Nara, Giappone

Buddismo vs Modernismo: il doppio volto di Nara


Memorial day di solo una volta ????
Giovane ciclista di Nara accanto a un cartellone con una didascalia misteriosa.
Balcone-tempio-Nigatsu-di-Nara-Kansai-Giappone
Visitatori del balcone del tempio di Nigatsu.
Una dolce professione
I dipendenti lavorano in un tradizionale negozio di dolciumi.
lago d'autunno
I colori autunnali del giardino di Isuem in una giornata grigia.
acquisto di biciclette
Un residente di Nara esamina i prodotti in una strada cittadina.
Nigatsu, quasi notte
Il tempio di Nigatsu si illuminò, nel crepuscolo.
bancario
I residenti di Nara esaminano la finestra di una bancarella di strada a Nara.
Sagome-Pagoda-Yakushi-ji-Nara-Kansai-Giappone
Sagome prodotte dalle Yakushi Pagodas durante il tramonto.
Momento di strada Sanjo-dori
Vista sulla lunga via Sanjo-dori.
acquisti di gruppo
Un gruppo di studenti esamina una gioielleria a Nara.
Nell'VIII secolo d.C. Nara era la capitale giapponese. Durante 74 anni di questo periodo, gli imperatori eressero templi e santuari in onore del Buddismo, la religione appena arrivata attraverso il Mar del Giappone. Oggi, solo questi stessi monumenti, spiritualità secolare e parchi pieni di cervi proteggono la città dall'assedio inesorabile dell'urbanità.

Sulla panchina subito davanti al treno, Yumi esordisce affermando timidamente di essere di Osaka. Mentre la conversazione continua, corregge e presume che sia nato e viva a Nara, in Giappone. Finisce per giustificarci in maniera un po' tesa: “Sono timido… preferisco dire che vengo da Osaka … “.

È stato con sorpresa che abbiamo scoperto che, per alcuni degli abitanti più giovani, Nara può essere considerata "campagna" nella sua sfaccettatura deprezzata, motivo di ritrattazione e persino di vergogna, dal crudo confronto con il Giappone cosmopolita e ultra sofisticato di Tokyo, Nagoya, Kobe o Osaka.

Sembra che non ci siano ragioni reali per questo tipo di complesso. Patrimonio e testimonianza vivente del passato medievale del Paese del Sol Levante, dei grattacieli e delle luci al neon, degli schermi ad alta definizione delle metropoli giapponesi o dei shinkansen (treno proiettile) che li collega e passa per pochi chilometri.

Lo stile di Nara è diverso, paragonabile, in scala ridotta, a quello di la vicina Kyoto: poco luminoso. Non meno luminoso e appariscente.

Alcune caratteristiche che gli sono uniche, come il più grande edificio in legno del mondo, il Todai-hee, i vasti giardini a prato e i cervi che li vagano senza meta – incantarono i primi visitatori e lo apprezzarono, da allora, al punto che l'UNESCO qualificò il “Monumenti storici dell'antica Nara” – rovine, sei templi e otto foreste primarie – come sito del patrimonio mondiale.

Via Sanjo-dori, Nara, Giappone

Vista sulla lunga via Sanjo-dori.

L'affollata Nara moderna in Sanjo-dori Street

Quando scendiamo dalle lunghe composizioni Japan Rail servendo Nara siamo arrivati, ovviamente, in tempo. Come è universalmente noto, quando si tratta di orari di lavoro e responsabilità, i giapponesi non si piegano.

Ci introduce alla città nel lungo periodo Sanjo Dori, la principale via dello shopping e quella che porta al suo centro storico, dove si trovano quasi tutti i giardini e gli edifici secolari.

Da entrambe le parti si susseguono stabilimenti diversi. Un McDonalds che si affaccia su un negozio di kimono, di fronte a pachinko (un gioco di fortuna che ha assuefatto molti giapponesi) che, a sua volta, svela un minimarket e così via, senza alcuna logica tematica o visiva.

