Bolshoi Zayatsky, Russia

Misteriose Babilonia russe


In procinto di partire
Sulla via dell'Ortodossia
Bi-spirale
isola sassosa
Ortodossia a bordo
Scenario autunnale
legna da ardere e altri
ortodossia autunnale
conversazione a bordo
comodo ancoraggio
Oltre la costa pietrosa
tornare al ponte
ortodossia insulare
momento fotografico
Una serie di labirinti a spirale preistorici fatti di pietre decorano l'isola Bolshoi Zayatsky, parte dell'arcipelago delle Solovetsky. Privati ​​di spiegazioni su quando sono stati eretti o cosa significano, gli abitanti di questi angoli settentrionali d'Europa li trattano come vaviloni.

Ci siamo svegliati dopo una notte di convivialità nella casa condivisa da Andrey Ignatiev e Alexey Sidnev, originari di Arkhangelsk, residenti temporanei di Solovetsky, arcipelago disperso dalla baia di Onega del Mar Bianco, lo stesso mare che ha accolto il Bolshoi Zayatsky.

Andrey e Alexey sono entrambi ingegneri geologici. Stavano preparando una rete idraulica che l'isola mancava da tempo. I due parlavano solo russo. Fluente in inglese, Alexey Kravchenko, il cicerone di San Pietroburgo che ci ha accompagnato e guidato, ci ha sostenuto come traduttore e legame relazionale.

Ha avuto l'aiuto dell'inevitabile vodka, ovviamente. Non sapendo nemmeno che dovevamo svegliarci alle 7:30, ci è venuto in mente di rifiutare l'offerta di drink genuina e generosa dei padroni di casa. La vodka che ci hanno servito non poteva che essere di ottima qualità.

Os cetriolini di cetrioli e altre verdure, parte delle prelibatezze con cui i russi in genere sono abituati ad accompagnare e mitigare l'alcol, ci ha regalato un'alba senza grandi drammi, il che non significa facile, tanto meno di buon umore.

L'alba e la navigazione verso il Bolshoi Zayatsky

Il nuovo giorno è spuntato anche così: grigio come non lo vedevamo da due giorni. Imballiamo gli zaini. Abbiamo fatto una colazione improvvisata con i droghieri che ci hanno accompagnato. Abbiamo sbattuto la porta dell'appartamento sovietico e siamo andati al lavoro.

È con i volti schiacciati dal freddo dell'alba che ci incamminiamo verso il porticciolo locale, poco più che un muro armato che delimitava uno specchio d'acqua. Quando siamo arrivati, un gruppo di visitatori russi stava già aspettando il divertimento, nelle vicinanze del “pechak”, una barca che prende il nome da uno dei promontori emblematici dell'arcipelago.

Due membri dell'equipaggio che appaiono dall'interno danno l'ordine di imbarco. Poco dopo, salpiamo per il Mar Bianco.

Suora ortodossa, isola Bolshoi Zayatski, Isole Solovetsky, Russia

La suora ortodossa viaggia a bordo della barca Pechak che collega Solovetsky a Bolshoi Zayatski.

Il vento leggero smuoveva a malapena la vastità neutrale che stavamo attraversando. Ma è bastato solo lo spostamento della barca a congelare le ossa e gli animi dei turisti occidentali e casuali che gli altri passeggeri faticavano a capirne l'origine.

Nave passeggeri Pechak, Mar Bianco, Isole Solovetsky

I passeggeri del Pechak fotografano la costa insulare dell'arcipelago delle Solovetsky.

Quasi un'ora dopo la partenza, abbiamo visto il profilo degli edifici su una delle isole quasi poco profonde che si susseguivano. Con l'avvicinarsi delpechak" abbiamo notato che la più alta e irregolare era una vecchia chiesa ortodossa di legno situata oltre una fascia costiera disseminata di grandi massi arrotondati e tronchi. Accanto ad essa, due case di mattoni e pietra sembravano servire il tempio. Eravamo nel Bolshoi Zayatsky.

Chiesa Ortodossa, Bolshoi Zayatski, Isole Solovetsky, Russia

Chiesa ortodossa ed edifici di supporto sopra la costa pietrosa del Bolshoi Zayatsky.

