Copper Canyon, Chihuahua, Messico

Il profondo Messico delle Barrancas del Cobre


Donna Raramuri
L'artigiano Rarámuri crea nuovi pezzi in una pineta vicino alla casa della grotta Dª Catalina.
Barrancas su Barrancas
Caratteristiche geologiche delle vaste Barrancas del Cobre.
cuccioli
I cuccioli di Rarámuri giocano con i cuccioli di cane.
cactus
v
famiglia Raramuri
v
cresta geologica
Più ritagli geologici, modellati da una forte erosione.
Madre e figlia
Due generazioni di artigiani Rarámuri, vicino alla stazione più profonda della funivia Barrancas del Cobre.
la funivia
La cabina della funivia sale in cima alla Barranca del Cobre.
BTT
Moto fuoristrada contro la vastità della pineta, in cima alla Barranca del Cobre.
Arbusto sulla Piedra Volada
Il cespuglio spinoso resiste, in equilibrio, aggrappandosi alla famosa Piedra Volada.
zip rider
Un avventuriero prende la Zip Rider, la lunga zip line da Barranca del Cobre.
Tramonto sui Barrancas
Il sole tramonta a ovest e dipinge la parte superiore delle Barrancas de Cobre con toni più caldi.
Raramuri Occupato
La guida Rarámuri, vestita a festa, attraversa l'Hotel del Mirador.
Senza preavviso, gli altopiani del Chihuahua lasciano il posto a infiniti burroni. Sessanta milioni di anni geologici li hanno scavati e li hanno resi inospitali. Gli indigeni Rarámuri continuano a chiamarli a casa.

"Questo è nulla!" Pedro Palma ci assicura. “Venite qui a luglio o agosto e quasi infornate.

Raggiungono i 40º quassù, a 2400 metri di altitudine. Immaginate laggiù, a 400 metri in cui scorre l'Urique, schiacciato dagli anfratti”.

Peter sapeva di cosa stava parlando. Aveva già condotto spedizioni di molti giorni lungo questo fiume. Lungo le rive e, all'occorrenza, galleggiando nelle sue calde acque.

Nel caso della guida, il collegamento con le Barrancas del Cobre è stata un'avventura temporanea.

Barrancas del Cobre: ​​​​l'immenso Canyon della Sierra de Tarahumara e il popolo Rarámuri

Per quanto estremo e accidentato si sia rivelato, quel dominio di 65.000 km2 Soluzioni   è molto più largo del vicino Il Grand Canyon dell'Arizona e che il Fish River Canyon dalla punta meridionale della Namibia.

Sei fiumi lo hanno scavato e almeno 60 milioni di anni di vulcanismo, con attività tettonica ed erosione meno drastica, fu abitato per lungo tempo.

Quando i conquistatori e i coloni spagnoli arrivarono da queste parti, nel XVII secolo, incontrarono gli indigeni Rarámuri sparsi nelle terre dell'attuale stato di Chihuahua.

Barrancas del Cobre, ChihuahuaErano chiamati Tarahumara, dal termine che gli indigeni usavano per definire i loro uomini.

Anni dopo, come desideravano, scoprirono l'argento. Mentre soggiogavano gli indiani, li costrinsero a scavare a proprio vantaggio. I tentativi di liberare gli indigeni si scontrarono con la superiorità bellicosa degli europei.

Di conseguenza, i Tarahumara si ritirarono in aree remote e difficili da raggiungere.

Continuano ad accoglierli i Barrancas del Cobre, rifugio impegnativo ma facilmente raggiungibile.

L'artigianato che sostiene la vita dei Rarámuri

Simile a quanto accade a Creel, il principale centro turistico della regione, in altre città e persino a Chihuahua, le donne Rarámuri in particolare si dedicano a vendere agli estranei i colorati oggetti di artigianato che hanno imparato a produrre.

Li vediamo all'ingresso del parco avventura, sopra il belvedere di Piedra Volada.