Per coerenza con l'incoerenza, a piedi e in bicicletta, ci passano accanto persone di ogni età, nazionalità e tipologia.

Giovane ciclista dal tabellone per le affissioni, Nara, Giappone

Giovane ciclista di Nara accanto a un cartellone con una didascalia misteriosa.

I lavoratori locali sono prigionieri di abiti scuri, ragazzi e ragazze stanno trascorrendo la loro ultima libertà adolescente: loro, in minigonna al limite, stivali alti e cappello sovietico colbacco; sono meno esposti al freddo, ma ugualmente arresi alle immagini occidentalizzate fresco che decorano le finestre.

Ci sono anche bande di studenti chiassosi, sottoposti alle uniformi dei bambini delle loro scuole e un assortimento di visitatori giapponesi e stranieri, da intraprendenti backpackers a milionari ben vestiti.

Pasta frolla e faccia a faccia con Nara secolare

Un gruppo di questi personaggi assiste alla tradizionale produzione della pasta al tè verde, utilizzata in vari tipi di dolci tipici giapponesi, farciti con una crema di fagioli dolci.

I protagonisti sono due pasticceri armati di mazze che alternativamente martellano il contenuto di una vasca con tutte le loro forze e gridano in modo militare, ad ogni movimento. La coreografia impressiona gli altri passanti che, a poco a poco, si uniscono al pubblico.

I pasticceri impastano la pasta sfoglia, Sanjo-dori, Nara, Giappone

I pasticceri sbattono l'impasto usato per fare i dolci tradizionali giapponesi a Sanjo-dori.

Accanto, le sponde arrotondate del lago Sarusawano sono un punto di confluenza naturale per gli estranei. Sono occupati da pittori e fotografi dilettanti iper-attrezzati o con una macchina compatta pronta, strategicamente posizionata contro il riflesso della pagoda più alta (50.1 m) del tempio Kofuku-ji, un altro dei punti salienti del patrimonio di Nara ed ex pretendente di il titolo di massimo dal Giappone che ha perso, però, contro un rivale da Kyoto.

L'attuale Kofuku-ji – costituito da soli quattro edifici costruiti successivamente: le pagode a tre e cinque piani (goju-no-tou), la Casa del Tesoro e la Sala Tokondo – è una minuscola parte dei circa 175 che lo formarono in il passato all'apice del suo splendore e che scomparve nel corso dei 1300 anni trascorsi dall'inizio della sua costruzione, risalente al 710.

Sagome di pagode Yakushi, Nara

Sagome prodotte dalle Yakushi Pagodas durante il tramonto.

Sebbene diminuito, questo è, ancora oggi, uno dei principali templi giapponesi della corrente buddista Hosso, noto anche come Yuishiki, che sostiene che tutta l'esistenza è coscienza e, come tale, che nulla esiste al di là della mente.

Dessi Tambunan, un indonesiano con ansia giapponese

La coscienza di Dessi Tambunan, una giovane indonesiana espatriata che ci accoglie nella sua casa poco dopo essere arrivata a Nara, l'ha quasi portata alla disperazione. “Sai... non so più cos'altro posso fare”, si sfoga imbronciato, spingendo per l'aspetto tenero di una bambola Java: “Faccio del mio meglio per adattarmi ed essere riconosciuto come loro. Sembra che non sia mai abbastanza.

Mi guardano sempre in modo diverso. Non riesco proprio a spiegare perché, ma sono qui da quasi tre anni. Continuo a sentirmi giusta e solo straniera…” continua nella più pura sincerità.

Lo sfogo ci commuove. Suscita conclusioni inquietanti. La cosa più ovvia era che la giovane indonesiana fosse arrivata in Giappone con un'ansia grande quanto le sue enormi aspettative. Membro di una ricca e influente famiglia di Jakarta, Dessi era stato catturato dal sogno dell'alta società giapponese.

Un giapponese ricco, attraente e sensibile - come, a suo avviso, lo erano quasi tutti - si innamorerebbe del suo broncio di porcellana e la vita sarebbe una favola, lontano dall'umidità atroce, dalla povertà e dall'arretratezza della civiltà che, secondo lui, hanno avvolto la sua, nonostante tutto, cara patria tropicale.