Atterraggio e Primi Passi

Il "pechak” attracca alla fine di un pontile in legno. Un giovane membro dell'equipaggio alto, snello e biondo vestito con un'uniforme militare mimetizzata completa l'abbandono e un nuovo ordine di rilascio.

Ad uno ad uno abbiamo percorso tutti lungo il camminamento installato su un basamento in pietra che collegava il molo all'ingresso della chiesa. Nella parte anteriore c'è l'unico passeggero con abiti diversi, rannicchiato in una tela cerata gialla a tutta lunghezza.

Si forma un gruppo più composto di quello di bordo. Il giovane sulla tela cerata assume il ruolo di guida e inizia una lunga dissertazione in russo. All'inizio siamo rimasti nel gruppo, attenti alle spiegazioni tradotte che ci ha trasmesso Alexey Kravchenko.

Poco dopo, l'entourage si scioglie. Ci allontaniamo anche da Alexey. Ci resta la nostra scoperta sensoriale del Bolshoi Zayatsky che, nonostante l'aggettivo (bolscioi = grande) dista solo 1.25 km2

Chiesa Ortodossa Bolshoi Zayatski, Isole Solovetsky, Russia

La passerella conduce alla vecchia chiesa in legno di Bolshoi Zayatski.

Una misteriosa isola sub-artica

Una vegetazione multicolore ricopriva l'isola. Cespugli rossastri e giallastri spiccavano sopra il verde predominante. E una dispersa colonia di sassi costellava il tappeto formato da una specie di rigogliosa ginestra della tundra.

Torniamo al gruppo. Si erano fermati ancora una volta presso la guida, in una zona dell'isola dove il verde sottobosco formava un intricato intreccio di solchi.

Il leader torna alla sua accusa verbale. Ci uniamo ad Alexey che, a sua volta, è incuriosito. In modo tale che si limiti all'ascolto e ci trasmetta poco o nulla. "Questo è davvero molto molto bizzarro!" alla fine si lascia andare, stupito da ciò che la guida non è riuscita a spiegare.

Questa è la normale manifestazione di coloro che si confrontano con quegli strani monumenti che ora sono litici-vegetali o ne sentono descrizioni attendibili. Non è solo la sua composizione esoterica a stupire.

Non è inoltre chiaro perché i labirinti siano concentrati in un'area di soli 400 m.2 da ovest del Bolshoi Zayatsky, mentre circa 850 talpe sorgono principalmente a est. Quanto enigmatica, inoltre, è la dispersione stessa di entrambi gli elementi megalitici in diverse isole dell'arcipelago delle Soloveckie.

Nel Bolshoi Zayatsky ci sono quattordici labirinti. Complessivamente sono trentacinque le Isole Solovetsky, tutte realizzate con pietre locali. Il più piccolo ha un diametro di sei metri. Il diametro del più grande misura venticinque metri. Oltre a labirinti e moledos, ci sono anche diversi petroglifi.

Chiesa Ortodossa in Autunno, Bolshoi Zayatski, Isole Solovetsky, Russia

Chiesa ortodossa russa in una breve cornice autunnale dell'arcipelago delle Solovetsky.

Domande a cui i labirinti non rispondono: chi? Come? Perché

Il cuore di questa domanda a spirale è ovvio: chi li ha costruiti? Quando? Per quello? In ogni caso i tentativi di spiegazione vengono da molto tempo e sono disparati, un po' come le soste boreali dove si trovano labirinti in pietra dello stesso tipo: Inghilterra, Islândia, Danimarca, Svezia, Finlândia, Estonia e Russia.

Nella maggior parte dei casi, sono stati creati su isole, penisole, estuari e foci di fiumi, con forme unispirali, bispirali, concentriche e radiali. Le sue forme avvolgenti sono circolari o ovali. Solo in rari casi, quadrato.

La distribuzione europea di questi labirinti riferiva molti degli scienziati incuriositi dal fenomeno al profilo etnico dei popoli nordici, nel caso particolare della penisola di Kola e dell'area intorno al Mar Bianco, agli antecedenti dell'attuale popolo Sami che ora abita la Norvegia settentrionale, Finlândia e la Russia nord-occidentale.