Li troviamo, nelle loro camicette sgargianti e nelle gonne a sbuffo, a Mesa de Bacajipare, la stazione più profonda della funivia residente, con una vista mozzafiato sulla confluenza di tre delle anfratti, del Cobre, Tararecua e Urique.

Alcune fortunate donne Rarámuri hanno diritto a panche di legno che le legittimano e le proteggono dal sole. Altri installano distributori automatici all'ombra degli alberi o anche su rocce levigate.

Hanno la compagnia di giovani figlie che, stufe della punizione di dover stare lì, si abbandonano a contemplazioni alienate del paesaggio.

Barrancas del Cobre, Chihuahua, madre e figlia Rarámuri

Zipline, Via Ferrata e altri: il mondo delle avventure a Barranca del Cobre

In cima alla scogliera, i volontari successivi si imbarcano sulla linea zip locale, una delle più lunghe al mondo, con 2.545 m di cavo, un viaggio di tre minuti in cui i viaggiatori più pesanti raggiungono i 130 km/h.

Lo Zip Rider, come è stato chiamato, genera urla tanto isteriche quanto durature.

Barrancas del Cobre, Chihuahua, Zip Rider

Li sentiamo quasi fino a quando la persona che li canta scompare nelle profondità del burrone, alcune viscere mesoamericane della Terra che la stagione secca e il caldo di metà mattina hanno offuscato e reso ancora più strano.

In spazi, molto più tranquilli, le cabine della funivia riattraversano il canyon. 3 km in discesa, altri 3 km in salita.

Dal 2010, quando sono stati inaugurati, i Rarámuri hanno il diritto di usarli.

Barrancas del Cobre, Chihuahua, funivia

Tale usufrutto risparmia loro le atroci passeggiate quotidiane, gli intensi esercizi a cui gli indigeni furono obbligati per tutta la vita e che fecero loro casi prodigiosi di sopportazione fisica e atletica.

L'incredibile attitudine atletica del popolo Rarámuri

Con organismi adattati all'altitudine, alla siccità e al freddo atroce dell'inverno, ossigenati dall'aria filtrata dagli innumerevoli pini della Sierra de Tarahumara, energizzati da cibi naturali e nutrienti e abituati a scalare pendii di 500 metri con carichi di 15 o 20 kg, il I Rarámuri sono sempre stati corridori naturali.

Più che corridori, maratoneti paragonabili Kalenjin ou Kenia Masai, anche se con fisionomie diverse e con minor successo e notorietà internazionale.

I Rarámuris condividono un detto che riassume la loro secolare resistenza: “Quien non lo sopporta, nella valle!". Molto prima di partecipare a maratone e ultramaratone, lo stavano già mettendo in pratica nelle proprie competizioni tradizionali.

Barrancas del Cobre, Chihuahua, Rarámuri occupatoRarajípari, ad esempio, si gioca tra squadre maschili di diversi villaggi, di norma, dopo incontri in cui i nativi condividevano tejuino, birra di mais.

Durante un Rarajipari, ogni squadra di corridori jumame, calcia in avanti a kamakali, una palla di 7 o 8 cm di diametro ricavata dalla radice di querce, corbezzoli o altri alberi, la compito.

I partecipanti corrono dietro la palla. Prendila. Lo calciano ancora, spesso, giù per gli anfratti, in un andamento in cui devono impedire l'immobilizzazione della palla che emula il movimento incessante del sole.

In eventi di maggiore rivalità, un Rarajipari può estendersi per 50 o 60 km. Vince la squadra che percorre per prima la distanza combinata.

Le donne, invece, affrontano il melograni, ou gare ariweta, in cui si muovono un anello composto da rami, con un diametro compreso tra 5 e 15 cm.

Dalle corse a Serra Tarahumara alle competizioni mondiali

Forgiati da questo contesto geografico e sociologico, alcuni Rarámuri hanno raggiunto una fama particolare. Dai Giochi Olimpici di Amsterdam (1928) i suoi uomini hanno partecipato a rinomate competizioni.

