tempio di Kyoto risorto dalle ceneri

Il Padiglione d'Oro è stato risparmiato dalla distruzione più volte nel corso della storia, comprese le bombe sganciate dagli Stati Uniti, ma non ha resistito al disturbo mentale di Hayashi Yoken. Quando lo ammiravamo, brillava come non mai.
savuti, botswana, leoni mangiatori di elefanti
Natura
Savuti, Botswana

L'elefante che mangia i leoni di Savuti

Una parte del deserto del Kalahari si prosciuga o viene irrigata a seconda dei capricci tettonici della regione. A Savuti, i leoni si sono abituati a fare affidamento su se stessi e a depredare gli animali più grandi della savana.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Escursionisti sotto Zabriskie Point, Death Valley, California, Stati Uniti d'America
Parchi Naturali
Valle della Morte, EUA

Risorto dal posto più caldo

Dal 1921 Al Aziziyah, in Libia, era considerato il luogo più caldo del pianeta. Ma la controversia intorno al 58° misurato lì fece sì che, 99 anni dopo, il titolo fosse restituito alla Death Valley.
Mosca, Cremlino, Piazza Rossa, Russia, Fiume Mosca
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Mosca, Russia

La Fortezza Suprema della Russia

Molti furono i cremlini costruiti, nel tempo, nella vastità del paese degli zar. Nessuno spicca, monumentale come quello della capitale Mosca, centro storico di dispotismo e arroganza che, da Ivan il Terribile a Vladimir Putin, nel bene e nel male, ha dettato le sorti della Russia.
ora dall'alto della scala, mago della nuova zelanda, christchurch, nuova zelanda
personaggi
Christchurch, Nova Zelândia

Il maledetto stregone della Nuova Zelanda

Nonostante la sua notorietà agli antipodi, Ian Channell, lo stregone della Nuova Zelanda, non fu in grado di prevedere o prevenire diversi terremoti che colpirono Christchurch. A 88 anni, dopo 23 anni di contratto con il Comune, rilascia dichiarazioni troppo controverse e finisce per essere licenziato.
Dune dell'isola di Bazaruto, Mozambico
Spiagge
bazaruto, Mozambico

Il miraggio invertito del Mozambico

A soli 30 km dalla costa orientale dell'Africa, un improbabile ma imponente erg sorge dal mare traslucido. Bazaruto ripara paesaggi e persone che hanno vissuto a lungo separate. Chiunque atterri su questa lussureggiante isola sabbiosa si ritrova rapidamente in una tempesta di stupore.
Glamour vs Fede
Religione
Goa, India

L'ultimo rantolo di morte della Portogallo di Goa

L'importante città di Goa ha già giustificato il titolo di "Roma d'Oriente” quando, a metà del XVI secolo, epidemie di malaria e colera votarono per abbandonarlo. Nova Goa (Pangim) con cui è stato scambiato ha raggiunto la sede amministrativa dell'India portoghese ma è stata annessa dall'Unione indiana post-indipendenza. In entrambi, il tempo e la negligenza sono disturbi che ora languono l'eredità coloniale portoghese.
Di nuovo al sole. Funivie di San Francisco, alti e bassi della vita
Veicoli Ferroviari
San Francisco, EUA

Funivie di San Francisco: una vita di alti e bassi

Un macabro incidente di carro ha ispirato la saga della funivia di San Francisco. Oggi, queste reliquie funzionano come un'affascinante operazione della città della nebbia, ma hanno anche i loro rischi.
Verdure, Little India, Sari Singapore, Singapore
Società
Little India, Singapore

Piccola India. La Singapore di Sari

Ci sono poche migliaia di abitanti invece degli 1.3 miliardi della madrepatria, ma Little India, un quartiere della minuscola Singapore, non manca di anima. Né soul né odore di curry e musica di Bollywood.
L'abbandono, lo stile di vita dell'Alaska, Talkeetna
Vita quotidiana
Talkeetna, Alaska

Lo stile di vita dell'Alaska di Talkeetna

Un tempo un semplice avamposto minerario, Talkeetna è stato ringiovanito nel 1950 per servire gli scalatori del Monte McKinley. Il villaggio è di gran lunga il più alternativo e accattivante tra Anchorage e Fairbanks.
Ippopotamo nella laguna di Anôr, isola di Orango, Bijagós, Guinea Bissau
Animali selvatici
Isola Keré ad Orango, Bijagos, Guinea Bissau

Alla Ricerca degli Ippopotami Lacustri-Marini e sacri delle Bijagós

Sono i mammiferi più letali dell'Africa e, nell'arcipelago di Bijagós, conservati e venerati. A causa della nostra particolare ammirazione, ci siamo uniti a una spedizione nella loro ricerca. Partendo dall'isola di Kéré e arrivando nell'entroterra di Orango.
Mushing completo del cane
Voli panoramici
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.