Croci ortodosse, Bolshoi Zayatski, Isole Solovetsky, Russia

Croci ortodosse sulla costa dell'isola Bolshoi Zayatski, arcipelago di Solovetsky

I Saivos e altre teorie per tutti i gusti

Nel 1920, lo scienziato russo N. Vinogradov teorizzò che i labirinti fossero saggio, montagne sacre su cui vagavano le anime dei defunti. Tuttavia, la definizione di saggio ricevuto seri complimenti. IL Enciclopedia Britannica li definisce come “una delle regioni sami dei morti, in cui il saivoolmak (deceduto) ha vissuto una vita felice nel mondo savo soprannaturale con le loro famiglie e antenati.

I Sami credevano che il saivoolmak costruirono tende, cacciarono, pescarono e vissero come avevano vissuto sulla faccia della terra. Voi savo erano considerati sacri e fonti di potere che potevano essere utilizzate dagli sciamani. Quando gli sciamani desideravano entrare in trance, chiamavano gli spiriti guardiani del Lo so."

Si interpretava, quindi, che i labirinti funzionassero come una sorta di confine tra il mondo dei vivi e quello degli spiriti e che fossero usati nei rituali svolti per aiutare le anime a passare da un mondo all'altro.

Labirinto di pietre e cespugli, Bolshoi Zayatski, Isole Solovetsky, Russia

Il visitatore russo del Bolshoi Zayatski lascia uno dei labirinti dell'isola.

La passeggiata nel labirinto di Vlad Abramov

Ci siamo principalmente divertiti a trovare le migliori prospettive e a documentarle. Ma c'erano già diverse persone che si sono prese la briga di seguire le loro tracce mistiche. Vlad Abramov, un ricercatore dedito ai labirinti del Bolshoi Zayatsky, sperimentò di attraversarli.

Ha descritto come si sentiva. “Dopo essere entrati in un labirinto e aver camminato ripetutamente per il centro, si esce dal centro per lo stesso ingresso. Dopo diversi giri, non è chiaro quanto sia andato e quanto altro ancora. In termini soggettivi, il tempo si ferma ma, su un orologio, il grande labirinto viene percorso in quindici minuti.

È difficile essere distratti; la pista è stretta. Richiede guardare i tuoi piedi. La pista ruota sia in senso orario che antiorario. Finalmente appare l'uscita e tu sei contento che il viaggio sia finito".

Labirinto millenario, Isola Bolshoi Zayatski, Isole Solovetsky, Russia

Il visitatore del Bolshoi Zayatski costeggia uno dei tanti labirinti dell'isola.

La guida con la peculiare tela cerata gialla continuò le sue spiegazioni in russo. Ciò ha richiesto la concentrazione di Alexey a tal punto che abbiamo continuato senza la sua trasmissione di conoscenza. Per noi, come per tutti i mortali, il mistero indugiava. La teoria di savo è. Contraddetto da molti altri via via più terreni.

Calendari? Trappole per pesci?

Alcuni studiosi sostengono che i labirinti siano stati costruiti dai pescatori durante i giorni di tempesta, per mettere alle strette gli spiriti maligni, o una specie di elfi mitologici che portavano sfortuna. In questo contesto, i pescatori si recavano al centro dei labirinti e attiravano gli spiriti fino a perderli in mare.

L'ex matematico sovietico, ora russo Yuri Yershov, ha fornito una terza spiegazione mista: che i labirinti servivano come una specie di specchi schematici dell'orbita della luna e dell'orbita apparente del sole, usati come utili calendari.

Secondo un altro postulato, dal 1970, dalla storica e antropologa Nina Nikolaevna Gurina (1909-1990), invece di servire a spaventare gli spiriti maligni in mare, i labirinti del Bolshoi Zayatsky non erano altro che trappole per pesci.

Legna da ardere in una casa di supporto, Isola Bolshoi Zayatski, Isole Solovetsky, Russia

Sul retro di una casa di supporto del Bolshoi Zayatski.

Questo sarebbe il motivo per cui quasi tutti furono costruiti in riva al mare, in zone che, tra tre e cinque millenni fa, furono percorse dall'avanzare e ritirarsi delle maree. Secondo Gurina NN, i pesci nuotavano attraverso l'ingresso e rimanevano intrappolati nei labirinti, il che ne facilitava la cattura da parte degli indigeni.