Hanno trionfato, in diverse occasioni, in maratone messicane e anche internazionali, correndo come si faceva nella Serra de Tarahumara: a piedi nudi o su huarache, calzature con suola in gomma e cinturini in pelle.

Netflix ha recentemente pubblicato il documentario di Juan Carlos Rulfo “Lorena, da Pies Ligeros”. dedicato a Lorena Ramirez. A prima vista, Lorena è solo una donna Rarámuri.

Barrancas del Cobre, Chihuahua, donna Rarámuri

Lorena: il Rarámuri volante

Man mano che il documentario si evolve, rivela come, a 21 anni, senza alcun allenamento regolare o preoccupazione per la sua forma, con una gonna lunga e huarache, Lorena ha concluso la 100 km Caballo Blanco Ultramarathon al secondo posto.

E come, dopo un solo anno, ha trionfato nell'UltraTrail Cerro Rojo, di 50km e nell'Ultramarathon di Los Cañones, di 100km, risultati che gli sono valsi inviti a rinomate competizioni internazionali, come il Tenerife Blue Trail.

Ma torniamo alla vita quotidiana dei Rarámuri e allo sfondo “intermedio” della Mesa de Bacajipare. Laggiù, mentre le commesse suggerivano ai visitatori i loro manufatti, a poco a poco il sole smetteva di tramontare nelle profondità del fiume Urique.

Si è concentrato solo sulla successione di creste e costoni in cui è stato tagliato l'omonimo burrone, lungi dal rappresentare un rilievo significativo della fornace.

Barrancas del Cobre, Chihuahua, cresta

Hotel El Mirador, balconi panoramici

Ritornammo con la funivia al punto di partenza. Dalla cima abbiamo percorso 3.5 km fino all'Hotel Mirador dove avremmo passato la notte. Installato nella stanza, ci siamo resi conto di quanto Mirador avesse l'ostello.

Sia la terrazza adiacente alla sala da pranzo che il balcone della nostra camera si trovavano sulla soglia est dell'hotel e sopra il burrone. Hanno fornito ampie e drammatiche vedute del burrone da un'angolazione diversa rispetto ai punti panoramici del parco avventura.

Il resto del pomeriggio è stato speso in una passeggiata, prima lungo il bordo del burrone, passando davanti a bancarelle più improvvisate con venditori di Rarámuri, seguiti da un gruppo di cani di aspetto e taglia diversi che hanno passato tutto il tempo a litigare e mordere per fingere .

Dalla cima il sentiero segue un pendio curvo, nascosto tra i pini.

Ci porta ai piedi della scogliera, a una colonia di cactus verdi.

Barrancas del Cobre, Chihuahua, Cactus

E un altro, Rarámuri, con case di fortuna addossate alla parete rocciosa, in una versione aggiornata delle grotte e degli anfratti che gli indigeni hanno abitato nel corso dei millenni.

Le case aggiustate per la scogliera dei Rarámuri

In uno di essi un'anziana si prendeva cura di tre bambini.

Una volta stabilito il contatto, i bambini ci rivelano i cuccioli appena nati, esposti come i giocattoli pelosi e dagli occhi grandi di una volta, il tutto accompagnato da un vigoroso ma tenero balbettio in dialetto Rarámuri.

Lasciandoci alle spalle la comunità in fondo alla falesia, abbiamo scalato le “esses” della rampa che riportava all'hotel Mirador. Senza gli attributi polmonari degli indigeni, con le cosce che bruciano e ansimano all'unisono.

Li abbiamo scalati, in una fretta ansiosa, quando ci siamo resi conto che il tramonto si stava svolgendo, in modalità libro da colorare per bambini, che ha fatto rivivere i Barrancas.

Quando abbiamo raggiunto il balcone della camera da letto, il cielo era in fiamme.