La scuola di danze orientali e inglesi che aveva aperto nel centro di Nara operava grazie ad alcuni timidi ma coraggiosi adolescenti di Nara che cercavano di combattere la rigidità e la formalità laica in cui venivano educati. Ma i loro fianchi ossuti impedivano loro di aspirare ai movimenti aggraziati del maestro e, a livello orale, lo stesso tipo di problema, aggrovigliava e frenava l'insegnamento della lingua “del mondo”.

Un progetto giapponese personale

Dessi si è lamentato di tutto e di più. Ciononostante, lunedì, mercoledì e venerdì, lasciava il suo studio-triplo specchiato all'inizio della notte per vestirsi con il suo kimono e imparare, inginocchiata tra le brave signore della città, i complessi movimenti della cerimonia del tè, che lei visto come il passaporto per l'auspicata integrazione. Al suo ritorno, avrebbe lamentato ancora una volta la sua irrisolvibile emarginazione.

Il suo progetto esistenziale era iniziato nella vicina Osaka, la grande metropoli del lavoro del Kansai. Ma i prezzi esorbitanti degli affitti e la forte concorrenza l'hanno costretta a trasferirsi a Nara, una città così adolescenti sofisticati nella regione, fan del supra-sumo Tokyo, considerano antiquati e conservatori e che le autorità continuano a proteggere dal cambiamento in onore del glorioso passato.

Nara: capitale per quasi un secolo e la sua unica geisha attiva

Nara, il cui nome si crede derivi dal termine nashita, che significa levigato, rimase la capitale giapponese per la maggior parte dell'VIII secolo. Originariamente era chiamato Heijō-kyō. Come Kyoto, in un momento in cui il Giappone cercava di seguire l'esempio della civiltà Cina, fu costruita a immagine di Chang'an, l'attuale città di Xi'an, dove si trova il famoso esercito di terracotta.

Molte delle opere di quest'epoca furono consumate dal tempo e dal suo avvento. Per quanto riguarda i personaggi viventi che rappresentano l'epoca classica del Giappone, Nara ne ha uno più famoso di tutti gli altri. Al momento della nostra visita, Kikuno era l'unica geisha residente in città. L'unico dei duecento che un tempo vi coesisteva.

Geisha Kikuno a Nara, Giappone

Kikuno assume una delle pose che le geishe usano come forma di sensualità.

Kikuno si è dedicato all'artigianato sin dall'età di 15 anni. Adesso aveva 45 anni. Desi aveva una grande ammirazione per lei. Ci ha portato a vedere uno dei suoi spettacoli serali. Uno dei tanti per i quali la geisha si è trovata quotidianamente richiesta, ecco perché, pur essendone protagonista, l'artista solo dello spettacolo, tra l'altro, ha finito per lasciarlo di fretta dopo due brevi spettacoli di ballo.

Desi uscì dalla stanza con un sospiro, ispirata da un'altra raffica di rimpianti per la sua situazione. Tuttavia, abbiamo avuto il tempo di commentare la performance di Kikuno, la sua fretta, e la lenta estinzione dell'arte delle geishe in generale in Giappone.

Il giorno successivo, Desi era impegnata con le sue faccende. Abbiamo continuato l'esplorazione approfondita di Nara, con l'eccezione del suo grande tempio buddista, il Oggi Ji, il più grande edificio in legno sulla faccia della Terra, al quale avevamo già dedicato quasi un intero pomeriggio.

Alla scoperta della foresta e della storica Nara

Ci siamo arresi al paesaggio autunnale dei parchi, tenendo sempre d'occhio gli audaci cervi che si sono abituati a rincorrere i passanti, desiderosi dei biscotti che i visitatori comprano per regalargli.

Abbiamo scalato il monte Kaigahira-yama, il più alto della città, a 822 metri. Dalla vetta ventosa contempliamo la vista panoramica delle moderne case sparse lungo la vallata. Presto si scende, alla ricerca di altri monumenti storici e religiosi che fanno di Nara un caso speciale.