Un mistero per durare

Qualunque sia la loro vera ragion d'essere, millenni dopo, i labirinti del Bolshoi Zayatsky, delle Isole Solovetsky e del nord Europa pre-artico in generale continuano a sedurre viaggiatori e scienziati desiderosi di risolvere l'enigma.

Diversi pubblicano lavori e mantengono blog dedicati all'argomento, alcuni ricchi di schemi grafici e analisi e formule geometriche. In ogni caso, queste opere e questi blog sono fonti di conoscenza tanto ermetiche quanto i labirinti che ricoprono. E generano accesi dibattiti.

Abbiamo invertito la direzione sulla passerella e siamo tornati nelle immediate vicinanze della chiesa. L'antico tempio fu costruito anche lì come forma di affermazione cristiana contro le credenze pagane che i popoli ancestrali si erano diffusi nel Bolshoi Zayatsky e in tutta la regione.

È stato così punito dal clima rigido di queste parti della Russia che è fragile. Anche così, la guida ci apre la porta in modo che tutti, religiosamente tutti, possano sbirciare dentro.

Barca Pechak, Bolshoi Zayatski, Isole Solovetsky, Russia

La barca Pechak attende il ritorno dei visitatori dal Bolshoi Zayatski.

Attraverso una finestra del tempio presto appannata, abbiamo notato che l'equipaggio del "pechak” già raccolto le cime che tenevano la nave. Poco dopo, salpiamo da Bolshoi Zayatsky verso L'isola di Soloveckij, anche la padrona dei suoi segreti.

 

A TAP www.flytap.com vola da Lisbona a Mosca il lunedì, martedì, giovedì, venerdì e sabato alle 2:3, arrivo alle 5:6. E vola da Mosca a Lisbona il martedì, mercoledì, venerdì, sabato e domenica alle 23:10, con arrivo alle 06:20.

Isole Soloveckie, Russia

L'Isola Madre dell'Arcipelago Gulag

Ospitò uno dei più potenti domini religiosi ortodossi in Russia, ma Lenin e Stalin lo trasformarono in un gulag. Con la caduta dell'URSS, Solotsky ritrova pace e spiritualità.
Novgorod, Russia

La nonna vichinga di Madre Russia

Per quasi tutto il secolo scorso, le autorità dell'URSS hanno omesso parte delle origini del popolo russo. Ma la storia non lascia spazio a dubbi. Molto prima dell'ascesa e della supremazia degli zar e dei soviet, i primi coloni scandinavi fondarono la loro potente nazione a Novgorod.
Rostov Velikij, Russia

Sotto le cupole dell'anima russa

È una delle città medievali più antiche e importanti, fondata durante le origini ancora pagane della nazione degli Zar. Alla fine del XV secolo, inglobato nel Granducato di Mosca, divenne un imponente centro di religiosità ortodossa. Oggi, solo lo splendore del Cremlino Mosca batte quella della tranquilla e pittoresca cittadella di Rostov Velikij.
San Pietroburgo, Russia

Sulle tracce di "Delitto e castigo"

A San Pietroburgo non abbiamo potuto fare a meno di indagare sull'ispirazione dei personaggi vili del romanzo più famoso di Fëdor Dostoevskij: i suoi stessi rimpianti e le miserie di alcuni concittadini.
Suzdal, Russia

A Suzdal, Pepino è celebrato per Pepino

Con l'estate e il clima caldo, la città russa di Suzdal si rilassa dalla sua millenaria ortodossia religiosa. Il centro storico è anche famoso per avere i migliori cetrioli della nazione. Quando arriva luglio, trasforma il appena raccolto in una vera festa.
Suzdal, Russia

Mille anni di Russia antiquata

Era una capitale sontuosa quando Mosca era solo un villaggio rurale. Lungo il percorso perse rilevanza politica ma accumulò la più grande concentrazione di chiese, monasteri e conventi nel paese degli zar. Oggi, sotto le sue innumerevoli cupole, Suzdal è tanto ortodossa quanto monumentale.
San Pietroburgo, Russia