I solchi di quella terra messicana erano ramati come non li avevamo mai visti.

Barrancas del Cobre, Chihuahua, tramonto

Dove dormire a Barrancas del Cobre

www.hotelmirador.mx

Tel .: +52 (668) 812 1613

Grand Canyon, EUA

Viaggio attraverso l'abisso del Nord America

Il fiume Colorado e gli affluenti iniziarono a confluire nell'omonimo altopiano 17 milioni di anni fa, esponendo metà del passato geologico della Terra. Hanno anche scolpito una delle sue viscere più sbalorditive.
Fish River Canyon, Namibia

Le budella namibiane dell'Africa

Quando nulla ve lo fa prevedere, un vasto burrone fluviale squarcia l'estremità meridionale del fiume Namibia. Con 160 km di lunghezza, 27 km di larghezza e, negli spazi, 550 metri di profondità, il Fish River Canyon è il Grand Canyon dall'Africa. E uno dei canyon più grandi sulla faccia della terra.
costa napoletana, Havai

Le rughe abbaglianti delle Hawaii

Kauai è l'isola più verde e umida dell'arcipelago hawaiano. È anche il più antico. Mentre esploriamo la sua costa di Napalo via terra, mare e aria, siamo stupiti di vedere come il passare dei millenni l'abbia solo favorita.
Monte Roraima, Venezuela

Viaggia nel tempo nel mondo perduto di Monte Roraima

In cima al Monte Roraima, ci sono scenari extraterrestri che hanno resistito a milioni di anni di erosione. Conan Doyle ha creato, in "The Lost World", una fiction ispirata al luogo ma non è mai riuscito a calpestarla.
Huang Shan, Cina

Huang Shan: Le montagne gialle dei picchi galleggianti

Le cime granitiche delle montagne gialle e fluttuanti di Huang Shan, da cui spuntano i pini acrobati, appaiono in innumerevoli illustrazioni artistiche della Cina. Lo scenario reale, oltre ad essere remoto, rimane più di 200 giorni nascosto sopra le nuvole.
PN Timanfaya, Lanzarote, Isole Canarie

PN Timanfaya e le montagne di fuoco di Lanzarote

Tra il 1730 e il 1736, dal nulla, decine di vulcani a Lanzarote eruttarono in successione. L'enorme quantità di lava che rilasciarono seppellì diversi villaggi e costrinse quasi la metà degli abitanti ad emigrare. L'eredità di questo cataclisma è l'attuale scenario marziano dell'esuberante PN Timanfaya.
Magma Geoparco, Norvegia

Un qualcosa di lunare Norvegia

Se tornassimo ai confini geologici del tempo, troveremmo la Norvegia sudoccidentale piena di enormi montagne e un magma fiammeggiante che i ghiacciai successivi avrebbero plasmato. Gli scienziati hanno scoperto che il minerale predominante è più comune sulla Luna che sulla Terra. Molti degli scenari che abbiamo esplorato nel vasto Magma Geopark della regione sembrano presi dal nostro grande satellite naturale.
Bohol, Filippine

Una Filippine dall'altro mondo

L'arcipelago filippino si estende per oltre 300.000 km² di Oceano Pacifico. Parte del sub-arcipelago delle Visayas, Bohol ospita piccoli primati dall'aspetto alieno e le colline soprannaturali delle Chocolate Hills.
Valle della Morte, EUA

Risorto dal posto più caldo

Dal 1921 Al Aziziyah, in Libia, era considerato il luogo più caldo del pianeta. Ma la controversia intorno al 58° misurato lì fece sì che, 99 anni dopo, il titolo fosse restituito alla Death Valley.
Montagna della Tavola, Sud Africa

Al tavolo di Adamastore

Dai tempi primordiali delle Scoperte fino ai giorni nostri, Table Mountain si è sempre distinta al di sopra dell'immensità sudafricano e gli oceani che lo circondano. Passarono i secoli e Città del Capo sdraiato ai suoi piedi. Sia il capetoniani poiché gli estranei in visita si sono abituati a contemplare, salire e venerare questo imponente e mitico altopiano.