Tetto del Tempio Todai-ji e delle Case di Nara, Giappone

Panorama di Nara con il tetto del tempio Todai-hee evidenziato.

Di tutti quelli che abbiamo attraversato, il santuario Kasuga Taisha si è rivelato di gran lunga il più luminoso.

Lanterne di pietra abbagliante di Kyosuke Taisha

Il sentiero che lo precede svela circa duemila lanterne di pietra che si accendono durante i giorni di Chugen Mantoro Festival. Ogni anno, nei giorni – o meglio, nelle notti del 14 e 15 agosto – si genera un'atmosfera misteriosa e solenne che abbaglia i credenti buddisti e i non credenti.

Lanterne di pietra al Santuario Kazuga, Nara, Giappone

Le lanterne di pietra del Santuario Kazuga.

Abbiamo camminato lungo i lunghi viali del tempio tra famiglie orgogliose dei loro bambini vestiti con kimono colorati. Li vediamo fermarsi a fotografarsi, ogni dieci metri.

In tutti gli angoli che si stagliavano nello scenario naturale e durante i vari riti buddisti che precedono l'ingresso ai templi: purificazione con l'acqua sacra delle sorgenti, preghiera e donazione di yen che si ritiene aiutino ad ottenere la benevolenza degli dei e di là fuori.

Così detta la tradizione sociale e religiosa che, a causa della forte psicologia di gruppo giapponese, la maggior parte dei giapponesi è desiderosa di rispettare.

Padre e figlio, Santuario Kazuga, Nara, Giappone

Padre e figlio si lavano con acqua all'ingresso del Santuario Kazuga di Nara.

Ritroviamo le energie nel bucolico giardino di Isuien, famoso per i suoi scenari da cartolina, soprattutto da ottobre a fine novembre, quando le foglie degli alberi assumono tenui sfumature di rosso e giallo che si intonano allo sfondo nebbioso della montagna circostante.

Da lì abbiamo seguito l'antica zona residenziale di Nara Nar Machi, il piccolo quartiere dove vive una piccola percentuale dei quasi quattrocentomila abitanti della città. Lì, case a un piano in legno scuro, costruite nel XIX secolo, alcune ancora adibite ad abitazioni, molte - identificate dai segni in caratteri kanji, di origine cinese – già trasformata in piccole imprese artigiane in cui gaijin (stranieri) ficcano il naso per soddisfare la loro curiosità

In termini storici, in questa antica roccaforte residenziale e mercantile di Nara, ci trovavamo all'estremità opposta dell'area moderna dove ci aveva lasciato il treno e il viale Sanjo dori.

I corvi degli alberi nel Parco di Nara, in Giappone

Stormo di corvi occupa un albero spoglio nel Parco di Nara.

Tokyo, Giappone

Pachinko: Il video - Dipendenza che deprime il Giappone

All'inizio era un giocattolo, ma l'appetito di profitto del Giappone ha rapidamente trasformato il pachinko in un'ossessione nazionale. Oggi, 30 milioni di giapponesi si sono arresi a queste macchine da gioco alienanti.
Nara, Giappone

La colossale culla del buddismo giapponese

Nara ha cessato da tempo di essere la capitale e il suo tempio Todai-ji è stato retrocesso. Ma la Sala Grande rimane il più grande edificio antico in legno del mondo. E ospita il più grande buddha di bronzo vairocano.
Kyoto, Giappone

Sopravvivenza: l'ultima Geisha Art

Erano quasi 100 ma i tempi sono cambiati e le geisha sono sull'orlo dell'estinzione. Oggi, i pochi rimasti sono costretti a cedere alla modernità meno sottile ed elegante del Giappone.
Osaka, Giappone

Alla compagnia di Mayu

La notte giapponese è un affare multimiliardario. Ad Osaka, un'enigmatica hostess che fa couchsurfing ci accoglie, a metà strada tra la geisha e l'escort di lusso.
Tokyo, Giappone