La Russia va controcorrente. segui la marina

La Russia dedica l'ultima domenica di luglio alle sue forze navali. Quel giorno, una folla visita grandi barche ormeggiate nel fiume Neva mentre marinai annegati nell'alcol prendono il controllo della città.
Suzdal, Russia

Secoli di devozione a un devoto monaco

Eutimio era un asceta russo del XIV secolo che si diede anima e corpo a Dio. La sua fede ha ispirato la religiosità di Suzdal. I fedeli della città lo venerano come il santo che è diventato.
San Pietroburgo e Michaylovskoe, Russia

Lo scrittore che ha ceduto alla sua stessa trama

Alexander Pushkin è lodato da molti come il più grande poeta russo e il fondatore della moderna letteratura russa. Ma Pushkin ha anche dettato un epilogo quasi tragicomico alla sua vita prolifica.
Bolshoi Soloveckij, Russia

Una celebrazione dell'autunno russo della vita

Ai margini dell'Oceano Artico, a metà settembre, il fogliame boreale risplende d'oro. Accolti da generosi ciceroni, lodiamo i nuovi tempi umani della grande isola di Solovetsky, famosa per aver ospitato il primo dei campi di prigionia dei Gulag sovietici.
Mosca, Russia

La Fortezza Suprema della Russia

Molti furono i cremlini costruiti, nel tempo, nella vastità del paese degli zar. Nessuno spicca, monumentale come quello della capitale Mosca, centro storico di dispotismo e arroganza che, da Ivan il Terribile a Vladimir Putin, nel bene e nel male, ha dettato le sorti della Russia.
Kronstadt, Russia

L'Autunno della Città-Isola Russa di Tutti i Crocevia

Fondata da Pietro il Grande, divenne il porto e la base navale a protezione di San Pietroburgo e della Grande Russia settentrionale. Nel marzo 1921 si ribellò ai bolscevichi che aveva sostenuto nella Rivoluzione d'Ottobre. In questo ottobre che stiamo attraversando, Kronstadt è ancora una volta ricoperta dello stesso esuberante giallo dell'incertezza.
Parco Nazionale di Amboseli, Monte Kilimangiaro, Collina di Normatior
Safari
P.N. Amboseli, Kenia

Un regalo del Kilimangiaro

Il primo europeo ad avventurarsi in queste terre Masai rimase sbalordito da ciò che trovò. E ancora oggi grandi branchi di elefanti e altri erbivori vagano alla mercé dei pascoli innevati della più grande montagna africana.
I giovani camminano lungo la strada principale di Chame, Nepal
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 1° - Pokhara a ChameNepal

Finalmente in cammino

Dopo diversi giorni di preparazione a Pokhara, siamo partiti verso l'Himalaya. Il percorso pedonale può essere iniziato solo a Chame, a 2670 metri di altitudine, con le cime innevate della catena montuosa dell'Annapurna già in vista. Fino ad allora, abbiamo completato un preambolo doloroso ma necessario attraverso la sua base subtropicale.
Luderitz, Namibia
Architettura & Design
Luderitz, Namibia

Wilkommen in Africa

Il cancelliere Bismarck ha sempre disprezzato i possedimenti d'oltremare. Contro la sua volontà e contro ogni previsione, nel bel mezzo della Corsa all'Africa, il mercante Adolf Lüderitz costrinse la Germania a conquistare un angolo inospitale del continente. L'omonima città prosperò e conserva uno dei patrimoni più eccentrici dell'impero germanico.
Barche sul ghiaccio, isola di Hailuoto, Finlandia
Aventura
A forma di squalo, Finlândia

Un rifugio nel Golfo di Botnia

Durante l'inverno, l'isola di Hailuoto è collegata al resto della Finlandia dalla strada di ghiaccio più lunga del paese. La maggior parte dei suoi 986 abitanti apprezza soprattutto la distanza che l'isola concede loro.
4 luglio Fireworks-Seward, Alaska, Stati Uniti
Cerimonie e Feste
Seward, Alaska