Mal di montagna: non male. Fa schifo!

Quando si viaggia, a volte ci troviamo di fronte alla mancanza di tempo per esplorare un luogo tanto imperdibile quanto elevato. La medicina e le precedenti esperienze con la malattia da altitudine impongono di non rischiare di salire in fretta.
izamal, Messico

La città messicana, Babbo Natale, Bela e Amarela

Fino all'arrivo dei conquistatori spagnoli, Izamal era un centro di culto del supremo dio Maya Itzamná e Kinich Kakmó, il sole. A poco a poco, gli invasori hanno raso al suolo le varie piramidi dei nativi. Al suo posto costruirono un grande convento francescano e una prolifica casa coloniale, con lo stesso tono solare in cui risplende la città ora cattolica.
Campeche, Messico

Campeche A proposito di Can Pech

Come accadde in tutto il Messico, arrivarono, videro e conquistarono i conquistadores. Can Pech, la città Maya, contava quasi 40 abitanti, palazzi, piramidi e un'architettura urbana esuberante, ma nel 1540 sopravvissero meno di 6 indigeni. Sulle rovine gli spagnoli costruirono Campeche, una delle città coloniali più imponenti delle Americhe.
Tulum, Messico

Le rovine Maya più caraibiche

Costruita in riva al mare come un eccezionale avamposto decisivo per la prosperità della nazione Maya, Tulum fu una delle ultime città a soccombere all'occupazione ispanica. Alla fine del XNUMX° secolo, i suoi abitanti l'abbandonarono al tempo ea una costa impeccabile della penisola dello Yucatan.
Merida, Messico

Il più esuberante di Meridas

Nel 25 aC i romani fondarono Emerita Augusta, capitale della Lusitania. L'espansione spagnola ha generato altre tre Mérida nel mondo. Delle quattro, la capitale dello Yucatan è la più colorata e vivace, risplendente dell'eredità coloniale ispanica e della vita multietnica.
Coba a Pac Chen, Messico

Dalle rovine ai Lares Maya

Nella penisola dello Yucatan, la storia del secondo popolo indigeno messicano più grande si intreccia con la loro vita quotidiana e si fonde con la modernità. A Cobá siamo passati dalla cima di una delle sue antiche piramidi al cuore di un villaggio dei nostri tempi.
San Cristobal de Las Casas, Messico

La dolce casa della coscienza sociale messicana

Maya, di razza mista e ispanica, zapatista e turistica, rurale e cosmopolita, San Cristobal ha le mani piene. In esso, i visitatori zaino in spalla e gli attivisti politici messicani ed espatriati condividono la stessa richiesta ideologica.
Campeche, Messico

Un Bingo così divertente che giochi con le bambole

Il venerdì sera, un gruppo di signore occupa i tavoli del Parque Independencia e scommette sulle sciocchezze. I piccoli premi escono in combinazioni di gatti, cuori, comete, maracas e altre icone.

Città del Messico, Messico

anima messicana

Con oltre 20 milioni di abitanti in una vasta area metropolitana, questa megalopoli segna, dal suo nucleo zocalo, il polso spirituale di una nazione da sempre vulnerabile e drammatica.