Foto del passaporto giapponese

Alla fine degli anni '80, due multinazionali giapponesi vedevano già le cabine fotografiche convenzionali come pezzi da museo. Le trasformarono in macchine rivoluzionarie e il Giappone si arrese al fenomeno Purikura.
Kyoto, Giappone

Un Giappone millenario quasi perduto

Kyoto era nella lista dei colpi della bomba atomica degli Stati Uniti ed era più di un capriccio del destino a preservarla. Salvata da un Segretario alla Guerra americano innamorato della sua ricchezza storico-culturale e della sontuosità orientale, la città è stata sostituita all'ultimo minuto da Nagasaki nell'atroce sacrificio del secondo cataclisma nucleare.
Kyoto, Giappone

Il Tempio di Kyoto risorto dalle ceneri

Il Padiglione d'Oro è stato risparmiato dalla distruzione più volte nel corso della storia, comprese le bombe sganciate dagli Stati Uniti, ma non ha resistito al disturbo mentale di Hayashi Yoken. Quando lo ammiravamo, brillava come non mai.
Tokyo, Giappone

La notte infinita della capitale del Sol Levante

Dillo Tokyo non dormire è dire poco. In una delle città più grandi e sofisticate sulla faccia della Terra, il crepuscolo segna solo il rinnovamento della frenetica vita quotidiana. E ci sono milioni delle loro anime che o non trovano posto al sole, o hanno più senso nei cambiamenti "oscuri" e oscuri che seguono.
Miyajima, Giappone

Shintoismo e buddismo al gusto delle maree

I visitatori del tori di Itsukushima ammirano una delle tre ambientazioni più venerate del Giappone. Nell'isola di Miyajima, la religiosità giapponese si fonde con la Natura e si rinnova con il flusso del Mare Interno di Seto.
Ogimashi, Giappone

Un villaggio fedele al

Ogimashi rivela un'affascinante eredità di adattabilità giapponese. Situato in uno dei luoghi più innevati sulla faccia della Terra, questo villaggio ha perfezionato case con vere e proprie strutture anti-crollo.
Tokyo, Giappone

L'imperatore senza impero

Dopo la capitolazione nella seconda guerra mondiale, il Giappone si sottomise a una costituzione che pose fine a uno degli imperi più lunghi della storia. L'imperatore giapponese è, oggi, l'unico monarca a regnare senza un impero.
Tokyo, Giappone

Un santuario del matchmaking

Il Tempio Meiji di Tokyo è stato costruito per onorare gli spiriti divinizzati di una delle coppie più influenti della storia giapponese. Nel tempo si è specializzata nella celebrazione dei matrimoni tradizionali.
Okinawa, Giappone

Danze Ryukyu: sono vecchie di secoli. Non hanno molta fretta.

Il regno di Ryukyu prosperò fino al XNUMX° secolo come stazione commerciale Cina e dal Giappone. L'estetica culturale sviluppata dalla sua aristocrazia cortese includeva vari stili di danza lenta.
Iriomote, Giappone

Iriomote, una piccola amazzone del Giappone tropicale

Le foreste pluviali e le impenetrabili mangrovie riempiono Iriomote sotto il clima di una pentola a pressione. Qui, i visitatori stranieri sono rari come il yamaneko, un'inafferrabile lince endemica.
Nikko, Giappone

La processione finale dello Shogun Tokugawa

Nel 1600, Ieyasu Tokugawa inaugurò uno shogunato che unì il Giappone per 250 anni. In suo onore, Nikko rievoca, ogni anno, il trasferimento medievale del generale nel sontuoso mausoleo di Toshogu.
Takayama, Giappone

Takayama dell'antico Giappone e dell'Hida medievale

In tre delle sue strade, Takayama conserva un'architettura tradizionale in legno e concentra vecchi negozi e produttori di sake. Intorno si avvicina a 100.000 abitanti e si arrende alla modernità.
Okinawa, Giappone