Il 4 luglio più lungo

L'indipendenza degli Stati Uniti viene celebrata a Seward, in Alaska, in modo modesto. Anche così, il 4 luglio e la sua celebrazione sembrano non avere fine.
Tequila, città di Jalisco, Messico, Jima
Città
Tequila, JaliscoMessico

Tequila: la distillazione del Ovest de Messico che Anima il Mondo

Disillusi dalla mancanza di vino e brandy, i conquistadores del Messico migliorarono la millenaria attitudine indigena alla produzione di alcolici. Nel XNUMX° secolo, gli spagnoli furono soddisfatti del loro pinga e iniziarono ad esportarlo. Da Tequila, il persone, oggi, centro di una regione delimitata. E il nome per cui è diventato famoso.
Distributori di bevande, Giappone
cibo
Giappone

L'impero delle macchine per bevande

Ci sono più di 5 milioni di scatole luminose ultra-tecnologiche sparse in tutto il paese e molte altre lattine e bottiglie esuberanti di bevande invitanti. I giapponesi hanno smesso da tempo di resistergli.
Equitazione nei toni dell'oro
Cultura
El Calafate, Argentina

I Nuovi Gaucho della Patagonia

Intorno a El Calafate, al posto dei soliti pastori a cavallo, incontriamo allevatori equestri gauchos e altri che esibiscono, per la gioia dei visitatori, la vita tradizionale della pampa dorata.
Spettatore, Melbourne Cricket Ground-Regole di calcio, Melbourne, Australia
sportivo
Melbourne, Australia

Calcio dove gli australiani regolano le regole

Sebbene praticato dal 1841, il football australiano conquistò solo una parte della grande isola. L'internazionalizzazione non è mai andata oltre la carta, frenata dalla concorrenza del rugby e del calcio classico.
Sale molto grosso
In viaggio
Salta e Jujuy, Argentina

Attraverso le Highlands dell'Argentina Deep

Un tour delle province di Salta e Jujuy ci porta alla scoperta di un paese senza segni di pampa. Immerse nella vastità andina, anche queste estremità dell'Argentina nord-occidentale furono perse nel tempo.
Da questa parte dell'Atlantico
Etnico

Isola di Goreia, Senegal

Un'isola schiava della schiavitù

Erano diversi milioni o solo migliaia di schiavi di passaggio da Gorea diretti alle Americhe? Qualunque sia la verità, questa minuscola isola senegalese non si libererà mai dal giogo del suo simbolismo.

Portfolio, Got2Globe, migliori immagini, fotografia, immagini, Cleopatra, Dioscorides, Delos, Grecia
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il Mondano e il Celeste

piccolo soggetto
Storia

Hampi, India

Alla Scoperta dell'Antico Regno de Bisnaga

Nel 1565, l'impero indù di Vijayanagar soccombette agli attacchi nemici. 45 anni prima era già stata vittima della portoghesi del suo nome da parte di due avventurieri portoghesi che lo rivelarono all'Occidente.

Stormo di pellicani marroni che osservano il cibo
Isole
Islamorada, Florida Keys, Stati Uniti

Il villaggio della Florida fatto di isole

Gli scopritori spagnoli la chiamarono Isola Viola, ma i toni predominanti sono quelli di innumerevoli barriere coralline in un mare poco profondo. Confinato ai suoi cinque anni Tasti, Islamorada resta pacifica, in un'alternativa a metà strada tra Miami e Key West, le città della Florida che la prodigiosa Overseas Highway collega da tempo.
Corsa di renne, Kings Cup, Inari, Finlandia
bianco inverno
Inari, Finlândia

La corsa più pazza in cima al mondo

I lapponi finlandesi gareggiano con le loro renne da secoli. Nella finale della Kings Cup - Porokuninkuusajot - si affrontano a grande velocità, ben al di sopra del Circolo Polare Artico e ben sotto lo zero.
Visitatori della casa di Ernest Hemingway, Key West, Florida, Stati Uniti
Letteratura
Key West, Stati Uniti

Parco giochi caraibico di Hemingway

Espansivo come sempre, Ernest Hemingway ha definito Key West "il posto migliore in cui sia mai stato...". Nelle profondità tropicali degli Stati Uniti contigui, ha trovato l'evasione e un divertimento folle e ubriaco. E l'ispirazione per scrivere con intensità da abbinare.
Statue di elefanti dal fiume Li, la collina della proboscide dell'elefante, Guilin, Cina
Natura
Guilin, Cina