Champoton, Messico

Rodeo sotto i sombreri

Champoton, a Campeche, ospita una fiera in onore della Virgén de La Concepción. o rodeo Il messicano sotto i sombreri locali rivela l'eleganza e l'esperienza dei cowboy della regione.
ippopotami, parco nazionale di chobe, botswana
Safari
PN Chobe, Botswana

Chobe: un fiume al confine tra vita e morte

Chobe segna il divario tra il Botswana e tre dei suoi paesi vicini, Zambia, Zimbabwe e Namibia. Ma il suo letto capriccioso ha una funzione molto più cruciale di questa delimitazione politica.
Thorong La, Circuito dell'Annapurna, Nepal, foto per i posteri
Annapurna (circuito)
Circuito dell'Annapurna: 13 - High Camp a Thorong La a Muktinath, Nepal

Al culmine del circuito dell'Annapurnas

A 5416 m di altitudine, il Thorong La Gorge è la grande sfida e la principale causa di ansia dell'itinerario. Dopo aver ucciso 2014 alpinisti nell'ottobre 29, attraversarlo in sicurezza genera un sollievo degno di doppia celebrazione.
Statua della Madre Armenia, Yerevan, Armenia
Architettura & Design
Yerevan, Armenia

Una Capitale tra Oriente e Occidente

Erede della civiltà sovietica, allineato con i grandi Russia, l'Armenia è sedotta dai modi più democratici e sofisticati dell'Europa occidentale. Negli ultimi tempi i due mondi si sono scontrati per le strade della tua capitale. Dalla disputa popolare e politica, Yerevan detterà il nuovo corso della nazione.
Totem, villaggio di Botko, Malekula, Vanuatu
Aventura
Malekula, Vanuatu

Cannibalismo di carne e ossa

Fino all'inizio del XX secolo, i mangiatori di uomini banchettavano ancora nell'arcipelago di Vanuatu. Nel villaggio di Botko scopriamo perché i coloni europei avevano così paura dell'isola di Malekula.
Percorso in conflitto
Cerimonie e Feste
Gerusalemme, Israele

Per le strade deliziose della Via Dolorosa

A Gerusalemme, percorrendo la Via Dolorosa, i credenti più sensibili si rendono conto di quanto sia difficile raggiungere la pace del Signore nei vicoli più contesi della faccia della terra.
Città del Capo, Sudafrica, Nelson Mandela
Città
Città del Capo, Sud Africa

Alla Fine e al Capo

La traversata di Cabo das Tormentas, guidata da Bartolomeu Dias, ha trasformato questa punta quasi meridionale dell'Africa in una scala inevitabile. E, nel tempo, a Città del Capo, uno dei punti di incontro di civiltà e città monumentali sulla faccia della Terra.
Il focan di Lola, cibo ricco, Costa Rica, Guapiles
cibo
Il Fogon di Lola, Costa Rica

Il gusto della Costa Rica a El Fogón de Lola

Come suggerisce il nome, Fogón de Lola de Guapiles serve piatti preparati sui fornelli e al forno, secondo la tradizione della famiglia costaricana. In particolare, la famiglia di zia Lola.
I musicisti di Karanga si uniscono alle rovine del Grande Zimbabwe, Zimbabwe
Cultura
Grande ZimbabweZimbabwe

Grande Zimbabwe, Piccola Danza Bira

I nativi Karanga del villaggio di KwaNemamwa mostrano le tradizionali danze Bira ai visitatori privilegiati delle rovine del Grande Zimbabwe. Il luogo più iconico dello Zimbabwe, quella che, dopo la proclamazione dell'indipendenza della Rhodesia coloniale, ispirò il nome della nuova e problematica nazione.  
arbitro di combattimento, combattimento di galli, filippine
sportivo
Filippine

Quando solo i combattimenti di galli risvegliano le Filippine

Banditi in gran parte del Primo Mondo, i combattimenti di galli prosperano nelle Filippine dove spostano milioni di persone e pesos. Nonostante i suoi problemi eterni è il Sabong che più stimola la nazione.
Aurora illumina la Pisang Valley, Nepal.
In viaggio
Circuito dell'Annapurna: 3°- Upper Pisang, Nepal