Il piccolo impero del sole

Risorta dalla devastazione causata dalla seconda guerra mondiale, Okinawa ha riacquistato l'eredità della sua secolare civiltà Ryukyu. Oggi, questo arcipelago a sud di Kyushu ospita a Giappone sulla riva, circondato da un Oceano Pacifico turchese e ispirato a un peculiare tropicalismo giapponese.
Magome Tsumago, Giappone

Da Magome a Tsumago: il percorso sovraffollato per il Giappone medievale

Nel 1603 lo shogun Tokugawa dettò il rinnovamento di un antico sistema stradale. Oggi, il tratto più famoso della strada che collegava Edo a Kyoto è attraversato da una folla desiderosa di fuggire.
Giappone

L'impero delle macchine per bevande

Ci sono più di 5 milioni di scatole luminose ultra-tecnologiche sparse in tutto il paese e molte altre lattine e bottiglie esuberanti di bevande invitanti. I giapponesi hanno smesso da tempo di resistergli.
Hiroshima, Giappone

Hiroshima: una città arresa alla pace

Il 6 agosto 1945 Hiroshima soccombette all'esplosione della prima bomba atomica usata in guerra. Dopo 70 anni, la città si batte per la memoria della tragedia e per lo sradicamento delle armi nucleari entro il 2020.
savuti, botswana, leoni mangiatori di elefanti
Safari
Savuti, Botswana

L'elefante che mangia i leoni di Savuti

Una parte del deserto del Kalahari si prosciuga o viene irrigata a seconda dei capricci tettonici della regione. A Savuti, i leoni si sono abituati a fare affidamento su se stessi e a depredare gli animali più grandi della savana.
Circuito dell'Annapurna, da Manang a Yak-kharka
Annapurna (circuito)
10° Circuito dell'Annapurna: Manang lo Yak Kharka, Nepal

Verso gli altopiani (superiori) dell'Annapurna

Dopo una pausa di acclimatamento nella civiltà quasi urbana di Manang (3519 m), riprendiamo l'ascesa allo zenit di Thorong La (5416 m). Quel giorno abbiamo raggiunto il villaggio di Yak Kharka, a 4018 m, un buon punto di partenza per i campi alla base della grande gola.
Incisioni, Tempio di Karnak, Luxor, Egitto
Architettura & Design
Luxor, Egitto

Da Luxor a Tebe: viaggio nell'antico Egitto

Tebe fu eretta come nuova capitale suprema dell'Impero Egizio, sede di Amon, il Dio degli Dei. La moderna Luxor ha ereditato il Tempio di Karnak e la sua sontuosità. Tra l'uno e l'altro scorrono il sacro Nilo e millenni di storia mozzafiato.
lagune e fumarole, vulcani, PN tongaro, nuova zelanda
Aventura
Tongariro, Nova Zelândia

I vulcani di tutte le discordie

Alla fine del XIX secolo, un capo indigeno cedette i vulcani del PN Tongariro alla corona britannica. Oggi, una parte significativa del popolo Maori rivendica le proprie montagne di fuoco dai coloni europei.
4 luglio Fireworks-Seward, Alaska, Stati Uniti
Cerimonie e Feste
Seward, Alaska

Il 4 luglio più lungo

L'indipendenza degli Stati Uniti viene celebrata a Seward, in Alaska, in modo modesto. Anche così, il 4 luglio e la sua celebrazione sembrano non avere fine.
Tesori, Las Vegas, Nevada, Città del peccato e del perdono
Città
Las Vegas, EUA

Dove il peccato perdona sempre

Proiettata dal deserto del Mojave come un miraggio al neon, la capitale nordamericana del gioco e dell'intrattenimento è vissuta come una scommessa al buio. Lussureggiante e avvincente, Vegas non impara né si pente.
cibo
Mercati

Un'economia di mercato

La legge della domanda e dell'offerta determina la loro proliferazione. Che siano generici o specifici, coperti o all'aperto, questi spazi dedicati alla compravendita e allo scambio sono espressioni di vita e di salute finanziaria.
Danze
Cultura
Okinawa, Giappone

Danze Ryukyu: sono vecchie di secoli. Non hanno molta fretta.