La porta del regno di pietra cinese

L'immensità delle aspre colline calcaree che lo circondano è così maestosa che le autorità di Pechino stampalo sul retro di banconote da 20 yuan. Chi lo esplora passa quasi sempre per Guilin. E anche se questa città nella provincia del Guangxi è diversa dalla natura esuberante che la circonda, abbiamo anche trovato il suo fascino.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
cadere
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Merida a Los Nevados sul confine delle Ande, Venezuela
Parchi Naturali
Merida, Venezuela

Mérida a Los Nevados: nei confini andini del Venezuela

Negli anni '40 e '50, il Venezuela attirò 400 portoghesi, ma solo la metà rimase a Caracas. A Mérida troviamo luoghi più simili alle origini e all'eccentrica gelateria di un portoportista immigrato.
Escursione solitaria, deserto del Namib, Sossusvlei, Namibia, acacia alla base delle dune
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Sossusvlei, Namibia

Il vicolo cieco di Sossusvlei Namib

Quando scorre, l'effimero fiume Tsauchab serpeggia per 150 km dalle montagne di Naukluft. Arrivato a Sossusvlei, si perde in un mare di montagne di sabbia in lizza per il cielo. I nativi e i coloni la chiamavano la palude del non ritorno. Chiunque scopra questi luoghi improbabili in Namibia pensa sempre a tornare.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
personaggi
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Bagnante, The Baths, Parco Nazionale di Devil's Bay (The Baths), Virgin Gorda, Isole Vergini Britanniche
Spiagge
Virgin Gorda, Ilhas Virgens Britânica

I “Caraibi” divini di Virgin Gorda

Alla scoperta delle Isole Vergini, sbarchiamo su un seducente mare tropicale punteggiato da enormi rocce granitiche. I bagni sembrano usciti dal Seychelles ma sono uno degli ambienti marini più esuberanti dei Caraibi.
Aurora illumina la Pisang Valley, Nepal.
Religione
Circuito dell'Annapurna: 3°- Upper Pisang, Nepal

Un'inaspettata alba nevosa

Ai primi accenni di luce, la vista del manto bianco che aveva ricoperto durante la notte il paese ci abbaglia. Con una delle escursioni più dure sul circuito dell'Annapurna in vista, abbiamo posticipato la partenza il più a lungo possibile. Infastiditi, abbiamo lasciato Upper Pisang per Ngawal quando l'ultima neve se n'era andata.
White pass yukon train, Skagway, Gold route, Alaska, USA
Veicoli Ferroviari
Skagway, Alaska

Una variante della corsa all'oro nel Klondike

L'ultima grande corsa all'oro americana è ormai lontana. Oggi, centinaia di navi da crociera riversano ogni estate migliaia di visitatori benestanti nelle strade piene di negozi di Skagway.
Mercato del pesce di Tsukiji, tokyo, giappone
Società
Tokyo, Giappone

Il mercato del pesce che ha perso freschezza

In un anno, ogni giapponese mangia più del suo peso di pesce e crostacei. Dal 1935 una parte considerevole è stata lavorata e venduta nel più grande mercato ittico del mondo. Tsukiji è stato terminato nell'ottobre 2018 e sostituito da Toyosu's.
il proiezionista
Vita quotidiana
Sainte-Luce, Martinique

Un sano proiezionista

Dal 1954 al 1983 Gérard Pierre ha proiettato molti dei famosi film che sono arrivati ​​in Martinica. A 30 anni dalla chiusura della stanza dove lavorava, era ancora difficile per questo nativo nostalgico cambiare bobina.
avanti e indietro fluviale
Animali selvatici
Iriomote, Giappone

Iriomote, una piccola amazzone del Giappone tropicale

Le foreste pluviali e le impenetrabili mangrovie riempiono Iriomote sotto il clima di una pentola a pressione. Qui, i visitatori stranieri sono rari come il yamaneko, un'inafferrabile lince endemica.
Napali Coast e Waimea Canyon, Kauai, rughe hawaiane
Voli panoramici
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.