Un'inaspettata alba nevosa

Ai primi accenni di luce, la vista del manto bianco che aveva ricoperto durante la notte il paese ci abbaglia. Con una delle escursioni più dure sul circuito dell'Annapurna in vista, abbiamo posticipato la partenza il più a lungo possibile. Infastiditi, abbiamo lasciato Upper Pisang per Ngawal quando l'ultima neve se n'era andata.
Donne con i capelli lunghi di Huang Luo, Guangxi, Cina
Etnico
Longsheng, Cina

Huang Luo: il villaggio cinese dai capelli più lunghi

In una regione multietnica ricoperta di risaie terrazzate, le donne di Huang Luo si sono arrese alla stessa ossessione capillare. Consentono ai capelli più lunghi del mondo di crescere, per anni, fino a una lunghezza media di 170-200 cm. Per quanto strano possa sembrare, per mantenerli belli e lucenti, usano solo acqua e riso.
portfolio, Got2Globe, Fotografia di viaggio, immagini, migliori fotografie, foto di viaggio, mondo, Terra
Portfolio fotografico Got2Globe
Portafoglio Got2Globe

Il migliore al mondo: il portfolio Got2Globe

Figura a Praia do Curral, Ilhabela, Brasile
Storia
Ilhabela, Brasile

Ilhabela: Dopo l'orrore, la bellezza atlantica

Il novanta per cento della foresta atlantica preservata, cascate idilliache e spiagge dolci e selvagge sono all'altezza del suo nome. Ma, se andiamo indietro nel tempo, sveliamo anche l'orribile aspetto storico di Ilhabela.
Vivace autobus ad Apia, nelle Samoa occidentali
Isole
Samoa  

Alla ricerca del tempo perduto

Per 121 anni è stata l'ultima nazione sulla Terra a cambiare giorno. Ma Samoa si rese conto che le sue finanze erano in ritardo e, alla fine del 2012, decise di trasferirsi a ovest sulla LID - International Date Line.
Era Susi trainato da cane, Oulanka, Finlandia
bianco inverno
P.N. Oulanka, Finlândia

Un piccolo lupo solitario

Jukka "Era-Susi" Nordman ha creato uno dei più grandi branchi di cani da slitta al mondo. È diventato uno dei personaggi più iconici della Finlandia, ma rimane fedele al suo soprannome: Wilderness Wolf.
Coppia in visita a Mikhaylovskoe, il villaggio dove lo scrittore Alexander Pushkin aveva una casa
Letteratura
San Pietroburgo e Michaylovskoe, Russia

Lo scrittore che ha ceduto alla sua stessa trama

Alexander Pushkin è lodato da molti come il più grande poeta russo e il fondatore della moderna letteratura russa. Ma Pushkin ha anche dettato un epilogo quasi tragicomico alla sua vita prolifica.
Dodici Apostoli, Great Ocean Road, Victoria, Australia
Natura
Grande Strada dell'Oceano, Australia

Ocean Out, attraverso il Greater South Australia

Una meta preferita dai residenti dello stato australiano del Victoria, la rotta B100 svela una costa sublime modellata dall'oceano. Ci sono voluti solo pochi chilometri per capire perché si chiamava The Great Ocean Road.
Sheki, Autunno nel Caucaso, Azerbaigian, Case d'autunno
cadere
Sheki, Azerbaijan

autunno nel Caucaso

Persa tra le montagne innevate che separano l'Europa dall'Asia, Sheki è una delle città più iconiche dell'Azerbaigian. La sua storia in gran parte setosa comprende periodi di grande ruvidità. Quando abbiamo visitato, i toni pastello dell'autunno hanno aggiunto colore a una peculiare vita post-sovietica e musulmana.
Mandria a Manang, circuito dell'Annapurna, Nepal
Parchi Naturali
Circuito dell'Annapurna: 8° Manang, Nepal

Manang: l'ultimo acclimatamento nella civiltà

Sei giorni dopo aver lasciato Besisahar siamo finalmente arrivati ​​a Manang (3519 m). Situata ai piedi dei monti Annapurna III e Gangapurna, Manang è la civiltà che coccola e prepara gli escursionisti alla sempre temuta traversata del Thorong La Gorge (5416 m).
Torres del Paine, drammatica Patagonia, Cile
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
PN Torres del Paine, Cile