Il regno di Ryukyu prosperò fino al XNUMX° secolo come stazione commerciale Cina e dal Giappone. L'estetica culturale sviluppata dalla sua aristocrazia cortese includeva vari stili di danza lenta.
Spettatore, Melbourne Cricket Ground-Regole di calcio, Melbourne, Australia
sportivo
Melbourne, Australia

Calcio dove gli australiani regolano le regole

Sebbene praticato dal 1841, il football australiano conquistò solo una parte della grande isola. L'internazionalizzazione non è mai andata oltre la carta, frenata dalla concorrenza del rugby e del calcio classico.
In viaggio
Circuito dell'Annapurna: 5° - Ngawal a BragaNepal

Verso Braga. I nepalesi.

Abbiamo trascorso un'altra mattinata di tempo glorioso alla scoperta di Ngawal. Segue un breve viaggio verso Manang, la città principale sulla strada per l'apice del circuito dell'Annapurna. Abbiamo soggiornato a Braga (Braka). Il borgo si sarebbe presto rivelato una delle sue tappe più indimenticabili.
valle profonda, terrazze di riso, batad, filippine
Etnico
Familiare, Filippine

Le terrazze che sostengono le Filippine

Oltre 2000 anni fa, ispirati dal loro dio del riso, il popolo Ifugao si sviluppò sulle pendici di Luzon. Il cereale che vi coltivano gli indigeni nutre ancora una parte significativa del paese.
Veduta dell'isola di Fa, Tonga, ultima monarchia polinesiana
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Segni esotici di vita

Isola Curieuse, Seychelles, tartarughe di Aldabra
Storia
Isola Felicité e Isola Curieuse, Seychelles

De Lebbrosario a casa de Tartarughe Giganti

A metà del XVIII secolo rimase disabitata e ignorata dagli europei. La spedizione navale francese”La Curieuse” lo rivelò e ispirò il suo battesimo. Gli inglesi la mantennero un lebbrosario fino al 1968. Oggi l'Île Curieuse ospita centinaia di tartarughe di Aldabra, l'animale terrestre più longevo.
Spiaggia di El Cofete dalla cima di El Islote, Fuerteventura, Isole Canarie, Spagna
Isole
Fuerteventura, isole Canarie, Spagna

La (a) Atlantic Ventura de Fuerteventura

I romani conoscevano le Canarie come le isole fortunate. Fuerteventura, conserva molti degli attributi di quel tempo. Le sue spiagge perfette per il windsurf e kitesurf o semplicemente per fare il bagno giustificano successive “invasioni” dei popoli affamati di sole del nord. Nell'interno vulcanico e aspro, resiste il bastione delle culture indigene e coloniali dell'isola. Abbiamo iniziato a svelarlo lungo la sua lunga lunghezza meridionale.
Maksim, popolo Sami, Inari, Finlandia-2
bianco inverno
Inari, Finlândia

I Guardiani del Nord Europa

A lungo discriminato dai coloni scandinavi, finlandesi e russi, il popolo Sami riacquista la propria autonomia ed è orgoglioso della propria nazionalità.
silhouette e poesia, cora coralina, old goias, brasile
Letteratura
Goias Velho, Brasile

Vita e lavoro di uno scrittore al margine

Nata a Goiás, Ana Lins Bretas ha trascorso gran parte della sua vita lontana dalla sua famiglia castrante e dalla città. Tornando alle sue origini, ha continuato a ritrarre la mentalità prevenuta della campagna brasiliana.
Porto Santo, vista a sud di Pico Branco
Natura
Sentiero Terra Chã e Pico Branco, Porto Santo

Pico Branco, Terra Chã e altri capricci di Ilha Dourada

Nel suo angolo nord-est, Porto Santo è qualcos'altro. Con le spalle rivolte a sud e verso la sua ampia spiaggia, scopriamo una costa montuosa, ripida e persino boscosa, piena di isolotti che punteggiano un Atlantico ancora più blu.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
avanti e indietro fluviale
Parchi Naturali
Iriomote, Giappone