Il più drammatico della Patagonia

In nessun altro luogo le zone meridionali del Sud America sono così mozzafiato come nella catena montuosa del Paine. Lì, un forte naturale di colosso granitico circondato da laghi e ghiacciai si protende dal pampas e si sottomette ai capricci del tempo e della luce.
In kimono con ascensore, Osaka, Giappone
personaggi
Osaka, Giappone

Alla compagnia di Mayu

La notte giapponese è un affare multimiliardario. Ad Osaka, un'enigmatica hostess che fa couchsurfing ci accoglie, a metà strada tra la geisha e l'escort di lusso.
La Repubblica Dominicana Balneario de Barahona, Balneario Los Patos
Spiagge
Barahona, Repubblica Dominicana

Repubblica Dominicana Fare il bagno a Barahona

Sabato dopo sabato, l'angolo sud-ovest della Repubblica Dominicana entra in modalità di decompressione. A poco a poco, le sue seducenti spiagge e lagune accolgono una marea di persone euforiche che si arrendono a un peculiare partito anfibio.
Casario, città alta, Fianarantsoa, ​​​​Madagascar
Religione
Fianarantsoa, Madagascar

La città malgascia della buona educazione

Fianarantsoa fu fondata nel 1831 da Ranavalona Iª, regina dell'allora predominante etnia Merina. Ranavalona I è stato visto dai contemporanei europei come isolazionista, tirannico e crudele. A parte la reputazione del monarca, quando entriamo, la sua antica capitale meridionale rimane il centro accademico, intellettuale e religioso del Madagascar.
Una storia di trenino
Veicoli Ferroviari
Siliguri a Darjeeling, India

Il trenino himalayano funziona ancora seriamente

Né la forte pendenza di alcuni tratti né la modernità lo fermano. Da Siliguri, alle pendici tropicali della grande catena montuosa asiatica, a Darjeeling, con le sue cime in vista, il più famoso dei trenini indiani regala, giorno dopo giorno, un arduo viaggio da sogno. Percorrendo la zona, ci imbarchiamo e ci lasciamo incantare.
Isola di Sentosa, Singapore, Famiglia sulla spiaggia artificiale di Sentosa
Società
Sentosa, Singapore

L'evasione e il divertimento di Singapore

Era una roccaforte in cui i giapponesi uccisero prigionieri alleati e ospitarono truppe che inseguivano sabotatori indonesiani. Oggi l'isola di Sentosa combatte la monotonia che si è impadronita del paese.
Commercianti di frutta, Swarm, Mozambico
Vita quotidiana
Enxame, Mozambico

Area di servizio in stile mozambicano

Si ripete in quasi tutte le tappe nei paesi di Mozambico degno di apparire sulle mappe. o tubo tubolare (autobus) si ferma ed è circondato da una folla di impazienti uomini d'affari. I prodotti offerti possono essere universali, come acqua o biscotti, oppure tipici della zona. In questa regione, a pochi chilometri da Nampula, le vendite di frutta sono state successive, sempre piuttosto intense.
avanti e indietro fluviale
Animali selvatici
Iriomote, Giappone

Iriomote, una piccola amazzone del Giappone tropicale

Le foreste pluviali e le impenetrabili mangrovie riempiono Iriomote sotto il clima di una pentola a pressione. Qui, i visitatori stranieri sono rari come il yamaneko, un'inafferrabile lince endemica.
Mushing completo del cane
Voli panoramici
Seward, Alaska

Mushing estivo dell'Alaska

Sono quasi 30º ei ghiacciai si stanno sciogliendo. In Alaska, gli imprenditori hanno poco tempo per arricchirsi. Fino alla fine di agosto, il cane mushing non può fermarsi.