Iriomote, una piccola amazzone del Giappone tropicale

Le foreste pluviali e le impenetrabili mangrovie riempiono Iriomote sotto il clima di una pentola a pressione. Qui, i visitatori stranieri sono rari come il yamaneko, un'inafferrabile lince endemica.
New Orleans Louisiana, prima linea
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
New Orleans, Louisiana, EUA

La Musa del Grande Sud Americano

New Orleans si distingue dal contesto conservatore americano come difensore di tutti i diritti, talenti e irriverenza. Un tempo francese, francesizzata per sempre, la città del jazz ispira nuovi ritmi contagiosi, la fusione di etnie, culture, stili e sapori.
Vista dalla cima del monte Vaea e la tomba, il villaggio di Vailima, Robert Louis Stevenson, Upolu, Samoa
personaggi
Upolu, Samoa

L'isola del tesoro di Stevenson

All'età di 30 anni, lo scrittore scozzese iniziò a cercare un posto che lo salvasse dal suo corpo maledetto. Ad Upolu e nei Samoani trovò un accogliente rifugio al quale diede il suo cuore e la sua anima.
Santa Marta, Tayrona, Simón Bolivar, Ecohabs del Parco Nazionale Tayrona
Spiagge
Santa Marta e PN Tayrona, Colombia

Il paradiso da cui partì Simón Bolívar

Alle porte di PN Tayrona, Santa Marta è la più antica città ispanica abitata continua in Colombia. In esso, Simón Bolívar iniziò a diventare l'unica figura del continente venerata quasi quanto Gesù Cristo e la Vergine Maria.
Uno contro tutti, Monastero di Sera, Sacro Dibattito, Tibet
Religione
Lhasa, Tibete

Sera, il Monastero del Sacro Dibattito

In pochi posti al mondo si usa un dialetto con la stessa veemenza del monastero di Sera. Lì, centinaia di monaci si impegnano in intensi e chiassosi dibattiti sugli insegnamenti del Buddha in tibetano.
Treno Kuranda, Cairns, Queensland, Australia
Veicoli Ferroviari
Cairns-Kuranda, Australia

Treno per il mezzo della giungla

Costruita a Cairns per salvare i minatori isolati nella foresta pluviale dalla fame a causa delle inondazioni, nel tempo la ferrovia del Kuranda è diventata il pane quotidiano di centinaia di australiani alternativi.
Festival di Kente Agotime, Ghana, oro
Società
Kumasi a Kpetoe, Gana

Una celebrazione del viaggio della moda tradizionale ghanese

Dopo qualche tempo nella grande capitale del Ghana Ashanti abbiamo attraversato il paese fino al confine con il Togo. Le ragioni di questo lungo viaggio sono state le alla città, un tessuto così venerato in Ghana che diversi capi tribù gli dedicano ogni anno un sontuoso festival.
Commercianti di frutta, Swarm, Mozambico
Vita quotidiana
Enxame, Mozambico

Area di servizio in stile mozambicano

Si ripete in quasi tutte le tappe nei paesi di Mozambico degno di apparire sulle mappe. o tubo tubolare (autobus) si ferma ed è circondato da una folla di impazienti uomini d'affari. I prodotti offerti possono essere universali, come acqua o biscotti, oppure tipici della zona. In questa regione, a pochi chilometri da Nampula, le vendite di frutta sono state successive, sempre piuttosto intense.
Tartaruga appena nata, PN Tortuguero, Costa Rica
Animali selvatici
P.N. Tortuguero, Costa Rica

Una notte all'asilo nido Tortuguero

Il nome della regione del Tortuguero ha una ragione evidente e antica. Le tartarughe marine dell'Atlantico e dei Caraibi si sono riversate a lungo sulle spiagge di sabbia nera della sua stretta costa per deporre le uova. In una delle notti trascorse a Tortuguero, abbiamo assistito alle loro nascite frenetiche.
Mushing completo del cane
Voli panoramici
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.